20
set 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 15 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.435

QUESTO VERONA VA SOSTENUTO

Avevo provocatoriamente consigliato di dare per persa la partita di Roma e dedicarsi a preparare quella con la Samp non per caso. La squadra si trovava in una crisi di identitá, di gioco e di condizione, l’umiliazione subita contro la Fiorentina era troppo recente ed era impensabile che si potesse riuscire a contrastare i giallorossi, visto soprattutto il divario tecnico.

Con la Samp era diverso. Perchè la Samp non è la Roma, innanzitutto. Perchè si giocava in casa. Perchè qualche nuovo arrivato avrebbe fatto in tempo forse a imparare il nome dei compagni.

Nel calcio di oggi si vuole tutto e subito, ma per ottenere risultati serve lavoro di campo.

Il mio compito non é difendere Pecchia. È osservare. E descrivere.

Non sono passati mesi tra la gara dell’Olimpico e quella odierna. Eppure a Roma ho visto un undici smarrito, confuso, senza distanze, senza mordente, in crisi tecnica assoluta.

“Inadeguato alla categoria” ha sentenziato qualcuno.

Contro la Sampdoria ho visto una squadra umile, operaia, con intensitá, grande capacitá di contrasto, spesso alta e pronta altrimenti a ripartire negli spazi. Una squadra che ha rischiato di vincere e ha evitato la sconfitta con gesti individuali frutto di grande abnegazione (Nicolas e soprattutto Caracciolo).

Ebbene: il mister era sempre lo stesso: Fabio Pecchia.

Fenomeno? Assolutamente no. Ma nemmeno un pirla. E di certo non la causa principale dei problemi iniziali della squadra.

Ho visto una squadra consapevole di cosa serve per tentare di salvarsi. E ho percepito un Bentegodi (a parte la Curva, ovviamente), viziato e presuntuoso, cocciuto e cieco, capace di contestare l’allenatore alla sostituzione (sacrosanta) di un Pazzini stremato, che ha mostrato cenni di ripresa ma che si è anche mangiato un paio di conclusioni. Un pubblico “da tribuna vip” che non mi pare abbia chiaro l’obiettivo della squadra e soprattutto cosa serva per raggiungerlo.

Il Verona stasera ha gettato una mano verso i propri tifosi. Sta a loro rispondere come si deve.

Per salvarsi serve, l’ho scritto tempo fa, un patto di ferro tra squadra e tifosi, ambiente e giocatori. Serve sempre una bolgia al Bentegodi. Serve lo “spirito Crotone”, quello visto in campo contro i blucerchiati e che i calabresi sembrano in questa stagione aver smarrito.

Crotone e Benevento sono giá dietro. Un’altra, se veramente Verona lo vuole, la si individua e la si va a prendere.

 

13
set 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 14 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.349

SI PUÒ NON ANDARE A ROMA?

Si puó chiedere di non giocare a Roma? Sarebbe un’idea da considerare. Si eviterebbero, oltre che una sonora batosta (queste squadre x ora sono fuori portata), anche infortuni e cartellini, dettagli da non sottovalutare visto il momento giá di emergenza.

Non è una battuta. Nei tanti campionati “a salvarmi” che ho giocato ho dedotto che a volte conviene proprio salrarle certe gare. Idea non sempre condivisa dai ds che ho avuto ma che ha quasi sempre pagato.

Tieni fuori i giocatori a rischio, fai un po di turn over, chiedi alle tue seconde linee di sfruttare l’occasione e intanto mentalmente ti prepari per la gara successiva.

Perchè dovrebbe essere chiaro a tutti che la gara da non sbagliare, l’unica che puó permetterti di restare a galla in un avvio di campionato comunque dal calendario proibitivo, è quella contro gli uomini di Gianpaolo.

Purtroppo invece a Roma ci si andrá… e speriamo di non perdere troppi pezzi.

Eppure la forza vera di chi vuole provare a salvarsi sta proprio nella capacitá di non abbattersi di fronte a gare che nascono male, a sconfitte roboanti. La capacitá di azzerare e ripartire. Perchè si sa… se devi salvarti al fotofinish di gare ne perderai parecchie.

Ho letto di tutto ma non condivido quasi nulla della debacle contro i Viola. È stata una giornata storta di Nicolas. Punto. Il resto sono valutazioni che non si possono fare, perche figlie di quella premessa. Giá c’è un abisso tra le due squadre, se in più parti cosí… la gara proprio non puó esistere. Eppure Pazzini c’era…

Preoariamoci per la sgambata dell’Olimpico in preparazione della gara da vincere contro la Samp. Vorrebbe dire 4 punti in 5 gare. Con questo calendario sarebbe oro che cola.

 

11
set 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

818

A NOVARA SI È PERSO…

Ieri sera ho deciso di andare a Novara. Avevo qualche ora e, essendo Caronno a una cinquantina di chilometri, ho pensato che ne valesse la pena, per vedere il Verona dal vivo.

Ho assistito a un primo tempo positivo. Non eccelso in rifinitura, perché ci si affidava a cross dalla tre quarti facili prede dei tre centrali piemontesi. Ma con qualche buona giocata davanti, gol compreso. Nelle due volte in cui il Novara ha contrattaccato si è però reso pericoloso, facendo suonare qualche campanello d’allarme. Dallo stadio la sensazione era che il Novara avesse spinto davvero poco, lasciando quasi sfogare i gialloblu.

Tra i singoli un Nicolas mai sicuro, due terzini (Romulo e Suprajen) mai puliti in zona cross e drammaticamente approssimativi in fase difensiva, i centrali che ci hanno provato anche se spesso si trovavano in 2:2 e finivano col pagare ogni mezzo errore. In mediana uno Zuculini solo a interdire e due mezze ali di grande qualità che permettevano un buon fraseggio sulla tre quarti avversaria, con però non sempre il varco giusto per l’imbucata davanti. Un Pazzini non in serata ma mal servito, un Siligardi al solito abulico e un Luppi migliore in campo nei primi 45′.

Poi il buio.

Al ritorno in campo la squadra non ci ha capito molto, anche x un calo fisico in mezzo al campo che era prevedibile. Nel primo tempo infatti si era speso molto raccogliendo poco.

 

Il gol del pareggio, meritato, il Novara lo trova su una palla inattiva ributtata dentro, stessa lacuna mostrata nel primo tempo che aveva portato a rischiare.

 

Poi sulla foga gli uomini di Boscaglia hanno sfiorato il vantaggio, con un incrocio dei pali incredibile colpito e una successiva conclusione che ha impallato Nicolas. Sono stati dieci minuti di inferno dove nessuno ci stava capendo nulla.

E in quei frangenti Pecchia non mi è piaciuto. Sia perché se ne è stato minuti pesanti a parlottare con Corrent sul da farsi, senza incitare, richiamare, incoraggiare, correggere; sia perché spaventato ha deciso di coprirsi, passando a un 5-3-2 che parlava da solo.

Qui la squadra ha mostrato tutti i suoi limiti, anche perché è parsa incapace di interpretare un copione diverso dal solito. Fin che si poteva fraseggiare nella loro metà campo come nel primo tempo tutto era chiaro, quando si doveva uscire da basso sul loro pressing alto si finiva quasi sempre con lo sparacchiare in avanti.

Ne è uscita una ripresa oscena, dove il Novara ha sfiorato più volte il gol e infine l’ha trovato.

Pazzini ha rimesso le cose a posto dopo meno di un giro di lancette con una prodezza, ma la partita, è brutto dirlo, sul campo è stata persa.

Le domande che mi sono sorte sono parecchie: perché insistere con Romulo che sembra un ex? Non si poteva piuttosto alzarlo sulla linea degli attaccanti x lo stanco e impalpabile Siligardi mantenendo il 4-3-3? Non era il caso di intervenire prima sul centrocampo che pareva il vero problema (Zuculini e Fossati stremati) piuttosto che operare cambi dietro e davanti?

Non spettava a me rispondere. Ho lasciato lo stadio tra i tifosi del Novara delusi e inviperiti coi loro.

11
set 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

179

FIATO SOSPESO

A questo punto la squadra deve trattenere il respiro… e con lei la città. Qualsiasi discorso fatto in precedenza, piu o meno motivato, va congelato. Ho sentito critiche sul gioco e sul mister. Avevo scritto in tempi non sospetti di far lavorare Pecchia. E avevo ricordato che la B è lunga e dura. Non si può essere sempre brillanti. E nemmeno pensare di asfaltare sempre.

Pecchia era inesperto? Vero… ed è stato una scommessa della società. Se non salirà in A si potrà contestare. Ma se centra l’obiettivo…

A me sembra che la sua idea di calcio, quella pura, si sia apprezzata all’inizio. Ed è difficile dire che non fosse bella o redditizia. Poi quando la squadra è tornata sulla terra serviva più gestione che pallone, e in questo mi è parso di vedere che all’inesperienza del tecnico si sia sommata quella di una società non sempre in grado di capire i momenti, comunicare nel modo giusto, tutelare.

Non dimentichiamoci che anche Luca Toni era alle prime armi.

La squadra è cambiata, si è adattata alla categoria, ha imparato a vincere anche quando la gamba non ha girato.

Mi pare che soffra ancora molto le squadre che la sanno aggredire. Ma ci prova almeno a cercare altre vie x costruire.

Pazzini è stato risorsa e in certi momenti limite. Risorsa x i gol. Limite per una partecipazione alla manovra non sempre brillante.

10
set 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

477

NON CEDERE ALLA VOGLIA MATTA

Attenzione a non farsi prendere troppo dalla…

  • voglia matta.

    Pazzini quest’anno ha fatto benissimo. In B. Nelle cinque stagioni precedenti ha convinto dal punto di vista realizzativo solo coi 15 gol di Milano. Che sappia segnare è fuori discussione, anche se in A, non dovendo piu recitare il ruolo di costanti protagonisti, potrebbe necessitare di una spalla.

    E chi se non un rispolverato Cassano? Una coppia da sogno.

  • Qualche anno fa. Oggi: un’incognita.

    Non è mia intenzione fare da bastian contrario ad ogni costo (il mio pensiero su Cassano l’ho giá espresso). Voglio solo favorire alcune riflessioni.

    Lodevole la volontá di Fusco di mettere a disposizione di Pecchia della qualitá assoluta per poter essere molto propositivi.

    Ricordo però che la squadra non è riuscita ad essere così propositiva almeno per metá campionato di B. Da favorita.

  • Ci riuscirá per più partite in A?

    E quando servirá la sciabola al posto del (lento) fioretto in dotazione, chi combatterá?

    Pazzini-Cassano è una coppia teorica, che saremo destinati a vedere poco assieme e solo in certe situazioni (mi auguro di essere smentito). Forse nei finali di gara arrembanti o in qualche altro caso eccezionale.

    Ora: non cominciamo a tempestare il mister di moniti relativi al loro utilizzo simultaneo. Magari pure con Cerci.

  • Lasciamolo costruire in pace il nuovo Hellas, che sia equilibrato e tosto. Perchè questo serve per salvarsi.

    4-3-3 di base, con una bella idea Cerci a destra (può rivelarsi il giocatore giusto per garantire salto di qualitá davanti), Pazzini in mezzo e uno di gamba a sinistra (anche giovane, perche no?).

    Poi Cassano pronto a entrare e rendersi utile con qualche palla inattiva e colpo in area.

    Nulla di più. L’obiettivo non è scimmiottare il Real Madrid.

    Senza dimenticare che la base della squadra è il reparto arretrato e che per permettersi qualitá davanti serve sostanza in mezzo. Quasi tutte le concorrenti alla salvezza hanno un bomber davanti… ma non sempre basta.

    Fusco sta agendo con raziocinio e competenza. Qualcosa finalmente si muove. Lasciamolo lavorare, commentando i vari innesti, osservando, pazientando…

    07
    set 2017
    AUTORE gaburro
    CATEGORIA

    Sport

    COMMENTI 10 Commenti
    VISUALIZZAZIONI

    744

    RISULTATI O BEL GIOCO?

    Leggo di gente che si lamenta che il Chelsea non gioca poi così bene.

    Premetto che a me Conte sta antipatico. A pelle. Ma questo non significa che non sia in grado di riconoscere la qualità del suo lavoro.

    Il Chelsea vince. Questo chiedono a Conte e questo lui cerca di fare.

    Credo vi sia una confusione storica sul concetto di identità di squadra e quindi di squadra capace di giocare un bel calcio.

    Identità e modulo sono la stessa cosa?

    Penso alle squadre di Zeman. Un maestro se vogliamo. Ma di un solo tipo di calcio. E Guardiola? Il suo livello di elasticità tattica è superiore a quella di Zeman, ma anche lui arriva fino a un certo punto. Poi quando non riesce più a essere propositivo…

  • paga. Le squadre di entrambi hanno risaputamente grande identità.

  • E tutti e due sono ritenuti a loro volta dei grandi proprio perché sanno dare un’impronta indelebile alle proprie squadre.

    Il problema però sta proprio nella rigidità delle idee contrapposta alle necessità di campo.

    Mourinho prima, Conte ora, lavorano sulla squadra seguendo un altro percorso, che porta al risultato, non alla bellezza.

    E sono così in antitesi i due concetti?

    Una volta pensavo di no. Ora invece sono convinto del contrario.

    Saper vincere vuol dire avere mentalità, intensità, applicazione. Non solo. Vuol dire avere duttilità tattica e mentale.

    Di fronte a queste esigenze, che permettono di ottimizzare le risorse durante una stagione, il modulo e anche la rigidità di concetti possono solo, prima o poi, diventare un limite.

    Nessuna squadra vince giocando sempre bene. E i campionati li vincono le squadre che sanno vincere le partite in cui non giocano bene.

    Andrebbe fatta definitivamente chiarezza sul punto. E i tifosi che vogliono vincere dovrebbero smetterla di chiedere al loro allenatore anche sempre il bel gioco.

    Le strade che portano al successo e alla bellezza sono differenti.

    05
    set 2017
    AUTORE gaburro
    CATEGORIA

    Sport

    COMMENTI 11 Commenti
    VISUALIZZAZIONI

    555

    CASSANO NON SERVE

    Parliamoci chiaro: Cassano non serve a un piffero. Non so chi abbia interesse a far girare sta voce, ma se il ds sarà Fusco e il mister Pecchia l’ex campione barese può solo diventare un problema.

    Di natura tecnica in primis. L’idea è dare un forte imprinting al progetto, con una squadra propositiva anche in A. Anzi, soprattutto in A. Il modulo base usato dal mister è un 4-3-3.
    Quest’anno lo ha raramente modificato e quasi mai con le due punte. Eviterei riferimenti al 4-2-3-1 semplicemente perché Cassano non è un giocatore che dal punto di vista difensivo oggi come oggi può fare il tre quarti. È una seconda punta che si disinteressa della fase difensiva. Che è diverso. Un lusso che una neo promossa ricca di incognite non può permettersi.

    Di natura gestionale in secundis.

  • Perché un giocatore di quel calibro che vivacchia in spogliatoio non è affatto di aiuto. Parliamo di un talento straordinario che però è completamente da verificare, oltre che per attitudine a entrare nell’impianto di gioco, per condizione fisica e tenuta. Se gioca poco avrà l’intelligenza di stare al suo posto, non fare cassanate, remare sempre dalla parte giusta, diventare addirittura un uomo spogliatoio??? Sarebbe la prima volta in carriera…

    E allora evitiamo romanticismi autolesionistici e voli pindarici. Con l’ingaggio di Cassano si prendano due giocatori più giovani, sui quali investire, che possano aiutare mister e squadra a raggiungere gli obiettivi in linea con il vestito che Fusco vuole cucire addosso all’Hellas. E non mi sembra proprio che voglia essere un abito da giullare di corte. Un abito che sottintenda una squadra coesa, basata su un’idea di gioco forte ma capace di applicarsi molto anche in fase difensiva ha bisogno di giocatori diversi da Cassano. Magari meno forti a livello assoluto ma in grado di calarsi di piu nella parte.

    Le risorse non mi paiono infinite…

    03
    set 2017
    AUTORE gaburro
    CATEGORIA

    Sport

    COMMENTI 22 Commenti
    VISUALIZZAZIONI

    1.194

    TONI E IL BOOMERANG DELLA CONFUSIONE

    Ricordo quanto fastidio mi diede la conferenza stampa di addio di Gibo nonostante fosse una persona che stimavo. Uno sfogo contro Mandorlini che capivo nella sostanza ma non nella forma.

    Toni se ne è andato nel modo peggiore.

    Sbattere la porta non è mai bello e quasi mai giusto. Di cosa sarebbe stato colpevole Setti? Di non averlo confermato? Di avergli preferito Fusco?

    Toni in fin dei conti è vittima della confusione iniziale. Confusione che però ha accettato allegramente.

  • Forse perchè quando si è totalmente inesperti conviene partire in fianco a qualcun altro senza responsabilitá dirette, visto che difficilmente si può pretendere un’investitura a priori, per poi eventualmente farsi trovare pronti in caso di naufragio generale.

    Per fortuna dei tifosi e della societá tutta, però, non c’è stato nessun naufragio. Forse non un miracolo sportivo (come ci ha tenuto a puntualizzare Luca) ma nemmeno un patatrac che potesse anche solo lomtanamente far pensare a un cambio di consegne.

    Che consigli avrebbe dovuto ascoltare Fusco? Riguardo a cosa? E perchè? Forse il ds non avrá tutta sta esperienza e dovrá dimostrare quanto vale in A.

  • Così come Pecchia.

  • Ma pure Toni ha esperienza dirigenziale pari a zero. E quella in campo, come da lui stesso ribadito, non conta nulla.

  • Capirei di più un Fusco che si confrontasse con Sabatini o Marotta!

    Toni è stato un campione e a Verona ha fatto cose straordinarie.

  • Vietato dimenticarlo, nonostante la caduta di stile dell’uscita di scena rumorosa.

    01
    set 2017
    AUTORE gaburro
    CATEGORIA

    Sport

    COMMENTI 10 Commenti
    VISUALIZZAZIONI

    487

    BABBO NATALE NON ESISTE

    È finita.

    Dopo il Borussia Dortmund, il centro sportivo di proprietá e il consolidamento in categoria, il calcio mercato dell’estate 2017 ha definitivamente seppellito le promesse e smascherato la proprietá e la sua pochezza economica.

    È un po come quando ti dicono che Babbo Natale non esiste. Subito ci stai male e ti senti tradito dal mondo, dopo un po inizi a pensare che sia meglio saperlo.

    Per la veritá Setti lo aveva detto e avevamo sottovalutato le sue parole, prendendolo in giro o pensando lo stesse facendo lui con noi: “il nostro modello sará il Crotone”. Porca vacca era vero!

    A questo punto peró la porta del calcio mercato, come ci ha abbondantemente ricordato Criscitiello durante la diretta di SI è stata chiusa e dopo la sosta ognuno ripartirá con quello che ha, almeno fino a gennaio.

    Lee e Kean sono il minimo che potesse arrivare. Anzi, se non hai un centesimo, sono il massimo. Perchè a zero euro è dura prendere giocatori. Queste almeno sulla carta sono scommesse con qualche speranza di realizzazione: due tra i migliori goovani in circolazione. A livello europeo. Non male.

    Che la squadra sia deficitaria lo abbismo detto e scritto tutti. Ed è vero. Erano sollecitazioni a mercato aperto, per sperare di smuovere una proprietá che di confusione ne ha fatta parecchia, almeno a livello comunicativo.

    Mancano un portiere, forse un terzino, un centrocampista e dei gol certi davanti (ora non puó più essere un problema di qualitá perchè sia Kean, sia Lee ne hanno da vendere, ma non danno certezze).

    E ora che si fa?

    Ora si depone l’ascia di guerra. Questo almeno dovrebbe fare chi vuole bene ai colori gialloblu.

    Preso atto che questa è l’unica proprietá possibile e che le possibilitá attuali sono queste, serve ora ricordarsi che sempre di sport si tratta, che il Verona puó salvarsi e che lottando, con le unghie e con i denti, puó arrivare a lasciarsi dietro tre squadre.

    Per poterlo fare peró serve la tifoseria più forte e unita degli ultimi tempi. Serve uno spogliatoio superiore a qualsiasi gelosia o invidia (tipiche degli spogliatoi di oggi), serve un miracolo tecnico-tattico e serve che Setti getti la maschera pubblicamente, accantoni il mocassino facile e indossi l’elmetto.

    L’….. armiamoci e partite…. che lo si accetti o no, non attacca piú. Se si vuole provare a vincere la guerrala si deve combattere tutti assieme.

    20
    ago 2017
    AUTORE gaburro
    CATEGORIA

    Sport

    COMMENTI 3 Commenti
    VISUALIZZAZIONI

    59

    HELLAS VERONA COME MODELLO VINCENTE

    Pecchia ha condotto il Verona in serie A. Giusto partire da questa premessa. Perché è stato un anno di turbinii mediatici pro e contro guida tecnica. E devo dire che non mi sono piaciuti.

    Il progetto di Setti era ampio, prevedeva un profondo gioco di squadra, un ds affamato di affermarsi e un allenatore che fosse sua espressione diretta. Era serio, perché ci credeva, e lo ha dimostrato difendendo i suoi uomini nelle criticità.

  • Ed era vincente, come il campo ha detto.

    Quello del Verona di quest’anno non è soltanto un successo sportivo. È la consacrazione di un modello, che dovrebbe essere la base delle progettazioni stagionali e invece nel calcio di oggi è sempre più mosca bianca: un presidente appassionato che si sceglie un ds di fiducia il quale a sua volta sceglie un suo uomo per la panchina. Facile? Non proprio.

  • Basti chiedere all’Inter per trovarne conferma.

    Le squadre non sono accozzaglie di calciatori portati da persone diverse che un malcapitato allenatore deve cercare di assemblare come un puzzle, sotto lo sguardo cupo di un ds pronto a metterne in discussione ogni mossa e un presidente che minaccia ogni secondo di cambiare protagonisti. Le squadre devono essere opere d’arte e per esserlo devono nascere da un flusso di pensieri, devono essere prima immaginate e poi dirette, e ognuno deve rispettare mansioni e persone.

    La città di Verona è tornata ad avere a che fare con la serie B e lo ha fatto con grande maturità, forse a volte scordandosi che si tratta di un campionato difficile, ma rispondendo sempre presente, quando contava, quando bisognava esserci.

    Pecchia ha messo sé stesso nel progetto e alla fine ha avuto ragione. Non ha scimmiottato nessuno, ne tatticamente ne tanto meno nello stile. Ed è riuscito a trasmettere gran parte del suo modo di essere a chi lo circondava, portando un po’ di equilibrio in un mondo che di suo ne ha gran poco.

    Abbiamo ammirato un Verona strepitoso per mesi, poi involuto, quindi pragmatico.

    Qualcuno dice che il miglior Pecchia si e visto alla fine. Io dico che è grazie a quell’inizio che lui si è imposto, ha conquistato Setti e ha gettato le basi per la vittoria finale.

    Non so se deciderà di rimanere. Ma se la base è quel modello, se Setti ha grande fiducia in Fusco e di conseguenza in lui…