05
nov 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 111 Commenti
VISUALIZZAZIONI

8.533

VERONA DISASTROSO A CAGLIARI

Pecchia alla vigilia parlava di una squadra che aveva lavorato alla grande, di un Verona in crescita e dell’obiettivo da centrare: i punti. Non so quello che ha visto l’allenatore gialloblù, io a Cagliari ho visto una squadra involuta, senza idee, senza gioco, senza giocatori adeguati, alla ricerca non dei tre punti, ma semplicemente del pareggio. Lo si è capito chiaramente quando Pecchia ha tolto Pazzini per inserire Zaccagni, rispondendo al cambio di Lopez che cinque minuti prima aveva tolto Ionita per giocarsi la carta Farias.

Dopo la quarta sconfitta consecutiva è giusto porsi delle domande. Quante responsabilità ha Pecchia? Quante Fusco? Quante Setti? E quante i giocatori? Tutto secondo me parte dal presidente, che ha dimostrato con i fatti di non avere la forza economica per allestire una rosa competitiva. Discorsi già fatti dopo le prime partite di campionato e poi sospesi dopo aver visto qualche segnale di miglioramento. Era giusto aspettare partite sulla carta meno proibitive e giudicare quanto visto sul campo. A Cagliari sono riaffiorati problemi enormi: attacco inesistente, difesa fragile, centrocampo in affanno, mancanza di carattere, enormi limiti nei singoli.

La stranezza è che in altre occasioni, contro avversari più quotati, abbiamo visto una squadra più grintosa e più pericolosa. La prestazione di Cagliari mette sul banco degli imputati anche l’allenatore che non è riuscito a presentare un Verona all’altezza. Quando hai l’acqua alla gola e devi recuperare, non puoi permetterti troppi passaggi a vuoto. Fusco ha rinnovato la fiducia a Pecchia, il tempo per recuperare ci sarebbe, ma il dubbio rimane: con un altro tecnico questo Verona avrebbe più possibilità di salvarsi? Onestamente non ne sarei così convinto. Guardo la rosa e vedo giocatori inadeguati. Ripasso la campagna acquisti e mi chiedo: quali sono stati gli investimenti? Perché allungare il contratto a Souprayen? Perché giocatori che in B facevano fatica ad incidere, sono stati riconfermati e trovano spesso spazio in squadra? Risposte che portano direttamente alla condotta di Setti, che oggi avrebbe dovuto dire qualcosa. E’ contento di questo Verona e della sua direzione tecnico-sportiva? Bastano i bilanci a posto per essere sereni? Credo di no, ma sarebbe bello sentire l’opinione del diretto interessato. Nell’attesa, spazio alle vostre (sempre gradite) riflessioni.

8.533 VISUALIZZAZIONI

111 risposte a “VERONA DISASTROSO A CAGLIARI”

Invia commento
  1. hellasmastiff scrive:

    Da Internare…..pecchia non si dimette è scandaloso…. dire che l’unico del posto fisso in italia è pecchia è dir poco…..

    manco il peggior bonato oggi mi fa incazza.re più di fusco……… la storia che non cambia nulla regge poco diego lopez 4 partite 3 vittorie idem ballardini 1 su 1 a crotone…… caro fusco arrampicarsi ancora oggi sugli specchi è da sbandati mentali…… dopo di questo a verona si son viste proprio tutte… siam ai livelli dell’ingresso di parentela……. miserabili!!! cacciate pecchia subito!!!!!!

    prendere subito reja o iachini…………

    emeriti buff.oni!!!! fuori dalle pa..le!!!!!

    1. viniciocaposhellas scrive:

      Se stasera si perde e Pecchia avesse un briciolo di dignità , rassegnerebbe le dimissioni.

      Io sono convinto che stasera si vince:
      Cerci
      Pazzini
      2-0
      restiamo in corsa e guardiamo avanti

      1. hellasmastiff scrive:

        Ore di riflessione in casa Udinese, dopo la sconfitta interna contro il Cagliari. Si va sempre più verso l’esonero di Gigi Delneri, che potrebbe pagare il ko di oggi alla Dacia Arena. Gino Pozzo sembra ormai convinto a cambiare, l’avventura dell’ex allenatore del Chievo sarebbe così giunta al capolinea. Chi arriverà al suo posto? Il profilo che piace è quello di Massimo Oddo, già contattato qualche settimana fa prima delle due vittorie consecutive contro Atalanta e Sassuolo. Con l’ex allenatore del Pescara ci sono già stati nuovi contatti, potrebbe essere lui l’erede di Gigi Delneri sulla panchina dell’Udinese.

        pecchia ben saldo vero……………. serve reja subito!!!!!!!

        credo fermamente che il cambio di rotta come ballardini e diego lopez han fatto con genoa e cagliari e noi con reja riporterà quell’entusiamo che tutti si auspichino…… cè poco da aspettare gli altri fanno i punti e qui in conferenza stampa è un disco registrato da mesi…. stesse domande e stesse risposte sana alcuna logica……. e questo lo chiamavano professionismo…….mah

        miserie!!!!!!

        1. viniciocaposhellas scrive:

          Adesso che Calvano l’è pronto me sento più tranquillo…

          • NIKE scrive:

            Esco fuori argomento, voglio spendere alcune parole sulla Primavera Hellas alla quinta sconfitta consegutiva, oggi ha perso in casa con la Samp fino ad oggi ultima in classifica con appena 2 punti.
            Chiedo alla società che intervenga allontanando Porta portato da Fusco che non reputo all’altezza sta svalutando un capitale societario( possibili plusvalenze) e giocatori quali Tupta e Stefanec stanno subendo un’involuzione paurosa. Pavenel remember.

            • viniciocaposhellas scrive:

              Il disegno è chiaro:
              tagliare tutti i fili che legano l’Hellas alla propria storia.
              Mettere “professionisti” che non incidono sul bilancio
              Spendere meno senza guardare alla qualità
              Impacchettare il tutto dentro a un bilancio sostenibile
              Tentar di cedere la società.

            • Franco scrive:

              Questo succede a metter lì Margiotta (dopo Filippini, 5 anni e 80 presenze nel Verona, e Calvetti, Veronese DOC che hanno portato dedizione e cuore, e di rimando, sono arrivati grandi risultati in rapporto alla tradizione dei buteleti gialloblù, mai storicamente in grado di reggere i confronti con altre piazze ben più strutturate in ottica giovanile)

          1. viniciocaposhellas scrive:

            Ma pecchia sa dirlo che el vol far punti…. a lu ghe interessa solo vinzar la classifica dei passaggi riusciti

            1. Fenomeno scrive:

              Ma un “centro sportivo di proprietà” dove non si allena la prima squadra, non si allena la primavera, ci sono schermidori e canoisti, ci fanno campionati e tornei amatoriali di calciotto che centro sportivo di proprietà è?

              • viniciocaposhellas scrive:

                Recupero di un’area non utilizzata messa a disposizione della comunità che pagandone i servizi ne contribuisce alla manutenzione.
                Il recupero è stato effettuato con fondi messi a disposizione del CONI e dall’intervento privato di campedelli (che magari avrà investito i milioni dei diritti TV raccolti?)
                Ci sono campi da calcio dove prima o poi , scadute le convenzioni con altre strutture, almeno la primavera arriverà.
                Difficilmente il Chievo abbandonerà Veronello.

                Evidentemente l’obiettivo non era portare lì la prima squadra.

                • fenomeno scrive:

                  Di sicuro è una struttura pregevole in una zona riqualificata però il centro di proprietà di una società professionista a mio avviso è altra cosa…quella più che altro un’attività commerciale…

              1. viniciocaposhellas scrive:

                Rdiomercato:
                Pazzini a Bologna, Djordjevic al Verona con Caceres a fare il percorso inverso.

                se cominciamo anche a togliere l’esperienza…. 8nare

                1. Franco scrive:

                  visto che iè tutti scontenti, se pol mia far en scambio e metter a capo della nazionale Fabio pecchia e noialtri ne tolemo Ventura, pagà da tavecchio?

                  • viniciocaposhellas scrive:

                    Ventura è come Pecchia.

                    Un allenatore esperto non fà esordire Jorginho nella partita più importante e soprattutto dopo averlo ignorato per anni!!

                    Un allenatore esperto nella partita più importante metti terzini sinistri a sinistra e non un’ala destra a fare il terzino sinistro.

                    Un allenatore esperto non mette un’ala/terzino destro a fare la mezz’ala sinistra.

                    Esperimenti , esperimenti, cambi di ruoli, giocatori che cambiano la posizione 3/4 volte in una partita.

                    Cose che stiamo vedendo anche qui con catapecchia.

                    I risultati li abbiamo visti ieri sera….

                    • NIKE scrive:

                      Ma che gran giocatore Jorginho regalato al napoli per pochi spiccioli

                    • Simone scrive:

                      E vai di frasi fatte. Ventura ha 69 anni. Quindi esperto, al di là dell’esperienza internazionale. Eppure ha fatto errori macroscopici (tra cui non convocare Jorginho dall’inizio, inventarsi un modulo assurdo, ritornare alla difesa a 3 per il solito bonucci facendo saltare parecchie altre idee valide, eccetera), considerando che in nazionale non puoi avere nemmeno il tempo di provare chissà quante soluzioni tattiche. Poi, l’Italia è arrivata seconda nel suo girone com’era pronosticabile. È uscita contro la Svezia come non lo era. Come non lo era con altri allenatori nel 2010 e nel 2014. Il Verona ad ora è penultimo col Genoa, com’era tutto sommato ben più prevedibile. L’unica cosa veramente in comune è che entrambe le situazioni hanno uno storico che sa tanto di traccia (per quanto concerne l’Italia intervallati da due buoni europei che sono stati un’illusione probabilmente più negativa che positiva). Cicli da riaprire (e quella dell’Italia è oggettivamente più clamorosa). Il come dovrà deciderlo la federazione italiana per quanto riguarda l’Italia, e la società per quanto riguarda il Verona.

                    • Franco scrive:

                      a pian col fagian.
                      Ventura non è arrivato in nazionale così, ha fatto anni di gavetta. è arrivato in Europa con il Torino, per non parlare di Bari e pisa, e pure qua è andato ad un passo dal compiere un miracolo. Sarà un CT incapace, ma avercene allenatori così!

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        In effetti aver portato quel Verona agli spareggi fu un mezzo miracolo.

                        Diciamo che Ventura è un allenatore che rende se gli dai da allenare una squadra.

                        La nazionale và solo gestita.

                        Un allenatore a cui manca il fattore C… .

                  1. hellasmastiff scrive:

                    zero munuti a bianchetti cherubin e albertazzi in libro paga dalla società e zero minuti giocati….. qualcuno un giorno lo dovrà spiegare…… nessuno a fusco o pecchia l’ha mai chiesto cosa allucinante…… fatto sta che siam costretti a far giocare caceres terzino o bearzotti suprayen centrale e romulo terzino dx o sx……. e in conferenza stampa si parla sempre che dobbiam iniziare a far punti…… banda di cialtroni!!!! perchè non lo si domanda del perchè di queste scelte folli di fusco e pecchia…….. miserie!!!!

                    1. Maxhellas scrive:

                      Articolo interessante su diritti e paracadute:

                      Serie A, paracadute e fair play finanziario

                      Anche se la nuova ripartizione dei diritti porterebbe nelle casse del club di via Belgio 9,5 milioni in più, ma solo in caso di permanenza nella massima serie, non è detto che al Verona convenga forzare la mano e aprire i cordoni della borsa a gennaio.

                      Un sostanzioso intervento sul mercato comporterebbe un rischio d’impresa elevato, che non per forza sarà premiato. Infatti, nella sciagurata ipotesi che l’Hellas non riesca a centrare la salvezza, si troverebbe in B con il portafoglio alleggerito.

                      Diversamente, piazzando gli ingaggi più alti – Pazzini su tutti ma, volendo, anche Rómulo – i conti del Verona quadrerebbero già da subito, confidando poi nell’entusiasmo dei giovani per artigliare la quartultima posizione.

                      Male che vada, si ripartirebbe dalla cadetteria con i 25 milioni di euro del paracadute e un monte ingaggi completamente sanato. Questo il ragionamento societario, orientato, perché esplicitato anche dal Direttore Sportivo Fusco, al nuovo corso di fair play finanziario.

                      1. Franco scrive:

                        A me il discorso “paracadute” sembra semplicissimo.
                        Meglio investire qualcosa e puntare ai 35 (e mantenere una vetrina importante qual è la A) o spenderne zero e accontentarsi di 25, che se ti gira di gran culo sono comunque 35 (ma l’anno prossimo è tutto da rifare)?
                        La risposta che è stata data (a quanto pare) è che è meglio la seconda. Il perché non mi è dato saperlo, ma sicuramente che si punti a retrocedere non è vero! Casomai, non si punta a salvarsi ad ogni costo.

                        1. viniciocaposhellas scrive:

                          e tanto per distogliere l’attenzione ecco “la bomba” su possibili cessioni dell’Hellas.

                          me vien da ridar….

                          mo dai Galluzzi vieni a verona che ti faccio lo sconto estra!! :-)

                          1. mir/=\ko scrive:

                            maxrugo: ma ti rendi conto di quello che vai dicendo?? metti in discussione pure le scarse capacità gestionali di questa società?? peggio di così cosa dovrebbe accadere?? un ammutinamento??

                            1. Maxhellas scrive:

                              La mia riflessione è che molto probabilmente manca ormai l’oggetto su cui riflettere, ovvero il Verona.
                              Come paventavo più di 3 anni fa, il personaggio che detiene la proprietà della nostra amata squadra sta svuotando tutto. Il che significa retrocessione programmata quest’anno, nuovo paracadute, vendita di Romulo, Pazzini e di ogni altro giocatore che abbia un minimo di mercato.
                              Solo sul finale sono in dubbio: venderà prima di portarci al fallimento o arriverà ad una voracità tale da farla fallire?
                              Solo su questo dovremmo riflettere e, chi di dovere, dovrebbe incalzare Setti. Il resto non esiste, come è sempre più evidente.

                              • Ma scrive:

                                Non esageriamo, capisco il ritorno in serie b ma il fallimento no. Non è la prima volta e non sarà nemmeno l’ultima. Ma il fallimento sarebbe assurdo e incomprensibile.

                              • maxrugo scrive:

                                Ma scusa qui mi pare che non c’e’ peggior dordo di chi non vuol sentire.
                                Intanto per svuotare qualcosa significa che occorre prima riempirlo e quindi Setti svuoterebbe qualcosa che lui ha riempito prendendo il Verona e riepiendolo di giocatori che hanno fatto andare il Verona prima in serie A, per due volte, e acquistando giocatori che sono poi diventati capocannoniere in seria A.
                                Ma dico io, seguendo il tuo, anzi il vostro, stampalato ragionamento, se Setti veramente volesse svuotare tutto come dite, non poteva tranquillamente farlo lo scorso anno senza star li a tornare in serie A, per chi?
                                Vendere Romulo e Pazzini? Li avrebbe potuti vendere quest’anno dopo un buonissimo campionato di B perche’ li avrebbe tenuti in serie A? Per programmare la B e svalutarli?
                                Butei no ghe semo, fasi’ ragionamenti assurdi nel senso che sono oggettivamente smentiti dalla realtà dei fatti ecco su questo dovremmo riflettere, sul fatto che comprensibilmente la squadra la va mal e allora bisogna trovar un capro espiatorio e allora avanti de paracadute de programmasion della B de centro sportivo ecc. ecc. ecc.

                                • Maxhellas scrive:

                                  Non ho detto che è stupido Setti. L’anno scorso ha messo in piedi una rosa per salire in A con l’evidente obiettivo di tornare giù quest’anno e prendere altri 20/25 milioni. Non ti pare un obiettivo sufficiente? Non ti sembra coerente con i comportamenti?
                                  L’anno scorso ha messo in piedi una squadra con la quale era difficile non centrare la promozione:Romulo e Pazzini in B non li aveva nessuno, e altri più che adeguati per la categoria (Fossati, Luppi, Caracciolo, Bessa per esempio). Poi, che l’inesperto (oggettivamente) Pecchia abbia rischiato di non farcela, è un altro discorso…
                                  Quest’anno non ha fatto un solo investimento per rimanere in A, o no? Quindi mi pare evidente (e qualcuno l’ha già apertamente detto) che Setti sale per riprendere il paracadute.
                                  Svuotare cosa? chiedi. Bene, le vendite possibili in grado di portare soldi sicuramente in cassa sono:
                                  Pazzini
                                  Romulo
                                  Bessa
                                  La scommessa da “rigenerare” presa a zero (Cerci), se ingrana
                                  I giovani ai quali non a caso sono stati rinnovati i contratti (non certo a cifre faraoniche…), come Fares,Zaccagni, Valoti e così via.
                                  In effetti non rimane molto da svaligiare, ma sono convinto che quanto prima il carpigiano provvederà a incassare tutto il possibile.

                                  • maxrugo scrive:

                                    Dici “L’anno scorso ha messo in piedi una rosa per salire in A” ma se l’obbiettivo e’ prendere il paracadute perche’ non restare in B e intascarsi quello dello scorso anno? che senso ha spendere per tornare in serie A per prendere soldi che potevi non spendere l’anno prima e restartene in B vendendo Pazzini e Romulo.

                                    dici: “le vendite possibili in grado di portare soldi sicuramente in cassa sono:
                                    Pazzini
                                    Romulo
                                    Bessa
                                    ma scusa questi giocatori li ha comprati e li sta pagando chi? Mirchio? Caramella o Setti?
                                    e ripeto li avrebbe potuti vendere anche restando in serie B.

                                    dici” Quest’anno non ha fatto un solo investimento per rimanere in A, o no? Quindi mi pare evidente (e qualcuno l’ha già apertamente detto) che Setti sale per riprendere il paracadute.”
                                    Intanto chi lo ha detto? a parte qua i soliti bloggisti?
                                    E quindi ti ripeto perche’ spendere i soldi investire per tornare in serie A lo scorso anno poteva tenersi il paracadute dell’anno scorso e finia li te par?

                                    Inoltre te domando secondo el to ragionamento “pochi investimenti”, che presumo sia = a spesi pochi soldi sul mercato, significa che anca:
                                    SPAL spesi 3,2 milioni
                                    UDINESE spesi 0 milioni
                                    CROTONE spesi 4,5 milioni
                                    GENOA guadagnati 5 milioni
                                    CAGLIARI spesi 5,5 milioni
                                    hanno programmato la retrocessione per prendere il paracadute? Secondo el to ragionamento si, ma ti renderai conto che l’e’ un ragionamento assurdo.

                                    • Maxhellas scrive:

                                      O non capisci o non vuoi capire.
                                      Se rimanevi in B ti davano altri 10 milioni.
                                      Risalendo in A prendi i diritti della A più altri 20/25 milioni riscendendo subito. Fatti 2 conti. Sono semplici somme/differenze.
                                      Inoltre:
                                      Romulo è tornato indietro con l’elastico dopo la pubalgia che ha impedito il riscatto della Juve. Non mi pare un acquisto volontario. Se ricordi lo avevamo riscattato alla fine del 2013/14 a 1,5 milioni per venderlo alla Juve per 1,5 milioni.subito e 6,5 all’atto del riscatto, obbligatorio se le presenze erano sopra non ricordo che soglia. Riscatto che non ci fu perché Romulo stette quasi sempre fermo per la pubalgia.
                                      Pazzini hanno provato in tutti modi a venderlo nell’ultimo mercato ed è dato sicuramente al Bologna a gennaio.
                                      Fares (rinnovato fino al 2012 o 21) farà le valige a gennaio (pare) verso l’UK.

                                      Le dichiarazioni si Setti le ha fatte un tale De Laurentiis, lo stesso (pres. del Napule) che disse che senza l’anticipo del paracadute il Verona avrebbe rischiato il fallimento. Ed era lo stesso Verona che non pagava gli stipendi da gennaio.

                                      Edinese, Genoa, Crotone e Cagliari erano già in A ed hanno (salvo il Genoa, e si vede) rinforzato o mantenuto le rose.
                                      Noi, salendo, avremmo dovuto rinforzare e mi pare non sia stato fatto, a meno che tu gentilmente non voglia indicarmi i rinforzi, lasciando stare Cerci (2 anni fermo), Caceres (come sopra, da riavviare…), Kean (un primavera non può essere un rinforzo, ed è comunque un prestito), Lee (altro primavera…).
                                      L’unico acquisto è Bessa, che ha già mercato e (scommettiamo?) non rimarrà a lungo.

                                      Se hai tempo e voglia, vai a leggere il post di “Cesare Settore Superiore” sul blog di Micheloni, che magari un barlume di sospetto si accende anche a te.

                                    • Simone scrive:

                                      A me pare che si stia facendo un po’ di confusione. Pazzini e Rómulo in B sono rimasti, ma ho dei seri dubbi avrebbero trovato un acquirente disposto a pagare il loro stipendio per intero dopo le loro ultime stagioni. La mossa della società è stato di prendere atto di questo agendo di conseguenza, rivedendo il loro ingaggio per la B e spalmandolo su più anni a Rómulo. Poi, sulle cifre di mercato e dei Monti ingaggi della gazzetta ho seri dubbi (possono essere indicativi ma a volte neanche quello), e va aggiunto il fatto che la maggior parte delle operazioni sono con pagamento in divenire (pure al Milan per esempio) e quindi le spese ricadranno eventualmente sui prossimi anni. Al Verona per esempio sono stati messi in spesa Büchel e ferrari (invece sono prestiti con diritto di riscatto eventuale per l’anno prossimo) mentre zero a Lee che è stato pagato circa 1,5. Anche sul monte ingaggi ho delle perplessità. Ci sono giocatori il cui ingaggio viene pagato tutto o in parte da terzi (vedi Caceres, Kean, è da verificare Silvestri, Ferrari, Heartaux, Verde). Ma soprattutto, la società tramite Setti e soprattutto Fusco è stata chiara su questo: c’è un piano A è un piano B (a differenza di qualche anno fa). Ciò ha fatto sì che per esempio anche lo scorso anno non si sia pigiato l’acceleratore più di tanto sulle spese (in uscita) di mercato, mentre si è preso il prendibile in entrata, già dal gennaio 2016, non solo in estate. Altro ed ultimo punto: al di là del discorso spese, il problema evidenziato dalla scorsa finestra di mercato è stato che molti tentativi per giocatori di un certo livello sono andati in fumo, con i giocatori cercati che si sono accasati altrove o sono rimasti dove erano (d’Alessandro, Cigarini, Rigoni, Mattiello, magnanelli, oikonomu, Marchetti, qualche attaccante, eccetera). Questo secondo me è stato il segnale peggiore. Se un giocatore non accetta dì venire da te è perché non puoi offrirgli l’ingaggio che chiede (e le altre si), oppure non è convinto del progetto societario.

                                • NIKE scrive:

                                  Secondo il tuo ragionamento allora Setti è un’incompetente e poco scaltro il che è ancora peggio

                                  • maxrugo scrive:

                                    Riguardo l’incopetenza, i risultati parlano per ora di 6 anni di presidenza due promozioni e una retrocessione. Risultati non eccezzionali se paroganati a quelli ad esempio de rece de goma, ottimi se paragonati agl’ultimi 20 anni di storia del Verona. Dipendende sempre dai punti di vista.
                                    Riguardo la scaltrezza non mi pronuncio dico che i fatti non inducono a pensare che Setti voglia fare quello che dice Maxhellas, se invece così fosse sicuramente sarebbe poco scaltro.

                                • Simone scrive:

                                  Su Pazzini è evidente l’errore societario. Giocatore rigenerato in B (e non tutti ci avrebbero scommesso), in A su di lui sono stati fatti, legittimamente, ragionamenti diversi. Il problema non sono a mio avviso questi ragionamenti ma il fatto che non si sia agito per tempo, di conseguenza. Io credo che ciò non sia stato possibile per due motivi: Pazzini non poteva trovare squadra dato il suo ingaggio (si sa che ha parlato con Squinzi gli ultimi giorni di mercato, ma è facile pensare che le sue richieste di ingaggio siano state ritenute troppo alte) e non c’erano le possibilità economiche (e l’appeal?) per prendere una punta importante al suo posto. Rómulo ha pure un ingaggio importante e probabilmente considerato troppo alto ad ora. Su di lui la soluzione che ha trovato la società è stato quello di prolungargli il contratto spalmandoglielo. La mia domanda a maxhellas resta. Mi piacerebbe sentire la sua risposta.

                                • bruce scrive:

                                  A differenza della stagione 2012/2013 dove vennero fatti degli investimenti (se da Volpi o da Setti non ci è dato sapere) e la Serie A fu fortemente voluta, nella stagione scorsa siamo risaliti solo per merito di una Serie B mediocre, gli stessi Pazzini e Romulo sono rimasti solo per il fatto che non sono stati trovati acquirenti date le loro condizioni fisiche precarie e i loro stipendi pesanti, per il resto la squadra è stata imbastita alla meno peggio con giovani impreparati buttati allo sbaraglio (Valoti, Zaccagni, Fares), qualche buon rincalzo (Luppi, Fossati) , qualche scommessa a basso costo (Bessa) e infatti quest’anno si vedono i frutti di questa programmazione, ti prego solo di trovarmi un singolo giocatore in grado di poter giocare in Serie A perchè io non ne vedo.

                                  • maxrugo scrive:

                                    stagione 2012/2013
                                    1 Brasile P Rafael
                                    2 Francia D Tony Huston
                                    3 Italia D Michelangelo Albertazzi
                                    4 Italia C Simon Laner
                                    5 Italia D Luca Ceccarelli (capitano)
                                    6 Brasile C Raphael Martinho
                                    7 Argentina C Emanuel Rivas
                                    8 Italia A Daniele Cacia
                                    9 Italia A Nicola Ferrari
                                    10 Islanda C Emil Hallfreðsson
                                    12 Brasile P Nícolas
                                    13 Italia A Alessandro Sgrigna
                                    14 Italia D Matteo Bianchetti
                                    15 Paraguay A César Verdún
                                    16 Danimarca C Matti Lund Nielsen
                                    17 Italia C Alessandro Carrozza
                                    18 Grecia D Vaggelīs Moras
                                    19 Italia C Jorginho
                                    20 Italia D Domenico Maietta (vice capitano)
                                    21 Argentina A Juanito Gomez
                                    23 Italia A Andrea Cocco
                                    24 Slovenia C Armin Bačinovič
                                    25 Spagna D José Ángel Crespo
                                    27 Italia D Giuseppe Pugliese
                                    28 Paraguay C Óscar Arzamendia
                                    29 Italia D Fabrizio Cacciatore
                                    30 Italia D Alessandro Agostini
                                    33 Italia P Alessandro Berardi

                                  • maxrugo scrive:

                                    stagione 2013/2014
                                    Rafael
                                    2 Italia C Rômulo
                                    3 Italia D Michelangelo Albertazzi
                                    4 Italia C Simon Laner [8]
                                    4 Argentina D Iván Pillud [9]
                                    5 Italia C Massimo Donati
                                    6 Brasile C Raphael Martinho
                                    7 Italia A Samuele Longo [8]
                                    7 Brasile C Marquinho [9]
                                    8 Italia A Daniele Cacia
                                    9 Italia A Luca Toni
                                    10 Islanda C Emil Hallfreðsson
                                    11 Serbia C Boško Janković
                                    12 Brasile P Nícolas
                                    13 Italia D Matteo Bianchetti [8]
                                    14 Argentina C Ezequiel Cirigliano
                                    15 Paraguay A Juan Manuel Iturbe
                                    18 Grecia D Vaggelīs Moras
                                    19 Brasile C Jorginho [8]
                                    19 Rep. Cec A Michael Rabušic [9]
                                    21 Argentina A Juanito Gomez
                                    22 Italia D Domenico Maietta (capitano)
                                    23 Uruguay D Alejandro Damián González
                                    25 Brasile D Rafael Marques
                                    26 Italia C Jacopo Sala
                                    27 Italia C Paolo Grossi [10]
                                    29 Italia D Fabrizio Cacciatore
                                    30 Italia C Marco Donadel
                                    31 Bulgaria P Nikolaj Mihajlov
                                    33 Italia D Alessandro Agostini
                                    34 Algeria A Mohamed Fares
                                    35 Italia C Mattia Zaccagni
                                    80 Italia A Alessandro Sgrigna [10]

                                    dimmi gli investimenti stratosferici della prima stagione di serie A. Non mi dire Iturbe ti prego che fu preso in prestito all’ultimo giorno di mercato.
                                    Puo’ essere che si veniva dala C ed erano 5 anni che si vinceva e tutti volavamo sulle ali dell’entusiasmo per la serie a ritrovata do anni di pane e m3rd4 e tutto era bellissimo?

                                    • Simone scrive:

                                      Paragoni opinabili. Bessa è stata una delle sorprese del campionato, Pazzini c’era già, Moras con ben più credenziali di Caracciolo, cacciatore nettamente più forte di pisano (per altro deludente e con problemi fisici), iturbe aveva una clausola di 15 milioni e un campionato al river (molto considerato al Porto), paragonarlo a Lee (che non gioca praticamente) no dai, Toni-Pazzini eviterei. Jorginho è uno dei più forti centrocampisti passati da qui. Ma poi c’è tutto il resto. Giocatori come donati qui facevano panchina, ora sarebbero imprescindibili. Gli investimenti di allora portarono alla situazione di bilancio di due anni fa. Oggi l’obiettivo è dì stabilizzarsi e restare stabili a livello di bilancio. Purtroppo il mercato ne ha risentito, anche con errori quasi dilettantistici (mea culpa di Fusco).

                                    • maxrugo scrive:

                                      Giocatori comprati per salire 2012/2013 Cacia, Martinho, Moras, Agostini, Cacciatore
                                      Confronto con 2016/2017
                                      Cacia = Pazzini
                                      Cacciatore = Pisano
                                      Martinho = Bessa
                                      Moras = Caracciolo
                                      Agostini = ok qui siamo deficitari

                                      Giocatori comprati per restare in A 2013/2014
                                      Confronto con 2017/2018
                                      Romulo = Riomulo
                                      Jankovic = dai su non lo poteva vedere nessuno lo possiamo paragonare a Fares
                                      Iturbe = Lee (Iturbe aveva un po’ piu’ di esperienza ma neanche tanta e Lee e’ tecnicamente 3 volte migliore – PRESTITO
                                      Toni = Pazzini

                                      Ti ricordo che Jorginho te lo ha tirato fuori dal cilindro Mandorlini, che Cacia non ha piu’ fatto 25 gol in serie B, Halfredsson arrivava dalla C inglese e il grande Juanito è esploso sempre col Mandorlo.

                                      RIPETO NON VEDO GROSSE DIFFERENZE DI “INVESTIMENTI”

                                    • bruce scrive:

                                      Infatti gli investimenti di cui parlo sono dell’anno di B, dove ad una squadra già molto forte per la categoria (Rafael, Maietta, Jorgunho, Halfredsson, Juanito) vennero aggiunti Cacia, Martinho, Moras, Agostini, Cacciatore, ai quali si aggiunsero in Serie A l’anno successivo Romulo, Jankovic, Iturbe e il redivivo Toni. La squadra di quest’anno a mio modesto avviso è scandalosa, ma per quello basta che guardi la classifica….

                                    • Simone scrive:

                                      Gli investimenti partirono dall’anno precedente e riguardavano rosa ma anche ristrutturazione societaria (perdita di bilancio pesante per una squadra di B). Gli investimenti sui giocatori riguardavano gli acquisti molti dei quali con diritto di riscatto, alcuni riscattati quello stesso anno, altri l’anno dopo, e monte ingaggi aumentato in maniera importante per una neo promossa. Ora al di là degli entusiasmi o meno, la direzione societaria è diversa e lo hanno dichiarato.

                              • Simone scrive:

                                Che possa essere serie b si sapeva, nel senso che l’ipotesi era stata messa in preventivo dalla stessa società con tanto di dichiarazioni, alcune addirittura poco dopo la promozione. In quel caso chiaro che determinati giocatori vorranno venderli (Pazzini forse già a gennaio, gli altri vedremo). Ma se ora il bilancio è a posto (in attesa del prossimo bilancio pubblicato, chiaro), vorrei capire da te perché parli di possibilità di fallimento futuro. Cosa te lo fa pensare?

                                • Maxhellas scrive:

                                  Me lo fa pensare il comportamento della società.
                                  Se non investi per il medio / lungo termine vuol dire che navighi a vista. Ed il calcio non è un settore facile: navigare a vista è molto pericoloso. Se poi la politica della società e di vendere per incassare il più possibile ed aggrapparsi ai paracadute, quale pensi possa essere la prospettiva? Consolidamento in A? Con chi? Con i primavera Kean e Lee? Con i nostri quasi primavera Zaccagni, Fares?
                                  Se non ti consolidi in A, dove puoi davvero ragionare a medio termine su stile Udinese, Atalanta o Chievo, nel senso di prendere qualche buon prospetto da monetizzare dopo averlo ADEGUATAMENTE valorizzato (non dopo 6 mesi…), tipo Paloschi o Inglese, tanto per stare qui a VR. Se non ti consolidi in A, dicevo, devi continuamente ripartire dalla B. E per ripartire, a paracadute finiti, servono spalle finanziariamente larghe. Che Setti, con tutta evidenza, non ha. E se non le ha, potresti ripiombare nel baratro. E’ un attimo.
                                  Comunque, se a te e maxrugo Setti piace, sono contentoper voi e, francamente, spero abbiate ragione voi, per il bene sfegatato che voglio alla nostra squadra. Vi faccio però notare che non siete rimasti in molti a pensarla così…
                                  Io rimango invece molto preoccupato, perché vedo da parte della società comportamenti poco chiari, gestione del brevissimo termine, corsa all’incasso veloce e assoluto disinteresse per i risultati. E con sta roba non si va lontani

                                  • Simone scrive:

                                    Maxhellas, premettendo che io non ho alcuna fiducia nella democrazia e nella maggioranza, in generale, e che preferisco ragionare con la mia testa al di là delle opinioni della stessa, ho sempre espresso anch’io perplessità sulla società da qualche anno, lo sai. La mia era una domanda rivolta a te perché mi interessava conoscere la tua risposta da persona che conosce la materia, tutto lì.

                                    • Maxhellas scrive:

                                      Spero di avere risposto.
                                      Ribadisco: pagherei per avere torto, per il bene che voglio al Verona.
                                      E forse è proprio questo che mi fa preoccupare più di quanto dovrei.
                                      Però le incoerenze della società mi sembrano oggettive, in sé.
                                      Magari ognuno le pesa secondo un metro soggettivo.

                              1. maxrugo scrive:

                                Caro Max ho letto le parole di Rafael “Non si puo’ lavorare con quelle persone li. Sono votati al fallimento” con le quali presumo volesse dare un giodizio negativo sulle capacita’ gestionali di Setti Fusco.
                                Rispetto l’opinione di Rafael e sopratutto l’uomo Rafael, ma questa rimane una sua opinione vedremo se si verifichera’ il fallimento del Verona.
                                Avrei comunque chiesto a Rafael cosa gli passo’ per la testa a Frosinone quando in una partita chiave per il nostro campionato dette una insulsa ed inutile gomitata che ci costrinse a giocare in 10 e sotto di un gol. (mi chiedo se non sia anche per questo che l’hanno ceduto).
                                In quanto al resto mi pare che sei tu che non riesci a fare due conti, te spiego anzi ghe provo ma l’e’ l’ultima volta giuro, lesi ben :
                                - se prendo 25 milioni di paracadute ma ne spendo la gran parte per ritornare in serie A (pago gli ingaggi da serie A di Romulo e Pazzini Gomez Pisano Bianchetti prendo Fossati Bessa Caracciolo Ganz Zuculini 1 e 2) alla fine mi rimane zero.
                                Torno in A non spendo programmo la B e prendo 25 milioni che adesso tra l’altro sono diventati 20 milioni.
                                Quindi ti ri-domendo non era meglio tenersi i 25 milioni smobilitando e vendendo il vendibile lo scorso anno prendere altri 10 quest’anno e poi andarsene?

                                Le dichiarazioni di de laurentis non fanno altro che confermare che il paracadute e’ stato creato per fare in modo che le societa’ che in A pagano ingaggi molto alti ed hanno introiti che minimo si aggirano sui 25 milioni di euro non falliscano retrocedendo in B e dovendo onorare gli ingaggi da A cosa che sarebbe impossibile con gli introiti garantiti dai diritti TV della B (2 milioni annui). Per inciso il Verona si E’ fatto anticipare soldi che gli sarebbero stati dati da li’ a sei mesi.

                                Udinese, Genoa, Crotone e Cagliari erano già in A ed hanno (salvo il Genoa, e si vede) rinforzato o mantenuto le rose.

                                Bene ti ri-chiedo perche il Crotone non voluto retrocedere lo scorso anno e prendere il tanto ambito paracadute?
                                In quanto alla SPAL, che non hai citato nella tua replica, avendo speso piu’ o meno come noi e seguendo il tuo ragionamento devo ritenere stia “programmando” la retrocessione giusto?

                                • El balota scrive:

                                  il Crotone non ha voluto retrocedere per lo stesso motivo che hai scritto riguardo l’utilità del paracadute…non rischiare di fallire

                                  • maxrugo scrive:

                                    Ma quindi secondo il vostro ragionamente Palermo e sopratutto Empoli “hanno voluto” retrocedere perche’ tanto c’era il paracadute?
                                    Il Crotone NON ha voluto retrocedere e quindi NON E’ retrocesso. (e gia’ basta volere fortemente una cosa e sicuramente questa si avvera)
                                    Il Pescara probabilmente NON voleva retrocedere ma non lo ha voluto abbastanza fortemente e quindi E’ RETROCESSO.
                                    Infine un ulteriore considerazione: ma se credete davvero che Setti abbia programmato la serie B e quindi il nostro campionato sia gia’ deciso, perche’ continuate ad andare a vedere le partite? e’ come andare a vedere un film di cui si sa gia’ il finale, o no?
                                    Mi pare che le Vostre tesi ci stiano portando un po’ all’assurdo che ne dite?

                                    • Maxhellas scrive:

                                      L’ho già detto. Io vado solo per “rendere testimonianza” e attaccamento ai colori.
                                      Del Verona di quest’anno e dell’anno scorso non stimo quasi nessuno. Sicuramente non la dirigenza e poco anche l’allenatore.
                                      Uniche eccezioni, e più per l’atteggiamento che per la qualità):
                                      Pazzini
                                      Fossati
                                      i 2 Zuculini
                                      Bessa

                                • El balota scrive:

                                  e l’anno scorso non ha smobilitato solo perchè i vari Pazzini, Romul, Gomez & co. con contratti pesanti non avevano mercato…sennò sta tranquillo che andavano tutti…

                                • El balota scrive:

                                  dimentichi le plusvalenze di Gollini, Ionita, Wzoleck, Helander (aggiunte a quelle di Sala, Hallfreddson e Rafael del gennaio) e l’uscita di ingaggi pesanti come Moras, Jankovic, Toni…non sono i 25 milioni di paracadute a far chidere ai tifosi “dove cxxxo ha messo i soldi?”…qua ne ha presi altri 25/30 dalla cessione dei sopracitati e dagli svincolati…

                                • Maxhellas scrive:

                                  Per prendere il paracadute “ricco” bisogna avere almeno 2 stagioni su tre in A negli ultimi 3 campionati. Meglio ancora 3 anni di A.

                                  Può essere che il Crotone voglia consolidarsi in A, per quel che ne sappiamo qui. Come che punti a fare almeno 2 tornei in A per il paracadute “ciccio”.

                                  La Spal ha 9 punti e ad oggi sarebbe salva. Noi no.

                                  Se davvero i soldi del paracadute sono finiti negli ingaggi (cosa di cui dubito molto) lo vedremo dal bilancio al 30.06.2017, non appena esce.

                                  Il fatto che Setti voglia la retrocessione è un’ipotesi un po’ forte effettivamente. Diciamo che, per quello che ha investito per la permanenza in A (poco o niente) si potrà almeno dire che potrebbe essergli indifferente rimanere in A con diritti più alti o retrocedere in B col paracadute. Soprattutto se si libera degli ingaggi più alti (Pazzini e Romulo), cosa che pare proprio nelle intenzioni della società. Se questa si chiama programmazione e consolidamento vuol dire che abbiamo due definizioni diverse in testa tu ed io.
                                  Ripeto: spero davvero di sbagliarmi, ma rimango fortemente preoccupato.

                                1. viniciocaposhellas scrive:

                                  Con un allenatore serio il Verona si salva.

                                  Setti guadagna

                                  i tifosi sono contenti.

                                  1. El balota scrive:

                                    “Pecchia è un falso problema”, seconda solo a “Sbagliato lo striscione contro Pecchia”..cit. Vighini.
                                    E’ proprio questo il problema invece, un tecnico incapace che in un anno e tre mesi non è riuscito a fare imparare la difesa sui calci piazzati e non ha dato una minima fase offensiva nonostante il materiale…si esatto nonostante il materiale!
                                    Non venitemi a dire che il Crotone (12 punti, 6 più di noi) ha una rosa migliore della nostra, che Barberis è meglio di Fossati, o che Budimir è meglio di Cerci, o che Ceccherini è meglio di Caceres o che cambiereste Pazzini con Trotta!
                                    Il Crotone ha un tecnico, il Verona ha un amico del Ds!
                                    Pecchia è il problema principe di questa squadra!
                                    Chiaro però che se la società non aprofitterà della sosta per cambiare un tecnico che ti porta dritto al paracadute-bis, la colpa, nonostante la scarsezza ed incompetenza di questo amico del Ds è solo ed esclusivamente del presunto presidente SETTI!!!

                                    • Simone scrive:

                                      Per la cronaca, a dire il vero il Crotone l’anno scorso a questo punto aveva 5 punti e aveva perso 4 scontri diretti più un pareggio col Palermo in casa. Ha cominciato un percorso convincente dal girone di ritorno inoltrato. Ha una rosa sicuramente tra le peggiori sulla carta, ma con un anno di A alle spalle e sicuramente un ambiente unito. Non farei inoltre dell’eccezione una regola, fermo restando che Nicola è indubbiamente uno dei tecnici più sottostimati del calcio italiano e ha certamente dei meriti effettivi. Come lo ha avuto quwll’ambiente (privo di pressioni e aspettative) e quella società che con tutti i suoi limiti si è sicuramente mossa bene e ha saputo probabilmente aspettare con estrema coscienza.

                                    • 7748 scrive:

                                      Bravo Balota!
                                      Anche per me Pecchia è il primo dei problemi. E’ vero che la rosa è mediocre, ma è guidata da uno che la sfrutta ancora peggio!
                                      E’ da 11 mesi che Pecchia è andato in confusione. Che bisogno c’è di dargli ancora due partite ( come chiedeva qui sopra Fioravanti ), oltretutto importantissime ?

                                      Non capisco il buonismo dei giornalisti veronesi (De Pietro per primo, ma tanti altri a ruota) verso Pecchia.
                                      :-(

                                    1. bruce scrive:

                                      Riporto questo inciso di Mario per chiarire meglio come la penso. E’ che l’anno della lega pro, si contestò pesantemente un 80 enne (conte Arvedi): con ingresso in sala stampa di tifosi che esposero anche uno striscione. Setti sta dissanguando il Verona, prende in giro città e tifosi, e nessuno contesta. Ricordiamo che Arvedi aveva 80 anni, prese il Verona quando lo evitavano perfino i cani, era di Verona, e fu contestato. Setti fa i porci comodacci suoi. Veramente i porci comodi suoi (coi soldi nostri?) e nessuno parla. Ma, in curva, vestono Manila Grace? “Io”: complimenti per esserti fatto le trasferte da distante, io seguo l’Hellas in Tv, l’avevo seguito di più da ragazzino, anni 80 e 90. Quello che posso fare è contribuire a una sottoscrizione (comitato tifosi: “chiarezza sul Verona”) che faccia chiarezza sui bilanci Hellas: tassiamoci e paghiamo un commercialista che faccia emergere le anomalie dei bilanci, trasmettiamo i dati ai giornali di Verona, che devono iniziare una campagna stampa. Solo se il vampiro di Carpi avrà il fiato sul collo e percepirà il rischio che arrivino accertamenti patrimoniali, mollerà l’Hellas, altrimenti lo prosciugherà fino in fondo. Inoltre l’auto tassazione andrebbe a sostenere tutte le iniziative di contestazione a chi ci sta prendendo per il c*ulo e sta svergognando Club e città, facendoci fare figure di m***rda in giro per l’Italia: Setti, Fusco, Pecchia, e i giocatori inetti

                                      1. jordan scrive:

                                        Comunque ragazzi è lo stesso film dell’ultima gestione Mandorlini, tutti vedavamo che era serie B già dopo 10/12 partite e tuttora oggi vediamo che sarà serie B dopo 10/ 12 partite, quello che più mi da fastidio è che in società non vogliono ammettere la disfatta. Hanno fatto una rosa che in A non può starci per qualità e fisicità e continuano a parlare di recuperare gli infortunati. Non c’è nessuna squadra in A che dopo la partita domenicale per il resto della settimana c’è mezza squadra in differenziato o in terapia. Dai Fusco basta scuse.

                                        1. maxrugo scrive:

                                          Premessa la partita di domenica e’ stata scandalosa e la sconfitta pesantissima.
                                          Il fornaio di la’ e molti frequentatori di questi blog danno la colpa a Setti.
                                          In molti dicono che Setti ruba i soldi del Verona per rimpinguare le casse delle sue aziende, a parte che fino a quando i bilanci non saranno dichiarati falsi risulta che Setti fino ad oggi ha messo nel Verona almeno 6 milioni di euro, questo dicono i bilanci e i giornalai di questa testata dovrebbero almeno fare piu’ informazione che gossip. Specie el fornaio amigo de Sogliano.
                                          Si dice, Setti non ha soldi, ma quanti squadre delle ultime dieci in serie A hanno presidenti che mettono “SOLDI LORO” nelle squadre? Diamo un occhio all’ultimo mercato (dati Gazzetta):
                                          ATALANTA guadagnati 9 milioni
                                          CHIEVO guadagnati 9 milioni
                                          BENEVENTO spesi 23,4 milioni
                                          BOLOGNA spesi 11 milioni
                                          CAGLIARI spesi 5,5 milioni
                                          CROTONE spesi 4,5 milioni
                                          SPAL spesi 3,2 milioni
                                          VERONA spesi 2,8 milioni
                                          UDINESE spesi 0 milioni
                                          SAMPDORIA guadagnati 20 milioni
                                          GENOA guadagnati 5 milioni

                                          Questi “dati” che sono disponibili per tutti, anche per chi fa il giornalista, dicono che Setti sicuramente non ha fatto un mercato di grandi spese ma non lo hanno fatto neppure tante altre squadre che stanno meglio di noi, anzi l’unica che ha speso tanti soldi ha ancora zero punti.

                                          Quindi Setti può certamente essere criticato per le scelte che fa e per come spende i soldi non certo di “non avere” soldi o addirittura di essere un ladro, perché’ lo stesso si potrebbe dire di “rece de goma” che ogni anno guadagna dalla campagna acquisti ma è notevolmente esposto con le banche cittadine, ma fino a quando i risultati sono positivi nessuno parla; ed è strano come si venga bannati solo per il fatto di non essere d’accordo con il “blogger” (vero Barana?) ma se si da’ del ladro ad una persona senza avere nessuna prova tutto va bene. Bah!?

                                          Si continua a dire che Setti non parla e si loda sempre “rece de goma” perché non parla ma fa i fatti, arguisco quindi che il problema sono sempre i risultati non il fatto che Setti non dia interviste, anche perché direbbe cose che non sarebbero credute dai tifosi che continuerebbero con le solite tiritere del ladro/senza soldi e del Dortmund ecc. ecc. Domanda l’antistadio con quali soldi lo si sta ristrutturando? Con quelli di Mirchio o di Caramello?

                                          • Luca Fioravanti scrive:

                                            Io non accuso Setti di essere un ladro. E non banno chi non è d’accordo con quanto scrivo. Ho dato meriti a Setti quando prese il Verona in B e lo riportò in A allestendo una rosa all’altezza per centrare l’obiettivo. Poi il presidente ha sbagliato clamorosamente alcune scelte, tra cui quella di non cambiare prima Mandorlini nell’anno della retrocessione (era evidente che quel Verona non aveva più i numeri per salvarsi) e soprattutto di aver fatto un mercato al limite del ridicolo a gennaio con Delneri quando c’era ancora la possibilità di rientrare in corsa. Setti ha poi deciso di rivoluzionare tutto, cambiando ds, allenatore, rosa ed è ripartito acciuffando la serie A. L’ultimo mercato, secondo me, ha evidenziato una proprietà senza la necessaria forza economica e senza grandi idee per competere in questa categoria. Valuterò le prossime mosse e dirò come sempre la mia senza alcun condizionamento.

                                            • maxrugo scrive:

                                              Ma scusa Campedelli ha così tanta forza economica? Ferrero della samp? I dati sotto dimostrano comunque che ci sono molte squadre che non fanno spese folli sul mercato, quindi non tiriamo in ballo “la forza economica” che nel calcio di oggi a livello di serie A bassa, conta molto poco, vedi Benevento che ha speso piu’ di 20 milioni ma con zero punti.
                                              Investimenti cosa significa? comprare giocatori? Allora abbiamo comprato Lee per 1,5 milioni questo e’ un investimento? Sogliano compro’ chanturia per 1 milione di Euro sono questi gli “investimenti”.
                                              Sicuramente Fusco ha sbagliato alcune scelte (Viviani alla spal per prendere Buchel assurdo – non prendere un terzino sn degno) ma se guardiamo la rosa del Verona non e’ poi tanto peggiore delle altre concorrenti per la salvezza e in certe partite mi pare lo abbiamo dimostrato (con chievo e inter soprattutto)
                                              Quindi puoi dire che Setti ha sbagliato a dare in mano la squadra a fusco/pecchia puo’ essere, ha sicuramente ha sbgliato a mandare via Mandorlini (mossa per altro caldeggiata anche dal vostro collega fornaio).
                                              Poi sono d’accordo voi non accusate Setti di essere un ladro, ci mancherebbe, pero’ mi pare che in generle non fate neanche niente per arginare la vox populi che lo vuole tale.

                                              • Luca Fioravanti scrive:

                                                Non mi piace fare paragoni con Campedelli o Giulini o Percassi…. Per ogni tuo esempio, ne posso fare altri “contrari” e non finiremmo più. Voglio capire da te: sei contento dell’operato di Setti? Se il Verona è in fondo alla classifica, di chi sono le responsabilità? Era Setti che parlava di consolidamento in serie A, non io.

                                                • Simone scrive:

                                                  Max, le capacità economiche sono importanti eccome. Perché ti permettono investimenti che da qualche tempo la società ha scelto di fare col contagocce per salvaguardare il bilancio che è diventato l’obiettivo numero uno dopo i problemi di due anni fa. Gli investimenti sul mercato di quest’anno sono stati i rinnovi di giocatori non all’altezza (escluso forse Fares) o con una clausola. Poi giocatori da recuperare (forse alcuni impossibili ), prestiti, un diritto di riscatto di Fossati e uno di Zuculini e giocatori arrivati tardi. Ma soprattutto giocatori trattati ma andati altrove (e quelli sì ci sarebbero tornati utili). E molto altro (equivoci evidenti come Pazzini o arrivi sbagliato come Büchel). Setti evidentemente non vuole più rischiare di rivivere la situazione di due anni fa quando il buco di bilancio si fece probabilmente più serio del (suo) previsto. Il calcio è sporco e non di rado probabilmente i presidenti non sono i veri proprietari. Vedi Ferrero. Per fare investimenti giusti ci vuole un ambiente sano, volontà di investimento costante e possibilmente creare col tempo uno scouting importante (cosa che qui è sempre mancata e su cui ci si ostina a non puntare). Questa società ha investito molto (per gli standard cui eravamo abituati) per poi accorgersi improvvisamente che non poteva permetterselo. E da lì sono cambiati gli obiettivi e le dichiarazioni di intenti. Da sborone a sobrio. Qui i fatti da verificare sono due: o Setti ha fatto male i calcoli prima oppure nel tempo sono cambiate le condizioni.

                                                • maxrugo scrive:

                                                  Non sono certo contento che il Verona sia in fondo alla classifica.
                                                  Sono convinto che siano stati fatti degli errori in sede di campagna acquisti. Ma che comunque la rosa sia competitiva per raggiungere la salvezza.
                                                  Le scelte di Pecchia e Fusco hanno pagato lo scorso anno (vincere non e’ mai facile lo dimostrano anche i risultati di palermo ed empoli di quest’anno anche loro con paracadute) vedremo quest’anno.
                                                  Non condivido assolutamente alcune delle scelte fatte da Setti/Fusco/Pecchia, come gia’ detto, pertanto la responsabilità dei risultati è di chi prende le decisioni, ma non sopporto quando si accusa Setti di non avere capacita’ economiche per mantenere il Verona in A, quando sappiamo bene che queste contano molto poco, come credo dicano i numeri del mercato 2017 o peggio quando i tifosi lo accusano di intascarsi soldi a discapito del Verona, o infine l’accusa di voler retrocedere per il paracadute come se per le altre squadre non esistesse il paracadute.

                                                • Simone scrive:

                                                  Luca, il punto è proprio questo. Setti parlava di consolidamento in serie A eccetera quando arrivò. E con quelle parole fu coerente fino al secondo anno di A. Poi le cose sono cambiate di molto. È da almeno due anni che ha cambiato obiettivi, sia a livello di azioni/investimenti che a livello di dichiarazioni. Con annessa situazione non certo simpatica a livello di bilancio due anni fa, poi probabilmente risolti da alcune cessioni, paracadute, eccetera. Perché? Cosa è cambiato dal primo al secondo Setti? A te non sembra che a livello giornalistico non si sia fatta sufficiente luce su questo punto?

                                              • Simone scrive:

                                                Investimenti per la serie A significa fare una valutazione della rosa, capire quali elementi sono da serie A e quali no, mandar via i secondi e investire su altri buoni per la categoria possibilmente che garantiscano a livello fisico e tecnico, e magari anche a livello di esperienza. E un mercato fatto con tempistiche corrette. A me ma ai più già da questa estate tutto questo è sembrato mancare. Oggi sulla gazzetta Fusco ha fatto mea culpa riguardo determinate questioni sul mercato, specie sulle tempistiche sbagliate su determinati acquisti mancati e su alcuni arrivati troppo tardi. Vorrei gli si fosse stato chiesto il vero motivo di questi ritardi e mancati arrivi.

                                            • bruce scrive:

                                              Luca perdonami ma la squadra che Setti ereditò dal grande e compianto Giovanni Martinelli era già una signora squadra per la categoria (Rafael Maietta Jorginho Halfredsson Gomez solo alcuni nomi) che aveva già un valido allenatore e che andava solo ritoccata, e per quanto riguarda l’esonero di Mandorlini vorrei ricordare che il baffo di Aquileia con la squadra al completo concluse la stagione all’ultimo posto perdendo tutti gli scontri diretti in casa con le dirette concorrenti, questo per dire dello squadrone che avevamo due anni fa…

                                              • Simone scrive:

                                                Bruce, la stagione di due anni fa fu troppo particolare. Quando fu affidata a Delneri si recuperò col tempo una certa condizione fisica ma se né andarono giocatori titolari come Sala, Rafael, Marquez, Hallfredsson, con un mercato di gennaio pessimo e con stipendi non pagati da gennaio. A fine anno la società fece plusvalenze ulteriori con i vari Gollini, Ionita, Ciolek eccetera. La priorità era rimettere a posto il bilancio. Cosa che mi auguro e credo sia riuscita. Ora però, creata questa base, secondo me serve qualcos’altro, una proprietà che possa portare cioè ciò che questa non pare ormai più essere in grado di portare.

                                          • Maxhellas scrive:

                                            L’antistadio lo sta facendo con gli stessi soldi con cui sta costruendo il centro sportivo….ma a Dortmund o a Crotone….
                                            Il bilancio al 30.06.2017 non è ancora disponibile, pertanto parli di numeri che si riferiscono a 1 anno e mezzo fa, dove ancora non erano entrati il paracadute ed alcune cessioni importanti.
                                            Il bilancio non è detto che sia trasparente e cristallino. Leggerselo bene e verificare quali siano le voci di uscita (soprattutto se verso società collegate) sarebbe un buon esercizio per capirci qualcosa della gestione Setti.
                                            Personalmente lo farò non appena saranno disponibili in Camera di Commercio i bilanci della società sporitva (Helas Verona FC Spa) e della Srl collegata (Hellas Verona Marketing & communications Srl). Almeno mi tolgo la curiosità.

                                            • maxrugo scrive:

                                              Brao speriamo li vadano a vedere acnhe i professionisti dell’informazione che gentilmenti mettono a disposizione questo spazio.
                                              Comunque i 6 milioni 2 anni fa el ghe l’ha messi giusto? E mi no ho mai visto un ladro che va a mettar schei nelle casse altrui.

                                              • maxrugo scrive:

                                                Il bilancio non è detto che sia trasparente e cristallino.
                                                Si parche’ quelli delle altre squadre lo saranno sicuramente. Sono sicurissimo che sara’ cosi’.
                                                Alra domanda così: Ferrero ha soldi secondo voi? Ferrero è titolare di 10 cinema e non ha certo capitali da investire nel calcio e non mi pare abbia neanche le fedina penale cristallina, ma adesso la Samp va bene quindi tutto a posto.

                                                • Luca Fioravanti scrive:

                                                  I risultati condizionano sempre i giudizi. Ma è normale che sia così. Se un presidente dichiara: voglio andare in Europa (è un esempio). E invece finisce in B, deve aspettarsi critiche e attacchi, non trovi?

                                          • maxrugo scrive:

                                            Ops dimenticavo il meglio il paracadute. Domanda per ATALANTA CHIEVO BENEVENTO BOLOGNA CAGLIARI CROTONE SPAL UDINESE SAMPDORIA GENOA esiste il paracadute tanto quanto per il Verona quindi ci dovrebbe essere la corsa alla serie B se ragioniamo come quelli che vogliono un setti votato alla B per prendere il paracadute.

                                            • Maxhellas scrive:

                                              Dipende.
                                              Se una società ha le capacità (finanziarie e tecniche) per fare utili rimanendo in A (diritti e cessioni), conviene mantenere la categoria per 2 motivi principali:

                                              1-i diritti sono maggiori
                                              2-migliore vetrina per plusvalenze

                                              Se una società non ha capacità finanziarie e tecniche adeguate per mantenere la categoria, allora le conviene, dal momento che non investe nulla per ottenere 20 o 25 milioni…
                                              Salvo poi perdere vetrina e diritti. Ma questo su un orizzonte temporale più lungo. Il mio timore è che a Setti non interessi nulla dell’orizzonte temporale più lungo…

                                            • bruce scrive:

                                              Caro Maurizio sei stato smascharato ;) ;)

                                          1. carletto scrive:

                                            Luca basta con sti discorsi. In queste condizioni si esonera l’allenatore a prescindere

                                            • Luca Fioravanti scrive:

                                              Non credo esista una regola sugli esoneri degli allenatori. Io dico solo che non sono così sicuro che con un altro allenatore questo Verona farebbe più punti e riuscirebbe a salvarsi perché mi sembra poco attrezzato per la categoria. La zona salvezza non è così distante. Non trovo scandaloso dare a Pecchia ancora due/tre partite prima di mandare tutto in vacca. Come non troverei scandaloso il suo esonero immediato, anche se (ripeto) il problema principale è un altro.

                                              • El balota scrive:

                                                x forza Luca…se esoneri un mister quando sei praticamente già retrocesso…sfido chiunque a risollevare la baracca…Pecchia era da mandare via già alla precedente sosta…qualsiasi società l’avrebbe fatto, qualsiasi che vuole salvarsi…

                                                • maxrugo scrive:

                                                  E’ ovvio Setti vuole retrocedere per il paracadute dai su le’ talmente chiaro.
                                                  Fioravanti perche’ non dici due parole su questi tesi assurde.

                                                  • Luca Fioravanti scrive:

                                                    Mai creduto che si retroceda apposta per avere un paracadute. Se mancano i soldi, fai qualche scommessa in più, qualche azzardo sperando che ti vada bene. Il Verona non ha perso 12 gare su 12. Classifica alla mano è a soli due punti dalla salvezza. Ritengo che nel calcio di oggi ci sia troppa frenesia, troppa voglia di esoneri. Io sono dell’idea che Pecchia meriti ancora un paio di partite. Se perde anche le prossime due allora programmerei una nuova guida tecnica insieme a qualche rinforzo a gennaio. Ovvio che nel mercato invernale servono soldi per alzare il livello della rosa. Non so se Setti abbia volontà e possibilità per fare questo.

                                              • maxrugo scrive:

                                                Quindi quale sarebbe il problema?

                                            1. viniciocaposhellas scrive:

                                              Butei basta ciocar!

                                              Setti non ha soldi!
                                              Tenta con una squadra giovane e mal costruita di salvarsi e ottenere i 40 mln di diritti tv + eventuali plusvalenze.
                                              Per farlo ha scelto Pecchia (scelta sua e non di Fusco) che arranca in tutti i sensi.
                                              e Fusco, che sembra di non godere di grande appeal nel mondo del calcio.
                                              La sua è una scommessa atta a tener vivo l’Hellas , se vincerà sarà seria A , altrimenti cadrà in B col paracadute.
                                              Naturalmente se arriva qualcuno con più denari , l’Hellas è bello pronto e impacchettato.

                                              Io penso che con un mister normale che adatta il modulo ai giocatori anche questa squadra può ottenere la salvezza.

                                              Due anni fà dicevamo che era da pazzi non salvarsi nella serie A con frosinone , carpi e a Novembre eravamo già spacciati.
                                              Quest’anno che la serie A è ancora più scarsa , siamo allo stesso punto.

                                              Per mandare avanti questo giocattolino , serve solo un allenatore sano di mente, che lasci da una parte gli esperimenti e faccia rendere al massimo i giocatori che ha.

                                              Allenamenti alla mattina, niente ritiri pregara, tiki-taka forzato, continui cambi di modulo e di uomini : BASTA!!!

                                              1. mir/=\ko scrive:

                                                il presidente, evidentemente, non esiste!! ricordate quanto lasciato trapelare dalla GUARDIA DI FINANZA!!! non dalla Gazzetta o da Tuttosport!!! tutto lì… eccolo il vero problema… il Verona ha un presidente fantasma. chi ha chiuso i rubinetti si è dato alla macchia definitivamente, lasciando "nudo il re di Carpi"!!! Settorello, con la sua aziendina, può sostenere una serie D, nell'ipotesi migliore, visto che deve anche guadagnare!!!! i paracadute servono a tenere a galla una bagnato la indegna. poi l'affondamento economico finanziario!!!! SETTI VENDI E VATTENE

                                                1. RobyVR scrive:

                                                  Pechia, Fusco e Seti. Za nefasti tolti singolarmente, figurate messi asieme.

                                                  1. viniciocaposhellas scrive:

                                                    Vogliamo parlare della fascia del capitano a data a Suprayen!!!!???????

                                                    …e dopo cinque minuti errore madornale che ci fà perdere la partita!!!!

                                                    E dopo si cerca il sostegno del pubblico.

                                                    Basta prese per il culo…… andatevene

                                                    ANDATEVENE ANDATEVENE ANDATEVENE.

                                                    La squadra si sostiene , responsabili tecnici e sportivi consegnate le dimissioni.
                                                    Abbiate il coraggio di far vedere che avete una dignità.

                                                    1. bruce scrive:

                                                      Non vedo dove sia il problema, sono stati rinnovati i contratti fino al 2020 a Nicolas, Souprayen, Calvano e Fares, abbiamo una rosa da Europa League, l’allenatore più pagato della categoria, un DS eccezionale e anche in caso di una clamorosa retrocessione che nessuno aveva preventivato abbiamo i conti a posto!! Questo è l’importante!! Propongo di intitolare una via o addirittura lo stadio al nostro grande PRESIDENTE che non sarà perfetto ma come ama lui i colori gialloblù…

                                                      1. viniciocaposhellas scrive:

                                                        E-SO-NE-RO
                                                        E-SO-NE-RA-TE-LO

                                                        • Andrea scrive:

                                                          Il Presidente, dov’è?

                                                          Se non ci mette la faccia adesso, quando deve metterla?

                                                          Crede ancora in Pecchia? Faccia una conferenza stampa e lo dica, chiaramente.

                                                          Non ci crede più? Lo esoneri.

                                                          Ma ci metta la faccia e parli.

                                                        1. Testascalsa scrive:

                                                          Si può anche tenere Pecchia (per me sbagliato, ma tant’è) ma il vecchio e intelligente ritiro con silenzio stampa?
                                                          Non capisco perché si ostinino a parlare nel dopo partita

                                                          1. Domenico scrive:

                                                            E’ giunto il momento di rinnovare il contratto a Pecchia: un biennale ci sta tutto, prima che ce lo portino via! Metterei pure una clausola di salvaguardia, così magari se va via prima ci facciamo qualche soldo. Che ne dice, presidente?

                                                            1. die980 scrive:

                                                              mi pare evidente che al signore di Carpi non freghi una mazza dell’Hellas. Cambiare qualcosa adesso significherebbe ammettere di avere sbagliato tutto in questa stagione e non è certo da sboroni come lui. Semplicemente sa che, male che vada, c’è un altro paracadute e quindi non ci si farebbe troppo male cadendo, anzi. Allora probabilmente si deciderà a vendere anche perchè poi di soldi temo non ce ne darebbero più.
                                                              Come detto sin dallo scorso anno cerchiamo di rimanere con l’obiettivo puntato sul vero responsabile di tutto quanto, Maurizio Setti di Carpi.

                                                              1. Andrea scrive:

                                                                Dovrebbe parlare Setti: il presidente è lui.

                                                                La partita oggi è stata inguardabile: sembrava il Verona delle prime giornate.

                                                                15 giorni disponibili indurrebbero a fare delle riflessioni, anche se la Rosa della squadra ha dei limiti evidenti (in attacco Pazzini non regge e Kean è solo una promessa: non abbiamo altro, purtroppo).

                                                                1. Avanti i blu scrive:

                                                                  Bilanci in ordine (vedaremo) …. Ma Se zuga al bravo conercialista o se zuga a balon?

                                                                  • NIKE scrive:

                                                                    Povero setti ha costruito una squadra talmente scarsa che non può beneficiare nemmeno delle sognate plusvalenze come la precedente retroCessione( precedente perchè credo che anche questa è quasi scontata). Infatti nell’altra con Gollini, Ionita, Sala, Halfreddson, Viviani, Helander ha rimpolpato il portafoglio,questa volta con Souprayen e Co. non gli resta che piangere…

                                                                  • Avanti i blu scrive:

                                                                    Commercialista scusate

                                                                  1. mir/=\ko scrive:

                                                                    SETTI INDEGNO… SETTI COME PASTORELLO. ANZI MOLTO PEGGIO!!! PASTORELLO NON AVEVA DIRITTI MILIONARI E PARACADUTI "SALVA CUL..O"!!! E INTANTO LA CURVA TACE! EVIDENTEMENTE ALLA CURVA SETTI VA PIÙ CHE BENE…. TANTO NON È NAPOLETANO O VICENTINO!!!!

                                                                    1. ciccio2 scrive:

                                                                      purtroppo le domande han già le risposte…. personalmente son riusciti a demotivarmi… stento a trovare qualcosa di POSITIVO…

                                                                      1. stefano 50/60 scrive:

                                                                        Luca ciao….il tuo collega barana qui sui post cita totò…….vorrei sapere se totò avrebbe approvato il blocco fatto oggi dai suoi conterranei in corso cavour e fatto poi ciò che è noto…senza l intervento di prefetto questore polizia celerini capo vigili tikitaka auriemma mughini etcetc…..che tristezza vedere l italia così ruffianamente ipocrita…viscida losca moccicosa squallida sorniona furba leccaculo dunque clericale….che mesto spettacolo…..messi a 90 gradi per qualche insulto ma obbligatoriamente zitti e muti con una strada bloccata per far danni senza che intervenga nessuno……bravi, avanti così…..manica di falsi preti…..sputi di tisico e vomito universale….e dopo vengono a chiederci il perchè del nostro odio, disprezzo……mi aspetto che almeno voi siate chiari, per la squadra del Verona poi inutile aggiungere alcunchè…..basta guardarli….proprietà dirigenza allenatore e giocatori miserrimi e miserabili….amen.

                                                                        1. Jolly Roger scrive:

                                                                          E’ serie B. Arrivederci alla prossima.

                                                                          1. Francesco Meneghelli scrive:

                                                                            Resto sempre convinto che Pecchia purtroppo per lui ha dimostrato di non poter reggere la categoria e di aver ancora bisogno di molta più gavetta da fare.
                                                                            Resto convinto che la guida tecnica sia una delle componenti fondamentali per la resa ottimale dei giocatori e della loro posizione in campo e per questo motivo con un allenatore con più esperienza potrebbe dare quel quid in più che oggi Pecchia purtroppo non riesce a trasmettere. Per questo motivo e visto che in serie A la competizione è al massimo livello e visto le scadenti prestazioni della squadra dopo ormai 12 partite, cambiare la guida tecnica è il primo passo da dare alla squadra. Perché non può essere solo con qualche spezzone di buon gioco che ci possiamo salvare.
                                                                            Se ci tieni alla squadra dopo una sconfitta simile, qualcuno deve farsi sentire, qualcuno deve dare una posizione forte e chiara anche agli stessi giocatori ma soprattutto alla piazza che allo stadio rischia di esplodere in contestazioni difficili da sopportare creando un clima di tensione controproducente.
                                                                            Abbiamo 6 punti dopo 12 giornate, c'è la sosta per la Nazionale e ora è il momento ideale se vuoi dare una svolta.
                                                                            Qui però andiamo al livello superiore e quindi a Fusco e Setti. Fusco è amico di Pecchia e lo difende lasciando forse da parte l'aspetto professionale del suo lavoro. Fusco poi porta avanti certe scelte come il rinnovo appunto di giocatori scadenti non da serie A o l'ingaggio di Cassano assolutamente fantasioso e inutile e in generale di troppe scommesse, troppi giovani alle prime armi in serie A con giocatori non in linea con un progetto tattico ben definito.
                                                                            Infine il Presidente che non si sa esattamente quale sia la sua visione, che è troppo distaccato dalla piazza, che pur avendo portato il bilancio in ordine non dà segnali forti, non si espone, non lo si percepisce come un proprietario che ha interesse le sorti sportive della squadra e al suo miglioramento sportivo ma solo come investimento fine a se stesso.
                                                                            Non vedo e non percepisco passione nel lavoro dei 3 e allegramente la barca tornerà in serie B con la scusa ma si tanto ci abbiamo provato, abbiamo fatto del nostro meglio ma..peccato. Torneremo presto in serie A.

                                                                            1. CHICCO scrive:

                                                                              concordo col Fiora!!!

                                                                              1. bacci scrive:

                                                                                setti resterà nella storia come il presidente che ha causato le 2 PEGGIORI stagioni del verona in serie A. Peggio della stagione 2015-16 era difficile. Dilettanti. Smettiamo di andare allo stadio. Finchè li arricchiamo non se ne andranno mai.

                                                                                1. Ruspa62 scrive:

                                                                                  Pecchia è da un anno che va esonerato, dalla partita di Cittadella!!!

                                                                                  1. Antonio scrive:

                                                                                    Mai come quest'anno quando vedo giocare il Verona non vedo niente a cui aggrapparmi per sperare nella salvezza. Due anni fa almeno speravo in Toni che era il capocannoniere in carica della serie A. Questa squadra mi sembra inadeguata nei giocatori, nella guida tecnica e dirigenziale. Sinceramente un'agonia.

                                                                                  Rispondi a Maxhellas

                                                                                  *