02
ott 2017
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

968

TORINO-HELLAS “VAR”ONA (e il compito a casa)

E adesso? Immagino la delusione di coloro che aspettavano l’ennesima umiliante disfatta del Verona per rivendicare a suon di post l’esonero di Fabio Pecchia.
E pensare che tutto sembrava andare in quella direzione. Pazzini in panchina per l’ennesima partita, solito Verona sterile seppur dignitoso per 20 minuti, incapace di segnare anche con il Toro in 10.
Ma il calcio è imprevedibile e quando meno te lo aspetti ecco il Var che resuscita il Verona, prima assegnando un gol a Kean (che sarebbe stato altrimenti annullato) quindi confermando il rigore realizzato impeccabilmente dal Pazzo.
Gioite Gente. Gioite. Il Verona è tornato. Ma ne siamo così sicuri? Intanto ringraziamo la moviola in campo, ma piano a osannarla. Troverà presto modo per sentenziarci contro e allora la ameremo meno ve lo assicuro.
E adesso?
15 giorni per preparare la partita in casa col Benevento che tutti auspicano essere la definitiva rinascita dell’Hellas Verona
Ripartendo da Pecchia quindi, ma anche da quello che questa ennesima partita ci ha detto.
Che Ferrari a destra nella linea di difesa è molto piu affidabile di Rómulo e spinge comunque con efficacia sulla fascia, che Cerci sta tornando, ma soprattutto che l’Hellas segna quando là davanti ad attaccare sono almeno in due.
Considerando l’integralismo tattico di Pecchia, ritengo tuttavia difficile egli rinunci ai rientri in copertura degli esterni di attacco.
È soprattutto su questo che dovrà lavorare il mister. Con Cerci e Kean a supporto del Pazzo il Verona può dire la sua in zona gol, ma l’esigenza di una maggior copertura in fase di non possesso è un problema serio e tutt’altro che di facile soluzione.
Non risolverlo significherebbe non aver fatto tesoro di quanto il campo ha sinora sentenziato.
Al netto del finale in crescendo di oggi non dimentichiamo infatti i soli 3 gol all’attivo (di cui due su rigore) in 7 partite. Il problema è quindi tutt’altro che risolto.
COMPITO PER CASA:
“Il 4-3-3 di Pecchia non prevede esterni che non rientrano” – “Cerci e Kean al fianco di Pazzini garantiscono forza offensiva ma non rientrano”.
Come risolvere il problema del gol considerando che Pecchia non cambierà certo oggi il suo credo calcistico?
A VOI LA SOLUZIONE (io non ce l’ho).

E adesso?
Beh, adesso godiamoci qualche giorno con il cuore più leggero. Dopo tante delusioni ce lo meritiamo.

968 VISUALIZZAZIONI

8 risposte a “TORINO-HELLAS “VAR”ONA (e il compito a casa)”

Invia commento
  1. Francesco scrive:

    3 5 2
    risolveresti anche il problema fares.
    un allenatore professionista dovrebbe saper far adottare tutti i moduli e non votarsi a un credo… il calcio è duttile, l'adattamento è un processo naturale dell'evoluzione!

    1. Oste scrive:

      Quoto simone…352 piu adatto alle caratteristiche…io nn vedrei male neanche un bessa dietro pazzo-cerci
      Comunque se cambia il manico, ci salviamo…

      • MAURO MICHELONI scrive:

        QUESTA ROSA SEMBRA ASSURDO MA SEMBRA NATA PER IL 3-5-2. ABBIAMO, CON IL PROSSIMO RECUPERO DI BIANCHETTI, 5 DIFENSORI PER TRE POSTI. DETTO DEI CENTROCAMPISTI (ZUCULINI, FOSSATI, BUCHEL, ZACCAGNI) ABBIAMO I ROMULO, SOUPRAYEN, FARES, BEARZOTTI, PERFETTI PER FARE GLI ESTERNI DI CENTROCAMPO, CON VERDE E LEE PRONTI A FARE LO STESSO RUOLO MA CON MAGGIORE PROPENSIONE OFFENSIVA. BESSA (O IN ALTERNATIVA LEE) DIETRO LE PUNTE PAZZINI E KEAN.
        PECCATO SOLO CHE MISTER PECCHIA SIA FANATICO DEL 4-3-3 E IL 3-5-2 NON È MODULO CHE SI POSSA INPROVVISARE TANTOMENO “ALLENARE” DI TANTO IN TANTO. QUINDI SINO A CHE C’È PECCHIA METTIAMOCELA VIA.

      1. Ziga scrive:

        Mi go za paura de Buchel titolare col Benevento…

        • 7748 scrive:

          Dopo l’ennesima riprova di ieri io spererei che Pecchia abbia capito che Bessa rende di più con Fossati vicino. Con loro che duettano riusciamo a far partire l’azione con la palla a terra, altrimenti facciamo una gran fatica.

        1. Simone scrive:

          Io penso che l’unico modulo x giocarsela e il 3-5-2 che in fase difensiva diventa un 5-3-1-1 che uno tra il pazzo e kean aiuta il centrocampo…Ma quando attacchi hai 2 punte più bessa e 1/2 esterni che spingono..Certo che devono correre ma è l’unico modo per non essere sempre nei nostri 30 metri e quando attacchi fai un po’ più di paura…Pecchia lavora su questo e ci salviamo..Non dimentichiamo “possibilmente” il mercato di gennaio…Altrimenti SETTI SPARISCI DA VERONA.

          1. die980 scrive:

            Lungi dall’avere soluzioni seriamanete attendibili…tuttavia una bella difesa a 3, due ali (che potrebbero essere Romulo, Fares, Caceres,Felicioli quando ci sarà, Ferrari etc..) Zuculini e Fossati in mezzo, Bessa (Lee, Valoti etc.) sulla trequarti e due punte davanti (Pazzini, Cerci…Kean etc..). Curiosità da Football Manager… :)

            Diego

            1. Mariino scrive:

              2 vere punte che si compensino e il portiere,poi metti il resto questo deve fare un buon allenatore

            Lascia un Commento

            *