10
feb 2018
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 131 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.780

A PRESTO PADOVA!

E’ un Padova sempre più stellare quello che mi permette di salutarvi con una rotonda e fondamentale vittoria in quel di Santarcangelo. Come altre volte era capitato la squadra di Bisoli è partita con l’atteggiamento un po’ leggero, facendosi sorprendere, ma è bastato prendere il gol di Sirignano per reagire alla grande e per portare a termine un bel ribaltone. Pulzetti e i suoi tiri da fuori rappresentano ormai una garanzia, Capello ha già raggiunto e superato la doppia cifra, la difesa, al netto della distrazione sul gol del vantaggio dei padroni di casa, ha trovato un equilibrio invidiabile.

Gli ingredienti per arrivare alla fine in questa posizione in classifica e pure con un buon margine sulle inseguitrici ci sono tutti. Anche perché, al mercato di gennaio, sono arrivati signori rinforzi: oggi Sarno, dal momento in cui è entrato in campo, ha illuminato la manovra offensiva. Fabris è un centrocampista di gamba, di sostanza e di qualità. Lanini e Gliozzi entreranno in forma presto. Ora basta solo continuare così, non sedersi, non credere di avercela già fatta. E ce la faremo davvero.

Sono contenta di prendere il secondo “pit stop” importante della mia vita in un momento in cui le cose stanno andando così bene. Sono sicura che presto, tra un cambio pannolino e una poppata, riceverò una bellissima notizia sul fronte calcistico biancoscudato. Intanto vi saluto per un po’, invitandovi, come ho fatto in occasione della nascita del mio primo figlio, a continuare ad usare questo blog come se fosse casa vostra. E’ casa vostra. E potete continuare a discutere amabilmente della nostra squadra del cuore. Io cercherò in qualche modo di essere presente, anche se, ovviamente, non in modo assiduo come è stato negli ultimi anni.

A presto grande Padova. A presto cari tifosi. Tenete le dita incrociate anche per me! Martina

03
feb 2018
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 105 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.058

LA GIUSTA DISTANZA

Gli scontri diretti, se non riesci a vincerli, hai l’obbligo di non perderli. Il succo di Padova-Sambenedettese sta tutto in questa semplice frase pronunciata dall’allenatore biancoscudato Pierpaolo Bisoli sia ieri, durante la conferenza stampa pre rifinitura all’Appiani, sia oggi a partita già giocata. Con il Renate che ha perso a Reggio Emilia, davvero sembra rimasta solo la Samb a poter insidiare da qui alla fine il primato assoluto e indiscusso del Padova in classifica. Aver mantenuto la diretta concorrente per eccellenza a -8 (che poi è -9 perché lo scontro diretto è a favore dei padovani) equivale ad aver già scritto almeno la metà delle pagine del romanzo della promozione.

E’ tutto nelle mani del Padova. Ora più che mai. Non perdere la bussola e non sentirsi MAI arrivati saranno i due segreti per non cadere sul più bello e giungere al traguardo esattamente nella posizione di oggi. Spendo una parola in più sui rinforzi arrivati a gennaio: leggendo la panchina questa sera ho pensato che, con in campo le 12 “riserve”, il Padova sarebbe probabilmente primo ugualmente. Mi è piaciuto molto Sarno: non ha toccato tantissimi palloni ma li ha trasformati tutti in giocate di qualità. Mi ha colpito Fabris per al dedizione e la caparbietà. I pochi minuti giocati non mi sono stati sufficienti per giudicare Lanini ma il suo valore senz’altro lo dimostrerà. Spero che, da qui in poi, il Padova possa regalarci ogni settimana solo grandi soddisfazioni. A grandi falcate verso l’obiettivo. L’anno è quello giusto, non c’è più alcun dubbio!

 

 

28
gen 2018
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 96 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.649

LA VITTORIA DELLA FUGA

Che sensazioni indescrivibili regala questo finale di giornata. Un sabato che si è trasformato nell’apoteosi del campionato biancoscudato, con la vittoria nel derby di Vicenza per 1-0, in un “Menti” in cui i tifosi berici hanno fatto di tutto per far sentire ai giocatori la loro vicinanza, nonostante il fallimento societario e la quasi sparizione dal girone ad inizio gennaio, in un “Menti” in cui i tifosi del Padova si sono presentati in oltre 1.600 per far capire alla squadra che, quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare, anzi non hanno mai smesso per la verità!

A fare la differenza stasera la grande reazione del Padova nel secondo tempo. La caparbietà di Pulzetti e compagni. La voglia di portare a casa il risultato a ogni costo. E’ grazie a questo mix esplosivo che Guidone, imbeccato dal neo acquisto appena entrato Sarno, ha indovinato la traiettoria giusta segnando forse uno dei gol più emozionanti e pesanti della sua carriera.

Già. Più 8 dalle dirette inseguitrici. E’ ufficialmente iniziata la fuga. E a sancirla non poteva che essere una vittoria, strameritata, contro il Vicenza. In casa sua. Troppa roba per dormire stanotte. Mi sa che sarà una notte insonne per molti e per una volta lo sarà per un bellissimo motivo.

13
gen 2018
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 161 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.004

L’ENNESIMA FARSA ALL’ITALIANA

Ho letto in un commento di uno di voi una frase che suona più o meno così: “Preferisco battere l’avversario sul campo dimostrandomi più forte di lui piuttosto che vincere perché l’avversario si è suicidato”.

Ecco appena ho letto questa riflessione ho deciso di farla mia nell’iniziare questo post di commento all’ennesima farsa calcistica all’italiana che si sta consumando dalle parti di Vicenza. Che la piazza vicentina non mi stia particolarmente simpatica è normale: tifo Padova e ci mancherebbe altro! (L’antipatia, calcistica, peraltro è assolutamente reciproca). Ma mai e poi mai avrei augurato al nemico vicentino una fine come quella che sta facendo, peraltro molto simile a quella che ha fatto il Padova con Penocchio nell’estate del 2014. I derby quest’anno li avrei voluti disputare tutti sul campo magari con rischio di perdere, ma giocandomela fino in fondo. Invece, forse, non sarà così. E’ stata presentata istanza di fallimento al tribunale per il club berico: forse il curatore fallimentare riuscirà a non staccare il respiratore fino a fine stagione, forse il Vicenza sarà la seconda squadra esclusa dal girone B dopo il Modena, radiato a novembre. In ogni caso non sarà più la stessa cosa da qui in avanti.

Si rischia di avere nel girone un club con mille difficoltà oppure di vederlo sparire, cancellando le retrocessioni a fine stagione. Siamo di fronte all’ennesima brutta figura dei vertici del calcio, in questo caso della Lega Pro, che permettono a società non in regola con i conti di iscriversi ugualmente al campionato, prendendo in giro prima di tutto i propri tifosi, quelli che ti danno da vivere, quelli che rinunciano a qualunque cosa pur di venirti a sostenere, che litigano a casa per non perdersi una sola trasferta.

E’ una situazione inaccettabile. E per nulla favorevole nei confronti del Padova che forse avrà nel raggruppamento due avversarie in meno ma potrebbe anche ritrovarsi a giocare la prossima partita ufficiale il 3 febbraio, dopo che l’ultima l’ha giocata il 29 dicembre. Magari con le dirette concorrenti che nel frattempo hanno azzerato il vantaggio biancoscudato. Una situazione di fronte alla quale dire che sono allibita è dire poco rispetto al reale stato d’animo attuale.

29
dic 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 65 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.391

DOVRA’ ESSERE UN BUON PRINCIPIO

“Buona fine e buon principio”, ci si augura di solito il 31 dicembre, con la speranza di concludere bene l’anno ancora in corso e di cominciare col piede giusto quello nuovo. Ebbene, pareggiando a Fano all’ultimo secondo su rigore, non è che il Padova si sia regalato proprio una buona fine. Oscar Arnaldo, come lo chiamate qui sul blog, stava per giocarci un brutto scherzo davvero! E’ per questo che bisogna provvedere assolutamente ad un buon principio. Anzi: un intero 2018 di gioie, mica solo i primi mesi!

Per farlo occorre mettere benzina sulle gambe e serenità nella testa durante il ritiro a Milano Marittima e poi fare in modo che il d.g.  Zamuner sul mercato peschi non solo il degno sostituto di Madonna (preciso però che Cappelletti in generale e Zambataro oggi mi son molto piaciuti!) ma anche una punta che segna. E lo fa con continuità.

Non ho altro da dire se non “buona fine e buon principio” a tutti voi!

22
dic 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 47 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.166

QUANT’E’ IMPORTANTE SAPER SOFFRIRE

E’ bastato giocare contro il Renate, secondo in classifica, con la prospettiva di allungare il vantaggio sulle dirette inseguitrici e il Padova ha ritrovato lo smalto e lo spirito della squadra che sa lottare e sacrificarsi per portare a casa il risultato. L’allenatore Bisoli, poi, ci ha messo anche del suo: “Ragazzi vedete che se non vinciamo col Renate vi faccio allenare anche il giorno di Natale”, avrebbe detto il tecnico da Porretta Terme ai suoi qualche giorno fa. Quale “minaccia” poteva risultare più efficace? E bravo mister, allora, tu sì che ci sai fare!

Battute a parte, dopo i due pareggi a reti inviolate contro Fermana e Reggiana e l’inciampo di Gubbio, ci voleva un bel successo. Era soprattutto necessario rivedere in campo una squadra agguerrita, che arriva prima sui contrasti, che impedisce all’avversario in ogni modo di avvicinarsi alla propria area di rigore. Una squadra che, contemporaneamente a tutto questo, torna anche al gol e lo fa in primis con un attaccante.

Sotto l’albero quest’anno il tifoso si ritrova veramente un pacco regalo gigante. Ora l’importante è non adagiarsi e continuare con quest’intensità anche nella seconda parte della stagione. Per arrivare al mese di maggio lì davanti a tutti e poter così organizzare un’altra grande festa.

Buon Natale a tutti ragazzi. Una volta tanto, lo sarà davvero, almeno dal punto di vista calcistico!

18
dic 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 29 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.346

BILANCIO POSITIVO, PENSIAMO AL MERCATO

Si è chiuso con una sconfitta quantomeno rocambolesca il girone d’andata del Padova che, sul più bello che sperava di tornare da Gubbio col terzo 0-0 di fila e un margine più ampio sulla seconda in classifica, si è ritrovato sotto al 93′ a causa di un gol che si è fatto praticamente da solo.

Un gol che ha lasciato parecchio amaro in bocca ma che non cancella un girone d’andata d’alto livello da parte dei biancoscudati, primi con quattro lunghezze di vantaggio sul Renate che venerdì sera, guarda caso, sbarca all’Euganeo per lo scontro diretto, a questo punto fondamentale per chiudere in bellezza l’anno solare.

Bilancio positivo a parte, si apre ora la prospettiva del mercato di riparazione, al quale il d.g. Zamuner sta lavorando da tempo innanzitutto per sostituire la figura di Madonna sulla corsia di destra, visto che l’esterno si è infortunato al ginocchio e ne avrà purtroppo fino a fine campionato. Il Padova ha fatto bene e gli applausi ci stanno tutti, ma, come ho sottolineato nel precedente post, occorre un ultimo sforzo per arrivare al top. L’occasione è troppo ghiotta per lasciarsela scappare: non capitava da 30 anni che si era primi in terza serie, ogni volta, anche a fronte degli investimenti più importanti (vedi l’era Cestaro), ci si ritrovava sempre a dover inseguire. In attacco andrà dunque fatto qualcosa. Bisoli ha sottolineato più volte che è contentissimo del lavoro che in attacco svolge Guidone e delle prestazioni sfoderate, quando ne ha avuta l’occasione, da Chinellato. E che non sa che farsene di un bomber che chiude la stagione con 20 gol personali ma con la squadra di cui fa parte quarta o quinta. E’ però evidente che ultimamente la porta la vediamo un po’ pochino. E che un “rinforzino” (anzi un rinforzone!) lì davanti ci vuole.

Per gli auguri di Natale appuntamento a dopo Padova-Renate, sperando che le Feste possano essere all’insegna di un bel successo!

 

10
dic 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 109 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.410

CAMPIONI D’INVERNO

La notizia della serata è questa: il Padova è campione d’inverno con un turno di anticipo rispetto alla fine del girone d’andata. Il Renate ha infatti perso a Fermo e ora i biancoscudati sono in vetta a + 6 dalla Sambenedettese (+ 7 se si considera lo scontro diretto vinto al Riviera delle Palme grazie al gol di Cappelletti).

Lo 0-0 contro la Reggiana non ha regalato particolari emozioni (ci si aspettava anche una sfida nella sfida tra i tanti ex in campo che invece non c’è stata!) ma alla fin fine ci sta che, dopo tante vittorie di fila, ci sia un momento di poca brillantezza e di stanchezza, a parità di impegno da parte dei giocatori. Ci sta anche che si arrivi davanti alla porta con meno lucidità o ci si arrivi di meno. Dopo la sfida col Gubbio, quella in casa col Renate e la trasferta a Fano ci sarà la pausa e lì la squadra sarà chiamata a caricare le pile.

Ci sarà anche il mercato. E a quel punto capiremo le intenzioni della società e del direttore sportivo per il futuro della rosa. Son convinta che se ci sarà da fare uno sforzo si farà. Sarebbe da folli farsi scappare un’occasione come quella che sta offrendo il campionato in corso. Non si era primi a + 6 dalla seconda da decenni, si deve tentare il tutto e per tutto per rimanere lì fino alla fine.

05
dic 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 40 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.601

UN ALTRO MATTONCINO

Un passo avanti. Potevano essere tre con conseguente conquista del titolo di campioni d’inverno con due turni d’anticipo sulla fine del girone d’andata, ma non ne farei un dramma se invece è arrivato un pareggio a reti inviolate contro la Fermana. L’importante è stato allungare la striscia e appoggiare un altro mattoncino sul cammino di questo Padova che si concluderà a maggio, non certo a fine dicembre.

L’ha detto anche l’allenatore Bisoli, sorridendo, in sala stampa: 1) non è che adesso le dobbiamo vincere tutte; 2) non è che vincendo il titolo di campioni d’inverno eravamo già promossi in serie B. Pillole di verità in una serata che ha confermato quanto il Padova vada in difficoltà contro le squadre che addormentano la partita, giocando sottoritmo e alzando le barricate.

Tempo fa, però, una sfida così, l’avremmo perfino persa. E invece l’abbiamo pareggiata. Con Merelli che alla prima da titolare in campionato ci ha pure messo una pezza decisiva, con Zivkov che all’esordio in campionato ha macinato chilometri sulla fascia sinistra, con Cisco e Marcandella che provano sempre a mettere in difficoltà l’avversario con la loro vivacità e fantasia. Tutti sono utili al risultato finale, anche chi spesso si deve accontentare di partire dalla panchina.

Non è male. Così come non è male, a due dalla fine del girone d’andata e a pochi giorni dal big match contro la Reggiana, essere primi a più 6 sul Renate.

26
nov 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 68 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.238

IL CORAGGIO DELLE SCELTE

Ci vuole coraggio. E pure un pizzico di sana incoscienza. Sì, dopo aver visto AlbinoLeffe-Padova, son convinta che l’allenatore biancoscudato, Pierpaolo Bisoli, ha innanzitutto questo pregio: il coraggio. Il coraggio di fare tre cambi tra primo e secondo tempo, dopo aver visto che la squadra nei primi quarantacinque minuti non aveva girato come doveva. Il coraggio di buttare nella mischia il giovane Cisco, che lo ha ripagato con la prima doppietta in campionato tra i prof., così come aveva fatto con Marcandella contro il Mestre, schierandolo dall’inizio nella sorpresa generale. Il coraggio di sacrificare qualche big, anche tra i suoi pupilli, vedi Tabanelli, vedi Pinzi, vedi Russo che, siamo sicuri, dopo questa sfortunatissima autorete, saprà rifarsi e con gli interessi perché ha già dimostrato quanto vale.

Certo, sarà anche fortunato, Bisoli, perché magari in questo periodo gli gira tutto bene e, come Re Mida, tutto quel che tocca si trasforma in oro. Ma non può essere solo fortuna se il Padova è sempre più primo in classifica e, vincendo in un campo difficile contro un avversario storicamente ostico, ha messo in atto la prima mini fuga in campionato. La fortuna, peraltro, aiuta gli audaci e di audacia questo allenatore ne ha da vendere perché non appena si accorge che qualcosa non va non ci pensa due volte a fare scelte anche forti, al momento sbalorditive, assumendosi responsabilità, prendendosi il rischio di sbagliare e quindi di finire sulla graticola.

Se questo coraggio e questa capacità di lettura in tempo reale dell’evoluzione della partita in corso lo accompagneranno lucidamente fino alla fine del campionato, il Padova farà davvero grandi cose. La sensazione è sempre più quella che possa essere l’anno buono, ma ovviamente lo scopriremo solo vivendo. Anzi, solo giocando. Un primo bilancio già si potrà tirare tra qualche settimana, alla fine del girone d’andata. Speriamo di arrivarci con questo sorriso sulla faccia e questa leggerezza nel cuore. Sarebbe tantissima roba in vista del girone di ritorno!