20
mar 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

789

DUE FACCE INSPIEGABILI

Prendi il primo tempo e lo vedi equilibrato. Il Chievo difende, gioca magari in modo non brillante ma è spietato. Segna con Castro e allora già ti immagini la ripresa. Solidità, cinismo, una partita come tante. E invece no. Succede qualcosa di inspiegabile perchè la squadra di Maran di fatto sparisce dal campo. Non gioca la ripresa al di là del risultato (4-1 non ci sta mai sia chiaro). Però non ti dai alcuna spiegazione su un’involuzione così.

Anche Maran in sala stampa è perplesso. In effetti un Chievo così non era prevedibile. Sulle fasce la squadra ha sofferto molto, Frey rientrava dopo tantissima panchina e Cacciatore adattato a sinistra non è la stessa cosa. Ecco se dobbiamo imputare qualche cosa alla gestione mercato di quest’anno è senz’altro la mancanza di un’alternativa di ruolo a sinistra, questione su cui Campedelli dovrà, se lo riterrà opportuno, lavorare.

E’ stata persa, questo sì, una grande occasione. Il Bologna non è affatto irresistibile e in difesa concede di tutto e di più. Però ha avuto il merito di crederci, di approfittare della sbandata dei gialloblù e alla fine confezionare un risultato insperato.

789 VISUALIZZAZIONI

5 risposte a “DUE FACCE INSPIEGABILI”

Invia commento
  1. ciccio2 scrive:

    con le tre retrocesse già a novembre…
    con l’europa che non interessa…. mi sembra NORMALE un calo di tensione…. non ci sono obiettivi veri.
    Guardate un empoli? Le perde tutte e nonostante ciò è ancora lontano dalla zona salvezza…

    • ciccio2 scrive:

      volevo dire zona retrocessione…

      • fabio scrive:

        Sottoscrivo.
        Per’altro alla vigilia del turno di riposo sarebbe stato eroico Maran a riuscire nel capolavoro di mantenere così alto il livello di concentrazione.
        E’ ormai difficile persino trovar spunti di riflessione!!
        L’ambizione è oramai defunta. Il Chievo ha preso il massimo possibile; Oltre non si può andare.
        Amen

    1. fede scrive:

      la spiegazione è ovvia si toglie un attaccante e si mette izco che non serve a un tubo fa solo disastri quando entra perde palla in continuazione e mette in difficoltà gli altri compagni di squadra….e poi il chievo deve giocare con due punte il 4-3-1-2 è perfetto non deve essere toccato…..quante volte è stato provato il 5-3-2 o il 4-4-2 due anni fa mettendo birsa ai lati senza rendere al meglio. il chievo deve giocare con il 4-3-1-2 un trequartista e due punte. ora maran si è intestardito con il modulo a una punta e due trequartisti. ma secondo voi che abbia capito la lezione?????? se pellissier era stanco e doveva essere sostituito allora si inseriva l’attaccante della primavera giovane.
      già tre partite che buttiamo via con il cambio di izo……….ci sarà anche una quarta volta??????

      1. Mister X scrive:

        Come già detto in altro post, questo succede ogni volta che inserisce Izco al posto di un attaccante. Un giocatore che non si sa ancora quale sia il suo ruolo; di sicuro è maestro a perdere palla e lasciare la sua zona scoperta ai contropiedi avversari.
        Da quello che ho visto io, nel secondo tempo il Chievo ha attaccato forse di più che nel primo (gli ultimi due gol li ha subiti in contropiede), ma quando in campo hai uno come Izco che non salta in occasione del secondo gol e lascia scoperta la sua zona in occasione degli altri, cosa vuoi fare??

      Lascia un Commento

      *