26
nov 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 73 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.444

LA PRIMA SALVEZZA… DI PECCHIA

Dopo voci, esoneri ventilati, rischiati ma mai realizzati, quella con il Sassuolo rappresentava la partita da dentro o fuori per Fabio Pecchia. L’allenatore del Verona è riuscito a salvarsi grazie ai suoi ragazzi, che hanno vinto, e grazie agli avversari, scesi in campo in “versione impresentabile”. La sfida di Reggio Emilia ci ha detto che la squadra gialloblù è ancora con il suo allenatore. Aspetto non di poco conto. Se sia stata la partita della svolta, lo sapremo tra un paio di settimane, dopo il match con il Genoa e quello successivo contro la Spal. Al momento il Verona ha semplicemente evitato il terremoto di un esonero e un tracollo anticipato.

La partita con il Sassuolo ci ha detto anche che questa squadra nelle difficoltà trova energie importanti. Pecchia ha capito che Romulo deve giocare a centrocampo, che Fares terzino dà qualcosa in più di Souprayen, che in attacco (aspettando rinforzi veri) Cerci può dire la sua anche da riferimento centrali e che se Caceres andrà alla Lazio a gennaio saranno dolori. La rosa gialloblù andrà rinforzata e non indebolita come avvenne due anni fa (ci sarà tempo per approfondire l’argomento).

Capitolo tifosi. E’ evidente che il rapporto tra Pecchia e buona parte dei sostenitori gialloblù non è dei migliori. Anche ieri ci sono stati cori contro di lui evidentemente legati ad antipatie poco attinenti con la partita appena vinta. Criticarlo anche dopo una vittoria mi sembra un controsenso. Intanto è tempo di derby con il Chievo in Coppa Italia. Un impegno che va onorato anche se l’Hellas ne avrebbe fatto volentieri a meno in un momento così delicato della stagione.

6.444 VISUALIZZAZIONI

73 risposte a “LA PRIMA SALVEZZA… DI PECCHIA”

Invia commento
  1. viniciocaposhellas scrive:

    Formazione:
    Nicolas
    Caceres, Ferrari, Caraccioli,Felicioli
    Romulo,Bessa, Buchel
    Cerci,Kean,Verde

    Dico 1-0 soffertissimo (Bessa)

    1. viniciocaposhellas scrive:

      Fares prima punta…poarin…. non vede palla

      1. viniciocaposhellas scrive:

        Leggo troppo ottimismo per questa vittoria.

        La partita è stata molto brutta e il Chievo ai punti avrebbe meritato la vittoria.

        Qualcosa di buono è uscito valutando i singoli,
        A livello di gioco la solita confusione e la solita difficoltà di arrivare di calciare in porta.

        • Andrea scrive:

          L’ottimismo c’è perché con una squadra inferiore hai vinto, giocando come potevi giocare con le cosiddette “riserve”: e senza punte.

          Ossia, l’allenatore ha ottimizzato quanto aveva.

        1. JJ scrive:

          Che ben che ho visto Tupta ieri sera. Brao, proprio dei bei movimenti da punta.. Avanti.

          1. pennabianca scrive:

            Mentre sulle televisioni nazionali, gli addetti ai lavori si riempiono la bocca con frasi tipo : “bisogna riportare le famiglie e la gente allo stadio”, quella col genoa sarà la quarta partita di fila che il Verona giocherà in casa di lunedì sera e alla quale non avrò la possibilità di assistere per problemi di lavoro.
            Maledetti…

            1. viniciocaposhellas scrive:

              Albertazzi fuori rosa a vita!
              Rauss
              bye bye ex-giocatore

              • viniciocaposhellas scrive:

                ho letto ora la sua campana…..
                bah… rimango perplesso (perchè non l’ha detto a Pecchia?… mistero).
                speriamo che giochi stasera e trovi una sistemazione lontano da Verona.

              1. viniciocaposhellas scrive:

                Dai butei chi volete legga commenti così lunghi ?

                Pecchia el ga imbroccà na partia.

                Tradotto: la squadra ce l’hai , falla giocare come si deve!

                • Simone scrive:

                  La squadra ce l’hanno pure le concorrenti, e quasi tutte hanno rose più attrezzate. La verità semmai è che Pecchia la squadra ce l’ha dalla sua parte e a parte Cagliari, dalla partita con Torino ci sono stati segnali positivi in modo piuttosto costante, al di là dei risultati, che spesso hanno detto male per episodi ed errori dei singoli. No una partia. Sempre a sminuire, eh vinicio.

                  • viniciocaposhellas scrive:

                    Non sminuisco. Forse sono più pratico.
                    Per me questa squadra si può salvare.
                    Pecchia ha fatto un mare di caxxate.
                    Quando gli hanno messo il cerino sotto il culo ha cominciato a ragionare.
                    Adesso dovrà fare i conti con una tenuta fisica ridicola, i nostri corrono 70 minuti!

                    martedì prossimo avremo un nuovo allenatore.
                    e lo dico sperando che Lunedì sera te possi za darmela in tel muso ;)

                    • NIKE scrive:

                      Ls squadra ha cominciato a marciare non per il cerino, ma perchè ad inizio stagione lo spogliatoio era un Lazzaretto, con giocatori infortunati o che non giocando da anni dovevano recuperare, è grazie all’allenatore che centellinando le risorse e motivando alcuni giovani si comincia ad intravedere qualcosa

                    • Simone scrive:

                      Se avesse fatto una marea di cazz..e come dici non avrebbe la fiducia della squadra. Gli hanno dato in mano una rosa inesperta, con giocatori chiave da recuperare dopo anni di inattività e infortuni e in quanto tale li sta gestendo. Credo lui abbia più conoscenze di te in materia, oltre che conosce meglio la squadra vedendola tutti i giorni. Ha avuto delle idee, come tutti, e si è dimostrato intelligente nel cambiarle nel tempo dopo aver valutato le varie situazioni. Se ci si impegnasse a tifare incondizionatamente anziché continuare con ste storie, il clima attorno alla squadra ne gioverebbe non poco. E con esso, magari la squadra stessa.

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        va ben ti te parli stojkovic , mi de Buchel!

                        tu sei trapassato remoto io presente.

                        Resta che un Verona salvo sarà merito di Pecchia.

                        Questo è fuor di dubbio.

                        E io lo spero vivamente, quindi meglio tenere il cerino acceso.

                        Besos.

                      • Simone scrive:

                        Mi non so come te si al stadio, ma qua el pensiero che te esprimi ogni volta che te scrivi l’è chiaro. E el me par pieno di preconcetti. La squadra l’è da anni che prende gol. Quest’anno le partite in cui non ne abbiamo presi sono 4 su 14. Con tanti gol presi nelle altre. La squadra non si può dire non si impegni, bisogna anche ammetterlo che ghe squadre più forti a volte. Condizione fisica. Problema che era facile da pronosticare fin da subito, dati i problemi del precampionato e il recupero che si doveva e si deve continuar a fare su alcuni giocatori chiave. Problemi tra l’altro già visti in passato coi vari Boninsegna, Paolo Rossi, Stojkovic e altri. Solo che allora non c’erano il web dove finti esperti davano le loro sentenze sul perché questi non rendevano. Si accettava la cosa perché così era. Punto.

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        Grazie ma non prendo lezioni di tifo da nessuno!
                        Vado allo stadio con tutta la famiglia.
                        Non fischio mai
                        Ma me incazzo duro quando vedo che la squadra tentenna e prende gol.

                        Rosa inesperta o no , devono sputare il sangue
                        avessi avuto io la loro opportunità…..

                        ma de cosa stemo parlando???

                        Ghe vol un genio par zugar balalonga sulla punta aspettando un inserimento?

                        ma dai…

                1. Nucky scrive:

                  Finchè Pecchia sarà l’allenatore el Verona è giusto sostenerlo com’è giusto sostenere i ragfazzi che scendono in campo, coloro che lo criticano a prescindere sono in errore, tutti a sottolineare che l’anno scorso avevamo uno squadrone (sicuri?) mentre quest’anno i suoi detrattori compulsivi non sottolineano mai che abbiamo la rosa meno costosa della Serie A. Riguardo ai possibili sostituti siamo sicuri che un cambio in panchina sia per forza positivo? A giudicare dal Benevento non direi proprio, per non parlare di Oddo, Ballardini, Lopez, sicuri siano meglio di Pecchia? Lo stesso Iachini che è (stato) maestro in promozioni ogni qualvolta ha allenato in Serie A non ha fatto grandissime figure….

                  • viniciocaposhellas scrive:

                    Pecchia deve migliorare e molto.

                    Allenarsi alla mattina quando giochi 4 (determinanti) partite di fila al Bentegodi di sera , proprio non lo capisco.

                    Troppo sulle sue a fare il sapientone, il calcio non è scienza.

                    Adesso che ha visto che qualche lancio lungo proprio male non fà, non parla più di possesso palla e statistiche.

                    Vuole mettersi al pari della ferrari di Sarri guidando una punto.

                    Ma dai , bisogna essere più pragmatici e assettati.

                    Concordo che è meglio non cambiare se le alternative sono quelle che hai citato tu.

                    Se si cambia si deve prendere uno con le @@, che non si faccia fanculizzare dai suoi giocatori una partita si e l’altra pure. (ingrati che se non fosse per lui avrebbero smesso con il calcio).

                    • Simone scrive:

                      A me sembra che sia tu a voler fare lo scienziato, senza probabilmente sapere molto della materia tra l’altro. Saprà lui e il suo staff come e quanto allenarsi o devono ingaggiare te per capirlo? La squadra dal punto di vista fisico lo scorso anno ha retto bene nel complesso, con qualche calo fisiologico. Quest’anno le statistiche parlano di una squadra che corre nella media, in miglioramento e con giocatori da recuperare e che stanno recuperando piano piano. Ma visto che non sono uno ma una serie, logico che avremmo pagato dazio da questo punto di vista. Sul tipo di gioco, al di là della prima parte della scorsa stagione, di fatto non ha mai proposto il gioco di cui parli tu. Ma un gioco più concreto puntando in primis su un centrocampo più solido e meno palleggiatore. Giocando poi con Zuculini e Büchel, che tecnicamente fanno piuttosto pena, chiaro che giochi più sfruttando le fasce, con Caceres Rómulo a destra e Fares Verde a sinistra, avendo come punto di riferimento mobile Cerci e valoti ad inserirsi e a fare lavoro sporco tra attacco e centrocampo. Il tipo di gioco varia a seconda degli interpreti. Oggi ha detto che vuole insistere su questo tipo di gioco. Secondo me in attesa di una punta a gennaio. Sperando di essere ancora attaccati al carro salvezza per allora. Infine: parlare insistentemente di un sostituto dopo una partita come quella di Cagliari ci sta, farlo dopo l’ultima vuol dire aver capito poco.

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        Non vedo proprio una squadra di giocatori da recuperare.
                        L’unico è Cerci.
                        Vedo una squadra che corre per 70 minuti perchè la parte atletica pecca.
                        Situazione che si è ripetuta anche l’anno scorso a metà campionato.

                        Buchel tecnicamente è il più dotato a centrocampo buon palleggiatore con buona visione di gioco, fisicamente sà farsi sentire e sa leggere la partita.

                        Il gioco cambia se metti i vari interpreti nel posto giusto.

                        Se continui a fare esperimenti, perdi!

                        Ci puoi mettere un pò a trovare la quadra, ma 14 partite sono davvero troppe (senza considerare che ha buona parte dei giocatori dello scorso anno).

                        Diciamo che ci stà andando bene perchè siamo in buona compagnia…. dai!

                        Altrimenti Pecchia sarebbe già tornato a casa.

                        • Simone scrive:

                          Caceres, Cerci, Heartaux , senza contare gli infortunati e chi ha giocato poco le scorse stagioni, Büchel compreso. Che già di per sè non è che abbia un passo veloce. Per non parlare di Pazzini, che è tornato a rompersi come le stagioni precedenti alla scorsa. La squadra ha trovato una certa quadra dalla partita con la Sampdoria in realtà, al di là dei moduli, intervallata da due brutte prestazioni, con la Lazio (ma ci sta, dai) e col Cagliari. L’obiettivo del Verona è quello di stare nel gruppo, perché il valore della rosa permette al limite questo, e nel gruppo c’è. Quindi significa che siamo ancora ancorati alla speranza. E ci avrei messo la firma ad inizio stagione. Se mourinho mette eto’o in fascia è un genio, se ci mette valoti per due partite è un de….e. Quando mette bearzotti terzino invece è bravo Bearzotti. Un po’ di obiettività e pazienza non guasterebbe.

                    • Nucky scrive:

                      Criticare ci può stare, Pecchia non è perfetto e deve sicuramente migliorare ma non ricordo tante invettive verso un allenatore che volenti o nolenti ci ha comunque portati in Serie A restando sempre equilibrato sia nei momenti positivi sia in quelli negativi (mi immagino la reazione del Mandorlo se avesse subìto solo un decimo degli insulti ricevuti :) :) ;) Passeranno i giocatori, il presidente e l’allenator……

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        Tranquillo che Pecchia a Verona l’è nel bombaso.

                        Fosse in altre piazze più calde, avrebbe già lasciato.

                        • NIKE scrive:

                          Pecchia rispetto a Mandorlini è meno suscettibile, scontroso più equilibrato, ha le spalle solide e dialettica sa affrontare gli insulti che su di lui rimbalzano come palle su un muro di gomma

                  1. Nadia scrive:

                    Eeeee…tanti tifosi prima o poi se la prenderanno spero solo con il pseudo presidente!!!! C'ero anch'io a Reggio e confermo i cori contro pecchia. Tristezza infinita. Ormai da inizio campionato dico che pecchia lo insultano a prescindere e questi tifosi fanno abbastanza schifo. È inutile girarci attorno, pecchia fa quello che può con quello che ha e che gli hanno costruito Fusco con delega del pseudo presidente!!!! Avanti Fabio tieni duro!!!! Non andava bene neanche Sarri dieci anni fa , infatti ora allena la terza categoria!!!! Per favore pietà !!!! Tutti bravi coi campioni in campo!!!! Ecco appunto , pecchia è un discreto allenatore che si deve fare! Sempre forza hellas

                    • Franco scrive:

                      Pecchia e Sarri hanno fortemente fatto del loro per non farsi amare qua.. è vero che Guardiola è forse uno degli allenatori più vincenti di sempre, ma ha sempre allenato squadroni e, dati alla mano, è l’allenatore che nella storia ha goduto più di tutti dei portafogli strapieni di chi gli ha dato lavoro. Questo per dire che non esiste un allenatore bravo in senso assoluto, piuttosto esiste un allenatore più consono a giocare un certo tipo di calcio rispetto ad un altro. Pecchia, se migliora nella lettura a partita in corso, penso sia un allenatore che in una piazza come sassuolo, empoli o genova -sponda samp- farebbe divertire. Vuoi per le origini, o vuoi per il tipo di gioco non prediletto da gran parte del pubblico, ma anche per una ventina di partite da lattealleginocchia nonostante uno squadrone, l’aziendalismo sodale con due loschi individui come fusco e setti, e quel prenderci per i fondelli in conferenze stampa ebeti, qua non è amato. Se a tutto questo aggiungi errori da principiante (qual è), capisci i cori e le disaffezioni.
                      Tutti, simone a parte, non vedono l’ora di levarselo dalle balle (indipendentemente dai risultati! Verona c’era anche in C e anzi, c’era più entusiasmo attorno a pellegrini che a remondina o pecchia), ma giustamente lui non si dimette per non perdere lo stipendio e perché se se ne andasse così, non allenerebbe più in A per un bel po’, e purtroppo chi dovrebbe cacciarlo ha deciso di legarsi a lui mani e piedi [esonero pecchia = a casa anche fusco(= verzo la butiglia bona)], e chi potrebbe cacciare entrambi non vuol spendere il becco di un quattrino per due nuove figure al loro posto

                      • NIKE scrive:

                        Anche io la penso come Simone e credo che da un pò di tempo aumentano quelli che la pensano come noi.
                        Pecchia è giovane ma si farà, sicuramente fra qualche anno sarà uno degli allenatori più quotati: ha idee chiare propositive dà stimoli ai giocatori li sà attendere sia che sono da recuperare che giovani ed acerbi, stà dando l’anima per questa squadra e si vede è molto invecchiato rispetto a quando è arrivato quà perchè mette costante impegno ed energie.
                        Per favore guardate la realtà e non il certificato di nascita

                        • Simone scrive:

                          Sugli allenatori in generale, Nike, io non so che carriera farà pecchia. Credo ci voglia spesso anche la fortuna di trovarsi nel posto giusto al momento giusto. Credo abbia delle qualità e che possa crescere, ma credo anche che qui si parla veramente troppo dell’allenatore, e si tenda ad affibbiargli più importanza di quella che in generale ha. Può dare un gioco, delle idee, può essere più bravo a gestire un gruppo o meno, tatticamente idem… alcuni possono riuscire a rovinare anche una rosa con delle potenzialità, vero. Ma sono i giocatori che vanno in campo e che hanno o meno qualità (che sono tecniche, ma anche fisiche, morali eccetera). E da un certo punto in poi sono convinto che sono loro a fare o meno la differenza. L’empoli di Sarri per esempio viene ricordato per il gioco eccetera. Ma non ha mai ottenuto posizioni da Europa. Poi guardi e vedi che davanti aveva maccarone, tavano e michelidze.. e che tutto sommato faceva fatica a segnare. Va a Napoli e gioca e segna alla grande.. certo, il gioco, le idee, ma anche giocatori di una certa qualità che giocano tra l’altro insieme da tempo..

                        • Franco scrive:

                          Non lo metto in dubbio, anzi se leggi sono il primo a dire che Pecchia non ha nulla da invidiare a molti colleghi anche del massimo campionato, solo non penso che Verona sia il luogo ideale dove proporre il suo calcio.
                          Meglio per la sua salute (qua sarà sempre così per lui!), e per noi, o perlomeno quanti di noi non lo vogliono più vedere, che a sentire quanto sia condiviso l’invito a munirsi di samsonite sono tanti, che le strade si dividano.
                          Posto che nessuno garantisce la Salvezza, sia con che senza fabione, come potete biasimare chi vorrebbe provarci in altra maniera (che ad ora sta risultando, seppur in crescita, ampiamente fallimentare)? Che magari vedeva in una sconfitta a Sassuolo (perché se perdevi, era ampiamente nell’aria l’esonero, visto anche il ritiro) il motivo per provarci diversamente, mentre ora dovremo per forza di cose giocarci genoa e spal continuando la vecchia strada. Mettiamo caso che si facciano 0 punti, situazione peraltro non impossibile secondo me e altri detrattori del formiano, sarebbe mica stato meglio perdere a sassuolo, cacciare pecchia e farne anche solo 4 con un altro(ammesso e non concesso li avremmo fatti)?

                          • Simone scrive:

                            Se perdevi… se Rómulo non segnava, se se… Se che valgono per noi e sempre in negativo. E a Cagliari L arbitro non avesse fatto due errori probabilmente almeno il punto a casa si portava nonostante la partitaccia. Se lo scorso anno avessimo avuto arbitraggi migliori magari avremmo avuto dieci punti in più e il Frosinone in meno.. discorsi che sono coerenti con la vera ragione per cui sono scritti. Non volete pecchia a prescindere. E per questo motivo fate certi coretti atti a destabilizzare il clima, ambiente che invece dovrebbe essere unito per raggiungere i risultati. Chiaro che poi bisogna capire per te quali sono i risultati prioritari in realtà. Ma si capisce.

                      • Andrea scrive:

                        La rosa dell’anno scorso era una rosa forte ma non così forte come si vuole far credere. Luppi non è titolare nell’ Entella, Ganz fa la panca con il Pescara: cito loro due perché -specie il secondo- qui pareva il genio incompreso.

                        La squadra ha avuto certamente un calo da dicembre a marzo: questo dopo un inizio spettacolare (erano anni che non vedevo giocare un calcio così a Verona) e un finale condotto con sicurezza sia pure con un gioco meno spregiuducato.

                        Faccio notare che siamo tornati in A -visto che in molti ce l’hanno anche con Fusco- vendendo e mettendo i conti in ordine, perché da gennaio a giugno dell’anno prima (l’anno Mandorlini) non sono nemmeno stati pagati gli stipendi e De Laurentiis aveva detto quel che aveva detto (“senza il paracadute il Verona fallisce”).

                        Venendo a quest’anno, è almeno dalla partita di Torino che il Verona gioca a calcio: e questo nonostante una rosa incompleta (lunedì col Bologna bastava avere in panca una punta vera che desse il cambio a Pazzini, che oramai si trascinava per il campo: in panca c’erano Tupta e il buon Lee, che punta centrale non è) e con giocatori che forse da A non sono (servono i nomi?) o che sono buoni calciatori da recuperare con pazienza (Cerci, due anni fermo; Caceres, un anno fermo). C’è poi qualche giovane che deve dimostrare di essere da A (Lee, Kean, Felicioli; Fossati e Caracciolo non l’avevano mai vista).

                        Questo è quanto ha a disposizione il nostro allenatore.

                        Invece di prendersela con Pecchia o col DS che sono stipendiati e fanno quanto concesso dalla proprietà, ossia quello che possono con quanto hanno per le mani in denari e uomini, dovremmo chiedere conto a Setti di come non ha speso i soldi: questo è il punto.

                        I vari Adani, Bergomi, MInotti & C (sono incompetenti?) parlano bene, ora, del Verona e del gioco del Verona e semmai sottolineano le carenze dei singoli, non il gioco di squadra: se col Bologna il secondo gol lo prendi con la difesa schierata (quindi messa bene) la colpa è dell’allenatore o della qualità dei singoli? E, sempre col Bologna, se sul primo gol Fares (che pure è migliorato davanti) non chiude su Destro quando era nella zona di sua competenza andando a stringere sui centrali, è colpa di Pecchia? E Fossati che invece di coprire la porta va a destra?

                        Andiamo!

                        Il problema è cosa vuole fare Setti di questa società, non Pecchia.

                        Perché messi come siamo il massimo che si può fare è arrivare a gennaio sperando di essere ancora agganciati alla quart’ultima: e poi bisognerà spendere.

                        Sempre se Setti caccia la grana.

                        Forza Hellas.

                        • Franco scrive:

                          La rosa dell’anno scorso aveva Romulo e Pazzini, gente che fino a pochi anni prima(vero hanno passato anni di infortunii, ma a luglio erano pienamente a disposizione) era in orbita nazionale e strisciate, dire che non era sto squadrone perché le riserve non giocano nemmeno ora (Ganz e Luppi, che comunque i suoi 3gol+3assist li ha già fatti), è pretestuoso. Solo con quei tre, in quella B senza campioni (quanti di quella B giocano in A? Ti aiuto io: 2 non contando le neopromosse, Lasagna e Cragno, ultimamente nemmeno titolari. Gomis, Schiattarella, Lazzari, mezzo Verona e 3/4 di Benevento se aggiungiamo le 3 neopromosse)

                          Da Novembre (0-4 col novara è del 13/11) a Marzo -considerato che si gioca da agosto a maggio- non è certo una o due giornate, ma un intero girone di non-gioco e qualche sprazzo di individualità. L’inizio spumeggiante è innegabile, di fatto ci ha portato in A, e pure il finale, seppur strappato per differenza reti, ci ha meritatamente promosso, ma con QUELLA squadra (ripeto, non in senso assoluto, ma contestualizzata nel campionato) dire che la promozione era il minimo sindacale suona naturale.

                          Di fatto, col senno di poi, Fusco ha compiuto un vero miracolo economico-sportivo con la promozione, a costo quasizero. E azzarderei che anche quest’anno la rosa, qualitativamente, non è malvagia, anzi! E a costo zero. Ma è fortemente incompleta (mancano almeno un portiere titolare e due o tre carte da poter pescare dalla panchina e che possano dire la loro – punta,esterno, e magari un cc). LA colpa tecnica di fusco si chiama pecchia (ossi, specie tra le conferme, le ascrivo agli errori “veniali” che ogni ds mediamente fa).

                          Da Torino, pian piano sempre più, si vede una squadra più logica(ripeto, LOGICA! Non ha fatto nulla più che implementare ciò che TUTTI chiedevano, che di certo non è “gioco”, ma gente al proprio ruolo e affidamento alle qualità dei singoli, in a mandorlinian way). Ancora lontana da essere presentabile per 90′, ma con molte meno presunzioni ed esperimenti cervellotici, le due punte che tutti invocano (pur false, come valoti e cerci) da sempre, ed è giusto riconoscere a Pecchia che ha tirato fuori qualcosa. Dall’altro lato della medaglia c’è da dire che ancora molte ovvietà non sono state fatte (fuori nicolas e fares, fossati dall’inizio, la gestione dei cambi), ma soprattutto che ci abbiamo messo troppo, troppo tempo a trovare la quadra; grazie a Dio le altre zoppicano quasi quanto noi, ma rose peggiori ci sono davanti, e ciò non può non essere un errore.

                          Vero, tante scommesse, ma siamo sicuri che s.p.a.l., benevento, crotone, udinese, genoa abbiano rose migliori? E ci metterei anche cagliari e sassuolo, non troppo diverse dalla nostra. In fondo. Dire quanto è forte una rosa non lo si fa a priori, ma contestualizzandola nel campionato, e io sono convinto che non avremo i DePaul-Berardi-Pavoletti, ma abbiamo i Cerci-Caceres-Pazzini-Romulo(-Bessa, se torna ai suoi livelli) che gli altri ci invidiano, e gli altri effettivi delle altre bene o male sono al pari degli altri nostri, se non peggio [giusto per citare la difesa spallina, oikonomu-vaisanen-vicari, o l'attacco genoano exgiocatori come pandev e taarabt, ossi come galabinov-lapadula e false promesse come centurion, per non citare l'11 crotonese].

                          Su Setti, si sfonda una porta aperta. La questione è che finché nessuno compra, lui non vende (nemmeno se contesti, lui se ne sta bello bello a carpi se comincia a tirare aria di pericolo!), mentre gli altri due non ci vorrebbe poi molto a sollevarli dall’incarico.
                          Sappiamo tutti che con poco budget in più si sarebbe fatto certamente più mercato (meglio? boh, kisnha e bony non stanno spaccando il mondo, se vogliamo rapportarlo a quello che non stanno facendo i vari siligardi, luppi e ganz), io sono strasicuro (naturalmente a sensazione, la controprova non c’è) che con altri personaggi (malesani/toni, per dire i primi che mi vengono in mente, non pretendo certo mourinho/paratici) in quei due posti lì, non so se avremmo più punti, ma avremmo assistito a meno scempi, a meno prese per i fondelli, e certamente CI SAREBBE PIù ENTUSIASMO. Non certo per i nomi, ma perché ci sarebbe quell’entusiasmo che sti pagliacci ci hanno tolto prendendoci bellamente e continuamente per i fondelli, senza ritegno.

                          Sugli errori dei singoli, c’è errore ed errore. nel caso specifico, sì. è colpa di pecchia se come terzino sinistro c’è un terzino NazionaleU21 che ha ben figurato in B e invece gioca un’ala adattata che in quella stessa serie ha fatto pietà. Se domani supraien tira un rigore alle stelle, la colpa è di pecchia, perché chi comanda deve fare in modo che il rigore lo tiri il pazzo, o al limite cerci o bessa. Se poi il rigore lo sbaglia il pazzo, allora possiamo assolvere l’allenatore. Non so se mi son spiegato..

                          Sui commenti sky, sono gli stessi che contestavano al buon fabio scelte scellerate e ne chiedevano a gran voce la testa (e tra l’altro che non ci hanno quasimai messo tra le 3 rose più deboli, che sono sempre state crotone, benevento, spal e -da poco- sassuolo. Leggere criscitiello ieri sera per conferma). Son pur sempre opinionisti, di certo più competenti di me se li pagano per parlare di calcio, ma è riduttivo citarli solo quando portano la nostra stessa opinione ed ignorarli quando ne danno un’altra.

                          Tristemente prendo atto che terremo pecchia anche perdendo, mi turerò il naso. Vorrei comunque “facesse le valige”, come vorrei le facessero anche gli altri due della triade. Sognare non costa nulla! E se ce ne fosse bisogno, ribadisco che il motivo non è solo squisitamente tecnico, nè adducibile solo ai risultati. Tralasciare quei motivi vuol dire dare ragione a quello che diceva che potremmo giocare anche in arancione pur di vincere. E quanto ci hanno preso per i fondelli quei 3 lì non può essere comparato a nessun risultato. Non mi piacerebbero nemmeno se ci portassero in europa. Certo, esulterei, ma non certo per Pecchia o Fusco ma per il Verona, e anche con la salvezza in tasca chiederei fossero accompagnati alla porta.

                          Tra le righe ho già risposto anche a Simone qua sotto, ma è cavalleresco rispondere, pertanto rimarco il concetto. Quanti tipi di Gioco ha proposto Pecchia? Uno, e per 14 partite. Il resto delle partite, concedimi che “ha messo giù una formazione”. E il risultato è stato veramente poca cosa, e completamente delegato alle singole giocate (schemi in 14 giornate ne ho visti abbastanza, sabato hai vinto con un lancio di romulo e un dribbling a difesa schierata di cerci, e a livello di creare gioco nulla più. è il Calcio che forse piace di più a Verona (a me sicuramente piace più affidarsi alla garra di zucu e ai totani di carcciolo rispetto al tiquitaka-zero-cuore), ma è evidentemente dettato dalla necessità dell’acqua abbondantemente sora el livel del ql e non è nelle sue corde(ancora non abbiamo una vera identità ben precisa). E si è abbastanza visto, sia per la tempistica decisamente troppo allungata (ha completato la maturazione solo ora, avendolo capito a dicembre anno scorso), facendo di tutto per provare comunque a proporre il suo sbor@do fallimentare 4-3-3, e con palesi forzautre, e sia per le difficoltà, francamente evitabili con un po’ di buon senso e nulla più.

                          Parlo, non so a quale titolo, a nome de “i soliti”, dico che sia meglio per tutti noi che pecchia se ne vada; non significa non riconoscere i miglioramenti dell’ultimo periodo, ma significa che ha accumulato abbastanza debito (specialmente con le prese per i fondelli) perché anche a fronte di qualche lieve miglioramento(la classifica se non ce ne siamo accorti ci vede ancora penultimi, ergo retrocessi!), continui a starci abbondantemente sulle p@lle

                          • Andrea scrive:

                            Franco, almeno siamo d’accordo su Setti.

                            Su Fusco invece non ti seguo: scrivi che ha fatto un miracolo economico-sportivo (e sono d’accordo) e poi dici che non lo vuoi.

                            Guarda che Fusco (in rete ci sono le sue conferenze stampa) è sempre stato onestissimo: l’anno scorso aveva detto prima i conti e poi una squadra competitiva (senza promettere la A); quest’anno ha detto prima i conti e poi modello Crotone: più onesto e più chiaro di così non saprei.

                            Su Pecchia e sulle rose concorrenti: se il Sassuolo vende Politano e Berardi (che pure ha fatto schifo lunedì) si compra l’Hellas intero e pure l’antistadio.

                            Il Genoa ha Bertolacci e Lapadula, Perin in porta che vale 15 milioni di euro…

                            Udinese e Cagliari (15 milioni per Pavoletti) hanno altre rose.

                            Benevento e Crotone sono più o meno come noi, con la differenza che il Crotone ha già masticato la A l’anno scorso e noi abbiamo tanti giovani che la stanno assaggiando ora.

                            Forza Hellas

                          • Simone scrive:

                            Felicioli ha giocato venti partite in b ad Ascoli e una con L under 21, il cui valore è dato dalla sconfitta col Pescara riserve per dueva uno. Eddai. Pazzini, questo Pazzini, non ce lo invidia nessuno in A, Bessa nemmeno, Rómulo qualcuno sì, Cerci sta recuperando e fa bene per sessanta minuti ed è in fase di recupero. Le altre rose non sono all’altezza nostra? Non diciamo fesserie. Discorsi di un’arrogavza pretestuosa evidente a mio modo di vedere.

                          • Simone scrive:

                            La Rosa che avevamo in b era tra le candidate alla promozione, esattamente come altre. Con punte importanti, Rómulo più che Pazzini secondo me, che però venivano da annate in cui non giocavano, e non reputo fosse stato un caso che per tot campionato Rómulo stesso si sia spento. Impensabile pensare potesse fares la differenza per 42 partite dopo le annate precedenti. Pazzini è un giocatore che non regge più la zia, gli manca il ritmo, non lo regge. In b ha fatto bene perché ha una qualità che si è fatta sentire ancora per quella categoria e perché il gioco della squadra lo ha messo nelle giuste condizioni per. I tipi di gioco che abbiamo visto sono più di uno. Il primo, quello dell’ultimo terzo del campionato scorso con una squadra più “classica” in cui giocatori altrove inesistenti come Zuculini o Ferrari hanno dato un contributo importante, è dove Bessa ha dato il meglio di sè come mai in carriera prima di allora. Quest’anno si sta vedendo un altro tipo di Verona ancora, sulla falsariga di quello dell’uktimo Periodo della scorsa stagione ma con variazioni ulteriori dovuto ad una serie di fattori che non si possono non vedere. Quest’anno abbiamo una rosa fatta da giocatori da recuperare (Caceres recupererà forse è da lì andrà alla Lazio..), cerci sta andando in condizione un po’ alla volta, come è normale che sia, Pazzini credo stia fornendo prestazioni che danno ragione proprio a pecchia, che comunque insiste su di lui senza metterlo fuori dal progetto per tentare di recuperarlo, anche perché finché c’è é dovere visto che a parte Kean è l’ujica punta di ruolo che abbiamo. Non si può creare da tifosi un clima che va contro la squadra per idee o simpatie personali. Questo creerebbe tra le altre cose un precedente mai visto a Verona, secondo cui io non sostengo più a dovere la squadra in base a chi c’è. Cosa che va contro il principio veronese del tifo. Infine: definire fallimentare il cammino fino ad ora considerando una promozione (che non è stata un’impresa ma nemmeno una cosa scontata per i motivi sopra espressi) e il fatto che nonostante tutte le critiche al mercato che io personalmente ho fatto e molto altri, la squadra sia ancora lì a giocarsi la salvezza (siamo ad un punto ad ora, e questo significa che siamo ancora vivi e dentro l’obiettivo, nel senso che abbiamo ancora la possibilità di raggiungerlo), è fuorviante.

                      • Simone scrive:

                        Premesso che io dopo la partita col Cagliari se fosse stato mandato via non avrei avuto nulla da dire, e che inoltre leggo più di qualche commento positivo a suo riguardo (e poi fare della maggioranza, per altro tutta da dimostrare, una verità assoluta è fuorviante), ma come sempre si legge solo quello che si vuole. Detto questo, che tipo di calcio ha fatto vedere qui pecchia? Più di uno in realtà, così come i moduli proposti. Eppure si continua con questa balla secondo cui lui vorrebbe proporre solo un tipo di gioco e modulo. Stendiamo un velo sui giudizi circa la rosa della passata stagione. Non vedere che non poteva essere una rosa ammazza campionato anche adesso nonostante i fatti è da persone che non conoscono o non vogliono vedere la realtà. Ultima cosa: che si sentano commenti di un certo tipo dopo una partita così e dopo una serie di partite che Cagliari a parte hanno mostrato una crescita reale, allora li sentiremo sempre. Da parte dei soliti ovviamente.

                    1. stefano 50/60 scrive:

                      Salve Luca e grazie per le Tue risposte sempre puntuali e professionali. Sul blog noto spesso ormai una tendenza a dissacrare tutto e tutti, godere se si perde così, teoricamente, van via mister e d.s., etcetc……..a parte che mi dissocio dagli insulti a pecchia che, come uomo, è una persona corretta ed onesta e come allenatore ha i suoi limiti ma lavora con quello che ha dalla società e cioè poco, solo chi si gratta l’ infracosce tutto il dì non sbaglia mai, anche qui teoricamente. Invece la proprietà, appunto, è assai meno colpita dalle invettive generali e ciò mi sorprende non poco visto che da un bel pò di tempo lavora esclusivamente per un semplicissimo obiettivo, vendere quando la mucca non darà più una sola goccia di latte. Nel frattempo vende giocatori e contratti e compra il manto sintetico dell’ antistadio ove peraltro non tornerà mai più la prima squadra. Sabato ho patito come al solito, forse un pò meno dai, ma alla fine ero felicissimo perchè pur in mezzo a centomila difficoltà forse, e dico forse, potremmo cullare almeno la speranza di non esser condannati a metà campionato circa…..ci si chiede perchè il Verona attiri solo faine e…volpi foreste ? Primo perchè il Verona rende eccome, secondo forse perchè uno di Verona sa che rischierebbe molto a far altrettanto, uno di fuori invece alla fine della fiera prende su e scappa, magari in svizzera dico male ?…..la balla della tifoseria estremizzata etc. è una balla appunto, sennò sai che ridere a comprare lazio napoli e salernitana etc che in quanto a tifoserie possono insegnare al mondo intero come far casino….. che ne pensi ? buona giornata e lavoro.

                      • Luca Fioravanti scrive:

                        Mi trovi d’accordo su quanto scrivi. Insultare Pecchia dopo una vittoria così non aiuta. Io l’ho criticato per alcune sue decisioni e qualche sua sparata ma chi lo bersaglia a prescindere non fa il bene del Verona. Sulla mancanza di veronesi interessanti all’Hellas non c’è molto da aggiungere. Manca un vero appassionato con i soldi, disposto a rischiare qualcosa per il calcio della sua città. Imprenditori seri e ricchi non mancano da queste parti, ma credo che nessuno sia realmente un vero amante del calcio. Per loro entrare in questo business vorrebbe dire accettare perdite e rischiare anche di essere insultati tutte le volte che si esce di casa (come capitò ai Mazzi tempo fa). In effetti chi arriva da fuori può fuggire più facilmente.

                        • Maxhellas scrive:

                          Rimane poi la questione Opus Dei, di cui Campedelli è un esponente, alla pari dei vari Bauli, Biasi e di gran parte della “crema” di Verona….Cane non mangia cane…

                      • Andrea scrive:

                        Stefano quoto parecchio di quanto scrivi.

                        Sulla tifoseria estremizzata, però, secondo me trascuri il fatto che Napoli, Roma, Lazio hanno a favore buona parte dei Media; noi no.

                        La nostra tifoseria non è fatta di agnellini, ma non è nemmeno quello che viene dipinta. Lavoro e abito in un’altra provincia, e ti assicuro che l’immagine della nostra tifoseria all’esterno è quella di una tifoseria razzista (e qui ci mettiamo del nostro) e violenta (e qui invece si esagera).

                        Viene spesso associata a quella dell’Atalanta (che non gode anch’essa di protezione mediatica), tanto per dire.

                        Comunque Setti deve molte risposte, a tifosi e città.

                        E invece ce la prendiamo con Pecchia (che sta facendo quanto può) e con Fusco che sono due dipendenti.

                        Adesso è chiaro a tutti che con questo organico il massimo che possiamo fare è arrivare a gennaio agganciati al treno salvezza: per poi fare un mercato dove si consegni all’allenatore almeno una punta vera, di fisico e un centrocampista di categoria. Aspettando di vedere se Felicioli vale o non vale la categoria.

                        • stefano 50/60 scrive:

                          ciao Andrea piacere mio…q8 tutto quel che scrivi non c’è che dire…..per l immagine di razzismo che abbiamo beh, tutti quanti lo sono specialmente per le scelte ipocrite e scellerate che fa lo stato, vaticano, in cui viviamo….vero però che Verona è invidiata da tutti e allora con chi meglio prendersela che con noi ?..l invidia caro Andrea è la più brutta bestia che essere umano possa aver dentro di sè…..i media ? ahaha, hai mai sentito parlare con cadenza veneta nella tv di stato che paghiamo anche noi veneti? io mai….solo troppe bbb troppe gggg etcetc..comanda il sud caro mio e non è una questione di razzismo o di odio verso la gente del sud, questa è una teoria messa in giro ad arte….è disprezzo verso “chi” comanda la cosa pubblica non verso la gente itaglica o altri luoghi itaglici….abbiamo il meglio del mondo in tutti i campi in italia tranne ahimè i politici e il vaticano..altro che balle….un saluto sincero anche a Nadia che sopra scrive cose sagge con femminile saggezza…chapeau…..noi siamo unici all’ Hellas..unici…

                      1. Pierpaolo Tubini scrive:

                        Finalmente un week end di pseudo tranquillità, non vorrei andare contro corrente e smorzare quel mimino di speranza creatasi post Sassuolo, ma la prestazione degli avversari e il successivo esonero di Bucchi mi hanno fatto riflettere.. troppo scarso il Sassuolo oppure strategia mirata per far fuori il Mister, forse più la seconda della prima…Per mantenere viva la fiammella è necessario anzi obbligatorio VINCERE con il Genoa, con l’aggravante che se dovesse andare male anche Iachini purtroppo è andato.

                        1. Fenomeno scrive:

                          Ho spesso criticato Pecchia…lo scorso anno nelle prime 13 partite c’ha fatto vedere il miglior calcio visto a verona negli ultimi 20 anni, poi si è inspiegabilmente perso…quest’anno ha fatto un sacco di scelte strambe, difficili da condividere…ultimamente sembra aver trovato la quadra…quello che mi sembra ridicolo però è pensare che un allenatore professionista che ha anche giocato ad alti livelli per minimo 15 anni non sappia quanto e come far allenare una squadra…finiamola con sta barzelletta del non si allenano…

                          • JJ scrive:

                            A me sembra che ci sia una crescita a tutti i livelli. Non continua, certo, qualche battuta d’arresto abbastanza ignobile vedi Cagliari, ma tendenzialmente in crescita. A tutti i livelli, guida tecnica compresa. Che, detto fuori dai denti, non è che nemmeno io abbia mai apprezzato particolarmente. Ma per amor di onestà bisogna pur dire che il 4-4-2 che sta proponendo da qualche giornata non è male e forse pure lo schema più indicato per questa rosa. Sarei davvero curioso di vedere una coppia Kean-Cerci riproposta per qualche giornata consecutiva, Cerci in trend positivo anche lui davvero, due assist spettacolari sabato scorso. Pazzini invece davvero lontano anni luce da livelli accettabili per la serie A, lo lascerei davvero recuperare con calma.
                            Se ci fosse davvero la possibilità di un paio di inserimenti mirati a gennaio, vuto vedar che… ehehehe.

                          • Andrea scrive:

                            Sono d’accordo.

                            Ma pur di criticarlo adesso vale anche questo argomento.

                            • Simone scrive:

                              A me un po’ comincia a far pensare questa deriva di parte della tifoseria, novità assoluta da queste parti, che arriva a sperare in una sconfitta o peggio ancora in una serie di sconfitte pur dì veder andarsene un allenatore, un ds, un presidente o alcuni giocatori. Fino alla critica ci arrivo, posso condividerla o meno e se ne discute al limite. Ma questo nuovo corso mi piace come un calcio nei maroni. Spero che all’interno tifoseria ci sia a breve un confronto serio per ridare una linea su questo punto. Perché all’unicità che ci contraddistingueva a livello italiano ci terrei ancora molto.

                              • Andrea scrive:

                                Spero anch’io che questa deriva finisca.

                                E’ stato osceno criticare Pecchia sul 2-0.

                                Assurdo, non da Hellas. E i giocatori -l’hanno detto- hanno giocato per lui.

                                Davvero stupido e autolesionista.

                                Pecchia sta facendo quanto può -e forse qualcosa in più- con una squadra che ha evidenti lacune e alcuni ruoli scoperti.

                                Prendiamocela con chi non mette i soldi, non con chi fa con quanto ha.

                          1. viniciocaposhellas scrive:

                            Pecchia sotto pressione fà girare la squadra.
                            Gioca nell’unico modo che gli è possibile con la rosa che ha.
                            Cerci falso neuve, catalizza la difesa e apre i varchi per gli inserimenti dei velocisti.
                            Buchel in campo sempre, con lui il centrocampo snellisce il giro palla , da fisicità e aumenta la velocità.
                            Speriamo sia arrivato in condizione!

                            Bene avanti così!

                            La salvezza è lì , tifar sempre e tenere le redini ben dritte

                            1. giovanni scrive:

                              CATA PECCHIA ATTILA É STRA ODIATO DA TUTTI I TIFOSI SUGLI SPALTI, FREQUENTARE GLI SPALTI PER ACCERTRSI – CERTO QUALCHE TASTIERANTE O PAGATO ESISTE ANCORA + I GIOCATORI MEDIOCRI, MA CHE LI FA GIOCARE PERCHÉ SONO YES MAN, SI SOSTENGONO A VICENDA E SONO CON QUESTO OZIOSO CHE NON SA ALLENARE E CHE FA SCAMPAGNATE DA 1,30 NAPOLETANE …… BISOGNA CHEDERSI PERCHÉ ? + IL SASSUOLO É APPARSO UNA SQUADRACCIA, MOLTO PEGGIO DEL BENEVENTO, ESALTARSI UN DELITTO, GIOIRE PER I 3 PUNTI CERTO, MA VEDIAMO IL SEGUITO IN SEGUITO ……..INTANTO OLTRE IL 46 E NEL SECONDO TEMPO SEMPRE NON SI CORRE COME GLI ALTRI ED IL FIATO MANCA, LE IDEE SI ANNEBBIANO ED IL CATA PECCHIA ATTILA MOLTIPLICA LE SUE CONFUSIONI ……..SENZA FUTURO CON FUSCO E CATA PECHHIA ATTILA E CON SETTI PURE …………

                              • Simone scrive:

                                Tu non stai bene. Ma in maniera evidente proprio.

                                • giovanni scrive:

                                  GRAZIE – MA GRAZIE A DIO STO BENISSIMO – TU FATTI UNA VISITA E NON PROVOCARE – E VAI ALLO STADIO ………

                                  • maxrugo scrive:

                                    Sabato e’ stata una vittoria che ci ha permesso di restare attacchati al treno delle squadre che lottano per la salvezza. questo e’ il dato importante.
                                    Mi sto ancora mangiando la mani per le due partite con cagliari e bologna, avessimo fatto anche due punti ………
                                    In ogni caso abbiamo un grossissimo problema, ci manca sopratutto un terzino sinistro, Souprayen per fortuna e’ stato accantonato e Fares non puo’ giocare, secondo me da nessuna parte, ma sorpatutto terzino. Urge l’impiego di Felicioli (magari mercoledi’?), che non puo’ essere peggiore di Fares (basta saper stoppare un pallone). se anche Felicioli si rivelera’ inadeguato occorre assolutamente fare qualcosa a gennaio.
                                    Un bravo a Cerci per la prestazione meno per la polemica durante la sostituzione.
                                    Pessimo Pazzini ha fatto bene a toglierlo.
                                    Se zuculini e buchel continuano sul livello visto con Bologna e sassuolo direi che abbiamo trovato la “quadra”.
                                    4 dietro a centrocampo romulo buchel zucu bessa/verde davanti Cerci e Verde/Pazzini.

                                  • maxrugo scrive:

                                    Giovanni complimenti te scrivi proprio ben, prosa scorrevole, facile da leggere, con quel carattere maiuscolo che ti da’ un tono pacato, un piacere insomma, bravo!!!

                                  • Simone scrive:

                                    Beh, in effetti meriti i complimenti. 40 anni di abbonamento dal Brasile. Io che ho solo 15 km sono niente a confronto. Non devo nemmeno prendere l’aereo ogni volta, mi basta la macchina..

                              1. Maxhellas scrive:

                                I cori di alcuni tifosi contro Pecchia oggi hanno lo stesso senso degli articoli di alcuni giornalisti locali (ricordate Fontana ed alcuni di quelli che scrivono qua?).contro Mandorlini qualche anno fa

                                Pecchia sta sulle palle a prescindere a molti tifosi, probabilmente per le sue origini. Oggettivamente è inesperto e mostra dei limiti evidenti, ma non si è auto assunto. Mi pare che sia stato chiamato da Fusco con l’approvazione di calSetti, no?

                                Mandorlini stava sulle palle ad alcuni giornalisti, dopo che il buon Andrea li aveva “pettinati” in più di qualche occasione nelle conferenze stampa. Appena hanno avuto l’occasione, l’hanno massacrato, dimenticando in un istante quanto fatto di buono dalla C alla A con lui.

                                In realtà la pochezza del Verona dalla stagione 2015/16 in poi dipende da uno ed uno solo: Maurizio calSetti. E’ lui che dà la linea, che sceglie DS e allenatore, che decide quanto spendere (o non spendere). Il resto è una conseguenza.
                                Quindi ben vengano i cori “contro”, ma personalmente li farei contro Setti. E’ lui il problema.

                                1. davide scrive:

                                  Chi ha visto la partita deve comunque essere onesto nel dire che il primo tempo è stato buono come quello contro il Bologna ma il secondo tempo la nostra formazione si è spenta,niente azioni pericolose,niente tiri in porta tanta difesa e basta….Fortuna è stata che il Sassuolo è davvero una squadra in crisi altrimenti avremmo fatto la fine della partita col Bologna e cioè un’altra sconfitta perciò rimango della mia idea che con un buon allenatore questi giocatori potrebbero fare di più.

                                  1. die980 scrive:

                                    Avevo criticato quello sterile striscione contro Pecchia allora come critico i coretti di sabato adesso. Davvero non comprendo quella frangia di tifoseria. Abbiamo tutti criticato l’allenatore e nessuno crede sia il nuovo Ancelotti ma con gli ossi da brodo non si fa molto più del brodino appunto. Sabato si è vinto, bene, con grinta. Non ero più abituato a certe sensazioni….! Godiamoci i tre punti, giocatori che si sono dimostrati con l’allenatore e invece di patetici coretti ricordiamoci chi questa squadra l’ha costruita…se costruita si può dire.

                                    Diego

                                    1. maurizio scrive:

                                      Finiamola con sto fatto che non ai allenano?
                                      Allenarsi un ora e mezza al giorno ….. sarebbe allenarsi?
                                      Oggi …. riposo poverini: è domenica.
                                      Mentre quelli del Chievo, che hanno i
                                      più del doppio dei nostri punti, oggi erano a Veronello.

                                      1. Lona scrive:

                                        No. No.. Ben venga partita contro i ceoloti. Per noi è un allenamento in più visto che il mediocre allenatore non ne fa. GRAZIE COPPA ITALIA

                                        1. Bruno scrive:

                                          L’impegno di Coppa Italia potrà essere onorato anche dai bravi giovani dell’Hellas.
                                          La partita da preparare bene è quella contro il Genoa.
                                          Mercoledì giochiamo con:
                                          Silvestri
                                          Caceres, Kumbulla, Felicioli
                                          Romulo, FrancoZucu, Fossati, Bessa, Bearzotti
                                          Tupta Lee

                                          Secondo tempo entrano Kean, Valoti e Danzi

                                          • NIKE scrive:

                                            Io invece farei riposare tutti i probabili titolari tranne gli squalificati con la partita col genova:
                                            Silvestri
                                            Bearzotti Hertaux Kumbulla Felicioli
                                            Fossati Galano Valoti
                                            Lee Kean Fares
                                            Subentri per Tupta Stefanec e Danzi

                                          1. Nucky scrive:

                                            I cori contro l’allenatore fanno tristezza, dubito che chi li fa abbia a cuore l’Hellas Verona.

                                          Lascia un Commento

                                          *