30
apr 2018
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.884

DOLOROSO… MA INEVITABILE

Si badi bene… l’esonero di Maran non è figlio della partita contro la Roma. La situazione era tesa da qualche mese ed era quasi inevitabile si arrivasse a questo epilogo. Molti si chiedono se abbia senso cambiare a tre giornate dalla fine. La verità è che Campedelli non ha mai esonerato a caso (sia chiaro, non rinnego le critiche mosse all’esonero di Corini che pagò oltremodo quell’inizio di stagione). Il presidente è uno di cuore: uno che sta male per il Chievo, male dentro e che soffre per la sua squadra. Sono certo che dire “Cambiamo Maran” sia stata una delle decisioni più dure del suo percorso perchè a quell’aria fredda e distaccata davanti alle telecamere fa da contraltare un uomo che per il Chievo si butterebbe nel fuoco. Non è bello parlare adesso a giochi fatti: Maran ha fatto un grandissimo lavoro al Chievo, ha ottenuto risultati eccellenti e gli va dato il merito di quanto raggiunto. Il suo cammino col Chievo, lo dico senza timore di essere smentito, si sarebbe comunque concluso a fine anno a prescindere dal risultato (ricordo che ha un contratto che si rinnova automaticamente in caso di salvezza). Era finito un ciclo ed è chiaro  però che una separazione così traumatica a tre giornate dalla fine non piaccia.

Arriva Lorenzo D’Anna, pupillo del presidente, un altro da Chievo. Uno storico, della vecchia guardia che adesso si giocherà l’occasione della vita. Con la Primavera ha dimostrato di essere un tecnico capace e preparato… adesso manca l’appello con i grandi, non è la stessa cosa… A lui il compito di traghettare la squadra alla salvezza… e poi, voglio sbilanciarmi, anche di costruire il Chievo del futuro…

1.884 VISUALIZZAZIONI

11 risposte a “DOLOROSO… MA INEVITABILE”

Invia commento
  1. Pacein scrive:

    E’ triste essere terz’ultimi in classifica con Maran esonerato.

    Mai e poi mai l’avrei pensato ma è la realtà. Serve uno scossone che solo un cambio di allenatore può dare. Non credo che perderemo contro il Crotone ma è inutile nasconderlo: è la partita dell’anno. Quindi giusto così

    Maran ha comunque portato delle novità in questi anni e bisogna dargliene atto: erano tre/quattro stagioni che ci salvavamo senza affanni, gioco più piacevole, squadra compatta e partite divertenti (a parte leultime 15/20), Cosa sia realmente accaduto quest’anno devo ancora capirlo ma le prospettive per salvarci ci sono tutte.

    Quindi ben venga D’Anna anche se credo non farà rivoluzioni ma proseguirà sulla falsa riga di Maran

    Io credo che le tre più probabili siano Benevento Verona e Cagliari.

    • putto scrive:

      Ciao, forse il cambio in panchina era da fare prima, ma sono sicuro che decisione (esonero), scelta (D’Anna) e momento (sfida salvezza) siano assolutamente condivisibili. Come dici, un tentativo doveroso di provare a intervenire per cercare di dare una mano alla squadra, nell’unico modo possibile. Bello e giusto il tuo tributo a Maran, non si può dimenticare quanto di buono ha fatto in tante stagioni, anche la società lo ha voluto sottolineare nel comunicato. Con tre sole partite da fare non ha neanche il tempo di pensare a grandi cambiamenti. Il Benevento è già retrocesso, il Verona attende solo la matematica. Anche tu punti sul Cagliari, inizia sempre con la C…

      • Pacein scrive:

        Ciao Putto.

        Si, è brutto puntare su una partita da dentro o fuori, ma se vinciamo recuperiamo anche il gap nei confronti diretti con il Crotone, se perdiamo sono dolori….

        Quindi non bisogna accontentarsi del pareggio, abbiamo le risorse per sconfigge i calabresi e dobbiamo farlo, possibilmente con 2 gol di scarto.

        Interessante la tua disanima sui “pelati” però mi viene in mente una cosa……..Del Neri non era pelato, ma abbiamo perso lo spareggio !

        Infine credo che Campedelli abbia la morte nel cuore, gli si legge in faccia, ha sempre preso la decisione giusta, speriamo anche questa volta

        • putto scrive:

          Sì, hai ragione. Però obiettivamente vedo un Crotone in forma, in casa si trasformano ma in generale è durissima. Servirà una prova collettiva importante, giocare come fosse una finale. Come sei esigente, addirittura 2 gol di scarto. :) Vediamo come si mette la partita, sulla carta è da tripla. Il Del Neri bis non andò bene ma con D’Angelo sì. Promosso da secondo proprio a 3 giornate dalla fine nel ’05, conquistò 2 vittorie (Siena e Bologna) e un pareggio (a Roma). Speriamo si ripeta quell’esito positivo. Adesso è il secondo di Inzaghi a Venezia ma non ha praticamente più fatto il primo (solo breve esperienza a Bolzano). Campedelli è umano, quindi può sbagliare anche lui. Ma come dici se ne intende e lo ampiamente dimostrato. La scommessa D’Anna ci sta tutta.

    1. Perplesso scrive:

      Un po’ di tempo fa avevo messo il link, se non erro, di una valutazione/recensione, fatta da un giornalista sportivo su Romairone…ai tempi pensavo che il modo negativo di vedere il ds, fosse un po’ drastico, ma ora come ora non sono dello stesso parere: la campagna acquisti ne è la prova. A parte il fatto che dubbi sul motivo dell’addio di Nember mi sono sempre rimasti, ma dietro l’esonero di Maran, secondo me ci son misteri che forse potremmo sapere solo se fossimo dentro l’ambiente…

      1. Mister X scrive:

        Chievo-Crotone ad 1€ anche per il settore ospiti.
        Qualcuno sa se c’è una normativa nazionale che lo impone o è un altro segnale di autolesionismo?

        1. putto scrive:

          Ciao Betteghella, ti sottopongo 3 questioni.
          1) Vorrei sapere cosa ne pensi anche tu della lotta salvezza. Come puoi leggere qui, fino ad ora prevale il Cagliari come candidato terzultimo. Effettivamente 3 partite ad oggi così difficili sulla carta non ce le ha nessuno (Roma, a Firenze e Atalanta). Ti faccio notare però che il Crotone è l’unico ad avere 2 trasferte (Verona e Napoli). Chi vedi in B?
          2) Conosci D’Anna e l’hai visto lavorare sul campo? Se sì, che tipo di calcio e modulo predilige?
          3) Infine una curiosità: dopo ben 7 anni s’interrompe la serie consecutiva di allenatori pelati (Di Carlo, Corini, Sannino e Maran). Lo sapevi?

          1. giordano fedrigo scrive:

            da tifoso del Verona applaudo ad una società che le prova tutte x non retrocedere….. con noi scende una tra Cagliari e Crotone

            • putto scrive:

              Concordo, vedo retrocesso il Cagliari per la situazione interna (ho sentito che avrebbero cercato anche loro di sostituire Lopez, ma nessuno ha accettato) e il calendario. Il Crotone invece sta molto bene e se la giocherà fino alla fine, ma è quasi costretto a vincere anche a Verona (poi ha Lazio e Napoli). Il Chievo rischia tantissimo, secondo me più dei calabresi. Mi sembra la stessa condizione del Cagliari, con 2 punti in meno ma con un calendario sulla carta più abbordabile. Però vincere a Bologna (c’è contestazione a Donadoni) e con la mina vagante Benevento (che se la gioca sempre e comunque, complimenti a loro!) credo non sarà una passeggiata, anzi. Quindi un successo domenica penso sia fondamentale, in tutti i sensi.

            1. lapo scrive:

              andava fatto 4 mesi fa….
              speriamo che l’errore di non averlo mandato via prima… non abbia conseguenze …

              1. Andrea scrive:

                Questo esonero ricorda quello di Beretta nel 2004-2005. Lì il Chievo riuscì a salvarsi e a ripartire alla grande nella stagione successiva. Vedremo se sarà così. Di certo il calendario sulla carta non è proibitivo.

              Rispondi a putto

              Accetto i termini e condizioni del servizio

              Accetto i termini sulla privacy

              *