16
gen 2020
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

461

IMPERATIVO: SALIRE!

Luca Campedelli parla di salvezza. Sergio Pellissier di promozione. Il gioco delle parti è chiaro, le posizioni sono sempre quelle da Luglio. Uno tira da una parte, l’altro dall’altra. Loro sono la società. Giustamente fanno questo.  Chi osserva da fuori però non può non vedere… l’ingresso del nuovo marchio, non propriamente l’ultimo dei loghi, dà una inevitabile responsabilità alla società anche perchè solo un salto di categoria consentirà un reale consolidamento del binomio Chievo-Mitsubishi. Non è per tutti e da tutti disporre di un’azienda di questo genere. Per questo oggi il Chievo ha il dovere di salire in Serie A. Inconsciamente è l’obiettivo di tutti, dichiarazioni di facciata a parte.

Dal mercato qualcosa arriverà. Intanto tenersi Vignato fino a Giugno è già una buona operazione. Il Chievo incasserà i soldi della cessione (meno male) e disporrà del giocatore più talentuoso per altri sei mesi. Poi, ovvio, tocca muoversi anche su altri fronti, portiere su tutti. E il recupero dei giocatori più esperti e rappresentativi è un tassello in più.

Sull’inesperienza poi di Michele Marcolini di fare da sintesi a tutto questo abbiamo già parlato e sarei lieto d’essere smentito alla fine. Pellissier a precisa domanda ha risposto ovviamente che dell’allenatore è soddisfatto ma è chiaro che molte cose all’andata non sono andate come la società voleva.

I presupposti per un cambio di marcia e per una immediata risalita ci sono…

29
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 27 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.654

SENZA INFAMIA E SENZA LODE

Cosa resta di questa Domenica in Abruzzo? Cosa resta di questo Girone d’andata? Poco o nulla. Un Girone mediocre, senza infamia e senza lode, dove ha prevalso “il non farsi male” più che la voglia di vincere e provare ad essere protagonisti. Chi si appella alla “classifica corta” ignora l’andamento del Chievo. Anche contro il Pescara qualche buona giocata c’è stata ma non sufficiente per promuovere pienamente la prestazione. Dall’Abruzzo il Chievo torna con un sei striminzito che non può certo voler dire squilli di tromba.

E a proposito di punti… dal Pordenone che occupa il secondo posto, e cioè l’ultimo valido per salire direttamente in Serie A, la distanza è di otto lunghezze. Una voragine. Essere a un punto dalla zona play-off non può certo essere un vanto. Risentitevi la telecronaca di Dazn, riascoltate le parole di Stefan Schwoch, uno che la Serie B l’ha mangiata per anni a colazione, pranzo e cena. Sentite il suo commento sul reparto avanzato del Chievo, sul potenziale inespresso. Inspiegabile.

Qualcuno era convinto che al ripetitivo “giro di boa” il Chievo potesse essere così in ritardo? Io no. E sono certo che in molti la pensano come me. Si tenga sempre presente infatti che il budget potenziale a disposizione è di circa sei-sette volte superiore a tutti gli altri grazie al paracadute salva società.

Adesso arriva la lunga sosta. Dicevo che Cittadella, Benevento, Pescara avrebbero dovuto dare delle risposte. Onestamente sono rimasto “senza risposta”. E tutto questo rammarica perché non si può pensare che la squadra che per quasi vent’anni ha dato battaglia in Serie A in tutti i campi d’Italia sia quella timida e dimessa di questo Girone d’Andata.

27
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

683

TUTTO TACE

E’ silenzio assoluto. In casa Chievo nonostante la pessima classifica, la seconda sconfitta consecutiva in casa, la Serie A che sembra distante anni luce, nessuno (per ora) ha in mente di prendere decisioni forti. Il presidente Campedelli osserva la situazione. Certo non può essere felice di questa prima parte di stagione dove la sua squadra ha zoppicato continuamente senza mai convincere per davvero. Cinque sconfitte sono troppe per chi ha ambizioni forti considerato che poi, a fare da contraltare, vi sono le sole sei vittorie in mezzo a un mare di pareggi raccattati qua e là.

Il Benevento è più forte del Chievo? Ne siamo tutti convinti? Io no. Il Benevento è senz’altro più squadra e probabilmente è più consapevole dei propri mezzi rispetto alla squadra di Marcolini. La prima mezz’ora aveva francamente illuso un po’ tutti: abbiamo visto un Chievo ordinato, attento che ha concesso poco o nulla. Poi? Sì vero, fosse finita in parità  nessuno si sarebbe stracciato le vesti però è arrivata un’altra sconfitta e pesa come un macigno.

Credo non sia giusto che tutto passi sotto traccia come nulla fosse. Insomma, se la volontà è salire in Serie A come si va ripetendo di continuo qualche cosa si dovrà pur fare. Negli anni la pazienza del presidente aveva una durata di sei-otto partite, poi tanti saluti all’allenatore e a chi non funzionava. Adesso noto una eccessiva cautela che non so quanto bene possa fare. Non voglio pensare che la società creda che questo sia il massimo che si può ottenere. Riprendersi la categoria è vitale per il Chievo, che, scendendo in B ha potuto beneficiare di un robusto paracadute da 25 milioni di euro. Ecco, solo per questo, la classifica dovrebbe essere molto diversa…

21
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

847

BUON PUNTO? NON CI CREDO

Mi direte che il Cittadella è sempre insidioso… vero l’ho detto anch’io nella sintesi. Mi direte che un punto preso dopo aver giocato un pessimo primo tempo va tenuto stretto. Non so. Io credo che sia stata gettata un’altra occasione contro una squadra discreta, organizzata ma non fenomenale.

Vedo un Chievo che ha sempre il freno a mano tirato, che non spicca mai il volo che fatica ad entusiasmare. Non mi aspetto il bel calcio, sia chiaro. Mi aspetto di vedere la fame e la voglia di riprendersi la Serie A, obiettivo dichiarato dalla società. Così onestamente la vedo molto dura.

Il Chievo ha regalato un tempo al Cittadella. Impietose le statistiche mostrate dopo la prima frazione. Zero tiri in porta, zero tiri fuori. Il nulla. Non è una buona cosa dopo che sei reduce dall’allucinante sconfitta casalinga contro la Juve Stabia.

Ho apprezzato la scelta di Marcolini di sostituire Semper, che sarà pure giovane, ma in questa parte di stagione non ha dato garanzie. Forse, ripensandoci (e io francamente mai ho avuto dubbi), il quarantenne Sorrentino avrebbe fatto molto comodo…

E adesso sotto con Benevento e Pescara… due partite che potrebbe dire molto sul futuro della stagione…

14
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.406

DELUSIONE TOTALE

Si fa fatica a commentare una cosa del genere. Una partita vinta e blindata contro una squadra che definire modesta è dire poco e poi un crollo totale. Già pareggiare sarebbe stato sportivamente drammatico considerato che con questi punti persi il Chievo ha gettato un’altra occasione.

Metto in discussione tutti, in questo momento. E non perchè si è perso. Il Chievo oggi si trova ancora in alto in classifica perchè la Serie B è mediocre: non ricordo in queste sedici partite una gara veramente convincente, una partita da ricordare. E per carità, la rosa non sta offrendo molto considerato che i pezzi migliori (in teoria) sono tutti fuori. Un caso? Voglio pensare che sia così.

Certo è che di questo passo in Serie A non ci si va. Gettare la croce addosso all’arbitro (primo rigore generoso) o a Semper (insicuro dall’inizio della stagione) sarebbe un inutile scarica-barile. Tocca prendere consapevolezza che questa non può essere la strada e mi aspetto una strigliata incisiva anche da parte di chi comanda.

08
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

793

BASTA POCO

Basta guardar la classifica per rendersi conto di quello che andiamo dicendo da tempo. Tra il Cittadella secondo e i play-out vi sono soltanto otto punti: un margine risicato che evidenzia l’equilibrio di questo campionato di Serie B. Detto del Benevento che sta facendo campionato a sé, sebbene mi aspettassi il Chievo lassù in alto a comandare, le altre stanno dimostrando di poter vincere e perdere con tutti.

E la squadra di Marcolini, diciamoci la verità, non brillantissima, sta sfruttando in pieno la situazione. Di questo va dato atto al Chievo perché la Serie B funziona così. Poi sì, tocca sottolineare, per dover di cronaca, che l’allenatore settimana dopo settimana si trova costretto a inventarsi qualcosa di nuovo. Le assenze di Cesar, Djordjevic e Giaccherini, tre pilastri di questa squadra si fanno sentire e non è sempre facile fronteggiare le partite senza i giocatori chiave. Sta succedendo da tanto tempo e per questo mi aspetto in sede di mercato interventi da parte della società.

Se la volontà, come detto a più riprese, è quella di risalire immediatamente ecco che diventa necessario guardarsi intorno e mettere in rosa gente pronta da subito a fare le differenza e magari che possa tornar utile all’eventuale salto di categoria. Salire in A infatti, con l’idea poi di rifondare completamente tutto, potrebbe rivelarsi un enorme problema. A mio parere invece, gettare già le basi per il futuro se ve ne fosse l’opportunità sarebbe fondamentale.

Non dimentichiamoci che la società sta fronteggiando da mesi il problema Vignato. Il giocatore da Febbraio, se non rinnova, potrà firmare con chiunque essendo a scadenza e per il Chievo sarebbe un danno enorme dal punto di vista economico. Meglio dunque, visto che il rinnovo pare molto distante, sperare di piazzare il giocatore a qualcuno già in questa finestra di mercato, magari appellandosi alle amicizie che la società negli anni ha coltivato e che quest’estate si sono rivelate determinanti per l’iscrizione alla Serie B.

02
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.049

SIGNORI… ECCO LA SERIE B

Il concetto de “L’avevo detto” non mi piace e non lo userò… Però la partita contro la Virtus Entella aveva lasciato intravedere delle cose che erano piuttosto allarmanti. Il Chievo in quell’occasione aveva vinto senza meritarlo e solo la vittoria aveva mascherato le lacune.

E’ bastata una partita “da B” su un campo “da B” per evidenziare il concetto. Il Trapani ultimo in classifica capace di battere il Chievo di misura e senza peraltro faticare così tanto.

Ecco credo che questo sia un bel campanello d’allarme e il fatto che la classifica sia corta non può certo essere di conforto.

Il Chievo, scusate, deve pretendere di più. Per forza. In questa scadente categoria una società come quella di Luca Campedelli deve essere almeno dietro al Benevento. Almeno.

26
nov 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI No Comments
VISUALIZZAZIONI

827

CONTA VINCERE

Riassumo nel titolo quello che è il mio pensiero e quello che senz’altro passa nella testa del presidente del Chievo in queste ore. Belli da vedere? Non importa. Spettacolari? Nemmeno per sogno. Coinvolgenti? No assolutamente. Quello che conta è aver vinto. E la classifica dice terzo posto, a una sola lunghezza dalla Serie A.

La partita contro la Virtus Entella ha certificato che il Chievo possiede delle individualità importanti che per ora stanno bastando: Meggiorini in questa categoria fa più o meno quel che vuole e Vignato se ha voglia (?) può ancora fare la differenza. Poi ci sono delle lacune: Obi impreciso, Esposito fuori ruolo (a mio parere), Brivio da rivedere.

Detto questo tocca, per forza di cose, interrogarsi sul perchè una squadra del “calibro” dell’Entella possa venire al Bentegodi e spadroneggiare rischiando fino all’ultimo di beffare il Chievo.

Soffrire a quel modo, lo dico onestamente, mi pare un tantino eccessivo…

11
nov 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 1 Commento
VISUALIZZAZIONI

1.478

SCELTE DISCUTIBILI

Una squadra come il Chievo per definizione non può temere il Frosinone. La scelta del modulo iniziale non mi ha convinto, alcune esclusioni nemmeno. Vero che magari le condizioni dei vari Vignato e Pucciarelli non saranno state granchè ma l’occasione era davvero importante e la sconfitta inevitabilmente rammarica. Poi altro aspetto: Garritano in questa Serie B sta dimostrando di avere un passo diverso rispetto a tanti altri. Aveva giocato alla grande a La Spezia e a Frosinone è rimasto fuori. Misteri.

Chiaro, non si può pensare che il Chievo vinca tutte le partite. Non va dimenticato che persa la prima immeritatamente a Perugia poi la squadra di Marcolini ha ottenuto soltanto risultati positivi ma la mia considerazione sulla rosa è molto alta pertanto qualcosa di più si poteva fare.

Le attenuanti ci sono, per carità… La sosta servirà a recuperare energie ed infortunati… ma attenzione a giustificare frettolosamente questo risultato.

05
nov 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI No Comments
VISUALIZZAZIONI

1.102

QUESTIONE DI FILOSOFIA

E’ da sempre la filosofia del Chievo. Un punto in trasferta, bello o brutto che sia è pur sempre un punto. Muove la classifica, fa morale, dà continuità. Non tutti la pensano così. Luca Campedelli e la sua società sì.

Anche a La Spezia ma non solo nel corso di questa stagione è accaduta la medesima cosa e con questo diventano dieci i risultati utili consecutivi. Mica male, tenuto conto che l’allenatore dall’inizio dell’anno non ha mai avuto la squadra al completo e anche nella partita in Liguria ha dovuto far i conti con le note defezioni. Djordjevic è ancora fermo, Vignato anche, Giaccherini gioca ma non è al meglio. Inevitabile che anche una squadra di qualità come il Chievo alla lunga ne risenta anche se come detto la partita è stata giocata su buoni livelli.

Senz’altro Marcolini, perfettamente consapevole che con il Chievo si sta giocando una buona parte di carriera, va dato il merito di non trovare mai scuse. L’obiettivo della società è chiaro… salire in Serie A… i presupposti per farlo ci sono tutti…