12
mar 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 29 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.437

IL MIO BLOG È IL VOSTRO BLOG…

CI SONO STORIE CHE MERITANO MOLTO DI PIÙ CHE L’ESSERE UNO FRA I TANTI POST DI UN BLOG.

QUESTO È IL MIO BLOG E PER MIO INTENDO DI TUTTI… QUINDI FACCIO QUELLO CHE MI DICE IL CUORE

QUESTO HA SCRITTO CESARE SUL PRECEDENTE POST E QUESTO A MIO AVVISO MERITA LA PRIMA PAGINA. (HO OMESSO IL FINALE AL QUALE DEDICHERÒ PRESTO UN MIO PENSIERO A RIGUARDO)

 

Sabato 10 marzo 2018.
Mancano circa 15 minuti al termine della partita che il Verona sta conducendo per 1 a 0 sui rivali nella stracittadina.
Aggrappato alla ringhiera degli spalti della Curva Sud Superiore il piccolo Riccardo di 8 anni segue le vicende in campo.

Ma si gira spesso verso gli spalti per vedere i tifosi che gridano come dannati, che cantano cori strani che anche lui cerca di imparare, che si prodigano a sventolare le sciarpe e che agitano la bandierina.

Ne hanno una quasi tutti quanti.

Chissa’ perche’ mamma e papa’, che sono li proprio dietro le sue spalle non hanno voluto comprargliela.
Il piccolo Riccardo sta ancora chiedendosi come potra’ raccontare la sua serata del Bentegodi ai compagni di scuola, quando tra la folla dietro di lui scorge un tipo strano.

E’ un vecchio con i baffi grigi. E’ grande e grosso, indossa un giubbino blu con una piccola scritta sul lato: Brigate Gialloblu.

E poi ha dei partaloni militari un berretto color kaki. Sembra un militare in pensione ma tra le mani ha una asta grande e grossa che supporta una enorme bandiera.
Scende gli scalini e si fa largo tra gli spettatori finche’ arriva proprio a fianco del piccolo Riccardo.

Si china proprio su di lui e gli chiede come si chiama e quanti ha.
Riccardo gli risponde con un filo di voce.

E lui gli dice che ormai e’ troppo vecchio per sventolare da solo quella grande bandiera. “Me la daresti una mano, Riccardo? Aiutami a sventolarla dai.”

 

Riccardo si aggrappa con le sue manine a quella enorme asta e inizia a muoverla insieme al vecchio sconosciuto.
Mamma e papa’ alle sue spalle smettono di parlare tra loro. Tirano fuori i cellulari per immortalare con foto e video il loro figliolo in piedi, davanti alla ringhiera protettiva che agita la bandiera con il vecchio ultra’.
Poi si accorgono che una alla volta le mani del vecchio si sono staccate dall’asta, sorretta adesso solo dalla balaustra e dalle manine del piccolo Riccardo. Ha lo sguardo di chi sta toccando il cielo con un dito, nonostante lo sforzo per sostenere da solo quella enorme bandiera.
Dopo qualche secondo il vecchio si china su di lui e gli dice qualcosa, mentre riprende l’asta e ricomincia a sventolarla.
Il piccolo Riccardo gli sorride e annuisce.

Il vecchio ultra’ gli fa una carezza sulla testa e torna al suo posto, alcuni scalini piu’ in alto.
La mamma chiede a Riccardo cosa gli ha detto il vecchio tifoso.
“Che lunedi quando tornero’ a scuola posso raccontare a tutti i miei amici di avere sventolato la bandiera grande.

Quella del Settore Superiore, insieme al vecchio Cesare.

E mi ha anche promesso che un giorno, quando saro’ piu’ grande di oggi, me la fara’ sventolare tutta da solo”.

 

GRAZIE CESARE

Mauro Micheloni

 

 

 

 

 

 

 

2.437 VISUALIZZAZIONI

29 risposte a “IL MIO BLOG È IL VOSTRO BLOG…”

Invia commento
  1. Luca scrive:

    CURVA SUD MARCHE
    Saluto Cesare, Stefano 50/60 Altolago e tutti gli altri. Un saluto ve lo manda anche il mio piccolo Filippo e parlando di bandiere da sventolare, con il Crotone uno Stwuard non gli ha fatto entrare un asta perché alta 7/8 centimetri in più rispetto alla regola. Nemmeno davanti a un bambino che scoppiava a piangere e a un padre come me che era atroce quello che stavano facendo soprattutto per chi come noi si sobbarca 800 km per vedere la partita… niente da fare, il pianto è continuato fin quando sono arrivati i butei che hanno riempito Filippo di regali gialloblu'.
    Vi abbraccio tutti, evviva la Curva Sud, Butei Liberi !

  2. bardamu scrive:

    A mi per la verità el Tuffi, ma soprattutto el Max, i me dava scopeloti perché fasea el saluto col braccio teso… :-)

  3. bardamu scrive:

    Fantastico compendio su come aggirare con arguzia la tragicomica burocrazia.
    Ne approfitto per farti i miei più sinceri complimenti per il bellissimo pezzo che forma l’oggetto di questo topic ( che mi era stato inviato via uozzapp dall’amico Begbie ) e per esprimerti la mia più totale e partecipata solidarietà per un provvedimento che spero non sia stato preso.
    Certo che fa un po’ specie, per non dire rabbia, pensare ad una “giustizia” come quella italiana che fa sì dei signori di napoli vengano a cercare di devastare un bar e aggredire i suoi occupanti e non ne sia ancora stato identificato solo uno; o che nei cortei delle zecche in cui vengono devastate città e feriti poliziotti non si riesca a riconoscere un solo partecipante. Mentre basta che un tifoso gialloblù emetta un peto e spuntano filmati e registrazioni.
    Non meraviglia, né stupore, solo tanta rabbia…

    1. bardamu scrive:

      Leggo solo ora che in est è stato arrestato un 22enne per aver fatto esplodere un petardo. Uno di quelli che ci ammorbano i pomeriggi da Natale all’ultimo dell’anno.
      Riempiremmo 2 o 3 carceri solo a Verona se tutti i cretini che fanno esplodere petardi venissero arrestati.
      Ma va ben. Dura lex, sed lex.
      Nel frattempo siamo ancora in attesa di sapere i risultati delle indagini sui simpatici napoletani che in occasione della partita col ceo sono venuti a render visita ad alcuni nostri tifosi mentre erano in un bar di corso Cavour.
      Eppure dalla spocchia e arroganza del rappresentante delle forze dell’ordine in una trasmissione di telarina, che minacciava querele a destra e a manca nel silenzio prostrato dei politici presenti ( l’unica che, ad onor del vero ha tentato di protestare timidamente era stata la giornalista Vaccari ) ci si sarebbero aspettati arresti dei responsabili nel giro di pochi giorni.
      E invece nulla, nel mutismo dei nostri ( ? ) rappresentanti in parlamento e in municipio, e con l’assordante silenzio dei media veronesi.
      Complimenti vivissimi a tutti.

      1. IL SAGGIO DICE scrive:

        Quando sono stato in Tibet a meditare , per aumentare il mio livello di saggezza , ho proprio pensato a questa norma dei 120 centimetri. Mi sono recato dal maestro d’ armi Mona Koh , il quale mi ha rivelato che nel Kendo Da Stadio un bastone é meglio che sia sotto il metro e venti , se voglio fare realmente male a qualcuno. Piú lungo é e piú sará difficile colpire qualcuno con efficacia , in caso di resistenza non passiva. Mi ha poi dato in mano una canna da pesca lunga tre metri e mi ha detto di cercare di colpirlo con forza. Non ci riuscivo , il maestro si muoveva agilmente come una carpa rispetto al mio lento oscillare del bastone flessibile. Quindi il saggio Mona Koh mi ha detto che le nuove regole del Kendo Da Stadio lo rendono ancora piú pericoloso di quelle vecchie , a meno che le aste lunghe tre metri non vengano unite per costruire un Bangalore che colleghi le due curve a 120 metri di distanza.

        1. Luca scrive:

          CURVA SUD MARCHE
          CESARE, ma perché è già stato notificato? non avevo capito e me ne scuso!

          1. Luca scrive:

            CURVA SUD MARCHE
            caro Cesare, problema già risolto in quel modo la partita dopo!
            Buona giornata a tutti e ci vediamo domenica.
            Avanti Blu!

            1. hearthellas scrive:

              Il racconto mi ha sinceramente emozionato.
              Io non ho avuto la fortuna di Riccardo nell'incontrare una persona come Cesare, ma mi sono ritrovato a tifare Hellas da sempre, in un una famiglia dove mio padre non era di Verona e mia madre non era interessata al calcio. Lo considero ancora oggi una specie di miracolo che solo il grande cuore Hellas poteva avverare. Quel senso d'identità nell'essere già da bambino abituato a non vincere sempre, a stare dalla parte di chi deve lottare per ottenere qualcosa di anche piccolo, a rialzarsi quando si cade, senza abbattersi nelle difficoltà. Tutto questo oltre ad una squadra di calcio era per me l'Hellas all' affacciarsi degli anni '90 (sono dell'83) e sono sicuro che ci siano altre storie come la mia.
              Un grazie di nuovo a Cesare e a chi come lui fa in modo di tramandare certi valori e passione vere ed a Micheloni per avere ricreato uno spazio che si era perduto da tanto tempo.

              1. Non sono qui per scrivere dei bilanci taroccati di questa società tanto ricca di chiacchiere e tanto povera di umanità.
                Non parlo dei nuovi diritti televisivi che hanno generato tanta linfa mediatica, prima del tutto sconosciuta, in un personaggio che nemmeno voglio nominare, tanto è grande il mio disprezzo nei suoi confronti.
                Non spreco più tempo per criticare dei dirigenti che sono più commercialisti che sportivi.
                Ho già detto tutto tanto tempo fa di un allenatore che è capace di fare di il lavoro per il quale è stato chiamato tanto quanto sono bravo io nel citare i brani di letteratura epica o i passi della Bibbia.
                I giocatori di questa squadra sono solo dei professionisti pagati per giocare. Chi più paga più ha probabilità di accaparrarseli, almeno finchè li continuerà a pagare. Fu così anche per gente come Giovanni Dalle Bande Nere e la sua compagnia di ventura. Pretendere amore per la maglia dai mercenari è come sperare in un acquazzone nel deserto del Sahara a luglio.
                Oggi voglio scrivere solo per ringraziare 3 persone speciali.
                La prima è Mauro Micheloni che ho imparato a conoscere ed apprezzare sul serio solo da alcuni mesi, pur avendolo conosciuto per sbaglio tanti anni fà. Grazie per accoglierci tutti quanti, Mauro. Un blog come il tuo mancava per davvero. Un blogger come te ancora di più.
                La seconda persona si chiama Riccardo ed ha solo 8 anni. Sabato mi ha dato modo di rivedermi in lui, 49 anni dopo. Sono sicuro che tra alcuni anni Riccardo sarà in prima fila al Bentegodi, intento a sventolare una grande bandiera gialloblu.
                La terza è la più importante di tutti, anche perchè non c’è più ormai da anni.
                Si chiamava Paolo Trabucchi. Era uno di quelli presenti quella sera del 30 novembre 1971 presso il BAR OLIMPIA di Piazzetta Isotta Nogarola. Lui mi ha insegnato ad amare il Verona. Lui mi fatto capire davvero cosa significhi tifare per questa maglia e per questi colori. Lui mi ha inculcato certi valori, che a mia volta cerco (senza mai riuscire ad eguagliarlo) di trasmettere a qualche piccolo, giovane tifoso. Sperando che possa un giorno ricordarsi dei miei insegnamenti, così come io mi ricordo di quelli dell’amico Paolo Trabucchi, dopo oltre 49 anni. Grazie ancora di cuore, grande Tuffi!

                • fenomeno scrive:

                  Cesare, è il mondo che ha perso l’umanità, è il mondo che è diventato social, si è brandizzato, si è internazionalizzato, ha bisogno di feedback, di media partner, di magliette home ed away….il tuo a me è sembrato un gesto normale, in questa epoca “drogata” invece viene enfatizzato, anche da te stesso, come gesto straordinario….

              2. Fenomeno scrive:

                In realtà non avevo alcun intento critico nei tuoi confronti, anzi…mi faceva specie che un bel gesto genuino stia diventando merce rara da dover essere messa in evidenza…comunque stai criticando e lanciando proclami anche tu da dietro una tastiera

                1. IL SAGGIO DICE scrive:

                  Cesare , prega chi ritieni opportuno che non ti abbia visto il prode Steward , altrimenti ti porteranno presto in gattabuia per adescamento di minore. Lí cercheranno di farti capire che é una cosa sbagliata , attraverso interminabili colloqui con Don Phil Pedo , prete lobbista americano e azionista di una squadra che tu adori perché ha gli stessi colori e simboli della tua. Altolago ha giá preparato il cianuro da portarti in cella per un onorevole suicidio.

                2. IL SAGGIO DICE scrive:

                  Io mi aspetto un gesto solidale del Micheloni , ossia regalare al North Aids la drum machine con la quale incise le hit degli anni 80.

                3. altolago scrive:

                  elo istesso se porto na bosa de ciareto?
                  O coro el riscio de esar meso dentro ensieme al Cesare per trasporto de liquido infiammabile (el cor).
                  Ps.col cuco che devolvo a qualche asociasion. Piutosto ofro n’ultima piseta, prima del suicidio assistito direttamente dal primario in abito talare, a Cesare e al secondin (basta che no el sia en tristo).
                  Saluti burloni, ma gavì miga altro da far?

                  1. Arnoldfranco scrive:

                    Un’ammonizione ai genitori del piccolo Riccardo, par non averghe comprado LA BANDIERA e un plauso a Cesare!!!

                    1. IL SAGGIO DICE scrive:

                      Sinceramente mi stupisce il fatto che ti soffermi su una cosa normalissima come quella fatta da Cesare e sorvoli sulla cro aca nera che piú nera non si puó. Un pazzo é entrato in tribuna con un kit del piccolo chimico ed é riuscito a costruire nei bagni un ordigno termonucleare che non é esploso in tutta la sua potenza solo grazie al coraggio di un certo Steward , americano che odia le armi , che si é lanciato di pancia sopra all’ ordigno e ha attutito la deflagrazione. Immediato l’ arresto dell’ Unabomber nostrano . Steward verrá promosso all’ antimafia e spedito a Napoli ad indagare sugli strani rumori che si odono provenire da ogni settore. Alcuni , sicuramente complottisti , sostengono che siano petardi o bombe carta e che sia impossibile arrestare i fabbricanti. Riuscirá Steward a riportare la Pace anche lí ? Forza Steward

                      1. maurizio scrive:

                        …. ho dimenticato Bari! ….. dove abbiamo vinto!

                        1. maurizio scrive:

                          Mio nipote ha appena compiuto 9 anni. In maggio gli scade la tessera del tifoso: quindi, questo è il quinto anno che è abbonato. In trasferta a Ferrara, Sassuolo, Parma, Frosinone, Vicenza, Modena, Cesena Carpi, Roma, Milan e … Benevento! Allo stadio sventola la bandiera acquistata a Cesena, cara, gioisce, urla e, a fine gara "saluta" i tifosi avversati: io ….. la mia parte l'ho fatta!

                          1. Maxhellas scrive:

                            Bravo Mauro!

                            Quanto scritto da Cesare merita sicuramente di essere messo in evidenza.

                            Ogni spiegazione di cosa significa essere tifoso del Verona è racchiusa li dentro!

                          Rispondi a Luca

                          Accetto i termini e condizioni del servizio

                          Accetto i termini sulla privacy

                          *