05
gen 2020
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 38 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.625

NON CI RESTA CHE… RIDERE.

Lo spessore e la grandezza di un uomo come Ivan Juric li puoi cogliere nelle piccole sfumature, nelle sue espressioni genuine che, non lo conoscessimo bene, potrebbero apparire persino ingenue.

È bastata l’intervista post partita di Sky per farmi cogliere quei piccoli dettagli che fanno di lui un uomo vero e, almeno nella sua attuale esperienza gialloblù, un vincente.

Ascolta i complimenti che gli arrivano dallo studio (in particolare da Massimo Ambrosini) senza che il suo volto subisca un pur minimo, impercettibile mutamento. Impassibile. In questo mi si passi il paragone, ha molto del grande Osvaldo Bagnoli, la cui mimica facciale era la stessa dopo una grande vittoria quanto dopo una cocente sconfitta.

Domande di prassi a cui risponde a modo suo, schietto diretto, senza fronzoli o concessioni dialettiche sterili.

È anche simpatico Ivan Juric e la butta sul ridere quando da studio gli chiedono: “Juric, come è stata costruita questa bella realtà, con diversi parametri zero, prestiti con diritto di riscatto e gratuiti?”.

Vorrebbe rispondere seriamente, è quasi tentato… ma il politicamente corretto non è nelle sue corde… scoppia quindi a ridere e si lascia andare ad un spontaneo quanto ahimè realistico… “senza soldi”.

Aggiungendo poi di aver voluto, proprio per le scarsissime risorse a disposizione, giocatori che conosceva bene, anche se finiti ai margini del calcio che conta (Veloso, Lazovic, Gunter), altri che teneva sott’occhio da tempo (Rrahmani), riconoscendo infine a Tony (D’Amico) il merito di aver scovato dal torneo cadetto belle realtà come Verre.

”Senza Soldi”… riferito ad una Società che negli ultimi 4 anni ha incassato centinaia di milioni tra paracadute e cessioni varie, ci sarebbe da piangere… ma, grazie a gioco e classifica, facciamo come Juric: almeno per adesso… ci ridiamo su.

 

 

3.625 VISUALIZZAZIONI

38 risposte a “NON CI RESTA CHE… RIDERE.”

Invia commento
  1. Denis scrive:

    Tornando a Pazzini…
    forse non è importante analizzare chi ha ragione o chi ha torto sul fatto che possa essere importante anche in serie A.
    Forse andrebbe rimarcata l'incapacità dei predecessori di Juric e relativi staff di portarlo ad un livello atletico adeguato al campionato attuale (e per mia opinione anche quello dello scorso anno). Il Pazzini visto domenica, atleticamente è stato il miglior Pazzini da almeno 2 anni a oggi.
    Del valore umano e morale all'interno dello spogliatoio nemmeno si inizia a parlare, mai una parola fuori posto.
    Quindi, onore a Juric, per essere stato sempre diretto e sincero per quanto affermava nelle interviste e nel suo operato sul giocatore. Altro che i 2 siensiati che lo hanno preceduto.

    • Maxhellas scrive:

      Stagione 2018/19 (serie B)

      Presenze: 24

      Reti: 10

      Minuti giocati: 1.410

      Quindi: 0,42 reti/presenze e 0,64 reti ogni 90 minuti

      Concluione: con queste medie bastava farlo giocare di più, altro che fuori forma o inadeguato.

      Stagione 2017/18 (serie A)

      Presenze: 19

      Reti: 4

      Minuti giocati: 924

      Quindi: 0,21 reti/presenze e 0,39 reti ogni 90 minuti

      Concluione: medie un po’ più basse, comunque assolutamente non sterili. Ricordiamoci che con 4 reti risultò miglior marcatore della squadra, a pari merito con Kean, che però giocò 1.131 minuti. Quindi, da mettere in campo comunque, viste le alternative (Romulo 3 reti, Cerci 3 reti, Valoti 3 reti, Caceres 3 reti e tutti gli altri con 2 reti o meno).

      Poi si può dire che era fuori forma e inadeguato, ma bisogna tenere presente quali erano le alternative che andavano in campo………..e se erano quelle maggiormente adeguate o in forma. Cosa che i numeri negano (non le opinioni).

      • Simone scrive:

        Max, però diciamola tutta. Lo scorso anno Pazzini ha fatto da titolare solo alcuni periodi e con Aglietti dopo l’idea iniziale di farlo partire titolare si è saggiamente deciso di gestirlo. Cosa fatta al
        Meglio tra l’altro. L’anno prima 4 gol tutti su rigore più uno su azione in Spagna. Non erano numeri importanti, non diciamo una cosa per un’altra. Il Pazzini visto a Ferrara è stato sicuramente per almeno 60 minuti il miglior pazzini visto qui anche per quanto riguarda il lavoro di squadra. Dopo mesi e mesi di preparazione specifica e mille difficoltà. Questo significa che l’investimento fatto sullo staff tecnico e atletico (mai fatto da anni) ha cominciato a far vedere, ora cioè a gennaio, dei frutti anche su di lui. Mentre si erano visti su tutto il resto della squadra fino a questo momento. Inoltre credo abbiamo giocato ma soprattutto visto tutti tanto calcio qui per non capire che una partita o un periodo buono non possono significare rinascita assicurata. Quindi inviterei alla cautela in questo senso. Per il Verona e per pazzini stesso. Dopo il gol al Real fatto col Levante si scrivevano le stesse cose. E poi sappiamo com’è andata. Credo che ora con questo staff tecnico e atletico la questione possa prendere un’altra piega. Ma occhio su facili entusiasmi e al non fissarsi Roma style su una figura sola. Specialmente ora che la sinfonia è più che mai collettiva.

        • Maxhellas scrive:

          Simone, ci fu un tizio, nel secolo scorso, che per primo iniziò a usare la statistica come strumento di lavoro per allenare una squadra di basket…..e ne venne fuori un mito, oltre a un metodo poi adottato da quasi tutti i suoi colleghi.

    1. Denis scrive:

      Maxhellas
      non fraintendermi, con il mio commento intendevo dire che nelle ultime 2 stagioni si sarebbe potuto sfruttare ancor di più se solo fosse stato fatto su di lui il lavoro operato da Juric.
      Per inciso, vale anche per altri giocatori della rosa. L'anno scorso, fino all'arrivo di Aglietti, i giocatori sono tutti peggiorati… tranne Silvestri, visto che non era allenato da Grosso.
      Mia opinione, Pazzini può benissimo essere il centravanti titolare di questa squadra, con Stepinski e Di Carmine pronti a subentrare.

      1. Riccardo scrive:

        prandelli
        pur di aver adeguati rinforzi, disse al Pastor che sarebbe rimasto anche gratis

        • Sick boy scrive:

          infatti dopo pur di prendere soldi e’ andato al Venezia in B.Intendiamoci,odiavo pastorello,ma no che prandelli passi da martire

        1. Martino scrive:

          No Simone, sono ben altri i tic che rendono palese la tua megalomania. Sei uno strano soggetto…di sicuro il tifoso gialloblu più atipico che sia mai esistito. Sono certo che lo prenderai come un complimento, giacché appunto non ti ha mai sfiorato l’anticamera del cervello la sensazione di essere in fallo. Ti sei creato un bel personaggio…proprio un bel personaggio

          • Martino scrive:

            Ad ogni modo, sia chiaro che non ho nulla contro di te. Sei una persona pacata e rispettosa, non trascendi mai in offese, solo che mi rimane il dubbio sulla tua genuinità, tanto sono astruse e ingiustificatamente bizantine molte delle tue considerazioni. Poco persona e molto personaggio diciamo. Parere mio eh…non pretendo certo che le mie elucubrazioni assurgano a verità infusa e calata dall’alto.

            • Simone scrive:

              Sul tifoso atipico può darsi, son un tipo atipico in qualsiasi contesto, seppur generalmente piuttosto apprezzato. Ma credo che questo non rappresenti un problema. Sui ragionamenti astrusi e tutto il resto naturalmente non sono minimamente d’accordo. Ma anche questo non credo rappresenti un problema. Sulla genuinità, la capiresti solo conoscendomi di persona. Ma non credo di meritare cotanta attenzione. E francamente non credo sia così importante. Pace amen.

          1. wallace scrive:

            simone
            come no, bravi a rigirar el buteleto ne la cuna. ti te e sempre dito che non era piu adeguato alla a, ma un buon inforzo da b. Sui due gol mangiati, anca faraoni el se na magna 1, anche veloso un quasi uno. Di carmine nol se ciapa nessun improperio, l è che nol val gnanca un ongia de pazzini. Fame na carita, magari mesora el le fasea anca 1 mese fa, infortunio a parte. Ahhh rigira el butin, che l è pronto

            • Simone scrive:

              Eppure ero io ad averti esplicitamente di stare tranquillo dicendoti che pazzini avrebbe giocato se e quando juric lo avrebbe ritenuto pronto, mentre tu parlavi di punizione. Memoria corta? E vogliamo fare di dimenticarci o far finta di non aver letto quando lo stesso Juric parlava di condizione non adeguata, lavoro personalizzato da inizio stagione e tutto il resto? Finché chi non sapeva e non vedeva le cose parlava ancora di punizione? Questo si chiama lavoro. E ora vediamo se lui continuerà fino a fine stagione a mantenere i ritmi della squadra. Sulla quale ho sentito parlare troppo poco da molti.

              • fred scrive:

                Simone, ma è proprio così difficile ammettere che forse, qualche volta, saltuariamente, per puro caso, puoi sbagliare anche tu? dai, ripeti con me: sul Pazzo mi sono sbagliato, sul Pazzo mi sono sbagliato, sul Pazzo….

                • Martino scrive:

                  Assa star, l’è un megalomane.

                  • Simone scrive:

                    Eh, purtroppo fidarsi di come Juric, il suo staff e il preparatore atletico gestiscono la squadra e le varie situazioni l’è da megalomani, lo so.

                • Simone scrive:

                  Cosa avrei sbagliato? Nel dire che Juric su di lui è stato chiaro e che lo ha fatto giocare a dicembre dopo mesi e mesi di preparazione personalizzata dopo periodi difficili dal punto di vista fisico e annate in cui ha avuto palesi difficoltà dovute, sempre secondo Juric, tra le altre cose al fatto che non forzava a sufficienza durante gli allenamenti? Gli allenamenti sono fondamentali. Quello che ora vorrei vedere è un giocatore capace di sostenere certi ritmi fino a fine campionato e non per poche partite. Perché è evidente che Juric, da allenatore moderno e di ispirazione gaspariniana qual è, pretende che il giocatore si allinei ai ritmi della squadra (e lo puoi fare solo attraverso il lavoro) e non viceversa. Se vedremo questo, sicuramente avremo un’arma importante in più. Altrimenti andremo avanti come abbiamo fatto prima. Che tra l’altro non era male lo stesso dati i risultati. A me sembra tutto estremamente logico.

            1. bardamu scrive:

              E’ verissimo ciò che scrivi, caro Mauro. Juric si sta dimostrando una bella e simpatica persona, oltre che un ottimo allenatore. Non ho visto l’intervista su SKY perché ero a Ferrara, ma se è vera la domanda che gli è stata posta significa che persino i solitamente prudenti commentatori di SKY hanno capito come è stata costruita questa squadra.
              E, purtroppo, come verrà smantellata.
              Godiamoci l’attimo, come Orazio e Lorenzo il Magnifico ci ammoniscono a fare da secoli.
              Il rimpianto più grande, almeno per me, sarebbe quello di dovere salutare l’artefice di questo miracolo a fine stagione. I giocatori si possono rimpiazzare, un allenatore così è molto difficile.

              1. Cesare Settore Superiore scrive:

                Chiedo scusa per il mio intrrvento del tutto off topic. Ma certe cose bisogna dirle e farle presenti, anche se magari non servono a far cambiare lo stato delle cose. Ma vanno dette comunque.

                Messaggio whatsapp ricevuto da un ultra’ laziale domenicsa pomeriggio verso le ore 16.
                Sono di ritorno da Brescia ed ero presente nel settore ospiti, lo dico perché Mario Balotelli non è mai stato insultato una sola volta per il colore della sua pelle.
                Nessun ululato, nè offese razziste per questo “provocatore”, che dopo la rete segnata si è rivolto a noi, dicendoci che non ci sentiva in segno di sfida.
                Solo da quel momento abbiamo cominciato a fare cori nei suoi confronti.
                “Balotelli figlio di pu**ana!”
                “Tiraci il pallone, Balotelli tiraci il pallone”
                Non credo siano insulti razzisti e sono cori che almeno da quando ho memoria da tifoso, si sentono in tutti gli stadi d’Italia.
                Questa persona è diventata ricca e continua a far parlare di se, non per quello che di buono dovrebbe far vedere in campo un calciatore, ma perché scientemente cavalca l’onda mediatica della persecuzione razzista nei suoi confronti.
                Bisogna stigmatizzare ogni forma di discriminazione e razzismo, ma inventarsi bugie solo per veicolare il proprio nome sui vari media, è qualcosa di squallido e ignobile.
                Caro Mario Balotelli, oggi l’ho insultata non per il suo colore della pelle o per le sue origini, ma semplicemente perché è un “omuncolo”.
                E un “omuncolo” può essere bianco, nero o giallo, sempre un “omuncolo” resta e non merita rispetto e considerazione…
                È giusto che tutte le persone che non erano presenti a Brescia sappiano la verità e non diano credito a quello che vorrebbero far credere alcuni giornali e tv.
                Ciao Mario… e ti potrei dire che oggi te sei riccamente attaccato a ‘sta banana, ma poi qualcuno potrebbe tacciarmi di essere razzista, quindi ti saluto dicendoti che te sei attaccato ar CA… ICEDO pure tu!

                • Stefano scrive:

                  Balotelli l’è solo uno che l’ha capio ben come far schei e far parlar de lu approfittando del sistema mediatico italiano.

                • stefano 50/60 scrive:

                  senza contare che i media han parlicchiato dei fatti di sbressia……e non parlano più dei risultati delle indagini a Verona perchè smentiscono tutti quei fori di preservativo che purtroppo hanno l uso della lingua che gli andrebbe invece mozzata……Cesarone, buon anno…….quel mediocre. mediocrissimo, giocatore è stato portato alla ricchezza da chi attinge alla sua ricchezza………non entra più in area…segna sui rimpalli….tira da 25 metri quando non è marcato……..e gente assai milgiore di lui vegeta nelle categorie inferiori perchè non ha un pizzaiolo terzelementarista campano al suo fianco che lo piazza qua e la probabilente minacciando i presidenti che riluttanti non avrebbero più altri giocatori…..il bresciano è una persona disturbata mentalmente, ha ormai lo sguardo in acqua e finirà nel dimenticatoioi appena smetterà di entrare in campo, magari lo schiereranno nelle file della sinistra illuminata come la boldirni la cirinnà la sorella di cucchi e altre deliziose figure simili….siamo già nell epoca che se affermi che due più due fa quattro ti mandano in siberia e devi lottare per affermarlo……pensa se tutta quella gente, compresa in studio alla domenica sporitva, dovesse veramente guadagnarsi onestamente il pane, morirebbe di fame in meno di un mese……sono un esercito di viscidi loschi moccicosi vermi……..sono la rovina del mondo……e manovrano diversi burattini come il mario che in un calcio normale faticherebbe a giocare nei tornei arci uisp……sta finendo la carriera e se vuole mantenere il suo stile di vita dovrà vendere se stesso molto più di quanto stia facendo ora….

                1. wallace scrive:

                  bruce
                  ecco vedito, anca mi sbaglio, e lo ammetto. quello che hai detto ti fa onore, e no digo altro

                  1. bruce scrive:

                    Io per primo mi cospargo il capo di cenere per aver definito il Pazzo finito a livello atletico e invece ieri sono stato felicemente smentito nel senso che non me lo aspettavo dal primo minuto e soprattutto in grado di reggere una partita intera. A questo punto con uno Stepinski in crescita e con il rientro a Febbraio di Salcedo direi che in attacco siamo a posto.

                    1. wallace scrive:

                      martino
                      porta pasiensa, gavarò l alsaimer, ma no ho capio chi l e sto saugo con la foto de iturbe.

                      1. wallace scrive:

                        martino
                        scusa, ma chi e lo scendiletto. Dovresti dare dei riferimenti, mi son vecio e capiso poco, sono all antica, e di un calcio che non esiste piu, dice chi ha pochi argomenti

                        • Martino scrive:

                          Ah, e l’altra volta facevo il verso a chi criticava te e Bruce con quegli argomenti. No podo sempre tajartele zo col flessibile. Capiso che te sto sui maroni, ma te se un po’ massa prevegnuo.

                        • Martino scrive:

                          Wallace, palesemente me riferiso al saugo con la foto de Iturbe.

                        1. Martino scrive:

                          Lo scendiletto di Setti che dà del poveretto ad un uomo conosciuto e apprezzato proprio per il suo spessore morale e intellettuale. Chissà quante altre gag esilaranti ci riserverà questo duemilaeventi di guerra.

                          1. wallace scrive:

                            fenomeno
                            infatti ti, che te si el piu furbo, te disei che l e da ricovero, ti, simone, e resto dei dandy del presidente. Lasa perdar, anca davanti alla realta voli sempre cambiar i discorsi. Ricordo molti di voi sostenere che doveva stare fuori xche non copriva e non era adatto al gioco di juric. Ieri lo stesso juric vi ha smentiti, dicendo che col senno di poi, doveva farlo giocare prima. Tutti boni adesso de parlar, intanto stepinski, che mi ho sempre difeso,l a segna anca ieri

                            • Fenomeno scrive:

                              Trovami un mio messaggio dove critico Pazzini….

                            • Simone scrive:

                              Infatti lo ha fatto giocare da fine dicembre dopo averlo fatto lavorare con un preparatore atletico personale dalla scorsa estate per farlo arrivare pronto ai ritmi del resto della squadra, tra un problema fisico e l’altro. Ora che forse è arrivato a livello (anche se ha finito stremato nel secondo tempo dopo un grande lavoro ma anche due gol sprecati, lo avesse fatto Di Carmine chissà quanti improperi…), tutti ci auguriamo ci possa rimanere in più possibile, fosse anche per un tempo a partita.

                            1. wallace scrive:

                              e un discorso trito
                              ma abbiamo veramente un misero presidente. Questanno, x merito di juric, ha giocatori appetibili a molti, e lui va gia a combinarli a gennaio. Il ds del brescia ha dichiarato che tonali non si muove fino al termine della stagione, e poi partira l asta. C e anche l interessamento del psg x il giocatore, chiaro che il prezzo dovrebbe lievitare.Il nostro invece va col cappello in mano, o le mudande, a darghelo subito al diversamente nordico. Anca un buteleto el lo capise, mi de laurentis lo faria svenar se el le vol, se no li prendono altri, no ghe problema. In man a sartori, il gioco sarebbe diverso.

                              1. Fenomeno scrive:

                                Certo che esultare ad un goal di Pazzini e sbandierare la cosa cone contrapposizione ai lacchè del presidente quando gente che ha criticato pazzini non ce n’è mai stata è proprio da poveretti

                                1. Matteo scrive:

                                  (el Teo)
                                  ho già detto sul blog del Vigo tempo fa!
                                  il problema non è vendere al primo offerente qualsiasi giocatore anche a costo di saldo, il problema è non re-investire i soldi che ti entrano, e tra plusvalenze, paracadute e stipendi alti tagliati non è concepibile dopo 5 anni non essere ancora in grado o di fare partire un'asta per i tuoi big o re-investire le entrate…misteri

                                  1. Nessuna Resa! scrive:

                                    Concordo Mauro e Juric meriterebbe l’oscar solo per quello che dice nelle interviste, mai banali e scontate dopo tre anni della stessa fastidiosa arrogante litania del duo Pecchia-Grosso. Ma in effetti e non è la prima volta che lo stesso Juric lo rimarca, dire che questa società è inferiore economicamente a TUTTE le altre (neopromosse comprese) fa pensare. 2 paracaduti incassati x 50 mln, 5 anni in A negli ultimi 7 con tanto di diritti Tv incassati, nonché sponsor ecc per decine e decine di milioni e siamo ancora la “cenerentola” del torneo?! Qualcosa non quadra! Ma purtroppo conosciamo già tutti la risposta, chiedere a Carpi…

                                    1. bruce scrive:

                                      Ormai è diventato il nostro mantra, godiamoci il momento, sperando che a fine anno Juric non faccia come Cesare Prandelli esattamente vent’anni fa.

                                    Rispondi a bruce

                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                    Accetto i termini sulla privacy

                                    *