29
dic 2019
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 27 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.215

SENZA INFAMIA E SENZA LODE

Cosa resta di questa Domenica in Abruzzo? Cosa resta di questo Girone d’andata? Poco o nulla. Un Girone mediocre, senza infamia e senza lode, dove ha prevalso “il non farsi male” più che la voglia di vincere e provare ad essere protagonisti. Chi si appella alla “classifica corta” ignora l’andamento del Chievo. Anche contro il Pescara qualche buona giocata c’è stata ma non sufficiente per promuovere pienamente la prestazione. Dall’Abruzzo il Chievo torna con un sei striminzito che non può certo voler dire squilli di tromba.

E a proposito di punti… dal Pordenone che occupa il secondo posto, e cioè l’ultimo valido per salire direttamente in Serie A, la distanza è di otto lunghezze. Una voragine. Essere a un punto dalla zona play-off non può certo essere un vanto. Risentitevi la telecronaca di Dazn, riascoltate le parole di Stefan Schwoch, uno che la Serie B l’ha mangiata per anni a colazione, pranzo e cena. Sentite il suo commento sul reparto avanzato del Chievo, sul potenziale inespresso. Inspiegabile.

Qualcuno era convinto che al ripetitivo “giro di boa” il Chievo potesse essere così in ritardo? Io no. E sono certo che in molti la pensano come me. Si tenga sempre presente infatti che il budget potenziale a disposizione è di circa sei-sette volte superiore a tutti gli altri grazie al paracadute salva società.

Adesso arriva la lunga sosta. Dicevo che Cittadella, Benevento, Pescara avrebbero dovuto dare delle risposte. Onestamente sono rimasto “senza risposta”. E tutto questo rammarica perché non si può pensare che la squadra che per quasi vent’anni ha dato battaglia in Serie A in tutti i campi d’Italia sia quella timida e dimessa di questo Girone d’Andata.

2.215 VISUALIZZAZIONI

27 risposte a “SENZA INFAMIA E SENZA LODE”

Invia commento
  1. Simone scrive:

    Scusate l’intromissione. Sono un tifoso del Verona che segue con molta passione e con un gruppo italiano e veronese anche il Leeds United. Qualcuno mi saprebbe dare qualche notizia e valutazione tecnica sul giovane portiere Elia Caprile, che dovrebbe unirsi al gruppo guidato da Marcelo Bielsa questo fine settimana? Grazie .

    1. Guido scrive:

      Leggo ora che è quasi certo che Vignato va al Bologna e non lo vedremo più con la maglia del Chievo, al suo posto pare arrivare tale Ongenda. Non conosco Ongenda se non per qualche informazione letta su internet, ma credo che sia assai difficile che possa sostituire il Vignato delle ultime partite. Speriamo di recuperare Giaccherini e Ob,i che pare sia tornato ad allenarsi già da ieri. Resta da trovare un portiere che potrebbe essere Seculin, sperando che Djordjevic torni quello di inizio campionato. Mi rendo conto di aver utilizzato la speranza troppe volte e temo che anche il prossimo campionato si giocherà in B.

      1. Guido scrive:

        Ahinoi il percorso del Chievo nell’andata è stato in discesa. Partito con qualche errore di troppo dei difensori, la prima partita abbiamo regalato 2 rigori, poi si è messo un po’ in sesto. Purtroppo è durato poco perchè le prestazioni di Semper si sono rivelate un disastro. Poi si sono aggiunti gli infortuni a ripetiione e ci siamo trovati con un attacco affidato a Rodriguez e … Ceter. Serve un portiere decente e che davanti quarisca e torni a giocare come all’inizio campionato Djordjevic, senza queste due soluzioni non c’è futuro.

        1. Manuel scrive:

          Caro Bette anche io penso che buona parte dei soldi siano andati spesi per i debiti e quindi ci ritroviamo questa squadra… ma penso che tirate le somme faranno qualcosa nel mercato di riparazione notte

          1. fabio scrive:

            Io ribadisco che questo chievo senza la grave discontiunità di presenze e la fragilità dei 5 giocatori più importanti (Djordjevic, Cesar, Giaccherini, Obi e Vignato… più Meggiorini e Ceter) avrebbe fatto certamente non dico 10 ma almeno 6/7 punti in più sicuramente…
            Se ci mettiamo che Semper non è un fenomeno, rimane poco altro da analizzare…

            1. Maxim scrive:

              Diciamo che ha risposto a ben poco…..ma non voglio andare oltre, evidentemente non mi sono espresso bene…..so cedere le armi e augurarle a lei come a tutti un felice anno nuovo

              1. mir/=\ko scrive:

                Scaletta… io non sono tifoso del Chievo ma seguo il campionato di B e quindi se mi va di rispondere ad un giornalista lo faccio! Punto! anche tu sei nel forum sbagliato e pure tu scrivi. E come spesso ti capita scrivi stupidate … Auguri e buon 2020. Almeno criticami per un motivo valido. O non sai leggere oppure hai grossi deficit cognitivi. Mahhh

                1. Maxim scrive:

                  Betteghella, lei avrà ragione, è giornalista, saprà più di noi chiacchieroni da bar….ma di quello che va a dire Pellissier, che lei riporta più volte, frega poco….. Interessa di più che lei dica di suo che il Chievo è fortissimo, più del Pordenone…. Avrà ragione, lei dice che non può essere…. Forse però può essere che una volta tanto ci si sbagli: perché lei era convinto che nel 2000 il Chievo fosse una squadra da A e, una volta in A, fosse una non predestinata alla B….come l Hellas quest anno si trovasse in tale posizione (indipendentemente dal risultato finale tutto da verificare)? Le ricordo che se i soldi vincessero a prescindere non servirebbe giocare, non solo per squadre tipo Spal o juve Stabia o virtus Verona, ma anche per un Inter al cospetto della juve…. E questo, mi permetta, dovrebbe dirlo o averlo presente un giornalista, non un tifoso (che io non sono)….. Ma mi permetta (e non continui con storie di fare i professori….si ricordi che tali frasi sono spesso un sinonimo di difficoltà e/o superiorità di categoria) di farle notare che se noi poveri scribacchini dovremmo esprimere più analisi, lei sta più volte analizzando i detti dei dirigenti che sono parole…..i fatti del campo dicono cose diverse da quelli e dalle sue, peraltro evidentemente convinte e non le discuto, convinzioni…..un analisi su queste in primis di chi è addetto ai lavori dimenticandosi di voci della società e paracadute, no? 25 milioni son 25 milioni, ma quanti problemi economici aveva ha il Chievo che non si valutano? Io non li conosco….non è mio compito….ma non credo siano pochi pochi….fermo restando che puoi anche fare 25 milioni di acquisti sbagliati o che, per sfortuna, hanno un annata imbrocchita

                  Se pensa che io sia un suo detrattori si sbaglia….. Ci sono solo due 'B' che qui leggo nei vari forum volentieri, il resto meno… Forse perché noto grande coerenza. Ecco perché mi ha un po lasciato perplesso lei non tanto nel post principale, quanto nei strani, per uno come lei, post in risposta

                  Forza veronesi….

                  • Bette scrive:

                    Nemmeno io sono un tifoso e guardo la situazione… i problemi economici del Chievo sono figli di errori del Chievo o sbaglio? Tutte le squadre di Serie A prendono ogni anno almeno 35-40 milioni di euro… se di questi soldi ne spendi 50 invece che 25 viene facile pensare che a un certo punto vai incontro a “problemi economici”… sbaglio? I soldi nel calcio aiutano eccome soprattutto quelli regalati come diritti tv e paracaduti… se leva questi la Serie A e la Serie B chiudono domattina… poi sì capita l’eccezione… capita che la Spal batta la Juventus o che il Verona vinca contro l’Inter… capita, appunto… mi piacerebbe vedere un calcio dove le società fanno con le loro forze e dove gli stipendi sono ovviamente parametrati… sarei curioso di vedere quante squadre partecipano alla Serie A… secondo me la metà di quelle attuali…

                  1. Lu scrive:

                    “Il paracadute è arrivato punto e fine”: frase che dimostra che avevo ragione. Faccia qualche analisi e verifichi per quali fini è stato utilizzato. Il punto sul mercato estivo gliel’jo già fatto io, aiutandola. Il Pordenone, dice? Faccia qualche analisi anche qui, e verifichi negli ultimi 10 anni (e oltre) quante società arrivate dalla lega pro hanno poi condotto un campionato di B di vertice, segno che è più facile sfruttare l’entusiasmo di una promozione ed una rosa consolidata che gestire una retrocessione. Lecce, Benevento, Spal, Frosinone, Novara e ancora prima Modena, Como. Solo alcuni esempi, che dovrebbero semplificare la sua analisi. Il calcio è un affare semplice ma anche molto complesso. Non può bastare scrivere “hai 25 mln, hai il dovere di tornare in A subito”. O meglio, può bastare ma è un’analisi estremamente superficiale.

                    • Bette scrive:

                      Non ho bisogno del Suo aiuto… di professori o presunti tali ve ne sono anche troppi… a maggior ragione nel calcio… si goda questa mediocrità e applauda… Le ricordo, ma questo l’ha ignorato, che Pellissier stesso ha parlato di una B di basso livello e di una rosa competitiva per ambire a stare davanti… ma lei è professore e questo le è sfuggito…

                      • Lu scrive:

                        1. Io non mi godo questa mediocrità (anzi…), nè applaudo; semplicemente, in un blog che parla della mia squadra, mi aspetto una profondità di analisi che vada oltre il semplice “hai preso 25 mln, quindi devi andare in A” (anche perchè questo concetto ripetuto 1-10-100 volte diventa francamente noioso e non invoglia a leggere, ndr); 2. Cosa vuole che dica Pellissier, che la rosa è scarsa? che se Cotali (ex Olbia) si trova a marcare Maggio (più di 400 presenze in A) è facile che se lo perda? In ogni caso, se vogliamo parlare di dichiarazioni, ricordo che Campedelli, VERTICE DEL CLUB, alla presentazione della stagione in corso ha dichiarato che il primo obietto è il mantenimento della categoria.
                        In conclusione, non può essermi sfuggito quel che ha detto Pellissier, dato che lei lo ricorda ad ogni non-vittoria, insieme al discorso, pretestuoso, del paracadute. Liberissimo di ricordarlo sempre, peraltro. Il mio consiglio è che si parli un po’ più di calcio, che non si fa nè coi paracaduti (in larga parte inutilizzati per i fini sportivi, ripeto) nè con le dichiarazioni (se poi devi schierare Cotali, Leverbe, Esposito e Di Noia).
                        Ad ogni modo, ha tutto un girone di ritorno per iniziare a parlare – davvero – di calcio. Nel qual caso, la seguirò con curiosità.

                        • Bette scrive:

                          Se la voce di Pellissier non è autorevole allora meglio che parliamo d’altro… poi vedo che è molto informato sull’utilizzo del paracadute… ancora sotto la invitavo ad illuminarci ma la mia richiesta è stata disattesa… Ricordo perfettamente la conferenza di presentazione visto che ho intervistato io Campedelli: ricordo le parole del presidente che ha sempre parlato del mantenimento di categoria anche quando il Chievo era quarto in classifica in Serie A e ricordo quelle di Pellissier… l’analisi si ferma ai gelidi numeri che vedono la squadra fuori dai play-off (a oggi) e distante otto punti dalla Serie A…

                          • Lu scrive:

                            La voce di Pellissier è autorevole, certo, ma cosa c entra? Il mio, in ogni caso, è solo un consiglio. Può senza dubbio ripetere ad ogni non vittoria il mantra “paracadute + pellissier” . Dubito però che il blog avrà un grande successo… Quando invece, con analisi un filo più approfondite, potrebbe essere uno strumento interessante

                    1. mir/=\ko scrive:

                      Lu… questa è una analisi ben ponderata e che mi vede concorde! Tifosi, DS, allenatore, giornalisti, posso parlare fin che vogliono di serie A… ma i cordoni della borsa li tiene solo Campedelli e guarda caso, vista la presumibile triste situazione di bilancio, costui si guarda ben bene da pronunciare certe parole che cozzano contro un mercato estivo "palesemente" deficitario! il vero problema del Chievo non sono solo alcune prime linee (portiere e difesa) ma anche la quasi totalità delle seconde, infarcite di scommesse improbabili. Se si osservano esternamente le cifre del paracadute, con una pioggia tale di milioni ovviamente, si POTEVA E DOVEVA fare certamente meglio. Se da un presidente come Campedelli (non stiamo parlando del classico faccendiere estraneo alla realtà calcistica in cui opera, dedito solo a far cassa!!) ciò non è stato fatto, vuol dire che la priorità era ed è tuttora ben altra: evitare di fare crack!! meglio che in alcuni settori della società e in alcuni ambienti giornalistici si pensi, senza infamia, alla salvezza! Sorpresa Pordenone??? vedasi le classifiche passate di parecchi club promossi dalla C alla B, per capire che ciò non deve stupire!

                      1. mir/=\ko scrive:

                        Premetto che sono un tifoso dell'hellas, però seguo con interesse da sempre la B! quindi Scusa Betteghella, ma realmente ritieni che il Chievo abbia una rosa in grado di agguantare le prime 2 posizioni della classifica? Io ritengo, invece, che la classifica ricalchi perfettamente e se vogliamo pure "udite udite" un po' generosamente le potenzialità della rosa clivense. Il Benevento è una corazzata al confronto di questo modestissimo Chievo infarcito di troppe scommesse, peraltro modeste. Forse hai seguito troppo il calcio di serie A, in questi anni, perdendo contatto con la cadetteria e quindi lucidità nei tuoi giudizi. È palese che la rosa è stata costruita in estate, navigando a vista, con il solo scopo di risparmiare quanto possibile… sembra che questa squadra l'abbia costruita la società di Setti e non certo Campedelli! Mi riferisco al Setti formato serie A e infatti l'allestimento della rosa del Chievo mi ricorda il secondo anno di Pecchia a Verona, dopo la promozione… "Low cost a tutti i livelli"! La burrasca dello scorso anno ha lasciato macerie importanti e il Chievo vale oggi quanto una mediocre realtà che si barcamena in B. Ci vorrà tempo per vedere un Chievo competitivo e questo non potrà prescindere da alcuni punti chiave: voglia da parte del presidente, forza economica e grandi capacità. Non mi pare di vedere, all'orizzonte, quanto sopra. Reparto avanzato forte? Sulla carta può essere vero anche se parliamo di gente che inizia ad essere datata e con qualche acciacco di troppo, ma dai poi un occhio a tutto il resto e poi datti una risposta. Campedelli vuole la serie A??? Paracadute milionario in cassa??? Bene, c'è un mercato alle porte e se è come dici tu il sign. Campedelli si regolera' di conseguenza introducendo profili di sicuro e certificato valore, facendo qualche investimento. Potrebbe, ad esempio, chiedere a Setti qualche esubero tipo Henderson, Vitale, Di Gaudio. E comunque Betteghella, occhio invece alla zona retrocessione, più che all'alta classifica!!!

                        • Bette scrive:

                          Il fatto che il Chievo voglia la Serie A non lo dico io… lo vanno ripetendo i dirigenti della società… forse il solo Campedelli dribbla l’argomento, ma gli altri, Pellissier in testa, vogliono chiaramente il salto di categoria. Del paracadute milionario non lo dico io… è un dato di fatto… Il Chievo prima di iniziare la stagione ha incassato 25 milioni di euro… si può trascurare questo? Si può anche fare ma non è giusto… Quanto alla rosa va parametrata sul livello di questa Serie B… Passi il Benevento… Ci sono otto punti tra il Pordenone, ripeto il Pordenone neo-promosso e il Chievo? Allucinante

                          • Lu scrive:

                            Esempio di analisi: quanti di quei 25 mln potevano o possono essere spesi per il mercato? Quanti sono stati o saranno utilizzati per ripianare la difficilissima situazione economica? Che senso ha parlare dei 25 mln in questo modo?

                            • Bette scrive:

                              Lei si erge a maestro ma non fa alcuna analisi… è la terza volta che le dico di fare la Sua di analisi ma non recepisce… pazienza, vivo lo stesso… C’è una certezza assoluta… il Chievo ha preso 25 milioni di euro dal paracadute com’era accaduto anche al Verona… questo significa che la società rispetto a tutti gli altri ha potenzialmente il budget di circa sei-sette volte superiore… il resto sono chiacchiere e filosofia… io preferisco il concreto

                              • Bette scrive:

                                Vedo che lei dà lezioni di giornalismo… “un bravo giornalista dovrebbe approfondire e scrivere”… ma cosa?? Il Chievo i soldi li ha presi o no? Il paracadute è arrivato punto e fine… Se questa cosa la disturba se ne faccia una ragione. Un’altra cosa: il Pordenone è più forte del Chievo? Meno otto al termine dell’andata è un assurdo sportivo. Se lei s’accontenta, faccia pure. Si goda questo spettacolo… Che i 25 milioni siano o non siano utilizzabili per fini sportivi lo dice lei. Sa qualcosa in più? Ci illumini. Una società che riceve 25 milioni di euro di paracadute ha il dovere di tornare subito in Serie A e, in questo caso, anche la rosa. Si risenta l’intervista di Pellissier quando parla di mediocrità del campionato di Serie B e di una rosa forte e competitiva… negli altri sport, le do una notizia, non funziona così… Non vi sono diritti televisivi, paracaduti, contributi o sovvenzioni… Che tu vinca, fallisca, retroceda, salga di categoria… l’unica cosa su cui puoi contare sono le tue forze…

                              • Lu scrive:

                                Non c’è nessuna concretezza nel dire “ha potenzialmente un budget superiore”. Il “potenzialmente” cambia tutto, ed è quello che un bravo giornalista dovrebbe approfondire e scrivere (non io, che non sono né un giornalista né un blogger). Oltre al tema del paracadute, che lei ha semplificato pro domo sua, propongo un altro spunto: Brivio (svincolato, prima in Svizzera al Chiasso), Leverbe e Cotali (Olbia), Vaisanen (Crotone 6 mesi, scarto della Spal, come DIckmann, in ogni caso i due giocatori più di peso che sono arrivati), Esposito (6 mesi a Ravenna in lega pro, prima primavera Spal), di noia (reintegro, ex Carpi), ceter (Olbia), rigione (reintegro), Cavar (dalla Svizzera, Winthertur, peraltro con crociato rotto), Ivan (vis Pesaro, 4 presenze)… Questi per lo più i nomi e club di provenienza (chiamiamolo “pedigree”) degli arrivi estivi, molti dei quali in prestito. Oltre ai 3 4 nomi “pesanti” che erano in rosa, e che si è provato a vendere fino all ultimo secondo, con ovvie ripercussioni, secondo lei si tratta di profili che possono comportare una DOVUTA promozione o un campionato per forza di alta classifica? Conta di più il modo in cui la rosa è stata strutturata o i 25 mln (non utilizzabili a fini prettamente sportivi) di paracadute? È solo uno spunto di analisi di calcio VERO, reale, a differenza dei concetti vuoti che ho letto negli ultimi, assai superficiali, blog.

                        1. Lu scrive:

                          Vero, però un po’ più di analisi, approfondimenti e spunti non unicamente legati al risultato o al breve perdiodo non guasterebbero per la stesura del pezzo. Un blog, oltre ad essere una opportunità, può essere un grande strumento, seppur riferito ad una realtà “piccola” come la nostra. Buon lavoro.

                          1. scaletta scrive:

                            betteghella
                            per il.2020 prenditi il Mirko qua sotto..finalmente ha scritto nel blog giusto per lui!

                            1. Lu scrive:

                              Analisi solo leggermente meno superficiale rispetto alle altre. Almeno qui qualche concetto viene espresso, ma ancora non ci siamo.

                            Rispondi a Maxim

                            Accetto i termini e condizioni del servizio

                            Accetto i termini sulla privacy

                            *