23
dic 2017
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 62 Commenti
VISUALIZZAZIONI

7.202

BATOSTA SALUTARE PER SPEGNERE FACILI ILLUSIONI

L’avevo scritto dopo il 3-0 rifilato al Milan: i problemi non sono stati risolti e la corsa salvezza sarà durissima. La trasferta di Udine ha riportato tutti sulla terra. Il Verona è stato preso a pallate, non ha fatto un tiro in porta, ha sofferto dall’inizio alla fine, incassando due gol per tempo. Sulla partita non c’è molto da aggiungere. Hanno giocato male (anzi malissimo) un po’ tutti, con qualche leggera differenza che non servirebbe a niente sottolineare.

Possono servire batoste del genere? Forse sì. Prestazioni così negative dovrebbero rappresentare chiari messaggi per la società, per chi fa il mercato e per chi dovrebbe investire qualche soldino se realmente vuole evitare la seconda retrocessione in tre anni. Una batosta per spegnere facili illusioni dopo quella bella e convincente vittoria sui rossoneri di Gattuso.

E intanto le dirette concorrenti si stanno piano piano staccando. Due punti da recuperare non sono nulla, ma tra due giornate il divario potrebbe essere molto più ampio. Il Verona sabato prossimo affronterà la Juve al Bentegodi e poi è in programma la trasferta di Napoli. Ogni altra considerazione mi sembra superflua ora.

7.202 VISUALIZZAZIONI

62 risposte a “BATOSTA SALUTARE PER SPEGNERE FACILI ILLUSIONI”

Invia commento
    1. Fenomeno scrive:

      Con mandorlini abbiamo visto le migliori annate dei seguenti giocatori: rafael abbate scaglia cangi mareco berrettoni lepiller russi ferrari taxitdis cacia romulo martinho iturbe sala moras halfredsson e per certi versi anche toni…dimentico qualcuno?

      • Franco scrive:

        dimentichi Juanito, Jankovic, Albertazzi, Sgrigna, Mancini, Marquinho, Pichlmann, Obbadi, Nico Lopez, Martic, Marques, Pillud, Pisano, Grossi, …

      • Simone scrive:

        I giocatori sopra citati hanno fatto bene nelle categorie che gli competevano, altri non hanno fatto nemmeno così bene, altri sono stati giustamente sostituiti dopo una buona annata per migliorare la qualità della rosa perché di più non potevano dare se si voleva raggiungere l’obiettivo. I giocatori sotto citati hanno fatto bene in categorie che gli competono, alcuni come Fares addirittura meglio in A che in B (evidentemente dipende anche dalla maturazione e dal momento del giocatore), alcuni stanno facendo peggio altrove quest’anno. Quindi ribadisco, non mi viene da pensare che il problema sia legato al rendimento dei giocatori sotto la guida di Pecchia.

        • viniciocaposhellas scrive:

          Dopo un anno e mezzo di Pecchia non si vede nessun gioco.
          Dopo un anno e mezzo di Mandorlini giocavamo meglio di tutti.

          • Simone scrive:

            Ma lo dici dopo la partita di Udine o dopo altre? Io vedo un allenatore che da gennaio dello scorso campionato ha capito i limiti della sua squadra e che tenta di agire di conseguenza, che ha cambiato vari moduli e filosofia di stare in campo. Migliorando alcune cose e non risolvendone altre (esempio calci piazzati seppur con la questione fisicità scarsa). Ho visto partite preparate bene, altre no, al di là del valore dell’avversario, in particolare Fiorentina, Cagliari e Udinese. Vedo un Verona che ancora ce la può fare ma che difficilmente ci riuscirà se a gennaio non farà manovre adeguate in sede di mercato. Cosa che mi vedrebbe pessimista con qualsiasi allenatore in panchina.

            • Franco scrive:

              gran campionato la ligue One, pure supraien è diventato titolare e capitano là..E comunque informati meglio, non è certo un titolare. Così come il campionato argentino, e la nazionale amichevole senza calciatori europei. A Grosseto è poco più che salvezza, a Verona promozione rubata all’ultimo. su Albertazzi cercati i dati di quante titolarità ha fatto sulle gare in cui è stato disponibile e ne riparliamo. Forti o scarsi, pena o non pena, SI PARLA DI CARREER HIGH non di quanto fossero forti (e con i C.H. si può ben vedere che la squadra che ci -te escluso perché avrai rosicato come un castoro a vederci “idolatrare” chi ama il Verona). Comunque la linea degli idoli a Verona è cambiata da 27anni a questa parte. Ricordo distintamente cori fino a Pegolo, Adailton, Ficcadenti….. Quindi vedi di non fare confusioni storiche, affabulatore irritante

            • Simone scrive:

              Franco, Pillud giocava titolare in Argentina, ha fatto pure 5 presenze in nazionale, qui una manciata di presenze, tornato a casa, jankovic sarà ricordato più a malaga e a Genova che qui, obbadi titolare in Francia in Ligue 1 sia prima che l’anno seguente, qui il campo lo vide poco e avrebbe probabilmente dovuto e potuto di più, pichlmann i campionati che si ricorderà saranno quelli a Grosseto e in Austria, non qui dove arrivò come un acquisto comunque importante per la C, albertazzi non era titolare nè in b nè in A e giocava come terzino in assenza di Agostini, e di sicuro non è mai stato un giocatore su cui footeva fare affidamento più di tanto nemmeno lui. Poi gli infirtuni a catena hanno fatto il resto. Marquinho a Roma giocava quando mancavano i titolari es era considerato eccome. Martic ha fatto pena, infatti si cercò un altro terzino a gennaio, sgrigna ha fatto bene qui come altrove, Mancini altro giocatore che fece bene a Gallipoli, qui poco nulla. Mi spiace che mi prendi come un esaltato. Sono solo un tifoso informato che ha da sempre la tendenza a non cercare idoli e a non idolatrare nessuno. Come mi insegnò mio padre prima di battezzarmi al bentegodi 27 anni fa.

            • Franco scrive:

              Obbadi dopo Verona solo panchina, prima il nulla, a 30anni. Qua elemento chiave.
              Pichlmann dopo Verona el sa messo a far football americano
              Jankovic strasso prima, quasititiolare qua e svincolato in eterno dopo.
              pillud se n’è mestamente tornato a casa in Sudamerica, nel calcio vero solo col Mandorla
              Albertazzi ha giocato due mezzi campionati titolare in A, con milan e pecchia 0 presenze.
              Sgrigna decisivo per salire, esattamente come l’anno a Torino, comjnque il punto più alto della carriera visto che in A ha fatto la comparsa.
              Mancini preso in C, e dopo Mandorlini tornato in C.
              Marquinho nullità alla Roma, fenomeno a Verona, e poi emirati
              Martic da titolare fisso in A a perdersi tra Croazia e serieB
              Marques dal nulla cosmico al nulla cosmico, la A è il punto più alto della carriera.
              su Mareco ti do ragione, a Brescia ha fatto meglio.
              Grossi presentato qua come un iradiddio per dieci spezzoni di partita nel derelitti Siena, ma sia prima che dopo non ha fatto nulla meglio della bassa B.

              Tutti questi saranno gran scarsi, ma vincere campionati e/o giocare titolare in serie che per qualità non competono loro è il punto più alto della loro carriera, che ti faccia ridere o che ti faccia piangere, pagliaccio esaltato.

            • Simone scrive:

              Sick boy, anca mi me son messo a ridere quando ho letto che obbadi, pichlmann, jankovic, pillud, albertazzi, sgrigna, Mancini, marquinho, Martic, marques, mareco, grossi eccetera sono diventati grandi giocatori o hanno fatto le loro migliori stagioni dopo che hanno conosciuto Mandorlini.. buona partita.

            • Sick boy scrive:

              ahahahahahahahhahahahahahahah

        • Fenomeno scrive:

          Si va ben

      1. Luca scrive:

        CURVA SUD MARCHE
        Volevo complimentarmi con Pecchia per i cambi eseguiti subito dopo l' 1 a 1.

        1. Fenomeno scrive:

          Intanto il glorioso lanerossi vicenza, quello che arrivò secondo in campionato, quello che vinse una coppa italia, quello che fece una semifinale di coppa delle coppe col chelsea si barcamena in lega pro con la prospettiva di un imminente fallimento

          1. hellasmastiff scrive:

            in 2 giorni si è parlato di:

            sandro Antalyaspor
            mitrovic
            Fedor Cernych
            perea e djorgevic per caceres (follia sono 2 ex giocatori)
            boye’ per pazzini
            maietta e tonelli
            halfredsson
            giaccherini per fares
            ecc….

            fa sorridere che per caceres lotito dia via 2 veri bidoni che neppure nella sua salernitana vogliono………….. miserie!!!!!

            è evidente che fusco ad agosto come ho sempre sostenuto ha fatto un mercato inventato addirittura stava saltando anche kean dalla juve all’ultimo giorno……

            ora serve rincorrere quello non fatto infaustamente in estate…….

            calcolando che il sassuolo ormai salvo s toglie una società che se stava ancora sotto i 15 punti avrebbe investito pesantemente sul mercato magari togliendo all’hellas qualche giocatore seguito da fusco………

            appare certo che sarà nuova rivoluzione in tutto e per tutto e così dovrà essere perchè con bianchetti cherubin albertazzi calvano pazzini col morale sotto i tacchi suprayen non via da nessuna parte……….

            3 gennaio parte il mercato e fusco deve intervenire pesantemente…….

            • Stefano scrive:

              Mastiff ds nato. Gibo, Sogliano, Bigon e Fusco ti fanno una pippa! Mito! Ha ha

            • Maxhellas scrive:

              Ma quale giocatore sano di mente verrebbe qui, in una società che sta in piedi per miracolo (per quanto ancora?), con questioni legali importanti aperte (Volpi) e senza lo straccio di una prospettiva?
              Hallfredsson ha appena rinnovato a Udine fino al 2020.
              Tonelli è vicino al Sassuolo. Sembra quasi fatta. La quota salvezza a Squinzi probabilmente non basta e magari sta programmando anche l’anno prossimo. Cosa che da noi sembra fantascienza…
              Maietta credo non tornerà mai con l’attuale proprietà, visto come si sono lasciati pochi anni fa.
              Tranquillo: solo bolliti o gente senza alternative che cerca a tutti i costi una squadra in serie A per riciclarsi a giugno.

            1. maxrugo scrive:

              Il problema del Verona e’ che purtroppo non c’e’ un unico problema, altrimenti la situazione sarebbe semplice.
              La rosa del Verona e’ stata costruita male:
              - nessuno a centrocampo che faccia il Taxidis e prenda qualche rinvio del nostro portiere. o del loro;
              - un attaccante che possa davvero fare il vica-Pazzini o il vice Cerci
              - un terzino sinistro tipo Letizia che se e’ andato al Benevento penso avremmo potuto permettercelo anche noi;
              ma non malissimo, infatti senza tanti sforzi potremmo avere quei tre/quattro punti in piu’ (spal genoa calgiari bologna) che ci porrebbero a 17 punti con Cagliari e Sassuolo.

              L’allenatore (la cui filosofia di gioco non e’ sicuramente di mio gradimento) non e’ certo il migliore allenatore sulla piazza se e’ vero come e’ vero che:
              - ha capito dopo tre mesi che doveva fare il 4-4-2 con Cerci svincolato da obblighi di copertura,
              - con la spal invece di mettere un centrale difensivo ha messo Calvano a fare niente sulla fascia
              - se a Udine cambia nel secondo tempo kean con Pazzini a partita compromessa e fa giocare l’ectoplasma Bessa nel limbo del centrocampo udinese dove il medesimo vagava senza meta (a questo punto metti 2 punte subito);
              ma non e’ neanche il peggiore, se e’ vero come e’ vero che con la rosa a disposizione e gli infortuni occorsi ci sta comunque tenendo agganciati al treno salvezza.

              Quindi quale soluzione? Non saprei. dico solo che per salvarci dobbiamo far giocare i giocatori migliori che abbiamo e non metterli in panca o venderli. Cerci deve fare la seconda punta punta dietro Pazzini.
              Dobbiamo prendere assolutamente un terzino sinistro , ce ne sara’ uno il lega pro che sappia stoppare la palla e correre dico io.
              Anche così la salvezza sara’ dura ma io credo che quast’anno la quota sia ancora piu’ bassa dello scorso anno se facciamo 20 punti nel giorone di ritorno ci salviamo.

              1. viniciocaposhellas scrive:

                L’Udinese con il nuovo allenatore ha svoltato il proprio campionato!
                Noi , con mister “crescita continua” continuiamo a perdere e a convincere molto poco.

                ho visto una grane Udinese che ha fatto quello che ha voluto in lungo e in largo.
                L’avremo beccata nel miglior momento della stagione, ma a me è sembrata una squadra che può ambire all’Europa.

                Il Verona , schierato male, zero idee, e giocatori inadatti alla categoria.
                Pazzini ancora fuori è inspiegabile! Può davvero fare peggio di Kean?

                A gennaio serve una rivoluzione!

                • Nucky scrive:

                  Oddo è lo stesso allenatore che lo scorso anno da Agosto a Marzo (quando fu esonerato) collezionò 0 e dico 0 vittorie. Tu mi dirai certo ma con che giocatori, e io posso risponderti la stessa cosa con Pecchia, siamo penultimi a due punti dalla zona salvezza, certo, ma con che giocatori?

                  • viniciocaposhellas scrive:

                    Su questo non si discute!
                    Senza Buchel, Caceres ,Fares è dura
                    Poi lasci fuori Pazzini (che meno di quello che ha fatto Kean , non può fare)
                    In campo ci sono Bessa , Fossati, Suprayen,
                    Durissima, indiscutibile.

                    Titolari contati e spesso in infermeria , sostituti non all’altezza,

                    mettiamoci anche un allenatore mediocre…

                    • Nucky scrive:

                      Spero solo che a fine campionato (ndipendentemente da come si concluderà) la triade Setti-Fusco-Pecchia tolga il disturbo, anche in caso di salvezza risicata la situazione ambientale resta compromessa e avvelenata. Su Pecchia all’inizio ero molto scettico, nel senso che una società che punta ad una Serie A immediatata non dovrebbe ingaggiare un allenatore che come si dice in gergo el gà da farse, ma a dirti la verità è stato fin troppo bistrattato aldilà degli errori che ha fatto e che ci possono stare, persino il Mandorlo faticò ed ottenne una promozione all’ultima giornata con una squadra (secondo me) superiore a quella dell’anno scorso eppure nessuno o pochi lo criticarono…

                      • Simone scrive:

                        Con Pecchia abbiamo visto, per quanto riguarda i giocatori, le migliori annate o tra le migliori, delle carriere di Caracciolo, Fares, Bruno Zuculini, Fossati, Luppi, Bessa, Ferrari, lo scorso anno, al contrario di quest’anno, con tutti i loro limiti giocatori come Siligardi, Luppi e Bessa stesso, Pazzini, Ferrari eccetera sono risultati determinanti ai fini della promozione. Non ne vedo un problema legato al miglioramento dei giocatori. Il problema semmai è che il miglioramento per questa categoria non sembra essere sufficiente. Il sospetto che tra le altre cose la cosa sia dovuta quindi innanzitutto alla qualità (tecnica, fisica, caratteriale, di esperienza) non sufficiente della rosa è più che lecito. Come si diceva la scorsa estate d’altronde.

                      • viniciocaposhellas scrive:

                        Come sempre la verità stà nel mezzo.
                        Il Verona del primo anno in B con Mandorlini giocava meglio del Verona che l’anno successivo fu promosso in A.
                        Lì la differenza la fecero la qualità dei giocatori ( i gol di Cacia ad esempio).
                        Questo per dirti che Mandorlini era bravo a costruire una squadra, un gruppo a far emergere giocatori che durante la sua gestione hanno raggiunto l’apice della loro carriera (Berrettoni, Lepiller, Abbate) .
                        Per questo penso che Mandorlo con questa squadra potrebbe fare sicuramente meglio di quanto stiamo vedendo.
                        Certo che la salvezza resterebbe comunque durissima da raggiungere, appunto perchè a questa squadra manca qualità.

                1. Maxhellas scrive:

                  Come già ripetuto più volte, siamo già retrocessi da novembre. Il fatto che si vinca col Milan non cambia nulla: abbiamo vinto con Milan e Ladri anche nel 2015/16 e siamo rimasti sempre ultimi.
                  Quest’anno siamo e resteremo penultimi solo perché dietro c’è l’ectoplasma (più ectoplasma di noi) del Benevento.

                  Inutile fare discorsi su tattica, tecnica e altro di attinente al calcio perché, proprio come nel 2015/16, il problema è la società, temo ormai ad un passo dal baratro, visto le notizie (non voci, notizie vere) di cause in corso per debiti non pagati dal “galantuomo” di Carpi….

                  Unico obiettivo: discesa in B, incasso del secondo paracadute consecutivo e sistemazione (forse) dei debiti, evitando (spero) il fallimento. Poi cessione a chi capita o peggio (si stacca la spina del tutto).

                  Grande presidente Setti, il migliore di sempre, un genio incompreso. E io, pirla, che lo critico selvaggiamente da 3 anni…

                  • RobyVR scrive:

                    Dio caro a te sì infin otimista! Par mi sèrene retrocesi za quando i ha dito che par inissio Luio Pechia el gavarea avuo a disposision el grosso dela squadra par la A. Purtropo l’è l’unica verità che Fusco l’ha dito!!!

                  1. RobyVR scrive:

                    El marcà de Genar el sarà solo in IMPORTANTI uscite (Caceres e Pazzini) e s’anca ben ghe ne fusse in arivo i sarà SCONOSCIUTI o BOLLITI spaciati par salvatori dela patria. Sema clamorosamente (mia tanto) inadeguati ala A fin da quando ghe sema ste promossi (PAR EL GRAN CUL DE PECHIA) e qualche vitoria con squadrasse tipo el Milan o el Sasuolo le podea solo farne prolungar l’AGONIA. Purtropo ema chiaramente capio che anche le altre strassone de squadre jè cmq messe manco pezo de nojaltri da cui… SALUTARE sì ma con la man la seria A.

                    1. Maxhellas scrive:

                      Batosta salutare?
                      Purtroppo non credo.
                      Sono sempre più convinto che i problemi societari del Verona, che cominciano a venire fuori, stanno pesando e peseranno ancora e, se possibile, di più sui risultati sportivi.
                      Soldi, non solo non ce ne sono, anzi: se Volpi ha ragione ci sono anche debiti non pagati. Secondo il codice civile, in caso di mancato pagamento dei debiti, il creditore può chiedere il fallimento. Certo, fallirebbe l’HV7, dirà qualcuno. Si, ma non se Volpi riesce a dimostrare che il trasferimento delle quote dell’Hellas Verona FC sono state trasferite alla lussemburghese Falco Investments SA in maniera fraudolenta, al fine di sottrarle all’opzione di acquisto collegata alle obbligazioni emesse a favore della S. Rocco Immobiliare (gruppo Volpi). In quel caso potrebbe chiedere la revocatoria e una quota non banale dell’Hellas Verona FC passerebbe nelle mani di Volpi, con conseguenze non chiare in termini di regolamento. Inoltre, se coì fosse, si potrebbe ravvisare un comportamento fraudolento da parte di Setti, con le conseguenze civili e penali del caso.
                      Insomma, ottime prospettive che, immagini, stiano facendo l’effetto del “si salvi chi può!” sui calciatori tesserati. Credo che quelli che hanno mercato tenteranno la fuga già da gennaio.

                      Grande presidente Setti…. e io, pirla, che lo critico pesantemente da 3 anni…..

                      1. Mychael scrive:

                        VOLEA DIR “ IL BOLG DI MCHELONI” … ostiòn al corettor automatico

                        1. Mychael scrive:

                          RINNOVO L’INVITO A LEGGERE IL BLOG DI MI HELPNI DEFICATO AI BUTEI CHE NO GHE PIÙ. MI SONO EMOZIONATO.

                          1. gabri scrive:

                            Se a questa squadra togli elementi come Cerci Caceres Buchel Fares e il Pazzini che doveva essere, 8 nare. A gennaio mi auguro che arrivino 3 rinforzi, uno per reparto. Gente di categoria e non giovani di belle speranze.
                            Fusco ha detto che ha gia' individuato i giocatori che farebbero al caso nostro
                            Uno sara" Boye del torino, garantito al limone, per gli altri nomi, mi rimetto a Mastiff che tra poco entrera" in scena.
                            Buon Natale a tutto il popolo GialloBlu e. speren ben.

                            • Simone scrive:

                              A me la questione sembra semplice. Questa è una squadra con pochi giocatori da serie A piena, e sono Cerci, Caceres e Rómulo. Due su tre con problemi fisici cronici e che andavano verificati e recuperati dopo anni. Altri come Pazzini in fase di calo evidente. Altri in miglioramento ma che ancora non basta per la categoria. Se affronti una partita senza parte di questi e senza dare il 110 per cento, le figure dell’altro giorno non sono che la logica conseguenza, specie se si trova una squadra fisica e in forma come questa Udinese. Sul mercato di gennaio chiaro che sarà più che mai fondamentale, ma le risorse ultra limitate cosa potranno portare di nuovo e davvero utile difficile dirlo. Questa estate si è visto. Quindi personalmente poche illusioni in questo senso.

                            • Marco scrive:

                              Fusco l’ha anca aggiunto el piccolo particolare che ghe sarea da convincerli. Comunque buone feste a tutti con tanto de pansa piena butei!

                            1. Luca scrive:

                              CURVA SUD MARCHE
                              Chi difende pecchia è in malafede tanto quanto chi lo tiene ancora in panchina!
                              Vergognatevi Carogne !
                              AVANTI BLU

                              1. Paolo scrive:

                                Vedendo il lato positivo, almeno adesso il pagliaccio di Formia che dopo aver battuto Sassuolo e Milan si sbrodolava in conferenza stampa manco avesse vinto la Champions non se la potrà prendere con la stampa (?) o con l’ambiente ostile (??) per giustificare la non prestazione ed il non gioco dei suoi, così come non vedrò più scritto che i poveri Pecchia e Fusco stanno sulle balle ai tifosi del Verona solo perché sono meridionali.

                                • giovanni scrive:

                                  Sassuolo di allora e Milan di oggi allo sbando totale = CATA pecchia ATTILA una nullitá professionale, che sentendosi e$$ecutore degli ordini del “”$$uo amichettinho fu$chinho” ..SGRANA I SORRISETTI PER PRENDERCI PURE PER IL HULO …….eppure ancora qualche numero da prefisso telefonico cercano di difenderlo !! VATTENE UOMO, PROFESSIONISTA, ARTISTA PAGLIACCIO, DEMENTE = nullitá totale !!!

                                1. Andrea scrive:

                                  Mah, io dopo un quarto d’ora avevo capito che oggi non ci sarebbe stata partita.

                                  Troppe lacune di organico e non avere Caceres e soprattutto Cerci per noi vuol dire essere una squadra piccina piccina rispetto ad una squadra fisicamente forte e in forma.

                                  Non riuscivamo a tenere su la palla.

                                  Capisco recuperare gli infortunati (Cerci per noi è fondamentale, Caceres pure), ma se non prendono almeno una punta forte a gennaio la vedo dura.

                                  Sul fatto infine che ora abbiamo Juve e Napoli, le avranno anche gli altri. Non mi preoccuperei di questo.

                                  Siamo in 4, dietro: una è andata (Benevento), le altre due che retrocederanno vanno cercate tra SPAL, Crotone ed Hellas.

                                  Impossibile non sarebbe, se ci si mettesse qualche quattrino…

                                  • Simone scrive:

                                    Sono abbastanza d’accordo di base (dopo aver letto la formazione iniziale io sinceramente non avevo grosse speranze, assenze di Caceres, Büchel e Cerci, e loro in un periodo di forma effettivamente al top), ma al di là di tutto questo, ieri è anche e soprattutto stato sbagliato l’aporoccio alla partita. Discreta la fase difensiva all’inizio, quasi assente quella offensiva, dominati dal punto di vista fisico (qui la costruzione della squadra ha sicuramente il suo peso perché è una costante dallo scorso anno il fatto di soffrire squadre con queste caratteristiche) e sul piano della determinazione. Dopo il gol loro è finita la partita. Questo, con tutte le giustificazioni del caso, non va bene. Per me la peggior prestazione insieme a quella di Firenze e in parte Cagliari. Al di là del risultato che verrà, con la Juve dovrà esserci reazione. E dopo serve ritrovare continuità. Di prestazioni e di risultati con le squadre con cui è possibile farlo. Gennaio sarà un mese molto importante sotto il punto di vista di campo e dì mercato.

                                    • Cesare Settore Superiore scrive:

                                      Al tuttologo qua de sora che difende sempre e comunque l’operato del bandito paracadutista, del pulcinella girafrittate e dell’incompetente incollado sulla panca.
                                      Comodi i tasti ctr + c e ctr + v , era?
                                      E quando ghe semo andadi a Firenze?

                                      • giovanni scrive:

                                        Grande Cesare – Ancora In azione 1) i “sognatori”, del pa$torelliano agli ultimi cente$imi, dopo aver ra$chiato il barile e $ognando come far $parire altri 25 mil ? – 2) i “Beoni” della “comparsa” DS, dallo sguardo demente, a capo tribú-clan di yes man, con mi$$ione di inhulare – 3) i ripetitori del canta storie dell´ATTILA Cata pecchia, ridotto a NULLITÁ TOTALE ….PAROLE DELLA GAZZETTA DELLO SPORT A CONFERMARE ………

                                      • Simone scrive:

                                        Fiorentina in casa, non Firenze. Te ghe reson. Mi no giustifico niente, e ragiono su quel che vedo. Cosa ghe da giustificar ieri? Niente. Ero contento dopo el mercato estivo? No. Posso esser contento della partita e dell’atteggiamento visti ieri, a Cagliari o con la Fiorentina? No. Ho mai parlato di Setti seconda versione come il presidente che avrei sempre voluto? No.

                                  1. mir/=\ko scrive:

                                    siamo già in B… chi rinnova contratti pluriennali a gente come Souprayen, Valoti e Nicholas, non può ambire ad una serie A stabile… Setti aveva ragione e devo dargliene atto: l'unico vero obiettivo è la sopravvivenza del club!! non diedi peso a queste parole, dopo la scorsa retrocessione, reputandole solo "un mettere le mani avanti, qualora le cose non avessero preso la giusta piega", essendo il Verona la favorita alla risalita immediata ; ma oggi sono costretto a valutare diversamente questo concetto. siamo talmente ridotti male economicamente da essere, di fatto, costretti ad osservare il Verona affondare senza alcuna possibilità di manovra!! …. vedasi l'ostinazione forzata con la quale si conferma Pecchia!! evidentemente la situazione debitoria è pressoché incolmabile… si sopravvive solo per pagare i debiti di una società indegna di un calcio di primo piano. o questo schifo vomitevole a cui il Carpigiano ci costringe, oppure il fallimento!!! d'altronde siamo in vita solo grazie al paracadute che peraltro serve solo a pagare i buchi creati da degli incapaci … mi auguro si tratti perlomeno di pura incapacità e non di qualcos'altro, visto che siamo in Italia!!! oggi, grazie ad un banchiere e grazie ad un giornalista veronese, sappiamo che il fumoso e vaporoso Setti ha un debito di 5 milioni da rimborsare all'ex amico Volpi… quindi si retrocedera', si venderà per forza di cose qualcuno per far cassa, verrà chiesto un anticipo per pagare effettivi debiti, si cercherà di allontanare chi ha ingaggi ritenuti elevati, si impoverira' ancor di più la rosa e si cercherà di non retrocedere in lega pro. scordiamoci un campionato da protagonisti… è già tanto se ci iscriviamo al prox campionato di B… CONTESTAZIONE DURISSIMA A QUESTO PRESIDENTE!!! DEVE ANDARSENE ASSOLUTAMENTE!!!

                                    • Nucky scrive:

                                      Fa arrabbiare il fatto che ci abbiamo messo anni per uscire dalla sciagurata gestione pastorelliana per poi ritrovarci nelle mani di questo individuo arrogante, spocchioso, inadeguato dal punto di vista economico ma soprattutto incompetente. Prendersela con i leccapiedi del giornale l’Arena ormai è superfluo, la cosa che dispiace è l’immobilismo della Curva del quale non mi capacito.

                                    1. Simone scrive:

                                      Luca, detto da uno che parla a caso come te e che è stato smentito dai fatti più volte mi va benissimo. Vedi di essere coerente ora.

                                      1. Luca scrive:

                                        CURVA SUD MARCHE
                                        Simone, te lo dico anche qui , non ti risponderò più, mi fai semplicemente pena . Clic

                                        1. Jordan scrive:

                                          Ben alà Auguri a tutti i butei

                                          1. Alkwor scrive:

                                            Salutare la serie A…
                                            Se è pur vero che il Verona ha offerto buone prestazioni ultimamente (tranne 2 o 3 cadute rovinose come ieri), è pur vero che non ci siamo mai schiodati dal penultimo posto.
                                            Per me Pecchia è tuttora da esonerare.
                                            Quasi ammiro la sua straordinaria resilienza: la squadra prende schiaffi ad ogni partita e pure lui rimane in sella.
                                            Successe così anche l’anno scorso, nel non breve periodo buio.

                                            1. ak47 scrive:

                                              Gli ultimi giorni di settembre, giorni non sospetti, mentre ero in ospedale ad assistere mio papà che non stava bene, per esorcizzare quei momenti pensai tra me se si salva mio papà, si salva anche il verona. Il 30 settembre mio papà se ne è andato quindi…
                                              Buone feste
                                              ak 47

                                              1. Paolo scrive:

                                                Nelle prossime due il Verona giocherà la Juve in casa e poi il Napoli in trasferta; la Spal giocherà con la Samp in trasferta e poi la Lazio in casa; il Crotone ha due partite di fila in casa, ma contro Napoli e Milan; il distacco tra le tre squadre al momento più in difficoltà del campionato (oltre al Benevento, già spacciato) rimarrà più o meno lo stesso. Sarebbe lì anche il Genoa, se oggi non gli avessero dato il rigore al 90°.

                                                Quella di oggi è stata tuttavia una sconfitta sconcertante ed inaccettabile. Non si va da nessuna parte così.

                                                1. ciccio2 scrive:

                                                  se una squadra non tira in porta forse qualcosa che non funziona ci sarà….

                                                  1. Dasimengoto scrive:

                                                    e sentire il ds che alla domanda “quali interventi farà sul mercato ?” ri-sottolinea l’ importanza di recuperare gli infortunati e casomai qualche intervento mirato la dice lunga sulla società , un presidente che non parla e sceglie per comunicare dei penosi portavoce.

                                                  Rispondi a Franchellas

                                                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                  Accetto i termini sulla privacy

                                                  *