28
ago 2017
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 58 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.360

IL GRANDE FREDDO

Il grande freddo. Lawrence Kasdan insegna. La mia sensazione, parlando con le persone e interagendo in pubblico e privato sui social, è che allo stato attuale ci sia un solco tra la dirigenza del Verona e i suoi tifosi. La comunicazione è poca, e quella poca è fatta male (non mi riferisco all’ufficio stampa).

Prendete il caso Pazzini. Pecchia e Fusco spiegano la sua esclusione con il Napoli adducendo fumosi motivi tattici; Pecchia motiva la sua seconda esclusione di Crotone parlando di uno stato di forma non al top. “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca” amava dire Andreotti, che aveva tanti difetti e un pregio: era intelligente come pochi. Ora è chiaro che il cattivo pensiero di molti è andato al mercato e a una possibile volontà di cessione del Pazzo, ancora beneficiario di tre anni del ricco quinquennale che gli fece firmare Setti nel 2015. Ma così fosse, perché non preparasi il terreno per tempo? Perché, in linea generale e in via ufficiale, senza entrare nel caso specifico, spiegare la linea finanziaria del club? Perché, nel caso specifico e in via ufficiosa, non mettere in giro la voce su Pazzini già da luglio in modo da abituare la piazza all’idea? Invece tutto (e per tutto intendo anche solo il sospetto) è emerso improvvisamente. Una freddura che i tifosi non meritavano. Così, comunque vada, sarà un insuccesso. Che Pazzini vada o rimanga il cerino resterà a metà tra la società e l’allenatore aziendalista. E resterà la traccia di un pasticcio. Ovvio, tutto poi gira intorno ai risultati e se si vince ogni cosa cadrà nel dimenticatoio. Ma perché complicarsi la vita in una stagione che si annuncia già difficile di suo?

Ma Pazzini è solo la cartina di tornasole di un problema diffuso. Troppe quest’estate le situazioni mal gestite nel metodo. Su tutte, comunque la si pensi, l’addio polemico di Toni (si è fatto davvero di tutto per evitare quella conferenza stampa?) e il caso Cassano (era necessario che Fusco si esponesse in quella conferenza stampa mettendo di fatto il timbro della società sulle dichiarazioni di un calciatore inaffidabile e ipermediatico?).

Mi direte “ma tu scrivi con il senno di poi”. Chi è dirigente (dal presidente in giù) deve pensare con il senno di prima.

6.360 VISUALIZZAZIONI

58 risposte a “IL GRANDE FREDDO”

Invia commento
  1. balacherugola scrive:

    Conclusioni dala conferenza del Fusco e da tuti sti ultimi giorni/stimane:

    - Emo scoperto dopo diese ani che chiericheto facia da can bastonà Gomez l’è in realtà un bullo de quartiere che crea problemi…
    D’altronde l’è sempre stà na testa calda el buon Juanito…

    - I schei par far el mercato no i ghè mia parchè ià investio tutto nel metar a posto l’antistadio.
    Infatti son passa stamattina col me pooro can filippo e ho catà la stradela lastricà de oro e diamanti. Tanto che el pooro filippo el sa sponcia na sata.

    - Giorgevic, Bony, Messi e CR 7 no iè mia venui parchè no i€ra mia convinti del progetto.
    Ah no par bony no gh’€ra mia i tempi tecnici…

    - Fares nonostante chiunque el le veda sugar el vede na timida gazela che suga sensa mezi nè servel e che emo sa visto e verificato sia inadatto anche alla B vincerà il pallone d’oro.

    - Pazzini nol suga parchè no l’è in condizione. No speta nol suga parchè ghè bisogno de uno chel core. No speta nol zuga parchè ghemo da vendarlo chel gha l’ingagio alto.

    E a fine calciomercato: No ma tanto l’è na mesa pipa che l’ha fatto 100 e passa gol par cul… Meo sugar senza ponte ma con FARES.

    - Na squadra che in rosa la tenuo tupta nicholas stefanec FARES bearzotti felicioli e l’ha manda via siligardi luppi gomez e ganz non solo l’è più forte e non l’è mia rischiosa ma l’è CORAGGIOSA.

    In effetti par dir certe robe che vol un bel corajo………….

    1. Leone scrive:

      C’è un abisso tra società, squadra e tifosi. Una società fatta di spocchiosi aziendalisti che di veronese non hanno nulla, nemmeno il cuore e senza quello, che ha contraddistinto la nostra storia, non si va da nessuna parte.

      Tra l’altro anche come aziendalisti ne imbroccano poche e qualche figuraccia l’hanno fatta, in primis il caso Cassano, ma anche aver lasciato andare delle bandiere forse troppo presto, come si volesse smantellare chi nel Verona mette in cuore e volessero lasciare i professionali, un ambiente senza emozioni e questo la gente lo percepisce.

      Io spero che Setti venda il Verona, sono stufo di lui, dei suoi modi delle sue dichiarazioni e delle sue mancate dichiarazioni, sto persino arrivando al punto di rimpiangere gli anni in lega pro con Martinelli, quando anche quando andava male si sentiva l’amore e la passione della società per i suoi colori e la sua gente e la gente soffriva ma ricambiava, ora c’è come dici tu, il grande freddo.

      • avanti i blu scrive:

        Ma scusa una societá (qualsiasi societá) di cosa dovrebbe essere fatta se non di aziendalisti?

      • Maxhellas scrive:

        Con Martinelli abbiamo fatto la serie C e un anno di serie B sfiorando la promozione ai play off.
        Un periodo eroico. Grande entusiasmo. Atmosfera elettrica allo stadio.
        Atmosfera che purtroppo non c’è più nelle ultime 2 stagioni.

        • Magni72 scrive:

          si ed infatti si era mangiato tutto e se non vendeva a Setti, fallivamo.
          Ha rilasciato parecchie interviste dove diceva che non ce la faceva piu’ a mantenere il Verona e non solo per le sue condizioni fisiche. I suoi figli non ne volevano sapere dell’Hellas.
          Parli di periodo eroico…io mi ricordo dei fenomeni che avevamo in squadra e rabbrividisco al pensiero.

          Ora in 4 anni 3 di A di cui due molto buoni ed uno pessimo. Uno di B discreto.
          Trovate un arabo o un cinese e portatelo qua a comprare l’Hellas…fino ad allora teniamoci stretti il carpigiano con tutti i suoi difetti.

          • HVAC scrive:

            Martinelli ha paraticamente regalato il Verona al carpigiano, pardon a Volpi, il vero Setti è quello degli ultimi due anni, campionato fallimentare, promozione grazie agli aiuti di stato e non mercato 2017, speriamo in una botta di culo ma sarà dura…

            • Jes scrive:

              Regalato? Cisi mette poco a dimenticare quello che non piace.
              Vai a vedere i vecchi articoli.
              Va bene contestare ma dire cavolate….

      1. bkl scrive:

        IL calcio è azienda. minima spesa massimi guadagni. purtroppo alla faccia nostra.ok ci sta.
        il resto sono chiacchiere. fa pensare pero’ il fatto che l’allontanamento di personaggi carismatici come Toni, , Maietta.. etc vadano nella direzione opposta a quella di un progetto a lunga scadenza.
        in ultimo la messa ai margini di Pazzini, l’unico che ha fatto la differenza l’anno scorso. Perchè non avrebbe dovuto incazzarsi ? è sceso in B ha fatto i suoi goals, ha mantenuto le aspettative.
        davvero dovremmo pensare che si sta facendo il bene del verona con prestitini e scommesse improbabili ?
        noi siamo e saremo sempre qui. molti , setti compreso, secondo me non resteranno a lungo. Spolpata la ciccia lasceranno l’osso

        1. ciccio scrive:

          non dovresti citare Andreotti…. c’è pieno di gente che usa questa frase e critica/pensa male 99volte su 100 pensando di aver ragione.. peccato che l’intelligenza resti nel cassetto….

          1. El balota scrive:

            Francesco, secondo te quanto coincidono gli ultimi due anni a zero investimenti di Volpi a Spezia con i due anni a sacrifici di Verona?

            • Simone scrive:

              Volpi a La Spezia è probabilmente interessato concessioni e spazi sui porti per gas e petrolio. Riporto qui un messaggio che mi ha mandato un mio amico di Genova abbastanza informato sulle faccende: “In ogni posto di italia (almeno) chi vuole concessioni pubbliche fa opere per lo sport, a tutti i livelli dal dilettante al professionistico. Dalla raffineria di busalla che regala la palestra alla squadra locale di pallavolo all’operatore logistico che compra la squadra di livorno perché interessato al porto o l’alessandria per gli spazi intermodali.
              Lo stesso spinelli quando volevano chiudere le acciaierie di genova suggerì a riva di comprare la samp così il comune avrebbe smesso di rompere il cazzo con le emissioni nocive”. Spero di essere stato utile per capire come “funzionano” certi sistemi.

            1. die980 scrive:

              Caro Francesco,

              come avevo già avuto modo di scrivere e come sottolineato da altri tifosi qui, ritengo sarebbe d’obbligo una seria riflessione sulla società del signor Setti. Voglio dire, mi piacerebbe tanto sapere tutto dei flussi di denaro del Verona Hellas negli ultimi anni, del cambiamento repentino da modello Borussia a modello Crotone (a modello Subbuteo tra un pò). Dal perchè anni fa trattavamo Paulinho e Bonaventura e adesso non riusciamo nemmeno a competere con Benevento e Spal sugli ingaggi. Mi piacerebbe sapere a che punto è il centro sportivo. Paracadute e plusvalenze…dove sono stati spesi? Credo sia diritto di un tifoso essere al corrente della situazione economica della propria squadra.
              Per non parlare poi di come vengono trattati alcuni casi mediatici. L’ultimo, cronologicamente parlando, quello di Pazzini. A mio avviso uno scempio vero e proprio. Un giocatore dato per caposaldo, poi relegato in panca, poi sicuro partente e adesso di nuovo in rosa. Non voglio nemmeno parlare di Cassano, sarebbero troppe (o troppo poche?) le considerazioni da fare. Cosa sta succedendo?

              Un abbraccio

              Diego

              1. stezul scrive:

                Io vedo una società ed un allenatore aziendalista che stanno prendendo in giro i tifosi. Faccio un esempio: mio figlio, 8 anni, dopo l’esaltante exploit dello scorso campionato, ha voluto a tutti i costi la maglia ufficiale del Pazzo. Hai voglia a dirgli “cambiranno il presidente, il giocatori e l’allenator” a un bocia di otto anni, in una città “straniera” (abitiamo a 180 km da VR), con tutti gli amici che tifano El’Inter, Rubentus e Milan (in quest’ordine), unico a seguire anche in B tutto il campionato e sapere i marcatori dell’Hellas partita per partita e minuto per minuto quando i suoi amici e compagni di calcio tifano soltanto le grandi squadre e non sanno nemmeno il risultato che hanno fatto la domenica prima…
                Dicevo: hai voglia a fargli la predica del “si tifa la maglia non i giocatori”… Per i bambini servono anche gli idoli. Ebbene: gli ho detto la settimana scorsa che probabilmente il Pazzo se ne andava ed è scoppiato a piangere. Io questo non lo perdonerò mai al Presidente, a Fusco e all’allenatore aziendalista….
                Dopo che quest’estate gli avevo detto, “è arrivato Cassano, quest’anno ci divertiamo”…. belle figure di merd@, società schifosa! Scusate, sfogo finito (per il momento)

                • Ziga scrive:

                  Te ghe reson Stezul.
                  Dighe a to fiol che non val la pena de piansar par la faccia de merda del nostro “amato presidente” Dalla vendita de Jorgigno che el ne prende tutti par el cul. Massa coioni semo…

                • Bruno scrive:

                  Caro Stezul,
                  tuo figlio, esattamente come il mio, ha già imparato che questo folle e disperato amore per l’Hellas Verona comporta anche dei momenti di tristezza e qualche piccola lacrima.
                  Eppure tra qualche anno impareranno che la misteriosa alchimia di questo amore guarisce tutte le ferite e rende invincibili.
                  Per quello che può valere, accetta questo consiglio: fai stampare sulla maglia di tuo figlio il suo nome e non quello di un giocatore, e digli che c’è qualcuno, ad esempio un mona di nome Bruno, che pensa che il vero idolo del Verona di oggi è proprio lui con la sua bella maglietta e non questi mercenari, aziendalisti e faccendieri. Lo penso veramente perché vedo che il suo vessillo gialloblù svetta altissimo, molto al di sopra delle altre bandiere strisciate che lo circondano.
                  Un abbraccio a te e un bel cinque al tuo buteleto. Ciao!

                  • Magni72 scrive:

                    concordo.
                    non faro’ mai prendere una maglietta con il nome di un giocatore a mio figlio.
                    faro’ sempre mettere il suo.
                    noi siamo l’Hellas non i mercenari che scendono in campo e che hanno pure l’ardire di incazzarsi se non li fanno sempre giocare….bimbi viziati

                  • Cesaretto scrive:

                    Complimenti,
                    il tuo post mi ha fatto commuovere

                1. stefano scrive:

                  Carissimo Francesco, sarebbe possibile raccogliere i dati ggettivi disponibii su entrate ed uscite del Verona dall’inizio dell’era Setti ad oggi e fare un post? So che sono dati pubblici e che uno se li può anche cercare da solo, ma credo che molti apprezzerebbero un servizio simile, giusto per riassumere quanto è avvenuto e capire come mai siamo sempre senza un euro. Poi ognuno tirerà le sue conclusioni. Grazie.

                  1. Ghevro scrive:

                    Purtroppo,con questa presidenza sono state accantonate tutte le persone che hanno dato un qualcosa in più x la nostra maglia.Non posso perdonare l’accantonamento di Puliero, il siluramento di Sogliano,le cessioni dei vari Ceccarelli,Maietta,Moras,Cacia,Juanito,il caso Toni e la quasi cessione di Pazzini.
                    Setti non ha capito che a Verona non vogliamo nomi,vogliamo Uomini che mettano passione x la squadra !

                    • Andrea scrive:

                      Sogliano ha fatto buchi, dai.

                      La questione non è Fusco: Fusco ha fatto miracoli con le due palanche che gli ha messo in mano Setti.

                      Ma, anche facendo miracoli, due palanche restano due palanche.

                      • Andrea scrive:

                        Sono decisamente deluso dalla società.

                        Abbiamo due punte in attacco: una di 33 anni a fine carriera, e una giovane promessa di 17 anni. Poi un altro talento, un esterno-trequartista giovanissimo, ma da costruire (anche fisicamente: devono mettergli addosso muscoli, o Lee non vedrà nemmeno la palla).

                        Cioè niente di certo.

                        Un portiere che è una scommessa.

                        Una serie di giocatori che viene da annate difficili: certamente qualcuno farà bene, che TUTTi facciano bene è un’altra scommessa non da poco.

                        Infine un allenatore nuovo di categoria, che sarà anche costretto a fare da parafulmine.Anche lui una scommessa.

                        La vedo dura, troppe cose devono girare per il verso giusto tutte assieme.

                        La ciliegina sulla torta, ora, sarebbe non sostenere questa squadra, che colpe non ha.

                        Ma Setti ha davvero speso nulla.

                        Per me siamo da penultimo posto: se

                    1. Boso scrive:

                      Impeccabile

                      1. Stefano scrive:

                        Ormai Setti è spudorato da due anni a questa parte, fa l’esatto contrario di quanto afferma in conferenze stampa la cui convocazione giunge sempre in extremis, quando il 90% dei tifosi sono inviperiti e pronti a crocifiggerlo. Quanti, dei millantati 20 milioni di budget per il mercato, sono stati utilizzati? Inizio a pensare che il carpigiano abbia scelto Fusco per l’affidabilità del ds napoletano che mai e poi mai entrerà in rotta di collisione con i presidenti dei quali si fa portavoce e anima nera. Fusco infatti è l’esatto contrario di Sogliano: super aziendalista, affettato, dotato di ottima dialettica. D’altronde, Setti non sarebbe mai riuscito ad imbrigliare un sanguigno, ambizioso e carrierista come Sogliano che, durante la sua permanenza a Verona, ha alzato sempre più l’asticella fino ad essere epurato perchè appunto reo di volere il meglio per il nostro club.

                        1. Luca scrive:

                          CURVA SUD MARCHE
                          @Simone tuttologo, anno scorso se avessi allenato io(un profano ) saremmo andati in A a marzo!

                          1. Oste scrive:

                            Matteo, ma se vince senza Pazzini?? Sa succede?

                            1. Matteo Boarotto scrive:

                              Se dicessero la verità' : Toni fatto fuori xche' il suo ingaggio troppo alto e pazzini a 35 anni e' un costo e se fa bene il prox anno hai un vecchio e se fa male ha un ingaggio troppo alto . Meglio venderlo e investire su un giovane a ingaggi nella media dell' hellas . Pecchia incapace come allenatore solo che prima la squadra era da B e ha vinto , oggi siamo in A e la squadra non è ancora da A quindi pecchia deve metterci del suo : Fares centravanti e non contento secondo tempo toglie cerci X pazzini e fares X fossati . Fares e' scarso con rinnovo al 2021 …. avrei esonerato pecchia gia' dopo cittadella e domenica sono sicuro che mettera' Pazzini titolare . Se verona vince e gol di pazzini tutti a dire bravo pecchia che hai aspettato , se perde e pazzini non gioca bene , dita' avete visto? Risultato 3 partite 1 può e rivedremo il verona di mandorlini che colpe non ne aveva xche' la squadra era di serie B !!!!

                              • Simone scrive:

                                Perché, questa è una squadra da A? Lo scorso anno squadrone con un pisano inguardabile da due anni, souprayen tutto polmoni e zero piede, Caracciolo che veniva da un’annata strepitosa a Brescia (finito a metà classifica e con 63 gol incassati), bianchetti chi, Bessa alla sua prima stagione da protagonista, Zuculini idem dopo fallimenti a ripetizione, nicolas, Siligardi e Luppi fortissimi infatti i è ancora in b…

                              1. Matteo Boarotto scrive:

                                V

                                1. Gianhellas69 scrive:

                                  Pessimismo ghe ne…..e se non El ghe i tela far veniar.

                                  1. mir/=\ko scrive:

                                    e se vuoi restare a Verona, caro Maurizio, ti consiglio il CEREA!!!! club storico granata!!!!! arrivò a sfiorare la promozione in C2… pensaci Maurizio!! Fares, Nicolas e Souorayen già li hai a disposizione….

                                    1. mir/=\ko scrive:

                                      SETTI VENDI!!!! e comprati il " SAN GIOVANNI IN PERSICETO FOOTBALL CLUB" !!!!!!!!

                                      1. Nessuna Resa! scrive:

                                        Quando ci libereremo di Settorello e la sua corte di giullari (ds e allenatore) sarà sempre tardi! Anche perché probabilmente accadrà quando sarà troppo tardi ed i danni saranno stati fatti. Lo scollamento c'è ormai da più di 2 anni, sancito definitivamente da quell'indecorosa ed ignobile retrocessione che temo, viste le premesse, possa ripetersi. A chi ancora difende l'indifendibile o semplicemente pensa che poiché in giro c'è di peggio, bisogna tenersi ste miserie, consiglio di svegliarsi in fretta altrimenti poi al risveglio si ritroveranno bruscamente in un incubo stile Pastorello. Peccato perché tanti ci hanno messo del loro per distruggere quel clima che si era creato tra società, squadra e tifosi nella cavalcata che iniziò in lega pro e durò fino al primo anno di A. È stato fatta tabula rasa di allenatore e giocatori simbolo che avevano cementato un gruppo nell'inferno della lega pro e poi dopo la scomparsa di Martinelli ed il passaggio all'attuale proprietà, anche se probabilmente (e non lo dico certo io ma finanza e stampa) i primi 2 anni, guarda caso dove i soldi non mancavano, il vero proprietario era qualcun altro che sta in Liguria, poi è calato il buio nel quale siamo tutt'ora. Auguri di cuore Hellas, ne avrai bisogno!

                                        • Simone scrive:

                                          Il problema non è che partono giocatori, allenatori o dirigenti. In tutte le squadre succede questo. A Udine, a Bergamo, al Chievo eccetera negli anni hanno cambiato di tutto e di più. E anzi, a me va bene perché nessuno è indispensabile, quello che è determinante è un’idea chiara, che ti porti possibilmente a consolidarsi il più possibile nella categoria, e soprattutto è necessario avere le potenzialità per riuscirci. La differenza tra il primo Setti e questo è che è venuto evidentemente meno quest’ultimo determinante fattore.

                                        1. Maxhellas scrive:

                                          Caro Francesco, io sono personalmente convinto (e non da oggi) che Setti ci porterà a dover ricominciare dalla serie D.
                                          Spero di sbagliarmi, ma la quantità di quattrini incassati dalla società (tra paracadute, diritti e cessioni) e le miserie spese (acquisti veri molto pochi), messe insieme alla perenne mancanza di fondi, mi fa pensare che ci siano giri poco chiari tra le varie “scatolette” estere. Ma questo lo sapremo ovviamente solo dopo.
                                          Piuttosto, mi fa un po’ specie che nessuno (e sottolineo nessuno) durante le pur rare conferenze stampa di Setti gli abbia mai chiesto di spiegare il mistero di cui sopra. Cioè quali sono le spese che hanno assorbito il fiume di entrate degli ultimi anni. Mi parrebbe una domanda legittima, alla quale il presidente potrebbe rispondere come vuole. Ma almeno saprebbe che a più di qualcuno i conti non tornano.
                                          Invece sempre li a lisciargli il pelo.
                                          Domanda: ma è così potente sto personaggio qua? Che rischi ci sono a fargli le domande scomode? Fa così paura?
                                          Cos’è? Paura di venire esclusi dalla società come accaduto a Puliero?

                                          1. HVAC scrive:

                                            Si sperava che dopo la gestione pastorelliana certe pagliacciate fossero finite ma evidentemente non è così, purtroppo uno degli effetti nefasti degli anni di Lega Pro è stato un pericoloso accontentarsi da parte di tutto l’ambiente, ma l’Hellas Verona per tradizione e pubblico è e resterà una società da Serie A, questo Setti e Fusco lo devono capire, altro che modello Crotone!! Mi auguro vivamente che chi di dovere (Giornalisti e Curva Sud) glielo facciano capire…

                                            1. Michele scrive:

                                              Prepariamoci:

                                              Qui tutto si sta allineando in tempistiche e situazioni all' storia del fallimento Parma… e poi qualcuno che simpatico non e' ma imprenditore serio si lo aveva già detto a suo tempo El patrono del Napule… purtroppo aveva e HA ragione!!! De Laurenti ci aveva avvisato…

                                              1. carletto scrive:

                                                Tutte considerazioni belle e giustissime, da Francesco, a Marcus, a Leone, a Parmenide. Ma che rapporto volete che ci sia quando arriva uno che ha il solo scopo di fare soldi alle spalle di una città ? Lo dissi fin dall’inizio: non puoi fare il Presidente in serie A quando alle spalle hai una piccola azienda che fattura, sì e no, 50 milioni; e, se lo fai, è perché hai delle altre mire. Ma qui molte colpe le hanno quelli che hanno sempre affermato che non esistevano alternative al magliaro. La realtà è che l’Hellas ha sicuramente pretendenti importanti (lo stesso Tacopina ha dichiarato di averci provato), ma il magliaro non vende fino a quando non ha finito si sistemare i suoi problemi finanziari. Il resto, da Fusco a Pecchia, a Cassano e a Pazzini, è solo una conseguenza

                                                • Maxhellas scrive:

                                                  Concordo in pieno!
                                                  Il problema è che a Setti del Verona e dei suoi destini sportivi non interessa nulla.
                                                  L’unico obiettivo è girare le plusvalenze a suo uso e consumo e lasciare a chi verrà dopo una scatola vuota…o una società fallita che ricomincia dalla serie D.
                                                  Questa è esattamente la mia opinione su Setti dal 2014 in poi.
                                                  Spero vivamente di sbagliarmi, ma per ora quello che sta avvenendo non mi sorprende affatto.

                                                1. CoachR scrive:

                                                  Ciao Francesco,
                                                  come sempre riesci ad offrire spunti di riflessione e lo fai con cognizione di causa.
                                                  Concordo con Te sul fatto che il problema più urgente per tutti i tifosi del il verona non sia tanto come finirà l’attuale calcio mercato, ma comprendere una volta per tutte la situazione economica delle società.
                                                  Da troppo tempo non si riesce ad avere un quadro chiaro.
                                                  Personalmente posso anche trovare legittimo che un imprenditore acquisti una società di calcio per fare del business….ma per fare business occorre sempre fare degli investimenti.
                                                  Vivere sulle plusvalenze è possibile a patto di acquistare (sottolineo acquistare, quindi avere la completa titolarità!) giocatori, valorizzarli e poi venderli a prezzo decisamente maggiore. O ancora sfornare talenti dal settore giovanile e avere la capacità di farli giocare in prima squadra.
                                                  La cosa che mi lascia più basito è il mistero della situazione economica della gestione Setti….è stata rilevata una società con bilanci puliti, sono state fatte cessioni importanti, sono arrivati fior di soldini dai contratti televisivi, dagli sponsor e dagli abbonamenti/biglietti…….dove sono finiti tutti questi soldi?
                                                  Non riesco a trovare una quadratura, mancano all’appello diversi milioni di euro.
                                                  In conclusione da tifoso rivolgo una preghiera a Te Francesco e a tutti i tuoi colleghi giornalisti che vogliono bene al Verona. Fate tutto ciò che vi è possibile per trovare delle risposte, aiutateci a fare chiarezza.
                                                  Altrimenti ogni stagione sarà un inferno, a prescindere dai risultati del campo.

                                                  Forza Verona!

                                                  1. Mattia scrive:

                                                    Bel post Marcus

                                                    1. Marcus (SGAPMIGLF) scrive:

                                                      Mai titolo fu tanto appropriato:
                                                      “IL GRANDE FREDDO”
                                                      Cosa può infastidire?
                                                      Una piazza notoriamente calda, caldissima come quella dell’Hellas Verona?
                                                      Se non un Presidente, che assomiglia tanto, tantissimo ad un ghiacciolo!
                                                      Un individuo che parla, anzi non parla mai!
                                                      Un individuo che lascia trasparire tanta arroganza!
                                                      Tanta prepotenza nei modi!
                                                      Tanta tanta tantissima freddezza e antipatia!
                                                      Zero sensibilità!
                                                      Zero comunicativa!
                                                      Tanta arroganza!
                                                      Per non parlare della gaffe! Gaffeur! Gaffes!
                                                      Gaffe imperdonabile!!!
                                                      Tutti ricordiamo l’exploit quando andò in TV!
                                                      E raccontò come nacque secondo lui, l’Hellas Verona!
                                                      I famosi ragazzi Greci!
                                                      Che passavano da Verona!
                                                      ecc ecc ecc…
                                                      Io trovo che questo “Signore” sia di una insensibilità inarrivabile!
                                                      Non c’è affetto!
                                                      Non c’è amore!
                                                      Senza di quello le montagne non si spostano.
                                                      Senza di quello le magie!
                                                      Non si attuano!!!
                                                      Senza di quello c’è spazio solo per l’indifferenza dei cuori dei Butei!!! (Verso di lui!)
                                                      Manca il bacio del vero amore!
                                                      Ricordate la famosa favola!
                                                      Ecco qui non c’è più spazio per le favole!
                                                      Se Setti non capisce questo, non andremo da nessuna parte!
                                                      Siamo come degli assetati in pieno deserto!
                                                      Se nessuno ti disseta!
                                                      Che fai!
                                                      Muori.
                                                      Setti lei è una persona terribilmente arida!
                                                      Lei ci sta svuotando!
                                                      Mi chiedo come hanno fatto!?
                                                      I Butei ad andare fino a Crotone!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                                                      Quello e solo quello è vero amore!!!
                                                      Mediti Signor Setti!
                                                      Lei l’unica cosa che ama, sono i soldi.
                                                      Metta in campo quelli!
                                                      I SOLDI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

                                                      • Marcus (SGAPMIGLF) scrive:

                                                        Se gli toccano i SOLDI!!!
                                                        PARLA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                                                        E COME SE PARLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                                                        Che grettooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                                                        Lei Setti non può stare al pubblico!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                                                        E RESPINGENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

                                                      1. Mattia scrive:

                                                        Carissimo barana ti semplifico il tutto con questa antiquata ma sempre attuale frase "tutti utili ma nessuno indispensabile con questa società cialtrona".
                                                        Quindi siete voi giornalisti che dovete andare a bussare la porta di via Belgio e chiedere spiegazioni.forza il Verona

                                                        1. Tex scrive:

                                                          Però sul grande freddo hai ragione. L'abbiamo percepito un po' tutti. Questo distacco si sente eccome

                                                          1. Parmenide scrive:

                                                            Questo soggetto ( il presidente) e la sua corte fanno tutto ciò vogliono. Prendono per i fondelli l’intera città, hanno la faccia tosta di dire in conferenza stampa delle balle smentite il giorno dopo. Pazzini? Arriva, contratto di 5 anni, rimane in B riducendo l’ingaggio, ci porta in A con 22 gol, e’ indiscusso leader e capitano di un gruppo. Risultato? Viene messo in panchina le prime due partite d’esordio e sostituito con chi? Messi? Nooo, Fares… Questa e’ la vera riconoscenza di un trio ( allenatore – direttore sportivo- presidente ) nei confronti ad un giocatore umile e signore come il Pazzo. Capito? Ri co no scen za!
                                                            Aprite gli occhi, non c’è piu nulla da capire! Facciano quel che vogliono, le chiavi del vapore le hanno loro ma essere passati per scemi no. Bella partita a Crotone, pecchia ha avuto persino nuove indicazioni per il futuro dove, probabilmente penserà di recuperare i punti di ieri a San Siro. Ma dai quali indicazioni, abbiamo visto tutti che nel secondo tempo non abbiamo fatto un tiro in porta ma probabilmente Pecchia ha capito che bisogna tirare…. Intanto Fares corre come un matto senza fare un tiro… Cosa volete paragonarlo a Pazzini? Hahaha. PS: voi tre siete dei miti.

                                                            1. Stefano scrive:

                                                              E PURTROPPO NON È TUTTO QUI…..SIAMO SOLO ALL'INIZIO. COMUNQUE FORZA VERONAHELLAS

                                                              1. MarcOsvaldo scrive:

                                                                È da giugno che la società parla di "modello Crotone"… a me sono sembrati abbastanza espliciti nel descrivere i programmi per la stagione appena iniziata, o sbaglio?
                                                                ovvio che comunque certe figuracce (come i citati cassano e Pazzini) non le fanno neanche a Crotone…

                                                                • Francesco Barana scrive:

                                                                  io qui parlo di esplicitare in generale la linea finanziaria, in modo che poi le specifiche operazioni in entrata ed uscita vengano capite. Modello Crotone era una dichiarazione più calcistica, per indicare il tipo di campionato.

                                                                1. avanti i blu scrive:

                                                                  Ciao Francesco, tutto ciò é la naturale conseguenza dell’agire di un presidente che di fatto non ha mai certato di fare anche solo lo sforzo di capire l’Ambiente Verona.

                                                                  1. RobyVR scrive:

                                                                    De solito el tifoso el vive de speranze, con sti qua te vivi de misere certesse: no ghe futuro. Manco fussimo i ses pistol.

                                                                  Lascia un Commento

                                                                  *