31
dic 2016
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 87 Commenti
VISUALIZZAZIONI

7.029

VERONA RITROVATO DOPO UN ANNO DI M…

Il presidente Setti è stato molto chiaro. E’ stato un anno di merda. Non ha ufficialmente ammesso i propri errori, ha rispolverato il motivetto della sfortuna, ma al di là delle dichiarazioni ha avuto il coraggio di tagliare con il passato e al momento la sua rivoluzione sta dando i risultati sperati. Il Verona chiude il 2016 in testa alla classifica del campionato di serie B, in linea dunque con gli obiettivi di inizio stagione. La squadra è riuscita a riprendersi dopo un periodo davvero difficile, quando ogni certezza sembrava sparita, dissolta nel nulla. E’ presto per esultare, siamo solo a metà percorso, la serie A è ancora lontana, ma dalle premesse estive terminare il 2016 con il titolo simbolico di Campione d’inverno non era così scontato (almeno per me).

Prima di parlare di mercato, di rinforzi, di cambiamenti, è giusto sottolineare la convincente prestazione dei gialloblù contro il Cesena. Adesso tutti a dire che la formazione romagnola è scarsa, quasi ridicola, facile da mettere sotto. Non è così. In questa serie B non c’è nulla di scontato e semplice. Pecchia ha imparato dai suoi errori, ha capito che Maresca non è un giocatore adatto per la sua idea di gioco, ha promosso titolare Zaccagni, ha difeso alcune sue scelte (Siligardi in primis) ed è andato avanti per la sua strada ritrovando risultati e antiche certezze.

Sono convinto che la partita più difficile (per Setti e per lo stesso Pecchia) arriverà il prossimo anno, se sarà serie A. L’allenatore insisterà sul possesso palla? Il suo Verona cercherà sempre di “fare la partita”? E con quali giocatori? Per una neopromossa che vuole salvarsi, giocare a viso aperto può essere molto rischioso. Ma avremo tempo e modi per analizzare questo aspetto. Adesso è prematuro.

Chiudo con il mercato. Stravolgere questo gruppo a gennaio sarebbe una follia. Serviranno alcuni ritocchi, soprattutto nelle seconde linee. Giusto valutare le condizioni di alcuni giocatori acciaccati e capire se potranno assicurare una certa affidabilità al loro rientro. Di sicuro in difesa manca qualcosa. A mio avviso il portiere non è un problema. Negli ultimi anni chi ha occupato questo ruolo è stato bersagliato da critiche sistematiche. Rafael, Benussi, Gollini, ora Nicolas. Ma avete visto cosa combinano alcuni loro colleghi anche più blasonati? Nicolas non ha paura ad uscire, si prende molti rischi, qualche volta sbaglia (normale) ma il suo bilancio è per me decisamente positivo. Mi spiace per Ganz, che meriterebbe di giocare di più. Setti ha assicurato che il giocatore resterà. La mia sensazione è un’altra. Spero vivamente di sbagliarmi. Simone è un buon attaccante con ampi margini di miglioramento. Uno su cui puntare per il futuro. Purtroppo però è della Juventus. E non è un aspetto di poco conto.

7.029 VISUALIZZAZIONI

87 risposte a “VERONA RITROVATO DOPO UN ANNO DI M…”

Invia commento
  1. Paolo scrive:

    Non mi convincerebbe molto se alla fine Fusco optasse per scegliere Mattiello; è un terzino destro con un bisogno disperato di mettere minuti nelle gambe, dopo aver passato l’inferno negli ultimi due anni. Arriverebbe da una squadra in cui fa la riserva solo per ritrovarsi a fare il rimpiazzo di Souprayen e Pisano. Il suo arrivo a Verona non converrebbe né al giocatore né tanto meno alla Juventus, a meno che non si punti su Mattiello al punto tale da poter garantire sia a lui che alla società bianconera che qui avrebbe un posto da titolare assicurato.

    Sarebbe meglio puntare su un altro giovane.

    • NIKE scrive:

      Qualcuno sa dirmi se l’acquisto di Zuculini jr. è un prestito secco o con diritto di riscatto

      • Simone scrive:

        “Verona – L’Hellas Verona FC comunica di aver acquistato, a titolo temporaneo, le prestazioni sportive del calciatore Bruno Zuculini dalla società Manchester City FC. Il centrocampista ha completato l’iter delle visite mediche e si è già allenato con i gialloblù grazie alla disponibilità di Manchester City e Rayo Vallecano. Bruno Zuculini ha scelto di indossare la maglia numero 33.” Questo il comunicato ufficiale sul sito del Verona.

    • Paolo scrive:

      L’unico grande vantaggio che Mattiello sarebbe in grado di offrire è la possibilità di giocare su entrambe le fasce, ma bisognerebbe intanto valutarne attentamente le condizioni fisiche.

      • viniciocaposhellas scrive:

        Io su Mattiello non ci scommetterei più di tanto.
        A dx ci sono già Pisano e all’occorrenza Romulo.
        Serve un terzino sx in grado di fare meglio di Supry la fase attiva.
        non credo Mattiello possa giocare in entrambe le fasce. Ma che affidabilità avrebbe visto che non gioca da 2 anni?

        • RH scrive:

          Io la penso all’opposto, che a sinistra siamo coperti (numericamente, perché qualitativamente supraien è da legapro).
          Pisano può giocarci, ma anche boldor, albertazzi e cherubin, nessuno dei tre spinge ma almeno la fase di copertura dovrebbero farla discretamente(e il terzino fino a prova contraria è un DIFENSORE!). Opterei per un destro, dove l’alternativa non è stata romulo, il cui posto è a centrocampo, ma Bianchetti che ha dimostrato di non essere a suo agio lì.

    • Paolo scrive:

      Kevin Diks ad esempio mi sembrerebbe una scelta migliore, almeno per la fascia destra.

    1. viniciocaposhellas scrive:

      Zuculini, speriamo che sia un bel colpo.

      Quanto mi mancano i mercati scoppiettanti di Sean con 5 giocatori presi , 5 giocatori venduti, altri 5 presi e prestati , 24 trattative e all’ultimo sempre la ciliegina.

      1. hellasmastiff scrive:

        albertazzi per maresca sarebbe un ercato da 4–

        servono senza se e senza ma 5-6 tra:

        Cheick Keita
        dalessandro
        bandinelli
        acosty
        andreolli
        mattiello
        dimarco o miangue
        iemmello o budimir
        fazzi
        nzola
        brugman o memushaj
        ritorno di wholekz

        • NIKE scrive:

          Zuculini 2 “la vendatta”

        • hellasmastiff scrive:

          Non cerchiamo un centrale, abbiamo Cherubin, se non avrà più dolore vorrà dire che ha superato il rischio dell’operazione. In caso contrario, siamo tutelati da Albertazzi, che sta facendo il percorso di recupero e dalla prossima settimana dovrebbe già fare allenamenti completi, poi bisognerà solo trovare la migliore condizione.

          qua stiam parlando di due giocatori over nella lista ma con evidenti carenze fisiche da sempre……….. allucinante………..

        1. viniciocaposhellas scrive:

          Quindi riassumendo:
          Se non recupera Cherubin verrà inserito Albertazzi, se recupera Cherubin ad Albertazzi che gli facciamo fare?
          Maresca ha rescisso e cerchiamo un mediano d’interdizione.
          Per il terzino prendiamo un under 21.

          • Simone scrive:

            Albertazzi se recuperasse Cherubin potrebbe essere mandato in rpestito fino a fine stagione “perché ha bisogno di giocare dopo il recupero”. Altrimenti sarà lui l’altro centrale. Sul terzino si cerca uno che può fare entrambe le fasce. Maresca fuori, si cerca un mediano d’intedizione, com’era prevedibile. Altri tasselli per la primavera (percorso importante del nuovo corso), con Stefanec e Righetti. Su Ganz la decisione sarà sua (probabilmente c’è stato un confronto tra le parti, suppongo). Così Fusco.

          • fenomeno scrive:

            Direi nulla, resta fuori rosa fino a fine stagione e recupera…non vedo alternative…

          1. mir/=\ko scrive:

            in pratica siamo in un "cul de sac"!!!! in cul più che altro!!! condizionati perennemente da giocatori infortunati… sembra che qualcuno li vada a scovare col lanternino….

            1. fenomeno scrive:

              Questo mirkorello assomiglia sempre più a Simone…presidente Setti, la prego, risponda a quella mail ed organizzi sta cavolo di amichevole col Leeds…chissà che così sto tormentone non finisca…

              • NIKE scrive:

                Risoluzione consensuale per Maresca la società nel salutarlo parla della sua importanza per la crescita di alcuni nostri giovani, ciò è stato detto anche in alcune interviste da Zaccagni.
                A tel proposito non sarebbe giusto integrarlo nello staff tecnico con un ruolo opportuno in modo da seguire i nostri giovani calciatori?

              • Maxx scrive:

                Fai voto di non accapigliarti più con Simone, fenomeno.
                Siete restati tra i non molti che mi sono simpatici, mi dispiace quando litigate… :)

              • Maxx scrive:

                Io, piuttosto, assocerei mirko con caramella.
                Gente che farebbe un sacco di investimenti.
                Coi soldi degli altri, ovvio.

              • Simone scrive:

                Mamma mia che stress che te si.. Solo ti te vedi somiglianze tra Mirko e mi..

                • Fenomeno scrive:

                  Simone e Mirko invadono tutti i blog e tutte le notizie in Home con caratteristiche molto simili…sono molto presenti e insistenti, ripetono gli stessi concetti all’infinito…spesso scrivono ad ondate intervallate da pause comunii…Simone è molto solerte nel “tacar botton” e risponde a tutti ma a Mirko non risponde quasi mai…Mirko e Simone interagiscono e dialogano con tanta gente ma mai tra di loro…e poi i tormentoni comuni…l’Atalanta, il consolidamento, cosa è cambiato negli ultimi anni, il Borussia Dortmund, ecc ecc…direi che qualche somiglianza c’è… :-)

                  • Simone scrive:

                    Infine, non è affatto vero che con lui non ho mai dialogato. Anzi, forse qualche cosa ha cominciato a capirla un tantino meglio (ma de strada ne deve fare ancora tanta) proprio perché invece di prenderlo per il culo, qualcosa ghe l’ho spiega’ in quegli scambi di opinioni. Adesso se te ghe la fe, fane un piaser e mochela lì. Te si noioso e un tantino paranoico. O no, Maxx..?

                    • Simone scrive:

                      Del borussia io non ho mai parlato infatti. Perché è evidente che quando ne aveva parlato Setti non intendeva Borussia Dortmund nel senso di vittorie ma di principio. Che sono due cose ben distinte. Del consolidamento non è che ne parlo io, ne aveva parlato lui. E mi sembra un buon obiettivo. Che le cose stiano cambiando è un dato di fatto, sostenuto da determinati cambiamenti su scelte della società, per altro legittimi e che mi auguro daranno dei frutti, ma sono consapevole che ci vorrà tempo perché il nuovo percorso è appena cominciato. Il fatto che se arrivasse un giorno un presidente con maggiori possibilità economiche sarei contento non vuol dire che io sia anti Setti, sul quale credo di aver sempre formulato ragionamenti equilibrati e per lo più indovinati.

                    • fenomeno scrive:

                      Non lo scrivo perché lo stile di Gino è tutt’altra cosa rispetto a te…non mi interessa screditarti anche perché in un blog di gente anonima nessuno scredita nessuno, si entra se si vuole, si scrive se si vuole, si hanno opinioni che collimano ed altre no…e poi perché dovrei screditarti?…non ci guadagno nulla…tu scrivi cose sensate ma è sempre il solito spartito da professorino impegnato…le analisi articolate, il link, lo svolgimento di un tema che è sempre quello su tutti i blog e tutti gli articoli in home…tema che prevede il consolidamento, il borussia, il Cagliari, l’Atalanta, il perché le cose son cambiate…queste cose ritornano sempre come ritornano in quello che scrive quando articola un discorso uscendo dal solito spot elettorale anti carpigiano

                    • Simone scrive:

                      Perché non dici che assomiglio a Gino per alcune cose che scrivo (molte di più tra l’altro, specie ultimamente), o a RH quando afferma certe cose e via dicendo? El senso per cui dici che io assomiglio a Mirko piuttosto che ad altri dove sta? Forse nel fatto che associarmi a lui scredita più facilmente ciò che scrivo? Io credo proprio di sì. Ecco perché preferirei la smettessi con ‘sta storia.

                    • fenomeno scrive:

                      Guarda che ho scritto che Mirko e Simone si assomigliano e ti ho scritto quali sono secondo me le somiglianze…non ho scritto che sono due delinquenti od altro…se ti da fastidio che a mio avviso assomigli a Mirko amen…io per qualcuno ero Gardini, non sono tragedie :-)

                    • Simone scrive:

                      Se IP e email non vol dir niente, allora potevi non chiederglieli. Guarda che. Af insistere te si ti, mi rispondo. Femo che invece te si ti a non continuare con sta faccenda penosa. Il giochetto dei Nick te si ti che te continui a dir che l’ho fatto spesso. Evitando un confronto diretto. Se tu dici che Simone assomiglia a Mirko dici una cosa falsa. Infatti solo ti te vedi la somiglianza tra quello e come scrivemo. Lasa star e finemola lì. Ghe la feto o volemo continuare la discussione?

                    • fenomeno scrive:

                      IP ed email non vogliono dire nulla, si possono creare mille e-mail anche senza registrarsi così come uscire con IP diverse…non ne faccio alcuna questione personale, non mi interessa nulla di chi tu sia, mi dan fastidio quelli che pensano di essere più furbi…tu il giochino dei tanti Nick lo hai fatto spesso e magari ora sono prevenuto ma quando leggo Mirko ritrovo sempre il tuo stile prolisso ed i tuoi concetti…però siccome qui sei un Nick come lo siamo tutti e di Simone al mondo ce ne saranno milioni non scredito e non attacco nessuno…se tu non hai mai fatto e non fai fi questi giochini fregatene e non far caso a quello che scrivo…se io scrivo che Mirko assomiglia a Simone e tu non replichi la cosa finisce li….se io avessi dovuto rispondere a tutti i Nick che mi hanno attaccato nel tempo non avrei più finito…peccato che questi Nick poi siano tutti spariti…

                    • Simone scrive:

                      Maxx, capisco ma c’è un limite a tutto, a meno che non se ne voglia fare una battaglia personale priva di senso, almeno per il blog. Con Gino ci dialogo anch’io, e piacevolmente. E da parecchio tempo siamo addirittura sulla stessa lunghezza d’onda su molti argomenti. Qua è da più di un anno che fenomeno continua con sta pantomima (ormai mi avrà associato a 23 Nick diversi), nonostante Fioravanti lo abbia smentito su email e IP, nonostante sia palese che certe associazioni sono ridicole (perché lo sono, per contenuti e forma), nonostante Fioravanti stesso avesse esplicitamente detto di smettere con queste stupidate per il bene del blog, e nonostante mille altre cose che ora non sto a dire. P.S. Appena il Nino mi darà il tuo contatto come ci eravamo accordati di là ti contatterò, promesso. Ora anzi glielo ricordo per email. Vuto mai che se conoseremo invese..

                    • Maxx scrive:

                      Cosa vuoi che ti dica, Simone?
                      Con fenomeno ci ho litigato, ho discusso, mi sono confrontato e a volte (rare) siamo sintonizzati. Non conosco lui, non conosco te.
                      Ognuno di noi ha i propri mantra da far conoscere, mi rendo conto che anch’io ne ho, come fenomeno, come te, come mirko.
                      A volte pecchiamo di protagonismo e diventiamo un po’ lagnosi. Io, a volte, raramente, spesso, non so, ho idee simili alle tue.
                      Ho incominciato ad andar più d’accordo con fenomeno (e con Gino) da quando, dopo aver passato minuti a scrivere un commento, lo rileggo e lo cancello, rendendomi conto che non dice nulla di più di quanto aveva detto quello del giorno precedente.
                      A me, da un bel po’, dà fastidio la presa di posizione di Mirko, sia per la forma che per i contenuti. Ma soprattutto perché sono SEMPRE le solite menate.
                      Bom, il commento inutile l’ho fatto anche oggi. Più d’uno.

                  • Simone scrive:

                    Dovresti per esempio aver notato che io non scrivo solitamente la mattina. Questo perché lavoro più che altro la notte e dormo circa fino a dopo le undici e mezza. Guarda qua sotto Mirko a che ora ha scritto.. Facciamo così: visto che tu mi avevi messo una “clausola”, te ne metto una io adesso. Se vuoi dialogare o parlare di me, fallo solo se l’argomento è il calcio, non le tue bombe mentali.

                  • Simone scrive:

                    Dai fenomeno, falla finita. So che non accetti di sbagliare quando sbagli. Ma non cadere nel ridicolo oltre misura. Quello che dico io e quello che dice lui ha dei punti in comune come punti assolutamente distanti. Come con quelli di molti altri. A volte qualche”quotata” in meno e qualche presa per il culo il più potrebbe farti bene..

                    • Simone scrive:

                      Fenomeno, ma de sito o de feto? No, sul serio.

                    • Fenomeno scrive:

                      Sei geloso???…sai quanto me ne frega di una quotata…certo che ti ha preso male sto esperimento dei blog che doveva durare dieci giorni…

              1. mir/=\ko scrive:

                RH… serve che Setti venga a dire che non vuole più investire capitali importanti nel Verona per consolidare in A la squadra?? non serve… bastano i fatti!! altro che infortuni e sfiga legati alla retrocessione, come da lui sostenuto goffamente e ignobilmente prima di fine anno!! il Verona è un ramo d'azienda carpigiano come altri… non c'è alcuna passione, nessun amore per i colori, nessun legame con la sua storia e con la città di Verona. una vacca da mungere… lo ha ripetuto più volte: la mission principale è far vivere la società… vi rendete conto?? forse no… siamo passati dal modello Borussia Dortmund al concetto di "sopravvivenza"!!!! caro RH, cosa vuoi che investa un presidente come Setti?? se andremo in A che razza di squadra potrà mai essere allestita da uno che non riesce a comprare un terzino di ruolo decente????

                1. mir/=\ko scrive:

                  Mastiff e Vinicio… andatevi a sentire l'intervista del nostro "illuminato" presidente nel dopo Cesena. siamo retrocessi per colpa dei troppi infortuni e della "sfortuna"!! nessuno ha colpe. lui in primis ne è totalmente esente!! forse qualche "diversamente nordico" ci ha fatto il malocchio!! forse qualche wcentino ha riempito il centro sportivo di Peschiera di gatti neri!! quindi caro Mastiffo la politica sarà low cost e low profile come sempre. 5/6 giocatori?? ahaha… fantascienza!! si gioca d'azzardo come sempre sperando nella fortuna. in caso contrario ci sono i sussidi clientelari in stile "mezzogiorno italico" !! e così ho risposto pure a Vinicio: setti della passata stagione "ha capito tutto"!!! altro che nulla!!! la lezione è servita e ha portato nelle sue casse un bel po' di denari. beato lui!!

                  • viniciocaposhellas scrive:

                    Non credo che il paracadute copra quanto la società avrebbe ottenuto dalla spartizione dei diritti pay-tv della serie A.

                    • Simone scrive:

                      Sì, beh, lì è il solito discorso: in A hai comunque accumulato tot debiti, quest’anno sembra che la società si sia rimessa in sesto. O comunque, di sicuro, sta meglio di prima. Questo perché evidentemente le spese traq le due categorie sono assai diverse, al netto delle entrate (rose ridotte, ingaggi massimi per i nuovi acquisti, eccetera). Quest’anno la proprietà ha dovuto mettere soldi attraverso un aumento di capitale, mi pare circa 7 milioni, per ripianare il bilancio, nonostante le due sopra, le cessioni (soldi questi che comunque dovrebbero arrivare per lo più dopo immagino) e il famoso paracadute di 25 milioni (di cui comunque 10 se ne sono andati già alla fine dello scorso anno con l’altrettanto famosa richiesta d’anticipo). Questo per garantire la sopravvivenza della società. L’unico dubbio che ho, ma lì bisognerebbe indagare bene nel bilancio per capirlo, è se quei soldi Setti li ha messi a mo’ di prestito su cui annualmente prenderà un interesse (Thoir all’Inter per esempio fece così) oppure no.

                      • RH scrive:

                        Mi spiace ma il bilancio non è che “una fotografia” della società, non è che dicono tutto tutto, e guai se lo facessero!
                        Se alla voce ‘oneri finanziari’ si legge il valore X, so solo che la suddetta società deve a terzi quei soldi di oneri. Non saprò mai se quei soldi li devo alla Unicredit, alla Falco, o a qualche paradiso fiscale perciò si può scavare fin che vuoi, il quesito rimarrà tale amenochè qualcuno dei responsabili non lo faccia sapere, e dubito che la nota integrativa contenga tutte quelle info sensibili. Non per forza è perché ci sia del losco, solo che far sapere a chiunque (visto che il bilancio è pubblico) come funziona l’azienda è il modo migliore perché qualcuno da fuori possa distruggerla.
                        Anzi. Il bilancio di per sé non dice assolutamente nulla di un’azienda, se non si è in grado di studiarlo con indici specifici adatti a comparare aziende competitrici o trend temporali.

                        Setti è un buon presidente? BOH, per il momento ci sta mettendo i soldi e si sta esponendo in prima persona, cosa che molti altri imprenditori nostrani non hanno avuto le @@ di fare. La squadra è a cavallo tra A e B, dove per blasone, storia e bacino d’utenza merita di stare. Spero anche io che investa sempre qualcosina in più perché spero di vedere un Verona vincente, ma se non è nelle sue disponibilità preferisco che il Verona continui ad esistere piuttosto che faccia la fine del parma o del venezia.

                        Sul mercato ho già detto la mia: l’ideale sarebbero 3/4 “colpi” per cui la B possa servire da rodaggio per l’anno prossimo; verosimilmente i colpi saranno al massimo un paio. Non toccare nulla non è un dramma a livello sportivo, magari la A la si raggiunge comunque, possibilmente anche senza playoff. Però sarebbe un’opportunità persa se non altro perché per mantenerla la categoria gli investimenti, farli ora o a giugno, li devi fare, e farli ora darebbe un vantaggio. Se Setti non ha intenzione di investire però mi piacerebbe che lo dicesse, senza nascondersi dietro alla rosa adeguata all’obiettivo di quest’anno, quando l’obiettivo dichiarato da lui è sempre stato li medio-lungo periodo

                  1. Denis scrive:

                    Fusco me raccomando, senza se e senza ma … miserie

                    1. viniciocaposhellas scrive:

                      Una società con i contromaroni avrebbe già investito per marcare la distanza dalle altre.
                      Bisogna prendere un terzino sx e un centrale di centrocampo.
                      Invece si aspettano i saldi del 31 gennaio pregando che gli infortunati recuperino.
                      Evidentemente la scorsa stagione non ha insegnato niente.
                      Felice di essere smentito a breve.

                      1. mir/=\ko scrive:

                        nessuno vuole un Verona super milionario stile "Real Madrid"… dai su, caro fenomeno o pseudo tale!! apprezzo la tua ostinata difesa del proprietario unico del nostro Hellas in netta contrapposizione con la mia visione critica dello stesso. ma scusa tanto, ci sarà una via di mezzo tra le cosiddette strisciate e una società che fa un mercato con 2 mil di euro allestendo una difesa iper low cost corta e senza terzini degni di questo nome?? vogliamo parlare dei buchi tappati all'ultimo istante in affanno con i rottamati Maresca e Trojaniello?? Trojaniello scartato da " udite udite SALERNO E TERNI?? " domanda: una via di mezzo esiste o meno??

                        1. mir/=\ko scrive:

                          Setti parlava entusiasticamente di consolidamento, di centri sportivi, di bisogno di "alzare l'asticella degli obiettivi" e di modello Borussia Dortmund, quando poteva disporre di certi capitali suoi o "non suoi"! poi qualcosa è mutato e lo si è visto palesemente… probabilmente avrà fatto altre scelte di "investimento" nella sua vita di imprenditore… e non certo nel Verona Hellas che rimane un "ramo d'azienda" come altri e non del tutto slegato da questi. i fatti recenti e i "mercati recenti" all'insegna del risparmio operati dai vari Ds sono storia nota, nonostante "sulla carta" il Verona sia ad oggi la più ricca società di serie B. le parole di Setti e le premesse erano ben diverse dalla attuale realtà… di questo Setti non parla. anzi se ascoltate bene l'intervista post Cesena, il carpigiano continua a dare le colpe agli infortuni e alla sfortuna in relazione alla retrocessione. di mancati investimenti non vi è il minimo cenno!!

                          1. MaxP scrive:

                            Perché siamo primi in classifica, Mirko, ecco perché!

                            1. mir/=\ko scrive:

                              Il massimo investimento fatto dal sign. Setti è stato l'acquisto del centrocampista Viviani per circa 4 mil di €. (l'acquisto di Iturbe non fa testo in quanto finalizzato alla cessione successiva alla Roma…). quindi accostare il Verona di Setti ai presidenti "attuali" di Atalanta e Cagliari è assurdo!! le potenzialità di Setti sono da B di discreto livello… togli a Setti il paracadute e il Verona sarà destinato, se andrà bene, a fare la fine del Brescia…. ovvero a navigare in una posizione di metà classifica in B senza velleità!!! perché continuare a negarlo??????

                              1. Simone scrive:

                                Per consolidamento in serie A secondo me Setti intendeva riuscire a stare dentro le venti di serie A (venti squadre non sono poche e se guardiamo chi ci sta, ci può stare anche il Verona come piazza con una certa continuità effettivamente), e in caso di retrocessione, che ogni tanto può succedere anche ai vari Chievo, Atalanta, udinese, sassuolo, Cagliari, Palermo eccetera, riuscire a tornare su costruendo una squadra con quell’obiettivo. Se riuscirà a raggiungere questo obiettivo bene, altrimenti avrà fallito le promesse. E per capire se ci riuscirà, lo si capirà tra tot anni. Semplice.

                                • fenomeno scrive:

                                  Si però guarda anche chi è fuori da queste venti…noi qua siamo un po’ illusi, pensiamo il Verona sia il Real Madrid, non è così…Atalanta, Cagliari e Palermo negli anni hanno fatto e stan facendo come noi, il Sassuolo è un’anomalia visti i denari del padrone ed il Chievo l’eccezione che conferma la regola…l’Udinese un grande modello di lungimiranza dove sono riusciti ad innescare un modello virtuoso da imitare…ma nel calcio ci sono anche esempi di proprietà e squadre fallite ed esempi di piazze più importanti della nostra che non riescono ad uscire dalle sabbie mobili vedi Bari….il calcio non è così semplice come sembra

                                  • Simone scrive:

                                    Poi, in realtà, di squadre da considerarsi superiori a noi dalla B in giù ad ora vedo solo il Parma (che comunque è stata una realtà dal ’90 e grazie alla Parmalat più che altro). Il Bari non si può considerare una squadra dalla storia come la nostra, se per storia del calcio moderno consideriamo il periodo che va dai primi anni sessanta in poi. Palermo, Cagliari, Chievo, Atalanta, Udinese, in maniera diversa hanno comunque fatto tutte meglio di noi negli ultimi 20 anni. A me non importa come la proprietà saprà garantire certi risultati (finché sta nel lecito ovviamente). Di modi ce ne sono più di uno e altri ancora usciranno. Però se le promesse erano queste e il centro sportivo, su quelle bisogna basare i giudizi nel lungo periodo. Se viceversa capirà che non saprà garantire queste promesse, nessun problema, a patto che lo dica.

                                  • Simone scrive:

                                    Sì. Ma il Verona dentro lì ci può stare. E ci può stare proprio creandosi una società lungimirante come altre. In questa A (come tendenza più che come realtà perenne ovviamente) non è utopia riuscire a starci per una squadra e una città come la nostra. Ma per farlo devi crearti delle basi. La mia speranza è che Setti le sappia creare perché le potenzialità ‘sta piazza le ha tutte. Ma proprio tutte. Che la speranza possa diventare certezza non lo so. Ci vorrà tempo per capirlo. E da parte della società ancora tanto lavoro.

                                1. mir/=\ko scrive:

                                  se decidi di puntare su Albertazzi in difesa come terzino SX o centrale all'occorrenza, su Zuculini a centrocampo come vice Fossati e su Cherubin come centrale, serve poco o nulla… Maresca probabilmente se ne andrà liberando un posto nel listone degli over… semmai si può pensare ad un vice Pisano… l'attacco è sovraffollato: verrà ceduto magari Fares e reperito un sostituto. però così facendo si rischia grosso… stiamo puntando nuovamente su degli ospedalizzati cronici!! bilanci rispettati e incognite da roulette russa!!!

                                  • jes scrive:

                                    Io sin dal primo anno in cui sono arrivati ho sempre pensato che Albertazzi fosse migliore di Bianchetti e lo penso ancora.
                                    Però come centrale no come laterale sx inventato x bisogno

                                    • RH scrive:

                                      Albertazzi è un gran terzino, difensivamente parlando, ma un danno dalla metacampo in su. se si vuole tenere il pallino del gioco sicuramente si perde qualcosa a lasciar fuori ad esempio un supraien.
                                      In partite in cui servirà chiudersi, Pisano- Bianchetti-Caracciolo-Albertazzi è la migliore considerando le mediopiccole, e favorirne l’amalgama già ora può essere prezioso in ottica annoprossimo. Preziosa alternativa. Certo, magari con qualcosa meglio del francese..
                                      L’unica incognita è la condizione fisica.. idem Zuculini, le qualità non si discutono.
                                      Condivido chi dice che l’obiettivo dovrebbe essere consolidamento, anche visto che già così com’è la rosa può valere le posizioni di vertice e fare qualche esperimento, magari aggiungendo giocatori utili anche l’anno prossimo. Certo parlare coi soldi degli altri è sempre facile

                                      • fenomeno scrive:

                                        Però dobbiamo capire cosa si intende per consolidamento…secondo me per una realtà come la nostra consolidamento significa avere una squadra che giochi in serie A con buone possibilità di salvarsi e giochi in serie B con buone possibilità di promozione…questa è la nostra dimensione e questo da quando c’è Setti presidente sta succedendo…se poi per consolidamento intendiamo giocare sempre in serie A e puntare all’Europa forse abbiamo sbagliato squadra…

                                  1. Bruno scrive:

                                    Ma non si potrebbe semplicemente parlare di mercato di prospettiva? credo che una società ambiziosa potrebbe farlo. Se il mercato del Verona è finora incentrato sul taglio di Maresca e le condizioni fisiche di Cherubin la cosa è sintomatica. Comunque gennaio è lungo, aspettiamo e vediamo.

                                    1. hellasmastiff scrive:

                                      servono 5-6 tra:

                                      dalessandro
                                      bandinelli
                                      acosty
                                      moretti scuola giampiero ventura + andreolli se vendi bianchetti
                                      mattiello
                                      dimarco o miangue
                                      iemmello o budimir
                                      kranjc
                                      nzola
                                      brugman o memushaj
                                      ritorno di wholekz
                                      di gennaro

                                      fusco svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!

                                      1. ENRICO scrive:

                                        servono 5/6 giocatori…. ma sito fora??? i servira nel caso andiamo su in serie A nel caso ma nel mercato di gennaio e assurdo.. a meno che non si dica di mandar via tutti gli acciaccati o eterni rotti…. ma non si fara’ mai…
                                        hellasmastiff spero siano solo provocazioni le tue perché sul serio.. non capisco il continuare a buttar giu nomi a vanvera di giocatori che poi non ti servirebbero l’anno prossimo

                                        1. hellas03 scrive:

                                          NOTIZIA BOMBA IN ARRIVO HELLAS VENDUTO Ecco la cordata dei nuovi proprietari: Mirko – Caramhellas e Francobg che porteranno come dS Hellasmastiff. Grazie di averci liberato da Settorello e buon lavoro e andasi in m..a

                                          1. fenomeno scrive:

                                            Siamo drogati di mercato, che la squadra sia prima, ultima o decima nulla cambia, bisogna rifare la squadra, vendere e comprare, fuori 5 giocatori e dentro altri 5 perchè le altre si rinforzano e noi se restiamo così siamo spacciati…e questo ritornello si ripete ad ogni sessione di mercato…poi vai a vedere quando incide il mercato di Gennaio e quasi sempre è pari a zero…ma noi no imperterriti vogliamo 5 acquisti e poi che questi acquisti giochino tutti perchè poi se un Ganz sta in panchina tragedia…una squadra è fatta si di capacità tecniche ma anche di amalgama, empatia, coesione, capacità di far gruppo…serve chi fa la differenza in campo ma anche chi ha esperienza e sa trascinare il gruppo restando al proprio posto…avere un 17 e 18 giocatore con l’esperienza e come dicono le capacità di far gruppo e trasmettere esperienza di Troianiello e Maresca può essere importantissimo in un campionato lungo e difficile come questo…questa squadra ha dimostrato di essere superiore a tutti, ha avuto un calo fisico normalissimo in una stagione lunga ma quando gioca e sta bene non ce n’è per nessuno…sarebbe da folli smantellare questo gruppo…io sinceramente mi auguro si cambi il meno possibile, un difensore se Cherubin non recupera dall’infortunio ed un terzino under 21 che possa fare entrambe le fasce.stop

                                            • Maxx scrive:

                                              Spettacolo vedere i commenti alle notizie di mercato di quelli che si definiscono “tifosi gialloblu”. Miserie!

                                            • RH scrive:

                                              Vado controcorrente.
                                              Esempi in cui il mercato ha dato la svolta ce ne sono a bizzeffe, sia in positivo (dal Sassuolo il 1o di A, fino al nostro anno della promozione con Sgrigna e Agostini decisivi), che in negativo (Atalanta l’anno scorso a vendere MaxiMorales, esattamente come noi l’anno prima con Jorginho).
                                              Posto che ogni rosa è migliorabile, posto che per una rosa forte e completa in ogni reparto panchine comprese necessiterebbe forse di 7-8 acquisti, ma non ce li si può assolutamente permettere a livello sia economico che ‘di gruppo’.
                                              Noi abbiamo un bisogno così disperato di far mercato? Dipende dagli obiettivi.
                                              Lottare fino alla fine per un posto in A dovrebbe essere ampiamente nelle corde già con questa rosa senza alcun ritocco, per arrivarci tra le prime due con discreta sicurezza manca un buon terzino (destro, a sinistra son sicuro che il buon Albertazzi ci sorprenderà) e uno in grado di saltare l’uomo davani(Troja, Sili e Fares hanno pienamente fallito, Juanito e Luppi hanno altre caratteristiche). Il “consolidamento” in serie A necessita di qualche ritocco in più. Certo, lo si può fare a luglio, ma sarebbe un vantaggio mica da poco poter lavorare con una squadra presentabile anche in A già da ora. Per questo obiettivo, non bisogna sconvolgere la rosa, basterebbe porre le basi almeno nei 4 dietro e nel portiere, e “consolidarsi” con il limitatissimo suprayen mi pare utopico, avendolo visto in serieA. La lista della spesa per pensare in grande, secondo me, vede:
                                              1. Un portiere che si giochi con nicolas la titolarità (Pegolo?Seculin?)
                                              2. Un terzino ‘da A’, possibilmente ambidestro (Sabelli? Fiamozzi?)
                                              3. Un centrocampista che fa legna, che possa fare da ‘prima riserva’ (Munari?), o addirittura,ma credo sia più fantacalcio che reale possibilità, un centrocampista di categoria superiore (Poli?Emil?)
                                              4. Un esterno abile nel saltare l’uomo (DiGaudio? Parigini?).
                                              [5.Sostituire Cherubin se le sue condizioni non migliorano (Blanchard? Pellizzer?)].
                                              Le limitazioni impongono la cessione di, Sili e Trojaniello che pare abbiano mercato, Coppola e Maresca che di mercato ne hanno molto meno, ?Cherubin?, e che uno dei 4 sia o bandiera o U21.
                                              Ma qual è l’obiettivo? (->Quanti soldi ci sono a disposizione?)La società si nasconde dietro il primo(>dice zero) ma è ovvio sia il secondo(>tra paracadute e cessioni qualcosa sicuramente c’è sennò state certi che se avesse così tante perdite anche con entrate straordinarie di quella portata avrebbe già smobilitato) , mentre i tifosi sognano il terzo(>pensano/sperano siano tanti). Inoltre, un conto è pianificare le operazioni e un altro è concretizzarle, pertanto mi riterrei ampiamente soddisfatto anche solo con 2/3 ‘colpi’ ben assestati, posto sempre che i soldi per mantenere la macchina non sono i miei, perciò anche dovesse essere un mercato magro, anche il non smobilitare al giorno d’oggi sarebbe un mezzo pareggio

                                              • fenomeno scrive:

                                                Mi sembra che quel Sassuolo fece 7-8 acquisti e cambio allenatore, malesani con quei nuovi acquisti fece 5 sconfitte consecutive, col ritorno di di Francesco ed il ritorno a gran parte della vecchia guardia ripresero a far punti…sinceramente squadre uscire nettamente più forti dal mercato di Gennaio ne ricordo poche, a Gennaio le piccole che son quasi salve vendono i loro pezzi migliori alle grandi che rimpolpano quantitativamente qualche ruolo scoperto ma quasi sempre nell’immediato squadre che ne escono più forti ne ho viste poche

                                                • Simone scrive:

                                                  Sì, beh, qualche buon affare a gennaio anche qui a Verona è stato fatto in realtà. Mi vengono in mente marasco, morfeo, Agostini, Sgrigna, marquinho… Si può migliorare, certamente, solo che ci vogliono capacità economiche, disponibilità a vedere da parte di altre squadre (e a gennaio è più difficile), intuito importante e pure una certa fortuna a trovare quelli giusti. Vediamo cosa succederà, ma non credo sia il caso di assillarci troppo.

                                                  • fenomeno scrive:

                                                    Con marasco e Morfeo andiamo indietro di 15 anni mi sa…ovvio che qualche buon acquisto si è fatto ma 8 volte su 10 cambia poco o niente quando va bene…il senso del mio discorso è che questa squadra è prima, ha dimostrato di essere una spanna sopra le altre calo atletico a parte ed ha una rosa molto ampia…ergo il mercato non deve essere come un qualcosa di fondamentale ed irrinunciabile…se poi si fa qualche operazione per puntellare alcuni settori ok ma non serve stravolgere nulla…

                                              • Simone scrive:

                                                Che questa rosa possa giocarsi la serie A già così com’è non ci sono dubbi, anche se molto dipenderà anche dai movimenti in entrata delle altre. E’ altrettanto vero che è migliorabile, e hai spiegato bene dove a mio avviso. Ma per fare un mercato di un certo tipo bisogna avere la possibilità di farlo. Innanzitutto economica. E bisogna vedere anche se le squadre a cui chiedi i giocatori sono disposte a darteli. Cosa tutt’altro che scontata se per esempio li chiedi a squadre che stanno lottando per i tuoi stessi obiettivi in B. Ergo: qualche movimento credo ci sarà ma non è che ci si possa aspettare grosse cose. L’obiettivo primario è e sarà salvaguardare il bilancio. Credo siano finiti quei tempi.

                                            • JJ scrive:

                                              Bravo Fenomeno, come sempre, molto d’accordo con te.
                                              Ciao

                                            • maxrugo scrive:

                                              I vecchi adagi dovrebbero aiutare: squadra che vince non si cambia, mi pare faccia al caso nostro.

                                            • Andrea scrive:

                                              Quoto parola per parola.

                                            1. fenomeno scrive:

                                              La squadra riprenderà gli allenamenti il 10 Gennaio…vi immaginate che tipi di commenti ci sarebbero stati se avessimo perso con il Cesena….mi piacerebbe che chi si lamenta dopo le sconfitte per un giorno di riposo in più concesso lo facesse anche adesso…o si beve spritz solo quando si perde?

                                              • RH scrive:

                                                Il tifoso istintivo vorrebbe che i giocatori se li sudasseto tutti quei soldi, l’aziendalista però sa che dipende dai giocatori e non dal loro stipendio la mole di lavoro per farli rendere al massimo.
                                                Ognuno, se le cose vanno male parla, se le cose vanno bene ghe toca taser, ma la penserà sempre a modo suo (io ad esempio, anche nel periodo tornei de spriss ero sul conservatore più che sul passionale)
                                                Alsemo el solito polveron?
                                                Mandorlini (anche costretto dai numerosi giocatori infortunati o a mezzo servizio)prediligeva lasciare un giorno di riposo in più ai suoi, DelNeri (anche causa situazione drammatica)piuttosto ne toglieva uno o due in caso di sconfitta.
                                                Chi ha avuto ragione? Contando solo le prime 14 giornate saremmo retrocessi, contando solo dalla 15 in poi saremmo retrocessi, ergo nessuno dei due ha avuto ragione.

                                              • Simone scrive:

                                                Vabbè, dai, cosa c’entra? Tutte le squadre di B riprendono il 9 o il 10 gennaio gli allenamenti. Sempre stato che durante la pausa invernale si sta fermi per un tot, tranne che per casi singoli (vedi per esempio Cherubin). La prossima giornata sarà il 21 gennaio contro il Latina, che riprenderà gli allenamenti il 9.

                                                • fenomeno scrive:

                                                  Non c’entra nulla ma se su fosse perso col Cesena ci sarebbero stati una montagna di commenti sul fatto che di riprenda il 10…la fase di riposo è una fase allenante tanto quanto quella di carica…si può discutere sulla qualità del riposo non sul fatto che il riposo venga fatto…una squadra che si allenasse sette giorni su sette renderebbe sicuramente meno di una che lo fa i canonici 4-5 giorni a settimana

                                                • hellas03 scrive:

                                                  tanto ste cose chi contesta non ie c..a neanche se no non i pol mia scriva e contestar, lori i resta fissa su 2 milioni de spesa, su 25 de paracadute e 15 de riparacadute el resto par lori non esiste, addiritura non esiste che te si primo, miglior attacco, capocannoniere, ecc.

                                                  • Simone scrive:

                                                    “In conclusione, con la scorsa stagione la Società Hellas Verona ha sicuramente iniziato un percorso di ridimensionamento volto a riportare la Società ad un equilibrio economico necessario per garantire la sopravvivenza nel lungo periodo. Il risultato è stato un disastro sportivo che i 25 milioni di paracadute più i 7,5 milioni versati da Setti hanno in parte neutralizzato. ” Ai quali aggiungerei i soldi incassati da alcune cessioni importanti. Questo virgolettato comunque mi pare il punto fondamentale. Da tenere presente anche per il futuro. In un calcio in cui i costi sono aumentati e stanno aumentando a dismisura, le strade da prendere per sopravvivere restando a certi livelli (consolidamento in serie A e centro sportivo, queste erano le premesse/promesse iniziali del presidente, ora non so se qualcosa sia cambiato in questo senso – ma se sì dovrebbe tranquillamente dircelo) per una società come il Verona con un proprietario non tra i più ricchi, sono altre rispetto a quelle prese fino a due stagioni fa, purtroppo. Credo che Setti le stia valutando. E secondo me come nuovo modello da provare a prendere da esempio ha l’Atalanta (vedi sviluppo del settore giovanile in primis).

                                                1. superciukko scrive:

                                                  .. aspetta che se sveja Simone e Mirko e te vedarè interventi…. :)

                                                  1. Paolo scrive:

                                                    Finalmente! La partita e la prestazione che aspettavo da quasi due mesi. Il Cesena, pur avendo giocato al massimo delle proprie possibilità e pur essendo partito assai bene, è stato letteralmente spazzato via dagli 11 mastini gialloblu che si sono pienamente guadagnati gli scroscianti applausi del pubblico del Bentegodi. Era dalla trionfale trasferta di La Spezia (5 novembre) che il Verona non riusciva a dimostrarsi così grintoso, preciso, dinamico e motivato. Troppi punti erano stati buttati via ultimamente, vuoi per un calo fisico, vuoi per errori individuali o del tecnico. Proprio Pecchia mi ha piacevolmente stupito in positivo contro il Cesena; ha dimostrato di avere saldamente in mano il gruppo e di meritare la fiducia che il presidente gli ha dato ad inizio stagione. La squadra ha reagito con l’orgoglio e la determinazione di chi sa di essere più forte di chiunque altro e vuole dimostrarlo sul campo, l’esatto contrario di quello che si era visto a Vicenza e a Cittadella.

                                                    Così, mentre il Frosinone si è fatto impallinare a Vercelli e la Spal dei miracoli si è fatta fermare dal Bari (insieme allo Spezia la più grande delusione di questa prima metà del campionato), il Verona ha conquistato il titolo di campione d’inverno, 7 anni dopo quello conquistato nella stagione 2009-2010 in serie C. Dando per scontato che stavolta l’esito finale della stagione sarà ben diverso, devo comunque rilevare che per come eravamo messi in classifica ai primi di novembre mi sarei aspettato che l’Hellas facesse molta meno fatica a tagliare questo platonico traguardo. Il Verona ha tribolato molto più di quanto non fosse necessario, dilapidando il proprio vantaggio sulle inseguitrici con prestazioni quantomeno discutibili. Viceversa, tutto è bene quel che finisce bene; Pecchia ha saputo invertire la tendenza, riportare tutta la squadra sulla giusta rotta ed ha infine agguantato l’obiettivo insieme ai suoi ragazzi. Non si possono che fare i complimenti a tutti loro per il raggiungimento di questo risultato, che non si ottiene di certo tutti gli anni. Visto il modo in cui hanno chiuso il girone, passeranno delle vacanze molto più piacevoli, tranquille e serene di quelle dei giocatori del Frosinone, poco ma sicuro.

                                                    Buon anno a tutti i gialloblù, campioni d’Inverno!

                                                    1. jes scrive:

                                                      Domanda: si va a cercare sempre lontano. Ma Costa del Chievo non potrebbe essere ottimo per noi? Avremmo un giocatore che può sostituire Suprayen e che può giocare anche a centrocampo.
                                                      Non costerebbe troppo ha già fatto qualche gara e penso che potrebbe anche accettare

                                                      1. Maxx scrive:

                                                        1688 visualizzazioni, nessun intervento. Potrebbe significare che hai detto tutto tu. Per me è così.

                                                      Rispondi a Umberto

                                                      *