14
nov 2017
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 40 Commenti
VISUALIZZAZIONI

850

FUORI DAL MONDO, NON SOLO NEL CALCIO

Ok. Col calcio siamo fuori dal mondo cioè dal mondiale. Ma l’apocalisse vera è che l’intero nostro Paese rischia di essere, anzi è sempre più, fuori dal mondo; dal mondo civile e progredito.
Basta guardare a cosa è successo ad Erbezzo, con i profughi ospitati nell’ex base Nato, scomparsi. Si spera scomparsi all’estero e non a Roma o a Milano dove pretendevano di andare. Fatto sta che nessuno sa dove siano. Fuori dal mondo con l’accoglienza made in Italy.
O vogliamo parlare della pressione fiscale rapportata alla qualità dei servizi? Fuori dal mondo. La burocrazia che ti impedisce di iniziare in tempi ragionevoli un’attività? Fuori da quel mondo che te lo consente in un paio di settimane.
La tragedia è che, sessant’anni fa quando fummo esclusi dai mondiali in Svezia, nel mondo stavamo entrandoci con impeto: il boom economico dei primi anni Sessanta, l’Oscar della lira, un numero irrisorio di pubblici dipendenti. (Quando oggi abbiamo invece l’Oscar degli statali…).
Il Tempo, il quotidiano di Roma, interpreta la rabbia di tutti i tifosi di fronte ai risultati deludenti della loro squadra e titola rivolto agli azzurri: “Andate a lavorare!”
Sessant’anni fa ci andavamo tutti eccome: una marea di meridionali pronti a venire al Nord, veneti disposti e cercare lavoro dovunque.
Oggi non solo la voglia di lavorare è quasi deparecida, ma non basta aver voglia. E’ indispensabile la competenza. Guardi ai programmi scolastici, li rapporti alle esigenze del mondo reale, e vien da piangere.
La causa prima, strutturale, che ci porta fuori dal mondo è il crollo della nostra pubblica istruzione, certificato da ogni test e raffronto europeo.
Un crollo che genera non solo il crollo di livello dell’intera classe dirigente del nostro Paese, ma la mancanza di quelle competenze che oggi sono indispensabili per chiunque voglia trovare un lavoro qualificato.
Un crollo culturale che fa sì – scusate se insisto – che oggi almeno un elettore su tre sia pronto a votare il partito di un comico. Partito che esiste solo qui da noi e in nessun altro Paese del mondo occidentale. E neppure orientale. E neppure sudamericano, repubbliche delle banane comprese.

850 VISUALIZZAZIONI

40 risposte a “FUORI DAL MONDO, NON SOLO NEL CALCIO”

Invia commento
  1. Silvestro scrive:

    Gaton:
    Non ci vedo niente di ironico.
    E’ semmai un paradosso che sottolinea lo sfruttamento a scopo elettorale delle difficoltà di una categoria di persone facilmente suggestionabile e sempre più numerosa.

    Martello:
    Sul lavoro credo di aver più volte spiegato come e perché non torneremo più ai livelli ante crisi. Per i giovani, con i numeri sulla disoccupazione comunque in calo, è un problema di educazione e cultura, cioè di lungo termine.

    Per dare un significato concreto a quello che scrivo, è proprio di questi giorni la denuncia del Financial Times dove, negli stabilimenti cinesi, oltre tremila studenti sarebbero stati utilizzati per 11 ore al giorno nelle linee di assemblaggio del nuovi smartphone Apple; esperienza indispensabile per ottenere il diploma.

    I nostri studenti, viceversa, manifestano in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro con lo slogan “siamo studenti non operai”. Ma poi sono sempre loro che fanno la fila di ore davanti al negozio, per accaparrarsi il nuovo IphoneX.

    • martello carlo scrive:

      Insomma assurgi ad esempio da imitare un paese dove un MUSSOLINI all’ ennesima potenza si è nominato dittatore a vita di 1,5 miliardi di formiche sfruttato da qualche paperone della nomenklatura in FERRARI solo perché è ” comunista “?
      Ci risiamo con la vecchia storia di STACHANOV applicata allo sfruttamento pure degli studentelli e mi chiedo perché non applicate tale soluzione anche agli statali: 11 ore di lavoro in fabbrica a giorni alternati significherebbe rimettere in piedi il paese e farvi scomparire dal panorama politico.

      Mi sembra che tu sia veramente lo specchio della schizofrenia della sinistra ed è una ulteriore dimostrazione che l’ invasione del paese è stata voluta e finalizzata al suo degrado a livello degli IMENOTTERI.

      • Silvestro scrive:

        Hai una visione piuttosto ottusa delle situazioni.
        L’esempio cinese è l’emblema di comportamenti diametralmente opposti della medesima categoria sociale. Si verificano per educazione, per necessità, per costrizione, ma la conclusione è sempre la stessa: le comunità più evolute, più agiate, si avvalgono a piene mani dei prodotti realizzati dalle popolazione meno abbienti e meno esigenti.
        Analogamente gli imprenditori grandi e piccoli, investono e producono dove costa meno e dove ci sono meno vincoli e meno diritti. E’ una storia che ho già raccontato più volte.

        La delocalizzazione (termine ormai in disuso) era esattamente questo, ne più ne meno. Quando gli imprenditori veneti vanno in Romania e in Albania a produrre quello che potrebbero realizzare qui non sottraggono lavoro al nostro territorio? sono tutti comunisti? E’ l’evoluzione stessa della crescita e della economia; non mi sembra difficile da capire.

        In questo contesto i dazi ed i confini del sovranismo cosa risolvono; non sei ancora riuscito a spiegarmelo.

    1. Silvestro scrive:

      Finalmente anche “Berlusconi il magnifico” si muove per le prossime politiche.
      Poiché le prospettive di vita sono 120 anni, nel suo prossimo governo ci sarà il “Ministero della terza età”.
      “Dare voce agli anziani significa dare voce alla parte più saggia del Paese” sostiene, e visto che i votanti più assidui sono proprio gli anziani che ormai sono oltre il 20% della popolazione, garantendo a tutti una pensione minima di 1000 euro x 13 mensilità ha posto le basi per accaparrarsi una fascia consistente di questi elettori.
      Ma anche nella preparazione della campagna elettorale è molto attivo:
      Il partito di dudu con a capo la Brambilla ormai è una realtà; ma saranno predisposte e finanziate anche liste civiche create secondo necessità. Avremo:
      i circoli del pannolone, le comunità del catetere e gli amici del brodino.
      Ed in caso di vittoria dentiere gratis per tutti.

      • Gatón scrive:

        Facile ironizzare sugli anziani quando si è nel pieno delle forze.
        Altrettanto facile il populismo elettorale nei loro confronti.
        La vecchiaia è una brutta malattia, purtroppo l’unica alternativa è ancor peggiore.
        In ogni caso un po’ di rispetto ritengo sia dovuto.
        Sempre.

        • martello carlo scrive:

          Giusta la tua reazione, ma certo è irritante la strumentalizzazione di S:B., il quale tra l’ altro non parla del problema che sta facendo saltare qualsiasi progetto europeo: l’ immigrazione e il futuro dei giovani che si trovano anch’ essi di fronte ad un futuro terribilmente nero: la morte lavorativa lunga come lunga è la loro prospettiva di vita.
          SILVESTRO dovrebbe essere l’ ultimo a parlare, visto che l’ unica cosa che ha fatto il suo governo per i giovani è stato quello di mandarli al cinema, ein giro a consegnare pizze, però la destra dev’ essere diversa.

      • martello carlo scrive:

        SI, HAI RAGIONE SU TUTTO.
        Solo un vecchio illuso può promettere delle cose di questo tipo, soprattutto perché, voler andare a sostituire l’ attuale governo significa essere dei VISIONARI MASOCHISTI, oppure avere la bacchetta magica, oppure ancora rischiare di cambiare tutto, ma proprio tutto, per salvare il paese da una fine GRECA.
        Il governo comincia a falsificare i dati per dare l’ impressione che ha salvato finalmente la barca dalla deriva, riprendendo la buona rotta e poi scaricare tutto sui successori, ma le nuvole sono NERE, non bianche come quelle dei CALO’.
        Non ho voglia di ripetermi per cui, per approfondimenti, se vuoi, vatti a leggere il mio ultimo post da ALDEGHERI.
        CIAO.

      1. martello carlo scrive:

        Questa è bella e ci consente di guardare con ottimismo al futuro: i tribunali non sono più in grado di pagare gli avvocati: i soldi sono finiti a causa del GRATUITO PATROCINIO nei vari gradi di processo alle RISORSE BOLDRINIANE.
        Naturalmente questo allungherà ulteriormente i tempi di soggiorno in attesa che venga approvata la cittadinanza automatica da ” IUS ESCENZIONIS ”
        Vorrei sapere quale norma internazionale o nazionale consente agli immigrati di ricorrere alla magistratura come fossero dei cittadini italiani, contro la decisione negativa della commissioni apposite rispetto al diritto d’ asilo.
        Penso sempre più ad un giusto processo di NORIMBERGA BIS da parte di un prossimo Governo.
        ALMENO QUELLO!

        1. diogene scrive:

          Marco, sei tu che puoi chiedere l’oracolo ai tuoi Big Data.
          Io ormai faccio parte di una generazione passata, sono fermo a welfare da una parte come eredità marxista e capitalismo neoliberista dall’altra.
          La cosa buffa è che la destra che dovrebbe essere filo-capitalista oggi si trova a difendere il welfare (salvini che vuole abolire la riforma Fornero, ma sa quello che si dice ?) per le classi deboli degli italiani (non manca il razzismo). La sinistra (parlo di sinistra storica, ormai oggi lo scenario non consente più di parlare di destra o di sinistra: MS5 è di destra ? trump che difende il benessere della classe debole dei carbonai è di destra ?) si trova impiccata: per difendere il residuo di welfare è costretta ai compomessi con la finanza.

          Chiedi ai Big Data, ciao

          • Silvestro scrive:

            Ma quale big data!!
            Ti risulta che Marco abbia mai espresso qualche punto di vista, scritto qualcosa di interessante o di utile per il blog?
            Io ho letto solo tanta autoreferenzialità e grande supponenza.

            • martello carlo scrive:

              Non abbiamo le stese idee, abbiamo a volte litigato, ci siamo fatte domande, abbiamo risposto, ci siamo informati, abbiamo fatto le nostre ricerche prima di dire cazzate, abbiamo proposto, analizzato, ma questi due che sembrano avere il cervello crittografato, non fanno altro che proporre interrogativi, mettendo in pentola tutti i problemi della terra, senza mai essere in grado di ribattere a chi rispondere loro cercando di decifrarli.
              Per me non sono del tutto normali e a questo punto, devo ammettere che……. fossero tutti come te.

          1. Marco scrive:

            Pasticcerie per cani, feste di compleanno per cani e gatti, cuccette king size, cappottini e scarpette, toelettatura.

            L’hai fatto presente anche in altre occasioni : il popolo non ha pane? Dategli brioches.
            Stiamo preparando un ribaltone per cecità mentale, diogene?

            1. diogene scrive:

              dunque dunque
              elezioni amministrative a ostia: 2 persone su 3 non sono andate a votare. Hanno vinto i grillini.
              il pd è sparito
              gli italiani non vogliono la grande coalizione, vogliono solo punire i governanti di turno
              in germania la politica va male, anche se la squadra di calcio se la passa bene
              in spagna la politica va malissimo
              in grecia non parliamone
              in francia sono tutti scontenti
              in UK non sanno come venire fuori dalla merda in cui si sono cacciati con la brexit
              negli USA hanno eletto un vanitoso presuntuoso , ridicolo e pericoloso

              la pollution e il planet warming non si arresta ma non preoccupa
              ieri sono stato a brescia ed ho visto un nuovo negozio “Pasticceria per cani”.

              Se ci permettiamo la Pasticceria per cani, vuol dire che tutto va a gonfie vele

              1. Marco scrive:

                Qui c’è qlc1 che si fa di coca
                Facinoroso ed esaltato

                • Silvestro scrive:

                  A me sembra che ci sia qualcuno che fa l’insegnante, che distribuisce voti e si pone sopra le parti. Chi partecipa solitamente non fa il professore ma esprime il suo punto di vista esponendosi anche alle critiche.

                  • martello carlo scrive:

                    Pensavo che ti riferissi al sottoscritto, come in realtà intendeva MARCO, ma la tua interpretazione potrebbe essere altrettanto corretta, se non sarcastica.

                  • Marco scrive:

                    Congratulazioni Silvestro
                    Hai indovinato
                    Io faccio il docente
                    Cosa vuoi sapere?
                    Ci sono volte in cui Zwirner esce dal coro (a proposito cosa dice Zwirner delle dichiarazioni di Silvio che promette una pensione minima di 1.000 euro al mese + tredicesima ) e tante volte in cui si unisce al coro.
                    Questa di frignare per il calcio per dirci che l’Italia è fuori dal mondo è una idiozia, prontamente ripresa e amplificataloghi dal Facinoroso esaltato
                    Contento?

                    • Silvestro scrive:

                      Volevo accertare se sei abbastanza intelligente per capire che qui non siamo a scuola, non ci sono professori che danno i voti, non ci sono studenti che devono dimostrare qualcosa. Non ci sono sopratutto docenti che pontificano verità assolute e sputano sentenze senza motivazioni, senza altre considerazioni, senza esprimere argomenti contrari.
                      Contento?

                      • martello carlo scrive:

                        Complimenti sinceri, SILVESTRO.
                        Hai analizzato perfettamente il problema MARCO che, in verità cominciava a darmi un po’ fastidio.

                  • martello carlo scrive:

                    Credevo fossi tu. Gaton non può essere…. e allora chi è, me lo volete dire?

                • martello carlo scrive:

                  Chi è?

                1. martello carlo scrive:

                  REPUBBLICA HA RISOLTO L’ ACCOGLIENZA

                  Gli africani dovrebbero darsi più da fare nella procreazione e nel mandarci qui i suoi frutti: ci fanno diventare tutti più buoni, altruisti e ospitali, altro che ” italiani brava gente “, qui stiamo diventando tre volte bravi.
                  E’ tutto un fiorire di iniziative, reali, vere, regolarmente documentate e premiate da giurie qualificate ( chissà, magari anche da WENSTEIN, SPACEY & C. ): da HOLLYWOOD a STOCCOLMA, da CANNES al LIDO premi e cotillons: FUOCAMMARE, GIUSY NICOLINI premio UNESCO, DOMENICO “MIMMO” LUCANO, classificato da ” FORTUNE ” uno dei 50 uomini più potenti al mondo, “CASA A COLORI” di Padova, “CANTIERI METICCI ” a Bologna, e da ultimo “ DOVE VANNO LE NUVOLE “, film sui CALO’ e via con le OSPITATE.
                  ROMA CAPITALE ormai è un lontanissimo ricordo, dimenticato, sepolto, com’ è giusto, per continuare a farsi il businnes proprio.
                  Non lo so, ma mi devo informare: se mi danno un TOT, le nuvole, naturalmente e ortodossamente nere, me le porto anche a casa mia, e mi chiedo anche se MIMMO LUCANO abbia concesso gratuitamente, esentasse case e laboratori agli artigiani importati a spese dello stato: se così fosse anche per le partite IVA ABORIGENE avrebbero risolto tutti i loro problemi, comperi quelli con la BPVi.
                  Scommettiamo che il prossimo film OSCAR sarà sul bambino di 5 anni che parla perfettamente l’ italiano, arrivato DA SOLO dalla Sierra LEONE?
                  A quel punto mancherà solo la ciliegina sulla torta: il NOBEL a SOROS, naturalmente in coppia con SCALFARI e DE BENEDETTI.

                  1. Marco scrive:

                    È uno scempio
                    Livello bassissimo
                    Ventura è una sventura
                    Ma zwirner che fa la lagna continua, che bassezza
                    Mischiare il calcio con altri è da dementi
                    Se guardiamo al calcio abbiamo la Spagna il brasil l’argentina la Cermania……
                    Ma dai….. non seguite gli svitare paranoici di questo blog

                    • martello carlo scrive:

                      Francamente è difficile capire un sempliciotto come te. Mi rendo conto che sembri un controsenso, ma mi incuriosisci non poco, anche come modello per cercare capire e spiegare certi esiti della società italiota.

                    1. martello carlo scrive:

                      Certo che ‘ sti pentastallati hanno il fiato corto…… poche idee ma confuse. :-(

                      1. martello carlo scrive:

                        DA CHE PULPITO VIENE LA PREDICA ONU.

                        Questa volta posso farci i fioretti sopra, ma ZWIRNER HA DETTO TUTTO L’ ESSENZIALE su un argomento topico dell’ attuale situazione geopolitica. Anche questo è segno della bravura e sensibilità di un grande giornalista.

                        Sembra che, ancor più dopo l’ estromissione dai mondiali, l’ italia abbia rafforzato l’ opinione di un paese di IDIOTI DEBOSCIATI in cui si possono riversare tutta le colpe e la spazzatura del mondo, compresa quella prodotta dall’ ONU.
                        La presidenta della camera fa parte del giro di quel carrozzone che, ne sono sicuro e strafelice, è in procinto di saltare per aria sulle MINE ANTI UOMO HOLLYWEEDDIANE del tipo ASIA ARGENTO.
                        Sono convinto, che il suo immobilismo sostanziale e quindi gli attacchi attacchi DEMENZIALI a scopo diversivo come quello di cui stiamo parlando, derivi, oltre che dai veti incrociati di troppi paesi a dittatura tribale in continua lotta tra loro, dalla spesa corrente, in stile HARVEY WEINSTEIN che ha prosciugato i fondi operativi, nonché dal disappunto di SOROS ( e la sunnominata BOLDRINI che mi sembrano come ” culo e braga ” del melting pot ) per i ritardi nella sostituzione etnica in italia.

                        STIANO TRANQUILLI QUESTI AMANTI DELL’ ITALIA: QUESTO GOVERNO PRIMA DEL SUO SCIOGLIMENTO OTTEMPERERA’ AGLI ORDINI E PRENDERÀ I DOVUTI PROVVEDIMENTI.

                        1. Alessandro Cavazza scrive:

                          Mi scusi ancora signor Martello, dimenticavo.
                          Sempre grazie alle olgettine le nostre buste paga oggi sono quello che sono.
                          I “ragazzotti di colore” (cit.), mi spiace deluderla ancora ma la prego di sopportarmi in quanto ipoacculturato, dubito arrivino in Italia col compito da lei descritto…ma probabilmente, ma vista la mia pochezza culturale sono passibile di errore, vengono da Paesi dove i regnanti hanno troppo spesso dedicato il loro tempo alle olgettine et similia invece di dedicarsi al bene comune del Paese.

                          • martello carlo scrive:

                            Ma quale sopportazione; per me è un piacere confrontarmi con te.
                            Sul tema dei migranti, apprezzo la tua visione buonista ( scusa la parola abusata ), ma ho l’ impressione che RAGAZZOTTI sia il termine più azzeccata e inoppugnabile per descrivere i migranti africani, dal momento che sono tutto fuorché bassi, magri, denutriti e riconoscenti per l’ aiuto conferito loro, ragion per cui mi domando perché, invece di combattere i regnanti dei loro paesi come avete fatto tu e le opposizione ( di tutte le genie ) con S.B., scappano a gambe levate ( forse magari dalle patrie galere )?
                            Vorrei darti a questo punto un suggerimento: perché voi buonisti non organizzate delle brigate internazionali per difendere la democrazia a casa di quei poverini come è stato fatto nel ’36 per difendere quella SPAGNOLA?

                            E’ tutto un magna magna, ascolta me e poi la fabbrica dell’ immigrato ci porta persino l’ aumento del PIL dal 1,5 al 1,8%. Se poi gli spacciatori e tutte le nigeriane da strada pagassero il dovuto…. ALTRO CHE CINA!

                            TUTTO QUESTO SI CHIAMA SPESA PUBBLICA PRODUTTIVA DA SPENDING REVIEW.

                          1. Alessandro Cavazza scrive:

                            Mi scusi signor Martello, ma come può non accorgersi che è proprio grazie alle olgettine che oggi siamo con ”le pezze al culo e con i figli che vanno all’estero” (cit.) ?

                            • martello carlo scrive:

                              Potrei concordare: se venissero riaperte le case chiuse, tutte le olgettine potrebbero contribuire ad abbassare il livello di tartassamento dell’ ERARIO. e rendere più agevole il traffico.
                              Scherzi a parte, ma il tuo senso critico si limita alla più o meno romanzata sfera personale degli uomini politici o va oltre becere considerazioni bacchettone?
                              Dire, come mi par di capire che i governi e le economie dipendono dalle pu….e, non mi pare un ragionamento molto sensato, bensì sintomo di un qualche disagio.

                            1. Alessandro Cavazza scrive:

                              Gentile signor Martello, proprio a questo facevo riferimento. Giustamente fa notare con sua veemente e categorica affermazione che “la furia iconoclasta a prescindere, di cui……non porterà certo ad una costruzione….come la storia insegna”.
                              Ipse dixit.
                              E intanto gli attuali beneficiari del suo incondizionato amore la ringraziano per aver spento il pensiero critico.
                              Pensi che molte persone oggi preferiscono al futuro certo di un’altra sicura ma mascherata fregatura, il futuro incerto di una possibile ma palese voglia di cambiare.
                              Ma non se ne faccia un cruccio.
                              Siamo pur sempre la parte “ignorante” della società: ci sopporti dall’alto del suo sapere e delle sue certezze invincibili.
                              Forse un giorno, anche noi, torneremo dormienti.

                              • martello carlo scrive:

                                La ringrazio per la pacata risposta: posso darle del tu? Solo per rendere la cosa più informale, non certo per mancarle di rispetto.
                                SI’? Bene.
                                Tu parli di incondizionato amore: per chi e di chi e dei benefici conseguenti per aver io spento il pensiero critico a chi?
                                Parli forse della magistratura politicizzata, dell’ applicazione retroattiva della legge ad personam, del ripescaggio di processi ormai prescritti perché il reato non si esplica nel momento in cui viene perpetrato, ma nel momento in cui si CREDE che si inizi a goderne il frutto?
                                Se è così, hai pienamente ragione, anzi ti dirò di più: stando così le cose, con magistrati che entrano ed escono dalla politica a loro piacimento fino alle massime cariche, permettendosi di calpestare le regole della terzietà democratica, al governo ci potrestii mandare i tuoi tanto idealizzati pentastellati, ci potresti mandare anche il PADRETERNO, ma avrebbero le mani legate ( magari dalle manette ).
                                Questo è il fulcro dell’ analisi critica, e di un ipotetico programma di governo, sul resto possiamo approfondire.
                                Ora ceno e passo ai paragrafi 2 e 3

                              1. Papo scrive:

                                meno male che ci sono sempre i radical chic che fanno la morale a tutti….Non ti preoccupare Carlo non sono un pentastellato sono solo obbiettivo e dare il voto a questo Berlusconi o a Renzi non mi sembra che sia una cosa propriamente corretta ….dopo chiaro se si hanno degli interessi come spesso succede nella politica allora votali pure!!!

                                • martello carlo scrive:

                                  Ho detto che l’ analisi storica ( anche economica ) dovrebbe essere attenta ed obiettiva.
                                  Io ho capito che i governi di CDX sono stati fatti fuori da magistrati e altissime cariche dello stato ( anche esterne ) partigiane e quando è stato fatto le cose andavano molto meglio di adesso ( tant’ è che lo stesso OBAMA non ha voluto partecipare alla congiura perché non giustificata ),e si continua nel modo più sfrontato a deridere le istituzioni; dopo le trame FINI/NAPOLITANO, oggi vediamo le prime 3 cariche dello stato fare politica in un modo rivoltante.
                                  Purtroppo vedo che siamo ancora fermi alle olgettine, nonostante le pezze al culo e i figli che vanno all’ estero sostituiti da ragazzotti di colore col compito di distruggere le nostre buste paga.

                                  Avanti così.

                                1. martello carlo scrive:

                                  ZWIRNER, mi sembra che la conclusione, almeno per quanto si evince dai post, sia del tutto ERRATA: i grillini non sono 1 su 3, bensi 3 su 3.
                                  E QUINDI LA SUA CONCLUSIONE SUL CROLLO CULTURALE E’ FORTEMENTE SOTTOVALUTATA.
                                  L’ opacità del movimento pentastellato è abissale: non si sa cosa vogliono, come la vogliono attuare, insomma è un salto nel buio basato sulla fiducia nell’ onestà della sua classe dirigente ( laureata ben s’ intende ) e dal fascino della politica via WEB che fa tanto trend e ti dà quel pizzico di SCICCHERIA SMART che tanto piace al popolo che vuole a tutti i costi il nuovo per non sembrare vecchio.
                                  Preso atto che l’ ONESTA’ ” STA COME D’ AUTUNNO SUGLI ALBERI LE FOGLIE “, cosa resta di nuovo al movimento, oltre alle battute ( peraltro a volte divertentissime ) del comico?
                                  Ma la DEMOCRAZIA INFORMATICA naturalmente. La gestione SMART dei contatti, con osX, assume un’importanza notevole per la democrazia soprattutto se si è in possesso di un device IOS con iCloud………………….

                                  Francamente la fiducia nella gestione asettica tracciata dalla CASALEGGIO & ASSOCIATI fa compassione.
                                  Anche senza tirare in ballo il tanto dibattuto RUSSIAGATE, basta ricordare la popolare fiducia nell’ estrazione del LOTTO affidata ai computer anziché alle palline riscaldate per evitare i brogli estrattivi, per far a capire che non c’ è nulla di più manipolabile del mondo informatico.

                                  La furia iconoclasta a prescindere, di cui il M5S si nutre a piene mani, non porterà certo ad una costruzione di un futuro migliore, come la storia ( troppo spesso non analizzata e dimenticata ) insegna.

                                  1. Gatón scrive:

                                    Se ho ben capito, i pensionati che per sopravvivere si stabiliscono in Portogallo o alle Canarie sono dei traditori, mentre quelli che scelgono Montecarlo sono dei benefattori, e magari lo stato manda le Frecce Tricolori al loro funerale…

                                    1. Papo scrive:

                                      il comico è Berlusconi o Renzi? non capisco!!!

                                      1. Nadia scrive:

                                        Tutto giusto quello che hai citato tranne l'ultimo sui comici,mi me son rotta de votar i paiassi e mi sono buttata sui comici e i sta dando soddisfazioni al contrario de dx sx ecc ecc….alle prime armi si sa che faran o hanno fatto cazzate ma almeno non rubano i soldi dei cittadini, vedi gli stipendi a confronto del resto pseudo partiti…..magari un domani ruberanno anche loro ma intanto in qs 10 anni e no uno o due anni ma ben 10 si son dati da fare con persone laureate che ci tengono alla salute delle persone alla dignità che ormai i Renzi e company tolta da una vita….te saludo…

                                        1. Alessandro Cavazza scrive:

                                          Egregio signor Zwirner, fa bene ad insistere. Continui senza remore. Nessuna paura. Dare degli ignoranti a chi ha votato (e probabilmente voterà) il “partito di un comico” dimostra la caratura superiore della mente eccelsa he ha partorito il commento stesso. Oltre ovviamente a rafforzare l’idea di coloro che continuano a votare “il partito di un comico”di essere fondamentalmente nel giusto. Bravo. Continui. La prego. Pensi che quando invece il livello dell’istruzione italiana era più alto e quindi davvero si partorivano menti illuminate si è creato un humus che ha portato all’attuale situazione politica (sarebbe meglio dire sociale ma si aprirebbe un discorso troppo ampio per essere esaustivamente trattato qui). Situazione politica dominata da una classe politica votata da colti ed eruditi compatrioti che a tutto ha ben pensato fuorché agli interessi nazionali, dello stesso popolo che la ha votata e sostenuta. Ci crede (visto che forse sta volutamente tralasciando il fatto) se le dico che i soliti volti, i soliti discorsi, le solite furberie politiche ormai hanno esasperato anche gli animi più pazienti ed eruditi? Che il vedere sempre i soliti attori sullo stesso palcoscenico recitare e riscrivere per l’ennesima volta la ennesima tragedia della “povera” Italia sta purtroppo lasciando un senso di indifferenza invece che di incazzatura? Ce la hanno fatta, ce la stanno facendo, fanno sembrare l’inimmaginabile come l’inevitabile. E, mi permetta dal basso della mia ignoranza, questo senso di indifferenza e di impotenza è proprio quello che hanno voluto che ci pervadesse. Il senso di impotenza porta a lasciarsi andare senza lottare. A loro fa comodo. Ma a noi?

                                        Rispondi a Alessandro Cavazza

                                        *