21
nov 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 59 Commenti
VISUALIZZAZIONI

7.268

PRESIDENTE FANTASMA

Forse non vuole ripetere quanto accaduto due anni fa con Mandorlini quando decise di esonerarlo, nonostante la promessa di farlo arrivare sicuramente fino a Natale. Forse sta meditando e non se la sente di uscire allo scoperto, senza sapere in realtà che pesci pigliare. Il presidente Setti ha mandato ancora una volta allo scoperto il suo direttore sportivo, che ha rinnovato la fiducia a Pecchia. Forse il presidente Setti vuole solo prendersi una notte di riflessione. Da fuori però il proprietario del Verona ha assunto da tempo le sembianze di un fantasma. I tifosi lo hanno contestato pesantemente, ma lui preferisce non rispondere, non dare spiegazioni, evitando ogni tipo di comunicazione con il popolo gialloblù.

Nei periodi più duri, quando tra la tifoseria serpeggia scoramento misto a rassegnazione, il bravo condottiero esce allo scoperto e prova a risollevare la situazione. Il bravo condottiero cerca le soluzioni migliori per riaccendere la speranza, anche con decisioni forti. Deve esporsi in prima persona, non può nascondersi. Il calcio non è solo squadra, allenamenti, parole ai giocatori, allo staff tecnico e al direttore sportivo. Il calcio è anche e soprattutto tifosi, gente, pubblico e passione. Aspetti che Setti sembra aver dimenticato.

Forse il posticipo del lunedì, la settimana corta per preparare la prossima partita con il Sassuolo in programma sabato, la zona salvezza distante 4 punti e qualche sprazzo di gioco discreto (ad essere buoni) contro il Bologna hanno convinto Setti a dare un’ultima possibilità a Pecchia. Forse. Due anni fa Mandorlini venne silurato alla 14esima giornata. Il Verona aveva 6 punti come oggi, era ultimo e non aveva ancora vinto una partita. La sconfitta sul campo del Frosinone costò la panchina a Mandorlini. Se non succederà nulla in questi giorni, Pecchia si giocherà il posto sul campo del Sassuolo, proprio alla giornata numero 14.

7.268 VISUALIZZAZIONI

59 risposte a “PRESIDENTE FANTASMA”

Invia commento
  1. mir/=\ko scrive:

    SETTI INVESTI NEL CURLING… UN BEL PALAGHIACCIO E VIA!!!! IL MANILA ICE STADIUM…. PENSACI… CERCA LA TUA RIVINCITA NEL CURLING

    1. viniciocaposhellas scrive:

      Anticipo conferenza stampa di catapecchia:
      squadra in crescita
      la squadra mi segue
      non è la mia ultima partita è la partita
      Valutiamo Pazzini
      Momo Fares è in crescita continua
      probabilmente lo schiererò sia come terzino che come attaccante.
      Felicioli? Chi è?

      • Simone scrive:

        Anticipo della conferenza stampa che piacerebbe sentire a me: “La squadra ha avuto una crescita dalla partita con la Sampdoria, intervallata da prestazioni non all’altezza come con la Lazio dopo il primo gol e il secondo tempo di Bergamo. A Cagliari c’è stata forse la svolta in negativo e col Bologna non si è oggettivamente raccolto quanto avremmo meritato. E queste sono state due batoste molto dure da digerire perché qui i punti valevano molto. E’ una squadra a cui avrei voluto dare maggiore continuità, ma questa continuità viene data anche dai risultati, e se i risultati non arrivano anche dopo prestazioni in cui li avremmo meritati, ai giocatori posso rimproverare poco. Mentre posso rimproverare molto, anche al sottoscritto, come sono state preparate le partite con Fiorentina e Cagliari. Col Sassuolo entreremo in campo per vincere perché dobbiamo provarci nonostante le assenze e la mancanza di condizione di alcuni giocatori importanti. Pazzini sta stringendo i denti e sarà della partita se sarà in grado. Purtroppo le sue ultime stagioni in serie A raccontano di un attaccante ben lontano di quello di 5 anni fa. Lo scorso anno è riuscito a tornare a certi livelli in B ma la serie A è un’altra cosa. Il fatto che sia tornato ad avere problemi fisici poi fin’ora non lo ha certo aiutato, né lui né la squadra. Qui a Verona sono passati giocatori come Paolo Rossi alla sua ultima stagione, ma quell’anno c’erano in rosa Pacione ed Elkjaer. Oggi abbiamo Kean come unico sostituto. Kean domani sarà assente. Fares è risultato uno dei giocatori più positivi quest’anno, deve migliorare in fase difensiva ma nel complesso le sue prove sono da valutare come positive, giocatore che si propone di continuo e forse l’unico che riesce a mettere cross di qualità. I numeri delle partite (l’ultima racconta, oltre all’errore di posizione sul gol di Destro, anche di un assist, del giocatore che è andato più al cross e che ha recuperato insieme a Zuculini più palloni), la sua chiamata con apparizione da titolare in nazionale e gli interessamenti di alcuni club nei suoi confronti attestano il tutto. Felicioli viene da un infortunio e da una stagione in B in cui ha disputato 20 partite ad Ascoli, nonché una presenza quest’anno col l’Under 21, che ha perso con la panchina del Pescara. Per sostituire Pazzini, qualora non ce la facesse, chiederò consigli a viniciocaposhellas, che voleva mettessi Valoti al posto di Buchel anziché Fossati nonostante Valoti fosse squalificato, e che sicuramente troverà una soluzione condivisa da tutti su chi mettere di punta, anche se di punte non ce ne sono. Se col Sassuolo non dovessero arrivare i tre punti e la società mi esonerasse lo capirei perché i numeri imporrebbero un tentativo di svolta, al di là delle prestazioni e di tutte le attenuanti. Qualora dovesse succedere auguro al mio successore di ottenere risultati migliori perché questa è una piazza che se lo merita. Forse un cambio in quel caso potrà portare qualcosa di diverso nelle teste dei giocatori. Fisicamente invece su alcuni bisognerà continuare a lavorare con pazienza e costanza perché far entrare in condizione giocatori che non giocano da anni e che hanno ricadute fisiche frequenti non è semplice. Dovesse riuscire per tempo in ciò, le possibilità di salvezza potrebbero essere ancora una realtà. Soprattutto se a gennaio la squadra sarà ancora attaccata al treno salvezza e la società farà almeno in quella sessione acquisti di livello e coerenti col progetto tattico e tecnico per la categoria. In caso contrario, sarà dura. Sono il capro espiatorio col cerino in mano che serve per coprire le pecche del calcio mercato estivo? Alla società non ho mai rimproverato le cessioni, e tutti i giocatori ceduti lo provano visto che ad ora non stanno giocando molto, anzi al momento poco e male nemmeno nelle rispettive serie cadette, nonostante qui fossero stati grosso modo tutti protagonisti positivi della scorsa promozione. Ciò che avrei voluto sarebbe stato un mercato in entrata più celere, completo e fatto da più nomi che conoscono la categoria. Purtroppo ciò non è stato possibile perché la priorità della società non era tanto a livello tecnico, ma di bilancio. E far coincidere le due cose adeguatamente non era facile. Io ho tentato di fare ciò che sono in grado con queste premesse e materiale. Se un giorno lo si capirà, magari qualcuno comincerà a togliere l’appellativo di Cata e tornerà a chiamarmi semplicemente Pecchia.”

        • Franco scrive:

          La conferenza stampa che piacerebbe sentire a me è più coincisa.
          “Mi dimetto”.

          • Simone scrive:

            Le dimissioni in Italia non vengono praticamente mai date, da nessuno, perché significherebbe perdere soldi. E per un allenatore pure la possibilità di allenare nel corso della stagione in corso. Quindi sarebbe un atto piuttosto stupido. A mio avviso, piuttosto, non avrebbe dovuto accettare la sfida ad inizio stagione, conoscendo le premesse sopra espresse. Credo qualche richiesta l’avesse, magari per una buona b. Questa era la mia idea. Che confermo.

      1. stefano 50/60 scrive:

        Luca buongiorno. Come ho avuto modo di dire più volte in più post del tggialloblù, a Mandorlini è stato sottoposto un contratto, con tempi decisamente ritardati, da un proprietario che lo detestava senza mezzi termini. Costui, non sapendo comportarsi correttamente, aveva deciso che se andava bene il merito era suo e se andava male i demeriti sarebbero stati solo del Ravennate. Così facendo non si sarebbe inimicato ulteriormente la piazza e, come poi successe, quando iniziò la nostra fine, che avverrà presto purtroppo, le colpe ricaddero sul mister che venne esonerato. Per la cronaca la squadra, che non era male, era però stata costruita con un impressionante numero di giocatori rotti o messi assai male, io a Racines c’ ero e vedetti la situazione. Inoltre l’ acquisto di Pazzini dette subito luogo ad equivoci tattici che Mandorlini disse col suo solito muso ma anche con la Sua abituale e mai troppo apprezzata onestà. Uomo rude ? Politicamente scorretto ? Certo che si vivaDDio ma tremendamente pratico e con un curriculum nel Verona anche qui mai troppo apprezzato ed addirittura criticato ma, si sa, quando la nave affonda chi la fa affondare si salva e gli altri vengono coperti di colpe e di tanta emme….. Tutto ciò per dire che l’ adamantino proprietario del bilancio del Verona, non certo del Verona calcio, continua ed alimenta il suo comportamento da fantomas mandando avanti a prender sputi ed insulti l’ avvocato pompeiano e il tecnico laziale. Questo, of course, finchè il Verona calcio renderà l’ ultimo quattrino disponibile. Poi torneremo al pre Mandorlini, bei tempi eh ? E lo dico senza troppa ironia perchè fino ad un pò di tempo addietro, pur beccando batoste, andavo all’ Hellas con l’ animo comunque in festa mentre invece, compresa ieri sera, mi reco alla partita, dopo mezzo secolo, con l’ animo di chi vede, dopo il berico, un altro personaggio che sistema le sue saccocce lasciando dietro di sè una fossa colma di immondizia. Attendo gradite Tue considerazioni, e grazie dell’ ospitalità. P.S. pù e più volte sul blog di Vighini non passa una lettera che è una, per la cronaca e senza polemica eh.

        • Luca Fioravanti scrive:

          Ciao, non ho capito il discorso sul blog di Vighini che non passa una lettera (intendi che non riesci a scrivere commenti di là?). Comunque il tuo discorso su Mandorlini mi trova in parte d’accordo. Andrea è stato criticato eccessivamente, forse perché a qualcuno stava sulle palle. Ma se guardiamo i risultati, non possiamo dirgli nulla. Poi nell’anno della retrocessione ha sbagliato anche lui e dopo un avvio disastroso, non aveva più in mano tutto lo spogliatoio. La squadra era depressa e serviva una scossa (ma serviva anche un mercato vero a gennaio). Su Setti (tuo post più sotto) sono d’accordo con te.

          • stefano 50/60 scrive:

            ciao Luca e grazie della risposta…non so se Ti farà piacere leggerlo ma siccome non sviolino mai, anzi, ti dico che avendo seguito il grande Valentino Tu hai la Sua stessa professionalità…..continua così….perchè sei un vero professionista….non un ciarlatano come ce ne son tanti……ps. Ho incontrato il tuo papà un pò di tempo fa, grande!!!! la classe non è acqua…..e solo e forza Hellas….comunque vada….

          • maxrugo scrive:

            Scusa come sei d’accordo? Su quali fantascentifiche affermazioni di stefano 50/60?
            1 – che il Verona non sia di prorpieta’ di Setti?
            2- che i cosidetti “guai” del Verona abbiano qualche attinenza con i guai di volpi?
            3- che Setti se ne andra’ da Verona con le saccocce piene e le aziende sistemate? (tradotto che Setti sta distogliendo risorse economiche dal Verona? quindi sta “rubando”.

            no perche’ se sei d’accordo su queste affermazioni significa che, come giornalista, ne hai anche dei riscontri e allora si parlerebbe di grande sguuuuup.

            • stefano 50/60 scrive:

              Max piacere mio…scrivi bene e spieghi altrettanto bene le Tue ragioni……ti dico solo che spero di sbagliarmi e che Tu abbia ragione….ma temo non sarà così…in ogni caso come vedi ho scritto al nostro Luca solo e sempre Hellas…comunque vada….perchè finchè vivo la maglia del Verona sarà la mia unica maglia….come penso anche per Te che professi fede al pari della mia pur pensandola in modo diverso…

              • stefano 50/60 scrive:

                ciao Max rispondo attaccandomi al mio saluto perchè sotto il tuo post non appare il rispondi…..spero sempre, come T’ ho già detto, di sbagliarmi e che la ragione sia quella che Tu esponi, non ho il dono dell’ infallibilità anzi…..però i famosi conti del salumier, fatti sulla carta da pan, in genere sono assai congrui per cui se tanto mi da tanto, paracaduti diritti cessioni mancati acquisti etc, parlano di un blu nella colonna entrate e di un neutro su quella delle uscite…..il Verona sembra sempre indebitato, e a tal proposito Ti ricorderai di certo del fallimento operetta del 1990 in cui dei personaggi a dir poco merdosi ci affossarono anche se, invece, a detta di esperti del settore la società non era fallita affatto….inoltre, e qui la buttiamo un pò in vacca sennò non sarebbe possibile vivere, cè un certo berico che sarà in cattedra stasera, mi pare vedi articolo arena odierna, che dirà la vera verità su quanto accaduto alle epoche….riassumendo, ferron dice che tra poco dirà la verità, colucci pure, il berico anche….però dopo mille anni la verità è come la bernarda di vladimir luxuria, lei dice che ce l’ ha ma nessuno l’ ha mai vista…..un caro saluto Max, e attendo le Tue elucubrazioni…almeno ci si confronta, si ghigna, e si esorcizza stò periodo in cui andar allo stadio è come mangiar una pastasciutta condita con la merda……

              • maxrugo scrive:

                Stefano sicuramente se siamo qui a parlare di Verona e’ perche tutti abbiamo a cuore le sorti della nostra squadra e sul fatto che questa resterà per sempre l’unica per tutti noi non ho nessun dubbio.
                Rispondendo anche a Maxhellas ribadisco il fatto che, fino a prova contraria, ovvero i bilanci del Verona vengano dichiarati falsi, a Setti possiamo sicuramente imputare il fatto che non azzecca le scelte o almeno, non tutte, ma non che sia un ladro.
                Mentre il berico di m…. sapevamo con certezza, già nel corso della sua presidenza, che i soldi per comprare il Verona li aveva avuti da Tanzi (ci fecero anche vincere a Parma una partita fondamentale per la salvezza (spareggio di Reggio) e sopratutto che si prendeva 500 milioni di stipendio all’anno e che comprava solo giocatori rappresentati da suo figlio, cioe’ da lui. Poi che Pastorello fosse bravo e conoscesse piu’ e meglio i giocatori di Setti e compagnia e’ altrettanto vero ma sicuramente queste capacita’ erano al servizio del suo tornaconto e non del Verona.

        • Roberto scrive:

          Tu saresti un bravo autore di fantascienza. Come osi paragonare un ladro bugiardo meschino arricchitosi alle spalle del Verona a Setti, che fa parte di un’epoca diversa, in cui è impossibile guadagnare con il calcio? Bilanci certificati alla mano, la società Hellas Verona Spa di cui è proprietario Maurizio Settinon ha mai guadagnato un centesimo, anzi, ci ha rimesso quasi 7mila euro l’anno, a parte una stagione in pareggio.allora, visto che lui comunque non ci guadagnerebbe, non avendo alcuna retribuzione, ha fatto quello che ha potuto con le sue forze per portarci in Serie A e per mantenerci in categoria. Stop. Tutto il resto sono ciacole inutili e stupide. Invece, dal punto di vista del suo operato in questa stagione, si può tranquillamente dire che ha sbagliato molto.

          • bruce scrive:

            Mi sa che tu sei appena sceso da Marte oppure segui il Verona da poco tempo, sono ben tre anni che sbaglia tutto coscientemente da quando non ha più Volpi alle spalle, come a suo tempo il vicentino quando fallì la Parmalat, svegliaaaa

            • maxrugo scrive:

              Setti sicuramente sta sbagliando ma il berico non sbaglio’ un colpo, lui si che si arricchi’ in modo scientifico azzerando la squadra dopo la retrocessione, “fregando soldi al povero Conte Arvedi, comprando solo giocatori che avevano procutore suo figlio o obbligando chi gia’ c’era a cambiare procuratore (Italiano fu venduto per quel motivo).
              Dai su non stiamo a dire minchiate.

              • Maxhellas scrive:

                maxrugo, quello che oggi sappiamo su barba bianca, venne fuori durante la sua permanenza qui o dopo?
                Bene, se ti sei risposto capirai che per il momento sul carpigiano scalzo si fanno ipotesi. Solo in futuro si saprà se le ipotesi corrispondono al vero.
                La coincidenza strana, tuttavia, è che Spezia e Verona hanno smesso di investire da quando Volpi ha iniziato ad entrare nel capitale di Carige. Tra fine 2014 e aprile 2015 Volpi è arrivato al 2% della banca genovese in crisi (comunicazione alla Consob di aprile 2015 per il raggiungimento del 2%).
                In occasione dell’aumento di capitale del giugno 2015 sale al 6%.Esborso sostenuto fino ad allora 90 milioni circa (fonte Il Sole-24 Ore, non Urania).
                Attualmente Volpi si è impegnato a sottoscrivere il 9,99% dell’aumento di capitale in corso per evitare il “bail-in” della banca. L’aumento è di 560 milioni, quindi deve metterci circa 56 milioni (tutto verificabile sui maggiori quotidiani).
                Se noti, dalla stagione 2014/15 entrambe le squadre (Verona e Spezia) hanno mutato strategia in sincrono.
                Ipotesi: Volpi investe altrove e Setti resta in braghe di tela, che poi è il suo settore… Lo Spezia pure, ma di quest’ultimo ci frega molto meno.

          • stefano 50/60 scrive:

            fantascienza dici ? non mi piace la fantascienza, mi attengo invece ai conti che il salumiere faceva sulla carta da pane, ed erano sempre calzanti…..tu dici cose da advisor dunque o lo sei o qualcuno tipo morganstanley ti dice ogni anno i conti del Verona calcio. A parte poi che anche il berico i primi anni, smentiscimi se puoi osare come mi dici, faceva funzionare il giocattolo come e assai meglio del carpigiano visto che, a parte sia un lestofante, conosce calcio e calciatori come e meglio di un manager mentre invece lo straccivendolo scambia giocatori ed allenatori per indossatrici forse….per guanto concerne poi la g.d.f. secondo te son tutti prevenuti o scemi ? si sa o sai con esattezza se il Verona calcio è di setti o di qualcun altro che, in questo periodo come allora tanzi, naviga in un oceano di merda e vuole indietro tutti i suoi crediti ?…i nostri guai col berico iniziarono coi processi a collecchio…ora pare che continuino con quelli al magnate italo/nigeriano…o son tutte notizie costruite ad arte contro l’ immenso potere mediatico/economico del Verona calcio ?…berico e carpigiano non presentano i bilanci e non van in tv o sui media a parlar chiaro, una combinazione o son impauriti dal tifo pericolosamente sudamericano, qui non succede mai nulla a nessuno, di Verona ?….questa non è fantascienza carissimo, ma realtà….e la realtà è che entrambi sti individui se ne andranno da Verona con le saccocce piene, le loro aziende sistemate e il Verona dov’ era prima….che uno rimanga nel calcio come dici tu per smenarci milioni ogni anno neanche a gardaland prezzemolo farebbe tanto……ps, se poi propone da indebitato, come lo definisci tu, il Verona a qualcuno chiedendo la luna nel pozzo cipperi merlo perchè vuol dire che gli fa comodo tenerselo, finchè eroga denaro…dopo molla la preda e buonanotte suonatori….ps, gli urania forse li leggi tu..io no di certo…

          • schetch scrive:

            Sarà anche tutto vero economicamente, ma sui risultati è varie squadre succedutesi vedo sempre più encefalo piatto.
            Hellas Huber Alles.

        1. viniciocaposhellas scrive:

          Si parla tanto di Reja , Iachini ecc………

          Sicuramente la società ci sorprenderà scegliendo un altro allenatore del ca..spio!

          1. Sick boy scrive:

            Non per mettere il dito nella piaga, ma sottolineerei il fatto che i nostri 2 gol sono scaturiti da 2 papere di Mirante.Lo dico perche’ altre volte si e’ voluto attribuire una o piu’ nostre sconfitte a Nicholas.
            Pazzesco che alla tredicesima giornata una squadra duri 60 minuti scarsi,che Cerci non sia ancora in condizione, che gli infortuni siano cosi’ numerosi.Pecchia va cambiato subito, inadeguato alla categoria.Quantomeno per tenere accesa una fiammella di speranza
            Complimenti infine a Vitacchio e Barana di Telenuovo,che in conferenza stampa sono stati gli unici a fare vere domande a Pecchia.Gli altri gionalisti ai livelli di sallusti e belpietro con berlusconi.Sveglia!

            • viniciocaposhellas scrive:

              Quoto!

              A livello di preparazione siamo indietro alle altre.
              Passi per la condizione di Cerci , ma un Buchel che ancora riesce a giocare solo 60 minuti è inspiegabile!

              Ci sono tantissimi errori di applicazione che si ripetono.

              Come si ripetono i cambi sbagliati (perchè Fossati e non Valoti?)

              Qualcuno mi spiega perchè Felicioli gioca solo con l’under 21?

              Con un mister normale questa squadra ha la possibilità di giocarsela, con Pecchia stiamo perdendo tempo.

              • Roberto scrive:

                Cambi sbagliati? Mi sa che ti sbagli tu: Valoti non era nemmeno in lista, è infortunato seriamente da tempo e comunque il ruolo di Büchel è esattamente quello di Fossati, mentre Veloti è una mezzapunta adattabile all’ala. Già da questo si capisce che parli senza sapere. Abbi l’umiltà di informarti prima di scrivere sciocchezze!

            1. viniciocaposhellas scrive:

              Le minestre riscaldate non mi piacciono!
              Il 3-4-3 di Malesani andrebbe fatascientificamente bene per questa squadra.

              Dai Alberto un sforzetto …. rischi la seconda retrocessione con la tua squadra del cuore , ma se te ghe la cavi………

              1. maxrugo scrive:

                Ok Setti e’ un ladro che sta rubando i soldi. Mi chiedo chi sara’ il prossimo che verrà ad arricchirsi col Verona forse la fantomatica “cordata” veronese? O i fantomatici “americani” de vighini?

                Insomma Setti sta sbagliando molte scelte ma, a parer mio, con le informazioni a disposizione in questo momento, non e’ un ladro.

                L’annosa storia del paracadute si smentisce da sola in quanto nessuno mi ha mai risposto alla domanda del perchè all’Udinese o al Cagliari questi soldi non interessano ma interessano solo a Setti.

                Cio’ non toglie che la situazione sia molto compromessa, lo scollamento tra società/allenatore/giocatori e tifosi si respira in modo evidente e in queste condizioni è ancora piu’ difficile fare risultato.

                Quindi se fossi io Setti cercherei di contattare un Gudolin o una figura similare, proponendo pero’ un piano a lungo termine, affidandogli non solo la prima squadra ma anche la supervisione dell’intero settore giovanile, insomma cercare di recuperare la fiducuia della piazza con una figura di alto spessore tecnico.

                Se invece deciderà di sostituire Pecchia con un del Neri qualsiasi avrà sbagliato ancora una volta perchè certo Pecchia e’ un allenatore che a me non piace come filosofia di gioco ed e’ anche scarsetto in generale, ma se le alternative non saranno di alto spessore tanto vale tenersi Pecchia fino alla fine dell’anno (è il medesimo discorso che si sarebbe dovuto fare ai tempi di Mandorlini ma si finì per arruolare il vate di Aquileia con i risultati che tutti conosciamo.)

                • maxrugo scrive:

                  Butei continuate a parlere di risorse ma come ho gia’ detto ne’ i Pozzo ne’ Giulini mettono soli loro nelle societa’. Se avessi i soldi per comprare il Verona potrei gestirlo anch’io e probabilmente farei meglio di Setti (modestia a parte) :-) .
                  Quindi non si tratta di avere solidità economica (che tradotto significa mettere/buttare ogni anno soldi alla Moratti o come i Cinesi/arabi) ma capacità gestionali.

                  • Simone scrive:

                    Niente max, non capisci e continui a non capire. Le possibilità economiche servono eccome specie all’inizio quando si vuole strutturare una squadra e una società. E servono anche per mantenerla quando questa stabilità si raggiunge (vedi buchi di bilancio ed eventuali rilanci economici per riportare la squadra “in bolla” quando qualche investimento o stagione vanno nella maniera sbagliata). Questa stabilità poi porta al consolidamento che a sua volta aiuta a mantenere. Sull’organizzazione siamo abbastanza d’accordo. Quando c’era per esempio il periodo d’oro della gestione Setti non ho mai sentito fargli domande su come intendesse consolidare il Verona e (a mio avviso cosa importantissima) se per esempio avesse intenzione di creare col tempo una rete di osservatori modello Udinese (Pozzo è un modello a parte tra l’altro, che a me piace poco al di là dei risultati, ora qui sta investendo meno perché sta concentrato più sul watford, cosa che i tifosi friulani gli contestano). Cosa mai fatta perché si è sempre affidato esclusivamente ai ds di turno in questo senso.

                • stefano 50/60 scrive:

                  ciao Max , fantascienza o no forse il cagliari o l udinese han proprietari seri e strutturati…

                • bruce scrive:

                  Cagliari e Udinese hanno delle proprietà solide alle spalle e non hanno bisogno di paracaduti o porcate varie, se segui il campionato italiano l’Udinese è in Serie A da più di vent’anni! Mentre Setti da Carpi non essendo economicamente in grado di gestire una società di calcio si sta aggrappando a tutto pur di guadagnare qualcosa sempre che la finanza non cominci a scavare…

                • Simone scrive:

                  Max, non è questione di convenienza alla serie b, è questione di avere le risorse per poter mantenere una squadra in A. Una squadra consolidata ha un parco giocatori e una struttura per forza di cose più importante di una che non lo è. E quindi una capacità e possibilità di investimenti migliore. Oltre che una base di partenza ovviamente migliore. Chiaro che per arrivare lì ci vorrebbe una società in grado di mantenere uno sforzo economico di un certo tipo per tot anni senza sbagliare investimenti possibilmente. Sul discorso allenatore: un guidolin non verrebbe mai proprio per le ragioni sopra espresse, inutile farsi illusioni in tal senso. Il cambio allenatore in una situazione del genere può avere due scopi. O tentare di dare una scossa e soprattutto un segnale all’ambiehre, oppure un tentativo non tanto di salvare la stagione in sè (come fu il caso di due anni fa), ma di ridare un’impostazione diversa alla squadra anche in vista dell’anno seguente creando le basi in questa stagione. Ciò che mi lascia personalmente perplesso in questo senso è che se due anni fa quest’ultima premessa sembrava poter avere un senso, ora quel senso faccio più fatica a vederlo per una serie di questioni.

                1. Simone scrive:

                  Non ha il coraggio di dire di voler andare in B per prendersi gli ultimi 25 milioni e poi vendere…Visto a chi sta allungando i contratti e la squadra che a allestito…La fine sarà questa…E sperando che qualcuno compri l’anno prossimo,se no sarà una B per salvarci con le unghie..Bravo SETTI ma ricorda che VERONA DIVENTERÀ IL TUO INCUBO PEGGIORE SCHIFOSO..

                  1. bacci scrive:

                    Il presidente è totalmente disinteressato. Prendere un nuovo mr vorrebbe dire sicuramente pagarlo di più di pecchia (250mila euro son briciole) e di certo chi è quel disperato che accetterebbe senza una garanzia per gennaio e con almeno un contratto di un anno e mezzo in tasca? Forse uno inesperto o alla frutta, ma non è ciò che ci serve.
                    Non vedo miglioramenti all'orizzonte. MAI il verona ha toccato punti cosi bassi alla voce "entusiasmo".
                    Pecchia dovrebbe avere un minimo di amor proprio e lasciare. Sta assorbendo i colpi di un presidente PEZZENTE che ha messo sul piatto un bdg da serie C, che ha portato a giocatori scarsi, bolliti o non maturi. Ha ragione Barana: è una roulette russa con 5 proiettili su 6. La serie A se sei debole non perdona.

                    • RH scrive:

                      “chi è quel disperato che accetterebbe senza una garanzia per gennaio e con almeno un contratto di un anno e mezzo in tasca? ”
                      ALBERTO MALESANI.

                      • stefano 50/60 scrive:

                        chiedo scusa se apparirò ai più politicamente super scorretto, ma se si sedesse sulla panca il vitivinicultore mi sarebbe praticamente impossibile entrare allo stadio, almeno finchè non se ne torna a trezzolano che è il suo posto naturale ed unico….per favore pietà……inconcludente, incomunicabile, impresentabile e unico successo a parma con una squadra miliardaria con la quale avrebbe vinto anche il nano bagonghi……

                    1. El balota scrive:

                      visto che si perderà, perchè si perderà visto l’umore sotto i tacchi della squadra, sarebbe bello perdere con una goleada…vediamo se “Se avessimo perso 4-0 ovvio che si esonera il mister” del Fusco si tramuterà in realtà…

                      1. Andrea scrive:

                        Personalmente non ritengo responsabile Pecchia.

                        Mentre responsabile di tutto questo è proprio Setti.

                        Mi spiego: mi dite cosa poteva fare di più Pecchia ieri con quanto aveva a disposizione? Se togliamo Cagliari, dove c’è stato un black out, nelle ultime 7partite (da Torino in poi) mi dite cosa avrebbe potuto fare?

                        La verità è oramai chiara: questa non è una rosa completa e non è da Serie A.

                        Abbiamo dei giocatori che sono imprescindibili (Cerci, Caceres, Pazzini, Hertaux) ma che durano 60 minuti; alcuni giovani che devono diventare da serie A (Verde, Kean, Lee) e tanti che non sono da Serie A (tanti: a partire dal portiere, poi Valoti, Zaccagni, Souprayen, Fossati, Buchel…).

                        Ieri, quando si vedeva che oramai Pazzini aveva dato tutto quello che aveva e camminava per il campo, non avevamo in panchina una – e dico una – punta centrale che potesse sostituirlo: c’erano due ragazzini della primavera o ex primavera (Tupta e Lee) che non sono centrali.

                        Qui il problema è la rosa, costruita al risparmio e con evidentissime lacune.

                        Il resto, è secondario.

                        • Roberto scrive:

                          Vangelo!

                        • Massi scrive:

                          LA COLPA DI PECCHIA è che i giocatori che hai menzionato durano 6 0minuti perchè si allenano come i pulcini.

                          • Simone scrive:

                            Chi sono i giocatori che durano sessanta/settanta minuti? Pazzini (che si puntava a sostituire non a caso con una punta con altre caratteristiche ed età), Cerci (che non si poteva pensare potesse fare i novanta minuti entro tot dato che non li fa da anni e in più ha avuto una ricaduta non da poco che ne ha bloccato la crescita fisica), Caceres (che come prevedibile ha ricadute costanti) ed in parte Heartaux. Büchel viene pure lui da un infortunio e non gioca da un po’, quindi prevedibile pure quello ieri. I dati dicono che la squadra a livello di corsa sta perfettamente in media e che non a caso certi giocatori vengono sostituiti ad un certo punto della partita per tentare di mantenere un certo grado di corsa durante la gara. Chiaro che i sopra citati però sarebbero quelli che potrebbero farti fare il salto di qualità. Ieri per esempio hai giocato bene, finita la benzina di questi sei calato. E gli errori individuali (esempio quello di Fossati – vinicio, inutile dire che doveva mettere Valoti, avesse messo lui e avesse fatto lo stesso errore, che ha già fatto tra l’altro, avresti detto che doveva mettere Fossati, non giriamoci intorno- su Donsah) hanno fatto il resto.

                        1. viniciocaposhellas scrive:

                          Domenica verrà presentato il nuovo allenatore

                          1. Maxhellas scrive:

                            Il Verona gioca malissimo a Cagliari (e non solo) e perde…
                            Il verona gioca bene ieri (ed in qualche altra occasione) e perde….
                            ERGO: il Verona è inadeguato alla serie A. Per motivi che possono essere di rosa o di guida tecnica o entrambi.
                            Soluzione a breve: cambio di guida tecnica.
                            Soluzione a medio: interventi pesanti a gennaio.
                            Probabilità per cambio allenatore: 50%, visto che viene difeso oltre ogni limite. In una qualsiasi altra società sarebbe già stato defenestrato. Tra l’altro, a vederlo e sentirlo in conferenza stampa, ho l’impressione che perfino Pecchia stesso, a questo punto, speri di essere esonerato per evitare di recitare ancora commedie dell’assurdo…
                            Probabilità per acquisti di qualità a gennaio: 5%. Qui entra in gioco il primo responsabile della situazione: Setti. Soldi non ne mette da parecchio tempo. Al contrario, a mio avviso ne estrae costantemente dal Verona, ma questo verrà fuori magari quando se ne sarà andato…
                            Perché?
                            Personalmente penso che il crescente impegno di Volpi in Carige dal 2015 ad oggi (investiti 90 milioni, che diventeranno oltre 150 dopo l’aumento di capitale in corso) mostri una singolare coincidenza temporale con la fine del quattrino a Verona e a La Spezia. Strano, no?

                            1. viniciocaposhellas scrive:

                              Non sarà una partita giocata bene per un’ora a cambiare la mia idea.

                              Pecchia via e basta!

                              Le lacune sono evidenti anche ai sassi.

                              1. bkl scrive:

                                Attendiamo con pazienza le indagini finanziarie , poi vedremo cosa racconterà l’abbronzato Fusco quando il vaso sarà scoperchiato. Ad oggi credo che l’evento sportivo debba ahimè passare in secondo piano.
                                Pecchia, Fusco, Setti sono legati insieme da un patto scellerato. Si sono bruciati ogni credibilità.Ma la dignità non è più un valore di questo paese . Se non sono in grado di fare un lavoro io passo la mano. Loro no. Mai. la colpa no è mai loro,ma degli eventi, degli infortuni, della cabala, delle stelle, dei tifosi, dei giornalisti, delle cavallette…
                                tic tac tic tac…la giustizia è lenta ma arriverà… ad indagare la fine di ogni centesimo.

                                1. Ruspa62 scrive:

                                  Ecco condottiero è la parola chiave. Nel Verona ci vorrà qualcuno che guida la Società, (il Presidente,). Invece quello che c'è sembra un essere virtuale tanto poco si espone. E i risultati di una gestione così purtroppo si vedono. Cinque sconfitte consecutive sia la prima squadra che la Primavera. Complimenti Setti!!!

                                  1. mir/=\ko scrive:

                                    cambiare Pecchia??? semplicemente una spesa inutile… facendo un parallelo con la vecchia scuderia Minardi nella Formula Uno di qualche anno fa: "il vecchio leone Schumacher alla guida di una vettura, cronicamente ultima e spesso costretta al ritiro, avrebbe permesso alla Minardi di scrollarsi di dosso le ultime posizioni"???? forse si, ma i ritiri per rottura sarebbero rimasti, così come sarebbe rimasta molto deficitaria la posizione in classifica!!! in pratica la spesa sarebbe stata inutile!!!! il problema è l'auto: fa talmente pena da essere inguidabile per chiunque!!!

                                    1. mir/=\ko scrive:

                                      il presidente è un fantasma dal punto di vista economico e uno orgoglioso come Setti se ne vergogna in misura titanica!! evidentemente ci sono grossi problemi economici che impediscono al presidente di investire dignitosamente nel Verona, che appare più un' ancora di salvezza da cui attingere cronicamente, che una realtà da migliorare e sulla quale investire e riporre un minimo di ambizione… esporsi al fuoco incrociato di domande provocatorie formulate dai tifosi e da qualche impavido giornalista (una rarità a Verona!!!), tanto scomode quanto scontate vorrebbe dire, per un Setti che non ha la faccia tosta e la tempra morale /psicologica dell'avvocato Fusco, esporsi ad una figura di M….. con pochi precedenti da parte di un dirigente a Verona!! … con l'ovvia ammissione di non aver programmi per il futuro, risorse adeguate a garantire posizioni dignitose, nemmeno per la prox inevitabile cadetteria e di essere, a tutti gli effetti, un presidente indegno per la realtà veronese sponda Hellas… forse lo potrebbe essere per il calcio femminile a cui accostare il suo brand Manila Grace!!! Ma non più per il calcio professionistico di un certo livello nell'ambito del quale Setti si sta costruendo una immagine (magari sbagliata!!!) di perfetto "speculatore"…. E poi ci sono le fosche indiscrezioni sul suo ruolo, visto quanto trapelato dalla Guardia di Ginanza!! ammissioni che Setti non potrebbe mai fare pubblicamente….

                                      • bastian scrive:

                                        ahahahah dai Mirko che casso disito?ancora con sta storia?secondo ti sto qua conosse la vergogna..in misura titanica po’??ma dai!!! sto qua l’ha calcolà tutto fin dall’inizio paracadute de st’ano compreso, l’ha imboscà un sacco de schei e el se prepara a abandonar la nave belo carico de schei.versi i oci vala ma lavorito da manila disgrace?

                                      1. RobyVR scrive:

                                        … a Seti, no ghe ne frega un casso, l’ha belo ciapà i so schei cmq la vaga

                                        1. Massimo scrive:

                                          Mandorlini aveva un bonus da giocarsi…..promozioni-record-era in simbiosi con la piazza…..questo chi è? Cosa ha dimostrato? Per sua stessa ammissione era da esonerare l’anno scorso!!!! BASTA con questi personaggi (Setti-Fusco). Come si dice a Verona…..Fora dai coioni!!!!

                                          1. Luciano scrive:

                                            Concordo con quanto da lei scritto. Sono un gruppo di’ incompetenti che guidano questo povero e scarso HELLAS. Adesso si capisce perché si sono liberati in fretta di TONI. Lui, con la sua esperienza e dopo aver giocato ad alti livelli nei vari tornei europei, si sarebbe già sbarazzato di è capo della guida tecnica.5MU9

                                            1. giovanni scrive:

                                              CONDIVIDO MA IL PARAGONE CON MANDORLINI DI ALLORA NON PUÓ REGGERE (AVEVA 8 GIOCATORI VERI, INFORTUNATI, TRA CUI TONI, CAPACI DI FARE LA DIFFERENZA E POI ABBIAMO PERSO NEI MINUTI DI RECUPERO PER PUNIZIONI ASSURDE) – MENTRE ORA I CIARLATANI FU$$chetto e CATA pecchia ATTILA, PARLANO DI 4 GIOCATORI (in realtá ne citano solo 2 ferrari e bessa, (distrutto e confuso con I continui cambi di ruolo assurdi) – $$$ETTI PEN$$A AD ALTRI 25MIL DI PARACADUTE E TEMPOREGGIA PENSANDO COME USARE QUELLA CHE IO CHIAMO LA “MAFIA PRO 25MIL (IL PAROLAIO OZIOSO PAGLIACCIO INCAPACE ATTILA) (LE TEORIE PAZZOIDE -VEDI LO SGUARDO DA ALLUCINATO – DEL SUO AMICHETTO FU$$CHETTO) (ALCUNI GIOCATORI YES MAN OBBLIGATI A DIRE ASSURDITÁ E PAGLIACCIATE SMENTITE DAI FATTI – TIPO LAVORIAMO DURO E BENE E SIAMO PRONTI E UNITI….SIIIIII ,,,,,,,,,,NELLE OZIOSE ED INUTILI SCAMPAGNATE DI 1,30 ORE NAPOLETANE) ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,-$$etti ha giá speso tutti i “”suoi” giornalai e radiocrosisti yes man – IN PARTICOLARE IN RADIO VERONA (PUGLIERO TORNA PRESTO) ED IN ARENA ….poveri ex professionisti BRUCIATI$$$i come Giuda …..ed i BANNATORI DI PROFESSIONE RAVVEDUTISI …..

                                            Lascia un Commento

                                            *