23
feb 2020
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.069

GIUDIZIO SOSPESO

Perdersi in chiacchiere e panegirici inutili lo ritengo fuori luogo. Il Chievo deve solo proseguire su questa strada, dare continuità ai suoi risultati, risalire la classifica. Lo dicevamo, e ne siamo altresì profondamente convinti che, al di là dei giocatori definiti “bolliti” da qualcuno, per il livello di questa Serie B continuano ad essere un lusso. Il Pordenone, questo Pordenone, per settimane è stato l’antagonista principale dell’ormai promosso Benevento. Ditemi voi. Il Chievo ha fatto la sua partita ordinata, non ha rischiato se non qualcosa alla fine e ha ottenuto il massimo risultato senza neanche poi faticare così tanto. E’ stato superiore per lunghi tratti e, vado a ribadirlo, in questo campionato per qualità non è secondo a nessuno.

Poco mi importa se susciterò ilarità e divertimento, dall’inizio sono convinto di questo. Garritano, Segre, Giaccherini, Djordjevic, Meggiorini, Vignato sono giocatori che non ho ancora visto in altre squadre. Per questo vedere il Chievo spesso molle e sopraffatto dagli altri fa arrabbiare. Basta pochissimo per risalire e, augurandosi di aver trovato la quadra difensiva, poi davanti c’è chi ha i colpi per poterla mettere dentro. Ritengo che da qui in avanti non servano a molto cambi e rotazioni: Marcolini, infortuni permettendo, dovrà individuare quattordici titolari e su quelli puntare da qui alla fine.

Ripensiamo per un momento a Trapani, Cosenza, Pisa, Venezia per citarne alcune: a quanti punti sono stati gettati letteralmente via nel corso di quest’annata. D’ora in poi m’aspetto un Chievo esattamente come oggi: cinico, concreto anche brutto se dovesse servire… ma maledettamente pratico come negli anni siamo sempre stati abituati a vedere…

1.069 VISUALIZZAZIONI

13 risposte a “GIUDIZIO SOSPESO”

Invia commento
  1. Guido scrive:

    Mi auguro che Aglietti sia in grado di variare anche il modulo, quel 4312 che quasi sempre ha tenuto imbrigliata la squadra di Marcolini. Di fatto ha creato un’alternativa tra Giaccherini e Vignato, escludendone l’impiego contemporaneo, poi va detto che Marcolini ha pagato anche le numerose assenza di una infermeria quasi sempre affollata. Ieri, oltre a Ongenda che ha visto il campo pochi minuti, mancavano Di Noia e Ceter a cui dopo un paio di minuti di gioco si è aggiunto Garritano, l’elemento forse più in forma del centrocampo attuale. Auguri

    1. Maxim scrive:

      Mi è partito il commento…. Termino dicendo che generalmente questo è un aspetto riguardante più una squadra da media-bassa classifica…. Eppure si è in zona playoff (a stento e salvo recuperi)…. Aglietti (se sarà lui) può sistemare qualcosa, ma i miracoli difficilmente si ripetono e più probabilmente la qualità dello scorso Hellas era di un altra categoria semplicemente soffocata dall enigma Grosso…. Qui di qualità ce n è meno delle prime 3-4 squadre della classifica, a dirne poche, e si vede….. Ma basterebbe qualche idea nuova e una forma ottimale entro un mese…. Personalmente non ci credo

      1. Maxim scrive:

        Quando una squadra ha un tale ruolino di marcia con le ultime 5-6 della classifica vuol dire innanzitutto che ha poche idee nello scardinare difese evidentemente arroccate (che non dovrebbe essere un grande problema, vista la differenza reti delle stesse….ma lo è!) e che è più competitiva laddove trova squadre più portate al gioco

        1. Guido scrive:

          Quando ho visto Cesar in campo mi son chiesto com’era possibile preferirlo a Vaisanen. La partita lo ha spiegato immediatamente: un suicidio. Ma non voglio ovviamente caricare la croce solo si Cesar, tutta la squadra è apparsa smarrita, una fotocopia in brutto della partita brutta col Venezia. C’è poco da dire, oggi si è toccato un … nuovo fondo, mercoledì chissà?. Certo Marcolini ci mette anche del suo togliendo Obi e insistendo su Cesar e lasciando in panchina Vignato e Dickmann che poteva certamente entrare al posto di Esposito che, col passare del tempo, peggiora sempre di più. A questo punto servirebbe una scossa, temo che dovendo giocare mercoledì sera e poi di nuovo lunedì 9 marzo, ancora a porte chiuse?, Marcolini resterà e ci trascineremo fino alla fine in questo assurdo saliscendi. Certo che ci vuole coraggio per seguire il CEO quest’anno.

          1. Andrea scrive:

            Dopo la partita di stasera Marcolini via subito

            1. ARTURO scrive:

              Buongiorno Alessandro,
              non sono d’accordo con il titolo del tuo blog “Giudizio sospeso” e nemmeno con il contenuto.

              Mi sembra che ci sia dell’astio da parte tua nei confronti della società, altrimenti non mi spiego questa tua negatività.

              La squadra è in crescita continua e nelle prossime giornate sarà pienamente dentro ai playoff.

              Probabilmente il 2° posto sarà difficile da raggiungere, ma vinceremo sicuramente i playoff, perché siamo inferiori solo al Benevento.

              • Bette scrive:

                Da parte mia nessun astio verso la società con cui peraltro sono in eccellenti rapporti… detto questo, analizzo in base a quel che vedo… non faccio il tifoso ma guardo con oggettività… e sono anche critico senza problemi non solo dentro questo blog ma anche a voce con i diretti interessati… ritengo che i rapporti si debbano basare sull’onestà intellettuale e non sul servilismo…

                • Fabio scrive:

                  Mi chiedo e ti chiedo, alla luce dei confronti che hai in società se la tua sensazione sia più di una difficoltà a fare sto benedetto salto di qualità da parte della gestione oppure x una mancanza di convinzione vera e quindi di determinazione da parte della società a voler tornare realmente quest’anno in serie A… non sarà che si voglia attendere un anno per riportare equilibrio ed un progetto meglio costruito? Oppure ritieni che Pellissier non abbia ancora il coraggio di far la voce grossa e sacrificare il vecchio compagno Marcolini in favore di un allenatore di maggior esperienza?

                  • Bette scrive:

                    Potrebbe anche trattarsi di strategia… da una parte il presidente parla di salvezza, dall’altra Pellissier invece dice altre cose… L’attesa di un anno potrebbe essere pensata ma controproducente… vero che prendi un altro paracadute, vero che avrai comunque il budget più alto degli atri, vero che ti libereresti di contratti folli ancora in essere ma poi non ci sarebbe più appello…

                • ARTURO scrive:

                  Concordo sull’onestà intellettuale e non sul servilismo, ma ritengo i tuoi blog (non solo questo) eccessivamente critici. Secondo me la squadra sta facendo un interessante percorso di crescita e ritengo anche che siano state più le partite in cui avrebbe meritato risultato migliore rispetto a quelle non giocate all’altezza.

              1. Guido scrive:

                Difficile esprimere un giudizio complessivo su una squadra che alterna discrete partite con cadute verticali come è stata quella col Venezia. Le ultime due, con Frey a destra e Garritano a fare il mediano, mettendo Giaccherini dietro le punte, sembra aver trovato un certo equilibrio e, non a caso abbiamo fatto due vittorie consecutive con Salernitana e Pordenone, senza incassare gol. Anche la coppia centrale con Vaisanen a fianco diLeverbe sembra garantire una maggior sicurezza rispetto a Cesar, decisamente troppo lento nelle ultime sue partite. Ora troviamo il Livorno che andrà affrontato con la massima concentrazione, se conquistiamo la terza vittoria consecutiva potrebbe anche esserci la svolta. Concordo sul fatto che, trovata la formazione tipo, non ci si debba scostare più di tanto, forse affretterei i cambi con l’ingresso di Vignato e Ceter , poichè sia Giaccherini che uno tra Meggio e Djordjevic devono rifiatare, poichè sono chiamati ad un lavoro di contenimento degli avversari che gli fa esaurire l’ossigeno e negli ultimi 20 minuti abbassano sia la corsa che la lucidità d’azione. Impresa al limite arrivare al secondo posto, però se arriviamo ai play off con una certa freschezza, e qui il compito è dei preparatori atletici, forse si riesce nell’impresa, quasi miracolosa, di risalire in A.

                1. Maxim scrive:

                  Io non ho trovato astio, francamente….. Anzi, ho trovato un moto di "cosa ti dicevo" verso i negazionisti della qualità Chievo come il sottoscritto….ma ci sta…benche io continui a dire che il Chievo non è superiore ad altre come si pensa (ma io posso essere in errore…..non sono il caramellas negativo a prescindere per mera trollaggine….se i risultati diranno che mi sono sbagliato, lo farò senza rompere gli zebedei gg x gg)…. Poi l essere brutti sporchi cattivi e in forma a primavera aiuta molto più che l avere 11 nomi illustri senza amalgama o con poca anima

                  1. Cinghiale Bianco scrive:

                    Ti sei dimenticato della mitica rimonta della Juve Stabia dal 2-0 al 2-3!!! ;)

                  Lascia un Commento

                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                  Accetto i termini sulla privacy

                  *