21
set 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

394

PUNTO DI MATURITA’

Premetto che la partita non mi è piaciuta ma questo conta meno di zero. Il punto conquistato dal Chievo è davvero importante: la squadra ha mostrato maturità e onestamente pensavo che dopo il gol subito non la rimettesse in piedi. Bene così, perchè pareggiare a Marassi non è semplice e il Genoa in casa vende sempre cara la pelle.

E’ mancato Birsa e quando lui non gira tutto l’attacco fatica. Il sistema con una sola punta garantirà più equilibrio e stabililtà ma non mi convince: il Chievo dimostra di essere decisamente più pericoloso e incisivo con i due attaccanti e l’ingresso di Pellissier ha dato vivacità. Anche Garritano è entrato con il piglio giusto e sarei curioso di vederlo per qualche minuto di più nelle prossime partite.

Se dobbiamo fare un bilancio di queste prime cinque giornate possiamo dire che il Chievo è in linea: manca il punto casalingo contro la Lazio che i gialloblù avrebbero meritato ma la classifica evidenzia un avvio di stagione nella media. Che sarebbe stato più difficile il presidente l’aveva preventivato: per questo pareggi così vengono sempre applauditi. “Un punto è sempre meglio di zero” ripete Campedelli fino alla noia e prova a mettercelo in testa a tutti anche se da osservatori esterni non sempre possiamo apprezzare. Il Chievo ha il suo marchio di fabbrica e lo porta avanti: va dato atto che la squadra di Maran ha provato anche a vincere nel finale e le occasioni non sono mancate. Adesso sotto con il Cagliari: altro appuntamento da sfruttare al meglio.

17
set 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 20 Commenti
VISUALIZZAZIONI

863

IMPAURITI… E PERCHE’?

Mi aspettavo di più, sinceramente. Mi aspettavo un Chievo più battagliero, più caraggioso, più intraprendente. Invece ho visto parecchia paura: non mi è piaciuta la partita dei gialloblù che sono rimasti a galla grazie anche a un ottimo Sorrentino. Dicevo solo la settimana scorsa che la squadra nonostante il 3-0 a Torino aveva fatto bene, giocando spensierata e con disinvoltura. Stavolta no: i passi indietro rispetto alla gara con la Juve sono stati evidenti ed è un peccato. Se guardiamo le occasioni il pari sta senz’altro stretto all’Atalanta che ha giocato a viso aperto cercando fino alla fine il successo.

Dopo il gol di Bastien il Chievo ha badato solo a difendersi, in area piovevano cross a raffica e Inglese non riusciva a gestire un pallone. Troppo isolato l’attaccante gialloblù per poter reggere da solo il peso del reparto: troppo poco hanno fatto i centrocampisti per supportarlo a dovere. Non mi sta entusiasmando questo avvio di stagione di Castro, Hetemaj ha sbagliato tantissimo, Radovanovic non ha giocato con la personalità di Torino. Situazioni che paghi alla lunga se tre elementi così importanti non sono al meglio.

In ogni caso portare a casa il punto è stata la cosa migliore della giornata: l’Atalanta è più forte del Chievo e dunque un passetto avanti in classifica non guasta. Certamente, penso conveniate con me, vorrei già da Genova vedere lo stesso spirito propositivo che ha spesso contraddistinto la gestione di Maran: solo così si potrà mettere da parte punti già determinanti. In questi anni è stata la chiave del successo dei gialloblù…

10
set 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

944

MENTALITA’ GIUSTA, PASSIVO ESAGERATO

Un passivo esagerato che non ci sta mai ma con le grandi squadre funziona così. Bastano un paio di situazioni per chiudere la partita e dopo recuperare diventa praticamente impossibile. Il Chievo ha giocato con grandissima personalità mettendo alle corde la Juventus per lunghi tratti della partita e addirittura costringendo i bianconeri a difendere l’1-0 a inizio ripresa. Fosse arrivato il pari nessuno avrebbe potuto gridare allo scandalo, poi, l’ingresso di Dybala ha spostato gli equilibri e lì la partita è finita. Il 2-0 ha chiuso i giochi nonostante i gialloblù abbiano sfiorato più volte il gol.

Ho apprezzato molto Maran che ha dato seguito a quanto detto in conferenza stampa pre-gara. “Non snaturiamo il nostro modo di essere” e così infatti è stato. Ho visto un Chievo aggredire alto, altissimo, praticamente all’altezza dell’area di rigore: una cosa non proprio da tutti allo Stadium considerata la caratura dell’avversario. Mi sono piaciuti molto Cacciatore e Gobbi, Radovanovic ha fatto una gara sontuosa mentre stavolta non posso promuovere Castro e Hetemaj.

Ritengo che il Chievo al di là del 3-0 torni a Verona con delle certezze: giocare con tale agonismo contro la Juve dà l’idea di come la squadra intenda affrontare tutti alla stessa maniera. E con questa mentalità senz’altro arriveranno tante soddisfazioni…

01
set 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.573

“I COLPI SI FANNO QUANDO SI VENDE”

Ancora una volta l’ovazione per il mercato la merita il Chievo. Era accaduto a Gennaio di qualche anno fa per la cessione di Paloschi, non può non accadere oggi per quella di Inglese. Campedelli, Romairone e, permettete, anche Maran hanno fatto un autentico capolavoro: “I colpi si fanno quando si vende” mi ha ammonito qualcuno nelle ultime frenetiche ore di calciomercato. Detto fatto ecco la grande operazione che consente al Chievo di mettere a segno una plusvalenza magnifica. Inglese ceduto al Napoli per 12 milioni più bonus resterà in gialloblù fino a fine anno: praticamente una magia se pensiamo che fino a due anni fa l’attaccante era semplicemente di passaggio dalle parti di San Zeno Di Montagna. Giusto il tempo di arrivare, sistemare la valigia e ripartire. Dicevamo dei meriti: Maran sicuramente merita un applauso enorme perché ha saputo valorizzare un ragazzo poco considerato e trarne il meglio. La società poi conferma ancora una volta lungimiranza e attenzione perché piazzare oggi a queste cifre un giocatore non è facile: Inglese è costato zero e va via a 12… applausi a scena aperta. Così si dà futuro, così si costruisce.

Detto questo poi prendi la Gazzetta e guardi i voti del mercato: Chievo 5. Ma stiamo scherzando? Ma veramente? Solo questa operazione era da 7 e addirittura ti ritrovi con voto insufficiente. Assurdo. Ricordo che il Chievo ha acquistato anche Tomovic dalla Fiorentina (quasi sempre titolare) e che potrà contare sull’apporto di giovani interessanti quali Gaudino, Garritano, Pucciarelli. Poi ha trattenuto Birsa, ha rivitalizzato Hetemaj, non ha mai discusso sulla permanenza di Radovanovic. Grazie a Dio la società non si fa abbagliare da questi voti casuali e continua a lavorare in maniera attenta e mirata. Alla prossima plusvalenza quindi: non è finita qui. La filosofia del Chievo, basso profilo ma competenza alle stelle, non ha certo bisogno dell’approvazione.

27
ago 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

923

BEFFATI

Il Chievo perde in maniera immeritata… Vero, verissimo. Ma questo è il calcio, questa è la Serie A. Intendiamoci: la Lazio ha avuto le sue occasioni ma francamente nel primo tempo ha tirato in porta solo sul gol (accidenti Sorreeee) e poi anche nella ripresa la squadra di Maran è stata maggiormente pericolosa. Certo, stiamo parlando di una formazione di qualità pertanto la sconfitta ci può stare. Il rammarico grande è non aver conquistato un punto assolutamente meritato.

Mi è piaciuto come il Chievo ha reagito dopo il gol subito: non è stato brillante l’approccio come a Udine ma subire una rete e rimettersi subito in carreggiata evidenzia personalità e carattere. Certo qualcosa in più mi aspettavo da Castro, le sue fiammate sono mancate e anche Birsa non ha brillato. Bene Inglese, in crescita Pucciarelli che potrà dire senz’altro la sua.

Mi sento di dire che oggi qualcosa come alternativa davanti manca: si sta aspettando il rientro di Meggiorini ma una soluzione incisiva dalla panchina a mio parere occorre per non farsi trovare scoperti. Il campionato è lungo, le insidie sono tante. Confido che in questi ultimi giorni di mercato qualche cosa di positivo possa davvero accadere.

21
ago 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 10 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.245

NON E’ FRUTTO DEL CASO

La storia si ripete ancora una volta. E non sono sempre fatalità. Il Chievo ha vinto con grande merito a Udine dimostrando una solidità e permettetemi, anche una buonissima qualità, al cospetto di una squadra sempre pericolosa. Magari l’Udinese non farà un torneo di vertice (la difesa traballa parecchio, il portiere Scuffet è un lontano parente di quello che doveva diventare l’erede di Buffon) ma è comunque una formazione difficile da affrontare, dinamica e con tante soluzioni.

Di fronte però c’era un Chievo brillante (Maran chiedeva questo dopo la gara di Coppa Italia contro l’Ascoli) che ha giocato a memoria sbagliando poco o nulla, ha accelerato quando serviva e gestito la gara a seconda delle necessità. Ho visto Sorrentino parare il pallone decisivo a due minuti dalla fine: i due centrali, Dainelli in particolare, troneggiare in difesa e mostrare una condizione atletica da ventenne. Ho visto Hetemaj tornato sui suoi standard, lottare, correre come un pazzo e pressare ogni avversario; ho visto Birsa di un’altra categoria, Castro uscire alla distanza con qualità. E ho visto Inglese e mi sono fermato: altrochè 10 milioni di euro, altrochè svenderlo. E’ stato praticamente perfetto: penso che il suo primo tempo in particolare al di là del gol sia da guardare e riguardare.

E intanto tre punti determinanti sono già conquistati e messi da parte: sebbene sia solo l’inizio era importante partire con un segnale forte. E’ passato un altro anno ma il Chievo non è cambiato…

25
lug 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 14 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.719

LA CAPACITA’ DI FIDELIZZARE

Non vorrei scadere nel ripetitivo dicendovi che ho visto un Chievo solido, organizzato, consapevole. Insomma, il solito Chievo con una precisa filosofia e una linea che non si scosta minimamente dal seminato. Vi vorrei dire che Sorrentino para, che Dainelli non sbaglia una diagonale che Hetemaj è tornato a correre per cinque, che Gaudino, accidenti, ha personalità e classe da vendere, che Birsa inventa e incanta a piacimento, che i nuovi attaccanti faranno invidia, che Maran è carico e non vede l’ora di ripartire. Tutto vero ma… la realtà è che qui c’è una società che fa la differenza, che ha le idee chiarissime, che non spende a caso, che non lancia giovani allo sbaraglio che non sono pronti tanto per spegnere le chiacchiere.

In queste settimane ancor di più ho capito che la forza del Chievo, la grande organizzazione, il tutto al proprio a posto, lo si deve a un club di altissimo livello. Il “far quadrare i conti” non è frutto del caso: qui ogni cosa è calcolata e le operazioni sono sotto l’attenta osservazione del presidente. Qui non passa niente, chi sbaglia paga. E’ una regola rigidissima e tutti si attengono senza fiatare.

Prendete Paloschi. Scrissi, sbagliando, che era tutto fatto. In effetti le parti erano parecchio avanti nella trattative ma alla fine il Chievo si tirò indietro. “Le condizioni le dettiamo noi non lui”. Una società fa questo. Per Andreolli idem. Il Chievo non perde l’identità per un giocatore o l’altro: non si rovina per accaparrarsi più nomi possibile. Cerca, al contrario, di fidelizzare le persone. Prendete dirigenti e allenatori: Maran, Maraner, Bressan, Squizzi, Sardo, Pacione, Moro, D’Anna, Tiribocchi, Mandelli. Tutta gente del Chievo che qui hanno giocato e che Campedelli vuole vicino. Il motivo? Molto semplice. Sono tutte persone che sanno come si lavora vicino al presidente, che sanno quello che lui chiede, che non escono dal seminato e soprattutto che difficilmente tradiranno la fiducia. Finora un modo di pensare che ha dato risultati eccellenti…

06
lug 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.637

SI RIPARTE! PIU’ CERTEZZE CHE DUBBI

Sono stato alla presentazione del Chievo a Veronello. Al di là dei numeri, il sedicesimo anno di Serie A, i venticinque di presidenza di Campedelli, Maran vicino al record di longevità sulla panchina c’è una diffusa sensazione di sicurezza e tranquillità nell’ambiente gialloblù.

Sul fronte acquisti, ci dicono “Non c’è fretta”… Chiaro la difesa va rivista e davanti almeno un intervento andrà fatto ma le certezze di questa società sono più forti dei dubbi. Io però, in linea con quanto dissi tempo fa, mi aspetto qualche risposta interessante dal calciomercato, perchè la squadra non mi sembra completa. Il prossimo anno come legittimamente sottolineato dal presidente sarà durissimo. Guai pensare che ci siano squadre già condannate in partenza perchè non sarà così.

Ho visto invece un Maran molto determinato e carico: mi ha sorpreso, non lo nego, la decisione immediata dell’allenatore di restare. Ero pronto a una lunga telenovela e invece è stato il primo a rompere gli indugi.

Romairone lo vedremo all’opera: troppo presto, ovvio, per giudicare…

Quanto alla società ho visto ancora una volta un ottimo lavoro sulle divise da gioco: la novità della prima maglia tutta gialla colletto compreso, la particolare e rinnovata sfumatura azzurra su quella bianca, il tocco esclusivo di British racing green (me lo sono fatto ripetere dal presidente) sulla terza danno una connotazione del tutto esclusiva.

16
giu 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.507

SCENARI E FUTURO

Romairone sì, Paloschi probabile, Andreolli forse. Il Chievo 2017-2018 si sta dando una linea. Luca Campedelli sa che a questa squadra serve qualcosa di diverso e non vuole correre rischi. Investirà il giusto senza spese folli ma diversamente dagli altri anni metterà mano alla rosa. Fare calcoli e guardare chi sale dalla B dando per spacciata questa o l’altra non è il pensiero del presidente che anzi è il primo a sapere che l’anno prossimo sarà ancora più difficile. Spal, Benevento, Verona daranno battaglia e lo stesso Crotone non rimarrà a guardare.

Credo poi che alcuni giocatori della rosa dell’ultima stagione faranno le valigie. Questione di motivazioni, di spirito. Dopo anni nella stessa società probabilmente vengono meno gli stimoli e cambiare è la cosa giusta per tutti. Vedo in bilico la posizione di Hetemaj per esempio, non lo nego, così come quella di Izco e Spolli. Serve una ventata di novità anche per dare nuovo slancio alla rosa. Poi Romairone porterà le proprie idee da condividere con Maran ma penso che la linea tracciata sia quella giusta.

Capitolo Inglese. Se davvero qualcuno offrirà le cifre che girano beh non avrei nemmeno il dubbio. Va ceduto e ci mancherebbe… Certo Inglese può far comodo, molto. Non è un top-player ma per questo Chievo è un giocatore utile. Campedelli resta a guardare e non ha fretta di cedere.

Fondamentale sarà poi capire il destino di Floro Flores e M’Poku: i contratti dei due giocatori sono parecchio onerosi e liberarsene per la società sarebbe manna dal cielo. Ovvio non è scontato.

Per come la vedo io prioritario è mettere mano alla corsia di sinistra dove serve un titolare vero da affiancare a Gobbi (se resterà).

Poi se davvero arriveranno Paloschi e Andreolli, beh, direi che la strada tracciata sia quella giusta…

28
mag 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.250

UN PRAGMATISMO CHE DIVIDE

Un altro “scudetto” in cassaforte. Saldo calciomercato a zero, conti che tornano. Il Chievo ha vinto ancora la sua sfida, ha centro l’obiettivo, non è attaccabile in alcun modo.

Però…

C’è sempre quel però… perchè non è tutto rose e fiori. Nonostante i sedici campionati di Serie A (con il prossimo) negli ultimi diciasette anni, non mancano mugugni e critiche da parte di alcuni tifosi. La gente vuole di più, vuole tornare a sognare qualcosa di diverso. Questo però, parliamoci senza ipocrisia, è molto difficile.

Campedelli ha sposato completamente la linea del pragmatismo puntando sul “far quadrare i conti” piuttosto che “divertire”. Il Chievo non diverte ma la cosa è datata. E’ pratico, si salva in anticipo e mantiene la categoria ma manca quel qualcosa per scaldare i cuori. Attenzione! Qui bisogna mettersi d’accordo e capire una cosa: la società non cambierà il suo modo di pensare. La priorità è restare in Serie A, valorizzare qualche giocatore, venderlo e far cassa. Ci sta. Un agire che è più che legittimo. Se qualcuno pensa di far la Serie A ad alti livelli è fuori strada e rischia di farsi male. Non sono più quei tempi. E non tiriamo in ballo l’Atalanta (che aspetto confermi l’anno prossimo quanto di buono fatto in questa stagione).

Pacifico che si vada incontro ad aggiustamenti. Non chiamiamola rifondazione o rivoluzione ma interventi mirati sono necessari. Sulla partita con l’Atalanta poco da dire… Amichevole di fine campionato!

Ci tenevo invece a ringraziare tutti coloro che ci hanno seguito nell’intrigante avventura con Alè Chievo. E’ stata un’annata bellissima per me che ho avuto per la prima volta la possibilità di condurre una trasmissione tutta mia. Un grazie speciale per il supporto e la sempre vigile presenza al mio amico e collega Luca Fioravanti. Speriamo di avervi fatto sorridere e divertire in un clima di serenità… Grazie a tutti!