09
feb 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 55 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.133

ED “EGLI” FINALMENTE PARLÒ… par colpa mia.

Il saggio del mio povero nonno diceva: “a olte fasendo la roba sbajà te finisi sensa saverlo par far quela giusta”.
Infatti.
Se il Sig. Maurizio Setti Presidente dell’Hellas Verona F.C. è uscito dal guscio, (come citato nella sua odierna lettera aperta alla città) è “essenzialmente” per colpa/merito del mio post ad immaginaria firma di Giovanni Martinelli, con il quale, come egli sostiene, “ho superato i limiti” facendo traboccare il vaso della sua infinita pazienza.

Per questo dopo le scuse (dovute e sentite credetemi), mi sono cosparso il capo di cenere, ho scritto sulla lavagna 2000 volte “non devo parlare per conto dei morti”, per penitenza indosso il cilicio dal giorno del post incriminato e ho iniziato un percorso di autoflagellazione quotodiana partendo da 20 frustate, a scendere ogni giorno di una, appunto per 20 giorni. A questo aggiungo la rinuncia per punizione ai gnocchi del Venardi Gnocolar e ai galani de carneval.

Prometto di non rifarlo più (giurin giurello) anche perché non vorrei essere condannato per recidiva alla pena di un anno ”senza lesso co la pearà e tajadele coi fegadini”.

Battute a parte ho letto con attenzione la lettera di Setti.
Lascio a voi amici il compito di confutare ed eventualmente contestare le sue dichiarazioni premesso che approvo il suo invito a sostenere la squadra sempre e comunque nella difficile corsa alla salvezza.

Ciò che conta oggi (e non è poco) è che finalmente il presidente, anche se con una lettera aperta, ha parlato ai tifosi.

“Lassù qualcuno mi vuole bene”

3.133 VISUALIZZAZIONI

55 risposte a “ED “EGLI” FINALMENTE PARLÒ… par colpa mia.”

Invia commento
  1. E-mail inviata a presidenteonline@hellasverona.it il 10 febbraio 2018, alle ore 08,55

    Buondi titolare (presunto) del glorioso Hellas Verona.
    Tanto par comiciar i me genitori i m’ha insegnado che a uno più vecio no se ghe da mia del ti, specie se non te lo conossi de persona. T’ho scritto che g’ho 57 anni, mentre ti no te si ancora rivà a 55. Non vedo per quale motivo te pensi sia giusto permettarte de tratarme come el to amigo de infanzia, ammesso che te sappi cosa el sia un amigo de infanzia. Pretendo rispetto, dall’alto dei me 57 anni, quasi 40 dei quali trascorsi sui spalti del Bentegodi e sora quei delle peggiori fogne (non stadi) d’Italia e de Europa.
    In seconda battuta, caro titolare presento, te ricordo che nella me mail precedente t’ho fatto una domanda precisa. E che ti te è iniziado la to risposta ponendome a mia volta una domanda. Scommetto che non te lo se mia, ma chi risponde a na domanda con un’altra domanda l’è perchè l’è limitato de sarvel o perchè el se trova in evidente difficoltà. A tempo perso proa a andar in cerca de qualche buon trattato de psicologia, e te vedarè se quel che sto scrivendo l’è vera o se le na falsità.
    E adesso, visto che te me poni na domanda te rispondo subito. Perchè disonesto?
    Perchè te è trattado da pezzenti rognosi gente come Cacia, Toni, Maietta, Moras, Gomez, Pazzini, ecc.
    Perchè te è fatto curar Caceres par 5 mesi e una volta guarido te l’è rispedido al mittente.
    Perchè te è assunto nei quadri societari el neodo de Lotito.
    Perchè te si amigo de Lotito e de Preziosi.
    Perchè el to D.G. l’era Gardini.
    Perchè te è voludo el gran capitan. Che al momento giusto el s’ha rivelado un disonesto.
    Perchè te è perso 2 (DUE) cause per mobbing contro Albertazzi.
    Perchè te è sempre sostenudo de aver comprà el Verona coi to schei.
    Perchè te è sempre negado qualsiasi coinvolgimento de Volpi nei to affari e in quei del Verona.
    Perchè te ghe si titolare occulto de una serie de società in un paradiso fiscale come el Lussemburgo.
    Perchè coi proventi del Verona te ste salvando na ditta de strasse.
    Perchè i bilanci HV presentadi iè palesemente taroccadi o epuradi de certe voci.
    Perchè tante alte voci nei bilanci iè finte o falsade o gonfiade.
    Perchè te è storpiado colori e simboli de l’unica squadra che rappresenta la città.
    Perchè te è avallado la scelta delle maglie fluo.
    Perchè 3 anni fà te è acconsentito a stamparle con un simbolo nel quale mancava el NOSTRO scudetto, non el tuo.
    Parchè te è tolto par el cul Osvaldo Bagnoli.
    Perchè te è disatteso tutte le promesse fatte al vero Presidente, a quello serio. A Giovanni Martinelli.
    Perchè te si riussido – ormai – a far scappar via quasi tutti i tifosi.
    Perchè te si sta bon de farli disinnamorare. Tutti quanti.
    Perchè te te si accordato con recie de gomma, concedendoghe la Curva Sud Superiore ai tifosi ospiti dei nessuno.
    Perchè te è proposto un deficente quale Cassano come szugador qua a Verona.
    Perchè te insisti imperterrito con un incompetente borioso sentà in panchina.
    Perchè in ìnvece de cambiarlo de pensi de spedir in tribuna i szugadori, che invece ne servirea a salvarse.
    Perchè te continui a circondarte de guardie del corpo. Evidentemente te devi averghe la coscienza tanto sporca…
    Perchè te te fe veder solo in determinate occasioni e comunque mai in Curva Sud.
    Perchè al to posto parla sempre e solo un teron.
    Perchè te si schiavo de Fusco e del so laoro forzatamente al risparmio.
    Perchè te va ben anche se a Peschiera i lavora poco e mal.
    Perchè te ne ste propinando Calvano, Fares, Suprayen e Nicolas come patrimonio della società.
    Perchè te pensi che a Verona semo un branco de zotici ignoranti, che se beve la storiella del to attaccamento ai colori.
    Perchè te è deciso a settembre che anca quest’anno bisognava retrocedere per forza.
    Perchè la to improvvisa apertura la arriva guarda caso 3 giorni dopo l’annuncio delle nove ripartizioni dei diritti TV.
    Perchè non te capissi che le maiette con la scritta BORN TO TRIBOLAR iè retoriche, a Verona non no piase mia tribular.
    Perchè te scrivi “buona serata te saludo anche se non saludo mai gli sconosciuti”.
    Perchè te me mandi una mail de risposta da un I-Phone, ma sensa neanche firmarte.
    Te chiedo umilmente scusa se me son desmentegado qualche altro motivo par ritenerte un disonesto: te ghe ne vanti talmente tanti che se fa davvero fadiga a ricordarseli tutti. Mi te ritengo meritevole de questo appellativo.
    E niente saluti, te lo za scritto una volta che non saludo mia gli sconosciuti e i disonesti. Stavo giusto pensando che adesso – tutto sommato – posso dir che qualcosina in più te conosso, non te si più uno sconosciuto.
    Adesso posso dir che te considero solo un disonesto.
    Cesare, Settore Superiore.

  2. Paolo 2 scrive:

    Conosco bene Galtarossa, molto bene Aia ,dove ho avuto la fortuna di lavorare da ragazzo, tagliando con le pinze la testa e la coda dei tondini di acciaio rosso bollente nel vecchio laminatoio, toccato bene con mano per anni polli freddi morti da confezionare nel macello di San Martino, ma una cosa per me è chiara: la societa’ non è solo il risultato sportivo sul campo. La societa’ è forte se dietro ce’ un’organizzazione, una struttura di persone che lavorano per il futuro. Dopo si potra’ vincere o perdere, scelte giuste o sbagliate e chi ci ha messo i soldi ne paghera’ le conseguenze.
    Io la mia societa’ oggi ce l’ho, e non ho bisogno di soci contestatori da tastiera, e nella mia vita ho messo sempre la faccia in tutto quello che ho fatto, nel bene e nel male. Il signor Setti va rispettato come persona, contestato alla fine se andremo in serie B. Chiudia gli occhi e dimmi dove saremo tra 10 anni e chi sara’ il nuovo Presidente! Magrini??

  3. Parmenide scrive:

    Paolo2, quindi la qualità del lavoro ed il suo unico metro di misura sta nella sede? Ascolta, tu chiami ragazzini dei giovanotti che guadagnano ( quando va male) centinaia di migliaia di euro ” lavorando” un paio d’ore al giorno rincorrendo un pallone. Fai un salto alla Galtarossa nel turno di notte e poi ne parliamo. Per me non esiste altro che l’Hellas e non sono mai stato nella sede del Chievo, però mi basta vedere il loro centro sportivo polifunzionale. Do per scontato che la sede ( essendo un’azienda privata) sia di rappresentanza e dignitosa. Te li vedi gli incontri davanti al Red Patatar ( dubito che tu lo conosca) ma vorrei ricordarsti che i ragazzini ( come li chiami tu) non sfilano al Pitti ma devono fare risultati e vincere partite. Quella e’ la ” produzione” dell’industria calcio e quella si deve guardare tutto il resto e’ fuffa. Lascia che Setti ( se e’ veramente lui) se la veda con Cesare, e’ molto positivo tutto ciò e se Setti avesse capito sin dall’inizio la mentalità e passione che c’è sugli spalti ( veri) allora forse le cose sarebbero andate diversamente. Setti non deve rispondere a Cesare, deve incontrarlo senza proclami, dirgli ” voglio capire” perché in questo mondo il gioco del calcio non esiste più per chi vuol fare affari ( non intendo setti) ma fortunatamente esiste ancora nel mondo dei tifosi e qualcuno prima o poi deve rendersi conto che siamo gli unici a tenerlo vivo. Hai ancora il coraggio di chiamarlo sport o gioco? Cesare nel suo volutamente essere veronese e tifoso ha avuto il coraggio pubblico di alzarsi in piedi e dire le cose che gran parte di noi pensa ma che nessun giornalista ha mai chiesto. Il dialogo e la parola e non i sassi, questo si chiama civiltà. Guardiamo la luna e non al dito; Setti e Cesare due estremi, un’ imprenditore del calcio ed un rappresentante di un tifo genuino fatto di valori quali sacrifici e colori. Il Signor Setti non si è’ accorto che ha toccato la sensibilità di tutti noi citando ” Born to tribular” ed “Osvaldo Bagnoli” , due concetti che se non sei veronese non puoi capire ma se Setti avesse tenuto un rapporto costante con i tifosi, un po’ alla volta ne avrebbe appreso il valore e noi lo avremmo conosciuto meglio. Non si va a Genova, si andava con i ragazzi cantare bere e mangiare del buon pesce per poi ridarci appuntamento a Verona. Non è’ questo un bel esempio di un calcio che si vorrebbe? Sembra non sia così, i tifosi incazzati e che si lanciano pietre forse creano più economia di quelli che rimangono sud divano. Domani SKY probabilmente vende più partite dell’Hellas. No amico mio, attenzione, non concentrarti solo sulla sede.

  4. altolago scrive:

    W setti, W l’Italia e viva la f.iga.

  5. k scrive:

    naturalmente te ghe credarè anca che fusco l’è el non plus ultra e che tra calvano zaccagni souprayen e fares-usciti dalla nostra cantera- riusciremo a far tanta de che la grana da spianar el seminario de san massimo par far un centro sportivo à la crotone e entrar tra le prime 4 à la borussia…era?
    intanto,appena comincià a parlardopo 15 giorni de pace,fecchia el l’ha butà lì ancora:semo in crescita

    “La crescita di Kean rientra nel lavoro quotidiano che svolgiamo. Il ragazzo ha 17 anni, dobbiamo tenerlo sempre nelle migliori condizioni”.

  6. Paolo 2 scrive:

    Io la mia parte la faccio e la faro’ sempre per sostenere la squadra,ma non accetto i contestatori solo per i risultati sportivi. Sei stato ancora in sede?
    Questa societa è privata, non pubblica, e se tu tifoso non sei d’accordo stai a casa.
    Ti posso dire che il Sig.Setti in 5 anni ha rivoluzionato la societa con una nuova organizzazione a 360 gradi, se entri in sede vedi cosa è stato fatto rispetto alle gestioni Arvedi;Martinelli rimasti senza un becco di un quattrino e con una gestione dilettantisca.. Sicuramente ci sono errori nella gestione sportiva che arrivano dal passato,forse cerano i soldi di Volpi e oggi non piu’ ( vorrei averlo un Volpi con tanti soldi padrone o socio del nostro hellas)siamo l’unica societa che cambia 10 giocatori e non l’allenatore, ma io non ci credo che un imprenditore voglia perdere in partenza. Per questo dico basta a tutti questi contestatori di tastiera e lasciamo giocare questi ragazzi. Se li vai a vedere da vicino a Peschiera sono ragazzini e come possono vivere il momento?Alla fine tireremo le somme e sicuramente le tirera’ anche il Presidente, che mai ci ha portato in Lega pro o a rischiare la C2..

    1. altolago scrive:

      Cesare te servi un segretario par contar i schei che el te porta paolino seguace di setti?

      1. Roby scrive:

        @micheloni IDEA!!!!
        riusciamo mica a fare una lista delle domande e delle risposte date dal presidente?

        1. avanti i blu scrive:

          La lettera alla città non poteva che arrivare oggi venerdì gnocolar giorno che la città dedica al carnevale, alle maschere ai coriandoli, io considero tale esternazione come uno scherzo peraltro di pessimo gusto, come l’ennesima presa per il cul0 a noi tifosi! Un paio anni fa dal Vighini blog scrissi una lettera aperta al Presidente, oggi sinceramente non ne ho voglia, come non ho voglia di scrivergli mail…. A cosa servirebbe poi? A fargli improvvisamente amare il Verona? Servirebbe a qualcosa dirgli che il Verona partecipa a campionati di calcio invece che a concorsi di bilanci del buon padre di famiglia? Oramai il re è nudo, certamente si possono sventolare minacce di denunce per cercare di calmare quelli tra noi che esagerano e che “i va zò dal brenton” ma alla fine come non si può nascondere il sole dietro il dito così non si può nascondere la storia di un fallimento ahimè annunciato dietro una lettera che ai miei occhi è solo “carta straccia”. Spero solo se ne vada presto a rovinare qualche altra squadra , non vedo l’ora di scrivere A MAI PIÙ SETTI!

          • Simone scrive:

            Avanti, posso capire la non voglia di scrivere al presidente. Ognuno lo può fare, poi che possa ricevere risposta è un’altra cosa. Chiaro che ci sarebbero mille questioni da chiarire, e difficile pensare che lo possa fare a distanza, a tutti, con la massima trasparenza. Anche perché la maggior parte di noi può avere delle domande in testa, ma se le risposte non le sappiamo (e lui sì), el pol contarne quel che el vol da “informato che gioca sul fatto che noi a differenza sua non lo siamo a dovere”. Quindi al di là delle questioni “lussemburghesi, Volpi”, eccetera, poche cose: Fusco, dice, ha fatto il bene del Verona come nessun altro nel suo ruolo, o giù di lì. Bene. In serie A di certo non ha costruito una squadra degna (con Cerci ci ha provato ma è andata male- com’era ipotizzabile-, con Caceres potrebbe anche essere che tecnicamente non mentisse, ma nel senso che la Lazio non lo avrebbe preso nel caso non avesse e recuperato a dovere, ma avendo recuperato la cessione era inevitabile, non giriamoci intorno). Il senso positivo di Fusco quindi non si può certo vedere a livello di mercato quest’anno (la gestione di alcuni casi la metto al momento sulla pagina “molto opinabile ma vorrei saperne di più “), perché proprio non ce la vedo, quindi non a livello tecnico (ma d’altronde la priorità era il bilancio, lo hanno sempre detto, certo credo fosse e sia legittimo da parte nostra non aspettarselo in maniera così estrema ma vabbè). Quindi da questo punto di vista, che poi dato il tutto è e diventa per forza di cose il principale, spero che il senso positivo della sua presenza e del suo modo di operare (che catalogo per lo meno con un “certo eccesso di zelo”) sia da valutare nel futuro. Ovvero: a Bologna preparó il terreno perfetto, da una situazione drammatica, ad una cessione futura. Io resto in attesa quasi esclusivamente di questo. Se succederà, e solo se succederà, il tutto potrà prendere eventualmente un senso diverso dall’attuale. P. S. Le proiezioni che vorrebbero il Verona del prossimo anno prendere i 43 milioni sono arrivate a mercato concluso. Va detto che valgono per tutte e che sicuramente porteranno pure ad un innalzamento degli ingaggi, quindi ad una nuova situazione da gestire. Certo, una situazione più appetitosa, ma forse proprio per questo non priva di rischi, specie per chi soldi da spendere non ne ha o non ne vuole mettere, come ha ribadito il Setti, che evidentemente aveva garanzie ben diverse al suo arrivo (ma ormai è assodato).

            • Simone scrive:

              Stamattina mi sono messo a fare un elenco dei giocatori che secondo stampa e qualche informatore so che erano stati trattati o quantomeno avvicinati con un sondaggio dal Verona quest’anno e non sono mai arrivati (qualcuno me ne dimenticherò sicuramente, altri magari non sono nemmeno veri, ma grosso modo è l’idea che conta), al contrario di altri. Eccoli: Marchetti, Maggio, Cigarini, Ciano, Cutrone, Rigoni, Bony, Boyè, Pisacane, Murru, Orsolini, Destro, Di Gennaro, Mauricio, Djordjevic, Saponara, Bonifazi, Burdisso, Moinaro, Acquah, Dodò, Magnanelli, Biondini, Ragusa, Matri, Hallfredsson, Zukanovic, Galabinov, De Maio, Maietta, Krafth, Crisetig, Falletti, Avenatti, Salamon, Mattiello, D’Alessandro, Parigini, Mandragora. Inutile aggiungere che la rosa sarebbe stata un tantino più competitiva se solo un quarto di questi si fosse mosso in direzione Verona. Ho l’impressione che sensa quaia (“Vogliamo solo giocatori motivati” tradotto vuol dire che economicamente devono accettare certe condizioni, inferiori ad altre piazze, infatti sono andati altrove, ed aggiungo che pure i club di appartenenza evidentemente preferiscono trattare con squadre con quaia sfoderabile – ah, i ritardi del mercato estivo erano dovuti ad una certa pigrizia o sempre alla mancanza di quaia?) tu possa avere tutte le idee che vuoi, ma la differenza tra costruire una squadra degna ed una no passa da determinati rapporti (che forse con Lazio e Bologna ci saranno ma si sono rivelati del tutto insufficienti) ma soprattutto dalle possibilità economiche che la proprietà mette a disposizione..

          • Parmenide scrive:

            Ciao Campione… Secondo te le abbiamo viste proprio tutte? Hahaha

            • avanti i blu scrive:

              Ciao amico mio…. se si trattasse di un’altra squadra mi comprerei un pacco di popcorn per godermi il finale del film, straconvinto come sono che lo spettacolo debba ancora iniziare e che il bello (o meglio il brutto) debba ancora venire…. purtroppo però si tratta del nostro Verona e per quanto sia solo calcio è comunque la mia squadra, la mia città e la mia passione

              • Parmenide scrive:

                La frattura e’ profonda e nessuna lettera potrà ricucire lo strappo. E’ giusto così! Obiettivi troppo diversi e distanti. Pur apprezzando il gesto non potrò mai scrivere ad un mittente al quale non ho nulla da chiedere, non ho domande. Per lui hanno parlato i fatti e ciò mi basta.

          1. altolago scrive:

            Bene penso sia arrivato il momento che anche i giornalisti veronesi abbandonino paure e ossequianze varie e comincino finalmente a fare degnamente il loro mestiere.
            Basta partecipazioni a conferenze fasulle e inutili, basta articoli senza seguito poi di fronte ai vari responsabili.
            Chiedano immediatamente un confronto pubblico diretto con la triade e in mancanza di questo rifiutino, ripeto rifiutino, qualsiasi contatto con la società del sigaro.
            Altrimenti i tifosi possono continuare a lamentarsi ma non si fa un passo avanti.
            Che lo mettano di fronte alle proprie Vere responsabilità, indaghino una volta per tutte su volpi e Genova, sulle società estere, sui bilanci taroccati e pretendano delle risposte alle quali poter controbattere con dati e documenti.
            Ogni momento ulteriore che si aspetta è una pugnalata al cuore della nostra fede.
            Basta scuse anche per gli addetti ai lavori.
            Ps. Per quanto riguarda la lettera di Mauro, riconosciamo che è grazie ad essa che finalmente ha cominciato ad incrinarsi la pazienza e la sicurezza del trio delle meraviglie.
            Avanti senza pietà.

            1. RH scrive:

              2 cose
              La prima sul paron de sta casa. Usare un errore di Micheloni (fatalità, uno che giornalista non è e quindi non presenzierà in sala stampa.. furbetto!) mi spiace dirlo ma non l’ha “fatto parlare”, è stata molto probabilmente la fine del mercato a farlo uscire, penso sia più un pretesto capitato a fagiuolo per potersi mettere dalla parte del giusto (in effetti io con Martinelli ci ho parlato forse due/tre volte, per Sandrà, e per dirgli giusto due parole, esprimere ammirazione e dirgli de tegnerbota che ghe l’avaressimo fata, non penso Mauro tu ci abbia parlato molto di più, lui l’ha conosciuto realmente, in una trattativa medio-lunga, e facendosi affiancare fino alla fine, e può barricarsi dalla parte del giusto dicendo che la fiducia di Martinelli in persona -e non parlando per bocca di quello che avrebbe potuto dire secondo la concezione che ne immaginiamo noi- l’ha ottenuta, ed è un dato incontrovertibile.).
              È stato molto “emozionale” nella lettera. La difesa anti-vilipendio di morto(in assoluta buona fede ma c’è stato..), valori come la sua famiglia, il bambino, Born to trubular (usato non a sproposito perché messo addosso a noi, ha evidentemente imparato che il Soli Contro Tutti detto anche da un Mandorlini che se l’è guadagnato mettendoci la faccia in giro per posticini poco tranquilli ha un peso, detto da uno che se l’è comprato è stato fuori luogo), ha parlato di Storia, Bagnoli e personaggi(ma gli studenti greci??), di giovanili (mai così scarsa da quando c’è lui, ma che storicamente non ha mai prodotto molto prima di lui), di centro sportivo(…), di trasparenza nei fatti(o almeno, dichiarando un mezzo concreto per poterla attuare questa trasparenza). Tutti elementi a cui è stato più volte chiamato, se l’è studiata ben bene e non è stata una boutade a caso ma una lettera che ha toccato i punti giusti (un bluff? probabile, ma fatto bene). Va riconosciuto che ha fatto la miglior mossa che poteva fare in rapporto spesa/resa (certo, poteva anche investire, ma era troppo dispendioso, poteva cambiare ds e mister, era meno dispendioso dell’azione precedente ma comunque più di pagare un consulente d’immagine, e significava anche ammettere di essere nel torto, cosa complicata per uno come lui).

              Così arrivo alla seconda. Spero non serva nemmeno dirlo, la lettura delle mail è un’occasione (o forse ne è una parvenza visto che non son certo sia lui a rispondere) per dire qualcosa di costruttivo, perché questo se è un bluff pian piano ceda. Difficilmente cambierà idea su qualcosa, ma esorto a scrivere. Scrivere. Scrivete. Scriviamo. ma ad una condizione: offrire opinioni SENSATE! (Non stasì scriver roba tipo du righe de simmia vattene db per quanto io stesso sia tentato a tirarghe drio quattro porchi sperando gli arrivino..) usiamola veramente perché sia un confronto, per avere realmente chiarezza e non solo a livello di slogan . Purtroppo il tifo organizzato è un buon deterrente per evitare porcherie sfacciate, ma poco può contro scudi manganelli e telecamere (funzionano meglio di pagar qualche capo ultras, fidive!) ; ne converge che potrebbe essere l’unico filo diretto che ha la gente per aiutare la sua squadra. Non cambierà nulla? Probabile, ma usiamo l’unica parvenza di arma che ci è concessa con un minimo di sale. Personalmente, conto di spedire la mia nel giro di uno o due giorni.

              • micheloni scrive:

                Carissimo, colgo l’occasione nel rispondere a te per chiarire che non ho mai pensato di essere la vera “causa-effetto” della risposta di Setti e nemmeno la goccia he ha fatto traboccare il vaso della sua infinita pazienza. Il titolo è chiaramente provocatorio. Egli ha semmai cavalcato un suo giusto risentimento al mio precedente post per avvallare le motivazioni di una lettera aperta alla città che aveva tutt’altro scopo e che nessuno dei lettori ha purtroppo colto. “MINACCIARE CHE NON TOLLERERÀ PIÙ ALCUN ATTACCO ALLA SU PERSONA”… SVEGLIAAAAAA!!!! capito il povero perseguitato dalla tifoseria ingrata e cattiva? (che farà querela per diffamazione? Avrà un bel da fare perché sono orami migliaia quelli che lo insulteranno e lo attaccheranno). RIGUARDO AL “FURBETTO” vorrei ricordare che dopo Verona-Portogruaro infausta ultima giornata di Lega Pro in cui perdendo mancammo la serie A diretta e finimmo ai playoff poi persi, il sottoscritto nella trasmissione sportiva di Telearena, fu l’unico ad avere il coraggio di attaccare in diretta telefonica il DS Bonato, sbattendogli in faccia quello che un’intera tifoseria pensava e che nessun giornalista aveva avuto il coraggio di dirgli. Definirmi quindi furbetto perché non mi troverò davanti a Setti in conferenza stamp mi sembra oggettivamente fuori luogo. Per il resto del tuo post concordo su molte cose anche se ritengo la storia dell’email del presidente l’ennesima presa per il culo (avrà messo un ragazzino a rispondere “non sono d’accordo con te”) in quanto non risponderà mai alle domande vere che i tifosi (vedi Cesare) gli pongono. Comunque dai, hai ottenuto i complimenti del “quadrupede albino”… è una soddisfazione.

              1. Targhebort scrive:

                Mica ce lo deve venire a dire a noi ,Setti, di stare vicino alla squadra.

                Abbiamo sostenuto l’Hellas in condizioni 100 volte peggiori di com’è ora, ma consapevoli che in società lavoravano persone che davano il massimo per il Verona, come ad esempio Arvedi.

                Il Conte di errori ne fece tanti, ma non si può negare che all’Hellas ci tenne DAVVERO. Si dissanguò per prenderlo dal WCentino maledetto, prima di tutto. Poi, nell’incredibile stagione 2007-2008, cambiò tre direttori sportivi in un anno, quattro allenatori (con il Pellegrini bis) e la squadra si salvò.

                Non fu un esempio di competenza nè tantomeno di lucidità, ma un chiaro esempio di cosa significò provarle tutte per salvare una baracca sull’orlo del precipizio.

                Martinelli fece un percorso simile, si svenò per il Verona ed ottenne dei brillanti risultati sul campo. Portò il Verona a contatto con la gente, (il ritiro a Fosse) e come suo ultimo gesto regalò il Verona a Setti, confidando nella sua buona fede. Buona fede ahinoi disattesa clamorosamente.

                QUESTI SONO I PRESIDENTI DI CUI AVRO’ SEMPRE UN FIERO RICORDO.

                Setti fa il permaloso? Ecco il prestigiosissimo elenco di quello che abbiamo dovuto sorbirci solo in QUESTA stagione:

                - LA CONFERENZA DI TONI. Si può essere d’accordo o meno con quello che ha detto Toni. Ma i suoi strali su Fusco e Pecchia sembrano una terrificante profezia.

                - IL PASTICCIO CASSANO. Arriva, poi decide di andarsene, ci ripensa in una conferenza stampa ai limiti del SURREALE, con un Fusco che non sa più che pesci pigliare, per poi, andarsene definitivamente. Una delle telenovele più umilianti e grottesche che il mondo del calcio abbia mai visto.

                - L’AFFARE CACERES. Un giocatre che viene parcheggiato CONSAPEVOLMENTE qui 5 mesi semplicemente per tirarlo a lucido per un altro club è un esempio di lungimiranza? E’ lavorare seriamente? IO HO TROVATO QUESTA OPERAZIONE COME UNA DELLE PIU’ UMILIANTI DELLA STORIA DEL VERONA.

                - IL CASO ALBERTAZZI. I fatti concreti dicono che un tesserato del Verona ha vinto due cause per mobbing contro la società. Oltre che ad essere un fatto sgradevole per il ragazzo, fa capire che razza di “professionisti” lavorano per il Verona.

                - LA GESTIONE PAZZINI. Gli hanno fatto un contratto milionario che lui ha giustamente accettato (ciamalo stupido), ha subito una valanga di infortuni e tante panchine. Sembrava un affare boomerang. Poi per la causa del Verona, si fa abbassare l’ingaggio in B, si mette addosso la fascia di capitano e a suon di gol da un contributo fondamentale per la risalita. La storia recentissima di Pazzini con il Verona è questa. Quello che gli hanno fatto quest’anno è un secondo caso di mobbing, O POCO CI MANCA.

                - BESSA LO SCONTENTO. Si può dire tutto e il contrario di tutto della stagione di quest’anno di questo calciatore ( par mi l’ha fatto schifo). Ma è competente una società che gli da la fascia di capitano, lo “blinda” (ah ah ah) con una clausola da 15 milioni di euro facendone il centro del progetto tattico della squadra, e al primo mal di pancia lo svende ad una diretta concorrente?

                ZUCULINI, IL BRUNO. Da perno del centrocampo Pecchiano ( con qualche rosso di troppo) a venduto in fretta e furia alla prima occasione? SALDI? MALAFEDE? Io credo di si.

                - L’INCOGNITA CALVANO. Qualcuno mi da una spiegazione razionale del perchè questo giocatore ha girovagato per 5 anni in serie C, spesso da panchinaro, ed ora scalpita per una maglia da titolare in serie A?

                - LE PURGHE. Cosa si nasconde dietro a queste epurazioni? Altri casi di mobbing? Altri rinnegati?

                P.S Souprayen con la fascia di capitano dell’Hellas Verona è stata ( fino ad ora era, al peszo no ghe mai fine) l’indigesta ciliegina sulla torta di questo carrozzone teatrale che rinomino STAGIONE HELLAS VERONA 2017-2018.

                SETTI LA PAZIENZA E’ FINITA.

                • Mariino scrive:

                  piu’ che una ciliegina le’ na cagata spusolenta sula torta

                  • Targhebort scrive:

                    Mi sono avvalso dell’ironia per esprimere il concetto…la realtà nuda e cruda rispecchia il tuo commento. Amen.

                    • RH scrive:

                      a onor del vero, calvano di panchina in c ne ha fatta poca, la sostanza non cambia.
                      Caceres parcheggiato non è un problema (tutti i prestiti secchi sono così), la vera pagliacciata sta nel sentir dire il giorno prima della cessione, annunciata da Tare già ad ottobre, che la responsabilità della scelta è di caceres, che il giocatore è gialloblù fino a giugno, e che se vien ceduto è perché è lui che vuole andarsene, non perché è stato definito così già da luglio.
                      Colpevolmente si dimentica (solo di quest’anno eh) Juanito svincolato con buonuscita, kean elemosinato all’ultimo secondo e considerato fulcro dell’attacco, e quella che personalmente è la mia preferita: il virgolettato “per Bony non ci sono i tempi tecnici per acquistarlo”. E che facciamo finta di credere a chi smentisce siano mai state dette le parole “Forse è stata l’emozione della prima, ma al primo gol del Napoli stavo per esultare”.
                      P.S. c’è sempre un kean meritevole, sia mai che quella fascia……

                      • Targhebort scrive:

                        Mi sono limitato ad elencare i fatti più eclatanti…figuriamoci sa e successo drio le quinte.. come nel caso di Gomez che hai citato tu.
                        Per quanto riguarda Calvano ha trovato una buona continuità lo scorso anno alla Reggiana…ma negli anni precedenti era con la valigia in mano perennemente.

                        In tutto questo minestrone maleodorante non mi voglio scordare nemmeno del ruolo di Pecchia…allenatore mediocre? Incompetente?
                        Può darsi…ma la vera accusa che gli muovo è di essere un colluso con la società, lo yes man per eccellenza. Una persona senza dignità.

                1. Alessandro scrive:

                  RH, gli ho scritto ieri sera, dicendo chiaramente come la penso. Mi ha risposto nel giro di 20 minuti (nn me l' aspettavo ). Naturalmente mi ha detto che nn è per nulla d' accordo con quanto gli ho scritto!

                  1. Cinghiale Bianco scrive:

                    @RH ottima analisi, condivido tutto. Finalmente un commento obiettivo e pacato

                    1. IL SAGGIO DICE scrive:

                      Ti saluta tanto Oliver Sacks e si complimenta per il risultato ottenuto.

                      1. jep scrive:

                        ed egli finalmente ricevette un consiglio. Scriviamo una lettera gli dissero. E lui col sigaro un po’ distratto rispose.. va bon, ma fatemi fare bella figura

                        1. Ciccio Fedele scrive:

                          Dice il Signor Maurizio Setti che é stato superato il limite. Vero. Da parte sua però. Trovo indecente questa lettera e mi offende sinceramente come tifoso del Verona da tutta una vita. #SETTIVENDIILVERONA

                          1. Parmenide scrive:

                            Non vorrei disilludervi ma sono ritornati a brillare i Soldini ( tanti) per chi rimane in A e, non avendo più qualità in campo si aggrappa al tifo consapevole del grande valore aggiunto. Sarò anche completamente fuori strada ma in questi anni ne ho viste troppe per credergli. Leggendola quasi quasi mi mettevo a piangere… Persino El buteleto con la maieta… Ma poi, quando mai è’ mancato il sostegno alla squadra? ” born to tributar “… Miserie

                            1. Tiraka scrive:

                              @Micheloni Ok Mauro al tristo non darò più vado.Ciao

                              1. pinkhellas scrive:

                                El problema l'è, sto pir…..là parla podo che sono usciti i diritti tv!!! E fin adesso andò elo stà? Le un pesso che hanno chiesto conti alla mano… Solo ora dando l mail si può contattare… Va a quel paese, c'è tanta gente che ci va!!!!! Solo Hellas fino morte non ci separi!!!!! E quando i blu saranno in ciel…. Ciao Mauro avanti sempre

                                1. altolago scrive:

                                  Ciao Mauro, come vedi quello che sembrava un errore del quale cospargersi il capo in realtà ha aperto una falla finalmente nel bunker a prova di bardolino e lesso con la pearà.
                                  E’ evidente che il sigaro comincia a perdere il buonumore con il quale fino ad oggi ha gestito allegramente i suoi affari.
                                  Buon segno; adesso c’è da sperare che finalmente anche i giornalisti veronesi leggano bene il pistolotto da lui scritto e si preparino una bella serie di domande da fare a raffica. Se manca loro qualche spunto rileggano nel tuo articolo precedente e ne troveranno a iosa.
                                  Speriamo che finalmente si prenda una posizione decisa nei confronti di chi continua a prenderci per il sacrocul.
                                  Ps. Sarebbe gradito su questo blog non dare risposte da parte di nessuno all’imbecille che qui continua a provocare.
                                  Facciamo che stanchi prima lui (cioè prima che riusema a saver ci l’è).

                                  1. Luca scrive:

                                    CURVA SUD MARCHE

                                    Con il post di Targhebort possiamo chiudere l'argomento ,ha espresso pienamente il pensiero di tutti noi, chapeau!
                                    AVANTI BLU

                                    1. manuel scrive:

                                      Cmq Mauro leggere i tuoi blog è piacevole. sei un ottimo acquisto.

                                      1. Mariino scrive:

                                        Mauro da quella lettera aperta evinco che Fusco e’ un partente.Cosa pensito, pol esser?Questa sarebbe tutosommato na bela notizia in sto mare de lacrime.

                                        1. Massimiliano Salan scrive:

                                          Ha comunque contribuito…..

                                          • micheloni scrive:

                                            Massimiliano… par carità. No cagarlo… lo stiamo ignorando tutti… non vanificare il nostro sacrificio (de sfondarlo de offese). È uno del quartierino che si diverte a provocare e gode se ci incazziamo. Ignoralo! Lascialo da solo con le plusvalenze in bilancio e i debiti da paura emersi riguardo la sua squadra del cuore. IGNORARE È MEGLIO CHE BANNARE. (alla peggio peró bannare è sempre meglio che passar da mona… quadrupede albino avvisato)

                                          1. Luca scrive:

                                            CURVA SUD MARCHE
                                            CIAO Cesare Settore Superiore, buona serata e un abbraccio.
                                            AVANTI BLU !

                                            1. Roberto scrive:

                                              una cosa di chiedo Mauro. Non cambiare mai il tuo atteggiamento nei confronti di questo ambiguo personaggio alla guida dell’Hellas.
                                              I tuoi post evidentemente hanno lasciato il segno.
                                              Perché non richiedi provocatoriamente un confronto televisivo con lui? Sai che audience televisivo..? Altroché Festival di S. Remo..!!!
                                              Dubito che la cosa possa verificarsi….

                                              1. Cinghiale Bianco scrive:

                                                Ahahah!! Il pistolero con due anni di Daspo!! Ahahah!!

                                                1. Cinghiale Bianco scrive:

                                                  Certo, però non credo proprio abbia parlato perché Micheloni ha scritto quella porcheria. Cosa di cui si dovrebbe vergognare tra l'altro e non farne un vanto

                                                  1. Massimiliano Salan scrive:

                                                    Se hai letto la lettera, una citazione su Micheloni c’era.

                                                    1. Cinghiale Bianco scrive:

                                                      Non ha affatto parlato per causa tua, rileggi meglio la lettera e non prenderti meriti non dovuti.

                                                    Lascia un Commento

                                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                    Accetto i termini sulla privacy

                                                    *