03
lug 2017
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 19 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.226

TONI E IL BOOMERANG DELLA CONFUSIONE

Ricordo quanto fastidio mi diede la conferenza stampa di addio di Gibo nonostante fosse una persona che stimavo. Uno sfogo contro Mandorlini che capivo nella sostanza ma non nella forma.

Toni se ne è andato nel modo peggiore.

Sbattere la porta non è mai bello e quasi mai giusto. Di cosa sarebbe stato colpevole Setti? Di non averlo confermato? Di avergli preferito Fusco?

Toni in fin dei conti è vittima della confusione iniziale. Confusione che però ha accettato allegramente. Forse perchè quando si è totalmente inesperti conviene partire in fianco a qualcun altro senza responsabilitá dirette, visto che difficilmente si può pretendere un’investitura a priori, per poi eventualmente farsi trovare pronti in caso di naufragio generale.

Per fortuna dei tifosi e della societá tutta, però, non c’è stato nessun naufragio. Forse non un miracolo sportivo (come ci ha tenuto a puntualizzare Luca) ma nemmeno un patatrac che potesse anche solo lomtanamente far pensare a un cambio di consegne.

Che consigli avrebbe dovuto ascoltare Fusco? Riguardo a cosa? E perchè? Forse il ds non avrá tutta sta esperienza e dovrá dimostrare quanto vale in A. Così come Pecchia. Ma pure Toni ha esperienza dirigenziale pari a zero. E quella in campo, come da lui stesso ribadito, non conta nulla. Capirei di più un Fusco che si confrontasse con Sabatini o Marotta!

Toni è stato un campione e a Verona ha fatto cose straordinarie. Vietato dimenticarlo, nonostante la caduta di stile dell’uscita di scena rumorosa. Spero per lui che possa costruirsi un futuro da dirigente altrove, magari facendo tesoro dell’esperienza di quest’anno.

Ma che esperienza potrebbe chiedersi qualcuno, visto che non ha mai avuto voce in capitolo?

Una cosa però questa stagione avrebbe dovuto insegnarla: la confusione non sempre si rivela alleata, anzi, a volte può diventare un boomerang.

2.226 VISUALIZZAZIONI

19 risposte a “TONI E IL BOOMERANG DELLA CONFUSIONE”

Invia commento
  1. napoleone scrive:

    Toni è rimasto solo.

    1. Massi scrive:

      CHE BRAVI!!!!! TUTTI O QUASI A CRITICARE LA CADUTA DI STILE DI TONI, L’UNICO CHE HA SEMPRE DIMOSTRATO DI DIRE LA VERITA’. MA ANDATE A CAGARE ! CHE CAVOLO CE NE FREGA DELLO STILE?????? CI DOVREBBERO INTERESSARE I CONTENUTI, NON LA FORMA, E IN QUANTO A CONTENUTI, VOGLIAM PARLARE DELLE CONFERENZE DI SETTI E DI TUTTE LE CIALTRONATE CHE HA DETTO???

      • fregghy scrive:

        Nel 2017 ghe ancora gente che se fa abbindolare da queste prime donne….

      • world scrive:

        visto che toni dice sempre la verità chiedigli cosa è successo alla vigilia di juve verona l’anno della retrocessione. chiedgili cosa ha fatto quando del neri l’ha messo in panchina in quell’unidici iniziale. chiedigli perchè in un momento drammatico di classifica non ha trovato intesa con l’allenatore…………..e chiediti cosa questa situazione possa aver creato nello spogliatoio. sono completamente d’accordo con vighini, barana, gaburro e fioravanti.
        il che è tutto dire.

      • gaburro scrive:

        Scusa cosa avrebbe detto di così “rivelatore” e coraggioso Toni???

        • Elvis scrive:

          Non avrà rivelato i misteri degli Ufo, ma ha parlato senza peli sulla lingua, magari non ha la dialettica di un oratore, ma dire quello che si pensa senza fingere è già una notizia in un mondo ipocrita come quello del calcio. É sempre stato così Toni, almeno da quando è a Verona. È per quello che è piaciuto a quasi tutti, di certo non a tanti giornalisti e commentatori. Lo stile lasciamolo a Dante Alighieri.

          • Jes scrive:

            Mahhhh gran giocatore, ma forse con questa uscita si dimostra ancora perchè ha spesso cambiato squadra…. si è dimostrato piccolo

      1. die980 scrive:

        Ciao..
        ancora un blog in cui si parla di Toni e non del Verona.
        La ritengo una pesante caduta di stile di TGGialloblu. Toni ha detto, come ci aveva già abituato (nei modi e “toni”), che se ne andrà perchè nessuno lo stava ad ascoltare in società….in nessun campo (marketing, calcio, calciomercato etc…nada). Mentre Setti voleva tenerlo come figurina da mostrare a Sky.
        Il fatto grave è che tutti si imbufaliscono per una cosa come la vicenda Toni (o presunta tale) togliendo l’attenzione dal bene maggiore: il Verona Hellas. Non stiamo facendo mercato, abbiamo percepito paracadute e venduto chi potevamo vendere lo scorso anno e ancora non siamo competitivi nemmeno con gli stipendi da proporre a potenziali acquisti.
        Ed il ritiro è l’8 luglio.
        Complimentoni. Domani cercate un’altra stro****a tanto per non parlare di quello che la società NON sta facendo.

        Diego

        1. gabriele scrive:

          toni voleva allontanare pecchia. fusco che è amicone no. da qui la risposta secca di fusco. decido io. io sto con toni

          • gaburro scrive:

            Nel calcio da sempre contano i risultati. Se il Verona restava in B Toni poteva chiedere spazio. Così ci sta che vada…

          1. bardamu scrive:

            Mi spiace veramente che non si sia riusciti a trovare un ruolo di reciproca soddisfazione ( sua e della società ) per Toni. Era importante riuscire a tenere un simbolo come lui in una società non di primo piano come L’Hellas ( per noi tifosi il Verona è tutto, ma non si può paragonare ad altre realtà che per numero di tifosi, potere economico, tradizione, ci sono superiori ), anche dal punto di vista mediatico.
            Considero questo abbandono un fallimento per Setti. Nonostante l’ottimo rapporto che aveva con Toni non è riuscito a ritagliargli un ruolo che non entrasse in rotta di collisione con Fusco.
            Se la situazione col tempo si era così deteriorata, parlo del rapporto tra Toni e Fusco, la colpa è stata soprattutto del presidente che non ha fatto chiarezza dall’inizio.
            Detto questo concordo sul fatto che l’uscita di Toni è stata sgradevole.
            Avrebbe potuto chiudere in modo più signorile.
            Credo che il tutto sia stato mal gestito dall’ex giocatore. Avrebbe dovuto affidarsi ad un addetto stampa che conoscesse la realtà cittadina.
            Vabbè. Ce ne faremo una ragione.
            Cambieranno i giocatori…

            1. Miche scrive:

              Non facciamo troppo i buonisti e stiamo a cercare motivi di qua e di là … Per me toni se ne va perché ha un altra proposta … È come fanno tutti invece di dirlo se ne vanno addossando ad altri le colpe … Qualche settimana e vedremo se ho ragione … Forza hellas

              • Zulu Gio scrive:

                Non credo che abbia già un’altra proposta e sia per questo che se ne va….
                Se fosse così non avrebbe avuto quel tono “tirato” ieri durante la conferenza stampa, invece si vedeva benissimo che è deluso ed amareggiato.

                Lo capisco, ma concordo sul fatto che avrebbe fatto molto meglio ad andarsene senza polemiche, il fatto che “ci sia rimasto male” è una questione molto personale che avrebbe dovuto tenere per sè.

              1. RobyVR scrive:

                El mondo l’è fato de signorsì.
                Quel del balon sopratuto.

                1. NIKE scrive:

                  Tnto grande come calciatore così piccolo come uomo e non è l’ultimo episodio che lo conferma vedi la serie dell’anno scorso

                  1. Alex scrive:

                    Da un lato spiace vedere partire una brava persona come Toni, dall’altro trovo giusto che scelte e relative responsabilita’ siano prese da un’unica persona. Setti ha scelto di dare le “chiavi” del Verona in mano a Fusco, ora oneri ed onori saranno solo sulle spalle di quest’accoppiata: tireremo le somme a fine campionato, con due controlli intermedi a fine estate e poi Gennaio.

                    1. Andrea scrive:

                      Toni aveva la voce rotta dall’emozione.

                      Lo sfogo di un amante tradito.

                      Ma ha sbagliato: sono d’accordo.

                      Gli vogliamo così bene, per quello che ha fatto, che lo comprendiamo.

                      Resterà il nostro vice-sindaco.

                    Lascia un Commento

                    *