28
dic 2017
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 87 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.358

LE DUE LETTERE A MATTARELLA

Durante le festività il presidente Sergio Mattarella ha ricevuto due lettere. Della prima hanno parlato tutti i media: scritta a nome dei bambini stranieri nati in Italia chiedeva di “non lasciarli soli ancora una volta” cioè di approvare lo Jus soli. Questione ormai rimandata alla prossima legislatura.
Meno risalto ha avuto la seconda lettera inviata a lui, politico siciliano, da alcune madri siciliane che lamentavano di aver fatto grossi sacrifici per far studiare i loro figli i quali, ciò non ostante, non hanno trovato lavoro nell’isola e sono dovuto emigrare. “Non si lasci scappare questi suoi ragazzi, signor presidente”, chiedevano le madri a Mattarella.
Pare siano stati duecentomila i giovani a lasciare la Sicilia negli ultimi dieci anni.
Ma qui emerge una considerazione di fondo su come creare crescita vera e posti di lavoro autentici.
La Sicilia infatti ha avuto l’autonomia regionale più spinta d’Italia, “denaro a vagonate – ha osservato Libero – ministri, presidenti, politici onnipotenti, magistrati e papaveri di altissimo livello, regalie di ogni genere, investimenti a fondo perso, la casta più numerosa e coccolata del Paese, più forestali che alberi…stabilimenti Fiat, turismo d’élite, un’agricoltura potenzialmente imbattibile. Tutto inutile, nulla è servito a farla decollare”
Mi pare indiscutibile che il risultato sia quello sottolineato da Libero. Ma una lezione precisa emerge – per chi vuole coglierla – dall’esito siciliano: l’assistenzialismo, anche il più smodato, non crea mai una crescita vera ma solo miseria. La carità, anche quella di Stato, garantisce solo il perpetrarsi della povertà.
Ma questa lezione siciliana tutti la ignorano: l’attuale governo ha varato il “reddito di inclusione”; Berlusconiu lancia un piano da mille euro per il “reddito di dignità; Grillo insiste sul “reddito di cittadinanza”…
Avanti così con l’assistenzialismo, la carità di Stato, che il risultato è garantito: tutta Italia diventerà come la Sicilia, ed emigreranno sempre più tutti i ragazzi italiani non solo quelli siciliani.

2.358 VISUALIZZAZIONI

87 risposte a “LE DUE LETTERE A MATTARELLA”

Invia commento
  1. Gatón scrive:

    Speriamo che per coprire i minori introiti dati dalla flat tax non venga aumentata di qualche punto l’aliquota minima…

    • martello carlo scrive:

      L’ aliquota minima, attualmente, è del 23% e interessa i redditi IRPEF fino a 15000 € sull’ intero importo se si superano gli 8.174 € della no tax area.

      GATON, penso che io non abbia niente da insegnarti in merito, e quindi che la tua speranza sia ” retorica “.
      Ti dirò che i tuoi dubbi sono anche i miei, anche se dai miei ultimi interventi può sembrare che io abbia già deciso a favore della FLAT TAX. In realtà è stata una reazione a chi la rifiuta a priori e con essa tutto ciò che c’ è dietro per cascare tra le braccia di un prestatore di FACCIA a un ex sindaco che, proprio ieri ha detto che non tratterà mai con dei partiti che continuano a dire ” PRIMA GLI ITALIANI “.

      SIC !

      E’ chiaro che la flat tax è ancora allo stato grezzo, i dettagli andranno definiti, come la progressività e le misure che dovrebbero accompagnare la riforma per tenerne sotto controllo gli esiti ( sulle privatizzazioni ad esempio non sono molto d’ accordo perché mi ricordano troppo quelle degli anni ’90 in cui la sinistra ha svenduto il paese ), ma una cosa è certa che con la paranoia comunista nei confronti degli evasori ( come si fa a definirli tali quando la pressione fiscale TEORICA arriva al 60/70 % ) che continua da una vita senza mai raggiungere l’ obiettivo di stanarli ( soprattutto i più ricchi ) e l’ aumento continuo delle tasse ( e imposte ), siamo destinati alla morte della parte produttiva del paese e della classe media.
      E’ di oggi la pubblicazione di come si stia concentrando in poche mani la ricchezza mondiale, cui non fa eccezione l’ Italia, ma l’ oggetto delle riforme sono sempre concentrate sui pensionati e i morti di fame.

      LA’ FUORI ( e anche qua entro ) QUALCUNO CI ODIA E SE STIAMO AD ASCOLTARE I SUOI PREDICOZZI, FAREMO LA FINE DELLA GRECIA.

      • Gatón scrive:

        Parafrasando il titolo di un film del 56 con Paul Newman…

        • martello carlo scrive:

          Bei tempi, bei ricordi; Graziano, Marciano….. ci muovevamo bene sui ring e qualcuno ci amava. E la PIERANGELI…..avevo i pantaloni cortissimi e già ero perso…
          Ora veniamo suonati e basta: in Italia ancor prima delle quote rosa la nobile arte è stata perfino interdetta dalla RAI: ” troppa violenza ”
          Non ci sono più le vecchie stagioni.
          ;-)

    1. martello carlo scrive:

      A 6 anni dal colpo di stato del 2011 i governi di sinistra hanno compiuto, come ho già detto, il SECONDO MIRACOLO ITALIANO: distruzione del patrimonio immobiliare del paese, e con esso il settore trainante dell’ edilizia, del PIL produttivo ( per chi non lo sapesse c’ è anche quello improduttivo come i guadagni delle coop sui migranti ), senza peraltro aumentare i consumi interni impauriti dalla precarietà del lavoro, mettere in crisi il sistema bancario e la fiducia dei risparmiatori con provvedimenti tardivi, se non speculativi, clientelari, svendere quel poco che restava dell’ industria italiana come quella dell’ acciaio, aumentare l’ anarchia facendo il pieno di immigrati allo stato brado, ecc. ecc.
      Dove sta il miracolo? Ma nel FAR CREDERE che il “novello” corso impresso dalla FORMICHINA GENTILONI abbia risolto tutti i problemi.

      RISOLTI UN BEL CAVOLO: DRAGHI non è eterno e se sotto il suo ombrello alla BCE non abbiamo saputo risolverli, adesso, come ho già avuto modo di dire, che la GROSSE KOALITION ritorna in pista, si passerà al ” REDDE RATIONEM ” mentre noi siamo impantanati con 100 simboli elettorali.
      Il FINANCIAL TIMES riporta le conclusioni di un documento di economisti franco/tedeschi di primo piano e di peso nei rispettivi governi per modificare il trattato di MAASTRICHT ed il sistema bancario.
      IN PRATICA:
      - eliminazione del 3% deficit/pil, lasciato alla decisione dei singoli stati ( sempre però sottoposto al benestare di BRUXELLES )
      - in caso di superamento, l’ obbligo di emissioni di titoli di debito non più a rischio ZERO ma a quello del mercato libero ( come durante i governi di CDX ).
      - imposizione di un tetto massimo ai BOND ed agli NPL posseduti dalle banche.

      Ciò significherebbe ca. 150 MLD di BOND da riassorbire, oltre a 230 MLD di NPL ( relativi solo alle prime dieci banche italiane ).
      Tutto ciò mentre la formichina GENTILONI chiede la riconferma per la flessibilità accordatagli dall’ Europa e i fantomatici risultati ottenuti dal suo governo ( renziano ).
      FORMIDABILE: la strada giusta è sempre quella di aumentare le tasse e aspettare che gli evasori si decidano ad autodenunciarsi, dopo aver ELIMINATO IL CONTANTE e autorizzato il primo travet dell’ ufficio imposte a spidocchiare i nostri contri correnti senza autorizzazione alcuna.

      MAGNIFICO, NON CI RESTA CHE VOTARE PER QUESTI INCOMPETENTI ( CHE PERALTRO CI MERITIAMO ), CANCELLANDO OGNI DUBBIO SULLA LORO IDENTITA’: SONO DELLE FORMICHE ( IN TUTTI I SENSI ).

      1. martello carlo scrive:

        L’ endorsement di ZWIRNER per GENTILONI è una pietra miliare che segnerà l’ inizio di un vecchio corso della politica italiana: mi unirò a SILVESTRO nell’esporre la bandiera del PD dalla terrazza del primo piano.
        Non scherzo, è ora di dimenticare che è RENZI il leader di un partito che ha riempito l’ italia di clandestini fancazzisti, ricordando i miracoli compiuti dal conte GENTILONI nel CAMPO del lavoro dove friniscono migliaia di OPEROSE CICALE con paghe di 92 € mensili o 1 ora di lavoro a settimana ( ISTAT/EUROSTAT ).
        La strada è ormai tracciata dai nuovo miracolo italiano del + 1,8% del PIL cooperativo nel QUARTO settore della tratta degli schiavi che raddoppierà dopo che MINNITI verrà mandato a comandare il contingente italiano in NIGER.
        In fin dei conti ZWIRNER ha ragione: che mme frega a mme se la situazione è tale che al primo stormir di Weidmann torneremo con lo spread a 500? In fin dei conti con l’ ultima crisi dei bond ci ho guadagnato assai, soldi nelle popolari non ne ho persi e i miei fondi sono al sicuro….. eppoi, perché far andare al governo un BERLUSCONI e la sua flat tax che verrànno fatti fuori nel giro di 8 mesi come nel ’94?

        TUTTO TEMPO PERSO: CONTINUIAMO CON I GOVERNI DEI PRESIDENTI ( ELETTI PER PROCURA ).

        1. Silvestro scrive:

          Gaton (19 gennaio 2018 alle 18:35)
          Mi sembra che siamo alle farneticazioni.
          Si tratta di una giovane avvocato di 25 anni, laureata con 110 e lode presso l’università di Modena, che frequenta i tribunali come praticante per applicare LA LEGGE ITALIANA.
          Da qui arrivare alla conclusione che si tratta di un pericolo; se non facciamo rispettare le nostre regole saremo sopraffatti, mi sembra veramente paranoia. Non do niente per scontato, ma non si possono fare discorsi sconclusionati solo per un aspetto esteriore.

          Martello (19 gennaio 2018 alle 23:42)
          Non so di cosa parli. Ma se vuoi discutiamo di quanto poco ci interessa quello che succede intorno al Mediterraneo, salvo poi piagnucolare quando ne subiamo le conseguenze.
          Comunque da noi, ti piaccia o no, azioni di stampo terroristico fino ad ora non ce ne sono state. E per questo risultato, qualche merito magari ce l’ha anche il nostro servizio di intelligence.

          • martello carlo scrive:

            Di cosa parlo? Non fai altro che dire ” CE LA FACCIAMO ADDOSSO”, “PIAGNUCOLIAMO” che mi assomiglia tanto a concetti come ” L’ INSICUREZZA E’ SOLO UN APERCEZIONE “, come dire che siamo dei fifoni paranoici. Può essere, e allora TOGLIAMO LA SCORTA ATUTTI, magistrati compresi.
            Possibile che tu stia sempre e solo da una parte, che non abbia mai una critica da fare a questo governo, alla tua parte politica, a questa magistratura se non quando qualcuno pretende, almeno nei tribunali LAICI ( fino a prova contraria ), di lasciar fuori le manifestazioni di appartenenza ad una fede? Possibile che tu non dica mai nulla nemmeno di fronte, ad esempio, a chi viene preso a calci e sberle da un forestale nigeriano nel compimento del proprio dovere di capotreno, e si prende 20 giorni per tentata violenza privata e l’ indagine della Procura per ABUSO D’UFFICIO?
            Questo, assieme ad altri episodi in difesa di squadracce nere è il vero abuso d’ ufficio in stile fascista, come ho già detto.
            Il velo in tribunale? Di per sé non significa nulla, ma quando è manifestazione di una fede esasperata, va stoppata subito. L’ islam è pericoloso per il suo fanatismo: da un seme di pero non può nascere un melo e da Maometto non può nascere una religione compatibile né col cristianesimo né con uno stato laico occidentale.
            Non so cosa tu voglia dire con quel ” poco ci interessa quello che succede intorno al Mediterraneo, salvo poi piagnucolare quando ne subiamo le conseguenze.”, ma per quanto riguarda gli attentati, più che all’ intelligence, l’ Italia è stata sempre risparmiata per il suo PARACULISMO da 8 settembre, per il quale siamo DISPREZZATI E DERISI IN TUTTO IL MONDO e in un certo senso è corresponsabile di almeno alcuni attentati in altri paesi europei.
            QUINDI C’ E’ SOLO DA VERGOGNARSENE.

          • Gatón scrive:

            Sei tu che, tanto per cambiare, farnetichi.
            Nessuno ha detto sia pericolosa, semplicemente non rispettosa delle nostre regole.
            Il problema risiede nelle continue concessioni che noi facciamo, rinunciando alle nostre regole nel malcelato nome del politicamente corretto.
            Il pericolo sei tu e quelli come te.

          1. martello carlo scrive:

            ” BABY GANG: LE COLPE DEI PADRI “.

            “Finisce in ospedale a 71 anni. Gli stranieri le occupano casa”
            “Caccia il migrante senza ticket. Il capotreno viene condannato”
            “Droga in stazione a Frosinone. Lo spaccio gestito dai migranti”
            “Regioni sempre più indebitate per pagare cure ai clandestini”
            “Il piano Onu su immigrazione:. “Accogliere senza distinzione””

            Questi sono alcuni titoli di prima pagina de ” il Giornale.it ” odierno; sono scomparsi quelli sulle BABY GANG perché, se non ci fosse lei, Zwirner ormai ce ne saremmo dimenticati, ma fanno parte dello stesso problema: il caos generato a livello ISTITUZIONALE tipo la teoria del ” CHI SONO IO PER GIUDICARE “, del ” PERDONO A PRIORI ” sotto la bandiera dei ” DIRITTI CIVILI ” a tutti, compresi quelli di GNOGGHI GENE e le sue ” maiale”.
            Quando le più alte istituzioni sono complici di prostituzione ad ogni angolo di strada, spaccio di droga in ogni piazza, immigrazione incontrollata, libertà di latrocinio, della violenza di ogni tipo ( come dimostrano certe sentenze sciagurate ), occupazioni, sfascio delle famiglie, PRIDE di tutti i tipi, dell’ ISTRUZIONE GENDER a base di ORMONI, cosa si può pretendere dai padri che ormai non possono più nemmeno avere l’ autorità che deriva loro dal LAVORO e che se alzano un dito vanno a passare la vita in una macchina, mentre le madri sono allontanate da casa perché una sola entrata non basta più nemmeno per le famiglie più fortunate?
            Di fronte a tutto ciò, si capisce il perché certe promesse elettorali che sembrano fuori dal mondo possano convincere anche le persone meno credulone: NON C’ E’ NESSUN SISTEMA DA SCARDINARE, piuttosto c’ è un SISTEMA DA RICOSTRUIRE DALLE FONDAMENTA, magari rivedendo anche il CONCORDATO o facendone uno direttamente con l’ ISLAM (tanto per non parlare sempre e solo di recupero maniacale improduttivo e utopistico dell’ evasione fiscale).

            PS : E SE LA FLAT TAX ( sotto l’ insegna della galera per gli evasori ) FUNZIONASSE DAVVERO? TUTTO PUO’ ESSERE IN UNA SOCIETA’ INGESSATA COME LA NOSTRA.

            • giorgio scrive:

              Il guaio è, che dal ’68 in poi (ma ancor più dal crollo del MURO), via, via si è perso sempre di più una cosa importantissima per il VIVERE CIVILE…..IL BUON SENSO!
              Ora, pochissimi sanno cosa sia e nessuno (a parte qualche sparuto) sembra volerlo RITROVARE.
              Spero ritorni presto in auge….è l’unica speranza che ci resta per SOPRAVVIVERE….Auguri….

            1. Silvestro scrive:

              Gaton (19 gennaio 2018 alle 17:22)

              “L’obiettivo era di far uscire allo scoperto i nemici del popolo italiano.
              Uno lo conoscevo, ne ho fatto abboccare un altro.”
              SEI DI UNA FURBERIA UNICA.
              Ma se questo avvocato islamico si fosse presentato in tribunale senza lo Hijab saresti più tranquillo, più sereno? Oppure se non porta il velo non è islamica.
              Il medico quando non ha il camice è sempre medico oppure no; il poliziotto è tale solo quando porta la divisa oppure lo è anche quando è senza.
              Mi sembra che alla fine diventa solo una questione di apparenza:
              Se gli islamici non li vedi non sono pericolosi, altrimenti non è vero che cediamo metro dopo metro, CE LA FACCIAMO ADDOSSO.

              • martello carlo scrive:

                Se ci fosse ancora il regime fascista, sapendo che non hai lo stato o la magistratura che ti difende, di fronte ad una squadraccia di nero vestita, pugnal tra i denti, manganelli e olio di ricino, non avresti ragione a FARTELA ADDOSSO, sapendo tra l’ altro che se ti difendi magari vai a finire in galera dopo aver pagato i danni e le spese di giudizio….. e se ti capitasse qualcosa non avresti manco il conforto di un prete cattolico o dell’estrema unzione?
                Ti sembra azzardato il paragone tra fascismo e islam? Forse, ma nel senso che il secondo è molto più prevaricatore ( per non dire altro ) del primo.

              • Gatón scrive:

                Rimane il fatto che, qualsiasi cosa facciano, per te hanno sempre ragione loro.
                Quando capirai che se non facciamo rispettare le nostre regole saremo sottomessi ?
                Forse pensi che lo siamo già, per cui meglio adeguarci.

              1. Gatón scrive:

                Riporto il commento di un mio amico.

                Se io entro in tribunale con il cappello in testa il Presidente me lo farà togliere.
                Se mi rifiuto verrò accusato di oltraggio alla corte.
                Il Tribunale che è una chiesa laica come la sala del Consiglio Comunale ha una dignità che viene rispettata stando a capo scoperto.
                Non sta scritto in nessuna Legge ma non è il caso di ricordarlo perchè fa parte della consuetudine del rispetto per luoghi dove si esercita la Sovranità dello Stato.
                In caserma il berretto, invece, lo devi avere, magari la bustina della divisa da fatica!
                Nelle moschee ti togli le scarpe ma nelle chiese no.
                Non sta scritto da nessuna parte ma fa parte delle regole culturali di una civiltà.
                Pertanto se la signora si mette il velo in tribunale lo fa per sfidare una nostra consuetudine di rispetto al luogo che esige il capo scoperto.
                Poi, come al solito, la lasceranno fare e la prossima arriverà col velo integrale, poi col niquab e avanti fino a quando butteremo nel cesso la nostra Costituzione e adotteremo la Sharija.

                • Silvestro scrive:

                  Ovviamente sono le osservazioni di un amico; solo sue le responsabilità delle affermazioni. Ma se tu non le condividessi non le pubblicheresti. E questa condivisione non deriva dall’assoluto rispetto della costituzione ma dal fatto che si tratta di persona di religione islamica con tutte le paranoie che ne conseguono.

                  Panzani, il Presidente del tribunale di Torino (ovviamente comunista), consapevole della delicatezza dell’argomento si è rivolto al CSM chiedendo lumi con le seguenti osservazioni:
                  “Il rispetto dell’obbligo, formalmente sancito dal solo articolo 129 del codice di procedura civile, non è mai stato totale. Nessun magistrato ha mai chiesto ad una suora di togliersi il velo o ha preteso che gli appartenenti alla Forza Pubblica in servizio in udienza stessero senza cappello né che si scoprisse il capo, togliendosi la kippah, un ebreo ortodosso. …..
                  Nel riconoscere a tutti il diritto di professare liberamente la propria fede religiosa, l’articolo 19 della Costituzione – osserva Panzani subito dopo – sembra estenderlo alle manifestazioni esteriori del proprio credo che, com’è noto, in molte religioni impongono l’obbligo di tenere il capo coperto in pubblico. Ne deriva che un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’articolo 129 suggerisce che l’obbligo di tenere il capo scoperto non sia assoluto, ma vada limitato a coloro che non abbiano una valida giustificazione di carattere religioso o per altra circostanza.”

                  Qualche altra osservazione?

                  • Gatón scrive:

                    Certo che condivido quanto scritto dal mio amico. altrimenti non lo avrei copiato su questo blog.
                    L’obiettivo era di far uscire allo scoperto i nemici del popolo italiano.
                    Uno lo conoscevo, ne ho fatto abboccare un altro.
                    Non è questione di paranoie, loro non arretrano di un millimetro, ci sfidano in continuazione e noi, meglio dire voi, cediamo metro su metro.

                  • martello carlo scrive:

                    Mi scuso per l’ intromissione, ma qualcuno ha detto: ” CON LE VOSTRE LEGGI DEMOCRATICHE VI INVADEREMO; CON LE NOSTRE LEGGI RELIGIOSE VI DOMINEREMO “.

                    :-(

                  • Marco scrive:

                    Risultato tennistico
                    Gaton-silvestro 0-6 0-6

                1. martello carlo scrive:

                  PRESIDENT DONALD TRUMP REVEALS 11 FAKE NEWS AWARDS, CNN BIG WINNER

                  CNN was the big four-time award winner in President Donald Trump’s Wednesday night “Fake News Awards” unveiling that presented eleven total awards.

                  Deve’ essere la TV preferita da DIOGENE

                  :-D :-D :-D

                  1. martello carlo scrive:

                    Il vero razzismo è quello di coloro che danno del nero ai neri che non si prestano alle loro manovre politiche:

                    http://video.corriere.it/scambi-veleno-omnibus/1f3bc2e0-fb7c-11e7-b641-cb41c1023d03?intcmp=video_wall_hp&vclk=videowall%7Cscambi-veleno-omnibus

                    1. diogene scrive:

                      they are just pure ridicolous ones
                      exactly like trump: he said it, no he didn’t
                      only ridicolous men

                      1. Marco scrive:

                        Er spricht also einen Rassisten

                        1. martello carlo scrive:

                          LA RAZZA DIVENTA UNA TRAGEDIA

                          La razza è come la pedofilia clericale, la prostituzione, De Benedetti……..
                          Esistono ma non si devono nominare, non devono esistere pubblicamente, devono essere tenuti dietro le quinte: chi lo dice? Ma la RAZZA degli ILLUMINATI naturalmente, dei POLITICAMENTE CORRETTI, dei COMMERCIANTI DI SCHIAVI, di chi vuol far pagare alle classi medio basse la strafottenza di aver imposto ai padroni delle regole.
                          Questi ipocriti profittatori che vogliono imporre il NWO, si vestono di tutte le peggiori ipocrisie democratiche, egualitariste, perbeniste, pur di portarci ad una promiscuità finalizzata esclusivamente all’ annullamento massivo della personalità, del carattere e della morfologia ( classico LEITMOTIF KOMUNISTOIDE )
                          Chiamatele razze, morfologie, caratteristiche secondarie della biologia, culture con componenti ereditarie, chiamatele come volete simil accademici della CRUSCA, ma la differenze esistono e NON SI POSSONO ELIMINARE PER UN COLPO DI BACCHETTA DI QUALCHE STREGONE DIRETTORE D’ ORCHESTRA.
                          Dire che si vuole PROTEGGERE LA RAZZA BIANCA ( che esiste, eccome se esiste ed il mondo al quale tutti cercano di arrivare è il mondo che proprio lui ha costruito ), NON VUOL DIRE ELIMINARE LE ALTRE RAZZE o etnie o culture, quindi è una cosa non solo PIENAMENTE LEGITTIMA, MA ANCHE DOVEROSA.
                          Forse non si vogliono proteggere dall’ estinzione anche le specie animali?. L’ uomo bianco è forse inferiore al PANDA?
                          Il paragone, me ne rendo conto, è un po’ azzardato, ma molti uomini ( specifico bianchi, per non creare altre inutili polemiche ), effettivamente lo sono, ma questo non dà loro il diritto di insegnarci e tanto meno imporci il contrario.

                          DIAMOGLI UNA BELLA STANGATA ALLE ELEZIONI e FACCIAMOLA FINITA CON QUESTE TRO..TE CHE DOVRANNO TROVARE IL LORO POSTO ESCLUSIVAMENTE NELLE CASE CHIUSE.

                          1. Silvestro scrive:

                            Martello: sei un insolente ed un arrogante.
                            Io, che sono in disaccordo con Zwirner quasi sempre, non mi sono mai sognato di sostenere che sbaglia perché fa considerazioni che non condivido, e, per contro, non ho mai fatto il leccaculo definendolo un giornalista brillante autonomo e intelligente quando fa comodo. Do ragione a Zwirner quando condivido le sue tesi; ma quando non sono d’accordo espongo fatti, circostanze e visioni diverse dalle sue come solitamente avviene in un blog di persone mature.

                            Per entrare nel merito aggiungo che sei anche in confusione. Merkel, Obama, Macron, Maye, sono capi di governo e di Stato che esprimono orientamenti prevalentemente politici la cui realizzazione pratica viene poi espletata dalle strutture delegate. Ed è per questo che ho citato l’importanza della squadra, il fallimento di Bitonci a Padova, senza dimenticare, magari, le piroette di Trump.

                            Il preservativo dalla testa è meglio che cominci a togliertelo tu.

                            • martello carlo scrive:

                              Ehi, ehi, calmati; cos’ avrò detto mai se non una verità, anzi 2, anzi qualcuna di più, solo che non so quale ti abbia sollecitato a una tale reazione: i sindaci, i sacchetti o DE BENEDETTI.
                              - SINDACI? Quanto ho contestato a ZWIRNER mi sembra lapalissiano; quanto aggiungi tu è un’ altra cosa che un po’ corregge il tiro, ma mi sembra implicito che, tra persone mature, si dia per scontato che i presidenti, i capi, abbiano funzioni di indirizzo, strategiche e che debbano avere un team di esperti e soprattutto che debbano saperli SCEGLIERE e COORDINARE. Non capisco poi che confusione ci sia tra Merkel, Obama, la May e Salvini aspirante premier ( anche se ti devo dire che per me non è certamente l’ ideale, ma questo è tutt’ altro discorso ).
                              - I SACCHETTI? E’ un stru…ta alla bulletto rignaiese che voleva cambiare la costituzione da solo e con un mazzetto di GIGLI, irritante per come sono stati fatti passare, per i soliti piacerini al ” compagno ” di turno ma, cosa ancor più irritante, affrontando il problema bio in un’ ottica di chi butta una monetina ad un mendicante. Almeno la MAY, parla di plastiche mono uso e di soluzioni che devono portare ad un nuovo modo di produzione e di comportamento sensibilizzando la gente ( io per esempio non uso i rasoi usa e getta ) , non irritandola con taglieggiamenti di infimo livello mascherati.
                              - DE BENEDETTI?: una delle poche scelte coerenti di RENZI: un rottamatore che, si scopre (nessun giornale ne aveva fatto cenno ), faceva colazione ogni giorno, sin dai tempi di Firenze con il più grande rottamatore di lavoro, di tecnologie e di risparmi del paese, condannato a 5 anni e 2 mesi per omicidio colposo: una bella coppia non c’ è che dire che spiega molte cose che andranno approfondite, soprattutto il DL sulle POPOLARI.

                              Se mi consenti, penso che tu ti sia alterato proprio per aver capito chi era il vero stratega del governo RENZI/ESPRESSO. In fin dei conti sei una persona con dei principi.
                              CIAO.

                              PS: cosa c’ è di male a dire che qualcuno sbaglia? E’ implicito che sempre di opinioni personali trattasi e non dire che non le ho argomentate: ne ho scritto persino dei ROMANZI………..

                              • Silvestro scrive:

                                Se sforzate troppo le meningi il gonfiore potrebbe far scoppiare la protezione in lattice.
                                Non avete ancora capito che è la supponenza esagerata e continua che alla lunga diventa insopportabile.

                                • martello carlo scrive:

                                  E’ strano che tu ti inalberi per la supposta supponenza degli altri quando l’ hai assunta a modello tifando per il RIGNANESE.
                                  Comunque non posso non collegare questo tuo definirmi ” insolente ed un arrogante” con il “povero complottista assai disturbato” che mi ha affibbiato un non meglio definito ATTILIO di là da ALDEGHERI: la colpa di cui mi sono macchiato è di aver NOMINATO INVANO quello speculatore straincallito di DE BENEDETTI.
                                  Mettetevi il cuore in pace è una argomento chiave per aprire la porta dell’ armadio degli scheletri della sinistra degli ultimi 30 anni, quindi mi dovrete sopportare ancora: il discorso popolari con radici “fuori luogo” che a suo tempo avevamo intrapreso è solo all’ inizio e va inserito a pieno titolo nella campagna elettorale.
                                  I colpevoli, questa volta devono essere stanati, ma non potrà certamente farlo un governo contiguo a quello uscente.

                                  • martello carlo scrive:

                                    …. equando mai?
                                    Ti vedo polemico ed evasivo: c’ è qualcosa di cui non vuoi parlare?

                                  • Silvestro scrive:

                                    Le tue colpe sono di linguaggio. Se tu dai del TESTA DI CAZZO (CON O SENZA PRESERVATIVO) a chi non la pensa come te, poi non ti devi stupire se le risposte sono del medesimo tono.
                                    Se vuoi possiamo proseguire con questo frasario e vediamo dove si va a finire.

                                • Gatón scrive:

                                  Hai scritto guardandoti allo specchio ?
                                  E’ ESATTAMENTE la definizione che meglio ti descrive.

                                  • Gatón scrive:

                                    Quando si parla di supponenza esagerata e continua ci inchiniamo tutti davanti al Maestro

                                  • Silvestro scrive:

                                    Come ti succede spesso non hai capito niente.
                                    L’uso di queste espressioni rancorose non l’ho iniziato io. Quindi leggiti i post precedenti e prima di scrivere collega le parole con il cervello.

                              • Gatón scrive:

                                Con l’ing. hai evidentemente toccato un nervo scoperto.

                            • Marco scrive:

                              Se lo tenga , se lo tenga
                              È infetto

                            1. Silvestro scrive:

                              12/01/18 – SALVINI E I SINDACI DELLA LEGA

                              Non è mia abitudine scrivere romanzi e riflessioni di migliaia di parole. Mi limito a segnalare che anche questa sera Zwirner ha tolto il sacchetto (o meglio il preservativo) dalla testa, a tutti coloro che sono pronti a sottoscrivere e votare qualsiasi fesseria venga proposta nel clima elettorale.

                              E’ il caso di aggiungere che oltre ad una speciale attenzione all’aspetto finanziario ai Sindaci è richiesta anche una buona capacità di fare squadra e coinvolgere le strutture preposte che sono tanto più importanti quanto più grande è il Comune. Bitonci a Padova, è l’esempio più clamoroso.
                              Come suggerisce Maroni, bisognerebbe studiare di più gli scritti di Lenin.

                              • martello carlo scrive:

                                La MERKEL ha fatto il sindaco? E OBAMA, e MACRON, e la MAYe…….?
                                Ma non farmi ridere SILVESTRO, tu dai ragione a ZWIRNER solo quando sbaglia, ma a te conviene.
                                Mi spiace, ma ZWIRNER, non solo non ha tolto il sacchetto ma ne ha messo un altro.
                                La controprova? RENZI ha fatto il sindaco ma non sa farei conti, DE BENEDETTI no, ma i conti ( suoi ) li sa fare BENISSIMO.

                              1. martello carlo scrive:

                                Nel precedente post in cui parlavo di ultime OPINIONI OPINABILI sulla situazione politica, cui avevo intenzione di rispondere, mi sono scordato di togliere ( rapito dalla bellezza strepitosa della CATHERINE ) gli appunti della ricerca che avevo condotto per controbattere: consideriamoli un’ anticipazione.
                                BENE, dalle ultime opinioni emerge uno ZWIRNER che, travolto dalla FIERA DI CHI LE SPARA PIU’ GROSSE, mi pare propenso all’ astensione.
                                POLITICI INCOSCIENTI? Non credo perché come ha avuto modo di dire GUIDO da ALDEGHERI, sono coscienti che tanto a marzo non verrà fuori alcun governo, e probabilmente si dovrà ripetere l’ operazione da cui sortirà una ” GROSSE KOALITION ” all’ italiana che però non servirà a risolvere i ns. problemi che sono principalmente EUROPEI.
                                Ci troveremo, come per le banche, ancora una volta nel ciclo congiunturale sbagliato e in ritardo, con una Germania che avrà risolto i suoi problemi governativi, prossima a mettere sul trono di DRAGHI ( che ha salvato col QE questi nostri governi posticci del ” MEGLIO PIUTTOSTO CHE NIENTE ” dal KRAK completo ) un suo uomo ancor più determinato ad imporre la sua teutonica austerità.
                                ZWIRNER parla di un paese IPOCRITA, di CACCIAVITE e PROMESSE FARLOCCHE, non esprimendo bene da che parte sta, anche se mi sembra propendere per il cacciavite, tanto NON SI PUO’.
                                Penso che certi politici agiscano in questo modo perché hanno la coscienza sporca e sanno benissimo che il paese ha enormi potenzialità pronte a liberarsi da queste ipocrite catene e palle al piede.
                                Si tratta quindi scegliere sulle linee guida e i concetti di base.
                                Tutto oggi è più difficile dopo 5 anni persi; persi perché si è continuato IPOCRITAMENTE a favorire un paese spaccato in due per la ” DIVERSA LA NATURA DEL DATORE DI LAVORO ” ( CORTE DI CASSAZIONE DIXIT ), per cui chi viene tartassato dalle riforme delle pensioni e del JOB ACT è sempre chi lavora nel privato portando in giro PRECARIAMENTE le pizze o, emigrato, a fare il cameriere in qualche PUB con la laurea in tasca, mentre il barbiere della camera si cucca 250000 €/anno, cosa paragonabile solo all’ IPOCRISIA della PROSTITUZIONE ESENTASSE, dove i responsabili non sono i magnaccia, né le prostitute, ma i CLIENTI come se fossero tutti dei PORCI alla ASIA ARGENTO che cercano il sesso per puro vizio.
                                Come si vede, certe ” sparate “ su pensioni e tasse non sono poi così campate in aria: di carne ce n’ è molta come le ingiustizie lasciate marcire da una spending rewiew mai attuata dai governi del ” MEGLIO PIUTTOSTO CHE NIENTE “, tanto alla precarietà e a tutto ciò che ne consegue come la denatalità, sopperiranno gli statali e i nuovi ricambi diversamente colorati.

                                http://www.imolaoggi.it/2015/10/28/sostituzione-etnica-ganau-pd-ripopoliamo-la-sardegna-con-i-migranti/

                                Una cosa mi sembra DOVEROSA: escludere la più grande coppia di ROTTAMATORI che il paese abbia mai annoverato: RENZI/DE BENEDETTI.

                                BUONA NOTTE.

                                1. martello carlo scrive:

                                  DULCIS IN FUNDO: Zwirner ci ha tolto il sacchetto (o meglio il preservativo ) dalla testa, dopo una serie di opinioni opinabili sulla situazione politica, proponendoci il pensiero di quella GRANDE DAME ( avrei detto grande femmina se il sostantivo non terminasse per MINA che si riallacca ad una mia considerazione di cosa siano diventate le donne oggi: delle MINE ANTI UOMO ) che risponde al nome di CATERINE DENEUVE, la quale, con uno charme, una leggerezza tutta francese perfidamente sexy da ” Belle de jour “, declassa tutto il mondo della sommossa neo femminista hollyweediana ad un rodeo di grossolane donne COW BOY che, dopo aver conquistato il potere dando via tutto di sé, ora vogliono, non domare i tori ( domati lo sono già, come quell’ idiota che ha schiaffeggiato Weinstein ), ma anche castrarli, il che le riporterebbe di colpo alle CAVERNE.
                                  VIVE LA FEMME.

                                  Per il pubblico impiego nessuno di questi cambiamenti né la fornero, ne job’s act è da tenere in considerazione: stando alla Cassazione (e alla lettura dell’esecutivo), le garanzie sarebbero quindi intatte, come il reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa. Un trattamento diverso rispetto ai lavoratori privati, sostiene il ministero, perché è diversa la natura del datore di lavoro.

                                  Nonostante la gestione delle pensioni Inpdap sia passata all’Inps a partire dal 1° gennaio 2012 il calcolo della pensione per i dipendenti pubblici non è cambiato rispetto a quanto previsto in precedenza e quindi in merito a regole e importi si procede sempre secondo le tre tipologie di calcolo: contributivo, retributivo e misto, seppure è bene ricordare che con la Riforma Fornero e con le nuove regole inserite in Legge di Bilancio 2017 sono state introdotte alcune importanti novità.

                                  1. Silvestro scrive:

                                    “Consiglierei al mio segretario non solo di ricordare che fine ha fatto Stalin e che fine ha fatto Lenin ma anche di rileggersi un vecchio testo di Lenin. Ricordate? L’estremismo è la malattia infantile del comunismo”.

                                    Potrebbero essere le parole di un comunista vecchio stampo che ripiange l’autorevolezza dei leader di altri tempi come Berlinguer. Invece no, sono le parole di Maroni nel motivare la sua scelta di non ricandidarsi.
                                    Ma rafforza pure il concetto segnalando che “Salvini con me si è comportato da stalinista. Il mio addio? Incompatibilità con lui. La politica non è solo marketing”.

                                    Non è poi passato molto tempo da quando si urlava al pericolo di dittatura del “giglio magico”.

                                    • diogene scrive:

                                      salvini è pericoloso, anche se come trump alla prova di fatti è più fumo che arrosto (pensate al muto con il mexico, adesso il dietrofront sui cambiamenti climatici, poveri americani)

                                      i moderati scherzano sul fuoco e sono complici nell’allevamento di questi bulli e davvero non capisco perchè, Forse perché ossessionati per ragioni loro dal corano

                                      guardate e ascoltate i leghisti nei talk show: riescono a dire che quello che dice salvini (aboliamo la legge fornero) è uguale a quello che dice berlusconi (rettificheremo alcune parti ancora inique)

                                      sono veramente senza vergogna con faccia di m. totale
                                      sembrano rinchiusi in un gulag mentale

                                    1. Silvestro scrive:

                                      10/01/18 – LAVORO: MEGLIO PIUTTOSTO CHE NIENTE

                                      Invece Zwirner questa volta non ha tutti torti: direi che le sue considerazioni sono nella sostanza da condividere. Ma siamo noi elettori che vogliamo essere confortati su un futuro rassicurante, sulle visioni celestiali che il prossimo governo dovrebbe garantire con un magico “abracadabra” che tutto trasforma rapidamente.

                                      Mi è già capitato di citare Ugo Ojetti che diceva: “L’Italia è un paese di contemporanei senza antenati né posteri perché non ha memoria di se stesso”.

                                      Trovo l’affermazione tanto vera quanto avvilente.

                                      1. diogene scrive:

                                        si profila la vittoria totale della sinistra vera: quella del welfare per tutti e dei contratti a tempo indeterminato

                                        insomma, il povero zwirner resta solo solissimo, come il soldato giapponese nella giungla dell’Indocina, a pensare alla rivoluzione liberale.

                                        Tutti i programmi elettorali tutti recitano: aiuteremo i più deboli, diamo soldi ai pensionati, redditi di cittadinanza.
                                        Alè, due passi avanti oltre la socialdemocrazia.

                                        Non è un caso che la campagna elettorale coincida con il carnevale.
                                        Ma a parte le battute e la grandezza inarrivabile di salvini (persino sui vaccini ci sta provando), bisogna riconoscerlo: il grande sconfitto è zwirner
                                        e un pò è anche colpa sua, diciamo che spesso ha scherzato con il fuoco con la scuola che sarebbe solo in mano ad un branco di sfigati

                                        1. martello carlo scrive:

                                          Vista l’ IMPASSE pre elettorale e post festività voglio approfittarne per colmare un silenzio inqualificabile dei media nel dibattito ormai quotidiano su IUS SOLI e immigrazione circa una lettera inviata al PAPA da parte di un gruppo di musulmani convertitisi al cristianesimo che, pur essendo io agnostico, mi ha particolarmente colpito e, perché no, commosso.

                                          http://exmusulmanschretiens.fr/it/

                                          Si tratta di osservazioni ( contestazioni ) e richieste rivolte al PAPA che partono dal suo messaggio per la GIORNATA del MIGRANTE, contenente l’ invito a ” strappare la malattia che avvelena i ns. cuori “, i cristiani con la BIBBIA, i musulmani con il CORANO, osservazioni che grosso modo si possono così riassumere:
                                          - se per lei il Corano diventa ” via di salvezza “, dovremmo noi ritornare all’ ISLAM?
                                          - e ancora “ le sue parole non mettono forse in dubbio la fondatezza della scelta che abbiamo fatto, a rischio della nostra vita ” visto che l’ apostasia è punita con la morte?
                                          - necessità di convocazione di un SINODO sui pericoli dell’ islam, chiedendo cosa resti dei cristiani nei rari paesi islamici dove hanno ancora diritto di cittadinanza, ma solo nello stato di DHIMMITUDINE.
                                          - cosa pensa del progetto ufficialmente proclamato dall’ OCI di conquista e islamizzazione dell’ Europa “mentre predica l’accoglienza dei migranti senza tener conto del fatto che essi sono musulmani e che il comandamento apostolico ne fa divieto ”
                                          - “ non si deve far confusione tra islam e musulmani: se per lei il «dialogo» è la via della pace, per l’ islam è solo un modo diverso di fare la guerra e quindi il buonismo è una scelta suicida “.

                                          La richiesta finale è quella di “un discorso franco e diretto sull’islam” da parte di Bergoglio, in modo che i “cattolici provenienti dall’islam” possano “confermare la loro conversione a Gesù Cristo”, perché “ogni atteggiamento compiacente” verso il Corano “è un tradimento….. e noi non vogliamo che l’Occidente continui a islamizzarsi, né che lei vi contribuisca con la sua azione”.

                                          Parole DURE, competenti, che mi sento di condividere, cui il “ pontefice “ non dà alcuna risposta continuando sulla strada del potere religioso, qualsiasi esso sia, il che è il massimo della fede e della chiarezza e spero che la chiesa trovi la forza per arrestare dal suo interno questa follia suicida.

                                          -

                                          L’islam prescrive l’uccisione degli apostati (Corano 4.89; 8.7-11), forse che lei lo ignora?

                                          “Mentre il Vangelo annuncia la buona novella di Gesù morto e risorto per la salvezza di tutti – si legge nella lettera – Allah non ha altro da offrire se non la guerra e l’uccisione degli ‘infedeli’ in cambio del suo paradiso”. È il dialogo tanto cercato da Francesco che gli ex musulmani non condividono: “Noi non facciamo confusione tra islam e musulmani – precisano – ma se per lei il ‘dialogo’ è la via della pace, per l’islam esso è solo un modo diverso di fare la guerra. Perciò (…) il buonismo di fronte all’islam è una scelta suicida e molto pericolosa. Come si può parlare di pace e al tempo stesso sostenere l’islam, come lei sembra fare?”.

                                          Per i firmatari, “scandalizzati dall’elogio tributato” a Maometto, è “inquietante” che il “Papa intenda proporre il Corano come via di salvezza”. Il riferimento è al messaggio inviato da Bergoglio per la giornata mondiale del migrante del 2014,

                                          Ma se anche il libro sacro di Allah diventa per Bergoglio una “via di salvezza”, si chiedono gli autori della missiva, “dovremmo quindi noi tornare all’islam?”.

                                          “supplica” al Papa a non “cercare nell’islam un alleato nella battaglia che sta conducendo contro le potenze che cercano di asservire il mondo”. E mette in guardia dalle prediche in favore dell’accoglienza ai migranti, posizione che “non tiene conto del fatto che essi sono musulmani”: “Non comprendiamo – si legge – come lei possa perorare la causa dei musulmani che vogliono praticare la loro religione in Europa. (…) Il Buon Pastore è colui che scaccia il lupo, non certo chi lo fa entrare nel recinto delle pecore”.

                                          La richiesta finale è quella di “un discorso franco e diretto sull’islam” da parte di Bergoglio, in modo che i “cattolici provenienti dall’islam” possano “confermare la loro conversione a Gesù Cristo”. Perché “ogni atteggiamento compiacente” verso il Corano “è un tradimento”, scrivono gli autori della lettera. “E noi non vogliamo che l’Occidente continui a islamizzarsi, né che lei vi contribuisca con la sua azione”.

                                          • giorgio scrive:

                                            ……..” Il Buon Pastore è colui che scaccia il lupo, non certo chi lo fa entrare nel recinto delle pecore”.

                                            Il guaio più grosso è che Don Francesco crede di essere il Santo di Assisi e, come LUI, crede di poter ADDOMESTICARE il Lupo di Gubbio..
                                            Ma non basta portarne il NOME per essere santo e, il LUPO da addomesticare ( in questo caso l’ISLAM) non è uno solo, ma milioni e credo sia più facile che ci MANGINO tutti prima di riuscire ad addomesticarne ( CONVERTIRNE ) qualcuno.
                                            Una cosa è certa: o hanno sbagliato tutti i PAPI precedenti a COMBATTERE l’ISLAM o sta sbagliando l’ARGENTINO che crede di poterli CONVERTIRE tutti.
                                            C’è una terza ipotesi che sarebbe la più tragica: Il DON in questione (non lo nomino neanche perché mi fa solo PENA, per non dir di peggio), ci vuole CONVERTIRE TUTTI alla nuova Religione ed al nuovo Dio….il DIO DENARO del NWO!!!

                                            • martello carlo scrive:

                                              Mi chiedo perché un TRUMP rischi l’ impeachment ogni santo giorno e BERGOGLIO no.
                                              Evidentemente l’ ISLAMGATE, come dici tu il secondo è funzionale al NWO, il primo gli dà parecchio fastidio.

                                          • Gatón scrive:

                                            Sono mesi che, non solo su questo blog, ho chiesto a chi sostiene che l’Islam sia religione di pace di indicarmi i versetti del Corano che ne parlano.
                                            Risposte zero.

                                            • martello carlo scrive:

                                              Figurati, non te li sa indicare nemmeno PAPA2, al quale tra l’ altro della pace nun je ppò ffregà dde meno: prima di entrare in carriera faceva il buttafuori in locale malfamato….

                                          1. martello carlo scrive:

                                            RIFLESSIONE NOTTURNA IN COMPLETA LIBERTA’ DA BECERO PROFITTATORE DELL’ ASSENZA DA CASA DEL PARON.

                                            Speriamo che alla fine il sonno porti consiglio: devo ammettere che vedendo gli interventi dei 2 leaders di LIBERI & UGUALI, sono rimasto affascinato dalla concretezza del programma che si articola su 2 progetti essenziali per la sopravvivenza del paese, per cui mi sono sopraggiunti dei dubbi di voto:
                                            - GRASSO: oratore scarsotto ma con idee precise: rendere gratuita l’ università ai figli dei paperoni in modo da evitare le raccomandazioni che distorcono la meritocrazia
                                            - BOLDRINI: concetti meticciati, incasinati alla IUS SOLI ma con un’ oratoria da MARIANNE che compensa quella deficitaria del GRASSO, anche se per la verità un po’ troppo istericamente stridula da donna in cerca d’ autore.

                                            Mi viene spontanea una domanda: ma perché non ha chiesto l’ aiuto di TABACCI, in modo da poter imbracciare pure una bandiera da sventolare sulle barricate della CITTADINANZA APERTA?

                                            Scusatemi per la divagazione, ma questo è o no uno sfogatoio? Buona notte a tutti.

                                            Dopo aver visto l’ interAll’ Assemblea nazionale di Liberi e Uguali che ha al centro l’intervento di Pietro Grasso e vede il debutto di Laura Boldrini

                                            • Silvestro scrive:

                                              Non credo sia il caso di allargarsi troppo.
                                              Perfino Zwirner (se lo dice lui ..) proprio nell’opinione di ieri si è reso conto delle stupidaggini proposte dalla coppia Berlusconi-Salvini.

                                            • Gatón scrive:

                                              Se questo è uno sfogatoio, L&U è uno sfigatoio.

                                              • martello carlo scrive:

                                                Sì, in effetti sono tutti incazzati, la faccia alla BERSANI.
                                                Però con l’ incazzatura perenne della BOLDRINI e relative seguaci femministe 2.0, col fallimento dello ius soli, non ti sembra giusto coniare un neologismo come SCAZZATOIO per ristabilire una certa parità di genere?
                                                In fin dei conti, anche le femminucce hanno le loro esigenze…….

                                            1. martello carlo scrive:

                                              ” PER PARTORIRE VAI ALLA COOP “…….. ma non solo, se vuoi visitare i luoghi santi ( che nascono da fake new ), vai da ” IDEALISTA .it ” e ti fai dire dove è realmente nato Gesù e dove si è trasferita, su consiglio della vergine Maria la sacra famiglia per poter stivare le 48 casse di mirra.

                                              1. martello carlo scrive:

                                                L’ IRAN, LA PERSIA AI TEMPI DELLO SCIA’

                                                Visto il silenzio assordante, volevo riaprire le ostilità dopo le feste natalizie con gli ottimi risultati che stanno ottenendo il PAPA2 in combutta con SOROS e accoliti vari ( a cominciare da BOLDRINI, GRASSO, per finire alla BONINO e tutti i profeti globalisti del NWO ), sul fronte migranti:
                                                - Sondaggio SWG: cresce il fronte anti-migranti: Italia più a destra, CROLLO DEI PROGRESSISTI
                                                - VISEGRAD 4 con l’ UNGHERIA che annulla le sanzioni anti polacche pro quote migranti, mettendo il veto
                                                - VISEGRAD4 PLUS che vede l’ AUSTRIA di KURZ avvicinarsi a quello che ormai possiamo considerare il cuore della VERA EUROPA ( cristiana? ).

                                                Cosa c’ entra con l’ ” OPINIONE ” di ZWIRNER?

                                                C’ entra quando dice che in Europa non si può ritornare ai vecchi bigottismi religiosi come è successo in IRAN e TURCHIA: di fronte al pericolo del fanatismo religioso di stampo musulmano è auspicabile, anzi necessario, che anche il vecchio continente recuperi i propri valori, se non altro come simbolo identitario pur senza fanatismi gesuiti: quelli li vogliamo lasciare al nuovo corso vaticano.

                                                Voglio aggiungere, per controbattere a chi giudica il gruppo V4 come esempio di arretratezza e irriconoscenza, che tali paesi sono, nella storia anche recentissima, quelli che più hanno sofferto sia il ” fanatismo religioso ” dell’ impero OTTOMANO ( fermato alle porte di VIENNA ) che l’ ATEISMO della dominazione SOVIETICA ( ricordiamoci di MINDSZENTY e STEFAN WYSZYŃSKI oltre che di NAPOLITANO ) e quindi quelli maggiormente coscienti del pericolo che sta correndo l’ EUROPA, con le donne chiappe al vento e per ora col velo solo sugli occhi, rispetto alla PIA INVASIONE GESUITO/MUSULMANA.

                                                • Gatón scrive:

                                                  Forse i nostri politici vogliono che diventiamo tutti OTTO MANI così noi potremo lavorare e loro rubare di più.

                                                  • martello carlo scrive:

                                                    Si e lo fanno fino all’ ultimo, ma questa volta li abbiamo colti con le mani nel sacco, anzi nel SACCHETTO che rappresenta degnamente il sigillo di questa legislatura.

                                                1. Guido scrive:

                                                  La Sicilia è stata governata dal centrodestra, con presidenti eletti direttamente dai cittadini, dal 2001 al 2012, dopodichè è stato eletto Rosario Crocetta (Novembre 2012/novembre 2017, e oggi è presidente Musumeci del centrodestra (compreso la Lega di Salvini) dal novembre 2017. Prima cioè dal maggio del 1947 , con un’altra legge elettorale, la Sicilia è stata governata sempre dalla D.C. Con una interruzione di un anno e mezzo (novembre 1998/luglio 2000) da parte di Capodicasa dei DS.

                                                  1. martello carlo scrive:

                                                    NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE: venissero mantenute tutte le promesse elettorali, verrebbe riesumato (cambiandone il nome), il vecchio concetto ( e prassi ) che la mancanza di occasioni di lavoro autorizza l’ INPS ( sempre lui ) a elargire le pensioni di invalidità a destra, a manca, ma soprattutto al SUD.
                                                    Di per se il dovere di uno stato degno di chiamarsi tale, deve far fronte alle EMERGENZE dei suoi cittadini, anche perché l’ emergenza occupazionale ESISTE, garantendo un minimo vitale alle famiglie ed ai singoli, ma un tale stato dovrebbe far funzionare PRIMA i sistemi di controllo, che già esistono, affinché tali emergenze non diventino DEFINITIVE, favorendo chi vuole sfruttare parassitariamente la situazione com’ è avvenuto in passato e avviene tuttora.
                                                    Questo è il vero problema che finora ha impedito l’ attuazione di politiche serie di sostegno alle fasce più deboli ed è un problema che va risolto prima di ogni altra iniziativa.
                                                    Ciò detto, tutto il resto è FUFFA ELETTORALE, da qualsiasi parte venga: ha ragione GATON quando dice che non voterà né per BERLUSCONI, né per M5S ( né, immagino per il PD e relativi cespugli ).
                                                    Prima di votare S.B. quanto meno pretenderei spiegazioni ( serie, ammettendo che ci siano ), sul come, quando e da dove recupererebbe tutte le risorse necessarie per allestire il suo personalissimo paese delle meraviglie dove vengono pensionati pure i gatti e i conigli e la pensione minima garantita di 1000 € è superiore allo stipendio del 40/50% dei lavoratori italiani.
                                                    Pur ammettendo che le potenzialità del paese siano state fortemente compresse da politiche del più becero comunismo a sostegno del più becero capitalismo favoriti dal più becero papalismo dello spalancamento delle porte e della distruzione dei muri, le sue promesse, se non supportate da un dettagliatissimo programma di rilancio dell’ economia, si possono configurare come delle SEMPLICI FOLE, anche perché nulla dice su come intenderà risolvere il problema degli immigrati e di tutto il sistema improduttivo e parassitario che ci è cresciuto dietro.
                                                    La LEGA se non altro questo problema dichiara di volerlo risolvere ( e dovrà specificare COME ), il che già significa il risparmio di 5/6 MLD anno.
                                                    Dal programma comune che nascerà da questa alleanza dipenderà la mia scelta di voto ( senza dimenticare che niente si potrà attuare senza stravolgere il sistema giudiziario, problema che mi sembra MOLTO TRASCURATO ).

                                                    1. Silvestro scrive:

                                                      Gaton:

                                                      l’INPDAP era l’istituto di previdenza sociale dei dipendenti pubblici che dal 2012 è stato incorporato nell’INPS. Era in una condizione fallimentare perché molti enti statali e locali, prima del 1994 non hanno mai versato i contributi dei dipendenti, ma anche perché in gran parte del settore è ancora in vigore il sistema retributivo.
                                                      Trattasi comunque di amministrazioni dello Stato ai quali il Tesoro ha sempre versato il necessario in quanto considerate partite di giro. Quindi non c’è mai stata una effettiva distinzione tra fiscalità e previdenza Sociale, proprio perché se si applicassero i tuoi principi, già oggi un sacco di lavoratori sarebbero senza pensione.
                                                      Infatti la chiusura dei conti INPS del 2017 è prevista con un buco di circa 6 miliardi, non solo per quanto già segnalato ma anche per i risultati negativi dei dipendenti del settore agricolo, artigiani e commercio.
                                                      Altro che “tutti devono avere un reddito che garantisca una vita dignitosa”.

                                                      Previdenza e sanità, proprio perché servizi generali a beneficio dell’intera comunità, per definizione non possono trovare stanziamenti predefiniti all’una o all’altra categoria, anche se la gestione è delegata a enti specifici. Può piacerti o meno ma è il governo di turno che finanzia le voci di spesa, più o meno sufficiente, più o meno criticabile.

                                                      Infine non puoi appellarti alle tabelle attuariali o alle riserve matematiche e poi cavartela con “on dosso e na val fa on gualivo” perché già oggi non è cosi. Per arrivare ad una autonomia delle spese previdenziali serviranno decenni a condizione che nel tempo si stabilisca un equilibrio demografico e che il sistema contributivo sia esteso anche ai dipendenti statali.
                                                      Ma Salvini, il comunista che tu voterai, il sistema contributivo lo vuole smantellare perché evidentemente della riserva matematica previdenziale non gliene può fregare di meno.

                                                      • Gatón scrive:

                                                        Spero che ti renda conto che il tuo ragionamento sull’ INPDAP non fa altro che confermare quanto da me esposto, e che uno Stato che non paga i contributi e fa un minestrone tra previdenza e fiscalità è un’anomalia tutta ITALIOTA.
                                                        Viste quanto hai gradito in passato, quest’anno NON ti faccio gli auguri per L’ONOMASTICO, ne’ per l’anno nuovo.
                                                        Spero soltanto che non ci dobbiamo felicitare reciprocamente per il Ramadan.

                                                      1. diogene scrive:

                                                        presumibile ma non consequenziale, considerando i trascorsi
                                                        quindi un moderato diventa estremista? vale anche per me

                                                        1. Silvestro scrive:

                                                          DISTINZIONE TRA INPS, WELFARE E RELATIVE CONTRADDIZIONI.

                                                          E’ una vecchia polemica piuttosto sterile. Che si tratti di INPS o altre voci, sono sempre soldi dei contribuenti. La distinzione nasconde peraltro il retropensiero secondo cui i soldi INPS sono dei lavoratori (retribuzione differita) e non dei padroni. Ma questa è anche una antica storia ‘falce e martello’ che conferma come, quando conviene, siamo tutti comunisti.
                                                          Necessita però di un minimo di approfondimento.

                                                          Non si può prescindere da episodi che risalgono ad un passato più o meno recente come incorporazioni di Inpdap e Enpals a rischio fallimento, che alterano i saldi contabili.

                                                          Anche la cassa integrazione, voce non certo trascurabile, è costituita da soldi dei lavoratori senza lavoro. E’ welfare?

                                                          Le pensioni di reversibilità sono soldi dei lavoratori o sono welfare

                                                          Se faccio queste distinzioni non posso trascurare quanto ha versato il cittadino come lavoratore e quanto ha percepito come pensionato (infatti Salvini vuole abolire la legge Fornero).

                                                          Ma quando si percepisce più di quanto versato, la pensione è da considerare retribuzione differita oppure welfare.

                                                          Non devono sfuggire le difficoltà demografiche già presenti, ma tendenzialmente ancora più inquietanti: anziani più numerosi sempre più longevi e lavoratori attivi in costante calo.

                                                          Chiariti questi aspetti si potrà affrontare il discorso ‘welfare’, relativi diritti, cifre minime, senza trascurare come e dove reperire i fondi.

                                                          • Gatón scrive:

                                                            Non avendo mai usato il termine “padrone” sono certamente meno classista di te.
                                                            Quanto a comunista, ho avuto modo di dichiarare di essere liberista in tutto fuorché in materia di sanità e previdenza, considerando la copertura previdenziale/ assistenziale imprescindibile per tutti i cittadini.
                                                            Troppo comodo altrimenti trascurare / evadere il pagamento dei contributi, salvo poi piangere il morto al momento di necessità.
                                                            Mi pare capzioso distinguere tra i contributi trattenuti in busta paga e quelli versati direttamente dall’azienda, sempre di costo del lavoro si tratta.
                                                            E il lavoro fa capo al lavoratore, senza bisogno di essere comunisti.
                                                            Ti prego di notare che finora ho parlato di contributi.
                                                            Altra cosa le trattenute fiscali, altro ancora l’utile di impresa o di lavoro autonomo.
                                                            Tutti hanno il diritto di cercare di guadagnare, lecitamente beninteso, quanto più possono, salvo pagarci poi le tasse.
                                                            Queste tasse servono a far funzionare lo Stato, welfare compreso.
                                                            Ma quanto versato all’INPS non deve assolutamente servire per coprire altri capitoli di spesa tipo cassa integrazione.
                                                            La reversibilità, visto che è prevista dai contratti di tipo assicurativo, dovrebbe essere coperta dall’INPS, come oggi del resto, salvo ragguagliarne la percentuale ai dati attuariali.
                                                            La corretta gestione di questi consente, inoltre, di coprire la quota di pensione eccedente i contributi versati con i minori pagamenti a favore di chi ha lasciato anzitempo questa valle di lacrime, statisticamente parlando.
                                                            Della serie “on dosso e na val fa on gualivo” come si dice a Verona.
                                                            Ciò di cui non ho mai sentito parlare in materia di pensioni è la “riserva matematica”, al contrario si è sempre speso esclusivamente in previsione di introiti futuri.

                                                          1. Gatón scrive:

                                                            Premesso che tutti devono avere un reddito che garantisca una vita dignitosa, trovo immorale che chi non ha mai pagato contributi e tasse abbia una pensione pari a chi ha devoluto allo stato oltre il 50% di quanto guadagnato col suo lavoro.

                                                            • Silvestro scrive:

                                                              E quindi?

                                                              • Gatón scrive:

                                                                E quindi gli interventi di “sostegno sociale” dovrebbero arrivare al massimo diciamo al 50 % di una pensione pagata coi contributi di una vita lavorativa.
                                                                In caso contrario si incoraggerebbe il lavoro nero, tutti e subito, tanto la pensione me la pagano gli altri.
                                                                Prescindendo dalla disponibilità delle necessarie risorse, non sono quindi d’accordo ne’ col Berlusca ne’ con Di Grillo, che non voterò il 4 Marzo.

                                                            1. Gatón scrive:

                                                              Aggiungo che le pensioni non sono altro che retribuzione differita, calcolata con sistemi finanziari / attuariali.
                                                              Il welfare don dovrebbe quindi far capo all’INPS, ma essere alimentato dalla fiscalità generale.

                                                              • giorgio scrive:

                                                                Concordo GATON….
                                                                E ti dirò di più….la pensione, visto che si tratta di stipendio DIFFERITO, dovrebbe essere data quando il lavoratore la richieda (proprio come i soldi messi in banca….tanto hai versato e tanto ti verrà restituito), mentre il sostegno sociale chiamato anche WELFARE (logicamente in inglese perché è più schic), dovrebbe essere dato a tutti indistintamente ad una certa età che potrebbe essere tra i 65/70 anni…od in caso di INABILITA’ (a prescindere dall’età)….quando dico TUTTI, intendo proprio TUTTI I CITTADINI ITALIANI….
                                                                I c. d. FURBETTI del lavoro nero ( o quelli del VITALIZIO FACILE) avrebbero SOLO garantito il Welfare dato dallo Stato e raggiunta quell’età….
                                                                I lavoratori, invece (tutti inclusi) potrebbero contare in ogni momento della loro vita (magari quando rimangono disoccupati e sono troppo giovani per il SOSTEGNO SOCIALE (Welfare) e troppo vecchi per ritrovare un lavoro degno), sullo STIPENDIO DIFFERITO (pensione) che hanno versato alla BANCA INPS…..Poi starà a loro se riprenderli tutti in una volta o PRELEVARLI un pochino ogni mese…proprio come in banca….
                                                                Naturalmente si dovrebbe anche cambiare il nome…PENSIONE, così descritta, non avrebbe più senso chiamarla in questo modo…..e dovrebbe riguardare tutti indistintamente (anche i cittadini stranieri che, lavorando e pagando i contributi, accumulano questo stipendio differito)….
                                                                Per quanto riguarda le CIFRE del Welfare…beh, lì la cosa è più complicata, ma potrebbe benissimo aggirarsi attorno alle MILLE euro mese….

                                                            Rispondi a martello carlo

                                                            *