02
lug 2020
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 19 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.453

VASCA UDA… VASCA PIENA?

E arrivò Verona-Parma. E con essa la conferma che senza gli 11 titolari della formazione tipo,  siamo squadra da metà classifica, ma con questi dentro, è arrivata una vittoria sofferta quanto meritata e il quasi aggancio al 7 posto (Pioli ringrazia ancora adesso lo spallino Vicari per l’autogol).

-1 dal Milan che avrà in sequenza: Lazio nell’inespugnabile fortino dell’Olimpico, Juventus e Napoli. Con tutto il rispetto per il blasone rossonero, per il Milan di oggi, sulla carta,  è un trittico da zero punti.

L’Hellas per contro sfiderà il Brescia fuori casa, fanalino di coda e reduce dalla scoppola tennistica contro l’Inter e a seguire Inter al Bentegodi e Viola al Franchi.

Meglio non fare pronostici ma di punti questo Verona ne può fare eccome e fossi nell’Inter rammenterei a Conte come è caduta la Juventus in casa dei gialloblu.

Liberi di testa (non ci ho mai creduto avessero patemi d’animo da salvezza), la vera incognita per i ragazzi di Juric sarà la condizione fisica e le squalifiche.

Che le seconde linee siano lontanissime per qualità tecnica dai titolari lo si è visto nel primo tempo contro il Parma. A rincuorare è la maturazione definitiva di Zaccagni e un Di Carmine che quando gioca finisce sempre per incidere sul risultato.

Per sognare serve tuttavia un salto di qualità di De Marco, un Dawidowicz più in forma,  un Veloso meno sprecone, il miglior Badu visto contro il Cagliari, un Borini formato  pre stop campionato, e a mio avviso, avere da parte di Juric un po’ più di fiducia in Pazzini. Quando navighi in acque alte servono capitani coraggiosi e, mi si permetta, quando chiamato in causa, il Pazzo non ha mai deluso.

Detto questo. Siamo salvi. Sarà serie A anche il prossimo anno.

Per quanto vissuto nel recente passato la salvezza meriterebbe un bel bagno nella vasca della Brà, ma a noi dell‘Hellas piace soffrire e l’averla ottenuta con 9 giornate di anticipo ha tolto qualsiasi ansia e stress. Ció non toglie che il traguardo era tutt’altro che scontato e rendere merito a questo Verona (tutti indistintamente) è doveroso.

C’è un’altro possibile motivo per  cui la vasca della Brà potrebbe tra poco più di un mesetto riempirsi di gialloblù. Ma per scaramanzia fermiamoci qui.

3.453 VISUALIZZAZIONI

19 risposte a “VASCA UDA… VASCA PIENA?”

Invia commento
  1. wallace scrive:

    cinghiale bianco
    ma ti, sa feto qua, va dal to amigo betteghella, no?? se l hellas non e la tua squadra, va ad interessarti se alla pantalona hanno deciso di prendere suprayen o balkovecz, l unica roba bona che gavi l e aglietti, non sarete mai l hellas, ma si e no una mezza succursale, fatevene una ragione

    1. Cesare Settore Superiore scrive:

      Salve.
      Supponiamo che un tifoso non abbia mai preso un daspo, mai partecipato ad una manifestazione, mai pensato di essere presente ad una carica contro avversari o sbirri. Insomma tale smidollato mollusco non ha tenuto dei comportamenti criminosi a
      (altrimenti gli avrebbero dato il daspo giusto?). Questa persona, offesa per la mancanza di stimoli e di verve, al posto di fare autocritica e di rimproverarsi per quanto ha sempre lasciato incompiuto, preferisce prendersela con chi ha idee diametralmente opposte alle sue.
      Le classiche categorie, ad esempio tifosi di compagini che hanno una storia ed una tradizione, fascisti, idealisti ecc. Lui no, non è e non potrà mai essere così. Lui daltronde ha scelto da anni di parteggiare (naturalmente dal divanetto di casa sua) per una squadra dovunque e comunque sconosciuta, senza trofei, senza storia, senza simboli ne colori, ne stadio, tutte cose rubacchiate nel tempo agli avversari. Una gran squadra la sua, con un presidente onestissimo, che non è compiacente con i potenti, che rifiuta qualsiasi accusa di complottismo, che guai a svendere le partite in casa in cambio di piccoli favori, che a Cesena va a comprarci solo le pesche e non a imtrallazzare su presunte vendite di tesserati sconosciuti a prezzi astronomico allo scopo di taroccare i bilanci e restare in qualunque modo in sella…
      Da qui la deriva, con gli altri. Ma gli altri chi?
      Quelli che tifano per l’unica vera squadra calcistica di una città chiamata Verona, che diventano la causa di tutte le sue seghe mentali, i responsabili delle varie sciagure sportive dei propri onesti ed integri campioncini (ben 19 anni di permanenza più o meno stabile in serie A, mica scherzi!).
      Una compagine capace di innumerevoli campionati di assoluto livello, di un superbomber del torneo qualche stagione fa (oggi uomo immagine detali sconosciuti), con pieni poteri per operare in maniera intelligente sul mercato e di costruire un futuro nella serieche merita (tra l’altro mercato svolto in cooperazione con il suo “bandito complice e asservito” del proprietario.
      e da un allenatore considerato l’ultima ruota del carro, entrambi accolti…diciamo con una certa diffidenza al loro arrivo), la certezza di ottenere ottime plusvalenze da perfetti sconosciuti e via dicendo… E nelle migliore stagioni degli ultimi venti anni cosa fa il nostro esempio di mollusco? È contento? Gioisce per i successi della sua squadra? Macché! Passa le giornate sui blog degli avversari di tggialloblu a rompere i coglioni, a provocare, a cercare il modo più semplice per farsi insultare, a rimarginare agli altro le cose sgradite. Poco supportato da post di benpensanti come lui. Mica ce ne sono tanti di simili nullità cosmiche.
      Lui dalla sua fedele e vetusta tastiera non fa altro che copiare ed incollare quanto scritto negli ultimi cinque anni per sminuire, per demoralizzare, per rinvangare. Per nascondere il proprio disagio sociale nei confronti dei tifosi normali. Il nostro esempio non si ricotdamai dei decenni trascorsi in lega Pro e nei campiinati semiprofessionistici, non cita mai le epiche trasferte in stupendi stadi e con incredibili folle di pseudogemellati tipo Castel Sangro…
      Colto dal solito raptus di onnipotenza settimanale da tastiera e dal romantico ricordo degli anni passati (…e della possibilità di accedere allo stadio, benché lui in realtà non vi ha mai messo piede), entra nei blog degli avversari con il suo solito simpatico modo garbato di rimembrare i trascorsi belli (Brema) e brutti (crociere in Brasile).
      Senza mai lasciarsi andare ad orribili epiteti del genere “renso” o “triste” o “ceolto” per il suo amato parroco “suonatordicampaneinsegnodifesta” corrispondono al peccato peggiore di quello commesso dalla mitica Eva.
      Lui non prova alcuna emozione nel rompere i coglioni a chi possiede un briciolo di acume ed un punto di vista diverso dal suo. Magari perché semplicemente felice e contento della meravigliosa stagione propinatagli dai suoi eroi rubagalline.
      Beato lui…
      Concludo con un doveroso ringraziamento all’uomo che in soli 13 mesi ha saputo finalmente rimettere le cose al loro posto giusto.
      Grazie al grande Alfredo Aglietti, altri cento di questi exploit…

      1. wallace scrive:

        caro Micheloni
        non puoi parlare, ma tu che ti sei esposto, io no, ma ho sempre sostenuto, avevamo ragione..ride bene..

        1. Cinghiale Bianco scrive:

          "inespugnabile fortino dell'Olimpico" e "trittico da zero punti". Siete fortunati ad essere arrivati a 40, altrimenti con queste gufate rischiavate seriamente di retrocedere

          1. Luca scrive:

            "Sulla carta, un trittico da zero punti"

            Madonna che gufate

            1. Cinghiale Bianco scrive:

              Caro Cesare, cercherò di spiegarmi meglio con un esempio. Supponiamo che un tifoso abbia preso un daspo, perché magari ha tenuto dei comportamenti criminosi allo stadio (altrimenti non gli avrebbero dato il daspo giusto?). Questa persona, offesa per il presunto torto ricevuto, al posto di fare autocritica e di rimproverarsi per quanto compiuto, preferisce prendersela con chi l'ha punito (le classiche categorie, ad esempio poliziotti terroni, giudici comunisti e, perché no, presidente compiacente e complottista). Da qui la deriva, con il presidente (o meglio proprietario) che diventa la causa di tutti i mali e di tutte le sciagure sportive del Verona. Fin qui mi segui? Si parlava di sciagure sportive, quindi permanenza più o meno stabile in serie A, campionati di discreto livello, un capocannoniere del torneo qualche stagione fa, la possibilità di operare in maniera intelligente sul mercato e di costruire un futuro (tra l'altro mercato svolto da un altro "bandito complice e asservito" del proprietario e da un allenatore considerato l'ultima ruota del carro, entrambi accolti…diciamo con una certa diffidenza al loro arrivo), la certezza di ottenere ottime plusvalenze da perfetti sconosciuti e via dicendo… E nella migliore stagione degli ultimi venti, trent'anni cosa fa il nostro esempio? È contento? Gioisce per i successi della sua squadra? Macché! Passa le giornate sui blog di tggialloblu a lamentarsi, a piangere, ad insultare la società, a prevedere sciagure imminenti (supportato da ridondanti post di benpensanti come lui che non fanno altro che copiare ed incollare quanto scritto negli ultimi cinque anni). Anzi, aggiungo che il nostro esempio arriva a rimpiangere gli anni della lega Pro e delle epiche trasferte in stadi fatiscenti del meridione! (altro che Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic al Binti!!). Colto da malinconia e dal romantico ricordo degli anni passati (…e della possibilità di accedere allo stadio), è solito rimbrare i nobili trascorsi ("ma ti gherito a Brema?", "mi da butin nel lontano 64…") o lasciarsi andare ad epiteti del genere "renso" o "triste" o "ceolto" per chi prova a proporre un punto di vista diverso dal suo, magari perché semplicemente grato della stagione in corso. Ti è più chiaro il quadro adesso? O devo tagliartela giù meglio?

              1. Cinghiale Bianco scrive:

                Caro Luca, certo e lo sono tutt'ora. Dal profondo del pozzo nel quale mi sono infilato guardo (e invidio) la luce di chi sta in cima. E poi mi annoio, profondamente, sdraiato al sole di una splendida località marittima dopo sono solito trascorrere le mie estati

                1. Luca scrive:

                  "Cinghiale Bianco"

                  Ma non eri tifoso del Ceo fino a non più di 5 mesi fa?

                  1. Cinghiale Bianco scrive:

                    Ovviamente è sempre gradito il punto di vista del blogger, che si è fatto molto silenzioso in questi ultimi tempi

                    1. Luca scrive:

                      "L'inespugnabile fortino dell'Olimpico"
                      cit.

                      1. Cinghiale Bianco scrive:

                        Fenomeno, il mantra è attaccare sempre e comunque la società, nella persona del presidente. Non conosci l'antico adagio di quello che si è tagliato i cogl***i per fargliela alla moglie?

                        • Fenomeno scrive:

                          Si per carità, però non è facendo passare per colpe ignobili delle cose normalissime che il loro dissenso acquista forza…mi piacerebbe sapere in quanti campionati nella storia del Verona le seconde linee siano state all’altezza dei titolari

                          • Cesare Settore Superiore scrive:

                            Caspita, non uno, ma addirittura 2 utenti che fa mirabili esempi che calza a pennello, in linea col discorso e col topic, veramente tanto di cappello.
                            A mi che son un poro ignorante, me disito sa l’è un mantra?
                            E sza che te ghe si, anca cosa te intendi con l’antico adagio, Elo un vecio che va pian pianin?
                            vuto far, noialtri contestatori ignoranti certi vocaboli da ceoloti eruditi non li conossemo proprio…

                        1. Fenomeno scrive:

                          Il senso del mio discorso era un altro ma pur di dare contro a setti cosa che potrebbe anche essere condivisibile spesso e volentieri si enfatizzano solo determinate cose…è ovvio che gli strisciati di Torino hanno una panchina infinita rispetto a noi ma se di questi tempi fanno entrare anche Muratore ed Olivieri significa che il periodo così normale proprio non è ed urlare ai quattro venti che la nostra panchina è corta mi sembra alquanto sterile ed ingeneroso con chi è sceso in campo in questa stagione dando sempre il massimo…ah, ma adesso il problema è che non siamo attrezzati per l’Europa….chiedo venia

                          1. fenomeno scrive:

                            Guarda che il tanto decantato Sassuolo contro di noi ha fatto la stessa cosa….i titolarissimi Traorè e Boga in panchina all’inizio per giocarseli dopo…è così difficile notare che in questa appendice straordinaria dove si gioca ogni tre giorni con trenta gradi stanno tutti facendo turnover e 18-20 giocatori dello stesso livello non li ha quasi nessuno?…nella squadra strisciata di Torino in queste partite sono entrati pure i fanomeni Muratore e Olivieri…eh no, ma siamo noi che abbiamo la panchina corta…

                            • Cesare Settore Superiore scrive:

                              I subentrati HV nelle 4 partite finora disputate post pandemia:
                              Veloso, Zaccagni, Di Marco, Pazzini, Salcedo, Pessina, Stepinski, Empereur, Badu, Verre.

                              La rubentus di partite ne ha giocate 3.
                              A Bologna erano entrati Danilo, Matuidi, Ramsey, Douglas Costa.
                              Contro il Lecce sono subentrati Douglas Costa, Ramsey, Higuain, Muratore.
                              Invece a Genova Sarri ha fatto entrare Douglas Costa, Ramsey, Higuain, Olivieri e Matuidi.
                              Hai ragione fenomeno. Noi si che abbiamo la panchina lunga, altro che la rubentus! Grazie al munifico presedente Setti per la nostra copiosissima panchina lunga, e’ Agnelli quelloche non ha capito nulla!

                            1. Luca scrive:

                              …. è del tutto impensabile che nella corsa rientri anche la Roma (0 punti ultime 2 e ambiente piuttosto in subbuglio)?

                              1. Cinghiale Bianco scrive:

                                Articolo profondo ed interessante, pieno di notevoli spunti e motivi di riflessione. Per fortuna che ogni tanto ci vengono fornite queste perle editoriali. Ma..parlando d'altro…perché non rispondi alla domanda che ti ho posto nel tuo ultimo post?

                              Lascia un Commento

                              Accetto i termini e condizioni del servizio

                              Accetto i termini sulla privacy

                              *