06
gen 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 51 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.175

SILENZIO ASSENSO… ANCHE NO GRAZIE.

Girone di andata in archivio e prima di ritorno come da copione (Napoli di un altro pianeta ma nell’area piccola il pallone è del portiere… o no Nicolas?)

Sosta/vacanza e si riparte, con di mezzo sino a fine gennaio il mercato invernale.
Non amo i processi alle intenzioni, tantomeno dare giudizi premeditati e per quanto non sia fiducioso sulla reale possibilità di Setti di potenziare la squadra, attendo quindi la fine della fiera per dire la mia sugli eventuali acquisti/cessioni in casa Gialloblù.

Senza togliere errori e responsabilità a tecnico e DS, credo sia ormai palese la totale colpa della società, assente sia in termini economici (Setti ha già “fatto dire” a Fusco che non investirà più un euro sul Verona) che di sostanza (non parla, non c’è, non esiste).

Una cosa mi sono chiesto spesso.
Sono stati organizzati in passato cortei/manifestazione di protesta per motivi diversi (l’ultimo se non erro in occasione della squalifica del settore Curva Sud poi rientrato con la condizionale).

Ma un bel ritrovo in Via Belgio per far sentire la propria voce è per caso vissuto dai capi ultrà come espressione di lesa maestà nei confronti di sua Eminenza Esimio Illustrissimo Megagalattico Sua Magnificienza Presidentissimo Non Parlante?

“No parché – ripeteva sempre mio nonno – ciaparselo nel de drìo pol capitar, ma se te tasi sempre ghe sta che quel che te inchiapeta el pensa magari anca che te piase”.

3.175 VISUALIZZAZIONI

51 risposte a “SILENZIO ASSENSO… ANCHE NO GRAZIE.”

Invia commento
  1. Cesare Settore Superiore scrive:

    Il titolo di questo topic è SILENZIO ASSENSO, ANCHE NO GRAZIE.
    Credo – magari mi sbaglio – che l’intento di Mauro Micheloni fosse quello di attirare l’attenzione dei lettori su un fatto, principalmente. La totale mancanza di forme di contestazione o di proposte volte a tale risultato nei confronti di una dirigenza al limite del banditesco. Se ben interpreto il titolo (Mauro ti prego confermalo o smentiscimi) vuole spingerci fuori dall’attuale immobilismo. Vuole essere uno sprono per cercare di far cambiare il vento sfavorevole.
    Forse sbaglio. Lo ripeto, ma io nel mio piccolo ho proposto un sistema di protesta che potrebbe essere attuato, seppur a discapito di taluni tifosi, talmente innamorati da sopportare qualsiasi genuflessione e svilimento pur di essere comunque presenti a tutte le partite in casa, in quanto abbonati.
    Rispetto le opinioni altrui. Trovo però molto facile (comodo?) l’atteggiamento di certi criticoni, pronti a denigrare proposte o iniziative senza tuttavia dare mai una valida alternativa.
    Di criticare l’operato altrui siamo capaci tutti, in Italia siamo i campioni mondiali della critica sistematica.
    Ma di proporre qualche cosa di nuovo o perlomeno di alternativo a quanto esistente, beh di quelli se ne vedono pochi…
    E se poi le critiche – giuste o sbagliate che siano – partono da un anonimo che si trincera dietro ad un nick assai aleatorio, le considero ancor meno costruttive.
    Chissà se ci sarà mai qualche utente che decide una volta di metterci la faccia. Di scrivere con il suo nome e il suo settore di appartenenza. Oltre a me, intendo.
    Patetici poi quelli che criticano l’aggettivo “sionista” da me utilizzato in una lettera spedita oltre 2 anni fà alla Società e rivolta all’illustrissimo presidente dei tristi rubasimboli e rubacolori. Soffrite forse di solitudine, di la da Betteghella?
    O è invece la vostra cronica mania di persecuzione frammista al perpetuo complesso di inferiorità che vi spinge qui?

    • micheloni scrive:

      Confermo. L’intento è risvegliare l’Orgoglio Gialloblù.

    • IL SAGGIO DICE scrive:

      Cesare , se te la prendi per delle piccole osservazioni fatte da altri alla tua missiva , figurati l’ effetto che puó avere fatto la tua email in via Belgio . Indegni , andatevene e tutti gli altri termini forti che hai usato avranno probabilmente urtato la sensibilità di qualcuno che ha il potere di reprimere la tua voglia di contestazione. E in tutta sincerità, per come eravamo messi allora , la tua email era veramente dura. Ci starebbe meglio adesso , ma probabilmente avevi già fiutato come sarebbe finita e allora tanto di cappello perché in pochi ci erano riusciti. Micheloni secondo me non si capacità del perché non sia iniziata una contestazione a Setti in stile Pastorello , ma siano solo stati presi di mira ds e Pecchia. Credo che a febbraio comincerà anche quella , i Butei probabilmente sono in attesa di vedere cosa ci porta il calciomercato . Ma le contestazioni in vecchio stile sono finite un po’ dappertutto . Bene o male tutti i gruppi ultras hanno calato le braghe dopo il caso Raciti. Guardati online la contestazione a Zamparini : erano in 4 e sono anche stati presi a male parole dal ds e dal presidente. Io sono dell’idea che le contestazioni sono efficaci solo contro i giocatori svogliati. Contro le presidenze hanno poca efficacia. Comunque sempre Forza Hellas .

    • RH scrive:

      Indipendentemente dalla fede politica (per chiarirci, io voto a destra e mi da fastidio l’ipocrisia con cui viene gestita la faccenda in questione, strumentalizzando e citando chissà quali valori per perpetrare un fine puramente economico), dare del sionista in quel contesto ha solo un fine denigratorio (cosa c’entra il sionismo con pandori e società di calcio? e in base a cosa si da del sionista a campedelli? con tutte le malefatte che ha fatto al Verona, ci si poteva aggrappare a quelle piuttosto che affibbiare posizioni ad uno che, avrà anche tratti somatici e comportamentali vicino ad uno stereotipo ben preciso, avrà contatti con associazioni di un certo stampo, ma in tal ambito non si è mai espresso, almeno pubblicamente, sulla questione ebraica) e magari per portare avanti un messaggio che vuol essere “formale”, non è il massimo, permette a chi legge di giudicare la lettera non più una critica costruttiva ma una critica offensiva, la quale pertanto perde molto del suo valore. A livello teorico tanto di cappello per l’intento, ma la riuscita la vedo piuttosto lontana dalla realtà. Sono convinto che una soluzione possa essere l’avvicinamento tra la presidenza e la gente, ma che per portarla avanti debbano essere fatti passi da entrambe le parti. Per chiedere confronti dobbiamo mostrare di essere aperti ad un dialogo benevolo, perché un battibecco per criticare di sicuro non verrà mai accettato. Personalmente non chiedo investimenti ma chiarezza, e soprattutto rispetto della storia, degli eroi, dei colori e delle rivalità di una curva, una città, un popolo che per queste cose ci soffre e ci sacrifica. Nel mio piccolo non mi sento di insultare setti tout court come fanno fin troppo facilmente in tanti, e sono disposto a perdonarlo (più perché so che alternative gran poche che per la persona), se lui è disposto a fare scelte diverse, a partire da scegliere bene a chi affidare la squadra e l’interfaccia coi tifosi, per passare ad una maglia più fedele ai nostri colori, fino ad un’esposizione più il più possibile costante e sincera con noi. Ricordo bene cosa vuol dire giocare a stabia o crema, e perciò non chiederei mai giocatori, investimenti sul mercato o sforzi di quel genere, anzi penso che un’altalena tra A e B sia una (migliorabile) discreta dimensione per i nostri colori, quello che non accetto è che si baratti la serie A con i valori che contraddistinguono Verona, il Verona e i Veronesi, che nel bene o nel male definiscono chi siamo.

    1. PAOLONE scrive:

      CIAO MAURO PROVA A VERIFICARE SE E’ VERO CHE CALZEDONIA TEZENIS PER IL PROGETTO POLISPORTIVA HANNO OFFERTO 25 MILIONI PER RILEVARE L’HELLAS E SETTORELLO NE VUOLE 35 E HA RIFIUTATO L’OFFERTA

      • micheloni scrive:

        Purtroppo caro Paolo non essendo un giornalista non ho i mezzi per indagare sulla veridicità della voce da te riportata. Il fatto di vivere da tre anni lontano da Verona mi penalizza ulteriormente in tal senso. Ti dico solo che fosse vero l’interesse di Calzedonia a queste cifre scatterebbe una pericolosa caccia all’uomo da parte dei tifosi che spingerebbe il Presidentissimo Non Parlante ad abbassare le pretese economiche per cedere il Verona. In una parola: magari fosse vero.

      1. Dandy scrive:

        Scusa Cesare, mi permetto una domanda perché la questione è davvero interessante. Ma se l'episodio del dispone avvenuto ad ottobre 2015 e tu era due anni che mandavi lettere alla società presumo le mandassi nel 2013/14 e 2014/15…posso sapere per cosa protestavi in quegli anni? Per i colori delle maglie (battaglia più che rispettabile) o per altro? Grazie

      2. k scrive:

        perchè sionista?vive a gerusalemme lato sud,indossa la kippah coi elastici aderenti alle poderose recie de goma,spara ai palestinesi,elo in sintonia con javeh?meio darghe del basabanchi,l’è più rispondente a verità-almanco se sa che al sabato el va a confesarse e…passa tuto!!!!

      3. giaccomo scrive:

        bella lettera, peccato per quel “sionista” che serve a squalificare non il pandoraio ma chi certe cose si permette di scriverle.

        1. Cesare Settore Superiore scrive:

          Ciao altolago.
          Ti te disi che per cambiar le robe serve una serie de cose, dai giornalisti che fa inchieste serie e domande imbarazzanti alla proprietà. E dopo bisognaria che tutti i tifosi dello stadio i rimanesse fora, alora forse i cominciaria a pensar che la gente l’è stufa. Oppure, come scrive AK47, basterebbe piazzarsi davanti all’ingresso della tribuna poltronissime a fine partita indipendentemente dal risultato, e tener el bandito lì bloccato col suo tirapiedi un quarto d’ora niente più.
          I giornalisti iè persone che molto raramente se espone in prima persona. Mai essere totalmente pro oppure totalmente contro, perchè se per caso cambia el vento i resta taiadi fora inesorabilmente. Solo qualche raro indipendente se permette el lusso de schierarse, e puntualmente el le paga cara, prima o dopo. Per cui ben vengano le inchieste ma dubito che le domande imbarazzanti le sarà mai poste. Vighini sospeso per oltre un mese è la prova di quanto sia difficile andar contro a questo sistema. Parlo de sistema, non de la persona ignobile che se fa ciamar presidente.
          Cosa serve se tutto lo stadio dal 21 gennaio decide de star fora? I abbonamenti i l’ha fatti a luglio e agosto, i schei i l’ha sza bei fatti sparir. I diritti TV che valgono 10 volte il valore di tutti gli abbonamenti li incassano con o senza la tifoseria sugli spalti. Rimanere fuori tutti l’è farghe un piacere. La curva nord a Roma l’è sta fora per ben 3 anni e sicuramente te ricordi le centinaia de striscioni e de bandiere “Libera la Lazio”. Eppure Lotito l’è ancora li, al so posto. E anca grazie a lu el so delfinetto de carpi impera e divide la tifoseria qua a Verona. A proposito, per chi non lo sapesse, sul libro paga dei dipendenti Hellas Verona ghe anche el nipote de Lotito. Strano vero? Che sia riconoscenza paracadutistica?
          Fino a 10 anni fà era semplice bloccare uno in tribuna d’onore, bloccare l’accesso agli spogliatoi, bloccare el traffico con un corteo. Oggi per evitare tutto ciò non servono centinaia de sbirri. Bastano pochi steward (e a VR ghe nè tanti) e una serie de telecamere (e de quelle ghe n’è una infinità). Forse te pol bloccar uno per 20 minuti, ma dopo 2 mesi tutti i presenti al corteo i resta a casa per almeno 12 mesi, che diventano 3 anni se per caso hai precedenti di qualsiasi tipo. Noi tifosi siamo tutti schedati o ve lo siete dimenticati?
          Mi ripeto che se te vol ottener qualcosa da una persona te devi toccarlo sempre e solo sulla chiappa destra, dove el tien el portafoglio. A forza de ululati e cori de scherno, comincia a fioccare le multe de fila da minimo 20.000 € l’una, la curva sud resta continuamente chiusa, ma anche a livello nazionale comincia a muoverse le acque. Arriva le inchieste dei giornalisti delle testate che conta (non quei de L’Arena), i comincia a chiederse cosa succede a Verona e perchè. E allora – forse – se alimenta la speranza che el vento el cambia sul serio

          • IL SAGGIO DICE scrive:

            Ho letto con vivo interesse le tue argomentazioni. Il mondo delle curve è cambiato dopo l’ omicidio Raciti . Oggi esistono due tipi di società calcistiche : quelle che inciuciano coi tifosi e quelle che inciuciano con le forze dell’ ordine. La scelta spesso deriva dalle infiltrazioni di delinquenti pericolosi all’ interno delle curve , ma al contrario di quello che logica imporrebbe. Piú i tifosi sono pericolosi , piú i presidenti se li coccolano. Piú sono tranquilli e pacifici e piú i presidenti fanno combutta con le forze dell’ordine per segnalare quelli che ritengono scomodi. Tu con la tua lettera sei diventato scomodo ed ecco che ti sei ritrovato trattato come un talebano in terra USA. Non sono d’accordo col fatto di attirare l’attenzione facendo cori o versi razzisti : è solo un modo infantile per punire la società con delle multe , impedisce ad altri che magari si sono fatti un culo cosí per comprarsi l’ abbonamento di vedersi tutte le partite in seguito alla chiusura della curva e soprattutto non pensare che qualcuno sia cosí benevolo a venire da te a chiederti come mai fai il verso della scimmia per poi starti ad ascoltare mentre spieghi che lo stavi facendo solo per attirare l’attenzione sulla nostra situazione societaria. Utopia allo stato puro . Per carità, sono bravissimi nel riuscire a contare 3800 persone circa in pochi secondi in un gruppo di 6400 circa , questo gli va riconosciuto e diciamo pure che era dai tempi di Rain Man che contava gli stuzzicadenti a terra che non vedevo una simile capacità di calcolo , quindi diciamo che l’ utopia a volte diventa realtà è ti auguro di trovare un giornalista della stampa cittadina o extra cittadina che venga da te a chiederti del perché ululi. Che poi in realtà i lupi ululano , mentre le scimmie gridano o urlano .Ma siamo in Italia e perfino i giornalisti sportivi con tanto di laurea parlano di ululati razzisti nei loro articoli , quando non sono impegnati a coniare nuovi plurali tipo paracaduti. Io avrei paura a parlare con gente cosí , perché ci vuole pochissimo per essere fraintesi per incapacità dell’ interlocutore.

          • altolago scrive:

            Salve, ti cesare te ghe la to opinion, mi la penso en maniera diversa.
            Intanto torsela con i neri el me da fastidio par principio. Dopodichè chiusa la curva secondo ti i abbonati i resta a casa? Ma va la i se tol el biglieto in un altro settore e la multa le bela e che pagà.”
            E ti te pense che i giornali nazionali o le televisioni le appoggia la gente che la fa i ululati contro i neri par torsela con setti?
            No ghe pararia gnanca vera torsela ancora de più con Verona tifosi e città par sputanarne ancora de più.
            Soli contro tutti? Avemo sa perso en partensa.
            Par quanto riguarda i giornalisti mi son sempre più convinto che lori i ga en man la possibilità de sputanar el delinquente. L’informasion, specie se la rompi, la val mile volte de più de qualsiasi altra asion (a meno che no te lo tiri soto con la machina e dopo te ghe daghe).
            Laseli par en bel pò a farse le conferense fra de lorii o con quel dela gaseta che a Verona no lesi quasi nesuno. Rompeghe le bale svelando i so afari e te vedarè come se movi le acque.
            Ps. par no esar frainteso, no son miga innamorà dei neri. Son stà iscritto a FN fin a pochi anni fa e resto a destra dela destra fin che vivarò. Ma el color dela pelle no el rientra miga nelme modo de contestar.
            Comunque ciao e speren che el mora (su questo son sicuro che sen d’acordo).

        2. altolago scrive:

          Chiedo venia. Avea capido mal. Alora son assolutamente d’accordo e me accodo alla contestasion più dura sperando de no esar miga lassè soli soprattutto dalla stampa e dalle televisioni locali parchè anca lori i ga da sveiarse na bona volta.
          Ricordo, e me fa ancora ribrezzo, la conferenza del luamar dal sigaro intonso che ancora prima dele domande l’avea comincià un pistolotto dando ala stampa en particoare la colpa dela retrocesion (più o meno l’era quel el senso dele so parole) de due anni fa.
          Un giornalista con i maroni el se saria alsà, el l’avaria mandà in cul e el se ne saria andà via. Invese ala fine dela storia i sa mesi a farghe domande sul mercato, sui ruoli ecc.
          Ecco, dai giornalisti mi me aspetto uno scatto de orgoglio e che finalmente i assuma un atteggiamento de contestasion come se deve.
          Ciao e ancora scusa per aver frainteso.

          1. Cesare Settore Superiore scrive:

            Sono cresciuto con gente (non posso farne i nomi, per non incorrere nella famigerata legge sulla privacy…) che sapeva insegnare ordine, disciplina, rispetto nelle gerarchie, valori. Ma sopratutto che tifava Verona prima di tutto, e che in caso di “inconvenienti” tecnici, davvero non lasciava indietro nessuno.
            Noi eravamo davvero l’anima del Verona, noi eravamo davvero le famigerate Brigate Gialloblu.
            Oggi ho 57 anni, e una carica come ai vecchi tempi me la sogno. Al massimo oggi posso caricare il fornellino della pipa con il tabacco. Ma anche se il tempo è passato, io in Superiore ci sono sempre e non lascio indietro nessuno dei miei. Mai!!!
            Le Brigate ormai non ci sono più e non ci sono più gran parte di quelli che ne facevano parte.
            Oggi la curva è ridotta ad un nucleo di ragazzotti palestrati e senza idee, senza stile, senza inquadramento, senza valori, senza rispetto di chi potrebbe ancora insegnare molto. Conta solo tifare per loro (per la curva, non il Verona), bere birra, ripetere 3 volte lo stesso coro, ogni tanto magari una righina di bamba e poi via a disfare un bar semideserto di Frosinone alle 10 del mattino…
            Valorosissima azione ultrà, l’incursione sferrata da 30 persone e costata 120 provvedimenti di daspo, inclusi gli autisti dei pullman che neanche erano scesi!
            La vera rovina del Verona è iniziata tanti anni fà, ma fino all’epoca Martinelli la situazione era ancora accettabile.
            Con l’avvento dello straccivendolo (e con i soldi avuti in prestito) siamo stati spinti sempre più vicini al baratro.
            Tuttavia (opinione personale) il primo vero colpevole di ciò che capita oggi è il maledetto cardinale che 2 anni fa è andato a far danni a Milano. Quello che voleva internazionalizzare il brand a tutti i costi, quello che simboli e colori non contano, quello che poi ho saputo da fonte certa essere la fonte delle dritte per i signori di lungadige Capuleti riguardo chi visionare attentamente sugli spalti e fuori.
            Ma riguardo al le modalità della contestazione da perpetrarsi, resto del mio avviso. Solo multe e niente altro.
            Il fallimento non si evita comprando un paio di giocatori a gennaio o cambiando un incompetente in panchina.
            Servirebbe davvero qualcuno in grado di comprare il Verona come fece Martinelli. Ma le speranze, anche se sono le ultime a morire, sono ormai ridotte al lumicino.
            Forza vecchio Hellas, ora sempre e comunque!

            • Targhebort scrive:

              Riguardo il capitolo Curva Sud non posso che essere assolutamente d’accordo con te. In Curva ci vado sicuramente da molto meno tempo di te, (da circa 12 anni), ma in questo “breve” lasso di tempo non ho potuto che constatare con amarezza che siamo in declino…non so se in modo inesorabile o solo temporaneamente, ma la qualità del tifo in Curva sta scemando in modo preoccupante.
              Mia opinione personale ovviamente.

              Sempre Forza Hellas e Forza Butei.

            1. altolago scrive:

              Che tristessa che sta diventando sta storia. Anca mi son nato e cresuo con le vecie brigate, o fato tante e tante trasferte sensa scorte e con la bandiera che par asta la gavea el manego de na spasaora. Ma quei tempi li iè finidi. La curva la sa passà altri momenti tristi (par tuti el peso quando ghera el gemelagio con l’inter), ma la sa sempre ripresa e el sucedarà ancora. Certo che averghe na società de m…erda come questa no l’aiuta miga de sicuro a averghe un ricambio de livel.
              Però no l’è che la sia colpa dela sud se le robe le va mal.
              Ma secondo ti Mauro conta de più na contestasion sui scalini o magari che i giornalisti dele televisioni veronesi (lasen star quei del giornal dei edili che iè inignificanti) no i se presentese miga ale conferense del trio bastardo?
              Opure elo più utile andar fora a ciapar randelè dale guardie par ritardar l’uscita del mesocalseto o sareselo miga più importante na bela inchiesta seria sule società en lusemburgo o da dove è arivà i soldi par comprar el Verona?
              Mi fin che ghe la farò andarò en curva al me posto e, come forma de protesta o scelto de no cantar più e gnanca de tifar.
              Me limito a rachetar dal primo minuto contro tuti e o imparà che anca se i perde no vegno più fora rabià come fasea prima. La me pasion la fenisi con la fine dela partia e adeso quando torno a casa no me porto più drio le scorie del stadio. Che i vaga en mona tuti; tanto mi i soldi par comprar el Verona no ghe i o miga e so che seti no gavarò mai l’ocasion de trovarmelo davanti da solo……….

              • Maxhellas scrive:

                Sono d’accordo e più che disponibile.
                Come me credo molti altri.
                Però, come sempre, certe manifestazioni vengono decise dai capi ultras, altrimenti non credo si facciano i “numeri” per una contestazione di impatto.
                La domanda che mi faccio è, perché tutta questa reticenza da parte della Curva Sud per contestare Setti duramente, come palesemente meriterebbe? Abbiamo visto e sentito striscioni e cori per Fusco e Pecchia, ma molto molto di rado per Setti, che è invece il primo, ed anzi unico, responsabile.

              1. Maxhellas scrive:

                Tranquillo Mauro!
                Niente striscioni contro il Presidentissimo!
                Solo contro Pecchia e Fusco.
                Setti santo subito!

                Ma perché?????????

                Paga le birre in curva????

                1. Lona scrive:

                  Ciao alto lago, parlavi di contestazione dei tifosi o dei giornalisti……aggiungo io dei vari nik name che contestano curva e società. Detto ciò, aiutatemi a ricordare e a far ricordare che sotto il fuoco dei cecchini della società setti, oltre a tanti onesti contestatori come per esempio cesare …….mi sembra che ci abbia rimesso le penne anche qualche giornalista, …se non erro il Vigo…sparito dai radar qualche mese….Per me, se penso a quel che può essere successo, anche se non son completamente sicuro ,quello sia stato il periodo più buio di questa pessima società. Tifosi da stadio e giornalisti possono essere zittiti da questo signore, mentre chi contesta dietro un nikname ha una forza d'urto pari ad uno sputo in un oceano. Quindi al momento l'unica cosa è quella suggerita da cesare. L'unica al momento percorribile e realmente efficace.

                  • altolago scrive:

                    Mi veramente volea solo dir che no l’è miga la curva dentro al stadio che la pol cambiar le robe.
                    Se la curva la resta fora la ghe fa solo en piaser a quei malandrini. Bisognaria che tuto el stadio el fese altretanto e alora forse i cominciaria a pensar che la gente l’è stufa. Ma no el sucedarà mai.
                    I giornalisti envese, tuti ensieme però, i ga n’arma più forte dele parolase: la famosa penna.
                    Se i cominciese a tirar fora i altarini tipo -dove ei fenii tuti i soldi incassè fin adeso?; – che società ghe en lussemburgo e quai soldi ghe finissi dentro del Verona? – che stipendio se dalo dal Verona el luamar e che stipendi galo dale so società? – quanti soldi galo da darghe a Volpi par fenir el so debito? e altre ancora…..
                    E infine se invese de andar ale conferense dela società no se presentese nesuno magari a noialtri i ne risparmiaria tante banalità e forse en società i cominciaria a preocuparse.
                    Tuto li.
                    El Verona no l’è miga en vendita parchè el bandito el guadagna più qua che dale so miserie de società. Ma no elo gnancora ciaro?

                  1. hearthellas scrive:

                    Per me ora più che mai, l'unico blog che vale davvero la pena di leggere su questa testata. Grazie a Micheloni che ha creato le condizioni per dare vita ad uno spazio finalmente dignitoso dove tornare a parlare di Hellas. Ed ovviamente mi associo in pieno ai suoi ringraziamenti rivolti a coloro che stanno animando con i loro contributi questo ultimo post in particolare. Mi ero domandato in altra sede di quale fosse l'attuale atteggiamento della Curva nei confronti della Società e qui sto trovando tanti spunti e tante risposte. Grazie ancora ai "veci" Butei e forza Hellas sempre e comunque.
                    P.S.
                    Mi mancano i vecchi nickname che animavano i tempi della Lega Pro, c'era una sana goliardia e veronesità, leggere i commenti era una goduria. Vivo da tanto tempo lontano da Verona e venire qui sui blog era un po' come sentirsi a casa per me. Tante cose quindi sono davvero cambiate e si sono rovinate in pochi anni. Questa purtroppo è un'amara constatazione, ma questo spazio di Mauro riaccende una speranza.

                    1. Lona scrive:

                      Carissimi mirchi ,caramelete,tex vari,avete letto i post di Peter e cesare? Avete capito come funziona? È inutile insultare la curva….. e dire che sono pagati ….la realtà è che non ci sono più capi,ma sono semplicemente….. come dire……finiti,nel denso che non ce ne sono più perché a casina con dei daspo e denunce varie. ….come mai non lo sapevate?Per questo continuo a dirvi fatevi avanti voi con uno scatto d'orgoglio …dal divano,…e iniziate a rimetterci del vostro, perché noi abbiamo già dato. Per di più con i vostri insulsi commenti e insulti ai tifosi della curva fate solo irritare chi tutti in curva odiano setti più di voi. Voi state facendo il gioco di setti …anzi sta dando il colpo di grazia ai tifosi…..cioè dividere i tifosi. Alzatevi dal divano , e tornate allo stadio a sentire come bolle veramente,perche dalla poltrone non sapete un caxxo di ciò che succede allo stadio. Ti ricordi carameleta, mirchio .ecc…quante volte vi ho detto di andare voi davanti alla curva a gestirla ,….scoprendo magari che molti di noi vi avrebbero seguito.!Non stavo prendendovi per il cu.l , era solo un invito reale …perché non sareste resistiti nemmeno un mese…. perche le partite le avreste guardate da casa con un bel daspo e una bella parcella da pagare. Avete capito ora come bolle o ve la dobbiamo tagliare a fette trasparenti? E adesso per favore basta insultare la curva….non serve a nulla. Smettetela di fare il gioco di setti. PS x cesare….perfette le due ultime frasi.

                      1. Lona scrive:

                        AK 47, io non la considero una resa, purtroppo è un momento particolare. Tutto cambia ,tutto passa, anche il magliaro. Per i soldi è arrivato, per i soldi se ne andrà. E soprattutto non dividersi. Sarebbe il gioco di setti. Alla prox

                        1. ak47 scrive:

                          Cari Cesare e Lona. grazie per la vostra replica. Che altro aggiungere. se questa è una resa però prendiamone atto sapendo che tutto ciò avvicinerà la realizzazione del progetto di nove anni fa una squadra una città ( la squadra non è la nostra) e a noi resteranno solo i ricordi perché quando il magliaio sparirà se non gli metteranno il sale sulla coda non saremmo mangiati in un boccone dagli inutili. opinione personale preferisco morire combattendo che con le mani dietro la schiena.
                          con rispetto ad maiora
                          ak47

                          1. Lona scrive:

                            Buon Mauro, e Ak47 purtroppo la vera curva non esiste più. Non si muove più come un tempo. Ora purtroppo se qualcuno si muove in solitario viene subito colpito da un cecchino…. societario. Ormai resta in vita dolo un …rumore di fondo….della vecchia curva. Almeno questa teniamo la in vita senza insultare chi ha fatto una vita allo stadio. Ma per muovere veramente qualcosa bisogna essere coperti alle spalle, perche in questo momento storico sarebbe solo una carneficina. E chi come Cesare o me,….purtroppo solo poco più giovane di cesare …e molti altri sono ancora li a tenere in vita l'anima del Verona….cerchiamo di non inveire inutilmente e gratuitamente . L anima non muore mai. La curva è morta .W la curva.

                            1. ak47 scrive:

                              Cari Lona e Cesare settore superiore, io sono un tifoso pendolare ( 300 km andata e ritorno) per vedere il Verona. Quest’anno ho dovuto diradare per lutto familiare ed altri problemi personali. Ho letto con interesse i vostri post e comprendo ma dall’esterno stupisce questa tolleranza verso uno dei più grossi filibustieri venuti a Verona. per metà di questo Pastorello ce lo siamo mangiato ed o c’ero ( e la questura non era rose e fiori allora) a contestare. Il cuore della nostra tifoseria è la curva e se non trascina quella chi pensate lo faccia la tribuna est?
                              basterebbe piazzarsi davanti all’ingresso della tribuna poltronissime a fine partita indipendentemente dal risultato, e tenerlo lì bloccato col suo tirapiedi un quarto d’ora niente più. Vedete se non succede qualcosa.
                              Provateci e penso che non sarete soli.
                              Con rispetto
                              Ak47

                              1. Lona scrive:

                                pazienza per l'ortografia, perché mi sta partendo l'embolo , D.B.

                                1. Lona scrive:

                                  Solo chi viene in curva può sentire ,quasi come un necrologio, una daspo di qua, una daspo di là. Ormai la curva è estinta e solo chi viene allo stadio può tenere in vita ….l'anima sperando in tempi migliori. Sentire qualche buontempone a parlare di tifosi pagati mi vien ormai la grata……pensò che l'ultimo presidente che abbia elargito qualcosa sia stato pastorello ai primi tempi per qualche coreografia ….e il povero Rino foschi che aveva pagato …forse di tasca propria un gruppo di tifosi arrivati allo stadio senza biglietto…..non il bentegodi , ma la favorita di Palermo. Abbiate rispetto per chi cerva per lo meno di tenere viva l'anima della curva ……specialmente chi non abita lontano che non vede l'ora di tornare a Verona per andare allo allo stadio,mentre chi abita a due chilometri non fa altro che sputare nel piatto dove mangi. Abbiate rispetto che noi odiamo Setti più di voi ….

                                  1. Dandy scrive:

                                    Cesare, lettera perfetta, che non fa una piega. I miei complimenti sinceri. Non mi sorprende che non ti abbiano filato di striscio ma queste sono battaglie che era ed è giusto combattere sempre, non quelle relative ai risultati che sono più che accettabili e per i quali, se ci si straccia le vesti come fanno molti, si perde ogni credibilità. A chi mi accusa di essere proSetti o filosocieta dico che sono assolutamente d'accordo su tutto ciò che ha scritto Cesaretto, ma le battaglie vanno scelte bene perché quando invece ci si indigna perché abbiamo fatto "solo" 4 anni di A e due di B con due promozioni si diventa automaticamente poco credibili.

                                    1. Nicola Benato scrive:

                                      Ma dico mai, nessun giornalista si è preso l'onere ma anche tanto onore di verificare, indagare e riportare alla cittadinanza queste amenità da stati centroamericani? Mi tutte le domeniche stò mal per il nostro Hellas e comincio quasi sempre da cul la settimana, ma sentir ste robe qua le supera tutte.
                                      A questo punto se non subentra la volontà vera de indagar da parte della stampa chissà come ma soprattutto quando ne usciremo.
                                      P.S. mí in curva a cíapar fredo ghe son sempre

                                      1. Peter scrive:

                                        Dai Cesare , una metà L ho raccontata io e una metà L hai raccontata tu ; forse adesso la gente capirà

                                        1. Nicola Benato scrive:

                                          Anzi de piú ancora quel che dise Cesare me scomvolge

                                          1. Nicola Benato scrive:

                                            Se quel ke dise Peter è verità, son sconvolto !!

                                            1. Alexhv scrive:

                                              Concordo Mauro.. qui si continua a contestare pecchia e fusco.. ma il problema è al piano più alto..

                                              1. Peter scrive:

                                                Mauro , ha detto che non investe più ? Guarda che non ne ha mai messi ma solo presi …. prova a sentire la famiglia Martinelli per capire se ha saldato il conto è chiedere ai figli di Giovanni , cosa ne pensano . Relativamente alla curva ti sfugge un aneddoto , in questi anni lui è la questura hanno dato un centinaio di daspo colpendo sempre con una mira chirurgica …. forse qualcuno ha venduto L anima e dei fratelli per 30 denari ? Quelli che adesso sono in curva aldilà di cantare , altro non sanno fare… ma sai quale è la cosa più triste ? Non siamo più coesi , ma anche com3 tifosi il tipo senza calSetti è riuscito a dividerli

                                                1. Matteo scrive:

                                                  caro Mauro, finché ghe bira no ghe contestazione al Presidente! al massimo qualche protesta verso i txxxxi in società giusto par folcrore

                                                  1. Dandy scrive:

                                                    Immagino che il corteo servirebbe a chiedere conto del colore delle maglie, dei simboli, della conoscenza sulla storia del Verona, ovvero delle cose (importanti) riguardo quali si possono imputare colpe alla società.
                                                    Non certo ai risultati o alla stagione che stiamo vivendo. No perche, sgombriamo il campo a costo di ripetersi, questa società e la terza più vincente della storia del Verona e la più performante a livello di risultati degli ultimi ventidue anni. E anche quest'anno ce la si può giocare e si può anche arrivare all'obiettivo perché tutto stiamo facendo meno che sbracare (la squadra lotta e combatte e pare che i due primi rinforzi siano in arrivo). Risultati che peraltro sono perfettamente in linea con altri anni dove nessuno si sognava di contestare (vedi ottimo parallelismo sull'anno in A con Prandelli fino all'arrivo di Morfeo, allora panchinaro nel Cagliari che lottava con noi per la salvezza) Quindi voglio dedurre che non sia per altro che per simboli e colori (importanti eh, intendemose) che si invoca un corteo.

                                                    1. massi scrive:

                                                      Magari con qualche euro, il megapresidente si è comprato qualche capetto della curva, oltre a radioverona.

                                                      1. Arnoldfranco scrive:

                                                        Ma elo buson el muto?

                                                      Rispondi a Cesare Settore Superiore

                                                      Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                      Accetto i termini sulla privacy

                                                      *