26
feb 2017
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

618

LO STADIO SALVATO DALLE ACQUE

Prendete lo stadio della Roma.

Prima era in zona a rischio idrogeologico, poteva essere sommerso dalle acque da un momento all’altro, giurava Beppe Grillo.

Due giorni dopo (non un anno: due giorni) si son messi d’accordo, hanno tolto dal progetto un paio di edifici e lo stadio si farà.

E le alluvioni? Più sentite nominare. Ma non è che con due torri in meno il terreno (che è sempre quello di prima)  cambi natura, o sbaglio?

Eppure non interessa nulla a nessuno. Chi è a favore continua ad esserlo, chi è contro pure. E Salvillo avanza.

E’ una regola fissa, ormai.

Vi ricordate, qualche era geologica fa, il referendum costituzionale? Sia Forza Italia che il Pd (tutto) erano stati a favore della sostanza, e quasi tutti l’avevano pure votata in Parlamento.

Poi però, c’era da far fuori Renzi. E allora tutti contro. E la gente, beata, come nella scenetta del grande Petrolini: bene, bravo, bis! A prescindere, prima che finisse la frase.

Stupido scandalizzarsi. E’ la new politics, come insegna Trump: la realtà conta zero, la narrazione è tutto, se sa cogliere la pancia (Salvillo dixit), la rabbia e le frustrazioni popolari, che in un periodo di crisi sono millanta che tutta notte canta.

Mi sfogo come un frustrato? Mi sfogo come un frustrato.

Ma pongo anche una domanda. Quando andremo a votare (l’anno prossimo, credo, se a settembre non ci saranno sconquassi), trovandoci di fronte a decine di partiti e partitini (a proposito: bentornata DP, sigla della mia infanzia romantica e sognatrice), come diavolo sarà possibile trovare una qualsiasi maggioranza di governo per questo malandato e decadente Pese?

618 VISUALIZZAZIONI

2 risposte a “LO STADIO SALVATO DALLE ACQUE”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    Caro ALDEGHERI, lei è frustrato perché è FISSATO, fissato come il suo concetto di tempo, fissato con RENZI e fissato con SALVILLO.
    Come tale non è in grado di comprendere che dalla prima versione della modifica costituzionale, della legge elettorale, e degli esiti della rottamazione e delle riforme, è cambiato quasi tutto ( compreso il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ).
    Stanno scadendo i 3 anni di mora per l’ italia del FISCAL COMPACT: cosa ha lasciato RENZI?
    ROTTAMI ( fuorché di ciò che si doveva veramente rottamare ), DIVISIONI e debiti da RICATTI e da BONUS per giovani marmotte.
    Ma il tempo per lei è fissato a 3 anni fa……

    1. Norberto scrive:

      Probabilmente si vuole proprio questo: che lo spettacolo della politica sia talmente inverecondo ed inverosimile che è meglio staccare la spina, disinteressandosi di quello che accade ed occupandosi di altro. Con il vero scopo di lasciare ad una ristretta minoranza il compito di girare la giostra al proprio esclusivo interesse.
      E questo è ciò che bisogna impedire ad ogni costo!

    Lascia un Commento

    *