05
mar 2017
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.884

IL PAGELLONE DI BRESCIA-H.VERONA

NICOLAS 6. Nessun intervento di rilievo, ha pulito bene l’area su un paio di punizioni messe dentro dall’esterno e niente più. Giornata relativamente tranquilla.

FERRARI 6,5. Caparbio, deciso nei contrasti, buona spinta e buone sovrapposizioni. Poteva far meglio dal punto di vista tecnico (nella qualità al cross e nel limare qualche imprecisione), ma conferma con la continuità nell’impiego anche la fase di crescita.

BIANCHETTI 5,5. Come settimana scorsa mette lo zampino nell’azione del gol ma dietro è stato spesso incerto ed è andato in difficoltà nell’uno contro uno sia con Caracciolo (che ha leve lunghe e a cui è bastata una finta in un corpo a corpo per mandarlo dall’altra parte) e sia nel secondo tempo con Bonazzoli.

CARACCIOLO 6,5. Ha risposto con concentrazione e personalità ai fischi del suo vecchio pubblico, che voleva condizionarne la prova. Importante soprattutto un intervento con la punta del piede in area di rigore su un’incursione pericolosa del Brescia subito prima dei 5’ di recupero, che ha salvato un imbarazzo nell’area di rigore del Verona.

SOUPRAYEN 5,5. Partecipa sempre allo sviluppo dell’azione, ma poco brillante nella spinta e sempre in difficoltà in fase difensiva. Un po’ per la mancanza di coperture preventive (come all’inizio sul primo attacco del Brescia che ha spostato rapidamente palla da sinistra a destra, in cui non c’era perché era rimasto alto), un po’ per qualche lettura sbagliata (quando stringere, quando stare largo), un po’ nell’uno contro uno contro un avversario apparso modesto come Camara.

ZACCAGNI 6,5. La zampata preziosissima che ha deciso la partita e altro con la solita interpretazione di più ruoli nella stessa gara: prima interno di centrocampo, poi alto a destra, poi ancora interno di centrocampo. Bene quando ha giocato semplice, un po’ meno quando ha cercato di fare da solo (soprattutto in ripartenza) mostrando eccessiva sicurezza dei propri mezzi.

dal 22’ Fossati 6-. Un po’ a sorpresa fuori dall’undici titolare (terza consecutiva) ha dato più solidità al centrocampo in un momento di partita in cui il Verona ha sprecato moltissimo in ripartenza, ma non anche mai veramente rischiato contro un Brescia solo offensivo. Il meno è per quell’intervento, ingenuo, nel recupero, che ha regalato al Brescia una punizione dal limite dell’area e anche l’unico modo per rendersi pericoloso.

B.ZUCULINI 6+. Giocatore meno dinamico di Fossati, che ha sostituito nei compiti e nel ruolo, ma importantissimo nel dare equilibrio a una metà campo sempre molto propositiva con Romulo da una parte e Zaccagni/Bessa dall’altra. Non ruba l’occhio, anche se poi cifre alla mano gioca decine e decine di palloni, sembra poco appariscente, ma è in crescita, tatticamente è una sicurezza ed è fondamentale per tamponare le ripartenze avversarie.

ROMULO 6,5. La pochezza della metà campo avversaria gli ha concesso quell’anarchia stavolta molto positiva che lo ha portato soprattutto nel primo tempo a giocare a tutto campo, creando diverse situazioni pericolose. Meno vivace e meno lucido nel secondo tempo, soprattutto nella gestione e nella finalizzazione di un paio di ripartenza.

FARES 6-. Ha fatto il compitino. Sicuramente più a suo agio da attaccante esterno rispetto alla posizione che Pecchia gli aveva disegnato a Frosinone, ha aiutato Souprayen sulla catena di sinistra e ha cercato di rendersi utile con qualche iniziativa soprattutto nel primo tempo. Con scelte però quasi mai azzeccate.

dal 17’ s.t. F.Zuculini 6-. E’ entrato bene, non ha mai tirato via la gamba, è stato anche pericoloso nell’area avversaria ribadendo ulteriormente la superiorità del centrocampo del Verona rispetto a quello del Brescia. Ma mezzo punto in meno per la gestione scellerata di un paio di ripartenze: una in cui ha tirato da centrocampo ignorando due compagni liberi di andare in porta e una in cui invece, forse per l’errore precedente, non ha calciato da ottima posizione sciupando l’ennesima opportunità di chiudere la partita.

PAZZINI 6. Ha impegnato i due centrali finendo però per subire molto la gabbia che gli ha costruito intorno Pecchia e la fisicità di Blanchard. Poca lucidità in area di rigore (dove gli è mancato lo spunto nonostante più di un pallone interessante) e nell’appoggiarsi sugli esterni, ma ha speso tantissimo per aiutare la squadra e per cercarsi il pallone lontano dalle sue zone di gioco.

dal 37’ s.t. Cappelluzzo s.v.

BESSA 6,5. Gli è mancato il gol. Ha avuto un paio di occasioni importanti ma non gli si può chiedere tutto: ha costruito, recuperato palloni, rifinito; ma è anche rientrato diverse volte ad aiutare la difesa unendo tecnica e corsa (tanta corsa). Normale che poi sia mancata un po’ di lucidità sotto porta.

PECCHIA 6,5. Scelte iniziali che hanno destato qualche perplessità (Fares, Franco Zuculini in panchina), ma squadra che ha vinto (ed è la seconda consecutiva), che è stata superiore dal punto di vista del gioco (Verona con la manovra, Brescia solo in verticale) e che ha interpretato bene la partita nei due tempi. Unico neo la mancanza di concretezza in un secondo tempo dove il Verona ha avuto almeno sei o sette ripartenze in campo aperto per andare a segnare e la paura, molto emotiva, del finale.

Arbitro Aureliano 6. Ha lasciato correre molto, sin troppo a volte, ignorando anche qualche trattenuta da giallo. Ma ha usato la stessa linea da entrambe le parti senza condizionare la partita.

2.884 VISUALIZZAZIONI

11 risposte a “IL PAGELLONE DI BRESCIA-H.VERONA”

Invia commento
    1. el Santo scrive:

      E’ il bomber indiscusso, gli auguro di segnarne 26 cosi resterà nella storia provvisoria dell’Hellas, e di portarci dove meritiamo.
      Ma francamente oggi Pazzini ho commesso una mole di errori che se li commettesse uno qualsiasi della rosa, non entrerebbe più in campo.
      Stefano la “gabbia” può avergli impedito di segnare, ma tecnicamente il suo voto è da 5- -

      • Maxx scrive:

        Per me Pazzini non ha giocato da prima punta quale dovrebbe essere, ma COMUNQUE non mi è dispiaciuto. Squadra tesa e Pazzini teso che fa il gregario. Giusto così: dopo una vittoria importante in termini di testa, era MOLTO più importante ripetersi.

        • el Santo scrive:

          Credo che il Conte MaXXX Orsini Varaldo > https://www.youtube.com/watch?v=O6mC_2-aJjI
          abbia visto la partita su un due pollici.
          Nessuno discute il bomber in generale, solo un tordo può farlo, ma a Brescia ha sbagliato appoggi elementari in gran copia (una p sola).

          • Maxx scrive:

            Non ho la possibilità del replay e non mi impunto. Ma ho visto più di qualche giocatore sbagliare in condizioni di tensione. Pazzini non mi sembrava avesse fatto peggio del lecito.

            Ps. Sono più propenso all’esultanza che alla critica. E’ un mio limite che accetto volentieri.

      • Caniggia scrive:

        Su Pazzini condivido col dottor Ognissanti, ma OBTORTO COLLO dico che Rasulo ha ragione PRO BONO PACIS. ;-)

      • el Santo scrive:

        Comunque buoni segnali di gioco da un buon Verona.

      1. Maxhellas scrive:

        Non del tutto d’accordo col giudizio su Suprayen, che secondo me merita la sufficienza.
        Su Romulo, ok, è bravo e lo sappiamo. Ma continua a giocare un po’ troppo da solo e questo finisce per sprecare almeno la metà delle sue qualità.
        Nel complesso, dopo parecchie partite opache, al di là dei risultati, la prestazione di ieri mi è piaciuta, sia nell’atteggiamento, sia nel gioco espresso. Un 6 pieno, direi. Che poteva essere anche di più, se non ci fossero stati tutti quegli svarioni in attacco, con parecchie giocate che sono apparse a volte frettolose, altre volte egoistiche.
        Squadra in crescita.

        1. Mattia scrive:

          Io rasulo non so quale partita tu abbia visto tra un bicchiere di vino e altro,ma romulo esempio ha giocato molto meglio nel secondo tempo,e lo stesso Ferrari molto meglio nella fase di spinta che difensiva.
          Souprayen idem ha fatto un secondo tempo di alti livelli

          1. Dandy scrive:

            Ferrari molto bene. Meglio di Pisano. Sarebbe da prendere subito a titolo definitivo.

          Lascia un Commento

          *