06
dic 2017
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 31 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.311

COLPA DI CHI???

Si è a lungo parlato di “campionato alla nostra portata” indicando nella trasferta di Cagliari lo spartiacque tra una serie di partite considerate proibitive e altre appunto abbordabili.
Cagliari, Bologna, Sassuolo, Genoa, Spal e Udinese erano i match da capitalizzare in termini di punti.
Ne abbiamo disputati 4 su 6. Due in casa e due fuori. Bottino. 3 punti col Sassuolo a fronte del minimo di 5 (a voler essere pessimisti) che ci si sarebbe potuti attendere.
Da sempre al centro della contestazione c’è stato lui, il mister Fabio Pecchia, seguito dalla coppia Setti-Fusco.
Paradossalmente però, mano a mano che queste “partite alla nostra portata” fallivano nel risultato, ne è uscito un Verona diverso per volontà, voglia di lottare, determinazione e, anche se non eccelsa, capacità di far gioco.
Pur raccogliendo nulla, la squadra ha giocato all’altezza delle avversarie e talvolta direi anche meglio.
Ma il calcio non è sport che si vince ai punti e quindi se non segni, come recita il post di Gianluca Vighini, non vai da nessuna parte.
I tifosi del Verona non sono stupidi e di calcio ne capiscono eccome.
Hanno chiesto carattere, lo hanno avuto.
Hanno chiesto di non mollare mai e la squadra ha lottato sino all’ultimo secondo di ogni partita.
Hanno chiesto di giocarsela con tutti e a consuntivo, tolto Cagliari, abbiamo giocato meglio noi di Bologna, Sassuolo e Genoa.
Quindi?
Quindi hanno capito che i grandi limiti di questo Verona prim’ancora che l’allenatore sono la mancanza di uomini chiave, quali un attaccante da doppia cifra e una sua valida riserva.
Potremmo disquisire anche sul reparto difensivo ma visto il Ferrari, ottimo contro il Genoa, si può capire cosa abbia significato per Pecchia farne senza per due mesi.
Su queste pagine ho spesso e volentieri criticato l’allenatore, e sono pronto a rifarlo qualora ne avverta l’opportunità.
A fronte delle ultime prestazioni però, mi sento di dire che forse senza ”questo” Pazzini (più un problema che una risorsa) e Kean (troppo ragazzino per incidere) e con due attaccanti veri noi non saremmo dove invece purtroppo stiamo.
Joao Pedro, Pavoletti, Sau, Farias… Destro, Palacio e Verdi… Berardi, Matri, Falcinelli…, Pandev, Lapadula, Taarabt.
Noi? Fares, Valoti, Bessa… Colpa di Pecchia?

Ma dai… non prendiamoci in giro.

1.311 VISUALIZZAZIONI

31 risposte a “COLPA DI CHI???”

Invia commento
  1. Daniele scrive:

    Sono d’accordo Maxhellas,
    Pazzini quando gioca dà sempre il massimo, ma se la squadra non fà gioco e non arrivano palloni decenti è difficile anche per Icardi o Dzeko.
    La colpa di questo allenatore è di aver messo in disparte Pazzini, di essersi ostinato a mettere in porta Nicolas invece di Silvestri, e di essersi ostinato a mettere Souprayen invece di ….qualsiasi altro avrebbe fatto meglio (Bearzotti, Felicioli, Kumbulla…).
    La squadra è quella che è, ma queste scelte le ha fatte Pecchia!….
    se andiamo a vedere quanti gol si è preso Nicolas da “non competente di serie A” avremmo più punti, riguardiamoli quelli con la Fiorentina ecc…
    Silvestri andava provato, invece no. Colpa di Setti o Fusco? (almeno per questo non credo)

    • Daniele scrive:

      ah…..Io penso che se Silvestri avesse fatto le ca..te di Nicolas sarebbe stato mandato in tribuna per il resto dei suoi giorni (in una squadra normale).

      • Daniele scrive:

        invece chissà perchè Nicolas, qui con Pecchia può fare quello che vuole, anche le ca..te, che tanto giocherà sempre titolare….mahhh

    1. mir/=\ko scrive:

      Il passaggio del turno in coppa Italia ha portato 300 mila € nella casse del verona!!! nessuno lo sottolinea!!! come li investirà il consolidatore???

      1. NIKE scrive:

        Ciao Marco perchè non pubblichi un post sulla nostra squadra Primavera che il raccomandato pseudoallenatore sta portando alla deriva dopo il felice ciclo di Pavanel

        1. Simone scrive:

          “Pecchia, con lo stipendio low cost della A, più che in linea con la politica di spesa del Verona. Inoltre il contratto di Pecchia non è a lunga scadenza: il termine è annuale. ” dal corriere di Verona, Franco.

          • Franco scrive:

            Rileggiti le parole di Fusco, diceva due anni

          • RH scrive:

            “Il presidente Setti ha deciso di fare con Pecchia un percorso lungo ed infatti il mister ha un contratto biennale con il nostro club” cit. F.Fusco, che ne sa certamente meno del corriere di Verona

            • Franco scrive:

              ecco, hai pure la citazione

              • Simone scrive:

                Direi che è molto semplice da chiarire il tutto. Basta chiedere ai giornalisti qui. Lo scorso anno aveva un annuale con opzione per il secondo in caso di promozione. A naso mi viene da pensare ad una cosa del genere in caso di salvezza quest’anno. Che potere possa avere in sede di mercato in una società che non può sganciare soldi in sede di mercato non saprei..

                • Simone scrive:

                  No. Allora. Su Pazzini ho detto che trovavo sensato metterlo dentro nel secondo tempo col Napoli perché non poteva fare il lavoro di Bessa nella prima parte di gara in quella partita. Non mi convinse la sua assenza invece nella partita di Crotone, ma va detto che nel complesso la sua presenza in campo si è sempre sentita poco nulla mi pare. Evidente che il mercato si fa in sinergia tra tutti, e si sa che pecchia avrebbe voluto un’altra punta con determinate caratteristiche. A ragione mi pare. I g’ha tolto Kean.. avrebbe dovuto dimettersi? Di eroi nel calcio ce ne sono pochi. Caceres: è risaputo che ha sempre avuto infortuni negli ultimi anni, quindi le sue assenze per acciacchi di sicuro non possono stupire. Come quelle di Pazzini. C’è un accordo con la Lazio per non farlo giocare? Allora non giocherà più da qui a gennaio. Ne dubito però. Souprayen non è più titolare, è semplicemente una riserva che gioca in assenza di altri. Nicolas l’è strasso ma Firenze a parte non gli metto la croce addosso, lo vedo migliorato dalla scorsa stagione. Silvestri che contratto ha? È più forte di Nicolas? O ci si fida dello staff tecnico o non ci si fida. Evidentemente tu non ti fidi. Io mi chiedo per esempio che posto avrà Bessa se si continuerà con 442. L’unico che gli vedo è dietro la punta. Ma se cerci non è una punta vera… ho sempre detto che per questa rosa vedo come modulo base il 352. Ma se Bessa non riesce ad incidere continuerei col 442 (o 4411 di prandelliana memoria), lasciando fuori il brasiliano dall’11 base (salvo che non ci smentisca con prestazioni) e prendendo una punta vera e funzionale a gennaio. Permettimi un certo pessimismo in tal senso. E di sicuro non per volontà mancante di pecchia..

                • Franco scrive:

                  Caceres proprio tu dici che lo stiamo preservando per la Lazio. Pazzini le prime partite proprio tu ne giustificavi la panchina per scelte societarie. Supra-Nicolas-Fares sempre in campo dopo i rinnovi nonostante chiunque ne veda l’inadeguatezza (solo fares si è parzialmente riscattato, ma ad oggi partite sufficienti ne ha fatte forse due).
                  Dacché Mondo è Mondo, il mercato è sinergico col mister visto che lui sceglie chi gioca. Non dico accontentare il nome, specie se non hai i soldi, ma perlomeno nell’identikit. Se in rosa c’è una sola punta (e lui la lascia in panca anche quando sta bene, a conto!) la colpa è anche sua.

                • Simone scrive:

                  Franco, ma cosa stai dicendo? Quali giocatori forti sta lasciando fuori? Pazzini? Dai, ancora.. (a proposito di rumore di unghie..)? Qui si stava parlando inoltre di potere a livello di mercato. Che è notoriamente a costo zero, fatto quindi di giocatori da recuperare o scommesse/giovani che hanno tutto da dimostrare. Ne è consapevole Fusco, ne è consapevole Setti. Io pure. Magari un giorno anche tu..

                • Franco scrive:

                  Rumori di unghie! A maggior ragione, se il mio annuale è legato alla salvezza, col piffero che subisco così a testa bassa di tenere anche fuori i giocatori forti!! A naso penso più a “la squadra sarà a costo zero, tu sarai il parafulmine finché tieni, in cambio di due anni di contratto”; e con buona pace dei tifosi da pigliare per scemi e della Dignità, meglio pochi maledetti ma per due anni

          1. Andrea scrive:

            Concordo totalmente col tuo post, Mauro.

            Qui si prende sempre in mezzo Pecchia, quando invece fa il brodo con quello che ha.

            Cioè con poco.

            Setti, se davvero vuole restare Presidente dell’Hellas, ha una sola possibilità di riscatto: fare a gennaio una campagna acquisti che ci permetta di lottare realmente per la salvezza.

            Alla fine ce la giocheremo con Spal e Sassuolo, perché il Benevento è già andato, e il Crotone perdendo NIcola perderà (secondo me) tantissimo.

            Siamo ancora lì, lottiamo.

            • Stefano scrive:

              Le squadre con cui te la giocherai sono quelle. Ma la spal ha fatto un mercato di altro tipo e il Sassuolo di per sè è più forte e interverrà per bene come fece qualche anno fa nel mercato di gennaio.

            1. london scrive:

              "questo" Pazzini per me è frutto proprio del fatto che sia stato poco utilizzato, quindi con pochi minuti nelle gambe fai fatica ad andare in forma, e dal fatto che sia demoralizzato dalla scarsa considerazione.
              ricordo che é stato messo in disparte già alla prima giornata, quando quindi era impossibile ancora valutarlo come "bollito".
              Sono convinto che con un nuovo allenatore avremmo anche un nuovo Pazzini.
              Come fece l'unico vero Mister degli ultimi anni con Luca Toni, che lo responsabilizzò e diede minutaggio continuo per fargli avere ritmo partita.

              • Simone scrive:

                In A Pazzini ha fatto male con qualsiasi allenatore negli ultimi 5 anni. Non è un giocatore che può giocare da fermo, non sa far salire la squadra, non è un leader, e di sicuro non è toni, che tra l’altro già a Firenze aveva fatto molto bene l’anno precedente. Fisicamente ne ha sempre una, come è stato negli ultimi anni prima dello scorso, dove in b è stato valorizzato dall’attuale allenatore, ed era in b, e fisicamente stava a posto. Doveva essere rimpiazzato a dovere, non certo da Kean. In A devi correre per aiutare la squadra è per farti trovare in area in modo fruttuoso. Inutile girarci intorno.

                • Maxhellas scrive:

                  Francamente mi auguro per lui che a gennaio trovi un posto migliore di questo dove andare, anche per provare a smentire tutti quelli che già celebrano il suo funerale. Gli auguro di farcela, se non altro per l’impegno che ci mette ogni volta che va in campo, onorando sempre la maglia che indossa.

                  Noi potremo sempre rifarci con Capelluzzo. O Pinamonti. O……………………………………………..

              1. Andrea scrive:

                Oggi Bagnoli, sulla Gazzetta, dice le stesse cose: che mancano una o due punte, perché il resto è sufficiente.

                E dice anche che Pecchia ha la fiducia dei giocatori e se la merita.

                1. mir/=\ko scrive:

                  UNICO COLPEVOLE: "L'EX CONSOLIDATORE E GRANDE CONOSCITORE DELLA STORIA DELL'HELLAS… (quando parlava!!! ora sembra scomparso. dove???)

                  1. Mariino scrive:

                    Mauro ,pecchia ha le sue responsabilita’ e sono molte.Primo ha avvallato questo mercato delle pulci.Poi a inizio campionato vuoi per decisioni dall’alto ha creato il falso nove e non ha dato a Pazzini la possibilita’di rimettersi in forma come invece ha fatto con Bukel e altri.La sua insistenza sul 4 3 3 e solo dopo una decina di partite disastrose ha cominciato a ravvedersi con altre impostazioni di gioco.Poi visto che la squadra a detta di tutti e’ inadeguata avrebbe dovuto essere piu’ coraggioso e provare qualche innesto per sostituire elementi come il “brocco” supraien.avrei altre cose da dire su questo mister arrampicatore di specchi unti di grasso ma sono stanco di ripetermi .

                    • Simone scrive:

                      Innanzitutto pecchia non è un allenatore manager e ha un contratto annuale. Quindi decisioni sul mercato più di tanto non ne può prendere. Può al limite accettare o meno la situazione. Se non l’avesse accettata lui lo avrebbe fatto qualcun altro. Con possibilità di mercato uguali. Modulo: il modulo di partenza non piaceva nemmeno a me ma era abbastanza normale che partisse con quello dato che con quello aveva giocato la scorsa stagione e quindi era quello che dava per l’inizio le maggiori garanzie. Modulo che col tempo ha logicamente cambiato, come pronosticabile, perché lo ha fatto in determinati periodi anche lo scorso anno. Pazzini è un giocatore che ha avuto un solo anno positivo negli ultimi 5, lo scorso in B. Che è indicativo zero. Quest’anno fisicamente non c’è, come fino all’anno precedente, e non è nemmeno funzionale alla squadra, la colpa qui è evidentemente della società, che ha la responsabilità grave di averlo pure capito per tempo ma di non essersi mossa per tempo per sostituirlo a dovere. Basti pensare che avere solo un galabinov (che fa panca a Genova) sarebbe stata un’idea. Souprayen infine lo ha sostituito, mettendo Fares che ha fatto pur con tutti i suoi limiti passi da gigante. Se poi a fares non hai alternative se non lui (felicioli al momento non lo può essere, forse è mi auguro più avanti magari si), non ci puoi fare nulla.

                      • Franco scrive:

                        Pecchia ha un biennale.

                      • Mariino scrive:

                        Simone il tuo Pecchia andava esonerato.Punto e basta.

                        • Simone scrive:

                          Io ho detto che dopo Cagliari la possibilità di esonero sarebbe stata sacrosanta (questo per dire quanto me ne frega Di chi siede in panchina). Poi la società ha fatto altre scelte e la squadra ha dimostrato di essere con lui. Il problema evidente che vedo solo a nei limiti della rosa onestamente ora. Le argomentazioni sopra le ho spiegate bene. Inoltre fare di lui il parafulmine perenne rinvia e sposta continuamente l’attenzione su “altro”, facendo paradossalmente il gioco della società stessa.

                    1. Tomhv scrive:

                      Qua un giorno le colpa de pecchia uno de Fusco uno de setti e uno dei tifosi che no contesta e aspetta anca uno dei giornalisti che destabilizza l’ambiente.. a dimenticavo le colpa anca della var e arbitri.. quindi quando cate ‘ un’altra scusa scrivetela pure ..qua in tanto se va in b e non abbiamo ancora trovato il perché!!!! Speremo che alla fine qualcuno faga un bel grafico con le percentuali de colpa così son contento de andar in b e so in percentuale con chi tormela

                      • Mariino scrive:

                        Anch’io ho le mie colpe.Diciamo uno 0,00065 %.Sapete perche’?Avrei dovuto munirmi di una decina di uova marce e un kilo di pomodori maturi.Aspettare capitan settino e spegnergli il toscano in faccia con il lancio di tali alimenti.Ma ho dato fiducia a volantini che enfatizzavano vigilanze a 360 gradi e me ne sono stato comodo sul divano

                      1. Stefano scrive:

                        SARÀ COLPA DEI TIFOSI O ADDIRITTURA DEI GIORNALISTI O DELLA VAR……BOH. DI SICURO È COLPA DI SETTI,FUSCO E PECCHIA.

                      Lascia un Commento

                      *