21
mag 2017
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

763

TANTE COSE DA RIVEDERE

Beh intanto ci siamo divertiti. Vedere otto reti tenuto conto che per il Chievo è l’ennesima sconfitta indolore non succede sempre. La partita è stata viva e spettacolare anche se tante cose sono da rivedere e sistemare.

Voglio spendere una parola per Inglese che per primo talvolta ho criticato. Dieci gol in Serie A non sono pochi: in una squadra che storicamente non segna molto arrivare alla doppia cifra è qualcosa di positivo. Ricordo quando Pellissier arrivava a 13 o lo stesso Paloschi: si parlava di risultato ottimo. E Inglese non ha giocato tutte le partite. Certo l’andamento è stato altalenante però alla fine ha dimostrato di poterci stare.

Questa partita però è un ulteriore campanello d’allarme per quanto dovrà essere fatto in sede di mercato: altri cinque gol sono tanti, troppi. Il Chievo ha sempre avuto un punto di forza dietro in termini di solidità e affidabilità. Quest’anno è stato così solo per la prima parte di stagione. E’ un monito che non va sottovalutato.

E il direttore sportivo? Arriva o no? Sì arriverà… però credo che fare sei mesi senza un punto di riferimento non sia stato semplice.

Poi su Maran… tutti danno per scontato che rimanga. Io la vedo un po’ diversamente ma sono pronto a fare ammenda in caso di conferma dell’allenatore. Insomma va bene mettersi in gioco ma voi al posto suo che fareste? Qui al Chievo penso abbia ottenuto risultati di alto livello che difficilmente saranno migliorabili. Pertanto non sono così sicuro che abbia tutta questa voglia di restare.

763 VISUALIZZAZIONI

2 risposte a “TANTE COSE DA RIVEDERE”

Invia commento
  1. Pacein scrive:

    Campedelli è un volpone di primo pelo.

    Sicuramente ha già organizzato quasi tutto per la prossima stagione, il Chievo mi piace per questo: con poco costruiscono molto e quello che fanno è sempre un esempio per tutti. Leggevo qua e là che il Milan è disposto a spendere 60 milioni per Morata……con gli stessi soldi Campedelli e il Chievo avrebbero vinto già due scudetti, ecco perchè amo questa società, pco fumo e tanto arrosto.

    Gli errori poi li fanno tutti e come dice tu ci sono tante cose da rivedere , in primis l’età della squadra., ma le ultime apparizioni con i vari de Paoli, Vignato e compagnia bella mi lasciano ben sperare. Sono contento ache che l’hellas sia di nuovo in serie A, devo ancora digerire il 3-1 dell’anno scorso (inspiegabile) e spero sia l’occasione giustà per rifarci

    1. gian scrive:

      Non abito a Verona, ma in questi mesi non ho trovato da nessuna parte un’intervista o a Campedelli o a Nember sul motivo della separazione. Se c’è, mi piacerebbe leggerla, se non c’è male il mondo del giornalismo che ruota attorno al Chievo. Troppo silenzio su questa vicenda…

      Per il resto anche io credo Maran non resti

    Lascia un Commento

    *