17
mag 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 29 Commenti
VISUALIZZAZIONI

999

COSA DEVE AVERE UN BUON DS

“Fare un processo alle intenzioni è sbagliato, sempre e comunque”.

Con questa frase ho chiuso il mio precedente post e coerentemente evito di aprire in questo, un “processo” nei confronti di Tony D’Amico, Responsabile Scouting nonchè braccio destro del dimissionario ex DS Filippo Fusco, che il borsino da in ascesa come nuovo Direttore Sportivo dell’Hellas Verona.

Io non conosco il Sig. D’Amico (e mi scuso con lui se non mi sovviene nemmeno un remember del suo passato da calciatore) e sarebbe quindi scorretto quanto ingeneroso dire qualsiasi cosa relativamente alla sua persona, alla sua professionalità, passione, competenza e capacità.

Avendo però un’idea di cosa significhi essere oggi il DS di una squadra di calcio professionistica, mi chiedo e se lo chiedono tutti i tifosi se un giovane rampante qual’è Tony D’Amico abbia quanto necessario per districarsi con successo nel torbido mondo del calcio, in particolare dopo la stagione nefasta e indegna appena vissuta dal Verona e quindi con un carico di responsabilità non indifferente.

Cosa innanzitutto deve avere oggi un buon DS?

Una grande competenza calcistica e un fiuto particolare per i nuovi talenti
Una enorme serie di conoscenze che gli permettano di trattare con altri DS, Presidenti e calciatori nell’interesse di portare in gialloblù giocatori utili ad un immediato ritorno in serie A.
Credibilità e amicizie nel mondo del calcio (c’è chi chiama Marotta al cell e chi passa dalla segretaria)
Relazioni con i più importanti procuratori italiani e stranieri.
Rete di scouting nei più importanti continenti extraeuropei (Africa, Asia, Sudamerica).
Capacità commerciali per portare a casa i risultati al minimo costo.
Esperienza, per capire quando rilanciare, quando star fermi, quando stringere per chiudere, quando lasciar stare, quando alzare la voce per evitare le prese per il culo che agenti-procuratori e DS amano solitamente appioppare.

Ha il Sig. Tony D’Amico queste caratteristiche? Il solo a saperlo è il presidente Setti.

Quel che è certo è che dovrà lavorare nel consueto clima di austerity che da qualche anno è un marchio di fabbrica in casa Hellas.

Che dovrà piazzare (convincendoli) molti giocatori che hanno fallito in gialloblù.

Che dovrà lavorare in stretta sinergia con un nuovo allenatore e sposare in toto la sua filosofia di gioco, cercando gli interpreti più idonei alla causa.

Che dovrà essere una figura presente anche sul campo e non solo in ufficio perché quando c’è da far sentire la voce con squadra o alcuni giocatori, quella di colui che li ha portati a Verona risuona sempre più forte e presente.

Saprà essere Tony D’Amico tutto questo? Su questo rifletta Setti e decida di conseguenza sapendo i rischi che corre.

A Verona siamo stufi di essere la palestra di allenatori e DS inesperti, così come siamo stufi di essere un centro di recupero psicofisico per calciatori reduci da serissimi infortuni o crisi di identità pseudo depressive.

Sentire Pecchia affermare “questi due anni a Verona mi hanno arricchito molto professionalmente” fa rabbrividire se pensiamo che mai il Verona si è impoverito, calcisticamente parlando, come questi due anni con lui.

Qui non serve girare pagina, ma cambiare proprio quaderno.
Se la proprietà ce la dobbiamo tenere che almeno ci sia data competenza, talento, professionalità e capacità in quegli interpreti chiamati a ridare un minimo di dignità ad una piazza che di questo Verona è arrivata a vergognarsi (al contrario di chi è responsabile di tale vergogna).

Ah dimenticavo un ultimo punto ma forse il più importante sulle caratteristiche che un buon DS deve avere:
una Società che gli metta a disposizione le risorse economiche necessarie ad allestire una rosa competitiva…

posso ridere?

999 VISUALIZZAZIONI

29 risposte a “COSA DEVE AVERE UN BUON DS”

Invia commento
  1. Caniggia scrive:

    A parte che uno che El se chiama Tony d'amico più che un Ds El me ricorda un attore porno

    1. Caniggia scrive:

      Ciccio fedele hai scritto il post che avrei scritto io… Q8 in toto

      1. gian scrive:

        Vi sfugge un piccolo particolare. Se l’incarico verrà affidato a d’amico,significa una cosa sola:il nuovo ds sarà filipo fusco. Piccolo particolare………..

        1. mir/=\ko scrive:

          Setti ami così tanto essere considerato uno speculatore senza scrupoli?? un sussulto di dignità lo vuoi dimostrare ?? dimostra di essere altra cosa… INVESTI SERIAMENTE E PORTA QUALITÀ!!!!

          1. altolago scrive:

            Mauro come mai avete bannato Stefano?
            Aria nuova(non fresca) in arrivo?

            • micheloni scrive:

              Ho trovato nel server 5/6 tentativi di Stefano tutti in standby con la scritta “email verificated”. Non capisco. Io non ho mai bannato nessuno e spero di non doverlo fare mai. Figurati se mi permetterei con Stefano o altri che danno un senso a questo blog. Ho approvato. Speriamo sia risolto.
              STEFANO FAMMI SAPERE…

            1. altolago scrive:

              Tutto bello e tutto interessante, però….
              Però stiamo parlando del Verona del non mio presidente al quale delle caratteristiche che un ds dovrebbe avere non gliene frega una emerita cippalippa.
              A lui interessa un ds che costi poco, che porti giocatori in prestito (non importa se rotti, strassi o inutili) a costo zero o sottozero e che piazzi tutto il piazzabile al miglior offerente.
              Meglio magari se saranno giocatori da valorizzare per altre squadre (magari con qualche buono pasto da dividere).
              Tutto il resto è aria fritta.
              Lo ha detto lui: soldi suoi da investire non ce ne sono (non ne ha ndr).
              Quindi parliamo di che cosa?
              Questa società è una grande presa per il sacro fondoschiena e chi si adatta ne diventa volente o nolente complice. Punto.

              • stefano 50/60 scrive:

                si può ?

              • bardamu scrive:

                Ti correggo: soldi da investire ce ne sarebbero, altroché se ce ne sarebbero, il problema è che lui non ha alcuna intenzione di farlo. E’ un po’ diverso, ne converrai ( so già che sei d’accordo ;-) ).

                • altolago scrive:

                  Ciao Luca,
                  Infatti fra parentesi ho scritto che “lui non ha soldi”, no non ce ne sono.
                  Assolutamente d’accordo. Il problema è lui, non il paracadute o che accidenti lo si voglia definire.
                  Lo ribadirò alla noia mia e vostra: lui non ha e quindi non caccerà un centesimo. Quei soldi che gli arrivano servono solo ed unicamente per fare quadrare i conti (come li intende lui).

                • schetch scrive:

                  Senza dubbio è così!

              1. mir/=\ko scrive:

                Setti non è un imprenditore del calcio… Setti è altra cosa! quindi non aspettiamoci investimenti o la competenza che meriterebbe il centenario club gialloblu'. solo scommesse

                1. Ciccio Fedele scrive:

                  A me dei processi alle intenzioni, Mauro, non importa niente. Io sto personaggio, questo Tony D’amico, non lo voglio. Basta con il laboratorio a basso costo Verona. Basta con l’ennesima scommessa.
                  Voglio gente pronta e preparata. Conosciuta e riconosciuta che sappia fare il proprio mestiere in maniera ineccepibile. Il minimo sindacale richiesto a questa societa’ per la stagione che verra’ e’ il ritorno nella massima serie.
                  E’ ora di smetterla di essere edulcorati…serve gente di calcio di primo piano non terze o quarte figure. Fabio Grosso allenatore e’ l’ennesima follia (in caso arrivasse) cosi come Tony D’Amico. Gente esperta non la solita speranza del ”magari esce il mio numero alla ruota della fortuna”.
                  Setti deve cacciare il grano e fare una squadra seria. Se non ha i denari che metta in vendita la baracca e che tolga il disturbo.

                  1. bepi 45 80 scrive:

                    posso ?

                    1. schetch scrive:

                      Quest’anno i denari dovrebbero esserci:
                      ha i bilanci a posto
                      ha venduto a gennaio
                      venderà Pazzini e Romulo quindi qualcosa incassa
                      ha nientepopodimeno che il paracadute….

                      Caspita con tutti quei schei lì dovremmo avere un tesoretto da investire in ds/tecnico/squadra da B. A spanne gliene rimangono anche metà se fa bene le cose…..da mettere nei lidi fiscali più alla moda.
                      Ma forse me sto sbagliando….
                      Hellas Huber Alles

                      • bardamu scrive:

                        Eh, ma ghè altre spese: i magasinieri, i dotori, i masagiatori, l’afito del stadio e le bolete de la luce…Te vedarè che schei par el marcato non ghe ne sarà gnanca stano.

                      1. stefano 50 quasi 61 scrive:

                        si può ?

                        1. stefano 50/60 scrive:

                          sè pol ?

                          1. Maxhellas scrive:

                            Alla voce “COERENZA”:

                            Toni, che voleva fare il DS (o l’aiuto DS), è stato “allontanato” perché ritenuto troppo inesperto.
                            Tony D’Amico, invece pare sia espertissimo a priori.

                            Mi sembra una situazione del tutto in linea con la “filosofia” di Setti: contraddirsi sempre, non mantenere mai.

                            1. moreno scrive:

                              più che rider
                              ci sarà da pianger

                              1. Caniggia scrive:

                                Setti vendi per favore.

                                1. NIKE scrive:

                                  Caro Mauro la risposta alle tue domande è nella tua stessa domanda ovvero un DS deve avere principalmente esperienza cosa che Tony Manero non ha

                                  1. Cesare Settore Superiore scrive:

                                    Titolo del blog = COSA DEVE AVERE UN BUON DS
                                    Risposta = un buon presidente dietro alle sue spalle.
                                    Non un bandito
                                    Non un paraculo
                                    Non un paracadute

                                    1. bkl scrive:

                                      siamo alla farsa. sembra chiaro che hellas sia in mano a personaggi come BARRESI FUSCO D’AMICO… che NULLA hanno a che fare con la storia, il territorio, la vita della squadra e della città.
                                      mi chiedo a chi veramente deve riferire setti… FORZA GUARDIA DI FINANZA. vogliamo vederci trasparente…
                                      milioni di euro che girano in questa società e di cui non si capisce il destino.
                                      setti vattene.

                                      1. Mariino scrive:

                                        Bellissimo topic Mauro.Avra’ commosso e sensibilizzato il carpigiano reggiano?Dubito,mi sembra uno privo di emozioni,un’impalpabile uomo d’affari,cinico e spietato al punto giusto.Riusciranno i nostri eroi a farlo scendere da quel piedistallo tenuto in piedi da sabbia e merda?

                                      Lascia un Commento

                                      *