03
dic 2018
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 42 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.632

SEMPRE PIU’ GIU’

“I campionati non si vincono a dicembre”, ha detto con poca convinzione l’allenatore del Verona Fabio Grosso. Vero. Dopo 14 giornate però è giusto fare qualche considerazione. Questo Verona ha vinto bene solo due partite, contro Carpi e Crotone, squadre in lotta per non retrocedere. Ha conquistato 3 punti a tavolino con il Cosenza e ha strappato due successi contro Spezia e Perugia senza grandi meriti. Troppo poco per una formazione che punta a vincere il torneo.

Classifica alla mano, i gialloblù oggi sono addirittura fuori dai playoff. L’ambiente è un mix di depressione e disinteresse. La clamorosa protesta dei tifosi è stata snobbata da buona parte della stampa e non credo che sia stata davvero capita dai vertici del club scaligero. Davvero Setti è con le spalle al muro? Davvero è isolato in un angolo? Ho il timore che il presidente, avvolto nella sua presunzione mista a narcisismo, abbia sottovalutato la contestazione pacata (e allo stesso tempo potente) del popolo gialloblù. Continuerà per la sua strada, fregandosene di tutto e tutti, com’è nel suo stile. E’ un signore che pensa semplicemente ai propri interessi, cercando di non affondare con la speranza di essere spinto, prima o poi, dal vento della buonasorte. Magari gli andrà bene, come accaduto già nel recente passato. Ma le prospettive per questo Verona non sono incoraggianti. I tifosi lo hanno capito e molti di loro hanno abbandonato ogni illusione, perdendo  attaccamento, passione, fede.

Tutto molto triste. Quasi un mese fa avevo scritto della necessità di cambiare guida tecnica. Setti ha preferito continuare con Grosso, aspettando il Palermo. Qualcuno ha avuto il coraggio di esaltare quel misero pareggio con i rosanero parlando di “buon punto”, “crisi fermata”, “miglior Grosso della stagione”. Miserie. Doveva essere la gara del riscatto, della svolta, della ripresa. Per mezz’ora i gialloblù sono stati in balia dell’avversario. Hanno avuto la fortuna di passare in vantaggio ma non sono stati in grado di approfittarne. Per come la vedo io, è stata un’altra partita negativa che ha semplicemente allungato l’agonia di una squadra incapace di rendere come potrebbe. Prendersela con Grosso non serve, come non serviva prendersela con Pecchia l’anno scorso.

3.632 VISUALIZZAZIONI

42 risposte a “SEMPRE PIU’ GIU’”

Invia commento
  1. FAGNANI ANDREA ANGELO scrive:

    Vedo una situazione da rianimazione urgente… ma a nessuno dei grandi industriali veronesi gli viene un po’ di compassione per i tifosi e per la città e soprattutto per l’Hellas Verona?

    1. schetch scrive:

      Setti E’ all’angolo. Gli fanno scudo tutti i tirapiedi vecchi e nuovi che si è scelto apposta, ma anche quelli si scioglieranno come neve al sole, perchè non valgono nulla e sono inutili.
      Ha tutta la Città e Provincia contro cosa spera di ottenere ancora con la straffottenza, paracadute? Bah i soldi finiscono con la fame che si ritrova. Non può andare avanti in eterno in questo modo. Il Vicentino almeno le squadre le faceva con un criterio logico, mentre lui si è involuto nella sua incapacità gestionale e poi nelle truffaldine operazioni societarie. Quindi a fronte di questo credito anche dopo che avrà lasciato in bianco il Verona dove lo troverà, a Mantova? Perchè là sono scemi?

      • GINO DAL BAR scrive:

        …sto discorso de Pastorello l’ha francamente rotto i maroni…
        Senza entrare nel dettaglio delle innumerevoli porcate fatte dal Berico, ricordo solo i dati oggettivi: primo anno promozione in B, poi un primo campionato splendido in A (ma da gennaio in poi, dopo la partita nella nebbia contro la Fiorentina), secondo anno salvezza allo spareggio di Reggio, spareggio al quale arrivammo, per chi non lo ricorda, grazie ai 3 punti ottenuti sul campo del Parma, in una partita disputata tra 2 squadre appartenti allo stesso proprietario, Calisto Tanzi (sentenza del tribunale dopo patteggiamento), una delle quali aveva bisogno di punti (il Verona), l’altra no (il Parma), e guardacaso, vinse proprio il Verona (il Parma non gioco’ la partita, chi era presente allo stadio, credo lo ricordi bene…)
        …poi un terzo campionato dove siamo retrocessi con una squadra che poteva ambire tranquillamente alla qualificazione Uefa…fino agli ultii 4 anni di B, categoria dalla quale non e’ MAI piu’ riuscito a risalire…
        Eh ma…el g’avesse avuo el paracadute… stronzata colossale…
        Per chi non lo sapesse quel Verona retrocesso era talmente oberato dai debiti fatti dal Porcarello, che i conti bancari erano bloccati, e lo smantellamento della squadra con le cessioni miliardarie dei vari Oddo, Camoranesi, Mutu, Colucci, Frick, ecc. ecc (Gilardino no, qualcuno magari dimentica che quei soldi non sono mai finiti nelle casse del Verona…) servivano solo a rientrare in piccola parte negli scoperti bancari ed ad evitare il fallimento immediato…se ci fosse stato il paracadute…questo lo avrebbero risucchiato automaticamente le banche a fronte dei miliardi di scoperto bancario, e di quei soldi, Pastorello non avrebbe potuto usarne nemmeno una lira…e sempre per chi non lo ricoda, i debiti contratti dal Porcarello, (quel che ghi ne capea de balon) nella sua gestione…ha finio de pagarli Martinelli svariati anni dopo…
        Eh ma se el g’avesse avuo anche l’altro paracadute da 25 milioni …bisognava tornare in A per ciaparlo, e lu’ non el ghe mai riussio…
        Lui e’ entrato “povero” nel Verona, e ne e’uscito ricco sfondato, come i suoi figli (si parlava di 2 miliardi a stagione a lui solo di compenso da amministratore…stendendo un pelo veloso sull’affare Gialrdino..e su quel che el g’ha fatto guadagnare alla P&P col Verona, e spesso a danno del Verona…)…ma qua…ha lasciato solo macerie (una montagna di debiti “regalata” all’ingenuo Arvedi che di lui si era fidato…).
        E questi sono solo i dati oggettivi…sulle porcate fatte invece a danno del Verona…ghe sarea da scrivar un libro…
        ….se questo el ghi ne capea de balon…che Dio ce ne scampi di aver altra gente al suo pari, a Verona, che ghi ne capisse de balon…va la’…

        • pennabianca scrive:

          Quoto
          Lè ora de finirla de incensar la merda wicentina…trasmissioni come quela in cui Poli disse riferito a pastorello “presidente sapesse in quanti la rimpiangiamo”, iè un insulto a tutto el popolo gialloblu, quello vero, quello che al Verona ghe tien veramente…

          • bruce scrive:

            Nessuno ha incensato il berico maledetto, ma l’opinione che il cialtrone da Carpi sia anche peggio non è così campata in aria o ti è mai capitato di vedere il Bentegodi deserto in 115 anni di storia?

            • bruce scrive:

              Mi auguro vivamente che tu abbia ragione, vorrei però ricordare che allora lo spirito critico era maggiore, la contestazione al vicentino iniziò nell’annata in cui il Verona arrivò nono in Serie A, oggi invece abbiamo dovuto aspettare i due peggiori campionati della nostra storia fino ad arrivare alla farsa di quest’anno, ti sembra la stessa cosa?

            • pennabianca scrive:

              Non mi riferivo a te in particolare, ma a volte ho l’impressione che per sottolineare con la matita rossa che setti è un cialtrone ( e lo è, che non se sbaiemo), si voglia far passare il berico come una sorta di esperto che ha avuto la sola sfortuna di non potere usufruire degli aiuti della lega, mentre sappiamo tutti e di questo ne siamo sicuri, che ci ha spolpati “ciuciando anca l’osso”.
              Al momento quindi a mio modestissimo parere, pastorello vince ancora per distacco.

        • schetch scrive:

          El me picolo intervento sul barbeta l’era solo in contesto ala domada del Fioravanti sul post suo, parchè el mio l’era n’antro ragionamento..non incentrà sul vicentin..
          Far i paragoni col passato credo sia normale specialmente quando l’acqua la comincia a tocar el mento, solo che se gurdemo ben tuto alora ghem da nar fin a Garonzi e no la finemo più de scrivar papardele..
          Guardemo all’oggi: Questo che gavema adeso parchè no sa mia fato sior come el barbeta e gnanca so foi, elo meio? Ne salo de balon? Capiselo quando ghè da esnonerar un alenador o no? O che el faga finta? Che al sia en bona fede e se el sbaia che sia solo parchè l’è sfortunà? Entanto par comisiar..

          • GINO DAL BAR scrive:

            …non ho fatto paragoni, ma solo ribadio el concetto che el vicentin, anche se el capea de balon, ma solo el necessario per riempirse le proprie tasche…el n’ha porta in B in stesso, senza esser piu’ bon de tornar su… e che quindi l’e'mejo lassarlo dove l’e’ senza continuare a tirarlo in ballo…perche a Verona l’ha lassa’solo macerie…e purtroppo spesso in tanti se lo dimentica…

        • bruce scrive:

          Le malefatte del barbabianca divoratore di felini sono sempre state note ma una cosa è certa a livello di calcio giocato il paragone tra la sua gestione e quella attuale non è minimamente paragonabile perchè a differenza del cialtrone carpigiano di calcio ne capiva eccome, entrambe le retrocessioni (campionati 2001/2002 e 2006/2007) avvennero esclusivamente per colpa dei giocatori dato che nel primo caso eravamo in Uefa a Febbraio e nel secondo la squadra dopo un girone di andata osceno (chiedere al mafioso di Cannella) totalizzò 35 punti nel ritorno, una media playoff in un torneo cadetto che vedeva presenti Juve, Napoli e Genoa. Setti da quando è sparito Volpi ha ottenuto due retrocessioni a Novembre, una promozione per il rotto della cuffia grazie al reddito di cittadinanza elargito dalla lega calcio fino ad arrivare a quest’anno… aspettando ovviamente gli sviluppi giudiziari……

          • GINO DAL BAR scrive:

            …vedito, a proposito de “memoria curta” e rivalutazioni sbagliate …quando semo retrocessi in C il presidente non era Pastorello…

            • bruce scrive:

              Arvedi arrivò a Settembre quando il mercato era già finito, la squadra che retrocesse in C era stata costruita dal vicentino.

            • bruce scrive:

              Gino, non ho detto che una volta eravamo in mano a dei chierichetti ma che vi era più competenza calcistica rispetto ad oggi, ovviamente speriamo che il finale sia diverso ma ho i miei dubbi.

            • GINO DAL BAR scrive:

              …e proprio il “mafioso de Cannella” (che Arvedi disse “di aver conosciuto al mare”)…divenne DS della gestione Arvedi proprio su “consiglio” di Pastorello…
              …cioe’, solo per dire… se certe cose le conossemo poco o non le ricordemo…per piacere, evitemo de cercar de rivalutar certi personaggi…
              …sulla retrocessione 2001 2002…lassemo perdar…se te ghe i conti blocche’ da novembre e non te paghi piu’i zugadori perche’ l’era solo un prestanome…te pol ciapartela coi zugadori…ma la colpa principale non era loro…

        • GINO DAL BAR scrive:

          …e questo non c’entra un cazzo col discorso Setti…ma per sta tendenza tutta I Tagliana, nel tifo e non solo (in politica soprattutto…)…de averghe spesso e volentieri la “memoria curta”…
          …lezo spesso anche le lodi ad Arvedi…personaggio simpatico, bonario, e che ha anche perso la vita seguendo il Verona…ma da tifoso non posso non ricordare che fu il peggior Presidente passato da Verona, che prese una squadra in B portandola alle soglie della C2 fidandosi di Pastorello e Cannella…
          …tutti lodano Martinelli, probabilmente il presidente piu’ onesto e corretto passato da Verona negli ultimi anni, che si e’ quasi svenato pur di pagare sempre tutto e tutti nelle scadenze prefissate…ma anche qua, quasi nessuno ricorda piu’ che il suo obiettivo iniziale non corrispondeva esattamente con il bene del Verona e dei suoi tifosi…

          • Spc scrive:

            Me par che anca ti te ricordi solo quel che te vol però… Ma soprattutto, parchè spacarse la testa con la domanda “Ela meo la mer.da de ancó o quela de ieri?”
            Sempre mer.da l’é, punto!
            Se a qualcuno la ghe piase, penso che al 99,9% del popolo gialloblù no la ghe piasa mia

            • stefano 50/60 scrive:

              e vista la risposta al mio post Spc che tè avarè letto anca Ti sel savesse quanti km ho fato mi par el Verona la poltrona menzionata la sarea a ruele par quei come lu che invesse el sarà sempre dapartuto col Verona….mah…mah e pò mah……manco mal che iè in pochi a essar così eruditi come lù…

            • GINO DAL BAR scrive:

              …appunto…ripeto che l’e’ assurdo continuare a far paragoni col passato, soprattutto tirando in ballo chi il Verona lo ha distrutto…dopo, se qualcuno lo rimpiange…also le man e me arrendo…(sentito dire in televisione almeno 3 volte…uno l’era Mario Poli…)

            • GINO DAL BAR scrive:

              ….sempre elegante quel del duo “vecie tastiere rancorose poltronate”.. che el capisse quel che el vol capir…

            • stefano 50/60 scrive:

              Spc vuto passar un bel nadal sereno ? lassa perdar quei dù lì….lè come te volessi udar el garda col cuciarin da cafè……se la merda che te disi sul tò post la gavesse dentro la figurina del strasarol ì tè direa che le squisita, sensa la figurina lè bastansa bona…..ma basta che la sia servida dal mecenate vestido da demente……cossa vuto al mondo ghè anca quei che se gode a farselo metar…….

          • GINO DAL BAR scrive:

            …tutti all’inizio stimati e accolti come salvatori della patria, poi criticati e odiati (Martinelli e’ l’eccezione col percorso inverso)…e infine, anni dopo,…tutti rivalutati…
            …son straconvinto che anche quando arrivara’ el cin ciun lin da tanti agoniato, a rilevar el Verona, che ne fara’ zugar magari con le maglie a pua’ rosa, de martedi’pomeriggio alle 14.30 contro la Sicula Leonzio (dove zuga Juanito)…lezaro’ …”…e mah…quando ghera Setti…”…
            …l’e'una roba ciclica…

            • Mariino scrive:

              Gino non vedo acredine sull’attuale situazione,la tua mente torna in continuazione al passato.Spero anch’io che fra non molto si possa dire che setti era o fece etc etcc. Ora bisogna parlare,esternare contro il piadinaro,Si deve sentire accerchiato dal nostro disprezzo e sinceramente a me ora del barbabianca non me ne puo’ fregar di meno,i danni li ha già fatti da tempo.Questo attuale ne puo’ fare ancora molti fino a superare in classifica le malefatte del vicentino.

            • fenomeno scrive:

              Eh ma avere la memoria e ricordarsi degli ultimi trent’anni significa essere al soldo di Setti….oggi funziona così….

      1. hellasmastiff scrive:

        tenuto conto che anche prandelli non è più disoccupato quelli aventi diritto per sedere in panca nell’hellas rimangono non molti….. baroni aglietti donadoni cosmi novellino lerda massimo carrera de biasi e poco altro……… tra tutti il ritorno di malesani con secondo pierini fanna non dispiacerebbe affatto anzi……….. tuto sta nelle mani di setti se vorrà ancora darsi mazz.te alla tafazzi…………mah

        o magari guidolin………

        1. viniciocaposhellas scrive:

          Io voglio Zamparini …. :-)

          1. Lona scrive:

            i pensa a verona solo se vien l'influenza….aviaria…in ogni modo i skei i le lassa qua quando i va al padreterno. se mai ghe pensa i figliastri a magnarli a putt….

            1. Ruspa62 scrive:

              Bel post complimenti Luca. Ci sarebbero tanti temi sui quali sarebbe bello discutere. Mi preme sottolinearne uno: quando fai giustamente cenno al fatto che la protesta dei tifosi lasciando lo stadio deserto con il Palermo è stata snobbata dai media. Passi per quelli nazionali, ma a mio modesto parere quelli veronesi e Telenuovo in particolare hanno perso un'occasione. Quella di appoggiare questa protesta almeno disertando la conferenza stampa l, ( comunicandolo alla Società). Perché se anche i media voltassero per un po' le spalle a Setti, allora si sarebbe con le spalle al muro e qualcosa succederebbe, perché sicuramente se non altro gli sponsor gli chiederebbero conto della svanita presenza del'Hellas tra i media. Siete ancora in tempo, pensateci, sarebbe un gesto meraviglioso per il popolo Gialloblu.

              1. bacci scrive:

                prima o poi se ne andrà. Io resterò sempre tifoso e tornerò allo stadio quando ce ne saremo liberati..qualsiasi sia la categoria.

                1. bruce scrive:

                  Setti non sarà mai rivalutato e un Bentegodi totalmente vuoto (mai successo in 115 anni di storia) ne è la prova e gli è anche andata di lusso, d’altra parte sono cambiati i tempi, non oso immaginare cosa sarebbe potuto succedere al fuma toscani vent’anni fa…..

                  1. julius scrive:

                    Ciao Luca
                    da tifoso anni 80 ne ho visto di situazioni pesanti per l’hellas ma cmq sentivo di dover stare con la squadra.
                    Da un po di anni non è piu cosanno dopo anno qesta persona(innominabile) ci sta portando via la passione,la fede la voglia di sostenerli a prescindere.Una possibile ricetta per allontanarlo sarebbe( per me ovviamnete)Basta Stadio e trasferte
                    basta dazn. basta acquisti negli store.Secondo me gli sponsor dell’hellas, senza il seguito dei tifosi, farebbero marcia indietro cosa publicizzo se il tifoso non segue piu la squadra e il resto.L’isolamento potrebbe ( spero) liberarci dall’innominabile.
                    Che dici?

                    1. Nicola Benato scrive:

                      "Andrò contro la piazza ma oggi ho visto il miglior Grosso"
                      Come dire " ho mangiato me..a, ma siccome son abituà oggi l'è più bona de ieri
                      Questi giornalai intellettualmente corrotti stanno rallentando lauspicabile decesso di questa proprietà. Speremo che nel giorno della liberazione el malvestio da Carpi si ricordi di questo "servo fedele" e se lo porti con s'è.

                      1. andrea scrive:

                        stefano 50/60
                        il paracadute lo prende solo se resti in b, se vai in c non prende niente. Come idea che si potrebbe portare avanti secondo me ci sarebbe quella di formare una delegazione di tifosi e farsi ricevere dal sindaco per avere lumi sulla situazione debitoria nei confronti del comune. Credo
                        che questo sia compito del sindaco o no?? certo che se uno sa che ha gia perso un primo grado di sentenza con 19 ml da restituire dovrebbe un attimo interessarsi della situazione..se questo per caso fallisce dove va a recuperare? resto sempre della mia idea che ad uno puo essere simpatico o no, ma se ci fosse tosi le cose sarebbero un attimo diverse..poi questa e una mia idea personale, x carita..

                        • RH scrive:

                          Tosi? Quello che veniva in curva tre volte ogni tanto, e casualmente il mese prima delle elezioni?? Poi, metti caso che il sindaco dica che verso il comune (che altri debiti de setti podelo saver?) Vansa 1milion de euro. Sa eto risolto? Non capisco perché prendersela col sindaco, soprattutto non capisco in concreta cosa podelo far el sindaco. Volenti o nolenti, il Verona non è un ente a partecipazione pubblica

                        1. bruce scrive:

                          Otto anni fa il grande e compianto Giovanni Martinelli dopo una brutta partenza esonerò Giannini e quello che accadde dopo è storia, ad oggi l’indegno cialtrone da Carpi continua imperterrito nella sua campagna di distruzione incominciata due anni fa, c’è chi paventa una probabile fusione con i tristi furbetti del quartierino ma non credo gioverebbe a nessuno anche perchè non mi risulta che economicamente siano messi tanto meglio di noi, la cosa importante è che a fine anno toglierà finalmente il disturbo senza essere rimpianto da nessuno, a proposito qualcuno ha notizie circa l’andamento dello store?

                          1. stefano 50/60 scrive:

                            Caro Luca sono certo che dentro di Voi, compresi i Vostri colleghi di teleparticola, sappiate benissimo cosa stia succedendo e, probabilmente, succederà……l’ unico che mi fa pensare abbia irreversibili problemi di alzheimer pre anzianità, del panorama cronosportivo locale, è il commissario basettoni che con riporti finti e pancie vere va in tv, radio e sui giornali a dire e scrivere cose che farebbero piangere un intero carnevale di rio, talmente è convinto delle sue baggianate che propina come verità assolute, e che menzioni nel Tuo post peraltro……il, o lo ?, sborone felliniano sfoggia sorrisi sardonici, veste come un demente psicolabile, mette via denaro alla ferrero, e se ne stra impipa di noi della città dei colori dei simboli della maglia e di tutto ciò che ritiene avvicinabile alla storia pluricentenaria del Verona….alla fine del torneo, a proposito – 1 – sai dirmi in caso di retrocessione se becca uguale il PARACADUTE ?, se nè andrà lasciando dietro di sè la sua materia preferita e cioè un oceano di merda in fiore….chi rimesterà la stessa per tirarcene fuori ? questo è il punto, in ogni caso dal vedere campionati interi venduti a vederci ripartire dal b.del c. del calcio la seconda ipotesi è preferibile, almeno alla fine di ogni partita avremo vinto perso o pareggiato combattendo e non obbedendo a questa piaga infetta che ci è capitata tra capo e collo e dalla quale non vedo l’ ora di liberarmi per tornare a vedere e tifare il mio Verona……2 – ho anche un’ altra richiesta da farTi : gli ex gialloblù non potrebbero, per una forma di rispetto verso di noi che li abbiamo osannati, rifiutare gli inviti di codesto forunocolo molesto ? grazie se vorrai rispondermi….

                            1. RobyVR scrive:

                              Partema dala fine: ciaparsela con Grecchia l’è obligatorio come l’èra obligatorio ciaparsela con Pechia e con tuti i basabanchi che gira e girarà intorno a Seti. El motivo l’è al limite dela banalità: se te ghe na dignità dimetete se no te sì coreo e colpevole. Ma Grecchia la dignità NOL GHE L’HA esatamente come Pechia.

                              Tuto sto schifo l’èra prevedibile el giòrno stesso in cui Seti l’ha dito che l’alenador el saria sta Grecchia e che el savaria portà drio tuta na sèrie de brocassi in svendita par falimento. Su sto blog qua qualcheduni (no me ricordo gnan ci ma fa istesso) el m’avea dito sù parchè pronosticava PROBLEMI A SALVARSE e l’è esattamente qual che sta capitando. Sema tifosi e ghema a olte el parsiutto sui oci ma da un par de stagioni a sta parte pronosticar desgrazie l’è vincere facile con sti manigoldi e incompetenti che ghe a Verona.

                              Secondo mi l’unica roba da far l’èra ZERO (o quasi, tirando via i quatro asenassi che je entrè col Palermo) abonamenti, ma se proprio volema salvar el salvabile a sto punto l’è meo tornar al stadio e fis-ciar dal primo al’ultimo minuto (e anca tirarghe drio quatro porchi), crear un clima de totale ODIO verso sti personaggi mercenari e sensa spina dorsale che sta intorno al’Arsenio Lupen de Carpi. Dopo par carità… son sicuro che da brao faciadacul a Seti no ghe ne fregarà niente, tanto lù la so gloria el se le sta tirando su a Mantoa e el Verona la deventarà na sucursale de quela squadra lì. Fidete che la sarà così.

                              1. Maxhellas scrive:

                                D’accordo su tutto, tranne quando definisci il il pagliaccio di Carpi un
                                “signore”. I signori sono altra cosa.

                                1. Tiaa7 scrive:

                                  “Troppo poco per una formazione che punta a vincere il torneo.“ questo lo pensiamo noi.

                                  “Qualcuno ha avuto il coraggio di esaltare quel misero pareggio con i rosanero parlando di “buon punto”, “crisi fermata”, “miglior Grosso della stagione”.” come mai almeno tra voi giornalisti non riuscite a tenere una linea comune? Vi confrontate tra voi giornalisti o nessuno guarda al di là della propria testata giornalistica?

                                  Noi ci siamo messi d’accordo in 10mila e più? Voi 10 non riuscite a mettervi d’accordo?

                                  1. Matteo scrive:

                                    (el Teo)
                                    esatto Fiora! sarebbe bello se iniziasse una bella crociata contro i vostri colleghi lecca-retrodorsale che insieme al malvestío hanno distrutto un patrimonio del genere!

                                  Lascia un Commento

                                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                                  Accetto i termini sulla privacy

                                  *