24
set 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 197 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.239

DISASTRO TOTALE

Il punticino arraffato mercoledì sera con le unghie, il sacrificio e un po’ di fortuna, doveva rappresentare l’inizio del “nuovo” campionato del Verona. Adesso quel pareggio sembra più frutto del caso. Contro la Lazio i gialloblù hanno fatto tanti passi indietro, nonostante un avvio di partita tutto sommato discreto. E’ bastata una stupidata di Souprayen per spalancare le porte del successo ai biancocelesti, mettendo in evidenza tutti i difetti e i problemi della squadra scaligera, allenatore compreso.

Non ho capito alcune scelte di Pecchia, ma non voglio perdere troppo tempo su questo argomento. Il dramma vero è che comunque la si giri, questo Verona fa acqua da tutte le parti: giocatori in perenne difficoltà che commettono errori da dilettanti, poche idee di gioco, incapacità di reagire alle situazioni sfavorevoli e apporto quasi nulla dalla panchina. Lee ha fatto vedere un paio di buoni spunti quando il match era già morto e sepolto. Troppo poco per sperare in un’inversione di rotta.

Pecchia ha preferito puntare su quasi tutti i giocatori che avevano dato segnali incoraggianti contro la Sampdoria, anche se ha spostato Bearzotti più avanti, ha messo Romulo a destra e ha cercato conforto in Souprayen. La squadra però è apparsa quasi subito poco brillante, lenta, macchinosa, incapace di fare un vero pressing e di ripartire.  Zaccagni ha preso il posto di Bessa con risultati disastrosi. Valoti esterno alto di sinistra è fuori posizione e può essere utile in fase di contenimento, ma quando c’è da spingere su quella fascia fa troppa fatica. Sia chiaro, questo è solo uno dei tanti problemi. Dallo stadio ho avuto l’impressione di un Verona in crisi anche sul piano fisico, complice l’impegno di pochi giorni prima con la Samp. Male la difesa, male il centrocampo, male l’attacco con Pazzini solo e poco brillante.

Vedo un Verona che non ha un’idea precisa di come vuole affrontare questa serie A. L’anno scorso era una squadra abituata a tenere il pallino del gioco con tanti passaggi, in attesa dei varchi giusti per affondare. Oggi, contro squadre di maggior valore, Pecchia ha senz’altro modificato quel modo di giocare: meno fraseggi, più attesa, più verticalità. Questa almeno era la sua intenzione. Il risultato? Desolante. L’Hellas sembra un ibrido che non ha un punto di forza. Fatica a difendersi, fatica a ripartire, fatica a creare palle gol, fatica a fare un po’ tutto. Non una bella prospettiva per una formazione che deve salvarsi.

9.239 VISUALIZZAZIONI

197 risposte a “DISASTRO TOTALE”

Invia commento
  1. mir/=\ko scrive:

    Caro RH: Pecchia è un problema marginale!! purtroppo il vero problema è l'attuale proprietà, che senza paracadute farebbe sprofondare il Verona in Lega Pro nel giro di un paio d'anni, ripercorrendo le orme della gestione Pastorello. la sostituzione della guida tecnica porterebbe, forse, un po' più di grinta nel breve termine… ma purtroppo alla base di ogni ragionamento c'è l'aspetto economico. se devi allestire un parco macchine spendendo cifre che rasentano lo zero, l'unico sistema possibile è quello di acquistare veicoli in una discarica!!!!! ovvio essere poi subissato dai problemi… il vero problema è il portafoglio… vuoto a Verona e bello gonfio altrove!!!!!!!!!

    • bruce scrive:

      Sacrosanto, quando Pecchia sarà esonerato i fenomeni della panchina che lo contestano se la prenderanno con il malcapitato di turno che ne prenderà il posto..

    1. RH scrive:

      Che finisca presto questa agonia! Sono giunto a sperare di perdere male purché mi svegli lunedì senza l’attuale allenatore e con le dimissioni del direttore sportivo. Non è solo l’inadeguatezza di capacità, ma il modo assolutamente meridionale di gestire ogni azione. Allenatori scarsi, dirigenze incompetenti, persone fastidiose e giocatori non all’altezza o che non rendono ne ho visti tanti tanti in questi ultimi anni. È la prima volta in vita che spero che la squadra perda male. Il mio dovere lo faccio, e a Torino ci vado per cantare dal primo all’ultimo minuto, ma in cuor mio spero finisca 4-0

      • Simone scrive:

        Un vero tifoso del Verona. A quando un testamento ideologico del nuovo tifoso perfetto?

        • RH scrive:

          Salta la diga!

          • Simone scrive:

            Teorico del nuovo tifo, prova a far una roba: sii coerente fin in fondo e prova a esultare ai gol del Torino doman. Ghe sarà anca me pare, che el va in curva dal 73 e te assicuro che se te ghe de drio te arriva un peston doppio suo copin. Se dopo che te te lo ciapi i se le ciaperà con lu te podarè scriver el novo decalogo del tifoso perfetto… altrimenti castagne sul muso. Te invito a farlo.

            • Simone scrive:

              Se ho interpretato male i tuoi pensieri forse l’è meio che te li esprimi meio. Alla prossima.

            • RH scrive:

              Grazie della lezione di coerenza e de interpretar i me pensieri meio de come i penso mi, ne avevo bisogno…Sempre più dell’idea che su questi blog ghe sia sempre più gente de un certo livello, e sempre più simoni, mirki, caramelle e adleriani vari (con tutto il rispetto per chi ho dimenticato!); mi spiace per quei pochi spunti discreti, che siano o meno d’accordo con i miei pensieri ma che mi fanno sentire vicino a Verona, ma meglio alzare i tacchi che risponderghe a gente che con me e coi Veronesi veri non ha nulla a che vedere come Mentalità. Adios! P.S.: Spiace per il buon Luca che continuerò a leggere volentieri e, anche se non lo sopporto, per il Barana che talvolta esce ottimo materiale, ma il trend di penne qua è vighiniano, e non fa per me.

            • Simone scrive:

              RH, non fare il finto tonto. Un tifoso esulta per la squadra che spera vinca la partita perché non ha nessun schema mentale legato a doppio filo col proprio ego. Ti sei arrivato “a sperare di perdere male per”. Stop. Inutile che fai i pistolotti con me. Io manco quando c’era Peppe Cannella ho mai sentito dire cose del genere. P. S. Del chievo ho sempre pensato e detto che spero torni nelle categorie che più gli competono perché vedere una serie A con pubblici da chierichetti non mi va. E la serie A già sta andando marcendo fa anni ormai da questo punto di vista.

            • RH scrive:

              Leggi ovviamente quel che vuoi leggere.. Non esulterò mai al gol del Torino, esulterò quando nessun teron meschino conterà qualcosa nel Mio Verona, ovvero a pecchiafusco mandati a casa; il decalogo scritto non esiste, l’esperienza si impara sul campo.

              In amicizia: te si pesante, pesante, pesante. E tristo, molto tristo. Ossessionato dal dover per forza aver ragione. Come il Chievo ossessionato dal dover fare meglio di noi; e continuamente a sbandierare di essere veronese con tutta la prolissa simbologia medievale e le iniziative o quant’altro. tatticamente non ti batte nessuno simo, sei informatissimo e rileggi le intenzioni di Pecchia meglio di Pecchia stesso, a raccogliere dati e rileggerli di fantasia sei il numero uno, fai outing e vedrai che queste tue capacità verranno riconosciute e troverai molte più affinità e ti sentirai meno solo ed incompreso! lì dagli spalti bello largo le vedi bene le diagonali e i moduli, senti distintamente rolandino disquisire di tattica e lui sente te se gli suggerisci qualcosa, e pure un discreto tecnico come Pecchia potrebbe far bene dove non servono le palle; hai un presidente che ti da la solidità che cerchi e l’intimità con la guardia di finanza è più di un’amicizia oramai, puoi chiedere a loro cosa ne è dei movimenti di volpi; osservi la serie a in ossequioso rispetto verso tutte le diversità e contro tutti i fascismi, e non ti fai nemmeno mancare due o tre cori improvvisati contro Malesani o Mandorlini ogni tanto. Fallo quel piccolo passettino, lo dico per te!

      • bruce scrive:

        Finchè Setti non se ne va il futuro è segnato….

      1. bruce scrive:

        Mandare via Pecchia per poi incolpare il prossimo malcapitato di turno, questi giocatori non sono adeguati PUNTO. Oggi le accuse di mobbing con relativo risarcimento, almeno fa piacere che il carpigiano ogni tanto sia costretto a sborsare :)

        • viniciocaposhellas scrive:

          Non ne sarei tanto felice.
          Si può sempre ricorrere in appello e dimostrare che la società si è ben comportata offrendogli l’opportunità di rimanere con rinnovo contrattuale e cercandogli squadre per farlo giocare. Ma se lui si rifiuta la società cosa può fare?
          Direi che si tratta di un caso di mobbing al contrario.
          La società dovrebbe richiedere i danni!

          Penso si tratti di un disperato ultimo tentativo di un ex-giocatore , mal consigliato, di portare a casa l’ultimo cash.
          Ex-giocatore da tre anni e comunque sempre ben pagato!

          Rauss Albertazzi questa è la tua ultima stagione da professionista (della tribuna) .

          • RH scrive:

            Fatto sta che la questione è stata gestita malissimo da fusco. Cosa ti costava portarlo in ritiro? (hai fatto il ritiro con 4 difensori soli, di cui uno della primavera) È scarso? (sarà forte quello che gioca al posto suo….) bene, lo lasci sempre in panchina. È rotto? bene, lo lasci in infermeria. Ma almeno testalo. Penso che le parole di Fusco siano ottimamente fuorvianti(esattamente come per gomez). Probabilmente il ragazzo è stato offerto qua e là, trovando società dall’altra parte che non lo volevano, visto che viene da due anni di inattività e non ha potuto svolgere (per scelte borboniche, non per impossibilità fisica) una preparazione adeguata.
            Casi di fuori rosa ce ne sono tantissimi nel calcio (Greco, Cherubin, Albertazzi solo qua), il fatto che sia punito solo questo è parecchio significativo.

            • viniciocaposhellas scrive:

              Assolutamente giusto lasciarlo allenare da solo.
              Così gli verrà voglia di andersene…..

              Probabilmente si è reso conto che non lo voleva più nessuno e si gioca l’ultima chanche per beccare quattrini e non fare un ca…o!

              Non ti puoi permettere in gruppo un fuori rosa. Dai non scherziamo.

              Ghe dopo se pol pensar che pezo de supradyn l’è fadiga, son d’accordo , ma l’è nantro discorso!

              • RH scrive:

                Comunque una soluzione c’è: via Pecchia, via Fusco e le gerarchie di tutti ripartono da zero, Albertazzi-Suprayen-Fares-portieri compresi, e chi gioca sarà per merito e non per difendere gli egoismi di un pagliaccio istrionico da sceneggiata merolesca e dal suo incapace burattino.

              • RH scrive:

                Noi discutiamo ma non sappiamo cosa c’è sotto realmente. Secondo me, per quel che ne so io, aggregarlo al ritiro non avrebbe fatto male certo al gruppo (l’hanno fatto i vari Danzi, guglielmelli, laner, ecc. che a fine campionato avranno gli stessi minuti giocati da Albertazzi), e avrebbe fatto bene a lui, non esser giudicato atleticamente all’altezza,quando invece lo sei, è un danno mica da poco, ti può rovinare una carriera, a 26 anni, dopo due che sei fermo. Magari avrebbe fatto bene a noi avere un’alternativa in più su quella fascia sinistra (chissà che santo ha nel paradiso mussulmano supra; lui indisponibile e contemporaneamente chi gli può rubare il posto è out o appunto fuori dai piani tecnici).
                Resta il fatto che Fusco ha chiuso 3 mercati su 3 con questioni pesanti in termini di fuori rosa (Greco / Albertazzi+Cherubin / Albertazzi+Cherubin+Gonzalez+Juanito). Sbagliando valutazioni sia gestionalmente che sportivamente [Greco sostituito con Maresca, Albertazzi e Cherubin l'anno scorso, più Gonzalez quest'anno con il solo Suprayen e considerando Romulo un terzino nel "gioco delle coppie", e svincolato juanito e non avere alternative ai 3 attaccanti titolari se non fares e due bambini. Penso non ci sia un singolo individuo che non giudichi erronee queste scelte, perlomeno per il fatto che non ci siano sostituti adatti]

        1. viniciocaposhellas scrive:

          Dai che oggi ghe la conferenza de catapecchia:
          “ho visto la squadra in crescita
          Fares gasato dalla convocazione
          grande applicazione da parte di tutti
          recuperati giocatori importanti
          a torino ce la giochiamo”

          dopo domenica vedemo un 8-1-1 e ciapemo tre castagne…

          1. stefano 50/60 scrive:

            leggo qui dei post a proposito della situazione generale relativa alle squadre professionistiche…..ci sono dei passaggi condivisibili ed altri che mi lasciano perplesso su alcuni punti…..sono state citate in una lista molte squadre in difficoltà, sparite o altro ed alcune che, si dice, prima o poi ciclicamente affronteranno crisi…..tre su tutte e cioè atalanta udinese e diga….la prima ha da sempre, quasi statutariamente, un vivaio sempre più ricco dal quale attingere e poter così mantenersi……la seconda è da un quarto di secolo, mi pare, stabilmente in serie A, la terza è da 16 anni nel massimo torneo a parte un anno di giù e su……dal ’91 in poi il Verona è stabile come un ottovolante che peraltro fila su binari arrugginiti e destinatari, vista la scarsa manutenzione, di un possibile deragliamento…..nessuna delle tre squadre di cui sopra ha un curriculum come il nostro e visto che nessuno chiede al Verona, nessuno sano di cervello naturalmente, scudetti coppe o quant altro non si capisce il perchè non venga una presidenza “normale” a gestire un giocattolo che piace a moltissime persone in città e provincia, e non solo la nostra….ci sono varie teorie su questo, che potre argomentare se qualcuno ha la curiosità di chiedermele…ma un altra cosa che vi chiedo è : ” far un 15/20 anni in serie A vi farebbe schifo ? ” è così difficile si possa realizzare ? perchè avvenendo ciò anche nel malaugurato caso di una retrocessione ci sarebbe la possibilità di risalire senza perdere l affetto dei tifosi stancandoli con campionati e partite ripugnanti come le ultime…….. ..personalmente finchè esiste il Verona andrò a vederlo ma debbo ammettere che se continua così molta gente si fermerà a riflettere, in particolare le nuove generazioni……

            • maxrugo scrive:

              Fare 20 anni di serie A non farebbe schifo a nessuno.
              Pero’ intanto, per sperare in una presidenza “normale” ci vorrebbero dei tifosi che non ti dessero del “ladro” dopo 3/4 anni di presidenza.
              L’atalanta negli ultimi 15 anni ha fatto 3 anni di B (20%)
              Setti negli anni della sua presidenza 4 di A e uno di B (20%) (non conto il primo anno di B chiaramente)
              Udinese e chievo stanno meglio percentualmente ma, siccome si rinfaccia al Verona di essersi salvato, nei primi due anni di A, perche’ le altre andavano piano lo stesso negli ultimi 5/6 anni deve valere per chievo e udinese, specie per l’udinese che non ha piu’ fatto grandi piazzamenti considerando che i Pozzo hanno spostato il loro interesse nella gestione del Watford da cui “guadagnano” quanto la juve in Italia.
              Comunque, al di le’ di queste realta’, ce ne sono molte di piu’ che hanno i nostri problemi o molti di piu’, basti pensare ad una piazza come Bari o allo stesso Wcenza, che negli anni 70/90 ha fatto parecchia serie A vincendo anche una coppa italia, ma anche loro hanno gli stessi problemi nostri.

              Per quanto riguarda il vivaio, l’atalanta e’ sicuramente messa meglio ma non ricordo giocatori delle giovanili del chievo degli ultimi 15 anni che abbiano giocato in serie A, dal nostro almeno un jorginho e’ uscito (anche se setti qui non ha nessun merito).
              E anche l’Udinese come vivaio ne ha fatto giocare pochi in serie A ma sono stati sopratutto bravi ad andare a prendere giocari sconoscuti e a valorizzarli facendo parecchie operazioni alla Iturbe per intenderci.

              Conclusioni: Setti e’ criticabile e puo’ migliorare sotto parecchi aspetti ma occorre ricordarci che ci sono molte piu’ probabilita’ di incorrere in proprieta’ peggiori.

              • stefano 50/60 scrive:

                ciao Max piacere mio….intanto Ti ringrazio per la risposta che m ha fatto assai piacere….peraltro, per buona parte, trovo molte cose sul Tuo post sulle quali sono d accordo…..sul pensiero che hai espresso relativamente a “dar del ladro” dopo pochi anni ai vari proprietari di turno vorrei dire la mia….l unica volta che ho trovato immotivato l attacco alla proprietà è stato quello perpetrato alla famiglia mazzi…li davvero non ho mai capito il perchè…potrei citarti che da garonzi, a guidotti di lupo d agostino e ferretto, ad arvedi, a martinelli, queste persone han goduto sempre del rispetto della città….compreso i mazzi a parte una frangia della tifoseria che, come scritto qui, non ho mai capito i motivi reali…..per quanto riguarda pastorello, o quest ultimo, lasciam perdere mirzakanian brizzi di palermo etc, non son davvero sicuro, tutt altro, che abbian lavorato per meritare il benestare della città…anche ai tempi di chiampan, che aveva un socio (polato) assai discusso, non s’è mai capito il perchè la stampa cittadina non abbia mai e poi mai espresso ciò che realmente stava succedendo…..se uno non ce la fa più spiega lealmente ai tifosi che molla, senza agire con richieste assurde o altro di peggio….se uno ce la fa dice chiaramente, vedi martinelli, che ce la fa fino ad un certo punto….dire prima le tue intenzioni a mio avviso è il metodo migliore per dire a chi ti contesta che sta sbagliando lui e non te….se invece fai i misteri, i silenzi, ed altro di peggio avrai sempre torto a prescindere…..che ne pensi ? un saluto….

            • fenomeno scrive:

              Basta Simo inventare nick….

              • Simone scrive:

                Certo che el pudor ti no te se’ proprio cosa l’è an..

                • fenomeno scrive:

                  Mica è colpa mia se puntualmente escono nick nuovi che dopo un po’ spariscono e scrivono sempre le stesse cose che continui prolissamente a scrivere tu appigliandosi sempre alle cose che scrivo io…sei sfortunato!!

                  • RH scrive:

                    Q8 fenomeno ;-)

                  • Simone scrive:

                    Non puoi far ridere con battute fuori luogo in una giornata che dovresti comprendere essere umanamente provante. Non a caso non ti sta q8ando nessuno.

                  • Fenomeno scrive:

                    Q8

                  • Simone scrive:

                    Tu sei ossessionato da una cosa che non dipende da me ma che puntualmente vuoi furbescamente riportare a me per sminuire il malcontento di altri. Inoltre continui a rigirare il discorso quando è evidente la figura di m…a che hai fatto stavolta e non solo, continuando con scuse ridicole a rifiutare un confronto fuori da qui. Io rispondo generalmente a chi dice cose che non corrispondono a quello che penso io perché scrivere cose tipo “q8″ a chi scrive cose che poco aggiungono al mio pensiero mi sembra un esercizio vuoto. Mi sembra semplice da capire.

                  • Fenomeno scrive:

                    Non insistero più nel momento in cui non nasceranno più nick che si attaccano a quello che scrivo io ed ai quali tu, che solitamente rispondi a tutti, non rispondi…nick che poi puntualmente spariscono…quando questo finirà finirò pure io

                  • Simone scrive:

                    E insisti pure…

                  • Fenomeno scrive:

                    Se c’è uno ossessionato che non sa stare senza blog quello sei tu…

                  • Simone scrive:

                    Smettila di insistere attaccandoti alle tue ossessioni senza per altro avere nemmeno il coraggio di confrontarti a tu per tu sapendo che riceveresti una carica di vergogna da cui non potresti sottrarti. Come volevasi dimostrare d’altronde. Avanti ancora?

                  • fenomeno scrive:

                    smettila di fare la vittima…se hai un solo nick fregatene di quello che scrivo io, non ne va della tua onorabilità…….

                  • Simone scrive:

                    Ma in compenso te presenterò me fiol, come ho già fatto con Maxx che potrà confermare e con cui mi sento ancora di tanto in tanto al telefono. E come avrei fatto con Luca Marche che dopo il suo invito non si è più fatto sentire nonostante glielo avessi ricordato prima della partita con la Lazio. Magari chiederai a mio figlio dove e come eravamo oggi quando ‘sto Stefano ha scritto qui.La risposta che riceverai ti farà provare un po’ di sana vergogna, ma a volte può rivelarsi un’ottima medicina nonché un nobile sentimento. Spero di risentirti dopo che sarai tornato un po’ in te. Non prima. Grazie.

                  • fenomeno scrive:

                    Non mi parte l’embolo tranquillo…mi fanno sorridere i nick nuovi che si attaccano alla mie frasi e con i quali tu non dialoghi…quando ti vedrò rispondere e fare lunghi dialoghi con questi nick come fai con me, Maxrugo, GINO, LUCA ecc non scriverò più ste cose…ma immagino che il “si faccia una domanda e si dia una ripsosta” sia alquanto noioso…adesso il copione prevede che fra qualche ora questo nuovo nick mi chieda che problemi ho,,,

                  • Simone scrive:

                    Ma ti rendi conto che quando te parte l’embolo te fe schifo, oltre a dir c….e tipo che non rispondo mai? Mi? Quando non riesci a stare sul mio stesso piano t’attachi alle frasi fatte, cambiando magari nick su altri blog.. dai su.. son ancora qua che te aspetto per una birra al bentegodi. Te prometto che de amicizia non se ne parlerà..

                  • fenomeno scrive:

                    Quando no l’è giornata non è un problema mio…se non è giornata non scrivere qua sopra…sei sfortunato perché questi nick compaiono sempre nelle tue fasce orarie, son tutti prolissi, scrivono i tuoi stessi concetti triti e ritriti e tu con questi nick non hai mai un dialogo continuo…vuoi sempre avere l’ultima parola con tutti, l’ultima battuta deve essere sempre la tua ma a questi nick che poi spariscono tu non rispondi mai…strane coincidenze…

                  • Simone scrive:

                    Son appena uscito da un funeral de un papà de un compagno de calcio de me fiol, esco e me ritrovo el to solito ragionamento. Sto nick ovviamente l’appare ogni tot ma se dice cose che si avvicinano alle mie son mi, giusto per far credere che ci le pensa in un certo modo ghe n’è solo uno. Ovviamente sminuendo in maniera ridicola e strumentale un malcontento che ormai è collettivo (vedi comunicato della curva, che ovviamente son sta mi a scrivere..). La tua correttezza è pari solo alla tua simpatia. Cerca de capir almeno quando no l’è giornata.

            1. Luca scrive:

              CURVA SUD MARCHE
              SIMONE ,hai ragione,scusami non mi son fatto sentire perche' siamo stati a Roma Verona ma non siamo venuti in casa con la Lazio !
              Ci terremo aggiornati per le prossime ma con queste date di schifo non so se riusciro' a venire col Benevento perche' Filippo ha scuola e tra and e rit ho quasi 800 km…. Ci riaggiorniamo e scusami ancora !

              1. viniciocaposhellas scrive:

                Ancelotti libero…. :-)

                1. maxrugo scrive:

                  E comunque, ai vari Mirki, Simoni e soci chiedo, visto che va di moda fare domande, chi vorreste come presidente/proprietario?

                  El cinese/indonesian/russo de turno che, quel si, podarea cambiar i colori delle maglie e farli diventar bianco/neri o bianco/rossi, solo parche’ i se intona de piu’ col color dell’area privato?

                  Il magnate italiano? Che, credo, non si azzardi a venire qui parche’, statistiche alla mano, dopo 2/3 anni rischia comunque di sentirsi dare del “ladro”, comunque se voi avete qualche aggancio fate una telefonata.

                  Quando si dice Setti vattene occorrerebbe anche domandarsi se chi lo sostituira’ sara’ migliore o peggiore, perche’ si potrebbe ricadere in mano ad un pastorellodemerd4 qualsiasi e non so se sarebbe un miglioramento rispetto ad ora anzi, per me sarebbe una disgrazia secolare.

                  • fenomeno scrive:

                    Il problema del Verona è lo stesso problema che hanno tutte le società d’Italia a parte una decina…ci sono una decina di squadre che per tradizione, indotto, appeal, grandezza della città dove risiedono hanno proprietà con disponibilità ingenti e difficilmente scenderanno in B, le altre devono lottare, ottimizzare al massimo le risorse e barcamenarsi tra serie A, serie B e lega pro…per queste società ci saranno sempre periodi di alti e bassi, periodi dove le scommesse funzionano, periodi dove le scommesse si sgonfiano…ci sono parecchie piazze/società delle nostre dimensioni che sono in lega pro, in serie B ed altre addirittura sparite…poi c’è qualche eccezione che conferma la regola ma in un periodo medio lungo anche loro hanno avuto o avranno le nostre stesse problematiche…chi pensa che ogni anno il Verona debba recitare da protagonista in serie A forse farebbe meglio a cambiare squadra…certo vedere una squadra come quella si ste settimane fa girare gli zebedei ma se Setti se ne va scordatevi che possa arrivare qualcuno con maggiori disponibilità economiche, magari ne arriverà uno più simpatico e più in empatia con i colori gialloblu ma gli alti e bassi tra serie A e serie B rimarranno…

                    • Simone scrive:

                      Appunto, la dimensione del Verona attuale è quella del Crotone, come dichiarato dalla stessa società, Crotone che lo scorso anno partì pure peggio di noi e cominciò a far punti all’undicesima giornata in casa col Chievo. Può il Verona come piazza accettare questo? A me sembra ci sia difficoltà. Quindi o il tifoso medio scende dal piedistallo che si è creato, oppure la società prenda atto che deve spiegarlo meglio, magari con un incontro a tu per tu coi tifosi. Se ci si incontra su questo punto, si tornerà a camminare sullo stesso binario, altrimenti una delle due parti dovrà fare un passo indietro, sperando in un futuro migliore con tutti i rischi del caso.

                      • fenomeno scrive:

                        Si, in questo calcio la nostra è una dimensione come quella del Crotone…

                        Il Verona come piazza è una piazza normale di media provincia, siete voi che vi fate voli pindarici pensando di essere una grande del calcio italiano solo perché trent’anni anni abbiamo imbroccato 7-8 anni strepitosi in un contesto socio-economico completamente differente

                        Bari
                        Lecce
                        Catania
                        Palermo
                        Ancora
                        Reggio Emilia
                        Reggio Calabria
                        Parma
                        Trieste
                        Pisa
                        Pescara

                        ..e ne possiamo aggiungere altre…oggi sono messe peggio di noi, sono state messe meglio di noi e qualcuna domani sarà di nuovo messa meglio…è una ruota che gira…

                        • Simone scrive:

                          La dimensione percepita del Verona è ereditata dagli anni 70 80, che coincidono con la nascita del calcio moderno, quando oltre ai risultati sportivi (superiori a tutte le altre sopra citate), si era formata anche una tifoseria di un certo livello, che ha un’eco che tutto sommato regge ancora, almeno nella dimensione del tifo italiano. Io credo che certe pretese spariranno quando quella percezione, quell’eredità sparirà del tutto dalla testa e dai sentimenti del tifoso medio. Quindi quando la voglia di sognare (si parla di consolidamento in serie A, non di champions league naturalmente) cesserà. Chiaro che la conseguenza di questo significherebbe anche un ridimensionamento a livello di tifo probabilmente (cosa che sta avvenendo pian piano in effetti). Il futuro dirà.

                  • Simone scrive:

                    Max, il problema del Verona per come la vedo io è questo: dopo il ventennio anni 70/80 che ha visto il Verona diventare una realtà consolidata del calcio italiano, al di là dello scudetto e delle coppe varie, e dove anche a livello di pubblico siamo diventati una realtà altrettanto importante, abbiamo avuto due proprietà con cui inizialmente avremmo potuto rilanciarci, ma entrambe con il tempo si sono sgonfiate, la prima per i collegamenti con il crack Parmalat, la seconda ancora non sì capisce bene. Credo che quello che vorrebbe la piazza, il sogno (si parla di calcio e tifo), non tanto il singolo tifoso che vale zero virgola, sia quello dì trovare una proprietà che parta con degli obiettivi chiari e che li sappia/possa mantenere nel tempo. Personalmente poi non auspico una proprietà straniera, per una serie di motivi, ma queste sono considerazioni personali su cui ovviamente nulla possiamo fare.

                    • maxrugo scrive:

                      “…quello che vorrebbe la piazza,… sia quello dì trovare una proprietà che parta con degli obiettivi chiari e che li sappia/possa mantenere nel tempo”
                      Il punto e’ che gli obiettivi plausibili (salvo interventi di qualche super ricco) per il Verona sono quelli che ti ha detto Fenomeno “barcamenarsi tra A e B” Se per “voi” questo non e’ sufficiente purtroppo il consiglio e’ sempre quello……….occorre cambiare squadra.

                      Assurdo poi dire che con pastorellomerd4/parmalat/Tanzi ci saremmo potuti rilanciare, quindi cosi’ andava bene ma rinfacciare a Setti, la presunta, liaison finanziaria con Volpi.

                      • Simone scrive:

                        Max, questa proprietà era partita con l’obiettivo della stabilità in serie A. Ora gli obiettivi sono altri ed è quello che dice da almeno due anni e che tengo ben presente in ogni mia riflessione in merito. Dunque l’indirizzo verso il sottoscritto è totalmente sbagliato..

                  • maxrugo scrive:

                    era dell’aereo privato?

                  1. Maxrugo scrive:

                    Io mi dissocio da Bruno e spiego perché chiedendo: perché quando il chievo vende Inglese per 12 milioni e compra Strupinsky fa un grande affare e Campedelli è un presidente che programma e quando noi vendiamo Iturbe stiamo svendendo la nostra rosa e Setti è un “ladro” che vuole solo guadagnare col Verona?
                    Se è vera la storia del paracadute che Setti preferisce retrocedere, perché questa storia non vale per Udinese Chievo Cagliari ecc ecc?
                    Perché se Campedelli si indebita con le banche va bene e Setti, ammesso e non concesso sia vero, si indebita con Volpi non va bene?
                    Finché i bilanci non saranno smentiti e risulteranno falsi risulta che Setti, ad oggi, ha messo nel Verona 6 milioni di euro di tasca propria questi sono i dati oggettivi.
                    Setti sicuramente ha delle colpe, non sarà il piu scaltro e bravo dei presidenti, sbaglia magari i DS e gli allenatori e su questo lo dobbiamo criticare.

                    • superciukko scrive:

                      con tutto il rispetto che può meritare (obbiettivamente) uno come Campedelli penso che i paragoni con Setti siano comunque inappropriati.
                      Se un paragone si può fare non è con il Chievo attuale (squadra ormai consolitata in A, e che la B l’ha vista occasionalmente), caso mai con il Chievo di 15 anni fa .. quando era all’esordio in questa categoria. Ma erano altri anni… Per cui ogni paragone è impossibile.
                      Si possono fare paragoni invece con le “nuove neopromosse”: chi più e chi meno TUTTE vivono situazioni altalenanti di stagione in stagione, alla fine quelle che retrocedono sono sempre le neopromosse salvo qualche caso per lo più eccezionale. In questo contesto “le scommesse” sono l’unica possibilità per chi non ha imperi finanziari alle spalle da mettere a disposizione della squadra. Il tanto citato “consolidamento” altro non è che far crescere qualche giovane per poterlo vendere e con il ricavato cercere di rafforzare di volta in volta qualche settore: ma è difficlissimo perchè le scommesse si possono anche perdere ed è comunque una lotta. Se invece le scommesse si vincessero per qualche anno si potrebbe parlare di cilco, di consolidamento e perchè no? di prgrammazione. Vista dalla situazione attuale siamo più vicino ai dilettanti allo sbaraglio.Ripeto con tutto il rispetto per il Chievo vorrei ricordare che due anni fa… prima dell’arrivo di Maran, erano TUTTI e sottolinei TUTTI d’accordo nel dire che era una squadra di bolliti, che certe figure erano indegne e che se quello era il calcio espresso dalla squadra tanto valeva “scieglersi un’altra squadra da tifare” (questo post di un tifoso del chievo non lo dimenticherò mai ahahaha). Anche all’inizio Maran non aveva entusiasmato… poi la squadra ha ingrantao ed ora si parla di “modello da imitare”: se quell’anno il Chievo non si salvava (peraltro ad una quota indegna) si paralva d’altro ora.
                      .

                    • Bruno scrive:

                      Ehm… io veramente ho fatto soltanto una citazione cinematografica di culto.
                      Il resto lo hai scritto solo tu: peraltro male e a sproposito.
                      Non vale la pena che ti dissoci, io non ho fondato un partito, dico solo qualche stupidata qua e là sui blog, non ho molte pretese di sembrare intelligente.
                      Rispondo alle tue osservazioni:
                      1) io non ho mai scritto che Setti è un ladro, ho scritto molto tempo fa che è un bugiardo: il che per me è grave come un furto, perché è il furto della fedeltà e della onestà intellettuale dei tifosi gialloblù.
                      2) le società che hai citato non hanno interesse a fare giochetti perché … semplice, perché sono serie ed oneste: vedi bene che la tua domanda si risponde da sola, tanto valeva non farla.
                      3) prendere prestiti da degli istituti di credito oppure prenderli da un Volpi (ammesso e non concesso che sia vero) ti sembra veramente la stessa cosa? Se la società Hellas Verona chiedesse soldi a Sergione “er cravattaro” della banda della Magliana andrebbe comunque bene per te?
                      4) Setti ha messo 6 milioni dei suoi soldi in 6 anni nel Verona? Pochi! Pochissimi! Rispetto al ritorno di immagine che il Verona gli ha dato in termini di visibilità personale e di opportunità da imprenditore.

                      • maxrugo scrive:

                        1) Se setti ti dice che i soldi che ha preso dalla lega li ha invenstiti nel Verona e tu pensi che ti stia mentendo perche’ li ha usati per il suo tornaconto, mi pare proprio che gli stai dando del ladro…ma forse sbaglio io;
                        2) se le le societa’ che cito sono tutte serie e oneste e non fanno giochetti (guarda caso siamo prorpio sfortunati perche’ i “ladri” vengono solo da noi) significa che la nostra societa’ e’ disonesta …e siccome la disonesta’ verte nella fattispecie sui soldi, anche in questo caso stai dando del ladro a Setti…ma forse non capisco bene io;
                        3) Volpi, fino a prova contraria, non e’ Sergione “er cravattaro” della banda della Magliana, e comunque se Agnelli ha rapporti con l’ ‘ndrangheta e Berlusconi, mentre creava il milan campione d’europa, aveva rapporti con la mafia, non e’ cosi’ scandaloso se Setti ha rapporti “finanziari” con Volpi.
                        4) non so se 6 milioni sono tanti o sono pochi so pero’, sempre fino a prova contraria, che li ha messi.

                        • Simone scrive:

                          3. Sì, esatto, fino a prova contraria. Al momento c’è un’inchiesta aperta su Volpi (“Volpi è tra i 27 indagati perché si sarebbe fatto portare denaro «provento di vari delitti» commessi «in Italia e all’estero», come «bancarotta fraudolenta, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti nella gestione della società di pallanuoto Pro Recco, corruzione di funzionari del governo della Nigeria».” – “la Gdf parla di movimenti di denaro per «favorire» in Nigeria «determinate scelte politico-economiche, oltre a “corrompere” alcuni soggetti al fine di sistemare alcune posizioni pendenti», come cause legali”). Prima di dire se Volpi sia un uomo pulito o meno bisogna aspettare la fine delle indagini. 4. 6 milioni nel calcio moderno sono pochi. Inoltre sarebbe interessante sapere se li ha messi alla Thohir (che sui soldi messi inizialmente nell’Inter ci prende una percentuale l’anno di interessi, quindi paradossalmente alla lunga ci guadagna – anche questo si può fare, legittimamente eh, perché comunque questo è legale).

                        • maxrugo scrive:

                          PS il mio “dissociarmi” era riferito al fatto che avevi affermato che tutti eravamo arrivati alla medesima conclusione in merito a Setti.
                          PS per avere 5 punti adesso bastava:
                          1) non far giocare Fares a Crotone e magari avevi la possibilita’ di portare a casa la vittoria o almeno tentare di farlo vista la “forza” del crotone;
                          2) vista la lazio rimaneggiata di domenica e la viola non mi pare che fare un pareggino in una delle due partite fosse un impresa da jeeg robot

                          • Simone scrive:

                            La Lazio era rimaneggiata in difesa, il Verona era senza Caceres, Ferrari, Bessa e Cerci in condizioni che si commentano da sole. Senza contare le alternative comunque di poco conto come Bianchetti, Cherubin e Felicioli. Con la Fiorentina partita sbagliatissima ma da lì a dire che avremmo potuto vincere non so. A Crotone senza Pazzini, senza sapere quanto sia stata scelta tecnica e quanto scelta societaria (perché ormai è evidente che la società voleva mandarlo via per via dell’ingaggio, – fatalità dopo quella partita ha sempre giocato da titolare tranne a Roma – attendo a fine anno le sue parole in merito). .

                    • maxrugo scrive:

                      A parte Fenomeno, che e’ uno dei pochi che ragiona, vedo che gl’altri fanno un po’ fatica a rispondere.
                      Come mai?

                      • hellesso scrive:

                        Concordo con Fenomeno..e aggiungo mio personale punto di vista che le competenze di Setti in ambito calcistico siano limitate ad una onesta serie B.
                        Prendiamo il ceo..non credo che Campedelli abbia il doppio del budget a disposizione rispetto a Setti, ma è come li spende i soldi che fa la differenza.
                        Recedegoma ha avuto la bravura di capire che per restare in A con budget limitati (ovvero lottare per la salvezza) servono giocatori esperti e abituati a giocare per questi obiettivi.
                        Serve gente affamata, magari non super tecnicamente ma gente che sa che durante l’anno dovrà lottare per piazzamenti che non hanno a che fare con Europa League ecc..
                        Setti invece ogni anno prova la carta del “nome” ormai vecchio per far appassionare la piazza ma con risultati scadenti.
                        Il primo anno di A è andata bene perché eravamo sull’onda dell’’entusiasmo, la piazza, la scoperta di giocatori che hanno dato più di quello che potevano (vien da pensare a Gomez su tutti).
                        Poi da quel famoso gennaio 2013 si è pensato di più al consolidamento e ad acquistare figurine non abituate a lottare per i bassi fondi. Persone abituate nella loro carriera a pensare: ah ok..se non vinco il campionato ma comunque finisco in EL non è poi cosi un disastro. Qui invece si gioca per la sopravvivenza e (tra restare in serie A e finire in B) giocatori come Cerci, Cassano, Caceres non hanno nelle corde queste caratteristiche.
                        Per carità possono far sognare i tifosi ma “strucastruca” non sono persone da salvezza e adatti a questo Verona.
                        Il Chievo al contrario piano piano si è affidato a dei portieri validi, in difesa gente rognosa come Dainelli, Gamberini, Cesar..lo stesso vale per il centrocampo e cosi via.

                        • maxrugo scrive:

                          Credimi che il chievo sta ancora usufruendo del lavoro fatto da Sartori, che infatti ha portato l’atalanta in EL. Da ambienti diciamo “vicini” al chievo si sa che campedelli sa di calcio come io so di fisica quantistica.
                          Se il Verona adesso avesse 5 punti (e la cosa era fattibile secondo me) si sarebbe detto che aveva fatto una campagna acquisti con il giusto mix di esperienza (Cerci e Caceres) e fame di arrivare (Verde Ferrari ecc).
                          Probabilmente se avessimo noi Dainelli e Gamberini al primo gol preso si direbbe che abbiamo una difesa da ospizio.
                          Poi il grosso vantaggio del chievo e’ che sostanzialmente possono fare quello che vogliono perche’ hanno una pressione da parte dei tifosi pari a zero: esempio: hanno ripreso Sorrentino (operazione giusta e furba) ma e’ come se noi avessimo ripreso Cutolo vedi ti cosa sarea successo. (giustamente).
                          Inoltre ti ricordo che anche loro hanno avuto le loro belle botte di culo, sono rimasti in A cambiando tre e dico tre allenatori, non mi dite che questa e’ “programmazione”.

                          • Bruno scrive:

                            vedi che alla fine abbiamo qualcosa in comune? Anche io non mastico la fisica quantistica, ma di sicuro anche tu come me sei un appassionato di fantascienza: mi spieghi come pensi che sia possibile pensare a 5 punti in classifica come una cosa FATTIBILE senza dover ricorrere ai racconti di H.G Wells oppure di Isaac Asimov?

                          • Mariino scrive:

                            sai che pressione abbiamo fatto a setti in questi tre anni,non farmi ridere va la

                    • fenomeno scrive:

                      Sono totalmente d’accordo con te…le squadre della nostra fascia devono vendere per sopravvivere…Percassi che ha un impero ha venduto Gagliardini, Kessie, Caldara, Conti incassando 80-90 milioni di euro…le colpe di Setti non sono i soldi, le colpe di Setti sono il suo essere distaccato, i suoi silenzi, il suo essere lontano dai sentimenti e dalla passione gialloblu, l’aver fatto una squadra senza terzini decenti, senza un centrocampista di personalità, senza un portiere, l’essersi affidato ad un allenatore inadeguato e continuare su questa strada…queste sono le colpe di Setti..

                      • Ziga scrive:

                        “l’aver fatto una squadra senza terzini decenti, senza un centrocampista di personalità, senza un portiere, l’essersi affidato ad un allenatore inadeguato e continuare su questa strada…” guarda che questo el va alla voce: SOLDI!! Non savì più dove rampegarve par difendere se$$i…

                        • Fenomeno scrive:

                          Non mi interessa difendere setti, guardo semplicemente dove eravamo nel decennio pre setti e cosa abbiamo fatto in questi 6 anni, il resto mi interessa poco…col senno di poi è facile macredo che con gli stessi soldi si potesse fare una squadra più razionale econ un tecnico migliore…

                    1. Pippo scrive:

                      “…Verona in crisi anche sul piano fisico, complice l’impegno di pochi giorni prima con la Samp…”. Ma qualcuno ci crede a queste cose? Stanchi la domenica perchè hanno giocato BEN quattro giorni prima? Se il mercoledì non ci fosse stata la partita immagino che si sarebbero allenati; e suppongo anche che dal punto di vista fisico un allenamento sia più impegnativo di una gara. Dai, su, finiamola con questi poveri calciatori strapagati che sono stanchi perchè giocano due partite in quattro giorni!

                      • Luca Fioravanti scrive:

                        Quando giochi una partita a metà settimana, ti porti dietro affaticamenti, acciacchi e stanchezza legati allo sforzo fisico e mentale. Non puoi paragonare un allenamento con una partita di campionato. Non volevo comunque giustificare la prova indecente del Verona, ma semplicemente dire che non era una squadra al top della condizione anche per colpa di Pecchia, che non ha avuto il coraggio di tenere fuori alcune pedine sicuramente non al meglio.

                      1. stefano 50/60 scrive:

                        ciao a tutti…ho letto con molto interesse i vostri post….sostanzialmente, a parte qualche battibecco, trovo abbiano molti punti in comune, sembrano differenti ma invertendo l ordine dei fattori il prodotto comunque non cambia……la mia opinione, in particolare per quanto concerne la stampa locale, è che leggendo gli ultimi articoli di, tanto per non far nomi, tavellin alias commissario basettoni, si evince da questi che un tempo c era educazione, bel gioco, due campionati distinti nei quali le ultime lottavano e le prime vincevano, sai che novità, e meno squadre professionistiche…..poi altre cose che però non voglio menzionare vista la loro ininfluenza…il leit motiv però del giornalista areniano, non lirico, è affermare sempre e comunque che è praticamente fisiologico che squadre come il Verona, per la loro storia etcetc, accettino come naturale il corso degli eventi che ci vedono, in particolare dopo il ’91, mangiare fango spesso, per non esser volgari, e mangiar pane e sopressa, ma niente vino rosso che non esageriamo, di tanto in tanto…..cita spesso il paragone con la diga affermano, come moltissima stampa cittadina, che loro stanno in serie A perchè chi fa parte di quella società va lì e si fa convincere a giocarci o lavorarci per un piatto di minestrone caldo coi maltagliati…..ora, che la stampa nazionale affermi ciò è già grave ma si può capire che chi scrive ciò senza vivere la realtà scaligera possa sbagliarsi ( da militare avevo in camera un poi famosissimo giiornalista che scriveva i pezzi della partite dalla branda)….ma che lo scriva la stampa locale è assai grave, non si sta una vita in serie A senza spendere e facendolo bene…..chiaro che la diga non ha i budget delle grandi ma, in ogni caso, chi gioca nel massimo torneo deve presentarsi ben vestito, magari non con un dolcegabbana ma neanche con le pezze al culo sennò precipiti in lega pro e rischi di sparire com è successo a noi recentemente…….un pò di sincerità e onestà intellettuale è chiedere troppo ?…forse si viste le apparizioni in tv di stile minimo sindacale e le domande di stile clerical rivolte alla proprietà del Verona……

                        1. Bruno scrive:

                          Non posso fare a meno di notare che la tristissima situazione del Verona ci ha messi tutti d’accordo su una delle verità fantozziane più sacrosante della storia, vale a dire che “il Megapresidente è uno stronzo!” Chi ci è arrivato prima, chi ci è arrivato dopo, chi ci arriva solo adesso, ma va bene così, ora lo sanno tutti.

                          • Ziga scrive:

                            Certo Bruno… però non è stato facile mandar giù insulti o derisioni tipo va a tifar le strisciate, tristo, renso con Vighini capopopolo in veste di regista occulto manovratore (aveva eccome i suoi interessi) dalla vendita di Jorgigno in poi!! Li ho capito il tipo di presidente che avevamo… e da lì è iniziata la strategia di sfaldamento della squadra e disamoramento attuata contro i tifosi gialloblù. Per fortuna è stata una strategia che non ha funzionato: lo zoccolo duro nonostante tutto (mettiamoci anche la cacciata di tutte le nostre “piccole” bandiere”) ha rettoi!! Certo non me ne dispiaccia Fioravanti ma la stampa locale ha per me grandissime colpe. Non è stato un giornalismo obiettivo quello che hanno fatto negli anni, ma solo servile come fossero dipendenti di setti.
                            Ed anche ora basti pensare che del salotto gialloblù l’unico che dice delle cose vere e sensate è un tifoso; purtroppo non ricordo il nome… Purgato De Pietro e Tavellin poi stanno al giornalismo come Suprayen al calcio.

                          • Maxhellas scrive:

                            E bravo Bruno!
                            A sto punto non conta chi ci è arrivato per primo, ma che siamo tutti d’accordo.
                            Poi, dalle parole ai fatti: rendiamogli la vita davvero difficile, così si deciderà a mettere il cartello VENDESI

                            • Simone scrive:

                              Domanda, maxhellas: la procura federale (cioè giustizia sportiva, come fu per esempio col Parma) ha chiuso il caso, ma la gdf sta indagando ancora sulla questione Volpi/Verona/Setti. Supponendo che il Verona a livello di bilancio ora sia a posto, e che dalle parole di Fusco si intuiva la possibilità di cessione futura, tu se fossi un imprenditore o una cordata interessata all’acquisto, aspetteresti la chiusura delle indagini della gdf prima di fare la proposta o porterest avanti la trattativa fin da subito fregandotene del tutto?

                              • Maxhellas scrive:

                                Cosa farei io?
                                Intanto mi informerei per bene presso un consulente, per capire se, come credo, eventuali irregolarità imputabili al Setti comportino solo responsabilità personali e non in capo alla società. Se è così, considerando che il giudice sportivo ha già chiuso il caso e quindi la società non rischia penalizzazioni, potrei procedere. Chiaro che deve esserci ragionevole certezza che le cose stiano come ho detto.
                                Ma il problema è un altro. Io, anzi NOI come tifosi cosa possiamo fare? Se siamo d’accordo che bisogna convincere il Setti a cambiare aria, bisogna iniziare a contestarlo in modo serio.
                                Ripeto: Pastorello è stato martellato per molto meno.

                                • Maxhellas scrive:

                                  Simone, porta pazienza, ma non sono avvocato né notaio. Ho una laurea in economia e finanza (perciò potrei dare un’occhiata ai bilanci del Verona e mi sa che quando esce quello a giugno 2017 lo faccio), ma non posso sapere con certezza cosa rischia a livello legale un eventuale compratore.
                                  Quindi, se io fossi l’eventuale compratore farei ciò che ho sempre fatto quando mi sono trovato di fronte a rischi legali: sentirei un professionista (possibilmente bravo) del settore. Che c’è di male?
                                  Tu sai tutto di tutto? Se stai male ti fai l’autodiagnosi? Se hai questioni legali aperte ti assisti da solo? Se l’auto ha un problema la ripari da te? Il 730/Unico ovviamente lo fai tu?

                                • Simone scrive:

                                  “Chiaro che deve esserci la ragionevole certezza che le cose stiano come ho detto.” Bene, credo non ci sia altro da aggiungere.

                              • Bruno scrive:

                                Simone.. te prego.. perfavore… te si anche un bravissimo butel, ma te caghi dubbi ogni mezzora.

                          1. Simone scrive:

                            Acquisti più razionali e un tecnico migliore con gli stessi soldi? Abbiamo l’allenatore che guadagna meno di tutta la serie A e siamo la squadra che a livello di mercato ha speso meno. Tanto che l’approccio con determinati giocatori è andato male perché hanno avuto offerte più alte da altri club. Bruno, la tua risposta numero 3 è esatta. Credo che non si voglia o non si riesca ancora a capire da parte di alcuni quanto l’aria è le possibilità societarie siano cambiate.

                            • fenomeno scrive:

                              Ripeto, col senno di poi è più facile ma…

                              Ferrari, Hertaux, Caracciolo, Cáceres, Bianchetti..son 5 centrali…ne prendevi uno in meno e non rinnovavi il contratto di Souprayen….non c’erano i soldi per un terzino decente?

                              Con l’ingaggio di Cerci non prendevi Marchetti?

                              Buchel e Zuculini li lasciavi dove erano, non riuscivi a prendere un interno di centrocampo?

                              PEcchia prenderà 300 mila euro…con altri due-trecentomila euro non prendevi un allenatore meno incapace?

                              Dopo son tutti bravi però non mi sembra una cosa così folle…

                              E poi, visto che abbiamo 5 centrali e non abbiamo praticamente terzini pensare ad un 3-5-2 con Romulo e Verde esterni è una follia?

                              Ripeto, con lo stesso budget si potrebbe fare di più

                            1. RobyVR scrive:

                              … Fiora! Basta difondar pesimismo che te fe rabiar Gaburo!

                              • Bruno scrive:

                                Gaburro sta già pensando a come si può schierare un Verona che faccia “fortino” a Torino, perché tanto con il Benevento si vincono i tre punti e via, si riparte!
                                Mi ripeto qui:
                                Mi fa orrore pensare che il Verona va a Torino a fare “un fortino” e poi saremmo noi tifosi gialloblu i pessimisti che si smartellano i cosiddetti?
                                Voi commentatori “ottimisti” che cosa siete? gente che pensa di giocare una partita in serie A con la maglia che fu di Zigoni, Mascetti ed Elkjaer, con i butei sempre e comunque al seguito a cantare l’amore per questa città, con i buteleti che tengono all’Hellas grazie ai racconti dei loro papà… voi “ottimisti” pensate di vedere un Verona che gioca solo per non prenderle o per prenderne meno possibile? magari con l’elmetto in testa e con la testa già fasciata?
                                Ma voi vi mettete il preservativo anche quando vi masturbate per paura delle possibili conseguenze? Indegni.

                              1. Luca scrive:

                                CURVA SUD MARCHE
                                Io faccio il tifoso e come tifoso mi aspetto subito l'allontanamento del tecnico ,solo in questo caso avremo grandissime possibilita' di salvezza!
                                AVANTI I BLU
                                mi aasocio al pensiero di Maxrugo e Fenomeno che saluto !

                                1. Simone scrive:

                                  Maxrugo, senza polemiche. Cose che già ho scritto, lo so, ma che ripeterò. Gli altri non so. 1. Non so se comprando Stepinski per 2,5 milioni il Chievo abbia fatto un grande affare, so che Stepinski è considerato un giocatore di prospettiva della nazionale polacca, che era seguito da diversi club e che è reduce da due buone stagioni. Davanti ha comunque Inglese che era già una certezza, per cui quest’anno nell’idea della società, suppongo, ci sia di far crescere e valutare il polacco dietro Inglese. Se quest’ultimo se ne andrà a Napoli a gennaio, vedremo se Stepinski sarà considerato già pronto ed eventualmente come interverrà sul mercato Campedelli coi soldi fatti. Setti ladro non è la mia idea, quindi qui mi taccio. 2. Perché le società sotto hanno già ottenuto un consolidamento in serie A e hanno gestioni che a differenza nostra sono sempre riuscite a sostenere, arrivando ad un equilibrio ahimè invidiabile. La nostra società sta evidentemente facendo un passo indietro a livello di gestione, spese, eccetera, per motivi di vario genere, e soprattutto per ricreare determinate condizioni che non si erano create prima. 3. Perché i debiti, che fanno tutti, di Campedelli non gli hanno mai impedito di fare passi indietro nel tempo, dimostrando di aver sempre fatto il passo lungo quanto la gamba e di averlo fatto sempre bene, facendo 16 anni di A negli ultimi 17. Credo che un ambiente privo di pressioni come il loro, rispetto ad altre realtà aiuti, ma questo è un altro discorso.

                                  1. Dandy scrive:

                                    L'unica riba peggiore della tristissima situazione in cui siamo e che questa risveglia i nostalgici di Mandorini, dimenticando che proprio lui ha inaugurato la tradizione del non gioco e dei 6 punti in 11 partite (a parte London che è Mandorlini sotto mentite spoglie).

                                    • viniciocaposhellas scrive:

                                      Pecchi stà facendo peggio e non ha neanche l’attenuante degli infortuni.
                                      Ricordo che Checchin e Greco erano titolari in quel centrocampo, gente che oggi fà panchina/tribuna in B!!
                                      In qualche partita Jankovic prima punta (scarezze) , oggi dove gioca?

                                      • Simone scrive:

                                        Scusa, ma checchin fece una partita da titolare a Napoli. Greco panchina in b, Valoti e Zaccagni pure, bearzotti in c. Abbiamo fuori Ferrari, cerci, Caceres e nell’ultima partita Bessa. Perso con Napoli, male con la Fiorentina, a Roma e con la Lazio. Il problema è che Fusco non può pensare che la piazza di Verona sia come quella di Crotone perché la pressione e le aspettative sono per forza di cose diverse.

                                        • viniciocaposhellas scrive:

                                          Pecchia i giocatori li ha, ma li fà giocare fuori ruolo (vedi valoti, zaccagni, Romulo, Fares), Mandorlini invece era in piena emergenza costretto a far giocare qualcuno della primavera.
                                          Tupta quell’anno debuttò in coppa italia….

                                          …del resto non è che Fusco possa portare grande qualità andando sul mercato con dei pagherò…

                                    • acverona scrive:

                                      Avergheli adesso quegli anni di non gioco…

                                    • RobyVR scrive:

                                      Qualcosa me cose che Pechia el batarà el record

                                    • hellesso scrive:

                                      L’unica riba peggiore della tristissima situazione in cui siamo, sono i ” nuovi tifosi” che si sono avvicinati al Verona solo nella stagione 2015-2016 e che non sanno nulla delle 3/4 stagioni precedenti dove abbiamo ottenuto ottimi risultati. Grazie anche al non gioco di Mandolrini.Ovviamente questi palati fini tipo Dandy devono essere Delneri e Pecchia sotto mentite spoglie.

                                    1. Ziga scrive:

                                      Perchè negli anni ci siamo consolidati vendendo o sbarazzandoci dei nostri giocatori migliori e più rappresentativi (Cacia, Maietta, Halfreddson, Rafael, Giorgigno, Iturbe, Ionita ecc..) e prendendo in cambio giocatori infortunati o che non giocavano da anni?

                                      • Ziga scrive:

                                        Perchè voi giornalisti non lo avete mai chiesto a chi di dovere?

                                        • Luca Fioravanti scrive:

                                          Ma secondo te c’è bisogno di chiederlo? E secondo te ti darebbero una risposta vera e sincera?

                                          • Simone scrive:

                                            Non è questione di chiedere o meno. E’ questione di sapere se sono cose possibili da conoscere al di là della risposta che ti danno. Travaglio non lo freghi perché quando un politico a domanda gli racconta una balla, lui lo smaschera conoscendo già la risposta. Se è possibile conoscere la risposta, la domanda si fa perché poi si può eventualmente controbattere, altrimenti diventa inutile.

                                          • Gianni scrive:

                                            Scusa se ti scrivo qua LUCA ma non trovo altri modi per chiedere: che fine ha fatto RASULO ? sta male? è stato licenziato?

                                          • RobyVR scrive:

                                            … bè, intanto farghele, dopo vedarema se el gà la facia come el cul (probabile).

                                            Quel che no se pol vedar jè le interviste post-partia a Pechia con domande talmente inofensive che par quasi che i voja le solite risposte scontè (a parte che Pechia l’è solo uno scarso che el ga in man na squadra altretanto scarsa e quindi qualsiasi roba el diga la ga un’interese zero).

                                          • Ziga scrive:

                                            D’accordo con te sulla seconda però io la domanda l’avrei fatta lo stesso. Si può forse anche dire all’intervistatore di turno che forse non sono proprio coerenti… Sarebbe solo verità!

                                      1. Luca scrive:

                                        CURVA SUD MARCHE
                                        Rensi scatenati in dirittura d'arrivo.
                                        #rensi #liberi

                                        • Jolly Roger scrive:

                                          ….avi’ un pochetin roto i ovi con sto “rensi”. Cominciate a ragionare con la vostra testa invece che fare i servetti di Setti.

                                        1. carletto scrive:

                                          Avvio di partita discreto ? Scusa ma sono poco d’accordo. Un catenaccio che al confronto quello di Nereo Rocco…….. E poi due colpi di testa buttati fuori da un metro con Nicolas a fare, come sempre, la bella statuina. Poteva essere due a zero dopo 7 minuti

                                          1. RH scrive:

                                            ci vorrebbe un Mandorlini, che non sia Mandorlini stesso

                                            1. hellesso scrive:

                                              Chiaramente Pecchia è in confusione totale. Ma prima di lui come ho sempre sostenuto i colpevoli sono in ordine Setti, Barresi, Fusco e a caduta tutti gli altri.
                                              La cosa che mi sconcerta di ieri ed è la più banale è la presenza di Suprayen.
                                              Che sia un giocatore inadeguato è sotto gli occhi di tutti, sono due anni e mezzo che ce ne siamo accorti. Incredibile come dopo la prestazione di Bearzotti contro la Samp si sia inventato di rimettere il francese e Bearzotti in avanti. Ma se contro la Samp ha funzionato, perché devi cambiare? Poi anche Valoti..grandissimo affetto anche per Mattia e tutto ma in serie A ci sta veramente a fatica, quindi perché non modificare lo schema e provare Kean e Pazzini punte? Cioè Valoti da na parte e Bearzotti dall’altra e nessuno che fa cross.
                                              Per questo ritengo che Pecchia andrebbe sostituito al più presto. Di scontri diretti fortunatamente non ne abbiamo ancora persi e questo e buono, ma è chiaro che Pecchia non è in grado di poter affrontarli con la giusta serenità.
                                              L’unica giustificazione che potrei dare (per essere ottimista) è che fino ad ora abbiamo trovato quasi tutte le squadre più in forti/in forma del campionato (Napoli, Roma, Lazio, Fiorentina, Samp) e chiaramente la differenza di rosa è importante, ma se ci si vuole salvare le prossime partite sono da vincere.

                                              • RobyVR scrive:

                                                Pechia l’è in confusion dala partia col Novara de ormai diese mesi fa

                                              • paolo scrive:

                                                Concordo su tutto quello che hai scritto tranne le ultime tre righe. Con il Crotone dovevi vincere punto. Hai trovato una squadra senza 3/4 titolari e nonostante tutto hai rischiato di perdere. Mi dispiace ma io a Pecchia non concedo nessuna chance dopo ieri! Ennesima formazione arraffazonata e mescolata, in totale confusione come appunto il Mister che la guida. Via subito se vogliamo avere almeno una speranza.

                                                • hellesso scrive:

                                                  ah pian..non ho detto che giustifico Pecchia..ho solo detto che fino ad ora abbiamo incontrato probabilmente le squadre più in forma. La Samp che noi abbiamo pareggiato ieri ha battuto il Mllan per dire. E che ci può stare che non fai molti punti. Però è altrettanto vero che c’è modo e modo di perdere. Sei partite e 0 gol su azione sono un dato veramente preoccupante se consideriamo che l’unico gol lo abbiamo fatto alla prima giornata sul 3-0 per il napulè. Per finire sul Crotone..non aver perso (anche se lo avremmo meritato) in trasferta è stato un risultato positiivo. Poi sono al 100% d’accordo che a Crotone devi vincere, ma in quel momento l’importante era non “prenderle”.
                                                  Quindi via Pecchia subito, perchè si vede chiaramente che la squadra non lotta, è disunita e arrendevole. Soprattutto poi perchè questo non è il gioco di Pecchia. Mi spiego meglio..è da Gennaio che Pecchia sta facendo giocare la squadra come la faceva giocare Mandolrini. Ma se per el Mandorla stare indietro e ripartire (facendo sembrare il gioco abbastanza arrendevole) era nelle suo DNA, questo non lo è per Pecchia che ha modificato in negativo (per lui) il suo modo di vedere il calcio.

                                              1. viniciocaposhellas scrive:

                                                Allora domenica Caracciolo e hertaux giocano su Belotti.
                                                Zuculini e Buchel su Ljalic

                                                Ialtri 7 i marca ialtri 9.

                                                Allenator cataPecchia.

                                                • Jolly Roger scrive:

                                                  Dominica entro al Stadio e vedo che sughemo in 10…Titolare Suprayen.
                                                  Per il toro potremmo tornare a giocare in 8, con Suprayen, Fares e Bukkel schierati in campo. Tolti 4 per marcar Belotti e Ljalic, saranno gli altri 4 a dover giocare contro i 9 rimanenti del Toro

                                                  p.s.: Pazzini si è dimenticato di dire, nel suo pistolotto che “questa è la serie A e certa gente non deve mai vedere il campo”

                                                  • Jolly Roger scrive:

                                                    Anzi, Caracciolo dovà marcare Suprayen, per impedire che faccia le solite cag*ade, per cui rimaniamo in 3 contro i 9 del Torino !
                                                    Ma Pecchia vede la squadra durante le (poche) ore di allenamento settimanali, ha il polso della situazione mi fido di lui. FABIO PECCHIA PORTACI IN EUROPA!

                                                1. Dandy scrive:

                                                  @testascalsa: sul mobile il tasto rispondi non c'è. A proposito degli infortunati la seconda di campionato del 2015 siamo stati spazzati via da un Genoa inguardabile (Gakpe', Ntcham ecc…) con tutti gli effettivi abili e arruolati. Loro l'avevano messa solo sulla corsa e sul ritmo e noi facevamo piangere.

                                                  • Testascalsa scrive:

                                                    si e la partia prima allora emo pareggia con la Roma..sa centra…è che non vi piaceva, avevate in mano “test fisici”, a peschiera i sugava a tresette, allenamenti a porte chiuse perché in realtà (per voi) non si allenavano….e sta storia non partiva dall’ultimo anno ma tutto l’anno prima dove ci siamo salvati senza nessun problema…ah beh e l’anno prima da neopromossa no ia voluo bar in europa league perche Mandorlini mia bon…

                                                  1. Dandy scrive:

                                                    Caro Hellesso, seguo l'hellas dal 1989 e negli anni della C vivendo all'estero mi facevo anche 800km per vedere il Verona giocare a Ravenna ;tanto per citare una trasferta). Se te vol fasemo a gara a ci se ricorda più aneddoti degli anni in B con Reja, Perotti ecc…
                                                    Ma se leggi i post sotto vedrai che per quanto Mandorlini abbia la mia riconoscenza i suoi limiti come allenatore sono venuti fuori nel 2015/16 dove ci ha fatto fare un inizio di stagione he non aveva proprio nulla di migliore rispetto a quella attuale.

                                                    • Testascalsa scrive:

                                                      Potresti rispondere con il tasto rispondi? altrimenti si crea casino con le discussioni.

                                                      L’ultima stagione di Mandorlini si son fatti male praticamente tutti non solo Toni, e abbiamo giocatoe in svariate partite con Checchin regista ,un primavera.
                                                      Il problema era che volevate il “bel gioco” e avete iniziato a rompere le balle la stagione prima, perché non era possibile perdere 6-0 allo juventus stadium in uno sboratissimo ottavo di coppa italia, o 5-2 a Napoli dove a 5 minuti dalla fine hai rischiato di pareggiarla 3-3. Avete “contestato” un.allenatore che non ha perso mai tutte e due gli incontri con nessuna delle squadre altre del campionato (noi e Juve).
                                                      Ora godiamoci sto spettacolare campionato di serie A fatto di calcio champagne (quel dei altri) e ammiriamo i 5-0 in casa da parte della temibilissima Fiorentina.

                                                      • Simone scrive:

                                                        Ma guarda che la scusa del calcio champagne ghe l’avì voialtri in testa e la ve serve appunto come scusa per contar una roba anziché l’altra. Allora ghera i infortuni e una squadra che correva meno delle altre. Quest’anno ghe una squadra scarsa (e pensa che l’ha dito fin mandorlini contestando di fatto l’operato societario anziché Pecchia..) che te zuga con buteleti under 20, altri che fasea panchina in b, un altro che zugava in C all’Arezzo, e altri che chissà se e quando i g avrà una forma decente. Metteghe una situazione societaria quantomeno approfondibile (voi veder sa el dirà Pazzini a fine campionato) te voilà..

                                                    1. london scrive:

                                                      Andrea Mandorlini subito!!!!

                                                      1. Dandy scrive:

                                                        Mai detto di Sala, concordo sulla favoletta (così come è una favoletta quella su Ionita che già aveva fatto cose buone l'anno precedente).

                                                        • Simone scrive:

                                                          Dandy, su Ionita ho detto io che il giocatore è diventato con Delneri un giocatore centrale nel Verona come mai prima perché piazzato in un ruolo centrale ed importante.

                                                          • fenomeno scrive:

                                                            A te che piacciono tanto i link, te ne metto uno a caso..

                                                            VERONA, IONITA- Potremmo definirlo il calciatore rivelazione di questo inizio di stagione, ma è giusto volare basso e aspettare ancora un po’. Inutile negare però che Artur Ionita, calciatore moldavo di 24 anni, è una piacevole sorpresa di questa prima parte di stagione, sia per il tecnico Mandorlini, sia per le sorti dell’Hellas Verona. Arrivato in Italia a parametro zero in estate, il giocatore conta attualmente 5 Presenze, 2 goal, biglietto da visita di tutto rispetto.

                                                            https://serieanews.com/58588/verona-ionita-rivelazione-per-mandorlini-tempismo-dinamicita-fiuto-gol/

                                                            • Simone scrive:

                                                              Ti do un po’ di numeri per far capire meglio cosa intendo per giocatore centrale, al di là del ruolo (diverso e più dentro in gioco). Ionita al primo anno di A da titolare fece 13 presenze. Il secondo con mandorlini su sei presenze solo due da titolare. Con Delneri 24 presenze, quasi sempre in campo per 90 minuti. Giusto per chiarire.

                                                              • Simone scrive:

                                                                Scusa, qui non avevo capito parlassi con dandy. Ma sotto parlavi con me di sicuro. Sala e Ionita non sono stati scoperti dagli allenatori citati ma portati da sogliano. Se un giocatore ha buone basi un allenatore lo valorizza se è un allenatore. Sala non è mai esploso del tutto come ci si aspettava, Ionita ha vissuto a Verona il periodo più importante sotto Delneri. Tutto lì.

                                                              • fenomeno scrive:

                                                                Guarda che io ho scritto una cosa in un commento di Dandy, sei tu che ti infili sempre dappertutto come “una betonega”..se secondo te stiamo parlando del nulla non intrometterti…hai un contratto che ti obbliga a rispondere ad ogni post?…ok, Sala ed Ionita scoperti e valorizzati dal grande Delneri…contento?

                                                              • Simone scrive:

                                                                Chi si arrampica sugli specchi come sempre sei tu. Sala l’anno prima fece 15 presenze e il salto di qualità che ci si aspettava da lui non lo ha mai fatto qui a Verona. Ha giocato da terzino con Delneri e a Genova è stato preso per fare il terzino. Sarà un caso.. ionita: su sei presenze il secondo anno solo due fa titolare con mandorlini. 24 e titolare fin dall’inizio con Delneri in un ruolo più centrale. Questi i fatti. Delneri che in A ha fatto benissimo al Chievo, a Bergamo e soprattutto a Genova sponda Sampdoria. Se vogliamo criticare pure lui… Se poi vuoi continuare a parlare del nulla invece di parlare dell’attualità…

                                                              • viniciocaposhellas scrive:

                                                                Ionita è stato assolutamente un giocatore plasmato da Mandorlini.
                                                                Con lui esordio con gol a Torino.
                                                                Direi che insieme a Jorginho è il giocatore che più deve a Mandorlo.

                                                              • fenomeno scrive:

                                                                Per forza!!…con Mandorlini il secondo anno non era disponibile causa operazione alla caviglia!!!!…che genio che sei…

                                                        1. Dandy scrive:

                                                          Delneri li fece giocare insieme con risultati scadentissimi. Mentre a quello che ricordo Mandorlini non li fece mai partite insieme (pre-campionato a parte, poi fece subito retromarcia alla prima di campionato) è proprio questo gli imputo, l'incapacità di provare una soluzione diversa per provare a farli coesistere (magari dismettendola perché non ottimale, ma almeno provarci). Lui era monoschematico, monomodulo (con l'unica variazione del mettere il terzo centrale di difesa cosa che ci costò parecchi punti sia nell'anno sciagurato che in quelli precedenti). Questo invece cambia ogni 5 minuti e sballa ogni certezza.

                                                          • fenomeno scrive:

                                                            Mandorlini li fece partire insieme dall’inizio una sola volta, mi sembra a Bergamo dove si fece male subito Toni…da li in poi non ebbe più la possibilità di farlo perché non disponibili o era infortunato uno o l’altro…nelle sue idee probabilmente non li avrebbe fatti giocare insieme ma che Pazzini fece la riserva di Toni è uan favoletta…così come quella di Sala valorizzato da Delneri…Delneri esordì in campionato con l’empoli il 5 dicembre 2015 con Sala in panchina e Sala il 30 Gennaio 2016 si è trasferito alla Samp….quante presenze ha fatto con Delneri?…altra favoletta…questa è la malafede…

                                                            • Simone scrive:

                                                              Eddai, sala con Delneri ha totalizzato 6 presenze, cambiato ruolo in terzino, fece le prestazioni più dignitose della stagione con lui prima della cessione. Vedere la malafede dove non c’è è malafede.

                                                              • fenomeno scrive:

                                                                6 presenze?..quante dall’inizio?…secondo te la Samp lo ha preso per quelle 5 presenze?…dai su non inventare cose ed arrampicarti agli specchi…Sala con mandorlini l’anno prima fece un grande campionato e si fece conoscere…ad inizio campionato era infortunato pure lui..si malafede

                                                          1. viniciocaposhellas scrive:

                                                            Io credo che Pecchia sia più adatto ad allenare le grandi squadre.
                                                            Anche se i risultati non sono dalla sua parte : Il Napoli gioca meglio con Sarri, a Madrid venne cacciato dopo 2 mesi, lo stesso Verona dello scorso anno era una Ferrari per quella serie B.

                                                            L’allenamento al mattino, l’allenamento corto e concentrato, niente ritiri pre-gara, sono più adatti al giocatore maturo, esperto, carismatico, sicuro.

                                                            Con una squadra di giovani inesperti e molte scommesse credo serva più bastone e carota.

                                                            E’ evidente a tutti che il mister non sà tener per il manico la squadra.

                                                            In campo c’è paura, la palla scotta, i giocatori non sanno come muoversi.
                                                            L’organizzazione serve a diminuire il gap tecnico, invece c’è molta confusione!!

                                                            Per me è una questione mentale, se arriva un allenatore che ha del carisma e ottiene la fiducia dei giocatori anche questo Verona ha la possibilità di salvarsi.

                                                            La Lazio non è sembrata niente di trascendentale, ma è messa in campo bene e gioca per raggiungere l’obiettivo.
                                                            Ieri molti nuovi messi in campo solo in qualche occasione , sapevano bene come muoversi e i nuovi fanno in modo di dare sicurezza e poi arriva il coraggio, le giocate, la volontà di fare qualcosa in più.

                                                            1. Dandy scrive:

                                                              Ps: ricordi male, a Bergamo Pazzini entro per Toni infortunato.

                                                              1. Dragan Piksie scrive:

                                                                Ennesima disfatta senza neanche l’onore delle armi.

                                                                L’impressione vista, è che la Lazio si sia solamente bene allenata senza forzare perché purtroppo era contrapposta al nulla.

                                                                I segnali che il ns. Hellas ha emesso sono molteplici e tutti altamente preoccupanti:

                                                                - Assoluta mancanza di reazione dopo il rigore;
                                                                - Sterili da metà campo in su : due tiri in porta (Fossati e Bearzotti con tiro molto velleitario)
                                                                - Imbarazzanti in difesa
                                                                - Pochezza tecnica e di personalità ( a molti il pallone scottava tra i piedi)
                                                                - Confusione della guida tecnica (partiti per non prenderle con una Lazio rimaneggiata soprattutto in difesa) e poi come doveva essere concepita la partita dall’inizio, ovvero due dannate punte. Bearzotti prima difensore con la Samp ora esterno alto…. Fuori Verde dentro Valoti sulla fascia….

                                                                In pratica un bel coktail che oramai siamo in grado di servire domenicalmente agli avversari di turno.

                                                                Siamo figli di un mercato fatto molto ma molto male, affidandosi a troppe scommesse e a pochissime certezze.
                                                                Il centrocampo è praticamente quello della B tolto il catatonico Buchel. L’attacco è formato da una masnada di adolescenti e/o debuttanti in categoria, dal Pazzo e da un Cerci che è ancora un grosso punto interrogativo.
                                                                La difesa imbarazza e rende tutti un po’ fenomeni: avversari che partono palla al piede e arrivano sino in area, Souprayen che sistematicamente si accentra in fase di non possesso e lascia le praterie libere, Romulo che neanche guarda il suo avversario dietro, in occasione del terzo gol, i due centrali bevuti e ribevuti da Immobile

                                                                Insomma c’è tutto per andare in B diretti come missili e godere dell’ennesimo paracadute da 25Mln
                                                                Mi sembra una strategia chiara della società: Ok, quest’anno spendiamo poco, introitiamo tanto e se compiamo il miracolo bene altrimenti se va male ci riprendiamo un bel paracadute e riproponiamo (forse) una rosa allestita per una pronta risalita…intanto risaniamo buchi finanziari o passiamo a ritirare in cassa.

                                                                Attendiamo la partita con il Benevento (per niente facile e scontata) per chiudere questo triste cerchio e tirare una bella somma.

                                                                Segnalo all’avv. Fusco che dichiarazioni come le sue non dovrebbero prendere in giro nessuno e andrebbe usata un po’ di onestà professionale cospargendosi il capo di cenere e non sbandierando che Kean era la ns. prima scelta (pensate un po’), che stiamo avendo le stesse difficoltà dell’Atalanta dell’anno scorso e che dobbiamo guardare al Crotone (quelli almeno lottano come leoni), passando dagli investimenti (non si sanno le cifre) dell’antistadio….. Tutto molto bene direi, anche con un antistadio in B….

                                                                Verona non merito tutto questo e dico alla cara Triade e a giocatori tutti : “VERGOGNA” questa è l’unica parola che mi sento di dire.

                                                                Sempre Avanti i Blu

                                                                • paolo scrive:

                                                                  Io spero che il cerchio si chiuda dopo la gara col Toro, prima della sosta che darebbe il tempo ad un eventuale sostituto dell’inetto di Formia di conoscere la squadra .

                                                                1. El balota scrive:

                                                                  25 milioni di motivi per capire che sta succedendo, dalla resa in campo della squadra, alla fiducia continua ad un mister che di lavoro fa il pizzaiolo…inutile chiedersi ulteriormente che sta succedendo…

                                                                  1. bkl scrive:

                                                                    qualcosa non torna. i cuginastri hanno venduto incassando meno, comprando di piu’ e sono mi pare in equilibrio finanziario.
                                                                    Noi no. abbiamo venduto i jorginho, iturbe, paracadute e prendiamo giocatori mezzi rotti (verde a parte) o prestiti.
                                                                    allucinante. hai voglia a dire “dobbiamo lavorare”. E’ sottointeso. Ma nel lavoro come nella vita,i buoni intenti si analizzano anche dai risultati e dall’impegno che a nostro avviso (a prescindere dai risultati) pare non essere congruo agli obbiettivi.
                                                                    Pecchia è un uomo troppo intelligente per fare da parafulmine ad un ds presuntuoso e a un presidente evanescente.

                                                                    1. Dandy scrive:

                                                                      Potrei citartene altri anche gli anni precedenti…Cocco (che veniva da annate promettenti e che l'anno successivo fu capocannoniere se non ricordo male) era sempre e solo la riserva di Cacia, mai provati insieme con un modulo diverso..Bojinov che negli anni successivi ha fatto 1 gol ogni 2 partite con il Partizan (giocando anche la champions) mai veramente sfruttato a due punte, Pazzini stesso condannato al fare la riserva di Toni nel suo anno di tramonto…comunque lo ripeto, sono rispettoso de lavoro fatto da Mandorlini e lo ringrazierò sempre ma da qui a farlo passare per Ancelotti (infatti fatalità al momento è a casa…)

                                                                      • fenomeno scrive:

                                                                        Pazzini condannato a fare la riserva di Toni??’…anche qui, altra favoletta metropolitana…secondo Mandorlini e secondo 9 tecnici su 10 Toni e Pazzini facevano fatica a coesistere…in una partita c’ha pure provato a metterli insieme con scarsi risultati…poi prima si è fatto male uno dopo l’altro ed anche volendo non avrebbe mai potuto metterli insieme..ma che Pazzini abbia fatto la riserva di Toni con Mandorlini è una leggenda metropolitana perché raramente disponibili tuti e due..e Delneri?…li ha fatti giocare insieme?

                                                                        • Simone scrive:

                                                                          Ad inizio stagione quell’anno bigon disse testuale che “i grandi giocatori possono giocare insieme senza problemi “. A fine anno Setti dichiarò che a Pazzini era stato detto che sarebbe stato una riserva di Toni. Quando la confusione societaria si rivela, i risultati rischiano di rivelarsi coerenti.

                                                                      • fenomeno scrive:

                                                                        Coco? Bojinov?…dai su Dandy, sii serio…a parte che Cocco e Bojinov erano di anni precedenti, io ti chiedevo quali fossero le preziose risorse lasciate in panca nell’anno del tracollo…non ho mai scritto e pensato fosse un Ancelotti ma bensì un tecnico forse anche modesto ma che qui ha fatto cose straordinarie e meriti solo rispetto dai veri tifosi del Verona…chi, come te, esaltava il gioco del Messia Pecchia in contrapposizione al non gioco dell’anticalcio mi deve dire se allo stadio ha goduto di più con Pecchia o Mandorlini…poi per il resto la vita dell’allenatore è questa, da bidone a fenomeno in poco tempo e viceversa

                                                                      1. Dandy scrive:

                                                                        Allora premesso che:
                                                                        - pecchia va esonerato asap
                                                                        - eterna gratitudine per il mandorlo

                                                                        Fatte queste due premesse non diciamo cazzate: l'ultimo anno di Mandorlini era uguale sparato a questo: zero gioco, zero tiri in porta, sempre gli stessi in campo senza sfruttare le (poche) risorse a disposizione, barricate e gol presi anche da squadre non memorabili. Inoltre il fratello è morto nella primavera del 2013, un po prima del tracollo professionale de mandorlo avvenuto dall'estate 2015, non trovate?
                                                                        Dai su, grazie per sempre Mandorlini ma ormai era a fine ciclo e non lo rivorrei nemmeno per scherzo

                                                                        • Ziga scrive:

                                                                          ultimo anno si vero, ma quei prima? Già tutto dimenticato…

                                                                        • fenomeno scrive:

                                                                          Dandy poi quando scrive di Mandorlini è palesemente in malafede…scrive “zero gioco, zero tiri in porta, sempre gli stessi in campo senza sfruttare le (poche) risorse a disposizione”…zero gioco e zero tiri ok ma sempre gli stessi in campo è una delle barzellette di Dandy…in quell’anno si fecero male in mille…in campo vedemmo una ventina di giocatori…chi erano le preziose risorse non sfruttate?

                                                                        • fenomeno scrive:

                                                                          No, non trovo, quando ti succedono certe cose spesso hai una forza immediata di reazione e poi pian piano ti spegni fintanto che la cosa non viene assorbita….e l’unica medicina per assorbirla è il tempo…l’ultimo anno di Mandorlini è stato anche peggio di questo, la differenza è che quello che c’è stato prima è stato straordinario e sono le uniche vere gioie sportive per i veri tifosi del Verona negli ultimi quindici anni….chi come te non perde occasione per denigrare e ridicolizzare chi le ha ottenute per me vale poco come tifoso da blog….ovviamente senza entrare in discorsi personali dove potresti avere tutta la mia massima stima, non ti conosco

                                                                          • Simone scrive:

                                                                            No dai, se ci attacchiamo al fratello morto due anni prima non ne veniamo più fuori. Non è questione di denigrare ma di raccontare le cose per quelle che sono. La carriera di mandorlini parla chiaro: ha ottenuto risultati quando ha avuto in mano, non solo qua, società e squadre all’altezza. Quando non le ha avute è sprofondato. Qui si vuol far passare un allenatore normale come un Conte dalla carriera più sfortunata. A Bergamo promosso e in A esonerato, a Bologna esonerato, a Siena in A esonerato, qui a Verona nell’anno in cui la società e la squadra hanno subito un ridimensionamento esonerato, a Genova male in una situazione simile ma con una squadra migliore. I periodi societari migliori li ha vissuti lui qui a Verona, i risultati sono innanzitutto, come dappertutto, la conseguenza di questo. Ecco perché penso e dico che la priorità è ridare un senso al Verona a livello societario. Cosa che io non escludo succederà, e non escludo nemmeno che sia la volontà di Setti, ma di sicuro non a breve.

                                                                            • fenomeno scrive:

                                                                              Non mi attacco a niente…il fatto che i famosi “occhi della tigre” siano progressivamente venuti meno dopo quella sciagura è un dato di fatto…a me la carriera di Mandorlini non interessa, io guardo quello che ha fatto qua che è stato straordinario valorizzando giocatori che per me non erano un granchè…se poi tu pensi che avesse rose super possiamo star qui anni a parlarne e non ne usciremo mai…sul fatto avesse alle spalle grandi società quando è arrivato penso avesse una società da campionato Eccellenza con i vari Parentela di turno…

                                                                              • fenomeno scrive:

                                                                                Tu dici che aveva squadre buone..io dico che aveva squadre che aveva fatto diventare buone lui…la differenza è tutta li…poi è sprofondato nel momento in cui, a mio parere, aveva la squadra sulla carta migliore…ma questo è il calcio…io, purtroppo, non sono più giovanissimo ed ho fatto tempo a vivere i fasti di Bagnoli in primis e Prandelli poi…per tanti tifosi più giovani di me le uniche gioie, le uniche vittorie o pareggi da pelle d’oca sono arrivate con Mandorlini…questo è un dato di fatto,,

                                                                              • Simone scrive:

                                                                                Qui a Verona ha fallito quando la società si è ridimensionata come la squadra. Quando è arrivato (e meno male, intendiamoci) il Verona era reduce da un campionato condotto quasi fino alla fine in testa con una rosa peggiore. Giannini fili un disastro vero (indimenticabile il Berrettoni alla Iniesta, giusto per dirne una). Parentela si approcciò, l’anno precedente martinelli spese molto(e piuttosto male) e quindi era comprensibile la voglia di guardarsi attorno. Poi tutto si risolse fino all’arrivo di Setti che nei primi anni portò ulteriore linda. Qui ha avuto squadre buone per gli obiettivi da centrare. Le società che aveva dietro hanno sempre lavorato bene sotto questo punto di vista. I risultati con una società dietro si ottengono sempre.

                                                                        1. Dandy scrive:

                                                                          Te ne cito uno: Ciolek, di certo non un fenomeno ma almeno uno che aveva freschezza e che correva. In panchina perenne per far posto a Jankovic, giocatore finito dai tempi del malaga (in 3 anni ricordo di lui 4 gare da sufficienza in tutto).

                                                                          • fenomeno scrive:

                                                                            Avessi detto Pelè…me ne dici uno perché a due non arrivi e comunque il polacco le sue occasioni le ha avute e credo sia diritto/dovere di un allenatore fare le sue scelte..se poi tu preferisci la girandola di giocatori senza senso che fa Pecchia ok…

                                                                            • Simone scrive:

                                                                              Oltre alle prestazioni di ciolek, pure bianchetti ha fatto le sue migliori prestazioni con Delneri, pure siligardi, ionita rivalorizzato in un ruolo diverso, sala discrete prestazioni con lui, helander discreto, marrone. In una situazione societaria qui davvero pesante.Setti lo avrebbe non a caso voluto tenere. Non a caso lui disse “no grazie “.

                                                                              • fenomeno scrive:

                                                                                Non mi puoi fare sti paragoni…questa è la malafede…Ionita e Sala sono diventati giocatori con Mandorlini…Toni cosa ha fatto con Mandorlini e cosa ha fatto con Delneri?…Delneri è arrivato in una situazione tragica, ha portato un po’ di novità ma poi ha fallito tutti gli scontri diretti che ti potevano rimettere in corsa…ha fatto poi punti in situazioni particolari quando quei punti non servivano più…e comunque Delneri è stato esonerato a Porto, a Roma, non ha salvato il Chievo, sta facendo male ad Udine, lasciava in panchina Bonucci a Torino…se isoliamo le situazioni troviamo cose negative per ogni allenatore…quelli che vincono ovunque sono pochissimi…

                                                                                • Simone scrive:

                                                                                  Ionita è diventato giocatore centrale con Delneri, prima era un rincalzo. Sala non ha mai fatto il salto di qualità che tutti si attendevano qui. Toni qui ha fatto zero pure con mandorlini quell’anno. Doveva finire in bellezza l’anno prima, questa è la verità. Delneri a oporto non ha nemmeno cominciato, a Roma non fece così male, a Torino male, a Udine bene l’anno scorso, quest’anno aspetterei. Setti si è fatto un’idea ben chiara.

                                                                                • fenomeno scrive:

                                                                                  Esonerato al Genoa, sorry…

                                                                          1. hellassacheizuga scrive:

                                                                            Cioè… sono stato bannato sul blog dell’amico Vighini… e… siccome non scrivo da anni… non potevo saperlo… e oggi ho scoperto di esserlo stato?

                                                                            Vacadieci… e mi che volea difender el laoro che stava fasendo i giornalisti… pfiu!!!!

                                                                            • hellassacheizuga scrive:

                                                                              Non che mi interessi, visto che da anni sono sparito di mia sponte, ma sinceramente non sapevo di “non essere gradito”… soprattutto senza aver scritto nulla di bannabile…

                                                                              Spero che si tratti di un semplice “misunderstanding”.
                                                                              Ciao Fiora e Vigo

                                                                              • RH scrive:

                                                                                non è che il vigo banna, è che per qualche motivo alcuni commenti non li manda (problema informatico, non di bavaglio, visto che alcuni commenti li invia e altri no, e quelli che invia si pubblicano immediatamente). Penso c’entri la lunghezza dei post visto che quelli brevi me li pubblica sempre e quelli più articolati spesso no, ma poi vedo taluni che inviano post kilometrici senza problemi e non mi capacito di quale sia il problema

                                                                                • superciukko scrive:

                                                                                  RH fidate… il vigo banna eccome… poi ci saranno anche i commenti che non “entrano” per motivi tecnici… ma il messaggio che è sempre usicto a me era “la tua email è stata interdetta sul sito”…..
                                                                                  Per non avendo mai scritto nulal di volgare o offensivo.. ma solamente… scrivento cose non in linea con la sua “altalenante” posizione..
                                                                                  infatti guarda ceh gente gh’è che adeso scrive… me par el blog dello zecchino d’oro

                                                                            1. Testascalsa scrive:

                                                                              alla lettura dei calendari forse potevi pensare, a questo punto del campionato, di aver 4 punti ma anche 2 erano preventivabili e quindi secondo me siamo in linea con la classifica di una NEOpromossa. Il probema di Pecchia è essere filoaziendalista e di non esporsi.E’ chiaro a chiunque che non ti puoi accontentare di un 17enne e un 19enne in attacco, ma lui ha detto che era felice del mercato.
                                                                              Mandorlini fece mandare via Gibellini, si scontro con Sogliano, con Gardini probabilmente litigava ogni settimana, fece interviste scomode e conquistò la piazza. A verona serve questo per esaltar l’ambiente no le interviste eleganti

                                                                              https://www.youtube.com/watch?v=nPy5FZ0vUVA

                                                                              1. Dandy scrive:

                                                                                Mah, non so dove vedi il "non perdere occasione per denigrare e ridicolizzare".
                                                                                Mi sembra di aver premesso il mio rispetto, così come ho oggettivamente riportato ciò che succedeva nella stagione 2015-16. La sintesi e': ghe vuto ben al Mandorlo? Si! Lo rivoresito allo stato attuale: gnanca morto.

                                                                                1. Ma scrive:

                                                                                  Mi permetto di essere un pò stanco di leggere tutto questo pessimismo e post su post, blog su blog che vengono lanciati non appena possibile, ormai c’è la gara a chi scrive prima, ma tanto il succo è sempre lo stesso.
                                                                                  Forse si potrebbe tornare a scrivere con meno frequenza e quindi a farlo quando vi è qualcosa da dire.

                                                                                  • alkwor scrive:

                                                                                    Sono d’accordo che troppi post in contemporanea disperdono l’interazione con gli utenti.
                                                                                    Io scrivo qui perchè è equilibrato (e perchè bannato a suo tempo da vighini e barana).
                                                                                    Mi piacciono anche Gaburro e Micheloni, ma ripetere le stesse cose 3 volte è noioso.
                                                                                    Ma, ma direi che c’è tanto da scrivere in questa situazione, pure troppo.

                                                                                  1. die980 scrive:

                                                                                    dal vigo non si scrive…

                                                                                    ..non provo nemmeno a commentare la partita di ieri perchè parlare del nulla è veramente difficile.
                                                                                    Tuttavia abbiamo avuto importante informazioni da Pazzini:
                                                                                    a) la società voleva vendere pure lui per togliersi anche il suo stipendio. A riprova del fatto, se ancora ce ne fosse bisogno, che davvero siamo alla canna del gas;
                                                                                    b) ce la possiamo giocare solo con il Crotone secondo il nostro capitano, le altre hanno tutte più qualità (frase pesantissima….altro che quelle di Toni nell’anno della retrocessione). Sorrido pensando a chi scriveva che “sta nascendo il Verona più talentuoso di sempre;
                                                                                    c) “possiamo fare qualcosa in più” dice il Pazzo…ma sostanzialmente questi siamo. Avevamo problemi di reazione anche in B, figuriamoci in A;
                                                                                    d) “per fare gol bisogna quantomento tirare in porta!” Emblematica questa. Non ce la facciamo, punto.
                                                                                    e) “non si ha entusiasmo nonostante si sia una neopromossa” … indi per cui non c’è carattere trasmesso dall’allentatore.

                                                                                    Direi che il Pazzo ha spiegato più mille altre interviste.

                                                                                    Diego

                                                                                    1. maxrugo scrive:

                                                                                      Premetto:
                                                                                      1- di questa situazione sicuramente Pecchia non e’ il solo colpevole.
                                                                                      2- al di la’ dei mirki vari la logica e i fatti dicono che e’ meglio stare in serie A che in serie B, anche per un presidente che voglia “mangiare” sulla prorpia e sottolineo propria societa’.

                                                                                      Detto questo quindi si presume che Setti abbia dato mandato a Fusco di costruire una squadra in grado di salvarsi, anche se con un budget ridotto all’osso.

                                                                                      Fusco al termine del mercato, ha dichiarato che ha costruito una squadra “forte” coperta in ogni ruolo.

                                                                                      Pecchia, che durante il ritiro aveva sottolineato la mancanza di alternative in attacco, al termine del mercato ha dichiarato la sua soddisfazione per la rosa che gli e’ stata messa a dispozione.

                                                                                      Bene siamo arrivati alla 6 di campionato e abbiamo racimolato la bellezza di 2 punti che, dopo aver incontrato napoli roma lazio fiorentina samp e crotone potrebbero anche sembrare, vista la pochezza delle avversarie per la salvezza, un bottino che ci permette ancora di sperare.

                                                                                      Il problema qui e’ che le prestazioni offerte dal nostro Verona assomigliano maledettamente alle partite che si vedevano con Giannini in lega pro, squadra senza un’anima senza dei compiti ben definiti senza la necessaria cattiveria per difendersi, perche’ e’ questo che dobbiamo fare con 3/4 della squadre di A, ma anche per cercare di ripartire e far male all’avversario.

                                                                                      Ne abbiamo avuto ieri una chiara esemplificazione, ci si difende anche con ordine, ma non si riesce quasi mai a metterre realmente in difficolta’ l’avversario con qualche contropiede e quando inevitabilmente si prende gol non abbiamo la capacita’ e la forza di attaccare la squadra avversaria. Ieri nel secondo tempo non abbiamo prodotto uno straccio di azione da gol neanche sul 3 a 0 pur avendo in campo 4 attaccanti.

                                                                                      In generale poi, pur nella nostra scarsezza di mezzi, non riesco a capacitarmi di come, in 6 partite di campionato, non siamo riusciti a segnare un gol dico uno su azione, ma non e’ che abbiamo preso 7 pali e i portieri avversari abbiano fatto i fenomeni, le uniche conclusioni in 6 partite dico 6, la contiamo sulle dita di una mano (tiro di verde col napoli sul 3 a zero, valoti e bessa con la samp, io non ne ricordo altre).

                                                                                      Conclusioni: se la premesse sono corrette Setti e Fusco dovrebbero a questo punto esonerare Pecchia non per i risultati ottenuti ma per le prestazioni che abbiamo offerto, perche’ perdere si puo’ perdere ma non questi modi vergognosi.

                                                                                      PS: visto che di la’ non si scrive e si continua a tirare in ballo il grande Mandorlini io dico che solo con un allenatore così ci potremmo salvare e anzi ci saremmo salvati anche 2 anni fa se Setti non avesse commesso il piu’ grande sbaglio della sua gestione; tanto mi pare che piu’ o meno anche Pecchia giochi col 6 3 1 quindi tanto vale, almeno prima qualche punto in serie A l’abbiamo fatto. Alla faccia degli Adleriani che non volevano i lanci lunghi e il mono modulo.

                                                                                      • Maxhellas scrive:

                                                                                        Concordo sul discorso Mandorlini.
                                                                                        Qualcuno lo dica a Vighini che Mandorlini non c’entra nulla con la situazione disastrosa attuale.
                                                                                        Ma cosa gli ha fatto di male? Gli ha fregato il piatto di risotto?

                                                                                        • fenomeno scrive:

                                                                                          Mandorlini ha estratto il sangue dalle rape facendoci fare risultati e prestazioni incredibili…certo ha preso anche delle scoppole dalle grandi ma questo una piccola società di provincia lo deve mettere in conto, abbiamo vinto a Firenze, pareggiato due volte con la Juve, pareggiato due volte a san siro, vinto a Torino, vinto col Napoli, demolito la Lazio e potrei continuare…risultati che mi sembrano pura utopia raggiungere con questo allenatore (ovviamente spero di essere smentito)…il Mandorlini dell’ultimo anno era un po’ bollito, in tanti scrivevano non avesse più gli occhi della tigre, probabilmente si…in tanti però si son dimenticati, giornalisti in primis che la morte di un fratello in situazioni tragiche possa anche farti perdere il tuo animo guerriero…e chi ci è passato sicuramente sa cosa ti passa dentro in quei momenti…un allenatore è un professionista si ma anche e soprattutto un uomo…

                                                                                      1. hellasmastiff scrive:

                                                                                        nelle domande dalla stampo a pecchia o fusco i giornalai veronesi fanno tutte domande comode sembra di essee a un intervista del grande fratello………. o meglio in un grigoretto……….. rasulo disse dopo cesena testuali parole con bessa fossati e zuculini abbiam un gran centrocampo per la massima serie………. quando si sa da anni che tra A e B cè un abisso………… non far mercato come scrissi più volte prendendo i mandragora – paletta – berhami – sadiq – iturbe – ragusa – di gennaro – mattiello – rispoli – marchetti – boye’ – cigarini – farias ecc……….. era per perder tempo????? era perchè mi andava di scrivere nomi a ca..o???? era perchè credeco che non servissero?? era perchè pensavo di stare bene con quella rosa???? ma andate a ca..re tutti quelli che mi rispondevano che facevo liste della spesa a ca..o!!!!

                                                                                        si vede oggi che abbiam giocato con i primavera in campo………. mancavo solo fares poi stavamo a posto………..

                                                                                        sogliano a bari quest’anon ha portato kozak – floro flores – brienza – cisse’ – nene’ ecc………….

                                                                                        se hai idee puoi fare gran mercato se stati li ad aspettar le ultime ore per fare acquisti sei un ds idiota con un presidente buff.ne………… punto.

                                                                                        1. Ziga scrive:

                                                                                          Anch’io sono stato bannato da Vighini; mi fa scrivere un messaggio ogni cinque. Comportamento Vergognoso!

                                                                                          1. Ziga scrive:

                                                                                            Ho ascoltato stasera Fuorigioco: Di Pietro perfetto aziendalista!! Il peggio del giornalismo locale; che difende Pecchia e cerca di confondere le idee domandando: “ma allora è colpa di Pecchia o i giocatori non sono da A?”. Ma è SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI CHE
                                                                                            1 – abbiamo una rosa che farebbe fatica in Serie B (tra giocatori SCARSI Suprayen, Fares, Bianchetti, Valoti, Nicolas, ROTTI O FERMI DA TEMPO Cerci, Caceres, Zuculini,Hertaux e BAMBINI Kean, Lee
                                                                                            2 – Abbiamo un allenatore incapace. Tutto riconducibile al miserabile che ha trovato la classica “tetta da ciucciare” e che non mollera finchè gli conviene.

                                                                                            1. Fenomeno scrive:

                                                                                              La solita girandola insulsa di giocatori e ruoli…con la samp avevamo trovato un minimo di carattere ed equilibrio, squadra bassa e grintosa e le ripartenze di bessa e verde…fuori bessa, fuori verde, nessuno in grado di ripartire, fase di contenimento decente ma idee offensive zero….non vedo alternative all’esonero

                                                                                              • Simone scrive:

                                                                                                Bessa non c’era perché squalificato, Verde era tra quelli che avevano convinto meno con la Sampdoria, souprayen tornava e giocando a 4 è tornato lui a sinistra in difesa. Caceres non poteva giocare. Il primo tempo puntava tutto sul resistere, ma senza contropiedisti impossibile creare davanti. Due errori difensivi e la partita è stata segnata. Se cerci inoltre è questo, Lee credo troverà il suo spazio in futuro.

                                                                                                • Fenomeno scrive:

                                                                                                  Bessa mi sembra fosse infortunato non squalificato…non puoi però pensare di contenere e basta, uno che sappia ripartire almeno lo devi mettere, verde ha nelle sue corde la ripartenza, lascia bearzotti terzino e porta romulo più avanti al limite…souprayen non sa difendere, non segna mai, crossa dal fondo ogni morte di Papa…giocatore inutile…io non credo questa squadra sia così scarsa, vorrei vederla allenata da un mister che metta i giocatori nel proprio ruolo, trasmetta un po’ di grinta e dia due idee su come offendere…se poi i risiltati rimarranno questi mi rassegnero e dirò che siamo mediocri

                                                                                                  • Simone scrive:

                                                                                                    Quello di bearzotti terzino e Rómulo avanzato ci sta come ragionamento secondo me. Sempre che il signor Rómulo accetti.. Ma nel secondo tempo ho visto che bearzotti dietro marca gli esterni a 5 metri quando avanzano. Ha fatto meglio Rómulo. Verde boh, lo devo ancora inquadrare bene. Mi sembra uno più rapido che veloce. Cioè, non ce lo vedo andar via in velocità a lukaku, ma magari mi sbaglio. Sarebbe stata la partita ideale per Cerci. Ma non certo questo, che temo diventerà un grosso problema se fisicamente non recupererà in fretta.

                                                                                                    • Fenomeno scrive:

                                                                                                      Le tue sono singole considerazioni sensate, quello che dal mio punto di vista è deleterio è il continuo cambio di uomini e ruoli e l’assenza di un’idea di gioco…uno alla volta li sta distruggendo tutti a partire da pazzini…oggi siamo nelle condizioni di avere giocatori senza fiducia senza grinta e senza un’idea precisa su cosa fare…non da fiducia e continuità a nessuno…anzi no, uno intoccabile e sempre nello stesso ruolo c’è, è soupradyen….fate vobis

                                                                                                  • Andrea scrive:

                                                                                                    Anche secondo me mettendo i giocatori nei loro ruoli e soprattutto non cambiando loro posizione ogni domenica si potrebbero ottenere risultati migliori.

                                                                                                    Non so se sufficienti per salvarsi, ma sicuramente migliori sì.

                                                                                                    Se guardiamo alla difesa, la linea titolare non è così scarsa.

                                                                                                    Per me il reparto più deficitario è l’attacco, dove non abbiamo un terminale di peso che ci manca come il pane: Pazzzini non può tenere palla per fare salire i centrocampisti, e siamo così sempre lontani dall’area avversaria.

                                                                                                • Simone scrive:

                                                                                                  Bessa infortunato, pardon.

                                                                                              1. Parmenide scrive:

                                                                                                ….ma chi ha detto che deve salvarsi? … Poco piu di una trentina di milioni per essere in A, venticinque per un nuovo paracadute, a gennaio vende il resto ( scommettiamo?) e costringe Pazzini e Romulo ad andarsene. Poi con i bilanci a posto trova qualcuno ed incamera il resto dei soldi. Credo che nemmeno alla Bocconi siano in grado di programmare come fare così tanti soldi in poco tempo. Complimenti grande Presidente.
                                                                                                Mi auguro che prima o poi qualche giornalaio veronese metta mano ai conti dall”arrivo del ” Cuccia de noiatri”.

                                                                                                1. Ruspa62 scrive:

                                                                                                  Squadra senza né capo né coda, maggior responsabile: il mister, ergo via subito e se il ds non è d"accordo via anche lui. Forza Hellas!!!

                                                                                                  1. RobyVR scrive:

                                                                                                    … mi scominsiaria a preocuparme par st’an che vien quando Seti el svendarà el svendibile e navigarema a un passo dala Lega Pro.

                                                                                                    1. stefy scrive:

                                                                                                      Va esonerato l’allenatore. Subito!!!

                                                                                                      1. paolo scrive:

                                                                                                        Non riesco a trovare un solo buon motivo per proseguire con “sciagura” Pecchia; andava cambiato a fine stagione scorsa. Ricordiamoci che siamo in serie A grazie ad un gol al 96esimo contro il Vicenza, con quella che doveva essere una corazzata per la serie B !

                                                                                                        1. Harryblu scrive:

                                                                                                          Fadiga…te dito ben Luca,fadiga le proprio la parola che racchiude tutta la situasion…

                                                                                                          1. Flower scrive:

                                                                                                            Luca le tue analisi sono sempre chiare, specchio della realtà dolce o cruda che sia.
                                                                                                            In questo periodo di crudités il realismo aiuta a scoperchiare il prosciutto dagli occhi di chi ha bevuto il nettare offerto in copiose quantità dal direttore del canale tele Kabul.
                                                                                                            Ovvero guai a chi tocca i galantuomini Pecchia e Fusco, è colpa di Tinti, Toni e Mandorlini!

                                                                                                            1. Franchellas scrive:

                                                                                                              E stiamo ancora a parlare? L’unica speranza e’ un immediato stravolgimento tecnico , ovviamente cambiando il tecnico , che porti prima chiarezza in campo e poi una forte inversIone motivazionale del gruppo.
                                                                                                              Purtroppo la società non sarà così intenzionata a farlo perché è’ interessata solo a disimpegnarsi massimizzando gli interessi di un imprenditore poco capace e motivato…

                                                                                                              1. mir/=\ko scrive:

                                                                                                                tutto in perfetta linea con il mercato nullo "da miserie" della società. era logico fare questa fine…..

                                                                                                                • RH scrive:

                                                                                                                  in un momento così, mettiamo da parte gli attacchi personali e cerchiamo critiche costruttive. Quelle distruttive sono fin troppo facili. Se veramente si vuole il Bene del Verona, bearsi degli egoistici “io l’avevo detto” è francamente inopportuno

                                                                                                                  • Ziga scrive:

                                                                                                                    Le critiche costruttive le se fa prima che finissa el mercato… adesso lè ormai troppo tardi!! In più Pecchia è un incapace totale: la fascia dove c’era Souprayen era sempre completamente sguarnita, con il numero 77 della Lazio SEMPRE LIBERO. E tu in quanto allenatore non metti un rimedio??! Per finire: setti setti va fan cxxxo. Infame…

                                                                                                                1. RH scrive:

                                                                                                                  Per favore, reintegriamo in rosa Albertazzi o Gonzalez, giochiamo con quattro centrali, difendiamoci. Almeno contro le prime 8 di categoria.
                                                                                                                  Pecchia ha completamente perso la bussola, l’ho sempre considerato inadeguato, oggi sto dalla sua parte, lo compatisco. ha ascoltato pubblico e critiche (kean+pazzo, bearzotti dentro, buchel e fares fuori, lee, attacco totale a fine primo tempo), ha calato le braghe. Va cambiato all’istante. Grazie per il compitino promozione, penso veramente possa ripercorrere quanto fatto da un Sarri o un Giampaolo se dovesse lavorare in contesti più tranquilli, ma di certo non può farlo qua, non poteva scattare “la scintilla” con un mister del genere qua a Verona.
                                                                                                                  Bisogna almeno provarci a fare qualcosa, e secondo me la cosa più logica è essere quadrati, difendersi bene, portare a casa punticini o comunque passivi leggeri. Per quanto odio i personaggi, serve tapparsi il naso e prendere un DiCarlo, o un Ballardini. Vorrei tanto parlare di Iachini, Cosmi, Malesani anche un DiCanio: fino a martedì scorso pensavo servisse uno così, di grinta (Servirà uno così da giugno), ma oggi ho l’impressione che serva solo gente quadrata e un minimo organizzata, difendersi e giocare in maniera ordinata e sperare in tanta, tanta fortuna. Di sicuro non va bene gente alle prime armi (oddo, stellone, dezerbi, lopez ma anche fosse luis enrique). Anche Guidolin o Mazzarri sarebbero -quasi- inutili. Un buon compromesso può essere Reja.
                                                                                                                  Un identikit simile sarebbe Mandorlini, ma non verrà mai dato il suo passato con Setti.
                                                                                                                  Assieme a Pecchia, mi auguro un passo indietro anche di Fusco. Ha fallito, consegnando una rosa non solo tecnicamente inadeguata, ma soprattutto numericamente con tanti buchi (ci sono 2 terzini e basta, solo due ali, nessun esterno di centrocampo se non fares e bearzotti, non un vero vice pazzini), e il suo diamante Pecchia ha ampiamente fallito.

                                                                                                                Lascia un Commento

                                                                                                                *