22
gen 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 79 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.683

LA FORTUNA DEL VERONA

La fortuna del Verona è che non ci sono squadre ammazza campionato. Le concorrenti vanno a singhiozzo, senza continuità. Per questo l’Hellas, nonostante il tonfo di Vicenza, il pareggio con il Carpi e il ko di Latina (per restare agli ultimi risultati) si ritrova ancora in testa alla classifica. Può bastare per dormire sonni tranquilli? No.

La rosa ha evidenti limiti e le scelte di Pecchia fanno discutere. Gomez è tornato titolare, dovrebbe aver risolto i suoi problemi fisici, ma è il giocatore giusto per migliorare il reparto offensivo? E’ l’esterno adatto per il gioco di Pecchia? E’ la spalla ideale per i rifornimenti a Pazzini? Da quanto visto a Latina direi proprio di no. Ma è servono altre prove per dare risposte certe.

La difesa va puntellata. Lo sappiamo da tanto tempo e il problema è noto anche in via Belgio. Possibile che dopo una pausa di tre settimane, l’unica soluzione individuata da Fusco sia il recupero di Cherubin o in alternativa il ritorno di Albertazzi? Mancano due terzini di ruolo, che ora si chiamano esterni bassi. Puntare su Mattiello è un rischio che l’Hellas non dovrebbe correre. E’ un giocatore reduce da gravi infortuni, non può assicurare l’affidabilità richiesta per una squadra che punta a vincere il campionato e che in difesa ha mostrato tanti, troppi limiti.

Il Verona visto a Latina mi ha deluso. Ha giocato una partita a tratti imbarazzante. Faccio fatica a dare una giustificazione alla prestazione negativa di gran parte dei gialloblù. Una squadra che ad inizio stagione sembra di un altro pianeta, gioca bene e vince facile, non può trasformarsi così velocemente in una formazione vulnerabile e a tratti quasi impaurita. Qualcosa non torna. Le altre stanno peggio, è vero. Questa, come detto, è la fortuna dell’Hellas, ma i campionati si vincono in primavera. E non è scritto da nessuna parte che l’attuale fortuna gialloblù duri per tutto il girone di ritorno. Qualche concorrente potrebbe iniziare a correre con continuità. Meglio dunque correre ai ripari con qualche innesto sensato e lasciare stare scommesse tipo Albertazzi.

6.683 VISUALIZZAZIONI

79 risposte a “LA FORTUNA DEL VERONA”

Invia commento
  1. viniciocaposhellas scrive:

    Alla fine l’incontrista è arrivato e il difensore che può fare anche il terzino anche!
    Benchè dei due si conosca davvero poco e abbiano dimostrato non grandissime cose fine ad adesso, di sicuro sono due che hanno fame, questo può essere un vantaggio rispetto a prendere giocatori di fama ed esperienza ma senza motivazioni.
    Vediamo ora se entro martedì riusciamo ad avere un terzino sx under.
    Altre sorprese non sembrano poter arrivare anche se la questione Ganz (casualmente infortunato?) potrebbe risolversi sul filo di lana (vedi Viviani).

    1. Simone scrive:

      Infine, RH, su insigne. Al di là dell’innata simpatia della famiglia e delle origini a noi avverse, l’è uno che salta l’uomo. Se decidiamo che un giocatore così ci serve, l’insigne visto col Latina al Verona gioca indiscutibilmente. Se invece diciamo che un giocatore capace di saltare l’uomo negli esterni alti non ci serve, allora è un altro discorso.

      • RH scrive:

        Gioca comunque nell’unico ruolo in cui indiscutibilmente si ha bisogno di un titolare, mantengo il rapporto 1/11 per titolarità,presi anche acosty (che poi ora è a Crotone e che sicuramente non seguo ma che so solo che prima di latina era una mediocre riserva a Modena ) , scaglia e insigne, giocherebbero uno dei tre
        Fare confronti Mariga/bessa-regista ha poco senso visto che in quel ruolo la prima scelta è fossati (squalificato) e f. Zuculini (rotto) e ora c’,è pure B. ancor da valutare, e “il miglior giocatore argentino della sua generazione”(cit. gvig) ha probabilmente potenziale per esser chiamato così.
        Idem Boldor-Blancos. I titolari sono Bianchetti e Caracciolo e il più delle volte criticati per partito preso, perché i due presi assieme secondo me hanno un buon feeling e ritengo insenstate tutte ste critiche. se Bianchetti è così strasso nessuno che può vantare scout pagati apposta lo vorrebbe. 3.5 cifra esagerata ma a sentire taluni pare proprio di avere una sciagura, quando invece è un discreto centrale, pur non apparendo in copertina (e per caratteristiche: un centrale che ‘fa scena’ è quello che fa il recupero provvidenziale, o il break alla Maietta, o il gol alla brosco, che sinceramente, anche grazie ai nostri, ma è l’unico motivo per cui si è distinto sabato. Bianco sostanzialmente è molto lento, ma ha un ottimo senso della posizione per cui non si trova quasi mai a dover rincorrere, perciò di quegli interventi non ne farà mai. Forse non è leader, ma con un leader vicino come pare essere Caracciolo secondo me siamo messi meglio di quanto critiche a prescindere e la ricerca di capri espiatori vogliano far credere).

        • Simone scrive:

          Sì, ma non possiamo più pensare che il calcio sia fatto da undici giocatori e poi gli altri giocano una volta ogni morte de Papa. Di titolari nel calcio moderno bisogna averne almeno 14-15, specie in un campionato lungo. La panchina è diventata fondamentale in questo senso. Fossati per noi è un giocatore imprescindibile. Se manca lui ora si è preso il Bruno (perché il Franco probabilmente non è affidabile dal punto di vista fisico, quindi un punto di domanda perenne). Che indubbiamente dovrà dimostrare, dopo anni a vuoto, di essere un giocatore valido. Nella partita specifica, proprio perché Fossati non c’era e il Bruno non ha giocato (capibile dato che era appena arrivato e deve essere sicuramente ancora ben valutato ed integrato), tra Mariga e Bessa in quel ruolo non avrei dubbi su chi scegliere. Ragionamento semplice. Brosco non sarà un granché, ma intanto Fusco lo ha già preso per l’anno prossimo. Un giocatore probabilmente di un certo affidamento, almeno per la categoria. Non credo altrimenti sarebbe stato preso. Su Bianchetti: leader si è o non si è, e non gliene faccio una colpa se non lo è (anche se spesso dice che lo vuole diventare). Su di lui, quando comincerà a fornire prestazioni degne con continuità (cosa mai successa in carriera), comincerò a cambiare idea su di lui. Al momento mi sembra una specie di Ranocchia de noantri.. Eh, ma con l’under 21, eh ma ha le potenzialità, eh ma l’ha zuga’ abbastanza ben con Delneri… e intanto quest’anno fa 24 anni.

      1. fenomeno scrive:

        L’erba del vicino è sempre più verde…se uno gioca nel Latina, 26 punti quindicesima posizione in classifica, significa che è un giocatore da Latina…se vai a chiedere ad un qualsiasi tifoso del Latina ti direbbe che lui Bianchetti, Caracciolo, Fossati, Bessa, Romulo, Pazzini, Siligardi e qaunti altri li vorrebbe subito…dai non facciamo di ogni scarpon un campion…

        Abbiamo strani percorsi mentali, in certi frangenti i nostri giocatori sono tutti dei bidoni in certi altri tutti dei fuoriclasse…vi ricordate ai tempi della vendita di Iturbe^…gente che gridava allo scandalo, alla congiura a chissà cosa se questo fosse stato venduto ad un centesimo meno di 30 milioni perché questo è come Messi…si si, el Messi de noantri…ora parliamo di Mariga, Acosty e Della Fiore come fossero Pogba, Ronaldo e Thiago Silva

        • Simone scrive:

          Il mio ragionamento era un altro infatti. Premessa: il Verona è più forte del latina. Il Verona può e deve puntare alla serie A, il Latina no. Detto questo, senza voler vedere lamentele fuori luogo dove non ci sono , nel caso specifico: Mariga o Bessa davanti alla difesa, in assenza di Fossati? Dire Mariga non mi pare uno scandalo, semplice e logico buonsenso. Boldor o dellafiore? Dire dellafiore è fuori luogo ? Non me par. su bianchetti: oh, finora sfido chiunque a dire che è forte. Non facciamone un giocatore di categorie superiori. Ad ora. Acosty non è pigna, ghe mancarea. MA neanche siligardi, intendiamoci. Questi ragionamenti non erano intesi come dire che il Latina è più forte del Verona, ma semplicemente che quelli che continuano col “eh ma che strassi che i è i altri, che bei che sen noialtri” forse i g ha da sbasar un tantino El mirin.

        • superciukko scrive:

          Fenomeno, chi popola il blog si è chievizzato senza dubbio. Fortunatamente è solo una parte infinitesimale del tifo gialloblu e gente che secondo me alla fine non va nemmeno allo stadio.
          Io ormai non intervengo quasi più, passo ogni tanto e leggo, ma più per farmi una risata con le “giravolte spaziali” di questo o quell’utente o capo-redattore. Le notizie e le discussioni le riservo ad altri lidi.
          Ridevo dei tifosi del chievo lo scorso anno perchè passano dall’entusiasmo alla disperazione nel giro di tre giornate e quest’anno si sono ripetuti con punte di altissimo tifo 2.0 con minacce di cambiare squadra da tifare …. se la società perseverava nella politica di “basso profilo”…; ma ormai anche i commentatori dell’Hellas sono cosi.
          Confido sull’effetto “bale_piene” (o come direbbero i forbiti nell’effetto “saturazione”): la gente si stuferà di leggere sempre e solo lamentazioni e prese di posizione contro ciò che si ama…
          Se guardi i numeri.. il processo è già in atto: al netto dei soliti due tre che scrivono compulsivamente (come se la loro missione fosse convicere tutti) i blog sono diventati un deserto.
          ciao.

          • bardamu ( ex lucab ) scrive:

            Guarda che purtroppo ti sbagli. Conosco molti abbonati della sud e frequentatori non saltuari di trasferte che parlano di cata”Pecchia”, e che di questo passo finiremo risucchiati al centro classifica, e aridatece el Griso and so on.
            Comunque da che mi ricordo i tifosi son sempre stati più o meno così. Ghera ci se lamentava de Fanna ai tempi dello scudetto…

            • superciukko scrive:

              .. si si mi ricordo anch’io di quelli che storcevano il naso per Fanna… (gli scarti della juve)
              però era meno virale, mancando l’amplificazione mediatica. Qui si ha l’impressione che il 90% dei tifosi sia così, nella realtà non ne sento così tanti (anca perchè i rischiaria sciafoni a manele).

              • superciukko scrive:

                ovviamente se promozione sarà… saranno qua tutti pronti a testimoniare “c’ero anch’io nella vasca in piassabra” oppure con “che bello essere dell’hellas”.
                “Phusko uno di noi!” e “pekkia Vicesindaco”

              • fenomeno scrive:

                Fanna, un giocatore strepitoso …a mio avviso il giocatore che in maglia gialloblu ha raggiunto picchi di rendimento come nessun altro…comunque si, hai ragione, ormai è un lamentarsi si tutto….val la pena non scrivere più

        1. london scrive:

          io mi chiedo come mai 4 anni fa si diceva che Mandorlini aveva una squadra da 90 punti e lo si criticava per il testa a testa con sassuolo e livorno, allora corazzate, te arrivavi costantemente alle fasi finali de coppa italia, e ancò che ghemo una rosa superiore a tutte,un budget da paura,nessuna corazzata,nasionali in campo, te se li a sugartela con squadrette quando te dovaressi essar sà in fuga e la proiesion finale lè manco punti di quella promozione, ma pecchia el sta fasendo ben..misteri..
          e invece se Mandorlini el sugava su Toni non andava mia ben, ma sugar solo su pazzini va ben.boh..
          se allora se era creado un gruppo storico "attacà" ala maia non andava mia ben parchè ghera le preferense, adesso che vedo solo professionisti che fan bene il loro lavoro si, ma nessuno che si è identificato nell'ambiente, alora va ben..

          • Simone scrive:

            Ma ghe credito davvero a quel che te scrivi o mistifichi appositamente? Dove sono i nazionali di ‘sto Verona? Pazzini che nol ghe zuga da 5 anni (e mai da titolare), o Blancos Bianchetti con l’under 21? D’altro canto, va’ a dar un’ocia dove e come i zugava gli anni scorsi i vari Nicolas, Bianchetti, Souprayen, Caracciolo, Bessa, Zaccagni, Valoti, Luppi, Siligardi,… Chi è che aveva detto che quella squadra poteva fare 90 punti, se non Setti fine campionato? Quest’anno Setti ad inizio campionato ha detto al contrario che abbiamo il dovere di provarci, ma nessun obbligo. Veden se a fine anno el cambierà idea.. Mi no credo. El budget da paura, ancora, forse t’è fuggito el fatto che l’è sta usa’ per sistemare i conti, non per far lo squadrone stile Juve 2006 2007. Se questa B ha una particolarità, l’è quela de averghe, al contrario de quel che te disi, parecchi giocatori interessanti anche tra le suddette piccole, ecco perché el campionato ad ora l’è così equilibrato (ultimo esempio, al Latina – una squadra che non può certo puntare alla promozione, te pareli tanto scarsi però un Mariga, un Insigne, uno Scaglia, un Acosty, un Corvia…?). Perché tutte le pol far punti con tutte. Carpi e Frosinone stesse, che lo scorso anno con rose simili alle attuali (al contrario de noialtri), le ha lotta’ per restar in A fin all’ultimo, le sta fasendo una certa fadiga. E, dulcis in fundo, su Pecchia me par de leser critiche ogni giorno.

            • RH scrive:

              Non si guarda DOVE hanno giocato, ma COME.
              Mariga,Insigne jr, Acosty inter napoli e viola , ma nemmeno 30 presenze in 3, e le più risalenti a 4-5 anni fa…
              Tutti i sopracitati, tranne il buon valoti jr (che ha fatto il suo momento in cui giocava spesso ma è abbondantemente una riserva) erano i più forti delle rispettive compagini. Ho un amico di como che st’estate mentre io lodavo ganz lui mi diceva che quello forte che abbiamo preso era bessa, e che il suo problema era che oltre a ganz jr, lui, il portiere e un difensore discreto il resto era un’accozzaglia di nomi senza voglia e senza squadra.
              Zaccagni, tanto per dire, era il titolare e a detta loro uno degli artefici della promozione della squadra che senza troppi cambi quasi si contende la a con noi (e da noi, va ricordato, è una riserva!).
              Basta con il guardare da dove vengono, guardiamo chi sono! (carrozza, rivas, bacinovic, crespo o bojinov venivano da [panchine di] squadre più blasonate, ma oggettivamente, e la loro carriera lo ha dimostrato, erano giocatori molto molto mediocri)

              • Simone scrive:

                Non ho parlato di dove giocavano, ma del valore di quei giocatori in questa B infatti. Oggettivamente un Dellafiore, un Mariga, un Acosty, un Brosco, uno Scaglia, un Insigne, giocherebbero titolari o sarebbero riserve per modo di dire in questo Verona. Eppure il Latina non può giocarsi la promozione. Su Zaccagni, che ora è titolare, infatti, sono stato uno dei primi, in tempi non sospetti, a dire che questo è uno dei giocatori più importanti della rosa se ben ricordi. E ne sono ancora convinto. Ma l’esperienza ha la sua importanza per stare subito a certi livelli, a meno che tu non sia Roberto Baggio. Ora se la sta facendo. Bessa: il giocatore ha un indubbio talento, ma avevo letto un’intervista di qualche tempo fa sull’Arena ad un giornalista che seguiva la B lo scorso anno in cui dichiarava che non si aspettava di vederlo così protagonista perché a Como fece un bel campionato ma difettava in continuità. Quest’anno farà 24 anni, quindi su di lui possiamo sperare che il momento della maturità calcistica sia arrivata (per alcuni arriva prima, per altri dopo, per altri ancora mai), ma certezze non ne possiamo avere fino a prova contraria. I vari Carrozza, Bacinovic, Bojinov e Rivas venivano infatti da campionati importanti. Da noi fallirono. C’est le football…

                • Simone scrive:

                  No, allora, però cherubin non sta giocando perché rotto e forse andrà fuori rosa per questo motivo. Il mio ragionamento era relativo anche alla partita dell’altro giorno. Tra bianchetti (mi dispiace per lui, ma la cifra che avrebbe offerto la Sampdoria per lui, se vera, sarebbe stata insensata per quanto fatto vedere finora in carriera- e di piazze ed allenatori ne ha passati un bel po’ ormai)/baldoria e dellafiore/brosco io mi prendo i secondi (e sarò felice di essere smentito in futuro, ma ad ora è così), mariga davanti alla difesa lo prendo cento volte rispetto a bessa, che va bene in altri ruoli semmai. Zuculini bruno boh, al momento in Europa non ha dimostrato nulla, vedremo quest’anno . Ma su di lui è al momento impossibile pronunciarsi. Penso solo che se pecchia ha messo bessa al suo posto (forse sbagliando, non so) avrà avuto le sue ragioni. Acosty gli ultimi due anni ha giocato a latina, non era riserva di luppi (che comunque per me nel tridente del Verona attualmente deve giocare per quello che ha fatto vedere, pur con tutti i suoi limiti), che era a Modena e giocava comunque da seconda punta. Gomez è da tutto lo scorso anno che gioca male e non c’è traccia di lui in campo, salvo qualche raro lampo. Detto questo, il Verona è più forte del latina, infatti ho premesso che il latina non se la può giocare la A. Ma era per far capire quanto le differenze con le altre non siano così marcate come qualcuno continua a sostenere. Questo al momento è un campionato molto equilibrato proprio per questo. E la classifica ed i risultati che si susseguono lo stanno a dimostrare.

                • RH scrive:

                  Dati alla mano, Dellafiore tranfermarkt(no la bibbia, ma è indicativo) lo assimila a Cherubin (nostra riserva).
                  Se per Bianchetti si è rifiutata un’offerta di 3.5 mln e Brosco lo si è preso (come riserva) a 0.4mln il motivo ci sarà.
                  Acosty era riserva di Luppi a modena.
                  Insigne ha caratteristiche che noi non abbiamo, ma preferirei Juanito sottotono 10 volte, se non altro per il cognome, ma in generale magari poi esplode ma ad ora, sulla carta, tengo Gomez.
                  Mariga NON sarebbe titolare con Fossati (e nemmeno prima riserva con F:Zuculini, e ora vediamo com’è B.) presente
                  Di tutta la rosa del latina, forse solo Scaglia potrebbe giocarsi le sue carte nel Verona, e infatti tutti invocano l’acquisto di un esterno alto.
                  Il Verona è primo e il Latina è 15esimo. Perché nessuna ha dimostrato di essere migliore di noi, e perché i pontini hanno cominciato gettando punti a destra e a manca, probabilmente il divario di 14 posizioni non è corretto, ma 10/11 dei loro non giocherebbero titolari da noi perciò essere sopra di loro è sacrosanto e pure doveroso

          • fenomeno scrive:

            Da “mandorliniano” convinto ti dico che se a Mandorlini non è stato dato il giusto merito per dei risultati a mio avviso straordinari non è che bisogna per contrappasso denigrare Pecchia….Pecchia sta facendo bene perché è primo in classifica ed è perfettamente in linea con l’obiettivo che deve raggiungere…mettiamocelo nella testa che ogni campionato è difficile da vincere e che vincere a mani basse non sarà mai facile per nessuno…si vincono 5 partite a fila e si scrive che noia, avversario cercasi, si stenta un mese e tutti a gridare al complotto ed ai catastrofismi…che palle :-)

          1. Maxx scrive:

            Io dico:
            Facciamo una colletta, troviamo 26 uteri in affitto, impolliniamoli col Sacro Seme di Mandorlini e diamo una squadra alle vedove inconsolabili: fra ‘na ventina d’anni vinceranno il vincibile!
            Augh!

            • Maxx scrive:

              Ovviamente, a meno che non ci sia, tra le vedove inconsolabili, chi vuol prestarsi alla bisogna di dar prole al prode Andrea da Ravenna. Per la Mandorlini F.C. questo ed altro.

              • fenomeno scrive:

                Questa potevi risparmiartela…

                • Maxx scrive:

                  Lo so, ma a volte i reazionari a tutti i costi infastidiscono. Bagnoli è sotto contratto con qualcuno?

                  • Maxx scrive:

                    Rispetto, per me, significa rispetto.
                    Di mogli ne ho una, basta ed avanza.

                  • fenomeno scrive:

                    Hai uno strano modo di manifestare rispetto…

                  • Maxx scrive:

                    Io, per educazione ricevuta, rispetto anche quelli che non fanno risultati. Per i giovani non siamo d’accordo. Da un bel po’.

                  • fenomeno scrive:

                    Io ho sempre sostenuto che un allenatore cha fa determinati risultati meriti rispetto a prescindere dal tipo di gioco e dalle simpatie…si può criticare chiunque ma non trovo corretto criticare inventandosi delle cose…tipo il giocano sempre quelli quando in campo di giocatori ne abbiamo visti una montagna o i giovani non giocano quando poi abbiamo avuto esempi di gente come Iturbe e Jorginho….i giovani se son bravi giocano, punto….se invece non sono bravi o non riescono ad avere continuità fan fatica con tutti gli allenatori, vedi Valoti…

                  • Maxx scrive:

                    ?
                    Probabilmente ci siamo capiti male. Io sono ancora convinto che quando (2^, 5^ o 15^ partita) stravolgi la squadra aprendo buchi da un’altra parte per far giocare uno fuori ruolo sbagli. Così come adattare Bianchetti esterno Dx per portare Pisano a Sx.
                    La polemica, abbastanza accesa, c’era stata su Donsah e sui giovani. Ed ammetto che avevo forzato un po’ la mano. Ma sono ancora poco convinto che Mandorlini fosse uno adatto a lanciar giovani, anche se in qualche caso l’ha fatto. Tu invece sei convinto di sì. Rispetto la tua opinione.

                  • fenomeno scrive:

                    Lascia perdere, non ricordi…mi riferivo ad una polemica tra di noi quando tu criticavi Mandorlini perchè dopo Verona- Roma Souprayen la partita dopo fu messo in panchina per far giocare Pisano a sinistra…ma era una tua invenzione o disattenzione….a Bergamo a sinistra giocò ancora Souprayen…tu davi contro a Mandorlini tirando fuori anche cose non vere….quello era il succo del discorso…non importa dai pensiamo al calcio champagne di Pecchia

                  • Maxx scrive:

                    Dimmi chi giocava al posto di Souprayen, quando secondo te io avrei preferito giocasse…
                    Ti assicuro che vorrei giocasse SEMPRE Albertazzi invece di Souprayen se non fosse rotto. Fosse solo per il fatto che io vorrei una squadra di italiani. Avevamo altri esterni di sinistra?

                  • fenomeno scrive:

                    vabbè, hai la memoria corta…

                  • Maxx scrive:

                    Di quando stai parlando? Souprayen era titolare in tutte le prime gare. Mi sembra sia rientrato Albertazzi con elinter alla 4^-5^ di campionato. Ed Albertazzi era il mio preferito, ma puoi chiedere a Gazzini, mio vicino di curva, quanto avessi lodato le partite di Souprayen.
                    Caso mai, ad un certo punto, si è presa l’abitudine di portare Pisano a Sx al suo posto. Indipendentemente da chi è sostituito e da chi si sostituisce, la reputo una mossa sbagliata. E l’ho fatto notare (PER PRIMO!) anche nell’occasione di Cittadella: ho detto papale-papale che per me Pecchia aveva sbagliato a stravolgere la squadra e che avrei preferito Boldor al centro della difesa. In molti si sono uniti al coro la settimana successiva, quando Boldor al centro della difesa ha fatto la sua onesta partita. Come vedi, sono abbastanza coerente: ciò che non mi andava con Mandorlini non mi va nemmeno con Pecchia.

                  • Maxx scrive:

                    Molto spesso sì, fenomeno. Era molto, molto, molto frequente, inoltre, che durante le partite di calcio i commentatori usassero la locuzione “Il Verona è molto remissivo….” E non è certo la prima volta che te lo dico. Già dalla lega pro.

                  • fenomeno scrive:

                    No mi riferivo al fatto chetu avevi scritto che era inconcepibile che Souprayen dopo una buona partita all’esordio contro la Roma fosse finito in panchina la partita dopo a Bergamo per far giocare i propri cocchi…ma Souprayen a Bergamo giocò titolare…sostenevi così tanto il NOSTRO ALLENATORE che inventavi delle cose per perorare la tua causa contro…però per te era il NOSTRO ALLENATORE

                  • fenomeno scrive:

                    Eravamo definiti l’anticalcio da tutti i media?…si vabbè e le mucche sono lilla

                  • Maxx scrive:

                    Ps. Ho sempre preferito Albertazzi a Souprayen. Caso mai ti riferisci a Donsah, che reputavo molto forte. Ma mi sembra che il tempo stia dando ragione a me.

                  • Maxx scrive:

                    Se non sbaglio eri stato tu a chiedermi, quando non apprezzavo l’attendere gli avversari al limite della nostra area: “Chi vorresti al posto di Mandorlini?” Ed io ti o risposto: “Mandorlini con meno paura!”.
                    Di Mandorlini non amavo l’atteggiamento. Anzi, lo detestavo. Molto spesso si scendeva in campo con pochissima idea di far gioco, imbottiti di incontristi per non far giocare gli avversari che, magari, avevano squadre misere. Eravamo definiti “l’anticalcio” da tutti i media e questo non poteva farmi piacere. Ma non ho mai “sperato” che il ravennate fosse esonerato; mi sembra diverso da chi denigra Pecchia per riaverlo qui.

                  • Simone scrive:

                    Maxx, la storia del Verona e in generale del calcio dice che il gioco lo dà un allenatore in base alle idee che ha ma soprattutto in base alle caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione, al di là del valore degli stessi in senso assoluto. Ma i risultati in generale li si ottiene innanzitutto quando c’è una società buona alle spalle. I due Verona più importanti della storia (anni 70 e 80 per intendersi) questo avevano innanzitutto Società importanti dietro. Con società dilettantesche qui non hanno ottenuto risultati allenatori come Reja, Ventura o Sarri. Ed è In primis, con la sua proverbiale umiltà ma anche realismo, proprio Bagnoli a sottolinearlo spesso.

                  • fenomeno scrive:

                    Perdonami Maxx ma il tuo non amare il gioco di Mandorlini spesso sconfinava in ironia fuori luogo e mistificazione dei fatti (come il Souprayen finito in panchina)…sostenere il NOSTRO ALLENATORE pur non amandone il gioco per me significa altra cosa da quello che hai sempre fatto tu…

                  • Maxx scrive:

                    Ciao Grande Superciukko! Mi stanno antipatici tutti quelli che non tifano Hellas. Mi stanno ancora più antipatici quelli che dicono di tifare Hellas ed invece tifano un allenatore (per quanto forte), un giocatore (per quanto forte), un presidente (per quanto forte).
                    Il Nostro Verona è QUESTO, si tifa QUESTO Verona. Certo, avere opinioni, sensazioni, critiche, consigli, desideri fa parte del gioco del tifoso.
                    Esternare SOLO in occasione delle sconfitte (ancorché primi in classifica) per esclamar in pompa magna “Io l’avevo detto” non fa parte del DNA del tifoso Hellas.
                    C’erano molti che, come me, non amavano il gioco di Mandorlini. Mi sono incazzato quando qualcuno ne ha chiesto la testa, perché QUELLO era il NOSTRO allenatore ed andava COMUNQUE sostenuto. A prescindere dal fatto che le idee fossero diverse. Ma allo stesso modo mi incazzo quando qualcuno insinua astio e livore nei blog per nostalgia di quello stesso allenatore; ora, per me, si sostiene Pecchia. Anche se magari non fa esprimere alla squadra il gioco che uno vorrebbe.

                    Ovvio che quella di Bagnoli era la ULTIMATE PROVOCATION! Sono stracerto che dopo due partite perse i lagnoni s’attaccherebbero anche a Sant’Osvaldo.

                  • superciukko scrive:

                    Maxx porta pazienza, il loro numero è in netta minoranza rispetto ai “rottamatori” .. sarà il segno dei tempi!
                    London scrive una volta alla settimana se va bene, non credo che se si ostina a difendere la sua idea possa provocare crisi epilettiche a chi la pensa diversamente.
                    Del resto guarda come si è ridotto sto blog….ormai è uno stillicidio di pianti e starnazzamenti. Bagnoli è libero, ma con questa “piazza” non resisterebbe più di un mese credimi.

            1. viniciocaposhellas scrive:

              Se prendono stò Ferrari entra in lista over.
              Quindi o restano fuori rosa sia Cherubin sia Albertazzi oppure uno se ne deve andare.
              Chi partirà?

              • Simone scrive:

                Fusco lo ha detto: se cherubin recupera, albertazzi se ne va in prestito perché ha bisogno di giocare. Se cherubin non recupera, albertazzi sarà con la squadra.

              1. Bruno scrive:

                Non sapevo di essere reazionario ma devo confessare che pensare a Pecchia su una panchina di serie A mi mette un po’ di preoccupazione.

                • Simone scrive:

                  Invese gh’è altra gente preoccupa’ dal fatto che par l’an che vien El primo acquisto per se la A El sia Brosco.. mi direa de no farse troppe iperboli in testa e viver alla giornata senza dar massa robe par sconte’..

                1. Bruno scrive:

                  Comunque va bene Maxx, noi ci attiviamo per recuperare i 26 uteri, tu però allora ti devi occupare di raccogliere il seme di Mandorlini, vedi ti come fare era.

                  1. Simone scrive:

                    Qua si parla di allenatori quando il punto è capire come si sta ristrutturando la società.. udinese, Chievo, Atalanta, Bologna, Empoli, Cagliari, Palermo eccetera si sono fatti anni di A cambiando spesso allenatore. Quello che serve è creare un modello di società sostenibile puntando al consolidamento a certi livelli. Il primo tentativo di Setti non è andato bene in questo senso. Ora bisogna vedere se col nuovo corso ci riuscirà.

                    1. Angossa scrive:

                      fenomeno ti stimo!
                      Brao!

                      1. viniciocaposhellas scrive:

                        Speriamo a fine campionato di poter dire che le altre si dannano per rinforzarsi e noi vinciamo con 4 ragazzotti mezzi-infortunati che non sono costati niente.

                        1. fenomeno scrive:

                          Gol fatti:

                          Verona 40
                          Spal 36
                          Cittadella 33
                          Entella 33
                          Frosinone 32
                          Perugia 29
                          Benevento 28
                          Novara 27
                          Salernitana 27
                          Cesena 26
                          Brescia 24
                          Latina 24
                          Carpi 23
                          Bari 22
                          Ascoli 21
                          Pro Vercelli 20
                          Ternana 20
                          Spezia 17
                          Avellino 17
                          Vicenza 16
                          Trapani 15
                          Pisa 8

                          modulo ed esterni d’attacco disastrosi?….boh…

                          • die980 scrive:

                            Ciao,

                            i numeri non mentono, su questo non si discute. Tuttavia come sottolineato dai commenti precedenti è la tendenza a preoccupare. Sai com’è..spesso è il cavallo “di rincorsa” che supera gli altri. E’ una questione di entusiasmo, di inerzia, di cattiveria. Alcuni dicevano che il “primato logora”…altri continuavano aggiungendo “chi non ce l’ha”. La verità come al solito sta nel mezzo. Tuttavia non possiamo nascondere che l’ultima parte di campionato è stata molto critica, sia a livello di prestazioni che di risultati. I giocatori non si rincoglioniscono..ma alcuni alle prime difficoltà deragliano in maniera preoccupante (vedi il buon Bianchetti ad esempio). Inutile poi ribadire la flessione di Romulo, i gol sempre su palla inattiva. Una “sana” preoccupazione non fa male…anche perchè chi ha veramente a cuore qualcuno o qualcosa, ai primi segnali di cedimento si preoccupa, si allarma e fa suonare il campanello! Ognuno poi ha il proprio modo di esternare la cosa ma alla fine vogliamo tutti un gran bene all’Hellas!

                            Ciao e buona giornata

                            Diego

                          • pennabianca scrive:

                            Si ma 31 di questi sono stati segnati nelle prime 14 giornate, nelle rimanenti 8 ne abbiamo fatti 9.
                            Ho preso quella giornata perchè da li sembrano iniziati i problemi del Verona.
                            Io sto con Pecchia ben inteso e la sola parola contestazione me fa da ridar, ma due domande me le faccio.
                            Spero di non essere il solo.

                            • fenomeno scrive:

                              Hai ragione però i giocatori son sempre quelli, non possono essersi rincoglioniti tutti insieme all’improvviso…c’è stata una evidente flessione atletica ma prima o dopo da qualche parte questa flessione arriva, dal mio punto di vista la squadra riprenderà la sua marcia e raggiungerà il suo obiettivo…poi ovvio ognuno la vede a suo modo…per me la rosa è completa, potrebbe starci un terzino in più ma li ci può giocare pure Romulo…io stavo con mandorlini e sto con pecchia e più in generale con gli allenatori che fanno risultati perché credo che allenare bene e vincere sia molto più complicato di quello che pensiamo noi da fuori ed in ogni caso penso che il mio ruolo sia quello di tifoso ovvero di supporto ad una squadra che sta cercando di tornare in serie A ed è attualmente in linea con ciò che deve ottenere…continuare a criticare non serve a nulla, io tifo una squadra che non vincerà mai campionati a mani basse e ne sono consapevole e fiero

                              • Maxx scrive:

                                L’Hellas è una buona squadra con 3 giocatori che possono/devono fare la differenza: Pazzini, Romulo e Bessa. Sabato nessuno dei 3 ha girato come sa: Romulo non pervenuto, Pazzini, pur con non moltissime palle giocabili non è stato il Pazzini che conosciamo, cannando tutte le 5 occasioni sporche avute, Bessa non ha inciso, sbagliando passaggi semplici non da lui e regalando perfino una palla a insimmie che poteva costar cara, quella del giallo a Bianchetti.
                                Nonostante questo, se non ci fosse stato l’arbitro prevenuto, probabilmente non avremmo perso contro una squadra che sta facendo molto bene. Il che significa che anche senza i 3 di altra categoria non siamo pessimi come qualcuno vuol farci credere. Non siamo più la bella squadra vista ad inizio campionato, ma a parte qualche defezione, abbiamo gli stessi giocatori, lo stesso allenatore e lo stesso presidente di allora.
                                C’è chi giura che all’interno dello spogliatoio il clima sia più che sereno. Se fosse vero, ed è per me l’unico dubbio, quello che stiamo passando è solo un problema/momento contingente.

                                • fenomeno scrive:

                                  Guarda Maxx la cosa che a me fa più specie è che chi scrive qui “vive” di calcio, vediamo partite quasi ogni giorno e viviamo ogni anno un campionato da tanti anni a questa parte…ogni anno le cose si ripetono, vediamo quasi sempre le stesse situazioni ma cadiamo sempre negli stessi allarmismi e nelle stesse polemiche..vinciamo 3 partite e siamo dei fenomeni, ne perdiamo 3 e siamo tutti coglioni, presidenti truffatori, DS incapaci e giocatori bolliti…come sempre la verità sta nel mezzo…si è mai vista una squadra dominare un campionato di serie B dall’inizio alla fine senza alcuna flessione, spazzando via tutti?…a mia memoria no, tutte prima o poi passano il loro periodo non brillante ma poi i valori emergono…dobbiamo andare in serie A non dobbiamo battere dei record…si può andare in serie A anche all’ultimo secondo dell’ultima partita di play off…lo scorso anno a Novembre il nostro campionato era già finito quest’anno qualsiasi cosa succeda saremo li a giocarsela fino alla fine….godiamocela Santo Dio!!!

                          1. mir/=\ko scrive:

                            guardati il trend dell'hellas dell' ultimo periodo. secondo te è il trend di una squadra destinata a vincere il campionato?? vogliamo parlare della qualità del gioco espresso?? quanto è lontano il bel Verona dell'inizio di campionato?? dobbiamo sperare che le inseguitrici non migliorino minimamente!! e comunque siamo immobili sul mercato a differenza di altri, nonostante la rosa abbia problemi quantomeno numerici in difesa… a mio modesto avviso, di questo passo finiremo presto addirittura in quarta o quinta posizione dietro le attuali inseguitrici. la squadra non ha carattere

                            1. Mariino scrive:

                              Quest’anno verra’ ricordato per l’anno dell’approccio.Questa brutta parola ci e’ stata regalata dal mister Pecchia,l’uomo del vento.Vorrei che tornasse a Coverciano per dei corsi di recupero.Forse capirebbe che una partita dura 90 minuti e oltre.Perfino Fossati nell’intervista di ieri ha fatto capire che si va avanti col 433 con gli stessi esterni d’attacco.ma di questo non avevo dubbi.

                              • fenomeno scrive:

                                Di gran lunga il miglior attacco del campionato con 40 goal fatti in 22 partite…siamo proprio sicuri che il modulo e gli esterni d’attacco siano proprio così disastrosi?…che tra l’altro il nostro modulo a me sembra tutto tranne un 433…giochiamo con difesa a 4 e 5 giocatori a centrocampo che si scambiano posizione fraseggiando con palla bassa più un pivot centrale…io sinceramente sto 433 mica lo vedo..qui non è un problema di modulo e giocatori, qui il “problema” è riuscire ad entrare in campo ogni volta fisicamente pronti e concentrati…cosa che durante un campionato di 42 partite non sempre succede….ma a tutti, non solo a noi…

                                • bardamu ( ex lucab ) scrive:

                                  Totalmente d’accordo.
                                  In molti vorrebbero vedere in campo le due punte ( Ganz o Cappelluzzo vicino a Pazzini ) anche per frenare l’ardore col quale, soprattutto fuori casa, gli avversari da Ascoli in poi vengono a pressarci nella nostra difesa, ma sono certo che se l’esperimento fallisse miseramente gli stessi sarebbero pronti a rimangiarsi questa opinione.
                                  Alcuni cambi “strani” ed alcune formazioni fantasiose hanno fatto incazzare i puristi, soprattutto i “mandorliniani, diciamolo pure, ma io rimango fiducioso.
                                  Questo campionato possiamo perderlo solo noi. Oltretutto dietro c’è un equilibrio raramente visto, e questo non può che aiutarci.

                              1. Paolo scrive:

                                Infastidito dall’andamento assai lento o quantomeno equilibrato di questo torneo, sono andato a recuperare quella che era la situazione alla 22° giornata degli ultimi campionati di B

                                Serie B 2009-2010 – Lecce (39), Cesena (38), Ancona (37)
                                Serie B 2010-2011 – Novara, Siena e Atalanta (43 punti)
                                Serie B 2011-2012 – Torino (45), Sassuolo (43), Pescara (42)
                                Serie B 2012-2013 – Sassuolo (51), Livorno (47), Verona (43)
                                Serie B 2013-2014 – Palermo (41), Empoli (39), Avellino (37)
                                Serie B 2014-2015 – Carpi (43), Bologna (37), Frosinone, Livorno e Spezia (34)
                                Serie B 2015-2016 – Crotone (48), Cagliari (46), Pescara (40)
                                Serie B 2016-2017 – Verona (41), SPAL (39), Frosinone (38)

                                Ne risulta che quello del Verona, alla pari con quello del Palermo di due stagioni or sono, è il ritmo da capolista più lento degli ultimi 7 anni. Inserita nel campionato del Sassuolo dei record e del Livorno dei miracoli, così come era toccato al Verona del 2013, una squadra con il passo che sta tenendo attualmente il Verona (soprattutto negli ultimi due mesi) non avrebbe avuto la minima possibilità di centrare la promozione diretta. Chiaro che ogni stagione fa storia a sé e che, per donare un po’ di ottimismo dopo lo scempio visto dell’altro ieri, nei campionati sopra citati la squadra al comando della classifica alla 22° giornata ha poi sempre centrato la promozione diretta; addirittura il Lecce nel 2010 vinse il campionato di B raccattando la miseria di 75 punti in 42 partite; il Verona due anni dopo giunse solo quarto pur totalizzandone 78, giusto per dire. Queste statistiche sono confortanti, o quantomeno sono assai più confortanti di Pecchia che ha candidamente ammesso di non sapersi spiegare il perché del tremendo approccio del Verona a Latina, per poi affermare che si è comunque “creato tanto”.

                                • pennabianca scrive:

                                  D’accordo anche se il trend attuale dice che abbiamo fatto la miseria di 11 punti dalla 14a giornata
                                  e quindi ci siamo nettamente involuti come squadra e come classifica. se la media fosse quella degli ultimi 2 mesi, ci toccherebbe un “dignitoso” sesto/settimo posto utile comunque per disputare i play off.

                                  • GINO DAL BAR scrive:

                                    …in realta’, 11 punti in 9 partite sono una media da salvezza tranquilla (sarebbero 51 punti totali).
                                    E’ inutile girarci intorno: il Verona, a partire dalle prossime 2 gare interne, deve cambiare marcia se vuole raggiungere l’obiettivo e non rischiare di compromettere tutto quello che di buono ha fatto all’andata, dimostrando che la partita col Cesena non e’ stata un caso.
                                    Continuando con questa media si troverebbe invischiata nella lotta play off…e questa squadra purtroppo pullula di qualita’, ma manca quasi completamente di coglioni…(…abbiamo i Romulo e Bessa, ma mancano i Ferrari e i Maietta Moras…)
                                    Poi, la societa’ deve fare il suo: Zuculini era un’occasione da 31 gennaio, ma non di certo una priorità per un centrocampo gia’ folto (6 giocatori per 3 ruoli), considerando che ha occupato l’unico posto negli “over” che si era liberato.
                                    E’ lampante che serve un esterno alto (Siligardi e’ partito 18 volte titolare, quindi Pecchia lo considera il migliore esterno a sua disposizione…che l’e’ tutto un dir…), un terzino e’ necessario come il pane, e inserire Albertazzi nella lista al posto di Cherubin si sa che e’ un rischio (…e’ indisponibile in media 2 partite su 3…), come e evidente che Ganz non e’ un giocatore che piace a Pecchia…e tutto questo, tenendo presente che fino a quando’ non si cedera’ qualcuno, possono tesserare solo “under” nati dopo il 95….
                                    …e se ste robe le vedo mi, che mal che la vada, come tifoso tra A e B a mi me cambia gran poco…presumo le vedano anche loro, che tra A e B ghe cambia come dal giorno alla notte sotto tutti i punti de vista…quindi non ho dubbi che stiano lavorando per risolvere ste robe…

                                    • Simone scrive:

                                      Zuculini era un’occasione. E’ vero che a centrocampo di giocatori ce ne sono, ma è altrettanto vero che hanno tutti caratteristiche bene o male simili. Mancava un incontrista, perché il Franco (l’altro Zuculini) purtroppo non è una certezza dal punto di vista fisico. Si può semmai disquisire sul fatto che il Bruno sia un giocatore di un certo livello o meno (visto Mariga l’altro giorno, giusto per fare un nome, non mi avrebbe fatto schifo), ma quello lo dirà il campo. Al momento la sua carriera dice che in Europa non ha combinato granché, anche quest’anno nella B spagnola. Sulle caratteristiche della squadra concordo: non hai giocatori leader, di carattere. Quindi inutile aspettarsi una squadra da battaglia romana, la rosa non ne ha le caratteristiche. Le nostre qualità sono per l’appunto altre. E i punti li fai quando queste qualità riesci a farle vedere e ad imporre, altrimenti si faticherà sempre. Quindi bisogna anche mettersi in testa che noi abbiamo dei limiti e le altre squadre non sono così male, e sono in crescita. Non a caso questo è un campionato particolarmente equilibrato. Vittorie “sporche” da questa squadra credo ne vedremo poche. Infine, sul mercato: concordo, servirebbe almeno un esterno basso, un centrale di sicuro affidamento (sia fisico che di prestazioni) e almeno un esterno alto capace di saltare l’uomo. Si sa. Tutto vero. Ma, a meno che Fusco non stia bluffando, la società è stata chiara: sui centrali siamo a posto così, si cerca un esterno basso in grado di giocare su entrambe le fasce (il tentativo per Mattiello, buon giocatore ma con guai fisici perenni da due anni comunque, è stato rispedito al mittente dalla Juventus a quanto pare). Stop. Credo anch’io che la società lo sappia che servirebbe altro, ma se vai a guardare, sugli esterni alti girano dei prezzi che evidentemente la società non si può permettere (con meno di 3 milioni non ti porti a casa nessuna certezza in quel ruolo), quindi il motivo per cui in quel ruolo non arriverà probabilmente nessuno è quello. A meno che, unica opzione proponibile, Fusco non riesca a trovare un colpo in prestito alla Insigne del Latina.

                                1. enrico scrive:

                                  io aggiungerei anche che è molto grave che giocatori come romulo e pazzini non siano in grado praticamente mai di saltare l’uomo…. e poi andiamo a dire che una cadetteri più scarsa non ci potrebbe essere… a me sinceramente non pare scarsa agonisticamente e pure tecnicamente ho visto giocatori anche di altre squadre fare lanci di 30 metri.. stop al volo e belle azioni.. noi a tratti neppure capaci di fare 3 passaggi consecutivi l, lanci direttamente in fallo laterale ( in media 4 5 a partita..) il passaggio smarcante poi non ne parliamo. al buon pazzini servono dai 5 a i 7 palloni buoni per fare un goal.. ci rendiamo conto? sono più quelli sbagliati e le azioni maldestramente grestite che altro… altra cosa ricordate qualche tiro in porta di romulo? qualche alzione dove vengo scartati 2/3 avvesari? no… da li si vede il tasso tecnico che abbiamo, che è solo leggermente più di altre ma se prendiamo tutti singolarmente fanno tutti panchina in a .. anche l’osannato pazzini che ripeto … fara’ goal per carita’ ma non mi pare il classico tipo che puo risolere la partita che se non è giornata non riesce nuppure a scartare un difensore . e quanti goal che sbaglia ragazzi ma quanti…..

                                  • fenomeno scrive:

                                    mi sembri troppo negativo…credo che qualsiasi tifoso di qualsiasi altra squadra di B ti direbbe l’esatto opposto ovvero che il Verona è squadra di rango che gioca bene e nella propria squadra pullalano gli scarponi…40 goal fatti, di gran lunga il miglior attacco del campionato, leggendo certi commenti sembra che siamo a metà classifica dai…

                                  1. fenomeno scrive:

                                    Quando tutti faranno un bel bagno d’umiltà e capiranno che Verona è una piazza di provincia che a livello di business calcistico non interessa a nessuno sarà sempre troppo tardi…siamo in serie B, siamo una squadra di serie B, Latina è un campo ostico, potevamo pareggiare, abbiamo perso, amen…si va avanti…fare una promozione, fare più di 80 punti non è mai semplice per nessuno…questa è una squadra che ha dei valori tecnici superiori alla media della categoria ma valori agonistici non così eccelsi ergo mettetevela via che a Latina si può perdere…il Latina, numeri alla mano, è la squadra che ha perso meno partite, leviamoci sta spocchia per la quale dobbiamo stravincere ovunque…il Frosinone con i suoi 4, 5 acquisti ha perso ad Entella, il Bari di super scion con i suoi altri mille acquisti ha perso a Cittadella…non ci sono panacee ed acquisti miracolosi, bisogna giocare partita per partita, correre, lottare, vincere e perdere…si chiama calcio, se tutto fosse così facile sarebbero tutti primi in classifica…

                                    • pennabianca scrive:

                                      Quindi ci dobbiamo rassegnare, appena una squadra mette un po di grinta, a soccombere
                                      ad ogni gara? Perchè carpi a parte, dove non è che abbiamo fatto sfracelli, nelle ultime trasferte è andata così…

                                      • fenomeno scrive:

                                        No, non dobbiamo rassegnarci ma nemmeno scandalizzarci quando perderemo qualche altra partita…c’è stato il periodo in cui ogni trasferta era sagra ora si soffre…ogni squadra, ogni gioco, ogni allenatore hanno le proprie caratteristiche ed anche il gioco apparentemente più bello del mondo nei periodi di magra diventa sterile…io da sempre sono un sostenitore del risultato e degli allenatori che ottengono risultati a prescindere dal tipo di gioco perché non c’è gioco perfetto eterno in assoluto ed al tifoso quando si perde girano i maroni a mille sempre…il “abbiamo perso ma giocato bene” ci appartiene poco quando si parla della nostra squadra

                                    • Maxhellas scrive:

                                      Giusto: il problema è proprio lo scarso agonismo mostrato in campo. E questo accade sia quando si perde, sia quando si vince. L’impostazione della squadra punta sul fattore tecnico e tattico, mentre lascia volutamente fuori l’aspetto agonistico. Per questo quando si perde si parla di squadra troppo morbida e quando si vince di squadra troppo superiore. Mancando l’agonismo l’impressione è sempre di una squadra che perde o vince senza dannarsi troppo l’anima. Ben diverso dal modo di interpretare il calcio di tutte le altre squadre di B.

                                    • julius scrive:

                                      CHE DIRE….ANALISI PERFETTA…COMPLIMENTI

                                    1. Angossa scrive:

                                      Colpa della nebbia, del vento e delle gambe pesanti dovute alla preparazione che ci farà volare in primavera!!! ;-)

                                      1. maurizio scrive:

                                        Speriamo di non andare in A e fare la fine del Pescara.

                                        1. Mattia scrive:

                                          Concordo su tutto fioravanti

                                          1. mir/=\ko scrive:

                                            Sacrosanto quello che scrivi… tranne un passaggio: quando parli di un Verona che "vuole andare in A". i tifosi vogliono andare in A!!!! questo è realistico. ma la presidenza lo vuole??? a proposito come siamo messi col pagamento degli stipendi?? visto i precedenti del carpigiano, non mi stupirebbe nulla!!!non vorrei che Setti avesse deciso di adottare nuovamente questa tecnica tutta sua di motivare il parco giocatori…!!!

                                          Lascia un Commento

                                          *