09
feb 2020
CATEGORIA

Hellas Verona

COMMENTI 173 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.880

TROPPO BRAVI, ANZI… MASSA

Tre partite in una settimana contro Milan, Lazio e Juventus. Dopo i primi due entusiasmanti pareggi, al termine di prove convincenti, ero pronto a scommettere sul ko dei gialloblù. Per fortuna non sono un appassionato di puntate sportive, altrimenti sarei in bancarotta. Il ragionamento però era semplice e piuttosto logico. Arriva la Juve – pensavo – più riposata non avendo giocato a metà settimana. Arriva anche l’arbitro Massa, che di certo non è un amico del Verona e dei veronesi. E quando giochi tre volte in una settimana, la terza gara la paghi sul piano fisico. Risultato scritto, insomma.

Invece questo Hellas non smette mai di stupire. Riesce addirittura a ribaltare il risultato dopo la rete di Cristiano Ronaldo, quando il match sembrava incanalato nel verso da me previsto. Prima un fuorigioco millimetrico aveva tolto il gol a Kumbulla che a tutti era sembrato regolare. Tutto normale quando gioca la Juve, pensavo. Le gare da vincere sono altre. Eppure mentre osservavo i ragazzi di Juric lottare su ogni pallone, difendersi con coraggio, ripartire in velocità, la speranza di una grande impresa si faceva spazio tra i miei pensieri. Sensazioni.

Più passavano i minuti e più l’arbitro Massa appariva stranamente equilibrato. Ha fischiato tanto, anche troppo e da entrambi le parti. Altra inaspettata sorpresa. Già il pareggio di Borini mi sembrava un mezzo miracolo. Quando Massa, chiamato al Var, ha assegnato il rigore al Verona per un tocco di braccio che in passato mai sarebbe stato punito, ho capito che la serata era di quelle speciali, di quelle che entrano di diritto nella storia dell’Hellas Verona. Pazzini ha calciato con freddezza e precisione nonostante un’attesa da brividi che mi sembrava eterna. Il Bentegodi è esploso, i 6 minuti di recupero hanno aggiunto altra tensione, poi la meritata festa, la gioia per un’impresa fantastica, straordinaria, stupenda.

Avremo tempo per parlare del futuro, dei nuovi obiettivi (la salvezza è già al sicuro da settimane), adesso è giusto restare al presente e godere per quanto sta facendo la magica truppa di Juric. Finalmente il Verona fa parlare tutta Italia (e non solo) per come gioca a calcio e per i risultati ottenuti sul campo. Meraviglioso.

6.880 VISUALIZZAZIONI

173 risposte a “TROPPO BRAVI, ANZI… MASSA”

Invia commento
  1. gepy scrive:

    Farei un post nuovo…

    1. bruce scrive:

      Hellas primavera in finale di Coppa Italia, così Fenomeno non potrà dire che parliamo solo quando le cose vanno male ;) ;)

      1. bardamu scrive:

        La partita di udin ha dato risposte importanti: la squadra non si è presa pause dopo l’esaltante vittoria contro la rubentus e non ha alcuna intenzione di mollare.
        Ora l’obiettivo cambia davvero.
        E’assolutamente giusto continuare ad inseguire i 40 punti per archiviare il discorso salvezza, ma poi bisogna proseguire.
        Ero tra quelli che avevano paura di disputare l’europa league, preliminari o meno, perché è indubbio che per una squadra che deve salvarsi è un ostacolo serio.
        Ma poi mi sono detto: e chi se ne impipa se poi retrocederemo, intanto facciamoci qualche bella trasferta in europa.
        Sia chiaro, se non si ottenesse questo obiettivo non ci sarebbe da farne una colpa a nessuno.
        Bisognerebbe lasciarsi dietro alla fine napule, bilan, e tante altre squadre più forti di noi.
        E’ un sogno.
        Ma perché non provarci?

        • Bruno scrive:

          Realisticamente io spero nell’ottavo posto, che ci permetterebbe di giocare in casa l’ottavo di finale della prossima coppa Italia. Adesso il nostro gioco è migliore ma Milan e Napoli hanno organici ai quali non ci possiamo paragonare. Lottiamo con Parma Bologna e Fiorentina per l’ottavo posto.

          • Bruno scrive:

            Mio figlio mi continua a dire che agganceremo la Roma, pensa ti… forse ha ragione lui, beata gioventù.

            • stefano 50/60 scrive:

              rispondo qua a Bruno e Bardamu….si sognare è bello e fattibile….e non costa nulla…..ora ci saran fuori per qualche turno il Pazzo e Borini ma con la squadra a posto anche Step e Salcedo potranno dire la loro……la rometta è in A a furia di vendite e debiti spalmati e forse la squadra è in rivolta……….le altre non van meglio e giocando come fatto finora qualche bel traguardo è possibile…….l unica cosa che mi prude è l intervista di Juric pre udine……con la solita trasparenza ha detto che ora si può investire e fare un pò di progetto, sennò saluteremo pure Lui……molto semplice, e giusto peraltro…….per cui in attesa dell immediato futuro meglio toglierci ancora qualche bella soddisfazione…….ps, poca chiarezza ancora per il nuovo stadio, o sbaglio ?

              • stefano 50/60 scrive:

                ciao Bruno è sempre un piacere…ti ripondo qua perchè non ho l aggancio alla tua più che condivisibile affermazione…….e Ti diro di più a mi modesto avviso, .le dichiarazioni relative alle cene pranzi e viaggi mi han lasciato un bel pò di stucco…….le dichiarazioni relative alla programmazione ed investimenti dicono chiramanete che non c’è una grande intenzione di seguire il progetto che ha in mente il croato, la proprietà in questi anni ha dato abbondanti esempi di ondivaghe politiche societarie…va ben la A…va ben le promozioni…va ben tuto ma quasi tuto per la precisione…io non sono ottimista ma aspetto la fine del torneo e intanto mi diverto e sogno…ma dopio el sonno vien sempre la sveia….chi vivrà vedrà…..

              • bardamu scrive:

                Sulle dichiarazioni di Juric ho scritto da Micheloni. Certo che molti setti fans mi sembra siano rimasti ammutoliti.
                Sul nuovo stadio non ho un’idea precisa, se non la sensazione che non si farà.
                Certo che il fatto che i maggiori investitori siano messicani dà da pensare…

              • Bruno scrive:

                Ciao Stefano, secondo me giocherà Eysseric con Verre e Zac. Sulle parole di Ivano da Spalato penso di essere l’unico a ritenere che abbia parlato troppo, oltre le sue mansioni, un allenatore che parla come un dirigente è lo specchio di una imperfetta organizzazione societaria.

        1. Simone scrive:

          Ascoltata ora per intero la conferenza stampa di oggi di Juric. Punti focali secondo me. Sull’attaccante: “E’ una cosa variabile, per certe partite va bene Borini, per altre magari va bene una punta centrale classica.” Sull’applicazione della squadra durante gli allenamenti: “C’è una grande applicazione delle cose che stiamo facendo durante la settimana e io sono convinto che se non avessimo questa applicazione durante gli allenamenti non avremmo nessuna chance contro le altre squadre, e questa è una buona caratteristica e ci sta dando tanti risultati positivi.” Su Gasperini: “La mia base di intendere il calcio viene da lui e lo ringrazierò sempre, ci sono cose che variano a seconda dei giocatori che abbiamo, e la situazione si evolve e si è evoluta anche in base a questi e ai nuovi arrivi. Ma i concetti base non li modifichi mai, e sono l’aggressività, l’andare a prendere gli avversari, i giocare anche in modo propositivo.” Sul mercato ad inizio anno e a determinati paragoni: “Per noi l’Udinese è come il Real Madrid, ad inizio anno non potevamo avvicinarci alle loro riserve.” Sul futuro prossimo e gli obiettivi per quest’anno: “Il nostro è un campionato un po’ anomalo, sta andando tutto bene, mi auguro che qualcosa di speciale possa ancora arrivare.” Su Eysseric: “Per me può giocare nei tre davanti, è quella la sua posizione. Potrebbe giocare anche in mezzo ma per arrivare lì sarebbe dovuto essere qui dal ritiro per lavorare bene su certi aspetti. E’ un giocatore che mi piace.” Su Gunter: “Di giocatori come lui con quelle qualità tecniche ce ne sono pochi in serie A. Ha qualità importanti nei passaggi, nella lettura del gioco, negli anticipi. Ora ha trovato continuità. Deve mantenere questa concentrazione perché magari prima faceva buone prestazioni ma macchiate da qualche errore che doveva evitare.” Sull’ipotesi Napoli: “Non ho firmato assolutamente con nessuno. Con la società la cosa che mi è piaciuta fin da subito è stata la chiarezza, ci siamo sempre parlati chiaro, non mi hanno mai raccontato cose non vere. Ora la cosa più importante è salvarsi e poi parlare col presidente su cosa vuole fare lui, non tanto io.” Sulle differenze trovate tra qui e Genova (domanda posta da Vighini tra l’altro): “Secondo me per prima cosa la società qui ci ha permesso di lavorare bene, senza particolari stress, e non è da poco. Seconda cosa, secondo me fondamentale, è il fatto di avere un obiettivo chiaro,che era la salvezza. Se sei in una società in cui non c’è un obiettivo chiaro si tende a scappare e a parlare di altro, perdendo la concentrazione. E in quei casi fai bene solo quando si è molto preoccupati, magari alla fine quando ti devi salvare. E per questo secondo me avere un obiettivo chiaro influisce molto sul gruppo: avere un obiettivo chiaro.” Sul futuro del Verona: “Io un’idea sul Verona del futuro ce l’ho, penso che se quest’anno ci salviamo la società diventerà molto più potente a livello economico rispetto a prima. Se ora incassi cento, 80 li metti per creare un futuro a lungo termine, questo bisognerebbe fare. All’inizio l’obiettivo sarà comunque sempre la salvezza, ma poi col tempo pian piano cresci. Ad ora il 60 per cento della squadra non è nostra perché sono in prestito o non hai il diritto di prenderli. Ecco, questa potrebbe essere una stagione anomala che ti mette le basi per un futuro completamente diverso. Ed è su questo punto che si giocherà la partita su quello che sarà il Verona.” Paragone con Gasperini-Atalanta: “E’ impossibile paragonarsi all’Atalanta. Loro hanno un settore giovanile fenomenale, che sforna ogni anno giocatori importanti. Noi non ce l’abbiamo questa struttura. Potrebbe essere una strada da intraprendere per il Verona, ma sarà molto più lunga, e comunque le scelte anche su questo aspetto spetteranno al presidente.” Sui meriti suoi e del suo staff: “Sono consapevole del fatto che quest’anno abbiamo migliorato molto l’organizzazione sportiva, e che ora anche i procuratori rispetto ad inizio anno sono più contenti di mandare qui i loro giocatori, come è avvenuto per Borini e Dimarco. E’ una cosa buona per tutti, per me, per D’Amico e per Setti.”
          Sostanzialmente: con lui la società quest’anno si è mossa sempre bene e gli ha sempre parlato chiaramente. E la csa l’ha sempre riconosciuta. Ora per il prossimo anno si aspetta, legittimamente, un ulteriore salto di qualità da parte della stessa. Se dovesse avvenire, da quanto si può capire dalle sue parole, le possibilità che si possa aprire un ciclo insieme ci sono. Vedo tutto molto logico. Le polemiche ad ora stanno oggettivamente a zero.

          • Simone scrive:

            Qualche puntualizzazione: i soldi sul mercato la scorsa estate sono stati spesi ammontano a circa 11 milioni di euro tra riscatti e acquisti definitivi immediati. Più del Lecce e meno del Brescia. Con un’efficacia evidentemente maggiore. A questi andranno aggiunti i 5,5 rateizzati (come spesso succede un po’ per tutte le squadre del nostro livello e non solo) di Stepinski, i 3,5 di Amrabat già venduto, e credo circa un paio di milioni ancora per Badu. Tecnicamente parlando, di prestiti secchi (su cui non potrai fare nemmeno plusvalenze) in realtà ci sono solo Salcedo (credo estendibile al prossimo anno volendo), Radunovic ed Eysseric (sul quale credo pure si potrebbe riparlare a fine stagione senza particolari problemi in ottica di acquisto definitivo se fosse ritenuto adeguato). Su Verre e Adjapong ci sono diritti di riscatto (il primo probabilmente verrà fatto, il secondo no, e giustamente, almeno a quella cifra). Su Pessina e Gunter ci sono diritti di riscatto e contro riscatto (queste le condizioni imposte dai club di appartenenza, prendere o lasciare). Coi soldi che arriveranno è chiaro che la società ha l’obbligo di migliorare i contratti e di fare un passo avanti effettivo sul consolidamento della rosa per la A a livello di mercato. Su tutto questo parleranno a tempo debito Juric e la società, come ha confermato nuovamente lo stesso allenatore croato. Il fatto di partire da una fiducia reciproca (“Con la società la cosa che mi è piaciuta fin da subito è stata la chiarezza, ci siamo sempre parlati chiaro, non mi hanno mai raccontato cose non vere”, “La società qui ci ha permesso di lavorare bene”, “Penso che se quest’anno ci salviamo la società diventerà molto più potente a livello economico rispetto a prima, e questo pone delle basi diverse per il futuro”, “Ai giocatori che avevo a Genova abbiamo aggiunto ragazzi dalla B come Verre, che il nostro direttore sportivo Tony D’Amico conosceva bene e che pensava potessero fare bene in A, oppure dall’estero come Rrahmani e Amrabat. Non potevamo permetterci grandi cose, non potevamo competere con gli altri, sono tutte scelte logiche e penso che Tony D’Amico abbia fatto un bel lavoro. – Non lo conoscevo, è il mio unico referente e stiamo lavorando in sintonia”) non è tutto, ma neanche niente.

            • stefano 50/60 scrive:

              ascoltato analizzato e meditato….ciao Simone….a parer mio quand è arrivato, convinto di far al B, la società aveva bisogno avendo messo da parte Aglietti e Juric aveva bisogno del Verona perchè era in un momento difficile per la sua carriera….la sincerità c’ è stata infatti pensavamo di retrocedere ma invece eccoci qua…….mi sembra però ancora strano che mancassero addirittura i soldi per aereo pranzi etc, ho letto bene ? penso di si…..a sto punto ora Ivan chiede cose ben precise……mi godo il momento certo ci mancherebbe, ma son curioso di vedere come saremo, dove saremo, che faremo………conosco bene la proprietà, e non so a chi può lasciar tranquilla la filosofia finora messa in atto in serie A….sarà quella dei primi due anni con Mandorlini ?……sarà quella messa in atto con pecchia ?…Juric chiede cose precise, non ci son santi……..le abbiam lette e sentite….son curioso, ed in ogni caso forza Hellas per domani e sempre…….ps, Albert Fenomeno ndoèlo ? Te speto……dai mola la morosa e scrivi….

              • Simone scrive:

                Il Verona ha speso 11 milioni di euro sul mercato la scorsa estate. Più altri investimenti sicuri (Stepinski e Badu) e potenziali sul prestiti con diritto di riscatto (con Gunter e Pessina col controriscatto). Juric ha detto che “dopo questa stagione la società sarà forte economicamente. Si deve migliorare sotto l’aspetto sportivo. Se prima non c’erano neanche i soldi per mangiare assieme o per prendere l’aereo, adesso ci saranno.” Ora non so, credo sia un po’ esagerato o in parte una metafora. Se si sceglie di spendere 11 milioni sul mercato risparmiando sui pranzi e sui viaggi, ben venga, ma mi pare un po’ una forzatura. Non mi pare un punto così importante infatti. Fosse stato qui due anni fa, dove di soldi spesi sul mercato il Verona ne aveva messi davvero pochi (3 milioni) sarebbe stato peggio credo. Ma probabilmente non avrebbe nemmeno preso in considerazione la panchina in quel momento. Sono invece d’accordo con lui quando afferma che il prossimo anno grazie alla posizione che si potrebbe raggiungere, e soprattutto per le plusvalenze che si andranno a fare, la società economicamente avrà un altro peso rispetto a quest’anno, e agli ultimi in generale, dove tra l’altro lo sforzo e i sacrifici sono stati fatti per rimettere in ordine i conti più che sul mercato. Quindi sì, sul mercato credo sia lecito pretendere ed attendersi qualcosa di buono,.. Atto sempre a mantenere la categoria (ha detto anche questo) ma con un passo in avanti rispetto a quest’anno. Si dovrà andare per passaggi, col tempo (ha detto anche questo), e la cosa sarà fattibile in proporzione a quanto meno si sbaglierà. Ma il gruzzolo ci sarà. E già è una base di partenza non da poco rispetto agli ultimi anni. Poi cosa ci riserverà il futuro e come deciderà di muoversi Setti ad ora è impossibile saperlo. Uno sforzo economico (seppur minimo per la categoria, ma nulla a che fare con due anni fa, ecco) già ad inizio anno è stato fatto (investimento iniziale). Il prossimo anno personalmente mi aspetto uno sforzo maggiore, perché le entrate saranno di molto maggiori.

            • Gongarelli scrive:

              Sono d’accordo su tutto, un paio di precisazioni: Badu è già stato pagato, ma mi spiego meglio. Il suo contratto con l’udinese scadrà il 30/06/2020. Per questo il prestito è stato oneroso, perché non volevano perderlo a zero.
              Bisogna poi capire a quanto ammonti il controriscatto del genoa. In ogni caso dobbiamo tifare perché scenda di categoria, perché in quel caso dovrà ridimensionarsi e sicuramente non avrebbe la forza economica per controriscattare il difensore

          1. Tomhv scrive:

            JJ a che là dito quello che savemo da tempo niente de novo … la dito la verità a debita domanda.. adesso la palla passa al camisaverta..

            1. JJ scrive:

              Boh… sarò mi che son strano, vedo solo elogi, a me invece Juric ha lasciato più di qualche perplessità in conferenza stampa…

              1. wallace scrive:

                non mi sembra
                che abbia detto che la societa si è mossa bene, ha detto che lo sta facendo lavorare bene, che è tuttaltra cosa. Mi e invece sembrato quasi un ultimatum, col discorso che l 80% va reinveistito, che il 60% dei giocatori non sono nostri, che la societa avra a disposizione una valanga di soldi, e quindi dovrà la societa muoversi concretamente. Significativo il discorso su tudor, e sui soldi che mancavano persino x il treno o mangiare insieme. Ho intravisto una seria inca..zzatura, come a dire..noi stiamo facendo miracoli, e questo magari ci mettera davanti i soliti fichi secchi. Sono convinto andra via, e spero di sbagliarmi, ma non tanto e principalmente x questioni economiche, quanto invece xche il suo modo di vedere e vivere il calcio, non contempla burattini, ma persone vere che vogliano costruire x il futuro, ed in questo, conoscendo ormai il personaggio da carpi, stendo veramente un velo pietoso.

                1. Hellas Gig scrive:

                  Fantastico Juric per la chiarezza nell'esposizione dei concetti.
                  A domanda posta, risponde nel merito senza bisogno di supercàzzole o argomenti vacui.
                  È un piacere ascoltarlo (e/o leggerlo), tanto che quest'anno penso di non essermi mai perso una sua conferenza stampa magari anche ripescata a posteriori.
                  L'esatto contrario di quanto mi era successo con Grosso, che spesso mi stufava/irritava così tanto con l'insulsaggine dei suoi pseudo argomenti, che anche prima di metà campionato ho smesso di ascoltare qualsiasi sua conferenza.

                  Per Stefano di super alcoolici: non è che li adori.
                  Se dico tre quattro volte all'anno, intendo dire proprio mezzo bicchierino di limoncello o similare ogni tre/quattro mesi…. per la compagnia.
                  Sto dolci invece, evito di raccontarti… sono quasi a livello di dipendenza.
                  Il gelato poi…….
                  Hai mai provato l'Häagen Dasz?
                  A Verona dovrebbe averlo solo l'Esselunga.
                  Credo che potrei arrivare tranquillamente a mangiarmi almeno tre o quattro barattolini (un chilo e mezzo o due).
                  Se lo compri….. occhio.
                  Ho già creato qualche "dipendente" da Häagen Dasz.

                  1. Tomhv scrive:

                    Juric topp!! Camisaverta ha le spalle al muro .. ora sta a lui decidere che cammino intraprendere.. la redenzione?? O la perseveranza negli errori?? Mah

                    1. bardamu scrive:

                      A Bruno. Io non firmo per il pareggio. Sono molto curioso di vedere la squadra domenica. E’ una partita che in positivo potrebbe darci indicazioni importantissime. In negativo no.
                      Mi spiego.
                      Se dovessimo giocare male, svagati, senza la solita attenzione ( e sarebbe la prima volta in questo campionato ) ci poterebbe anche stare.
                      Stiamo parlando di esseri umani che hanno affrontato un trittico di partite in una settimana da panico. Realisticamente da 2 punti e baciarsi le mani. Non ne hanno perso una giocando alla grande e hanno addirittura battuto la rubentus.
                      Un minimo di appagamento e rilassatezza ci potrebbe stare.
                      Se invece dovessero fare la solita partita il pareggio potrebbe arrivare solo per sfiga.
                      E non ci sarebbero più discorsi. Sarebbe Europa sicura.
                      Comunque vado a Udine tranquillo.
                      E’ uno stato d’animo nuovo, che non ho mai provato in tanti anni di militanza gialloblù.
                      Vada come vada è stato un anno fantastico, da incorniciare.

                      • stefano 50/60 scrive:

                        ciao Bardamu Fenomeno Bruno Gig tutti insomma, mica male dopo una settimana di lavoro trovarci qui a disquisire dell Hellas che incanta…ordunque, fisicamente la squadra ci sta smentendo tutti….corrono ancora come lepri e hanno una forza fisica devastante……..ma fosse solo questo, c’è anche una tecnica in più di un giocatore su cui nessuno penso, me senz altro, non avrebbe scommesso alla prima di campionato….il tecnico sa il fatto suo e si è rilanciato alla grandissima…..per cui nella cosiddetta normalità domenica dovremmo far punti….detto ciò affrontiamo una squadra che fisicamente è anche lei molto forte e con buone individualità……all andata ci misero in difficoltà specialmente sulla lotta e pensavo potesero fare un campionato più tranquillo di quel che invece stan facendo……ora però le partite cominciano a contare moltissimo e per me non sarà facile…….manca il Pazzo…….so d accordo con Bardamu però, se giochiamo al solito punti ne facciamo eccome……ps, occhio ai diffidati…..

                      • Bruno scrive:

                        Hai ragione. È una gioia vedere giocare un calcio così coraggioso da parte dei nostri.

                      1. fenomeno scrive:

                        Conferenza stampa di Juric (fonte tuttomercatoweb):

                        14.10 – A due giorni dalla sfida contro l’Udinese, in programma domenica alla Dacia Arena, il tecnico dell’Hellas Verona Ivan Juric incontra i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo “Paradiso” di Peschiera del Garda. L’inizio della conferenza è previsto per le 14:30.

                        14.32 – Inizia la conferenza stampa.

                        Come si sta al centro dell’attenzione?
                        “Io sto bene, ma non per questo. Sono contento di come stiamo andando, i ragazzi sono soddisfatti. Il resto conta meno”.

                        Anche lei è al centro dell’attenzione.
                        “Penso sia normale, con una squadra che parte come ultima. Sono contento perché la squadra gioca bene, i ragazzi si stanno togliendo soddisfazioni. Non deve influire sul nostro rendimento”.

                        L’Udinese è più difficile della Juve?
                        “Per me hanno una rosa molto forte, con giocatori forti fisicamente e di velocità, come Lasagna e De Paul, che è un top player. Rimango dell’idea che tutte le partite per noi sono uguali, può succedere di tutto, dipende da noi e dall’avversario”.

                        Borini è l’attaccante perfetto per voi?
                        “Per certe partite va bene lui, in altre va bene una punta classica. Purtroppo Pazzini si è fatto male, starà fuori per un po’, anche Di Carmine non è al massimo”.

                        Pazzini e Badu come stanno?
                        “Badu deve ritrovare il ritmo, per il Pazzo penso sia una piccola lesione sul polpaccio, vogliamo vedere ma domani non ci sarà”.

                        Salcedo invece?
                        “Sta crescendo, non è al massimo ma comincio a vederlo come prima. Lo porto a Udine, anche se non è ancora nei miei pensieri”.

                        Che idea comune avete?
                        “C’è grande applicazione di quello che facciamo in settimana, se non ce l’avessimo non avremmo nessuna chance contro le altre squadre. È una bella caratteristica, ci sta dando risultati positivi”.

                        In cosa ti sei diversificato da Gasperini?
                        “È un’evoluzione del materiale che hai. Ci sono concetti che non modifichi mai, come l’aggressività, ma anche noi rispetto a inizio stagione siamo diversi. Non è la stessa cosa giocare con Zapata o Verre. La base parte da Gasperini”.

                        Dimarco può avere più spazio dall’inizio?
                        “Penso che finora Faraoni e Lazovic abbiano avuto un rendimento altissimo. Ieri Adjapong ha fatto un grande allenamento, ma lui e Dimarco sono svantaggiati. Mi spiace per loro. Se ci sarà un calo questi due ragazzi dovranno farsi trovare pronti”.

                        Cosa si dice ad una squadra dopo aver battuto la Juventus?
                        “Loro erano entusiasti, parto dal presupposto di dove siamo partiti. Eravamo ad un livello basso, cercavamo gli esuberi, e anche così facevamo fatica a pagarli. Quando affronto l’Udinese per me è il Real Madrid, cinque mesi fa era così. Devono stare molto attenti, non abbassare la guardia e ottenere la salvezza”.

                        Quando avete avvertito che stavate facendo qualcosa di speciale?
                        “È una stagione anomala, ma non è ancora arrivato quel momento. Spero arrivi”.

                        Cosa cambia giocare a pranzo?
                        “Spero niente, anche se col Toro nel primo tempo avevamo fatto male. Spero i ragazzi entrino cattivi e motivati”.

                        Può essere il momento di Eysseric?
                        “È uno tra i tre davanti, può giocare anche in mezzo, ma secondo me bisognava partire dal ritiro per certi aspetti. Mi piace tecnicamente”.

                        Gunter cresce molto.
                        “Ci sono pochi giocatori in A con quella qualità nei passaggi e nella lettura del gioco. Sta facendo bene, ha trovato continuità. Deve mantenere questa concentrazione”.

                        Qualcuno scrive che tu abbia firmato col Napoli.
                        “Non è così, la situazione con la società è chiara. Dopo dovrò parlare con il presidente, che è quello che decide”.

                        Dobbiamo aspettarci qualche cambio rispetto alla Juve?
                        “No”.

                        Per Stepinski è una questione tecnica o c’è qualcosa d’altro?
                        “In questo momento preferisco giocare con Verre o Pessina. Poi c’era il Lecce contro cui ha giocato Di Carmine. Quando c’è da subentrare vedo Pazzini in vantaggio rispetto agli altri, ha questa voglia di trasmettere cose positive. Non è una bocciatura, sono scelte tecniche”.

                        Perché avere un’idea comune, come ha detto Gotti, è così straordinario nel calcio?
                        “Stiamo lavorando bene, la società ci ha permesso di non avere stress. Secondo me è fondamentale avere un obiettivo, sapendo che è molto difficile. Ti indirizza verso quell’obiettivo. Se non c’è questo obiettivo si scappa, si parla di plusvalenze, vendite. Non sei abbastanza soddisfatto. Fai bene quando sei molto preoccupato”.

                        Che Verona ti immagini nel futuro?
                        “L’idea ce l’ho, se tutto va bene la società diventerà molto potente a livello economico rispetto a prima. Abbiamo migliorato tanti aspetti. Se incassi 100, 80 li metti per creare un futuro a lungo termine. L’altro giorno il 60% della squadra non era nostra, questa non è pianificazione. Questa è una stagione anomala che serve per porre le basi per il futuro”.

                        Ti piacerebbe diventare il Gasperini del Verona?
                        “È impossibile fare paragoni, l’Atalanta ha un settore giovanile eccezionale. Non abbiamo questa struttura, sarà magari una strada molto più lunga per il Verona, ma dipende dal presidente”.

                        Con te Toni giocherebbe?
                        “Non lo so, Pavoletti con me ha fatto tanti gol al Genoa, così come Budimir. Se fosse stato bene l’avrei fatto giocare. È in attacco che ti muovi, che ti sposti. Là puoi variare di più rispetto ad altre zone di campo”.

                        Ha la consapevolezza di aver influito sulla scelta dei giocatori che sono arrivati a gennaio?
                        “Sì, sono consapevole dei miglioramenti. Sono contento se arrivano Borini e Dimarco, che i procuratori decidano di farli arrivare qui, è una cosa bella per tutti, per Tony e per il presidente”.

                        14.52 – Finisce la conferenza stampa.

                        In Home c’è uno stralcio della conferenza con dei virgolettati che rispetto ai virgolettati qui sopra riportano a grandi linee gli stessi concetti ma con parole diverse….

                        Qual è la verità?

                        1. Hellas Gig scrive:

                          Capitolo Hellas Verona (e capitolo VAR).
                          Felice come una pasqua per la vittoria sui ladroni, ma continua rimanermi l'amaro in bocca per il gol annullato a kumbulla.
                          Il copione dell'utilizzo del Var mi sembra sempre identico: si sparano avanti fotogrammi di qualche decimo di secondo fino a trovare l'imperfezione, esattamente come è stato fatto con la Roma.
                          Questo mi disturba parecchio perché ho già visto altri casi in cui le piccole hanno dovuto soccombere a questo modo di utilizzare la tecnologia.

                          • bardamu scrive:

                            Ero contrario alla VAR prima della sua introduzione, ora mi sto un po’ ricredendo per tante questioni. Per fare solo un esempio senza la VAR il rigore, sacrosanto, contro i ladroni non ci sarebbe mai stato assegnato.
                            Ma per la gestione dei fuorigioco rimane un grosso problema che non ho capito come venga gestito.
                            La questione fondamentale è una sola: quando si ferma l’immagine? Come si stabilisce l’esatto momento in cui la palla viene colpita dal giocatore che la mette in gioco? Teniamo presente che non stiamo parlando di un’inquadratura in primo piano di piede e pallone, ma anche se fosse possibile ottenere un’immagine del genere, quando si deve fermare il frame ? Nell’esatto istante in cui una parte dello scarpino prende contatto con la superficie esterna della sfera?
                            Non ho mai sentito spiegare questa parte fondamentale della gestione alla VAR dei fuorigioco.

                          • fenomeno scrive:

                            Che esista la famosa sudditanza psicologica non v’è dubbio…che il fuorigioco con la VAR sia una gran minchiata quando è questione di centimetri pure….io da sempre (probabilmente sbagliando) non credo nella malafede…in malafede il rigore di Bonucci non lo avrebbero mai dato…nessuno ha protestato, dal campo nessuno se n’è accorto…sul fuorigioco di Kumbulla, se lo riguardi in TV in slow motion vedi che inizialmente Kumbulla è oltre la linea bianconera la quale poi arretra…sul fotogramma VAR si vede che il pallone non è a terra…sul fotogramma prima quando la palla parte Kumbulla è ancora più in fuorigioco del fotogramma dopo che è quello che c’han fatto vedere…per me Kumbulla era in fuorigioco…per me un fuorigioco dovrebbe essere tale se c’è luce tra un giocatore e l’altro ma li dovrebbero cambiare le regole e tornare a come era un tempo…però poi anche li diventa un’interpretazione la definizione esatta di luce…

                            • stefano 50/60 scrive:

                              ciao Fenomeno e altri….con wurtz a torino avresti perso con la var ? non penso proprio e, pur con qualche difetto, la var ha fatto tanta giustizia che prima non c era…….lunga vita al var

                              • fenomeno scrive:

                                A me la VAR di fondo non piace perchè toglie una delle cose principali del calcio…l’esultanza….segni si ma sei sempre frenato dal vedere cosa succede poi…secondo me dovrebbe correggere solo gli errori macroscopici e non sindacabili …

                                • fenomeno scrive:

                                  Arma a doppio taglio….a me l’esultanza un po’ la smorza…poi esulti una seconda volta ma anche l’esultanza te la rimangi…e poi c’è l’odioso non sventolare dei guardalinee anche su fuorigioco di metri…

                                • Bruno scrive:

                                  Ma quando arriva la conferma esultiamo la seconda volta.
                                  Chi mette la firma per il pareggio domenica?

                          1. stefano 50/60 scrive:

                            Gig ahaha grande……sai, non è che io sia un beone…a cena(co l auto in garage) me fo un par de gotti boni, par bear ben bisogna spendar…….in compenso te ciucci qualche super alcoolico ma sempre con misura noto…….anche nel cibo come me che peraltro non son goloso de dolci ma i zaleti a venessia iè magici…..ci son due pasticcerie antiche che fanno golosità stupende…e cmq io adoro il salato, non per nulla gò dito a Fenomeno che nà caraffetta de bortolamiol ( o un prosecco equivalente) una grigliatina de pesse ( o un tiepido tipo carpaccio de polpo) con n insalatina verda e polentina bianca rigorosamente grigliata beh, a la salute…..per l orsay a paris è stata un esperienza totale…..l ho preferito al louvre tanto par dirte

                            1. Hellas Gig scrive:

                              Cavoli.
                              Il blog di Fioravanti mi è sempre piaciuto, ma così è ancora più bello.
                              Sulla fiducia, cercherò il libro suggerito da Fenomeno.
                              Non ho la minima idea di cosa parli ma ora vado subito ad informarmi

                              • fenomeno scrive:

                                Il museo Guggenheim è a palazzo Venier, ultima dimora di Peggy Guggenheim,,,il Palazzo Incompiuto narra la storia di questo palazzo…se leggi il libro e poi vai al museo fai un viaggio quasi surreale nel tempo…

                              • stefano 50/60 scrive:

                                quando hai una giornata libera Gig va a venezia e visita il peggy guggenheim art museo…….magari quando non cè troppo casino….chiuso solo il martedì….15 euro x entrare ma ne vale la pena….e dopo fatte nà carafeta de prosecco ma x quello esci da venezia e vai o tornando a fiesso d artico o uscendo verso portogruaro…..

                              1. Hellas Gig scrive:

                                Stefano 50/60
                                Rispondo qui perché dallo smartphone non c'è l'opzione rispondi.
                                penso che per il museo seguirò il tuo consiglio Non appena avrò la possibilità di andare a Venezia, anche se temo non a breve.
                                Per il prosecco la vedo un po' dura.
                                Sono un tifoso Hellas Verona un po' anomalo: non riesco a sopportare vino e birra.
                                Potrei dire che sono astemio ma non è così perché superalcolici dolci (limoncello, animanera, nocino, vov eccetera) mi piacciono, anche se ne bevo al massimo tre o quattro all'anno.
                                Per gli zaletti invece il discorso cambia, in quanto potrei a buon diritto definirmi un glicodipendente: il mio amore per i dolci oscilla tra la golosità e l'ingordigia.
                                P.S. Il Musée d'Orsay l'ho visitato, anche se solo nel 2000, con amici che mi hanno avvicinato all'impressionismo.
                                Bellissimo!

                                1. Cinghiale Bianco scrive:

                                  per Stefano 50/60. Visto l'organico pensavo anch'io, ma la serie B è un campionato brutto, sporco e cattivo, dove non conta il nome che hai scritto dietro la maglietta ma la voglia che hai di sputare sangue. Una realtà come il Verona non è paragonabile a quella del Chievo, troppa tradizione, tifo che si tramanda di padre in figlio, uno scudetto vinto. Io temo sinceramente che se il Chievo non riuscisse a risalire nel medio breve periodo sarà destinato a all'anonimato nelle serie minori. Spero di sbagliarmi. PS perché questo sito non permette la risposta diretta ai commenti anche dai dispositivi mobili?

                                  • stefano 50/60 scrive:

                                    non chiedermi di dispositivi mobili etc perchè oltre a non avere passione, la lettura su carta e scrivere mi appassiona, non ho gran dimestichezza…uso il cell e mail per lavoro proprio perchè sennò oramai ti taglian fuori ma un buon libro commedia film e scrivere lo preferisco di gran lunga……mi sto un pò appassionando alla pittura da quando son stato al musèè d orsay….la scultura mica tanto……ma ho visitato il peggy guggheneim ( siam off topic ma insomma eh l arte e la cultura innanzitutto ) e nè son rimaso folgorato anche perchè è situato in uno dei più bei posti di venezia che amo sconfinatamente…..ho sentito poco fa del nuovo stadio ( assessore rando ) e sinceramente ne capisco sempre meno…..peraltro se il calcio in italia continua così non so quante squadre potranno fare la serie A…….i riparti tv son divisi come in guerra, solo a chi vince come la compagine esibita sabato sera e che abbiam bastonato o a chi fa debiti come milan roma inter e la lazio che ha rateizzato in mille anni il colossale debito che aveva… …..il napoli riga dritto ma non vince quasi nulla…..e la B non differisce di molto dalla C sia a livello tecnico che economico…mah…..

                                    • fenomeno scrive:

                                      Se non lo hai già fatto devi leggerti Il Palazzo Incompiuto di Judith Mackrell….

                                      • stefano 50/60 scrive:

                                        Lo farò……l arte moderna prima o poi dovevo affrontarla e nella location del guggenheim è stata una giornata memorabile….tra l latro c’è stato un quadro all improvviso che sembrava vivo da quant era bello…..un cortile fiocamente illuminato e di notte…luna piena……estasiante e pittura classica comunque….peraltro il percorso non turistico dell accademia è molto più interessante e gratificante del percorso solito diciamo….la chiesa poi della madonna della salute è penso unica al mondo perchè priva di sfarzi ma dall atmosfera straordinaria…..è una città difficile per le sue caratteristiche orografiche ma la ritengo qualcosa di perfetto…tempo fa ho avuto una reunion di lavoro alla misericordia…..antico palazzo ove ha anche giocato la vecchia reyer……beh, pochi posti mi danno quel tipo di emozione muta…..speriamo che riescano a renderla eterna……una persona non può dire d aver visto se non ha visto Venezia….

                                        • stefano 50/60 scrive:

                                          è una costruzione ex convento poi palestra poi sala riunioni….scalinate enormi e soffitti altissimi….finestre sui canali e abitazioni di gente che va con la barca invece che con l auto…..l ho visitata alla fine del corso e durante il break e ne son rimasto estasiato……inoltre il catering era eccellente e tornando prima d andar in stazione mi son fermato lungo strada a far compere nelle due pasticcerie storiche….ho preso dei zaletti artigianali vari gusti, quelli col pstacchio non ti dico…….eppoi mi è mancato il tempo d andar a far un salto a burano che è un piccolo lembo di paradiso…..ci son poi isolette semi sconosciute che devo visitare a tutti i costi…su una di queste hanno recuperato un vecchissimo vitigno di vino bianco quasi estinto e l han fatto rivivere…hai presente Fenomeno del vino bianco fresco in caraffa…pesce….e polenta bianca ?…..

                                        • fenomeno scrive:

                                          La Reyer del mitico Tonino Zorzi credo giocasse li…una “palestra” che ti lascia senza fiato…

                                  1. wallace scrive:

                                    cinghiale bianco
                                    la situazione economica del chievo diciamo, per dirla gentilmente, che non era assolutamente delle piu floride, quindi servirà non un anno, ma anche di più x ammortizzare e riassestarsi, ma magari mi sbaglio e vi capita come a noi l anno scorso. Il paracadute, comunque, è una panacea, il nostro caro ciuciatoscani ne sa qualcosa. Detto questo, volevo ricordare una persona importante x voi come il presidente Righetti Fernando, che ho avuto il piacere di conoscere x tanti anni x motivi di lavoro, grande persona, onesto e concreto, pan al pan, una di quelle persone che mancano sempre piu in ambienti che ormai sono diventati sempre più computer e sempre meno romanticismo, un calcio che non esiste piu. Ricordo le nostre bonarie battute, dove si finiva sempre con una sana risata. Vostro presidente dal 1981 al 1986, quando siete andati in c2. Martinelli e Campedelli avevano un buon rapporto, non ci doveva essere assolutamente una fusione, il mio cuore gialloblu sarebbe disintegrato al solo pensiero, ma creare una sinergia si, anche x il discorso stadio.

                                    1. Cinghiale Bianco scrive:

                                      per Stefano 50/60. Va ben dai, diciamo che per quest'anno si chiude un occhio e si sopporta anche il presidente/proprietario. Come te anche altri, basti guardare le presenze medie allo stadio in serie A ed in serie B. Della serie tutto il mondo è paese e andare a vedere Ronaldo piace anche a chi si trova nell'altra sponda dell'Adige (ah e per altra sponda intendo riva, non vorrei venir frainteso…). Detto ciò complimenti per la stagione eccellente, mi è capitato di vedere giocare il Verona in qualche partita e non si può che essere meravigliati! Penso che le cessioni illustri serviranno al tuo presidente/proprietario ad un reale consolidamento in serie A negli anni a venire (conviene anche a lui, troppi soldi in ballo). Su di noi invece che dire? La vedo nera (come disse la marchesa camminando sugli specchi…). Ho paura che questo giro si farà fatica a guarire, anche il buon Campe mi sembra stanco e scoglionato…

                                      • stefano 50/60 scrive:

                                        mah per ronaldo non è che impazzissi impazzisco per il Verona….peraltro grande campione il portoghese nulla da dire ha fatto un goal strepitoso ed è quasi immarcabile….ps, con l organico che ha la tua squadra pensavo salisse in verità…..e del resto visto com è salito il Verona l anno scorso nulla è detto ancora……ma che sia stanco dopo tutti stì anni è più che fisiologico….se fosse riuscito, e ci ha provato più volte, ad acquisire il Verona nei tempi andati il nostro percorso non avrebbe avuto quelle oscillazioni allucinanti che abbiam vissuto… ma la storia non si fa nè con i se nè con i ma……ps, un plauso al post di wallace che ha ragione da vendere.col cittadella mia moglie m aveva detto va e sostieni il Verona, ma come detto l abbiam vista alla tv perchè era reduce da una gran brutta caduta……chi non va è tanto quanto chi va Wallace molto molto giusto…….e forse anche noi da anziani avremo più difficoltà ad andare allo stadio…se tifare Hellas dagli spalti è bellissimo tifarlo da casa o con il cuore è altrettanto bello……al Verona, checchè ne dicano, non si esclude nessuno…..

                                      1. wallace scrive:

                                        bruce
                                        parole sante, manco mal che sento uno che ragiona, visto che se vive el presente solo par far vedar che ADESSO, ghe quei che va sal stadio o in tranferta, dimenticando QUEI che adesso x problemi vari o x scelta noi pol o noi vol andarghe, ma i ghe sta una vita però a sostegner l hellas..la storia si dimentica in fretta. una o due domeniche fa, ho visto battista in un bar collegado a telenuovo. Me lo son ricordà ancora x esempio, ad un verona milan, con chiarugi e rivera, sigar ..suuuuuuuuu…a torso nudo, col fredo che ghera, bandiera in man, come un vichingo gialloblu…lu l e la storia, e ghe andavimo in c, a busto, o anca sedicesimi, anzi, ghe andavimo anca de più, par dirla tutta

                                        1. Cinghiale Bianco scrive:

                                          per Stefano 50/60. E a cosa dobbiamo questa redenzione sulla via di Damasco? Il presidente mi sembra sia rimasto lo stesso.

                                          • stefano 50/60 scrive:

                                            buongiorno non so com è il Tuo nome ( ripeto chiamare una persona col nome di un animale mi suona storto )……..si il proprietario, non presidente che ci capiamo, è lo stesso ma è lo stesso anche il mio amore per il Verona e un anno di autopurga è bastato mi sembra….e in quanto a proprietà e momenti difficili penso che qui dentro Te compreso, ne ho vissuto e ne vivrò esponenzialmente più di tutti…….dalle Vostre parti invece, e Voi potete chiamare il vostro presidente, non mi sembra sia la stessa cosa o sbaglio ?….vedi, cambiare più spesso squadra e bandiere che mutande porta due cose negative, la prima è che l igiene è importante…la seconda è che parecchi dei Tuoi son tornati a vedere ronaldo etc con la scusa che son tifosi del Verona….sbaglio ? non credo proprio….in ogni caso e come già scritto qui lezioni di tifo comporrtamento morale e affini non nè ricevo da nessino sai……l abbonamento l ho esibito anche sabato sera e non per vedere il portoghese e basta ma per vedere il mio Verona……ho portato pazienza con pastorello…di palermo…mirzakanian…..dopo un anno di tv con gli amici al bar vuoi che mi spaventa stò venditore di abiti ?…non è escluso affatto che si torni in B…sta vendendo i pezzi migliori…….spero solo non rivenda i campionati perchè sennò mi autoescluderò ancora…..Voi con plusvalenze e partite vendute a campionato già salvo etc siete stati contenti ? io no….per cui se si retrocede combattendo nessun problema….se si retrocede come con pecchiolino allora si sta fuori…..mi piace vincere…pareggiare..e perdere combattendo..a Te o a voi no?….buona serie B che a noi non disturba ma a voi pare di si perchè quando giocate, io abito li, c’è molta più gente al mercato rionale del sabato mattina che quando c’è la partita……..ma si sa, noi siam brutti sporchi e cattivi……pazienza, del resto ci siete voi a far la parte del mulino bianco, bianco azzurro se non erro a proposito di colori e simboli…..con malcelata perplessità, Stefano 50/60…..

                                            • stefano 50/60 scrive:

                                              ed ora dopo aver riscontrato il canoista in acque agitate, vedi percorso lungadige attiraglio, chiamo a testimone il relativista insigne ( no napoletan ) di Fenomeno per parlare di CALCIO……sto seguendo l evolversi degli arrivi di dimarco e el buteloto padovan…..quelo di borini è stato un evolversi di un giocatore forte e che se rimanesse sarebbe oro…..il terzino arrivato dall inter pare un giocatore tecnicamente dotato e, anche se con dichiarazioni standardizzate, ha voluto il Verona e pare affamato come piace a Ivan…pare addirittura potrebbe restare anche in futuro….il giovanotto padovano invece pare dover surrogare, con tempo a disposizione, la probabilissima partenza di Kumbulla che ha i numeri per diventare la cessione più cospicua di sempre del Verona…….non son granchè ottimista sulla permanenza di Ivan, si sta scatenando un giro di panchine tra le grandi e medie, e perdere un allenatore che potrebbe lavorare ancora bene qui a Verona sarebbe un peccato….c’è inoltre, molto importante, da vedere se Badu sarà recuperato al cento per cento e sarebbe una pedina in mezzo importantissima ( era titolare prima della sfiga che l ha colpito )…..dai riscontrame o einstein dei blogger…..te speto……

                                              • Bruno scrive:

                                                Sui nuovi arrivi il discorso è semplice secondo me. Quando ti inserisci in un ambiente motivato, con persone che credono in te, in un clima strapositivo come quello del Verona di adesso, è facile riuscire a dare il meglio di te stesso e migliorare settimana dopo settimana. Borini sembra che abbia avuto un impatto clamoroso grazie a queste condizioni favorevoli che rispondono alla sua voglia di rilanciarsi come protagonista del calcio italiano. Ma pensavo in questi giorni a Pavel Dawidowicz che sembra un nuovo acquisto quest’anno perché completamente cambiato rispetto a quello dell’anno scorso (criticatissimo). Lo vediamo molto migliorato, incisivo quando subentra e tutto sommato ordinato in difesa. Insomma voglio dire che a parità di sementi, la differenza per avere una buona pianta la fa la qualità del terreno.

                                                • stefano 50/60 scrive:

                                                  E’ indubbio questo Bruno….e Ti dirò di più, anche a me Pavel sembra un altro….entra deciso…commette sempre meno ingenuità e mi pare abbia molta più fiducia in sè stesso….il fisico c’è tutto e nel calcio moderno è essenziale…..in sostanza anche lui potrebbe diventare un titolare…..si il clima è postivo al massimo e speriamo duri a partire da udine dove ci aspettano perchè adesso non essendo più una sorpresa e basta sarà tutto più complicato…..ho però fiducia, la squadra è tutt uno col tecnico…..

                                            • fenomeno scrive:

                                              Ciamalo Mario dai….

                                              Srefano hai tempi di Gervasoni e Bellavista che stato d’animo avevi?…ti davano l’idea di venddersi le partite?

                                              • fenomeno scrive:

                                                ops..ai tempi

                                                • stefano 50/60 scrive:

                                                  aahahhah T ho appena scritto ciao…..mario va ben dai soportemo……gervasoni e bellavista si son venduti anche le mogli ma non quand erano qui…corretto ? ( si el me piase con nà scianta de graspeta bianca)

                                          1. bruce scrive:

                                            Stefano 50/60, direi che rispondere a certa gentaglia che scrive solo per provocare non ha senso, giusto il confronto e anche la differenza di opinioni che sono il bello del blog ma per il resto non credo che ognuno di noi debba giustificarsi perchè l’amore per il Verona si può esprimere in ogni modo possibile, al Bentegodi, in trasferta, alla radio (soprattutto quando c’era l’inimitabile Roberto Puliero) o anche al bar di fiducia davanti alla tv con la birra in mano per alleviare la sofferenza.

                                            • bruce scrive:

                                              Senza dimenticare la categoria, per noi non ha mai fatto differenza essere in A B o C perchè non siamo mai mancati, soprattutto nelle difficoltà.

                                            • stefano 50/60 scrive:

                                              Bruce tè ghè reson ma sto qua el viaia su tuti i blog parchè nol gà un identità sportiva evidentemente, e magari anca altro……ma quando ì dise dè stè robe fasso fadiga a nò rispondar….detto tra l altro da uno che el dise dè sostegnar la compagine de corte molon pensa Ti…..e comunque questa filosofia fasulla da preti falsi la sta invedendo el mondo e tè sè le invasioni dopo come iè andade a finir ah…..

                                            1. RH scrive:

                                              Odio profondo per chi pretende consolidamento, sacrifici economici, bilanci, e cagade varie, e magari sputa sul sesto posto perché l’anno prossimo forse si smobilita (cambiando, forse, 4 giocatori…). son mica il commercialista di setti io, e cosa fanno gli altri coi propri skei sono problemi loro. Io chiedo solo bava alla bocca in campo, se la sputano amrabat(che tra l’altro ultimamente fa più il romulo che l’ hallfredsson, due tre panchine gli farebbero bene), juric e kumbulla, o lovato pavanel e scapini me ne frega poco.
                                              Odio profondo per chi va a udine ma non ci sarebbe andato se fossimo sedicesimi invece che sesti, siete il pubblico di merd@ che ha l’hellas verona

                                              1. Riccardo scrive:

                                                @wallace
                                                era una spiritosaggine…
                                                dai che l'avevi capito
                                                ciao

                                                1. bruce scrive:

                                                  Al momento siamo molto vicini all’Europa League come eravamo peraltro sei anni fa prima che Jorginho venisse ceduto inspiegabilmente al Napoli, mi auguro solo che la coppia Juric/D’Amico non venga smantellata come la coppia Sogliano/Mandorlini, da allora solo sangue, sudore e lacrime per noi fino al miracolo di quest’anno.

                                                  1. Maxhellas scrive:

                                                    Mi pare che parlare di riconoscenza in questo contesto sia quanto meno fuori luogo. Guarda quanta riconoscenza c’è stata per Pazzini dopo le 23 reti in B, con Aglietti l’estate scorsa, tanto per citare i casi più recenti. E questo al di là delle eventuali ottime ragioni per fare ciò che si è fatto. Ma solo per dire che il concetto di riconoscenza in questo ambiente credo valga per molto pochi, siano essi presidenti, dirigenti, allenatori o giocatori.

                                                    Se si vuole trattenere Juric si dovrà scucire la grana, dargli un orizzonte almeno triennale con un progetto sotto e sperare che non arrivi il De Laurentiis di turno che a suon di milionate se lo porta via.

                                                    • fenomeno scrive:

                                                      e quanta riconoscenza c’è stata da parte di moltissimi “tifosi” nei confronti di Mandorlini?…il calcio è così, brucia tutto alla velocità della luce…la riconoscenza non esiste ma a tutti i livelli…

                                                      • stefano 50/60 scrive:

                                                        se non te la prendi come al solito ti posso fare miliardi di esempi nei quali non pretendevo ne preterndo ne pretenderò di avere cose semplici o indovinare tutto perchè, ripeto ad esempio ma se vuoi stiam qua mesi, a genova mario corso ci infilò e sconfisse su rigore…ero ragazzo, in attacco al genoa giocava sidio corradi…….noi avevamo luppi e zigoni rotti…..in attacco fagni e castronovo che non la buttavan dentro neanche col cannone……sentirmi dire perciò ste cose da te beh scusa eh……se pretendevo etcetc tifavo iuve ( brrr)……..vuoi altri esempi sul fatto che tifando Verona non amo le cose semplici scontate etcetc e indovinate ? potrei farti star qui mesi ti ripeto per cui dimmi tutto ma non quelle fesserie che hai scritto in risposta……senza polemica eh, ma lezioni di bon ton e di comportamenti da tifoso perfetto anche no…..io non vado allo stadio con l abbonamento per veder ronaldo…..e so per chi tifo da 53 dico 53 carnevai, permetti ?

                                                        • fenomeno scrive:

                                                          La pensiamo diversamente e va benissimo…ti leggo sempre volentieri…me la prendo quando ogni tre parole infili degli insulti…è un mio limite…:-)

                                                          p.s. non voglio darti nessuna lezione…

                                                      • stefano 50/60 scrive:

                                                        Fenomeno pardiana sito come la boldrini che se uno rutta lè un nazista..dai su un pò de susta ah anca parchè sul Mandorla me par che la pensemo uguale o sbaio ? dai su….e se sul padano la pensemo difarente mi accetto le tue e ti accetta le mie viva Dio…

                                                      • Maxhellas scrive:

                                                        Non solo da parte dei tifosi. Mi ricordo alcuni dei blogger di questi paraggi che, piccati da alcuni atteggiamenti sopra le righe del Mandorlo (come lo amavo anche per questo!), hanno fatto mesi di campagna per fargli le scarpe…. Del resto, uno che arriva e da rischio play out in C1 ti porta subito in B via play off, viene fermato l’anno successivo da Massa per il doppio salto e quindi in A con 2 stagioni di livello……eh, come non criticarlo?

                                                        Io, che son stupido invece, gli sarò eternamente grato. 5 anni memorabili!

                                                        • stefano 50/60 scrive:

                                                          il non gioco del Mandorla celebrato da parecchi, compresa la stampa, l essere capopopolo del Mandorla, anche qui merda a palate, le minacce e peggio ricevute dal Mandorla per esser una persona sincera dunque burbera, anche qua cazzi a gogò…..etcetcetc…….è la società e il pensiero politico di chi cè ora al governo che smerda e abbatte tutto e tutti e sapete perchè ? perchè se dovessero andar a lavorare sul serio non sarebbero neanche buoni a raccattare le cicche nei parchi pubblici…aggiungete al mix una dose d invidia e cattiveria straripante……..e il gioco è fatto……il sottoscritto, che l ha abbracciato al catullo e gli ha visto un bozzo in testa da paura (iniziativa di una troia di fotografa ? a salernomerda) lo ringrazierà a vita e ringrazierà a vita quell omino ormai sofferente sl pulmann sempre al catullo per il quale mi son arrampicato sulla ruota del torpedone per ringraziarlo ricevendone un cenno e d un sorriso…….col Mandorla avevo ritrovato la gioia di andare allo stadio dopo tornei amarissimi….siamo andati in B…siam tornati in A…..eppoi come molte cose nella vita è iniziata la china discendente…colpa del Mandorla ? un bel cazzo signori miei……anche perchè, caro Fenomeno, il venditore di pezze da marchese aveva in stima il Mandorla come un crotalo nel buco del sedere, e alla prima occasione buona alè via dai coglioni….pecchia e quell altro ebete forse saranno stati un premio per chi piange continuamente, ma li ha scelti buicio padano non i tifosi, neanche quelli che nonosrtante tutto son 53 anni quest anno che seguono il Verona…..e che non li han considerati un premio ma due mediocri…….Juric ha fatto male al genoa ? certo….ma prima ha fatto bene in altre parti……pecchia e grosso han fatto bene prima di venire a Verona ? si forse pulendo i cessi degli spogliatoi…dopo magari i vinzarà la coppa campioni era, ma nel fratempo i resta dò lacchè, a buon intenditor……

                                                          • fenomeno scrive:

                                                            Che tra Mandorlini e Setti non ci fosse sto gran feeling e cosa nota però il paron se vuole ti fa fuori quando vuole…l’anno della promozione dalla B ad un certo punto la squadra si era inceppata, Sassuolo e Livorno erano davanti ed in quel momento un esonero con l’aria che tira nel calcio ci stava…ho capito, per te il calcio è semplice e pretendi che si indovini sempre tutto…abbiamo idee diverse…continua pure a vomitare i tuoi insulti

                                                        • fenomeno scrive:

                                                          idem…guarda io spesso ho pensato che i Pecchia ed i Grosso fossero il giusto premio per taluni….

                                                          • Maxhellas scrive:

                                                            Per Pennabianca:

                                                            Di Micheloni non ricordo, ma ricordo benissimo le “campagne” di Barana, Rasulo, Vighini e Fontana (questo non c’entra con TGG, ma era uno dei pasdaran. Tutta gente che ha dovuto fare contorsionismi di alto livello per rispondere alla semplice domanda “meglio Pecchia (o Grosso) di Mandorlini, allora?”.
                                                            Tutti salvo, ad onor del vero, Barana, che pur non rinnegando nulla di quanto sostenuto nell’ultimo periodo di Mandorlini, fu bandito dalle conferenze stampa del Verona per aver posto una semplice domanda diretta (in modo educato, tra l’altro) a Pecchia. E qui9ndi, diciamo così, rispondendo in modo indiretto alla succitata domanda.

                                                          • Maxhellas scrive:

                                                            Infatti. Mal che si vuole…….

                                                          • pennabianca scrive:

                                                            Concordissimo…stesso pensiero…i vari Micheloni e Barana (tanto per non fare nomi) che ci sfoltivano gli zebedei con il non gioco e gli atteggiamenti da capo popolo del Mandorlo, piuttosto di chi scriveva qui ridicolizzandolo con i vari nomignoli a me insopportabili (griso, l’accovacciato) : grosso e pecchia la giusta punizione. Peccato solo che tale iattura sia toccata anche a noi.

                                                    • Maxhellas scrive:

                                                      era in risposta a La Valle….ma qualcosa non ha funzionato.

                                                    1. pennabianca scrive:

                                                      Maxhellas, vado qua se no sotto non se capise na eva…
                                                      Micheloni ancora non aveva un blog ma era ospite spesso a telenuovo e ricordo benissimo le sue considerazioni su Mandorlini.
                                                      Su Barana ti do ragione è stato l’unico coerente…ma gli altri? Dio ce ne scampi.

                                                      Sul momento attuale io vedo enorme ipocrisia. Bisogna godere per le enormi prestazioni della squadra, ma non si può farlo dando meriti a una società che li ha estromessi perfino dalle conferenze stampa (comunque sbagliando) e allora? è tutto merito di Juric. Anche se ghè tiepido piuttosto de freddin, lè merito del condottiero CRoato.
                                                      A me Juric piace tantissimo e gli riconosco meriti enormi per come sta gestendo la squadra, ma credo che tali meriti vadano divisi almeno a metà con il DS D’amico e tutta la società. Non mi piacciono gli ipocriti e credo che in questa storia ipocrisia ce ne sia a bizzeffe.
                                                      Manco mal che el Verona el me sta dando tante sodisfasioni. Domenica sembravo un butin al quale i gavea regalado el più bel zugo de sempre…
                                                      Battere gli strisciati pedonali non gà prezzo

                                                      1. Cinghiale Bianco scrive:

                                                        Ma per caso mi sono perso il momento in cui Stefano 50/60 ha interrotto lo sciopero del tifo? Chi tifa Verona da 53 anni non andrà mica allo stadio solo quando si vince…o no?

                                                        • stefano 50/60 scrive:

                                                          preferirei chiamarTi col Tuo nome se possibile perchè cinghiale non è adatto a una persona e men che meno a uno che sta vedendo la B, o forse no ? in ogni caso era un pezzo che non Ti facevi vivo……Ti trnaquillizzo comunque, l unica purga che mi son autosomministrato è stao l anno scorso e, come scritto qui, compresa la finale a cui ho assisitito alla tv con mia moglie plurifratturata…..contento ?..ps…solo quando si vince ? se son 53 anni saprai bene che si perde e si vince…ma si ama, con l Hellas…con la diga non so, non credo……

                                                        1. Simone scrive:

                                                          Il calcio vive storicamente di tendenze. E queste tendenze nascono e si bruciano sempre più velocemente, a pari passo con il mondo esterno. La tendenza del calcio attuale non è quella che imperava fino agli anni ottanta, ma è il prolungamento del calcio sacchiano, non tanto nello stile di gioco ma nei principi base, ormai “universalizzati”. Un esempio concreto: guardare l’Atletico Madrid di Simeone e il Manchester City di Guardiola è come guardare apparentemente due squadre completamente diverse. Ma c’è su tutti un fattore che li accomuna, che è l’intensità nelle due fasi. Entrambi non a caso sono dei devoti di Bielsa. Parlare di allenatore nel calcio moderno è importante ma riduttivo. Conte se non avesse il preparatore atletico che si ritrova, all’Inter non starebbe probabilmente facendo il campionato che sta facendo. Così come se Juric non avesse lo staff che ha (e che ha espressamente richiesto alla società prima della sua chiamata, perché lo sa bene “Quanto mi aiuta il mio ‘Vice’ Matteo Paro? Lui è molto sereno e ragiona con calma, vede le cose che magari io non riesco a vedere in un determinato momento. Per questo motivo parliamo tanto, lui riesce a rimanere lucido e concentrato durante il match. “), non starebbe ottenendo non tanto questi risultati ma questa espressione di gioco (ed appunto intensità) in campo. Oggi puoi giocare col possesso palla o senza puntare al possesso palla, quello dipende molto dalla qualità della squadra. Ma quello che non può mancare è l’intensità nella due fasi. Se non porti e non sposi questa filosofia, indipendentemente dai risultati non sarai considerato dal calcio che conta (Semplici, su cui non riesco a vedere nulla di che nonostante i risultati ottenuti a Ferrara, mi sembra l’ultimo caso in questo senso). Il Verona di Grosso a mi avviso aveva anche delle idee di gioco (viste molto a tratti), ma se fai girare la palla al ritmo-camomilla non vai da nessuna parte. Quello che a livello di staff è cambiato quest’anno è sicuramente indicativo. Con Pecchia (su cui ho un’idea diversa da molti, ma dal momento in cui non è più qui mi interessa poco) e Grosso lo staff fu imposto dalla società (probabilmente per questioni di risparmio). Con Juric la socoetà è tornata ad investire anche su questo fondamentale aspetto. In realtà la fase difensiva (ed è qui che oggi Juric lo vedo più completo rispetto ad altri apparsi oggi sulla Gazzetta – Liverani, D’Aversa e De Zerbi) da quest’anno sembra essere stata trattata un po’ superficialmente, almeno in Italia. E questa è una novità Non so dire se positiva o negativa. Ma di certo una novità non priva di punti interessanti. Il tutto per la ricerca di un gioco un po’ più complesso che ricerca una filosofia certamente più europea. Che potrebbe portare tra qualche anno, oltre al gioco, anche la nascita e lo sviluppo di più giocatori di stampo europeo.

                                                          1. bardamu scrive:

                                                            Finalmente anche tra i tifosi c’è un risveglio. Biglietti per la trasferta per cimutlandia esauriti. E anche domenica la temuta ( almeno da me ) supremazia numerica strisciata a l Bentegodi non c’è stata. Molto bene. I 4000 paganti col Lecce mi avevano rattristato.
                                                            Avanti i Blu!

                                                            1. fenomeno scrive:

                                                              TG Gialloblù se ci fosse Sogliano DS: grandissima operazione di Scion che è riuscito a farsi dare il riscatto e controriscatto di Pessina (guadagnandoci 500 mila euro) quando l’Atalanta lo voleva dare solo in prestito come Kulusevski al Parma.

                                                              TG Gialloblù con D’Amico DS: l’Atalanta ha un facile riscatto, il Verona ci guadagnerà solo 500 mila euro.

                                                              • GINO DAL BAR scrive:

                                                                …si beh, e la “notizia” dell’aumento del valore di Kumbulla, dove nel finale “…una domanda sorge spontanea: era necessario cedere Ambrabat e Rahmani? E’ stata un’operazione lungimirante?”
                                                                Anca a mi, quando lezo ste robe, una domanda me sgorga spontanea: ma se siete cosi’ bravi a fare I ds, ma perche’ vi ostinate a voler fare i giornalisti? (tra l’altro, el giornalista el sarea quel che se occupa anche de informare, non solo de criticare e basta…)
                                                                D’Amico, per come si e’ comportato in sala stampa lo scorso anno, e’ un cafone, su questo non ci sono dubbi…ma come si fa a criticare il lavoro che ha fatto quest’anno? Prendo solo ad esempio l’operazione Borini (se capisse che el me piase?)…anche rimanesse solo 6 mesi…ma per un’operazione cosi’, per la quale si e’speso praticamente niente…ma tanto di cappello…se rimanesse anche il prossimo anno, sarebbe il top …volemo confrontarla con l’acquisto, ai tempi, di tale Rabusic?

                                                                • Gongarelli scrive:

                                                                  Quando leggo certe frasi mi viene da ridere, perché probabilmente la conoscenza calcistica non va oltre il proprio naso.
                                                                  Abbiamo venduto due elementi titolari, tenendoli fino a giugno. Già questa è una vittoria (se li avessero voluti subito le cifre sarebbero state più alte). Poi, bisogna capire se la valutazione dei due giocatori sarebbe potuta essere più alta. Secondo me no, perché sono si forti, ma non abbiamo venduto due fenomeni: due ottimi giocatori, con dei difetti, che hanno fatto mezzo campionato molto bene inseriti però in una realtà tranquilla, senza pressioni, con l’allenatore giusto e con un gruppo incredibilmente unito.

                                                                  L’anno prossimo vedremo chi ci ha guadagnato

                                                                  • fenomeno scrive:

                                                                    Due ottimi giocatori che non sono più giovanissimi, che fino a tre mesi fa erano sconosciuti e che al loro arrivo i giudizi più generosi erano “un marocchin ed un kossovaro”…tutti pirla chi non li ha presi prima?…tutti pirla quelli che li ha venduti per qualche milione di euro?..ma allora D’Amico è un genio….

                                                                    p.s. onde evitare il solito merito di Juric ricordo che Juric su Rrhamani ha dichiarato “non lo conoscevo, lo ha scelto Tony” e su Amrabat “è stata un’occasione, lo seguivamo da un po’, bravo Tony a crederci anche quando non sembrava potesse arrivare”…

                                                                  • GINO DAL BAR scrive:

                                                                    …ma poi bisogna vedere la volontà dei giocatori e dei loro procuratori (non credo nessuno li abbia obbligati a firmare …), se ci sono esigenze di bilancio (le cessioni del mercato di gennaio vanno in questo bilancio, quelle del mercato estivo, nel prossimo…)…ma appunto perché uno El fa El giornalista, chiedi, informati, indaga un attimo, poi spiega e fa le tue considerazioni…ma giudizi da DS del giorno dopo basate sul nulla…si, son bon de darli anca mi, … Al bar…dopo el sesto campari …

                                                                • fenomeno scrive:

                                                                  Questi articoli spesso e volentieri ricalcano pezzi giù usciti su altre testata che vengono poi infarciti con le classiche frasette tendenziose del caso…per non dire altro…
                                                                  Certe operazioni se siano lungimiranti o meno spesso e volentieri lo si sa dopo…c’è anche chi pensava che NON TENERE AGLIETTI E’ COME BUTTARE NEL CESSO UN SEI AL SUPERENALOTTO…Juric scelta lungimirante?.

                                                                  Per me 30 milioni di plusvalenze sicure oggi non so se sia una scelta lungimirante o meno, di certo di mette al riparo dagli imprevisti del caso…si poteva rischiare come no…chi ha buttato nel cesso un sei al Superenalotto qualche mese fa oggi ha pensato di incassarlo un altro sei…chi vivrà, vedrà…

                                                                  D’Amico cafone?…in quel momento assolutamente SI ma D’Amico ha anche avuto la decenza di scusarsi pubblicamente…

                                                                • El Campari scrive:

                                                                  @gino lassa star…battaglia persa

                                                              1. Gongarelli scrive:

                                                                La linea editoriale di TGG sembra oscillare fra un comportamento passivo aggressivo verso la società e un tafazziano disprezzo per la società, sottilmente sperando che le cose vadano male per poi dire “ecco, ve lo avevamo detto, noi”.
                                                                Non capisco il pezzetto sulle tentazioni di Juric in prima pagina, quando lo stesso croato ha detto che i soldi vengono dopo, lui sta benissimo a Verona, gli piacciono città e ambiente, ma resta solo se gli si propone un progetto serio.
                                                                Qua pare che sia già del Napoli o dell’Atalanta

                                                                1. Bruno scrive:

                                                                  Non so se lo ha già scritto qualcuno, non mi pare, ma con la vittoria di sabato il Verona ha superato il Bari nella classifica perpetua della serie a girone unico piazzandosi al diciottesimo posto. Questo per dire che non condivido chi dice che la nostra dimensione è l’alternanza tra A e B. Nella prossima stagione possiamo puntare a scavalcare il Vicenza. È solo statistica ma mi sembrava interessante ricordarlo.

                                                                  • JJ scrive:

                                                                    Ma pensa ti! Mica la sapevo questa della classifica perpetua. Interessante! Ad esempio, e chi l’avrebbe mai detto che i cugini mangia felini potessero avere più punti di noi? Che smacco! Qua bisogna rimediare!
                                                                    Altre piccole considerazioni:
                                                                    - Ok, noi abbiamo vinto lo scudetto e loro no, però prima di paragonarci ai bergamaschi pianta chiodi ci penserei un attimino, ben 59 partecipazioni in serie contro le nostre 30 (inclusa la stagione in corso)
                                                                    - A voler risollevare certe polemiche sarebbe da sottolineare come il carpigianuz, sorprendentemente, ci ha fatto fare il 20% delle presenza in serie A. Venti per cento di tutta la storia del Verona Hellas. Un quinto. Come la cessione del quinto.
                                                                    - La classifica è basata sui punti fatti, però se invece fosse stilata in base al numero di partecipazioni in A saremmo al 15° posto. Non male.
                                                                    - Viva la gnocca.

                                                                  • fenomeno scrive:

                                                                    La diciottesima retrocede :-)

                                                                  1. wallace scrive:

                                                                    riccardo
                                                                    no faso quasi mai copia incolla ho messo anca el superfluo par sbaglio..era x chiarire il fatto europa league

                                                                    1. Alkwor scrive:

                                                                      Come risultato economico EL è abbastanza mediocre (ipotizzando un percorso simile alla Lazio).
                                                                      Se ci metti spese e magari qualificazioni ed una panchina più lunga da allestire, non penso sia molto attraente per nessuno.
                                                                      Fatto sta che sportivamente tornare in Europa sarebbe una grandissima figata e lo vorremmo tutti.
                                                                      Ps: la quota salvezza al momento è sui 32/33 punti, direi che menarla con questo obiettivo è pura scaramanzia.
                                                                      Vinceremo a Graz!

                                                                      • HV scrive:

                                                                        A livello economico ne varrebbe la pena solo dai quarti in su. Ma a livello di soddisfazione, vuoi mettere anche solo una partita in trasferta dopo più di trent’anni?

                                                                      • bardamu scrive:

                                                                        Fino a poche settimane fa pensavo che andare in E.L. per una squadra che deve salvarsi fosse una iattura. Ora inizio a dirmi: e chi se ne impipa?
                                                                        A parte il fatto che con questa costanza di rendimento potremmo addirittura saltare la prima fase, che sarebbe veramente deleteria per la preparazione, ma poi quando mai ci ricapiterà di poter fare qualche bella trasferta in Europa?
                                                                        Chi come me ha avuto la fortuna, per questioni anagrafiche, di farsi un bel viaggetto di 3 giorni in pullman fino a Stettino sa quanto bello sia viaggiare coi butei per il continente.
                                                                        Ora vediamo se questi ragazzi hanno ancora voglia di divertirsi e divertirci.
                                                                        La partita di Udine potrebbe dirci molto al riguardo.
                                                                        Uno stop ci può stare dopo un trittico di partite come quello che abbiamo appena disputato e l’appagamento per la vittoria coi ladroni.
                                                                        Ma se dovessimo fare la solita partita sarebbe un segnale di volontà di portare la sfida fino in fondo molto importante.
                                                                        Marocchi a scai ha detto cose molto intelligenti sul nostro Verona. Ha anche detto, però, che di solito questo tipo di squadre arriva a 40 punti e poi ne perde 4 di seguito.
                                                                        Vediamo di che pasta sono fatti questi ragazzi.
                                                                        Io ci credo.

                                                                      1. Riccardo scrive:

                                                                        wallace
                                                                        mi prendo un anno sabbatico e leggo il tuo post…
                                                                        se schersa era

                                                                        1. wallace scrive:

                                                                          EURO STOXX 50
                                                                          3.825,55 +0,85%

                                                                          S&P 500
                                                                          3.357,63 +0,17%

                                                                          WTI
                                                                          50,09 +0,28%

                                                                          BTC/USD
                                                                          10.294,52 +0,24%

                                                                          ETH/USD
                                                                          238,90 +0,46%

                                                                          EUR/USD
                                                                          1,0914 +0,02%

                                                                          USD/JPY
                                                                          109,84 +0,08%

                                                                          GBP/USD
                                                                          1,2956 +0,04%

                                                                          FTSE MIB
                                                                          24.688,89 +0,74%

                                                                          EURO STOXX 50
                                                                          3.825,55 +0,85%

                                                                          S&P 500
                                                                          3.357,63 +0,17%

                                                                          WTI
                                                                          50,09 +0,28%

                                                                          BTC/USD
                                                                          10.294,52 +0,24%

                                                                          ETH/USD
                                                                          238,90 +0,46%

                                                                          EUR/USD
                                                                          1,0914 +0,02%

                                                                          USD/JPY
                                                                          109,84 +0,08%

                                                                          GBP/USD
                                                                          1,2956 +0,04%

                                                                          FTSE MIB
                                                                          24.688,89 +0,74%

                                                                          EURO STOXX 50
                                                                          3.825,55 +0,85%

                                                                          BORSA ITALIANA

                                                                          BORSE EUROPEE

                                                                          WALL STREET

                                                                          SPREAD EUROPEI

                                                                          INDICI

                                                                          FOREX

                                                                          MATERIE PRIME

                                                                          CRIPTOVALUTE

                                                                          FAI TRADING ORA

                                                                          Economia e Finanza >

                                                                           

                                                                          Sport e Finanza >

                                                                          Quanto guadagna chi vince l’Europa League? I possibili incassi di Inter e Roma

                                                                           Alessandro Cipolla
                                                                           16 Dicembre 2019 – 13:32
                                                                           16 Dicembre 2019 – 13:35
                                                                           
                                                                           0

                                                                          Quanto possono guadagnare vincendo l’Europa League Inter e Roma? Il montepremi della competizione che garantisce al vincitore anche l’accesso diretto alla fase a gironi della Champions League.

                                                                          14

                                                                           

                                                                           

                                                                           

                                                                           

                                                                           

                                                                          Di certo non sarà ricca come la Champions League, ma anche l’Europa League oltre al fascino che suscita sempre una competizione europea, può garantire al club vincitore e non solo dei buoni guadagni.
                                                                          Dopo la fase a gironi sono due le italiane che saranno in lizza nei sedicesimi di finale: la Roma grazie al secondo posto nel suo raggruppamento ha staccato il pass per il passaggio del turno e se la vedrà con i belgi del Gent, mentre l’Inter terminata terza nel proprio girone di Champions è stata dirottata in Europa League dove affronterà i bulgari del Ludogorets. Eliminata invece la Lazio così come il Torino che non aveva superato i turni preliminari.
                                                                          Ecco allora quanto si potrà mettere in tasca il vincitore di questa Europa League, che si garantirà anche l’accesso diretto alla fase a gironi di Champions League, oltre al montepremi riguardante i vari passaggi di turno.

                                                                          Il montepremi dell’Europa League

                                                                          Negli ultimi anni l’Europa League è stata considerata un po’ come la sorella minore, o sfortunata, della Champions League. La differenza di montepremi tra le due competizioni infatti è notevole, con la vincitrice della coppa dalle grandi orecchie che potrà incassare fino a 150 milioni, incassi da botteghino e bonus degli sponsor esclusi.

                                                                          Per capire la differenza, il montepremi totale della Champions League 2019/2020 è di 1,95 miliardi, mentre quello dell’Europa League ammonta a 560 milioni. In più il maggior numero di squadre partecipanti all’Europa League, fa scendere in proporzione ancora di più la fetta che spetta a ciascun club.
                                                                          Si tratta comunque di cifre non irrisorie, che possono portare a incamerare un autentico tesorettosoprattutto in caso di vittoria finale. Bisogna ricordare inoltre che la squadra che alzerà il trofeo avrà la partecipazione assicurata alla prossima Champions League.
                                                                          A rappresentare l’Italia nei sedicesimi di finale ci saranno Romae Inter che se la vedranno rispettivamente con Gent e Ludogorets, con il vincitore dell’Europa League partirà come testa di serie nel sorteggio della fase a gironi della prossima Champions.

                                                                          Quanto guadagna chi vince

                                                                          I 48 club che hanno preso parte alla fase a gironi dell’Europa League, Roma e Lazio tra le italiane, si sono assicurati un gettone di presenza di 2,75 milioni. In più per ogni vittoria nelle partite del girone c’è un bonus di 570.000 euro, mentre è di 190.000 euro per il pareggio.

                                                                          Chi si è classificato al primo posto nel girone ha ricevuto inoltre un ulteriore bonus di 1 milione, per il secondo posto invece sono 500.000 euro. La qualificazione ai sedicesimi di finale infine ha portato a un gettone di ulteriori 500.000 euro.
                                                                          Soltanto in base a queste voci, la Roma finora ha incassato 4,96 milioni grazie al suo percorso nel girone. La Lazio nonostante l’eliminazione si è assicurata comunque 3,89 milioni.
                                                                          Per i diritti TV poi, il cosiddetto market pool che vale 168 milioni, questo sarà diviso si legge sul sito della Uefa “in base al valore proporzionale di ciascun mercato televisivo rappresentato dai club partecipanti alla UEFA Europa League (dalla fase a gironi in poi) e suddivisi tra le squadre partecipanti di ogni federazione”.
                                                                          Infine c’è la fatte del ranking storico, ovvero ulteriori 84 milioniverranno divisi tra le squadre partecipanti. sulla base delle classifiche dei coefficienti di rendimento decennali

                                                                          Oltre ai diritti TV la cui quota verrà calcolata solo alla fine, più una squadra è andata avanti nelle varie fasi della competizione più ha ottenuto dei bonus. Eccoli nel dettaglio.

                                                                          Sedicesimi di finale - 500.000 euro a club

                                                                          Ottavi di finale - 1,1 milioni di euro a club

                                                                          Quarti di finale - 1,5 milioni di euro a club

                                                                          Semifinali - 2,4 milioni di euro a club

                                                                          Finale - 4,5 milioni di euro a club

                                                                          Bonus vittoria - 4 milioni di euro supplementari

                                                                          Ricapitolando, considerando soltanto il percorso dai sedicesimi di finale in poi, la vincitricedell’edizione 2018/2019 dell’Europa League si metterà in tasca almeno 14 milioni. La somma totale finale però potrebbe essere anche doppia.
                                                                          A questa cifra infatti si dovranno poi aggiungere i soldi dei diritti TV, del ranking (84 milioni da dividere tra tutte le partecipanti), quelli già incassati in precedenza durante la fase a gironi (per chi non proviene dalla Champions) e quelli derivanti dal botteghino.

                                                                          Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Europa League

                                                                          1. GINO DAL BAR scrive:

                                                                            Domani iniziano le semifinali di Coppa Italia: in ottica Europa League, se andassero in finale Juve e Inter sarebbe un’ottima cosa, perche’, in teoria, si aggiungerebbe un ulteriore posto per l’Europa league, cioe’ anche la settima classificata in campionato.
                                                                            Ma la cosa piu’ importante e’ che anche la sesta non dovrebbe fare i preliminari, ma passare direttamente alla fase a gironi.
                                                                            La fase a gironi l’anno scorso era iniziata a meta’ settembre, mentre i preliminari il Torino li aveva iniziati iniziati il 25 luglio, per concluderli il 29 agosto (eliminati), giocando la bellezza di 6 partite in un mese.
                                                                            Poi, da un articolo che avevo letto (e che non g’ho oia de andar a ripescare…), per i preliminari le societa’ non dovrebbero prendere niente dalla Lega (se non soldi da botteghino e qualcosa di diritti televisivi…), ma dovrebbero iniziare a prendere dei soldini a partire dalla fase a gironi (oltre al fatto che i diritti televisivi dovrebbero diventare piu’ cospicui….una cosa l’e zugar contro una squadra dell’Estonia, un’altra l’e’ incontrar, chennezzo’…l’Espanyol…).
                                                                            Quindi andare in Europa attraverso preliminari, o passare direttamente alla fase a gironi, dovrebbero essere 2 cose ben diverse (per il fattore schei e soprattutto preparazione…).
                                                                            Ovviamente a noidi tutto questo discorso non ce ne pu’ fregar de meno, perche’ se abbiamo battuto la prima in classifica, e pareggiato fuori casa contro la seconda…la cempions lig non dovrebbe togliercela nessuno :D :D

                                                                            1. stefano 50/60 scrive:

                                                                              sono serate in cui il tuo libro dell Hellas si arricchisce di un altra pagina che nessuno cancellerà mai più……solo chi non ha passato dice che di passato non si vive….e chi non ce l ha non ha presente né tanto meno futuro…..vivere certi momenti, anche quelli negativi, ti fa amare una maglia, una città, ti da attaccamento fedeltà—ti da gioia e sconforto…ti da abbracciarsi e cantare allo stadio impazzito di gioia….come ti fa applaudire quando pur dando tutto cadi in C per poi risorgere e ricominciare……ti porta a bergamo a cucirti il tricolore..ti porta a belgrado a battere e vincere in uefa…ti porta a salonicco a vincere in coppa campioni…ti porta a utrecht o a stettino come a la spezia a cadere a faccia alta però….ti porta a cittadella a beccare per poi stravincere a Verona e tornare dove dobbiam stare sempre…..ti porta a tifare Badu o Juric anche se ti bollano come razzista……ti portano a napoli o salerno a prender botte ma sei tu ad esser violento…..ti portano al Bente ove viene un ragazzo di colore tecnicamente molto scarso e ti becchi un mare di merda per poi scoprire tutt altro ma non ti prendi le scuse che nessuno ti porge…..questo è amare il Verona, questa è anche la vita e non solo il calcio…..ma tutto ciò è vivere con la schiena dritta, e ieri sera son tornato a casa stanco come averla giocata, perchè tifare Hellas è unico…è grande…..è tirar fuori i coglioni…..è guardar dritto in faccia l avversario e senza parlare fargli capire che nulla e nessuno ci piega nè ci spezza…..avanti così, è la nostra casa….la nostra maglia……nessuno come noi…..unici…..grande grande grande emozione……

                                                                              • Bruno scrive:

                                                                                Stefano, il bello deve ancora venire, le tue sensazioni sono anche le mie.

                                                                              • bardamu scrive:

                                                                                Bellissimo post, Stefano.
                                                                                La gioia che ho provato sabato sera, limpida e feroce, è stata altissima, paragonabile solo a pochi altri momenti della lunga militanza gialloblù. Alcuni anche abbastanza recenti, eh? Per esempio la vittoria a Livorno l’anno di Iturbe ( partita vista in mezzo ai livornesi, quindi ancora più gustata ), il pareggio di Gomez sempre coi ladroni nello stesso anno, o il gol di Romulo al 93° del derby.
                                                                                Ma la gioia di quest’anno ha un sapore diverso, più maturo e consapevole.
                                                                                Sono molte giornate che vado allo stadio con una strana tranquillità, insolita per un tifoso sanguigno ed emotivo come me. Domenica scorsa ha fatto eccezione per l’astio profondo che nutro nei confronti della società zebrata, l’incarnazione del Male calcistico assoluto.
                                                                                Ma questa squadra ha il potere di tranquillizzarmi.
                                                                                Stavo pensando ad un parallelo con la squadra dello scudetto. Quella giocava un calcio gioioso. Organizzato, ma all’apparenza spensierato.
                                                                                Questa è una falange di guerrieri assatanati.
                                                                                Se ne sono accorti anche molti commentatori. Marocchi su scai ha perfettamente colto l’essenza: vanno forte, fisicamente, e sono organizzati.
                                                                                Iniziano a pressare la squadra avversaria fin dalla sua area di rigore e quando perdono palla spesso la riconquistano immediatamente avventandosi come ossessi sull’avversario che l’ha rubata.
                                                                                E nel secondo tempo, quando gli avversari iniziano ad accusare un po’ di stanchezza, aumentano addirittura il ritmo.
                                                                                Due giocatori, in particolare, andrebbero studiati nelle facoltà di medicina: Faraoni e Lazovic, che non hanno saltato una partita e macinano, correndo, non so quanti kilometri ogni volta.
                                                                                Domenica, ovviamente, andrò a Udine.
                                                                                Tranquillo e sereno.
                                                                                Ma con un animo così lieto quale da decenni non avevo.

                                                                                • stefano 50/60 scrive:

                                                                                  Bardamu hai colto nel segno perchè sabato son andato a vedere i nostri contro quei cani bastardi con l animo lieto e tranquillo….poi vedendo come han giocato ho visto la partita saltando e cantando come un ossesso perchè battere quegli avanzi di maternità non ha prezzo…..amare il Verona è un pò come andare sull ottovolante…..ebbrezza e angoscia..su e giù……ma andar sull ottovolante per l Hellas lè come essarghe con nà figa de vint anni che la tè avvinghia parchè la gà paura, o la fa finta……lè na marea de anni che son drio al Verona ma ogni partita è come la prima, anca sè ghè gente e proprietà che nè vol mal lè istesso, i giocatori sanno che bravi o scarsi li amiamo se escono sfiniti…e tanto basta per renderci unici….

                                                                              1. wallace scrive:

                                                                                mi permetto
                                                                                dato che qui si deve parlare di pallone, come giusto, di fare l ultimo appunto. C e gente qui che commisso non lo vorrebbe neanche gratis. Commisso sta facendo una battaglia col sindaco di firenze x avviare i lavori dello stadio, che riguardano naturalmente i connessi, viabilita etc, a carico del comune. Ma si sta battendo x questo. Qui vedi uno, che firma x avviare il progetto di un opera che restera x 50 anni a totale disponibilità di esparza, col sindaco che, eletto dalla gente, adesso ALLA GENTE non chiede se questo progetto, x impatto, x interessi della comunita, etc etc può piacere ALLA GENTE, ma ha già deciso cosa fare e cosa non fare. Per certi progetti, ci vuole un ampio consenso, anche un referendum cittadino se servisse, visto l impatto che potrebbe avere. Ora me ne taccio, e mi ritiro in buon ordine. Parliamo di calcio, come giusto

                                                                                1. wallace scrive:

                                                                                  la valle
                                                                                  non hai capito il concetto. Non voglio i complimenti da nessuno, e nemmeno ne ho bisogno. ma un pò di obbiettività si però, e magari, anche la difesa ad oltranza di setti da parte di certi soggetti, e la totale mancanza di memoria storica, nonche il domandarsi il perchè di certe vicende, tipo lo stadio o altro, e sognificativo di quanto il risultato di un anno offuschi la mer..da propinataci fino ad adesso. Che un sindaco vada a braccetto con uno che gli deve rate su rate dello stadio, soldi sottratti alla comunita, per avere una firma di un progetto, tra l altro di cui non si sa ancora niente, a me da da pensare..ma mi son un vecio bacaion, capisito?? beati gli ottimisti, salvo el poro tonino guerra, che el lo disea sempre, salvo ciaparse un schito de colombo in testa

                                                                                  1. La Valle scrive:

                                                                                    ho parlato di riconoscenza, magari il termine è sbagliato ma penso che il concetto si sia capito.

                                                                                    1. La Valle scrive:

                                                                                      wallace, vuoi i complimenti? ne hai bisogno?

                                                                                      1. wallace scrive:

                                                                                        el futuro
                                                                                        el ga poco da dirne, se non quel che savemo sa. E se sbaio, me ciaparò nel dedrio la marea de copiaincolla, ma se go rason no ciaparò mai un complimento, ricordetelo…

                                                                                        1. stefano 50/60 scrive:

                                                                                          dico la mia dopo esser uscito sabato dallo stadio talmente elettrico, non avrei più l età ma…., che per dormire ci ho messo un sacco…….il mercato dice che abbiam già venduto due giocatori per parecchi soldi, dice anche che il terzo ( marash ) scatenerà un asta che porterà presumibimente la cifra più alta mai incassata per un giocatore e per di più del vivaio…….la mia fiducia nel padano, e Fenomeno lo sa bene, è pari alla fiducia che avrei in un cannibale che mi invita a pranzo…..detto ciò, e appunto a parte la fiducia, delle due l’ una : o il padano ce lo mette nel cucco per l’ ennesima volta ( oltre a campionati di A ha fatto anche la B retrocedendo con due di A semplicemente da ufficio inchieste, o visti i proventi della serie A oltre a vendere compra o va a prestito e allestisce una formazione che si può salvare, obiettivo nostro inutile volare altissimo, convincendo Ivan a rimanere ( i soldi per l ‘ ingaggio nonn sono neanche l’ ultimo dei problemi a mio avviso )…..è talmente proteso a far cassa che non possono non fargli gola i riparti delle tv, il merchandising, il nuovo stadio ( ma qui non ho ancora ben capito l affare che sta facendo il nostro eccellente sindaco ) e dunque come già Vi ho detto o c’è un misterioso compratore che gli snocciola 70 e più chicchi o se non c’è e resta la piccola fiammiferaia non penso, ma posso sbaiarme, che non senta le sirene di guadagni cospicui a fronte però di fare una squadra degna per la salvezza………se dobbiam credere in qualcosa crediamo nella sua voglia di far schei perchè, e qui casca il primo asino, le sue aziende di pezze del marchese non viaggiano un granchè bene nè prima nè durante nè dopo……questa è la minestra Buitèi, ora vediamo se anche l’ anno prossimo ci troveremo un pò di pasta o riso o se dovremo sorbirci un altro minestron al gusto de emme…….che il Verona Hellas sia con tutti Voi e con mi e spirito etcetc amen…

                                                                                          • fenomeno scrive:

                                                                                            Stefano ti sei divertitto di più gli 8 anni del tuo amico magliaro o i 10/15/20 prima?….se quest’anno è un anno incredibile ed imprevedibile nato da tutta una serie di circostanze fortunate insieme ad un pizzico di scelte indovinate perché quando va male non si puo’ pensare che sia frutto di scelte non indovinate ed un po’ di sfiga?

                                                                                            • stefano 50/60 scrive:

                                                                                              stavo per risponderTi Fenomeno…….chiaro e lampante che ci si diverte quando ci si salva, anche all ultimo istante come successo in passato….chiaro che da quando c’è jean paul gaultier ci si leva qualche bella soddisfazione, ma purtroppo mi restan sul gozzo i campionati di A ove era certo beccare caterve di goal e retrocedere….per Mandorla Ti dico che gli son talmente affezionato che quando leggo o sento cose contro di Lui m incazzo come una belva….la sfiga e le annate negative ci stanno ma vedere del neri e poi pecchia soprattutto interpretare il calcio in quel modo merdoso e retrocedere senza neanche metterci il mignolo del piede permetterai che qui sfiga etc non c entranio nulla….poi se il tutto è servito, com è perdio, a sistemare i conti ( isuoi soprattutto ) beh mandiam giù sti bocconi di vermi ma non vorrei più assistere a tali scempi….retrocedere ? siamo il Verona mica la iuvemerda…nada problem, ma lottando e, permetti, senza fares centravanti col Pazzo in panca………non mi dire che anche Tu ai tempi non Ti sei fatto domande ……se quest anno io fossi al posto del lecce per dire sarei già contento……la sconfitta è comprensibile se lotti e dai tutto, cerci cassano caceres e altri Ti dicono niente ?..io comunque aspetto il futuro immediato e se padania mette via soldi e mi salva anche all ultimo o retrocede facendo morire i giocatori in campo va ben se non cè nessun altro che compra il Verona…non mi va bene il recente passato e, non scordarlo, siamo andati su con un miracolo che san gennaro al confronto è un trecartaro napoletano…..

                                                                                              • fenomeno scrive:

                                                                                                A me invece da fastidio chi con astio pretende sempre…il calcio è pieno di sfumature, ci sono gli anni magici ma anche quelli sciagurati…la retrocessione con Mandorlini non la puoi definire ignobile…le premesse erano buone, poi col senno di poi ci furono delle scelte sbagliate…quando vedi in campo una squadra molle non significa automaticamente che si stiano vendendo le partite…hai visto il Toro dell’ultimo periodo?…puntano al paracadute?…Cassano e Cerci sulla carta erano operazioni alla Toni…ma se Toni fa miracoli bravo Toni, se Cassano e Cerci fanno flop cotechini chi li ha presi..e poi scopri che chi ha preso Grosso sono gli stessi che ha presi Juric….a saperlo prima boni tutti

                                                                                          1. wallace scrive:

                                                                                            stefano 50/60
                                                                                            hai centrato perfettamente l argomento. Siccome qui certe persone ci chiamano ragionieri, e non capiscono che le vicende societarie invece, al di la dei risultati straordinari della squadra, che quando ha segnato borini e il pazzo ho fato un urlo che neanche pappalardo dei tempi d oro, detto questo, non credo ad una sola sillaba di quello che dice il pifferaio da carpi. Hai detto bene, le sue aziende non vanno a gonfie vele, mentre noi hellas, a gonfie vele ci andiamo. Stipendi LORDI quindi già tassati, a 25 ml, i piu bassi della serie a..dovrebbero anche spiegarci, il sindaco in primis, xche campedelli sul progetto stadio ha affermato che gli hanno fatto una proposta irricevibile, e invece il caro presidente ha firmato dopo 3 secondi l accordo messicano. Lo stadio di proprieta e il sogno di tutte le societa, domenica hanno incassato più di un ml di euro, e a questo non interessa, come il centro sportivo, ed e facile da comprendere, cioe progetti di sviluppo qui zero x lui, solo introiti. Me par che lo capisa anca un buteleto

                                                                                            • stefano 50/60 scrive:

                                                                                              se dev esser l avidità a fargli fare una squadra per salvarsi avanti l avidità Wallace……in quanto a lù cerco de non pensarghe parchè el continua a starme sui ovi, il futuro ci dirà….

                                                                                            1. wallace scrive:

                                                                                              per quanto
                                                                                              riguarda sarri, non e mai facile fare grandi risultati anche se sei in una grande squadra,bagnoli docet. Sarri, a differenza di conte che piange sempre ed e un sergente di ferro, ha un carattere tutti diverso. Basti pensare che al chelsea ha rimandato al pomeriggio gli allenamenti per far stare i giocatori coi bambini prima della scuola. Poi le sue sparate le fa anche lui, in questo e un duro. Certi giocatori andrebbero multati. Higuain e ancora alla juve x sarri, come dibala. Prendono milioni, e quando vengono sostituiti hanno anche il coraggio di rognare. E comunque le altre l anno scorso, a parte il napoli, non erano forti come questanno

                                                                                              1. wallace scrive:

                                                                                                schetch
                                                                                                credo che quello che ha fatto juric sia di gran lunga inferiore a quello che riceve setti, sia come valorizzazione giocatori, che come ripartizione diritti tv, che se arrivi settimo od ottavo si becca 60 ml, sia come stipendio. Credo che, al momento, non deva nessuna riconoscenza. Forse ciuciatoscani avrebbe dovuto avere piu riconoscenza x aglietti. Vai a vederti il filmato su youtube, quando festeggia la serie a in sede a carpi, con dammico e i lecca di turno, dicendo che la promozione è solo merito suo e del ds, di aglietti neanche una parola.

                                                                                                1. bruce scrive:

                                                                                                  La situazione che si è venuta a creare quest’anno è nata da uno splendido caso, Juric per sua ammissione era stato contattato per fare la Serie B, poi una catena di eventi fortunati ma anche una rosa di sicuro valore ha fatto sì che arrivasse una promozione ad un certo punto insperata e tutto quello che ne è derivato è sotto gli occhi di tutti. Ora che la salvezza è acquisita società e allenatore possono valutare con calma cosa sia meglio fare sperando che questa catena di eventi non resti una splendida eccezione ma possa tramutarsi in un qualcosa di duraturo, sarebbe un peccato che ciò non avvenisse….

                                                                                                  1. wallace scrive:

                                                                                                    schetch
                                                                                                    sarri non ha brillato?? e l europa league chi l ha vinta secondo te? juric non deve ringraziare nessuno, è setti che lo ha scelto, pagandolo il meno del meno. Setti deve solo baciare dove pesta, visto che i giocatori, nelle sue mani, sono diventati oro colato. Che poi e quello che interessa veramente al ciuciatoscani

                                                                                                    • schetch scrive:

                                                                                                      Alle volte no l’è mia importante solo che te vinsi. Ma COME te vinsi!
                                                                                                      Infatti dopo i l’ha mandà a casa, fatalità. E a Torino ei contenti par ti? L’ha intivà nabule con en squadron e ala fine l’ha vinto niente anca lì.
                                                                                                      El pericolo che Juric el faga la stesa fine se el va in una dele top. Quelo l’era el senso del me ragionamento

                                                                                                    1. La Valle scrive:

                                                                                                      può anche averlo il rinnovo automatico ma non conta nulla. non si può di certo tenere uno per forza. si siederanno al tavolo. poi però anche davanti ad un progetto serio (e tutti ne dubitano) Juric potrebbe andare via per offerte molto più allettanti

                                                                                                      • fenomeno scrive:

                                                                                                        Nel calcio certi treni passano una sola volta e questo è il momento di Juric…gli arriveranno di sicuro parecchie proposte, se arriva quella irrinunciabile ci sarà poco da fare…in questo momento perdere Juric sarebbe “drammatico” però il calcio insegna che non tutti gli anni sono uguali e nessun allenatore è infallibile, tanti allenatori eroi oggi sono diventati scarsi domani e viceversa…Juric ha Genoa ha fatto male con una squadra sulla carte nettamente superiore a questo Verona (Perin, Izzo, Burdisso, Laxalt, Veloso, Lazovic, Rincon, Rigoni, Pandev, Pavoletti, Ocampos, Simeone…)

                                                                                                      1. Maxim scrive:

                                                                                                        Visto che è bello anche giocare, io dico Juric all Atalanta….e Semplici all hellas….ma preferirei il contrario :-) )

                                                                                                        1. La Valle scrive:

                                                                                                          caro wallace, Juric deve essere più che riconoscente con la società, doveva allenare in serie B e guarda adesso… allo stesso tempo la società deve essere più che riconoscente con Juric che ha valorizzato al meglio il materiale umano a disposizione.

                                                                                                          1. fenomeno scrive:

                                                                                                            Ora tutti a dire a Setti cosa deve fare con Juric…Juric ha un contratto di un anno che si rinnova in caso di salvezza automatica…ma è evidente che dopo un’annata simile tutto va ridiscusso…con i soldi che arriveranno credo che uno stipendio sopra il milione di euro non sia assolutamente un problema come non sarà un problema parlare di progetto…Juric a Crotone fece con le debite proporzioni (era serie B) quello che sta facendo qui…da Crotone se ne andò dicendo “stagione veramente unica, più di così è dura”…questa è la parte che mi spaventa e credo sia evidente che sarà Juric a decidere cosa fare.

                                                                                                            • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                              ciao…..la cosa infatti che preoccupa anche me è che Ivan decida che più di così non si può fare, senza patemi di soldi che peraltro gli verrebbero dati visti i risultati……però visto l uomo non mi stupirebbe affatto che decidesse di rimanere, ovviamente dopo aver avuto parole di mantenimento e costruzione da parte della proprietà…….è arrivato borini, forse per rimanere a mio avviso, rimarranno i pilastri, faraoni silvestri veloso lazovic e zaccagni ( forse Pazzini ma qui ci son altri discorsi ), di marco è un giovane già rodato…..badu va valutato ma se fisicamente c’è era il titolare……kumbulla o rimane un anno o ci frutterà una montagna di denaro……..mi spiace per Rahmani che giudico vermaente forte ma pazienza……gunter è forte e dawidovicz va lavorato ma non è scarso……il ragazzo da padova pare forte e del resto anche Kumbulla non pareva inizialmente una certezza vista l età……gli affari che farebbe il padano mantenendo questa linea potrebbero far girare un gruzzolo pesante……..tutto ruota a se sta preparando le valigie o no….se c’ è una trattativa di cui non sappiamo nulla o non c’è nessuno……e in quanto ai 18 chicchi di volpi Fenomeno ancora non so se glieli ha messi nel tubo di scappamento o glieli deve……ps, ultimo mistero, si fa per dire, lo stadio nuovo….ma per chi è un affare ? mi a gratis gnanca el giornal ì mè dà per cui……

                                                                                                              • Viceremo a Graz! scrive:

                                                                                                                Da quel che ho capito con 4 mln lo riscatti, ma con 4,5 l’Atalanta se lo riprende, ergo un capestro di contratto: se ne va di sicuro per 500.000 euro. Anche perche’ le solite sirene napoletane gia’ lo stanno cercando pronti a pagarne quasi 20.
                                                                                                                Gunter, altro prestito.
                                                                                                                Quindi a giugno via Ambrabat Rhamani Gunther Pessina e sicuramente Kumbulla.
                                                                                                                E siiamo gia’ oltre meta’ squadra titolare.
                                                                                                                Aggiungici che pure Verre e Borini sono a forte rischio (in prestito il primo, in scadenza di contratto il secondo). la vedo molto dura che Juric rimanga.

                                                                                                                • fenomeno scrive:

                                                                                                                  Ma se è tutto merito di Juric, se Juric cava il sangue dalle rape che problemi ci sono?…vuoi che non riesca a sostituire “l’anello debole della difesa” (Gunter), “un marocchin” ed un “Kossovaro” ed un “buteleto improponibile per la serie A”?..e Pessina?..”ci elo Pessina”? …serie B a Dicembre

                                                                                                                • Viceremo a Graz! scrive:

                                                                                                                  Vedi https://www.dailynews24.it/napoli-idea-pessina-del-verona-valutazione-di-20-milioni-di-euro/

                                                                                                                  La cosa inelligente da farsi era di mettere almeno 3 mln di differenza tipo riscatto a 4 e controriscatto a 6 in modo da costringere i bergamaschi a sborsare almeno 2 mln per il “servizio di rivalutazione” dato e non quattro spiccioli

                                                                                                                  • fenomeno scrive:

                                                                                                                    Secondo me era ancora più intelligente farselo regalare dall’Atalanta…ah, che dirigenti stolti!

                                                                                                                  • JJ scrive:

                                                                                                                    Già. A posteriori è molto più semplice. Io non ho ancora trovato un commento del luglio/agosto 2019 in cui qualcuno dicesse: Caxxo, ma Pessina è fortissimo, dovevano prenderlo con diritto di riscatto e basta. Lo diciamo tutti adesso. Allora, sembrava solo un buon prestito, nessuno che si stracciasse le vesti per questa formula. Che, ricorderei, l’ha imposta l’Atalanta, non è che l’ha scelta il Verona. Mica son scemi quelli, si vede che ne conoscevano le potenzialità e ti hanno detto: vuoi Pessina? Prestito un anno, te ne godi le prestazioni per una stagione e se decido di riprenderlo indietro ti guadagni comunque mezzo milione. Sennò, ciccia… Boni tutti dopo…

                                                                                                              • fenomeno scrive:

                                                                                                                Anche stesse preparando le valigie non si può portar via i soldi di diritti TV e plusvalenze…può farsi pagare come amministratore, gonfiare certe spese ma non può far sparire soldi…se vendesse in questo momento prenderebbe immagino dei bei soldini ma allo stesso tempo credo che se qualcuno comprasse in questo momento sarebbe qualcuno che quattro soldi li ha…su Volpi ho una mia idea che ti ho già espresso…vedremo che succede…certo che anche sto Volpi sono otto anni ormai che ogni tre per due ritorna ma non è ancora successo nulla

                                                                                                                • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                                  c’è a mio avviso un altra considerazione da fare in positivo, ma anca qua magari digo stupidade……..i giocatori che stanno in panca o in tribuna nelle cosiddette grandi han capito forse che la teia lè finìa……i contratti son meno ricchi…ci son meno soldi….se non giochi per un annetto o più ti svaluti e così alla fine la tua bravura non dimostrata te la metti dietro e nessuno ti piglia se non alle sue condizioni…..i procuratori son come le troie ma anca le troie le stufa a un certo punto…….piglio qualche esempio che abbiamo in casa…..borini, tra sei mesi vedrà dice lui ma un altro contratto come col milanm. cipperi merlo che glielo rifanno……all estero ormai non regalano più nulla compresa la cina che, sensa essar cativo, ghè la regalo…….di marco, viene dall inter, la non gioca o gioca poco, può essere che abbia pensato per la sua carriera di far scelte diverse visto che i tempi cambiano ?..pessina, qui la nota è dolente perchè non ho ben capito se l atalanta ci deve mezzo chiletto o ce ne deve 5 per riaverlo…….e qui son sincero farei sforzi per averlo qua a Verona ma là sarà dura anca se, anca se, dopo a berghem magari non avrà quel che ha avuto qui a Verona come titolarità di una maglia……son considerazioni mie eh che valgono poco o nulla ma mi pare che la ruota stia girando anche per chi pur di beccare ingaggi alti stava in panca o in tribuna, ma il vento è cambiato mi pare sennò borini o di marco o pessina non venivano qua ma andavano a roma lazzie o altri lidi dove pagan di più ( una olta )…….e diamo un occhiata alla situaz del torino, tanto per dire……

                                                                                                                  • fenomeno scrive:

                                                                                                                    Io l’ho usato sempre sul solito argomento ovvero che le intenzioni nel calcio non sempre si trasformano in punti…il Verona più Mandorliniano di sempre sulla carta avrebbe dovuto fare molto di più di questo Verona del “sengalo”…ed invece…
                                                                                                                    Pessina, dipende che richieste avrà…se arrivano una Juve, Milan o Inter come si dice speranze zero….altrimenti si può fare…l’Atalanta secondo me per Kumbulla te lo da (con conguaglio al Verona)…ma Kumbulla probabilmente vorrà di più…e giustamente

                                                                                                                  • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                                    Ti rispondo qua perchè non c’è la riga rispondi sotto il Tuo ultimo post…….il relativismo lo uso anche io credimi ma non come la maionese fatta in casa, quella non stufa mai ma quella in tubo la fa sbufar, se fà par ridar…..per Pessina se metti sul piatto una cifra interssante forse lo porti a casa……hai presente se fa un altro campionato così ( sperem) ? lo rivandi al doppio, pochi ho visto giocare così a centrocampo a 23 anni…se penso che gagliardini l interm lo ha pagato 28 chicchi mi vengono le stornisie…

                                                                                                                  • fenomeno scrive:

                                                                                                                    Il Torino sulla carta è più forte del Verona, sul campo il Verona è più forte del Torino…anche se il toro qui mi ha impressionato…ma chi l’avrebbe detto ad inizio anno?…mi hai spesso preso in giro bonariamente per il mio “relativismo” ma il calcio spesso è anche così, fai delle scelte convinto che siano giuste e non ne imbrocchi una, fai delle scelte un po’ titubante e ti ritrovi uno “squadron”…ed il confine a volte è labile….
                                                                                                                    Sul discorso Borini e Di Marco hai fatto considerazioni a mio avviso giustissime…di questi giocatori da rivalutare in giro ce ne sono tanti…
                                                                                                                    Pessina il Verona lo può riscattare con 4.5 milioni di euro, l’Atalanta se vuole lo riprende con 5…ti restano 500 mila euro di “premio di valorizzazione”…ma anche li…chi lo avrebbe mai detto che Pessina faceva questo campionato?..ed in ogni caso le condizioni le dettava l’Atalanta…prendere o lasciare…

                                                                                                            • GINO DAL BAR scrive:

                                                                                                              …sei sicuro ci sia il rinnovo automatico? Da come l’avevo capita io, c’e’ l’opzione per il rinnovo, quindi esercitabile come no… se uno dei due non firma il contratto.
                                                                                                              Comunque che dipenda tutto da Juric…e’ così (l’unico che non l’avea capio l’era Vighini…).
                                                                                                              E’ il tecnico “emergente” che sta facendo meglio in Italia, si sta facendo notare sempre di piu’ anche all’estero…da quello che ha detto, e’ uno che preferisce non affezionarsi alle piazze, quindi…la vedo dura…
                                                                                                              In ogni caso c’e’ da dire che questa e’ un annata in cui tutto gira a meraviglia…cioe’, solo el fatto che Massa, contro la Juve, sull’1 a 1, a 5 minuti dalla fine, va alla VAR a vedere un rigore, e dopo te lo fischia a favore…dai, una cosa cosi’…e’ la realtà che supera la fantasia…
                                                                                                              …poi prendi Borini, se pensiamo che il Milan l’aveva completamente accantonato…lo prendiamo noi…e in 2 partite su 5 diventa decisivo…
                                                                                                              …l’e’ un’annata strepitosa, forse unica…tipo…tipo…quella 82 83…appena promossi, che se non ricordo male, ci qualificammo subito in UEFA…si ma, quelle successive, dopo, me par che le fosse un disastro :D :D :D

                                                                                                              • fenomeno scrive:

                                                                                                                A me sembra di aver capito che in caso di salvezza il contratto si rinnova…anche perché opzione non riesco a capire cosa significhi se debbono firmare entrambi…questo è uno di quei anni magici dove tutto riesce, il gruppo è compatto, c’è chimica, alchimia, c’è tutto…ASSOLUTAMENTE merito di Juric ed ASSOLUTAMENTE è il Verona di Juric ma i giocatori non sono così scarsi come li dipingevano e la società non è così allo sbando come la si dipingeva…se fosse tutto e solo merito di Juric (che comunque da qualcuno è stato pur scelto) avrebbe fatto le stesse cose al Genoa…dove invece le statistiche dicono sia il peggior allenatore della storia del Genoa in serie A come media punti

                                                                                                                • GINO DAL BAR scrive:

                                                                                                                  https://www.corriere.it/sport/20_febbraio_09/verona-juric-ha-trasformato-svincolati-prestiti-ed-esordienti-una-miscela-vincente-c0e44fe2-4b0f-11ea-aff7-4a3600894a18.shtml?refresh_ce-cp qua scrivono che ha il rinnovo automatico in caso di salvezza.
                                                                                                                  Pero’, credo, ovviamente ste robe sanno solo loro come funzionano, ma che come nei contratti a tempo determinato, ci sia un contratto da rinnovare (che si può modificare in ogni sua singola parte), e quindi da firmare…boh…saria belo che qualche giornalista facesse un po’ di chiaressa …uno a caso…tipo Fioravanti :D :D

                                                                                                                  • Simone scrive:

                                                                                                                    Capisco la tua richiesta, per altro normalissima. D’altronde basterebbe chiedere ai diretti interessati in questo caso, con cui dei contatti diretti li dovrebbero avere. In questo caso specifico oltretutto non si parla nemmeno di chissà quale inchiesta. Eppure non lo fanno. Come su tante altre questioni. Qui come altrove, a dirla tutta. Contemporaneamente piovono (anche) sulla questione specifica ipotesi di ogni tipo da parte degli utenti. Tu non ci vedi, magari in modo maligno, un collegamento? Risposta=fine teorica della discussione…

                                                                                                                • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                                  quelle regole tipo riscatto opzione controriscatto etc son fatte per esser interpretate e non applicate..un pò quel che succede con codice civile e penale…..resta fermo che se juric non volesse restare per motivi x e y trattenerlo è pressocchè impossibile se non sbagliato ( Lui stesso ha affermato che può rimanere anche fermo un anno giusto ? )…..non penso dipenderà dai soldi, in cassa ce ne sono, ma dipenderà dal tipo di situazione che la proprietà vorrà scegliere per il prossimo anno……..ps, vinciamo ancora per carità che ci divertiamo, ma l europa league non è il massimo nè per caratteristiche nè per budget economico……..l unica manifestazione che ha queste coordinate è la champions……per quant è della proprietà continuo a pensare, ma me sbaiarò eh, che ci siano interlocutori ma o tiran fuori quel che vuole l indossatore o si attaccano….e adesso figurati se 70 chicchi magari non crescono pure……..

                                                                                                            1. schetch scrive:

                                                                                                              Juric, stava scivolando in una situazione a rischio per la sua carriera prima di Verona. Chi, quale club l’avrebbe chiamato a Giugno? Non so i soldi, la fama, gli squadroni, il nabule…a me sembra un uomo vero. Ricordiamoci che allenatori non ultimo Gasperini avevano tentato le strade di grandi squadre, poi per rinascere sono tornati in provincia. Sarri dopo il vesuvio non ha più brillato nemmeno a Londra, sicuramente non il suo conto corrente però. Certo se la società gli vuole dare una mancia per quello che ha fatto allora si che se ne va..

                                                                                                              1. Alkwor scrive:

                                                                                                                Sono a 5000km e 3 fusi orari di distanza.
                                                                                                                Da solo in un pub fino alle 2 di notte a soffrire e gioire come un pazzo per quello che vedevo sul maxi schermo.
                                                                                                                Una partita in cui è successo di tutto e che ha dimostrato ancora una volta che la squadra ha una mentalità da champions league.
                                                                                                                La mattina riunione alle 7 ma non me ne fregava nulla.
                                                                                                                Purtroppo non ero al Bentegodi, ma è come ci fossi stato quando si sentivano i Butei cantare.

                                                                                                                1. Bruno scrive:

                                                                                                                  Tutti veci in questi blog… tutti hanno un ricordo dell’Europa negli anni ottanta. Lo scudetto, la gloria, il sogno avverato.
                                                                                                                  Tutto giusto, ma io sabato sera ho pensato a chi è troppo giovane per ricordare quei momenti di gloria, quelli che hanno visto solo gli anni della dannazione,
                                                                                                                  sui campacci della serie C, quei butei che hanno -nonostante tutto e tutti – continuato a organizzare trasferte e a colorare la curva Sud al di là delle categorie.
                                                                                                                  Ho pensato a loro sabato sera ed ho provato una profonda e sincera ammirazione nei loro confronti. La vittoria è vostra butei e buteleti, fate in modo di amare l’Hellas sempre con la passione che avete urlato al cielo sabato sera.

                                                                                                                  1. Simone scrive:

                                                                                                                    Alcune statistiche interessanti: in particolar modo a mio avviso il numero di parate di Silvestri (poche) e i km percorsi (tanti) rispetto alle altre: http://www.legaseriea.it/it/serie-a/statistiche-squadre .

                                                                                                                    1. Riccardo scrive:

                                                                                                                      fenomeno
                                                                                                                      hai ragione.
                                                                                                                      il problema è tutto lì
                                                                                                                      ripetere questo campionato sarà difficilissimo
                                                                                                                      quindi rimarrà solo se la società darà ampie rassicurazioni e, soprattutto, se sentirà un obbligo di riconoscenza verso chi (società, tifosi, ecc) gli ha permesso di rilanciarsi.
                                                                                                                      effettivamente non li vedo ad allenare le grandi, ma società come Torino, Fiorentina, Napoli e Atalanta (se Gasperini se ne andrà) quello sì.
                                                                                                                      vedremo

                                                                                                                      1. wallace scrive:

                                                                                                                        altra considerazione
                                                                                                                        siccome quello che uno esprime qui, due ore dopo puo essere smentito, xche il calcio e questo, ci sara una girandola di cambi panchine importante. Gasperini facile non resti all atalanta , la juve non e contenta di sarri, e credo fatichera tantissimo anche x lo scudetto, il napoli non terra gattuso, la stessa fiorentina con commisso chissa cosa farà. Sono sempre più dell idea che gasperini andra alla iuve, e juric al napoli. Ma sarei ben felice di essere smentito, anzi

                                                                                                                        1. wallace scrive:

                                                                                                                          fenomeno
                                                                                                                          a quello che so, juric non ha assolutamente il rinnovo automatico a salvezza raggiunta, se no mi pare logico che non direbbe che dovra sentire a fine campionato. Ha una opzione che può esercitare o no, in una certa scadenza. Non ce l ha la societa, ce l ha lui, che e tutto diverso. Al di la di tutto, i soldi sono importanti, ma l uomo juric, onesto e concreto, mi sembra guardi molto anche ai progetti, quindi a fine campionato si vedra, e tutto nelle mani de camisaverta. Il mio parere l ho espresso in tutte le salse, conosco ormai il soggetto, se juric andrà via ti propinerà la solita favola delle sue che hanno cercato di trattenerlo a tutti i costi, che il progetto c era, ma napoli e atalanta gli offrono altro, che lui l ha preso che nessuno lo voleva, etc etc…le solite balle in stile settiano

                                                                                                                          1. enzo scrive:

                                                                                                                            Massima stima di quello che hai scritto Stefano 50/60. A me spiace solo che l’anno dello scudetto sono riuscito a vedere dal vivo solo tre partite perché ero ancora troppo giovane ma con l Avellino alla festa c’ero!!

                                                                                                                            • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                                              l importante Enzo è far parte di questa realtà unica, la Nostra..a tutte le età….davanti a me sabato c eran tanti bambini ma quello che vedevo nei loro occhi mi ha dato fiducia, e tanta allegria….

                                                                                                                            1. Riccardo scrive:

                                                                                                                              stefano 50/60
                                                                                                                              il tuo post mi ha fatto rivivere le stesse bellissime sensazioni e avventure europee degli anni 80, delle peripezie (a stettino fermi alla frontiera con la DDR fino a un'ora prima della partita)
                                                                                                                              grazie

                                                                                                                              • stefano 50/60 scrive:

                                                                                                                                Riky ciao è un piacere…….ps, anche a beograd non han scherzato sul pulmann eh….ma son cose della vita che Ti rimangono nelle vene ove scorre sangue gialloblù e non zucchero per guarnire dolci natalizi….

                                                                                                                              1. Denis scrive:

                                                                                                                                L'obiettivo realistico potrebbe essere eguagliare o migliorare i 54 punti di Mandorlini del primo anno in A.
                                                                                                                                Mancano 15 partite, 5 vittorie e 5 pareggi.

                                                                                                                                1. bruce scrive:

                                                                                                                                  La situazione è talmente inaspettata e meravigliosa che ormai non si trovano le parole…..

                                                                                                                                  1. Riccardo scrive:

                                                                                                                                    ed è vero
                                                                                                                                    solo chi non ha un passato non vive (anche) del suoi trascorsi

                                                                                                                                    1. ciccio2 scrive:

                                                                                                                                      si godiamocela,NONOSTANTE tutte le voci che vogliono tutti i giocatori verso altre destinazioni.

                                                                                                                                    Rispondi a stefano 50/60

                                                                                                                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                                                                                    Accetto i termini sulla privacy

                                                                                                                                    *