04
apr 2018
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 98 Commenti
VISUALIZZAZIONI

10.121

VERONA VERGOGNOSO

Doveva essere la partita della svolta, l’inizio del nuovo campionato del Verona, la prima di una serie di sfide salvezza. E’ stata una prestazione semplicemente vergognosa. Il Benevento ha dominato dall’inizio alla fine, alla faccia di chi sperava in una formazione dimessa, rassegnata ad un destino ormai segnato. La squadra di De Zerbi ha disputato un ottimo match contro… il nulla. Gara a senso unico, dominata dai padroni di casa che avrebbero meritato di segnare almeno altri tre gol. Pecchia non ci ha capito niente e come lui i suoi giocatori, apparsi spaesati, arrendevoli, inadeguati.

Adesso non ci sono più dubbi. Il Verona non merita di rimanere in serie A. Il presidente Setti, al di là delle sue giustificazioni, delle sue lunghe lettere o della sua immensa autostima, deve tenere conto della gente, dei tifosi che hanno comprato l’abbonamento, di chi paga il biglietto e di chi segue la squadra in trasferta. Il calcio non è un’azienda privata, è molto di più. Questa retrocessione è figlia delle sue scelte e della sua debolezza economica per tenere la squadra a certi livelli. Le dimissioni di Filippo Fusco con tanto di scuse sono un’ammissione di responsabilità, ma le colpe non sono solo sue, anzi. Ritengo il presidente Setti il principale responsabile di questa annata disastrosa.

Il Verona è di nuovo nella tempesta. Cosa accadrà nei prossimi mesi non è dato a sapersi.

10.121 VISUALIZZAZIONI

98 risposte a “VERONA VERGOGNOSO”

Invia commento
  1. RH scrive:

    Vittoria utile fino ad un certo punto, perché non lascia certezze e non da fiducia, anzi con mezza squasra cambiata paradossalmente ne toglie. Alzi la mano chi pensa NON sia stato un fuoco di paglia come ogni vittoria sculata dopo un “ultimatum” dell’era-pecchia.
    Lo stesso risultato, con un altro allenatore in panchina, avrebbe dato un entusiasmo incredibile, e passatemi che contro questo Cagliari indegno avrebbe potuto vincere chiunque (anche uno che gioca con Aaron e supra, per giunta titolari, e strasso Fares centravanti)

    1. Bruno scrive:

      Luca che cos’è questa storia della querela a Mauro Micheloni?
      Non è che veramente qui ci dobbiamo incazzare sul serio?

      • Mychael scrive:

        La pagina vuota di Micheloni? Io la interpreto così: “Setti mi querela”?, io rispondo con un simbolico silenzio capace di far più rumore di qualsiasi parola”. E infatti il suo blog è a 2400 visualizzazioni pur essendo una pagina completamente bianca. No dico… sono dei mona i 2000 e passa che hanno guardato una pagina vuota? O al contrario hanno cercato di riempire quel vuoto? Se andate sul Twitter di Mauro Micheloni troverete l’indizio. Il suo non intervenire con una smentita è semplicemente “assenso”. Ma scherziamo? Da quando c’è Setti si è registrato un aumento esponenziale di “daspo“ ai Butei. Un caso? O frutto di una “proficua” collaborazione tra Questura e Società? (chi conosce qualche poliziotto sa benissimo che i nomi alla Questira li passa la Societalà che possiede il database degli abbonati. Ora addirittura Setti cita un nostro blogger in Tribunale con l’accusa di diffamazione. Sembra il colpo di coda di un boxer alle corde. Attaccare per non essere attaccato. Vuole intimidire chiunque osi contestarlo pubblicamente. Confido che il buon Micheloni ci renda presto partecipi della vicenda. È un “procedimento penale” non dimentichiamolo e posso comprendere che decida con il suo avvocato, tempi, modi e miglior strategia difensiva. Se è il caso di incazzarci? La domanda è semmai un’altra: SIAMO ANCORA CAPACI DI INCAZZARCI?

      • Bruno scrive:

        Accolgo la giusta affermazione di Mauro Micheloni e pubblico anche io il mio commento IN BIANCO per testimoniare la mia solidarietà nei suoi confronti.

        .
        .
        .
        .
        .
        .

        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        .

      1. Simone scrive:

        La storia, anche qui a Verona, dice che laddove c’è un investimento e una società con basi importanti, i risultati prima o dopo arrivano. Questa era una società che all’inizio faceva proclami di un certo tipo e livello e coerentemente investiva, tanto da andar fuori dai parametri del bilancio in maniera piuttosto pesante e documentata nei primi tre anni, ma era una società che al contrario di adesso attirava giocatori con una prospettiva per loro, con ingaggi cresciuti, e probabilmente con possibilità economiche garantite per la controparte (i diritti di riscatto sono la norma per quasi tutte, non è questo il punto, il punto è poterseli permettere, cosa che allora era ed ora no), arrivavano quasi sempre prime scelte, ora arrivano se arrivano le alternative delle alternative, in prestito secco, o con diritto di riscatto (non alti comunque per la categoria) ma solo in caso di permanenza in A, si trattava addirittura con procuratori che pretendevano soldi a loro volta (e il calcio odierno è in mano a loro, che vanno su giocatori importanti o di prospettiva per farsi pagare bene, non prenderebbero granché d’altronde se andassero su dei brocchi senza storia o prospettiva). Poi è successo, certo, che Volpi si è staccato e probabilmente vuole indietro dei soldi (temo più di quelli che pensiamo), e che negli ultimi tre anni il mercato è ulteriormente impazzito coi prezzi. Poi investimenti sbagliati a costi importanti (Pazzini e Viviani gli ultimi, prima parecchi ma con la differenza che prima le spalle erano coperte), e il cambio di rotta, sancita in maniera definitiva, con dichiarazioni e fatti, dal mercato di gennaio 2016. Con relativo rischio forte di crac (Setti lo ha confermato , il blocco stipendi ne fu la prova o per lo meno un indizio forte). Parola d’ordine: disinvestire il più possibile per rientrare dai costi. Il lavoro da questo punto di vista non credo sia stato ancora completato, ma prima Bigon e dopo Fusco, non a caso molto apprezzato da Setti, hanno fatto probabilmente il massimo su questo. Credo Setti tenterà di risolvere il più possibile la questione riguardante gli ultimi ingaggi pesanti (ma non sarà facile perché ci sono ancora giocatori con ingaggi effettivamente sproporzionati rispetto al loro reale valore, quindi difficili da piazzare o da convincere ancora a ridurselo di molto, ma alcuni di questi contratti andranno comunque in scadenza nei prossimi anni). Quello che credo faccia arrabbiare però il tifoso appassionato e sanguigno, tenendo conto tutto questo, è probabilmente il vedere che Setti sembra stia investendo, con soldi reali, altrove (Modena calcio ma mi risulta anche un mega villaggio in Puglia, dimmi Luca se è vero), e da dove vengono ‘sti soldi non si capisce bene visto che pare anche la sua principale azienda non sia messa benissimo. Che Setti punti a disinvestire qui è evidente, che cerchi di investire altrove è legittimo. Quello che personalmente non accetto è la cifra sparata per vendere la società. Credo la risposta ai mille legittimi dubbi stia nel perché di questa cifra. Poi io sono convinto che prima o poi venderà, e di sicuro non a quella cifra perché se in A è insensata, in B è fuori dall’illogica. Io aspetto quel momento. Vedremo come saremo messi in quel momento, chi si presenterà e che prospettive ci saranno. Ad ora è impossibile fare previsioni.

        • fenomeno scrive:

          Antress Industry, azienda di Carpi (Modena) che possiede il marchio Manila Grace, lanciato 12 anni fa nel 2016 ha fatturato 47 milioni di euro e nel 2017 potrebbe sfiorare i 50 anche grazie all’inserimento delle borse che affiancano le linee di abbigliamento femminile e valgono già l’8% dei ricavi. L’export è in costante crescita e nello scorso anno è arrivato al 62%. Manila Grace ha aperto sei corner all’interno di altrettanti store La Rinascente, che si aggiungono ai 35 monomarca, 15 in Italia e 20 all’estero. Il canale wholesale comprende 800 multimarca nel mondo.
          Nella seconda parte del 2017 sono in programma aperture in Cina e in Europa».
          Grazie a un accordo con Fresh&Clothing, entro tre anni saranno aperti 15 negozi in Cina, mentre nei Balcani Manila Grace si concentrerà su Croazia, Serbia e Montenegro, insieme al retail partner Fashion&Company. Senza escludere possibili nuovi accordi per il Medio Oriente, la Russia e gli Stati Unitesto

          Queste sono le info che ho trovato io in rete…quali notizie hai per dire che Manila Grace non sia messa benissimo?

          • Espatriato scrive:

            quindi tu hai letto il bilancio della antress???
            palesemente no!! l’azienda ha un tasso di crescita molto basso paragonato al settore e viene da 2 bilanci negativi ( l’ultimo addirittura con perdite che superano il milione).
            bisognerebbe parlare conoscendo l’argomento!! non perché si leggono 2 notiziole e su quelle ci si fonda tutta la propria verità

            • fenomeno scrive:

              Anche tu dovresti però leggere quello che uno scrive….io ho scritto che ho trovato quelle notizie e chiesto sulla base di cosa si scrive che non sia messa benissimo….non ho espresso alcuna verità ma solo chiesto info

              • bruce scrive:

                Se entri in una società di calcio sapendo di non avere le disponibilità economiche per gestirla al meglio vuol dire che il motivo principale per cui sei entrato è quello di sfruttarla, di conseguenza cosa si aspetta dai tifosi che alla fine della fiera sono gli unici a spendere di tasca loro? Rispetto? Riconoscenza? Ripeto ancora che al momento la tifoseria dell’Hellas Verona è stata fin troppo civile e composta nei confronti di questo individuo spocchioso, arrogante e nemmeno tanto capace visto lo scempio sportivo a cui stiamo aasistendo.

              • Espatriato scrive:

                Allora scusami ho frainteso…
                Quello che traspare dalla società di Setti è un azienda abbastanza consolidata che non sta però facendo risultati (utili) buoni.
                Una realtà imprenditoriale come tante sicuramente non all’altezza di investire nel mondo calcistico nelle prime serie.
                Per capirci ci sono una marea di aziende veronesi che hanno disponibilità abnormi rispetto a questa… Per fare qualche nome e dare qualche numero un pedrollo fattura 3 volte tanto il marchigiano con degli utili mostruosi.
                Il comparto alimentare ( sia produttivo che distributivo … Esempio rana, bauli ma anche nel piccolo migross, tosano,…) ridono a questi numeri.
                Per non parlare poi di un riello …e nel non nominare un veronesi.
                Quindi dai dati è evidente che Setti, è le sue aziende, si siano fatti “aiutare” per l’acquisizione dell’hellas, non credo da istituti bancari perché si noterebbe nei bilanci.
                A meno che il patrimonio personali di Setti non sia adeguato ad una società calcistica di serie A, ma questo non c’è dato sapersi, non è la realtà che può, con prestiti o innalzamento capitale o ripianamento debiti, investire e far crescere ns Hellas.
                Resto basito della carenza prifessionale dei giornalisti veronesi..
                Detto tutto ciò se la situazione è questa capisco Setti.. Probabilmente non ha molto da investire..cerca di rendere autonoma la nuova società… E prova a capitalizzare il.massimo da un eventuale vendita. Se voi foste nei suoi panni cosa fareste??

          • Simone scrive:

            Su Manila grace ammetto di aver parlato per sentito dire leggendo più che altro commenti qui. Se l’azienda va bene e fa soldi, per me è un’aggravante. Sul resto: sì, erano prime scelte. Nel senso che si scelsero e arrivarono. Oggi chi si sceglie non arriva. I nomi che giravano e che non sono arrivati, e che sono andati altrove, sono un’infinità. Allora non era così. In B si potevano già vendere Jorginho, maietta, rafael, hallfredsson. Si tennero perché allora c’era evidentemente un progetto e delle potenzialità diverse. Setti prima del calcio mercato disse che la A era un altro sport e che avrebbe rinforzato la squadra puntando su giocatori di un certo livello. Poi è chiaro che non sempre gli investimenti vanno a buon fine (poi se non vanno a buon fine e hai una proprietà con possibilità rimedia, altrimenti sprofonda). Toni era rinato l’anno prima a Firenze e si capì fin dalle prime amichevoli estive che per Cacia non c’era storia, Rómulo aveva fatto bene sempre a Firenze l’anno prima come prima riserva dì Cassani e Cuadrado (in una Fiorentina che arrivò quarta in classifica) Iturbe prospettiva reale che veniva dal secondo posto al River in Argentina con un campionato considerato, Marquinho a gennaio allora era un ottimo acquisto eccetera. Oggi acquisti così sono una chimera. Anche per il fatto che giocatori di quel valore, ma anche meno, qui non verrebbero, com’è infatti stato. Ma al di là delle opinioni (prese comunque da dati di fatto ma l’è stesso), il presente degli ultimi anni e dichiarazioni parlano chiaro. Il futuro dirà.

            • fenomeno scrive:

              Iturbe veniva dal Porto non dal river…al river in tutto fece 17 presenze e 6 nel porto…dopo Verona inoltre non ha combinato più nulla…Romulo era una panchinaro a Firenze che la Fiorentina sbolognò…Toni che aveva, è beno ricordarlo, 38 anni aveva fatto 8 goal la maggior parte dei quali nei minuti finali di partite stravinte e nei sei precedenti campionati tra Roma, Juve, Genoa e Al-Nasr fece in tutto 13 goal…ma per te queste erano prime scelte…va bene…

              • Simone scrive:

                Iturbe infatti giocò più nel river che nel porto e aveva un cartellino di 15 milioni. Aveva tutto per fare bene, allenatori incontrati compresi, ma la testa evidentemente no, e l’ambiente romano di sicuro non gli ha giovato. Rómulo fece, ribadisco, un buon campionato a Firenze da prima riserva di due giocatori importanti in una squadra arrivata quarta. Toni segnó il due a zero al 65esimo contro il Catania, il 2 a 0 al novantesimo contro la Lazio, il tre a uno contro il Cagliari, il 4 a 1 al 49 con L Atalanta, il primo e l’ultimo gol nel 4 a 1 col Siena, il primo gol nel due a zero col Parma, l’uno a zero col Palermo. Da riserva di jovetic. Si era fisicamente ripreso e aveva ripreso fiducia. Era un campione (anomalo in realtà perché cominció la sua grande carriera a 27 anni) ritrovato. Tutto lì. Ma questi sono ora discorsi inutili. Quello che conta è il presente, che sta nella scia della nuova realtà. Nuova realtà che è cominciata, in primis a livello societario, dal campionato 2015 16.

        • fenomeno scrive:

          Toni, Iturbe e Romulo ovvero da dove partirono le nostre fortune erano tutto fuorchè prime scelte, come non erano prime scelte Moras, Maietta, Caciatore, Agostini, Halfredsson, jorgino, Martino e Juanito,….chi pensa che nel calcio 1+1 faccia due c’ha capito poco…

        1. bruce scrive:

          Purtroppo torno a ripetere che neanche in Lega Pro mi sono vergognato in questo modo.

          • Maxhellas scrive:

            Confermo: andavo allo stadio contento. E tornavo incaxxato, ma fiero, anche in caso di risultati negativi.
            Perfino il Verona di Bellavista & C, allenato da Pellegrini, mi emozionava più di questa roba qua.
            E mi tocca sentire ancora gente che osanna Setti per le 2 promozioni e il 10° posto in A….ma cos’è questo? Autolesionismo? Sindrome di Stoccolma? C’è gente della società che scrive qui sotto qualche nickname???

            • bruce scrive:

              Non c’erano soldi per acquistare giocatori, non c’erano soldi per cambiare allenatore, però i soldi per entrare nella cordata che rileverà il Modena Calcio li ha trovati tra l’altro nei giorni in cui abbiamo assistito a delle cicloturistiche (11 gol presi in tre partite ma potevano essere benissimo il doppio) dei nostri avversari che hanno banchettato sui poveri resti del nostro Verona. Se poi ci aggiungiamo l’allontanamento di Puliero, l’aver affermato che le tifoserie sono tutte uguali, la querela a Micheloni e altre amenità varie siamo a posto. Neanche il il berico maledetto era arrivato a tanto, pensavo di averle viste tutte ma sto cominciando a ricredermi…

              • Marco scrive:

                Ma qualcuno sa nello specifico per cosa è dovuta la querela per diffamazione che avrebbe preso Micheloni da Setti?

          1. fenomeno scrive:

            Rispondo a sick boy…Io parto dal presupposto che siamo una squadra di media fascia dove per media fascia intendo dalla 12esima 13esima posizione in serie A alla settima ottava in B e di conseguenza abbiamo anche un presidente di media fascia…credo che il giocattolino calcio costi più di quella che pensiamo, lo “smantellamento” è una logica conseguenza per tutte queste squadre…Jorginho lo potevi tenere qualche altro mese si, poi inevitabilmente lo dovevi vendere, lui non sarebbe mai rimasto…devi essere bravo a fare queste operazioni e riuscire a trovare sempre buoni calciatori a prezzi contenuti e collaboratori capaci…a volte ti riesce (Toni,iturbe, mandorlini, Sogliano)…altre no (Cerci, Pazzini, Pecchia, Fusco )…poi se entriamo nell’aspetto empatico del personaggio Setti son d’accordo…non riesce mai ad assecondare la piazza anche nelle decisioni più semplici tipo quella dell’esonero di Pecchia…io sono “più morbido” di quasi tutti qui nei giudizi perchè non vedo grosse alternative e credo che nella fascia media che ho definito prima questa società ci possa stare e non sono così drastico nei giudizi umani perchè convinto assertore che nel calcio ci sia una buona dose di imponderabile…in ogni caso non voglio fare un “uno contro tutti”…non voglio convincere nessuno, esprimo il mio parere e rispetto la rabbia di chi è più incazzato di me

            • bardamu scrive:

              Fascia media è una definizione che calza al Verona, dove non concordo è sul posizionamento che ne fai discendere. Per bacino d’utenza ed economia il Verona dovrebbe stare sopra squadre come atalanta e udinese in modo stabile, appena dietro le grandi città del Nord, Venezia, Padova e Trieste escluse ( cioè Milano, Torino e Genova ), le romane e napoli, bari e palermo.
              Purtroppo non abbiamo mai avuto una proprietà che sia durata nel tempo abbastanza per poter costruire un ciclo, se si esclude forse il buon Garonzi che però non ha lasciato nessuno dopo di lui ( Brunetto non lo conto… ) ed è durato troppo poco.
              Io non ho mai avuto alcun pregiudizio nei confronti di Setti. Ma quest’anno è stato evidente a chiunque che la querelle con Volpi l’ha privato di possibilità economiche che sembravano decenti fino all’anno scorso. “Mercato” ( se fa par dir ) estivo e depauperamento invernale erano lì a dimostrarlo.
              Per non parlare del disastro tecnico, sotto il profilo degli acquisti prima di tutto ( esterni d’attacco a profusione, pochi centrocampisti, nessuna punta centrale, nessun esterno difensivo ), avallato dal presidente.
              Il primo responsabile di questa situazione non può che essere lui.

              • fenomeno scrive:

                Il posizionamento che ho scelto me lo indica la storia…se escludi gli incredibili anni 80 siamo sempre stati li….a mio avviso quello di quest’anno non è stato un problema principalmente economico ma di scelte errate…il primo anno di serie A si spese tanto quanto ed il risultato fu completamente diverso…Iturbe e Romulo arrivarono in prestito, Toni con 400mila euro di ingaggio, sul milione di euro Sala, 2.5 Gonzalez, e 7-800 mila Marques più qualche altro prestito e qualche parametro zero…c’era una buona di partenza ma secondo me c’era pure quest’anno…tre quattro acquisti/prestiti indovinati od una miglior valorizzazione di quello che avevamo (penso a Bessa e Pazzini) ed il risultato poteva essere competamente diverso..ma con i se ed i ma non si va da nessuna parte

            1. fenomeno scrive:

              Dopo una partita così dura fare qualsiasi tipo di commento…Setti oggi primo colpevole per forza ma quando vedi una prestazione simile contro tali Venuti, Tosca, Djimsiti, Del Pinto, Viola, Iemmello, Diabatè ti viene spontaneo chiederti che cavolo di (non) allenatore abbiamo… una cosa in particolare mi ha colpito nelle ultime due partite…Ferrari…a livelli eccelsi contro Torino e Chievo quasi incapace di giocare contro Inter e Benevento…boh….

              • RH scrive:

                no, ma pecchia fa miracoli con quel che ha… (dove sono questi ora??)
                leggi quei 7 lì e ci aggiungi pure un 98 che non è nessuno, un portiere che in vita sua ha fatto solo di buono un gol al milan, e completi l’11 con un vecchio exgiocatore e un terzinaccio che fino all’anno scorso non faceva la differenza nemmeno in b. Ci hanno demolito questi butei, e troviamo scuse a pecchia?? Fusco se n’è andato troppo tardi, ormai quel che poteva distruggere l’ha fatto, ma al contempo troppo presto, perché altri tre o quatto ovi marsi so per el copin se li sarebbe meritati tutti

              • stefano 50/60 scrive:

                apposta per far esonerare chi non sopportano più….peccato che è andato via quello per così dire sbagliato ma rimane il tipo in panca e il proprietario(inamovibile)

              • GINO DAL BAR scrive:

                …Fenomeno, ormai non ce ne ridiamo piu’ conto…ma Ferrari non e’ un terzino, e’ un difensore centrale…e’ un buon difensore centrale, ma giocare sulla fascia e’ un’altra cosa…come Fares, potrebbe esser un buon d’esterno d’attacco, ma gioca terzino….Valoti non e’ ne’ un mediano ne’ un esterno, e’ un trequartista…Kean non sarebbe una prima punta, come non lo e’ di certo Cerci, ma giocano punta centrale…e via dicendo…
                …una squadra costruita male e data in mano a un allenatore che l’ha gestita…peggio…

                • RH scrive:

                  Ferrari, adattato o meno, è un buon terzino, uno che la A da terzino la può fare anche in squadre di livello medio. Che però, com’è umano, sta avendo un calo di condizione (non voglio credere al calcioscommesse.), e conseguentemente di sfiducia, visto le prestazioni da cui viene . Un allenatore normale queste cose le vede e perlomeno con l’inter lo lascia fuori e gioca con Bearzotti, che tanto bene ha fatto in quella posizione contro la Doria, o prova soluzioni alternative per ovviare al problema numerico (3-5-2? Magari da subito con Cerci-Petkovic? ). Nel caso specifico però, bisogna anche ringraziare il sig. Fusco che non ha dato un’alternativa vera in quella zona del campo

                • fenomeno scrive:

                  Si GINO, concordo….ma questo lo abbiamo detto mille volte….mi ha colpito però l’involuzione assurda di Ferrari in queste partite..

                  Ho sempre pensato che questa squadra con un 3-5-2 (3-4-1-2) e ben allenata non sarebbe stata poi così male…avrei voluto vedere Ballardini al posto di Pecchia…

              • Maxhellas scrive:

                Setto OGGI (???????) primo colpevole????????

                E fino a ieri, di grazia, chi stracaxxo era il colpevole?????

                O era meritevole forse di qualche stracaxxxo di cosa??????

                Basta! Vogliamo svegliarci e fargli terra bruciata intorno a quel supponente cretino con tendenze deliquenziali senza calzini o no?

                Con lui il fallimento è una certezza!
                Senza di lui una possibilità!

                • fenomeno scrive:

                  Oggi si oggi…per me è il colpevole di questa stagione perchè continua a sostenere un allenatore che ha dimostrato ampiamente di non essere all’altezza….

                  Per quello che ha fatto negli altri cinque anni di presidenza per me non è colpevole di niente, anzi….hai la memoria corta

                  Se fallimento sarà amen….ci saranno i tuoi amici professionisti e senator che rileveranno la squadra e ci porteranno in champion’s!!!!

                  • Maxhellas scrive:

                    In Champions non ci andiamo. Né con lui né con altri.

                    Ma lo scempio cui assistiamo da 3 anni e mezzo non è degno della NOSTRA piazza.

                    Non serve un presidente fenomeno. Basta uno onesto e attaccato ai colori. Come Martinelli, per esempio. Con lui magari non si faceva il 10° posto in serie A. Ma sono sicuro che non avremmo assistito a schifezze come quelle perpetrate dal mangiasigari negli ultimi 3 anni.

                    • Maxhellas scrive:

                      Magari fossi facoltoso!
                      Purtroppo aspetto anch’io, come tanti, il 27 del mese per andare avanti.

                      Se potessi permettermelo, però, lo prenderei sicuramente il Verona, solo per amore. Cercando di non rimetterci, certo, ma senza mai distogliere un solo euro per gli affaracci miei Senza grandi proclami, ma con l’impegno e il lavoro di tutti i giorni. Insomma, alla Martinelli e non alla Setti.

                      Ma facoltoso non sono.

                    • Sick boy scrive:

                      Fenomeno scusa,ho quasi sempre condiviso i tuoi interventi in passato,ma adesso quello che sta succedendo ci fa rivalutare di molto la presidenza Setti.Ora lo smantellamento che qualcuno imputava al presidente gia’ dalla cessione di jorginho,sembra essere stata realta’ purtroppo.Quello che piu’ mi da fastidio e’ che lui abbia ripetutamente mentito,anche questo ormai e’ un dato oggettivo.

                    • fenomeno scrive:

                      Non me lo fa fare nessuno,,,ho vissuto dieci anni tra lego pro e serie B su campi amatoriali tipo Pagani e Sorrento…ripeto, quando Martinelli ha prima chiesto aiuto e poi passato la mano nessuno ha risposto…Donsah a parte gli altri c’erano prima si…ma credo che quando Setti abbia acquistato la società abbia acquistato anche loro…perchè tu ed i tuoi amici facoltosi non avete preso la società allora?..se era così facile tornare in serie A e così vantaggioso perchè non lo avete fatto?

                    • Maxhellas scrive:

                      Ok, allora goditi lo smantellamento. e continua a difendere l’indifendibile. Domanda: ma chi te lo fa fare?

                      Inoltre i Jorginho, Maietta, Rafael, Hallfredsson, Donsah, Gomez (e dimentico sicuramente qualcuno) erano qui da prima di Setti. Ricordi?

                    • fenomeno scrive:

                      Riprendo un concetto scritto sopra o sotto…non lo so se sia uno smantellamento voluto di certo è uno smantellamento di qualcosa che ha creato lui…restavamo in b con i Cangi e gli Abbate e tutti questi problemi non li avevamo…

                    • Maxhellas scrive:

                      Per principio non inneggio mai prima. Rendo onore dopo aver visto onestà sportiva e attaccamento.
                      In via Sogare non c’ero.
                      Setti lo critico dal 2° anno di A, già fino da allora affermando che da quel momento in poi saremmo andati sempre più in basso con lui.
                      La magra soddisfazione è di averci preso con la previsione, che allora veniva, diciamo così, non capita….

                      La stagione attuale e quella di 2 anni fa sono andate male in modo assurdo. L’obiettività dovrebbe far ricordare a tutti (anche a te) che nel 2015/16 siamo retrocessi con una società (di Setti) che non pagava gli stipendi da gennaio, salvata solo dal paracadute (di cui Setti chiese l’anticipo). Ciò non dimostra che la retrocessione fosse voluta, ma che guarda caso fosse indispensabile come l’ossigeno per tappare i buchi, questo è un fatto.

                      L’immediata risalita in A ha senso per ottenere poi il 2° paracadute di fila e potere pagare i debiti verso Volpi (anche questi debiti oggi non sono più illazioni, ma fatti).

                      Il bel calcio di Pecchia è durato esattamente 8 giornate. Il resto è stato pessimo come quello attuale.

                      Partite come quella di ieri, fermo restando la scarsezza della rosa, sono normalmente sintomo di problemi tra squadra e allenatore (ipotesi migliore) o di problemi societari anche gravi (ipotesi peggiore).

                      Setti ha fatto semplicemente il ganassa con soldi non suoi. Quando Volpi ha chiuso i rubinetti non ha esitato a “vendere l’argenteria” per rimborsarlo e si è rivelato per quello che è. Anche questo mi pare oggettivo.

                      Personalmente, è il 3° anno di fila che non faccio l’abbonamento (prima ero sempre in Trib Sup Ovest) per non dare soldi a chi ci sta, a mio avviso, distruggendo. E ti assicuro che è una scelta che mi costa molto.

                      Che le stagioni sportive non vadano come pianificato può succedere e l’ho sempre accettato. Altrimenti che ci facevo allo stadio 7, 8, 10, 12 anni fa e ancora prima? Quello che non accetto è proprio quello a cui ho assistito negli ultimi 3 anni e mezzo: lo smantellamento pianificato del nostro Verona, settore giovanile incluso, peraltro (che bene che va la Primavera!)

                    • fenomeno scrive:

                      Quello che ti “contesto” è quando dici ultimi tre anni…lo scorso anno siamo o non siamo saliti dalla B alla A giocando per qualche mese un calcio di qualità?…l’anno primo è stato si deprimente ma le premesse no….magari c’eri anche tu tra i 3000 ineggianti a Pazzini in via Sogare….poi se non accettiamo che una stagione di calcio ripeto di calcio possa anche andar male è meglio che la smettiamo di andare allo stadio o di definirci tifosi….ci sta essere incazzati, essere avviliti, tutto quello che vuoi, desiderare che Setti se ne vada, tutto quello che vuoi ma un minimo di obiettività non guasterebbe

              1. Per Favore Pietà scrive:

                Buteloti posso essere d’accordo su tutto, ma leggere che deve andare in panchina Corrent è allucinante !!!
                Ma sapete che questo con lo squadrone più incredibile visto di recente non l’ha vinto gnanca la Prima Categoria 2 anni fa!?!?
                …ahn si ovviamente l’anno scorso anda’ via lu’ iè ande’ su dritti come una sciopeta’ !!! Ahahahah…
                Quindi se si pensa di potersi ancora salvare bisogna prendere un Messaggio che abbia competenza e sia degno del nome di “Allenatore”, altrimenti se si pensa di essere già spacciati giusto che rimanga Pecchia a retrocedere e ciapar i meriti insulti !!! (che sicuramente Corrent non merita)

                1. superciukko scrive:

                  strano che nessuno abbia ancora avanzato l’ipotesi che l’entrata nel Modena sia stata “finanziata” dai soldi incassati grazie all’Hellas…
                  siccome ci si chiedeva dove fossero finiti tutti gli incassi di paracaduti e plusvalenze varie a fronte di mercati a costo zero……
                  Con i “suoi” soldi può fare quello che vuole.. è chiaro. Ma quelli “percepiti” in ambito Hellas no…

                  1. viniciocaposhellas scrive:

                    Spero che dopo la retrocessione il carpigiano ceda e vada in una dimensione a lui più consona (un tochetin de squadra fallita).
                    Il problema è che vuole anche tanti soldi, quindi nessuno si avvicina ,e se rimane lui è probabile che si ritorni in C in 2 anni.
                    Quindi bisogna convincerlo, visto che ci ama tanto, ci lasci per non farci del male ulteriore.

                    Pecchia el me fà de pecà, ma è giusto che si mangia tutta la merda che ha costruito. Deve restare lì a prendersi tutti i nostri insulti. La sua carriera da allenatore è già finita!

                    1. bardamu scrive:

                      leggo commenti che a me paiono “lunari”. Commenti che potevano adattarsi alla maggior parte delle partite disputate da questa scassata compagine. Ma non a quella di mercoledì.
                      Ma l’avio vista la partia o lo vista solo mi?
                      In una partita che doveva essere l’utlima spiaggia, da vita o morte, i giocatori danzavano sul campo come nemmeno in un’amichevole.
                      Un atteggiamento incomprensibile. inspiegabile. Ho provato a formulare varie ipotesi: stipendi che non arrivano, ribellione all’allenatore, al presidente, calcioscommesse, vendita della partita.
                      Nessuna regge al vaglio della ragione.
                      Per nessuno di questi motivi si sarebbe potuta inscenare una rappresentazione simile. Ci sono modi più semplici e furbi per fare arrivare messaggi a chi si vuol colpire o per portare a casa una sconfitta senza destare sospetti.
                      Questi hanno passeggiato in campo e si sono fatti prendere a pallonate ( senza Silvestri il passivo avrebbe potuto superare quello di Avellino 2004 ) nella partita che ci doveva rilanciare contro l’ultima in classifica.
                      Senza accennare un minimo di pressing, senza mordente, senza corsa, senza dignità.
                      Se abitassero in una città diversa questi signori non potrebbero più mettere il naso fuori di casa; forse dovrebbero proprio cambiare casa.
                      Spero solo di non vedere più nessuno di questi musi vestire la maglia coi nostri colori l’anno prossimo.

                      1. GINO DAL BAR scrive:

                        Assodato che ci troviamo di fronte alla peggiore squadra mai allestita per la serie A nella storia del Verona, soprattutto dopo gennaio (prima con Caceres, Bessa e Pazzini…qualcosina meglio eravamo…)…al piu’ incompetente dei DS che abbiamo mai avuto in serie A (bravissimo come “tagliatore di teste”…el DS pero’ l’e’ un altro lavoro…gli unici “spiccioli” a sua disposizione, li ha investiti in…Lee…1,5 milioni…e almeno conoscesse i fondamentali, 2 giocatori per ruolo…neanche quello…senza punte, e in difesa i terzini sono tutti “adattati”…)…e soprattutto, al peggior allenatore mai visto a Verona in serie A (Cagni a confronto, era un Signor Allenatore…)….ma la cosa piu’ incredibile e’…che potremmo essere ancora in corsa per la salvezza…a 4 punti dalla Spal con lo scontro diretto da giocarsi al Bentegodi….
                        …ma…a patto che, ovviamente, non ci sia quell’uomo seduto in panchina…persino il suo “protettore” ieri ha alzato bandiera bianca davanti all’evidenza, e mi auguro che, di fronte a cotanto scempio…anche Setti rinsavisca…
                        L’unico allenatore che riesce a trasmettere ai suoi giocatori una cosa sola: la sua totale confusione mentale.
                        E’ non e’ da tutti, credo ci riescano il pochissimi, alla fine, credo sia un dono. Trovarsi di fronte a dei giocatori con delle certezze, e riuscire a toglierle quasi tutte in breve tempo.
                        E’ che… non dovrebbe fare l’allenatore.
                        No. Dovrebbe esser messo a capo di un di centro recupero per terroristi radicalizzati. Tre o quattro allenamenti con Pecchia, e puff…tutte le loro convinzioni svanirebbero…uscirebbero innocui e inconcludenti come lo sono diventati i giocatori del Verona… ma no sulla nostra panchina…basta…
                        Il lampante esempio di cos’e’ Pecchia lo scriveva ieri un butel su Hellastory: si fa male Calvano, siamo ancora nel primo tempo, ha Fossati in panchina come suo sostituto naturale…no, niente, troppo semplice…bisogna stravolgere tutto e tutti…Felicioli e si cambia modulo…posso persino quasi comprendere l’atteggiamento della squadra che non ne puo’ piu’ …(se volemo aggiugerge Cerci titolare in una partita fondamentale…dopo quasi 4 mesi di stop…un giocatore che ha bisogno di tempi bibici per rientrare in forma…).
                        Domenica voglio vedere in panchina Chiunque…la siora del Bar, un spassin, un Panetaro, un stiuart, un ciclista de passaggio, la vecieta che stava portando a saosso el so cagneto,…anca el so cangneto se proprio la vecieta non la vol saverghine…son disposto fin a tollerare anca un Celerin senta’ in panchina…pur non voi piu’ veder el signor Peccchia senta’ li’…
                        …Setti, un po’ de dignita’, per Dio…

                        • Bruno scrive:

                          è incredibile… ieri si è dimesso il ds con parole durissime nei confronti dell’atteggiamento della squadra e l’allenatore oggi ha diretto la seduta come se niente fosse.
                          Ve la ricordate la serie Tv Ai confini della realtà?

                          • NIKE scrive:

                            Non lo hai ancora capito che le dimissioni sono una sceneggiata napoletana sono fittizie solo per la stampa e per i tifosi

                          • Bruno scrive:

                            A mente fredda devo dire che mi sembra alquanto strano che Setti decida di abbandonare il proprio allenatore e la squadra ad una contestazione che si annuncia durissima del Bentegodi di domenica e che spero avrà un certo risalto sui media.
                            Basterebbe lasciare l’incolpevole allenatore in seconda e già la rabbia del pubblico verrebbe stemperata.
                            Secondo me domani lo esonera.

                        1. maxrugo scrive:

                          Mi chiedo ma se con torino e chievo avessimo giocato come ieri sicuramente avremmo perso malamente.
                          Ma allora, se i giocatori piu’ o meno son sempre scarsi uguali cosa e’ cambiato? Dopo la partita col chievo abbiamo fatto 3 prestazioni indecenti non tanto sotto il profilo della qualita’ dei singoli e delle cervellotiche scelte di Pecchia, ma sopratutto sotto il profilo dell’impegno della corsa di tutto.
                          Se ieri giocavamo io e i miei amici cinquantenni sicuramente un tiro verso la porta del Benevento riuscivamo a farlo e invece niente.
                          Dopo il primo tempo mi aspettavo che ci fosse magari una spece di “ammutinamento” tattico in cui i giocatori cercassero di disporsi meglio in campo non seguendo piu’ le direttive (porolona lo so) di Mister Pecchia, invece niente, encefalogramma piatto. 20 tiri a zero, non riesco a capire, sono sconcertato, ripeto il benevento sembrava in allenamento contro una squadra di allievi che dovevano stare fermi per far fare gli schemi alla prima squadra.
                          ripeto qunato detto sotto, partite così le ho viste solo quando i giocatori sono palesemnte conto il mister, se così fosse (Setti dovrebbe parlare con i giocatori e chierire le cose) occorre mettere subito rimedio anche mettendo l’allentore della primavera fino a fine campionato, tanto peggio di così e’ impossibile.

                          • Bruno scrive:

                            ma è chiaro a tutti che i giocatori hanno fatto apposta, basta che guardi bene l’assist di Cerci a Valoti nel primo tempo, volutamente troppo forte e poi lui che fa la faccetta stuporosa come per dire te l’ho messa propria giusta sul piede. Sono dei simulatori così esagerati che il loro atteggiamento denota anche una buona dose di imbecillità.

                          • stefano 50/60 scrive:

                            Max par carità divina almanco meti Davide Pelegrini che el gà la stima de noialtri…porta lo vedo ben ma rento el vesuvio però insieme a quei altri magnapetoloti…

                          • NIKE scrive:

                            Ahahaha si mettiamo Porta così ci faremo 4 risate

                            • maxrugo scrive:

                              Se fa par dir comunque parche a sto punto allenatori no digo boni ma decenti, che vien a 2 mesi dalla fine campionato te ghe ne trovi pochi, a meno che no te ghe fe un contratto anca par stan che vien così se cominacia a programmar la serie B.

                          1. bruce scrive:

                            Messi da parte i travasi di bile e dato per scontato che siamo in Serie B sarebbe ora che Setti dicesse una volta per tutte cos’ha intenazione di fare dell’Hellas Verona. E’ chiaro che non basta dire con me il Verona non fallirà mai, anche perchè fare figuracce con i conti a posto non è certo una bella consolazione e se l’intenzione è quella di vivacchiare in Serie B non può certo aspettarsi i complimenti e pacche sulle spalle dato che giustamente chiunque abbia provato a farlo (Mazzi, Pastorello) è stato oggetto di civili ma feroci critiche. L’anno prossimo avremo tra le nostre fila Nicolas, Caracciolo, Souprayen, Fares, Calvano, tutta gente buona al massimo per fare un modesto campionato ma nulla più e ciò non può essere sufficiente assodato il fatto che di investimenti non vuole più farne (ammesso che ne abbia mai fatti). La mia speranza è che il Verona sia già stato ceduto ma in mancanza di dati certi resta solo un immenso senso di impotenza e scoramento.

                            • fenomeno scrive:

                              Mi sembra lo abbia detto ampiamente cosa vuol fare, Modello Crotone ovvero conti a posto, squadra che in linea di massima fa bene in B, squadra che faticherà sempre in serie A…poi se riuscissimo anche ad evitare certe figuracce, meglio…

                              Siamo in B, supponiamo venga preso un allenatore decente, se ne vadano Vukovic, Romulo e tuti i prestiti, ad oggi si potrebbe ipotizzare di partirebbe così,

                              Nicolas (Silvestri)

                              Bianchetti Caracciolo Boldor

                              Bearzotti Valoti Fossati Bessa Fares

                              Pazziini Lee

                              non ci sono salti di gioia da fare ma nemmeno da essere catastrofici.

                              • bruce scrive:

                                Non è questione di essere catastrofici è questione di essere realisti, due anni fa siamo risaliti grazie al fatto che il paracadute ci ha permesso di tenere Pazzini e Romulo oltre a giocare in una Serie B molto scadente. L’annata che si profila invece a meno di clamorosi colpi di scena sarà all’insegna della mediocrità, chiaramente la società è sua e può farne ciò che vuole, ma se crede di farlo senza nessuna contestazione come avvenne due anni fa si sbaglia di grosso, perchè come si dice qui, boni ma no cojoni.

                            1. viniciocaposhellas scrive:

                              Se si fosse perso a sassuolo le cose sarebbero cambiate.

                              Pecchia è un incompetente e basta.

                              Deve essere preso a calci in culo e basta.

                              Fusco vergognati! Sei come schettino e anche peggio.

                              Presidente l’unico ritiro che ci aspettiamo è il tuo dal mondo del calcio.
                              Comprati il Modena e vattene fuori dai coglioni.

                              1. Alberto Dema scrive:

                                Scusate ma TUPTA???
                                Preferisce giocare SENZA punte piuttosto di far giocare il giovane di buone speranze?
                                Allora vedo del DOLO da parte di un allenatore (?) che ormai EVIDENTEMENTE ha perso il controllo della squadra e di tutto l’ambiente.
                                Malesani, Mandorlini farebbero riprendere almeno la speranza ed entusiasmo a noi poveri tifosi…
                                Ma chi se ne frega siamo in crescita e se retrocediamo col paracadute facciamo il piano B e compriamo un pezzo del Modena per fare la squadra B voluta da Tommasi…
                                Grazie Setti!

                                1. GIANLUCA scrive:

                                  saro’ scontato, ma la cosa che piu’ mi amareggia e’ il vedere calpestare la nostra storia,la citta’, i tifosi e i nostri colori….i giocatori per primi!! sono loro che prendono fior fior di stipendio tutti i mesi e solo per questo dovrebbero correre e saltare come dei cavreti e per una sola e semplice motivazione: perche’ e’ il loro dovere!! poi viene la Societa’ che nel ns caso la ghe na’ combina’ pezo de na roja ne la molonara… se avessero un briciolo di dignita’ e per dare un segnale di reale presa di coscienza, non dei loro limiti che sono evidenti anca a un congresso de orbi, di quanto non stiano interpretando cosa vuol dire attaccamento alla maglia e gratitudine per avere la miglior tifoseria del mondo , per le prossime partite indosserebbero una maglia neutra senza alcun richiamo agli Onorevoli colori gialloblu che tanto hanno disonorato!! sta gente qua ghe interessa solo farse vedar figo (!!??) per il nuovo tatuaggio o par il taglio de cavei fato co la scudela o dai colori cosi osceni che gnanca un Cacatua della foresta Amazzonica el se sognarea de farse!! hanno disonorato tutti e per primi loro stessi!! onore a noi, onore alla fede gialloblu, onore alla storia dell’Hellas Verona per sempre SOLI CONTRO TUTTI! /=\

                                  1. Luca Fioravanti scrive:

                                    Capisco la vostra rabbia, ma non posso accettare insulti che possono avere conseguenze legali per chi li scrive e per chi li diffonde (quindi io attraverso questo blog). Grazie

                                    • Maxhellas scrive:

                                      Capisco e mi scuso in prima persona. Mi scuso con te, che hai oltre tutto la qualità della coerenza e non hai mai risparmiato critiche a chi di dovere.

                                      E’ triste però assistere impotenti al naufragio del NOSTRO Verona, senza che nessuno faccia assolutamente nulla per evitarlo.

                                      In pochi scrivono “contro”. Solo alcuni tifosi autogestiti e autofinanziati (tra i quali anch’io) sono andati a vedersi i bilanci per capire cosa sta succedendo. Tutto mentre le Autorità cittadine e la stampa locale quasi al completo sono in COMPLICE silenzio. Mi chiedo il perché. Setti ha davvero tutto questo potere in città o è l’atavica riverenza verso i potenti o presunti tali che buona parte di Verona ha sempre mostrato?

                                      Gli insulti no, è vero, e chiedo scura ancora una volta, disponibile nel caso a fornire i miei dati anagrafici per evitare che in guai legali ci finisca un innocente. Ma anche il silenzio (non tuo, non di Barana) di quasi tutti quelli che avrebbero il DOVERE di parlare e l’OBBLIGO di sorvegliare forse non porta a conseguenze legali, ma moralmente merita una condanna senza appello!

                                      • fenomeno scrive:

                                        Quello che non capisco….andate a vedere i bilanci perchè avete paura che il Verona fallisca…se fallisce vi liberate di Setti…tanto la storia insegna che se una città ha veramente a cuore le sorti di una squadra quella squadra non fallirà mai, male che vada riparte da una categoria inferiore….ma avete sempre detto che la categoria non è un problema, quindi non capisco perchè sto timore di un fallimento

                                        • avanti i blu scrive:

                                          Per ciò che mi riguarda bilanci (passati E presenti) vendite di giocatori acquisti prestiti di giocatori e di denari schemi prime punte terzini sinistri e destri sono discorsi ormai Passati…. ciò che veramente mi interessa sono le ultime due righe del topic di Fioravanti. Al netto delle prese per il sedere propinataci cosa ha intenzione di fare mister Carpi?

                                          • avanti i blu scrive:

                                            Dico discorsi passati non Perchè siano discorsi privi di interesse o valore ma perchè gli eventi e la crisi hanno subito un brusco balzo in avanti

                                        • avanti i blu scrive:

                                          Non so i pensieri degli altri provo ad indovinare…. magari hanno la curiosità di sapere dove sono finiti i soldi

                                          • fenomeno scrive:

                                            Si, capire dove vanno a finire i soldi può anche avere un senso…quello che io ho sempre sostenuto è che tutto sto giro di soldi, plusvalenze, diritti TV (paracadute) e quant’altro sono tutti soldi che sono arrivati perchè qualcuno ha comprato una società, l’ha portata in serie A, ha comprato dei giocatori che poi ha rivenduto, è rimasto tre anni in Serie A….leggittimo che non vi piaccia, leggitimo che lo vogliate fuori dalle balle, leggittimo che vogliate un “presidente normale” (chi?), leggittimo tutto però con tutti ghli errori e gli orrori del caso bisogna anche riconoscere che tutto sto giro di soldi è stato creato non è piombato dal cielo, se non altro c’ha movimentato gli ultimi 6 anni che altrimenti rischiavamo l’encefalogramma piatto…se poi fosse stato preferibile avere un altro Martinelli o un altro Arvedi (con tutto il rispetto che ho per loro) e vivacchiare in serie B con i Cangi e gli Abbate va bene…un punto su cui insisto è che questa società è in vendita da 30 anni , quando l’ha presa Setti poteva prenderla chiunque…ma non mi sembra ci fosse la fila di facoltosi imprenditori (veronesi o meno) amanti del Verona per prenderla

                                          • Maxhellas scrive:

                                            In realtà si tratta proprio di questo: vedere, o meglio tentare di capire come e dove finiscono i soldi di cessioni, diritti e paracadute. Se vi leggete quanto scritto sul sito Verona col Cuore si capisce che, per quello che si riesce a vedere dai bilanci, la situazione non è né florida (a livello patrimoniale) né trasparente (a livello di giri di quattrini dalla società prettamente sportiva a quelle della galassia Setti).
                                            Leggendo i bilanci si può inoltre facilmente desumere quanto assurdo sia il prezzo di 70 milioni chiesto da Setti per vendere il Verona (parole sue).

                                            In quanto al fallimento, Fenomeno, ti ricordo che se Setti vende ora, si riparte dalla B e, con un acquirente finalmente “normale”, si potrebbe tornare a vivere con entusiasmo sugli spalti del Bentegodi, magari puntando ad un veloce ritorno in A. Ma basterebbe anche farla finita con le prese per i fondelli…
                                            Se si passa dal fallimento la trafila riparte dalla serie D, con un iter ben più lungo e pericoloso economicamente per chiunque si prenda sulle spalle l’onere e l’onore di rifondare il Verona.
                                            Mi pare piuttosto evidente quindi la ragione per cui sia preferibile la vendita al fallimento.
                                            Che poi NOI tifosi ci saremo in D come in A, questo lo sappiamo tutti. Penso sarebbe però molto più semplice per l’eventuale nuova proprietà ripartire dalla B.
                                            L’importante è, in entrambi casi, che Setti se ne vada. Credo sia evidente a tutti che non è affidabile, o che quantomeno non è in grado di gestire il Verona.

                                          • avanti i blu scrive:

                                            Ed il presidente ha dato loro la possibilità di controllarli non vedo nulla di male che un tifoso che abbia capacità di leggere un bilancio lo faccia

                                    1. Maxhellas scrive:

                                      Scrivevo il 3 aprile sul blog di Vighini:
                                      “Siamo già retrocessi da novembre.
                                      Domani il Benevento ci dà 3 peri (come il Crotone) ed il discorso è chiuso!
                                      Siamo scarsi come rosa (come le altre concorrenti per la salvezza) e scarsissimi in panca (a differenza delle altre concorrenti.
                                      Sola speranza per un futuro non “buffo” e giullaresco: l’uscita di scena (via vendita o anche polacco ubriaco…) dell’ingoiasigari.”

                                      Datemi torto, adesso.

                                      Fatemi il resoconto delle 2 promozioni, del 10° posto e tante altre belle cagate, dai!

                                      Setti è un cancro. e come tale va estirpato!

                                      1. pennabianca scrive:

                                        Sto pulcinella de ds adesso el se dimette ? (meio adesso che mai..che non se sbajemo)
                                        Mentre el so compare pecchia, forse uno dei peggiori allenatori che abbiamo visto da ste parti, domenica sarà al suo posto?
                                        Sono sempre stato contrario a contestare a partita in corso, ho 57 anni e frequento il Bentegodi fin da quando ero Buteleto e mai è uscito un solo fischio dalla mia bocca verso i colori gialloblu, ma domenica, se l’influenza che mi sta martoriando mi consentirà di esserci, urlerò tutto il mio disprezzo verso questi pagliacci che indegnamente ci rappresentano.
                                        MALESANI SUBITO !!!!

                                        1. RH scrive:

                                          Non è finita ieri, è finita oggi con pecchia in panchina.

                                          1. Matteo scrive:

                                            Verona,
                                            l'unico posto dove se la squadra vuole cambiare tecnico vengono epurati i ribelli, dove il DS prima spolpa la rosa del spolpabile e dopo si dimette sorpreso della rosa debole, dove più un tecnico rimedia debàcle più si rafforza la sua panchina…

                                            che senso ha parlare ancora di tutto ciò??

                                            1. Jack scrive:

                                              Le dimissioni di Fusco non sono un’ammisione di responsabilità, sono una fuga dalla nave che affonda e assomigliano tanto a quelle di Gardini (col posto già tenuto in caldo all’Inter)…

                                              • ziga scrive:

                                                uguali a quelle di Bigon… si comincia a lasciare la nave

                                              • Bruno scrive:

                                                ma certo, ovvio, il suo compito è finito il 31 gennaio con la campagna di indebolimento (semmai ce ne fosse stato bisogno). Poteva anche dimettersi il 1^ febbraio.
                                                Ovvio che adesso ha paura di farsi vedere a Verona, dopo aver compiuto il delitto perfetto su commissione il suo compito è finito e per lui non serve più affrontare le miserevoli conferenze stampa in cui fare esercizi di free climbing per difendere le scelte della società.
                                                Ora la parola d’ordine è diventata “abbandonare la nave”.
                                                Peccato che sulla nave si siamo ancora noi.

                                              1. stefano 50/60 scrive:

                                                dico la mia cazzata….dopo aver visto la partita col crotone e col benevento mi son detto che siamo quelli che siamo, cioè scarsi per molti undicesimi…..però il crotone il sassuolo la spal il cagliari il benevento e noi siamo messi li al bordo del colaticcio suino….sei squadre per tre condanne…..per pur scarsi che siamo col crotone in casa e stasera a benevento non vi sembra, come a me, che abbiano giocato per far mandar via l allenatore ?..il d.s. ha dimissionato ma quello li ha già posto da un altra parte per cui non piangeremo di certo…il proprietario è li e finchè le mammelle dan latte sta li…..l unica speranza è trovare un mister che assecondi certi giocatori che comandano nello sposgliatoio….dico merda o dico speranza ? a voi il responso e ricordate in ogni caso che il Verona e la bernarda sono comunque due ottime ragioni per vivere, danno gioie e dolori ma…….ma senza loro che cazzo d esistenza sarebbe ?

                                                • NIKE scrive:

                                                  Adesso l’unica cosa che ci resta da fare è CONTESTAZIONE AD OLTRANZA far in modo che mr. sigaro vada via contestare fuori dallo stadio nessuno dentro nessuno in trasferta contestare agli allenamenti

                                                • RobyVR scrive:

                                                  Mèta ke in prestito seco e no ghe ne frega un casso, l’altra metà me semplicemente scarsi, forsi par far corar sti zombi ghe oria Dario Argento.

                                                • Andrea scrive:

                                                  Anca par mi stasera i ga’ zuga’ contro qualcuno (Pecchia? Fusco? Setti?) ma il problema l’e Che ie scarsi e che nissuni el vien a alenar na squadra de morti in una società disorganiza’…

                                                  • NIKE scrive:

                                                    A questo punto suggerirei di cacciare Pecchia ed affidare la squadra a Porta così salviamo la stagione nel senso che sarà ricordata per sempre negli annali come la stagione delle comiche delle farse e delle sceneggiate

                                                1. ciccio2 scrive:

                                                  salvate i tifosi…la squadra è già retrocessa da tempo…
                                                  pecchia va mandato via… se non è in grado di dare un’anima a questa squadra non serve..

                                                  1. RobyVR scrive:

                                                    Fusco arogante e pretenzioso… el sa dimesso scaricando la colpa sui zugadori ma salvando tuto l’impianto tennico, ma se sti 4 cadaveri i zuga a Verona la colpa l’é sua e de ci l’ha messo lì, se come alenador ghe el più tristo ed economico degli incapaci la colpa l’é sua e de ci l’ha messo lì… Topo de fogna… Scappa e daghe le colpe ai altri…

                                                    • NIKE scrive:

                                                      Ha fatto la cosa in stile al suo personaggio da codardo e incompetente si dimette adesso che è tutto chiaro scaricando responsabilità.
                                                      Se ha fegato deve rimanere fino alla fine per affogare nella merda che ha creato

                                                    1. hellasmastiff scrive:

                                                      buchel calvano suprayen cerci rotto ma chi li ha presi sti giocatori e messi titolari………… ma stiamo scherxzando vero???

                                                      neppure l dignità di dimettersi pecchia………….. pietoso!!!!!

                                                      1. Maxrugo scrive:

                                                        Ho rivisto il 3 a 0 di Verona Mantova con Ficcadenti in panchina…….i giocatori contro l’allenatore non c’è altra spiegazione.

                                                        1. Jolly Roger scrive:

                                                          Cosa diseelo Caracciolo ? “Saranno 11 finali ?”
                                                          MAVAINMONA

                                                          1. Bruno scrive:

                                                            Ma queste puttane di giocatori hanno in mente di giocare la Bentegodi le prossime partite? Meglio che chiedano di giocare in campo neutro, gli conviene.

                                                            1. RobyVR scrive:

                                                              Bé ma i bilanci jè salvi.

                                                              1. LORIS scrive:

                                                                LA SOCIETA’ HA GIA’ DA TEMPO DECISO, SERIE B E VENDITA DELL’HELLAS A PREZZO PIU’ COMPETITIVO (SPERIAMO SI FACCIA AVANTI UN PRESIDENTE TIFOSO, COI SCHEI E LA VOLONTA DI SPENDERLI BENE)

                                                                1. Paolone scrive:

                                                                  Alcune impressioni.
                                                                  Quando ho visto in campo Cerci ho pensato che l’intenzione fosse di fare la partita attaccando alti per mettere il nostro giocatore più talentuoso vicino alla porta ma oggi il fallimento è stato soprattutto del centrocampo/trequarti.
                                                                  Buchel fin dai primi minuti si vedeva che non era in giornata. Valoti in posizione di trequartista avrebbe dovuto dare una mano ai 2 centrali in fase di non possesso e dialogare con Cerci in attacco, ma oggi è stato inconsistente. Calvano si è ritrovato da solo contro tutti e centralmente il Benevento entrava con troppa facilità.
                                                                  Col senno di poi siamo tutti bravi ma forse era meglio partire con Petkovic al posto di Cerci da usare invece nel secondo tempo.

                                                                  1. Ciccio Fedele scrive:

                                                                    Fusco doveva andarsene tempo fa. Dopo lo 0 a 3 con il Crotone in casa. Questa é la sua squadra., il suo allenatore, i suoi scarsi giocatori. Ha fatto più danni che altro. Uno di meno, speriamo altri seguano l'esempio Rimango in attesa che il tempo faccia il resto.

                                                                    1. Alkwor scrive:

                                                                      Spero che le dimissioni di Fusco siano il primo passo e l’esonero di Pecchia il secondo.
                                                                      Impossibile andare avanti con lui dopo oggi (già molte volte sarebbe stato da esonerare e se l’é sempre cavata per un pelo).
                                                                      Guardavo la partita allibito, non potevo credere a quello che vedevo
                                                                      Giocatori indecenti pure loro, eh che no se sbajemo

                                                                      1. Andrea scrive:

                                                                        Game over.

                                                                        Squadra strassa strassa strassa, ma stasera i gà fato schifo come impegno.

                                                                        Vergognosi, sì.

                                                                        1. bruce scrive:

                                                                          Ma cosa volete che ne capisca di calcio uno che gestisce un azienda di moda (peraltro sconosciuta) e che è arrivato a questo punto grazie ai sacrifici di chi veramente ha amato l’Hellas Verona come Arvedi e Martinelli e grazie ai soldi di una terza persona che peraltro si è defilata. E se dobbiamo fare un confronto tra ladri, meglio un ladro competente come il vicentino che un ladro incompetente come il carpigiano, questo riferito a chi ha le fette di soppresa sugli occhi, perchè quando è troppo è troppo.

                                                                          1. Roby scrive:

                                                                            sono d'accordo che la colpa sia di setti. Fusco con un budget di 0 euro ha fatto un buon mercato, poi ovvio che a gratis non puoi prendere buoni giocatori o bravi allenatori

                                                                            1. moreno scrive:

                                                                              this is
                                                                              the end

                                                                            Rispondi a stefano 50/60

                                                                            Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                            Accetto i termini sulla privacy

                                                                            *