27
gen 2020
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 10 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.049

CHE FATICA!

Dai, su… avanti! Che fatica Chievo, che fatica! Anche contro l’Empoli scusate ma rimango sulle mie posizioni.

E non comprendo nemmeno i toni trionfalistici di alcune testate giornalistiche che parlano di squadra solida, di Meggiorini bomber (sei reti), di un ritrovato spirito.

Io vedo una squadra ancora dentro ai play-off perchè questa B manifesta settimana dopo settimana i suoi limiti, le sue carenze. Dove tutto è ancora aperto per la promozione diretta perchè, con tutto il rispetto, a condurre le danze del secondo posto c’è da tempo il neo-promosso e altalenante Pordenone che non riesce a dare l’accelerata decisiva.

“Questa è la B” dicono in tanti. “Tocca stare agganciati al treno”. Io credo invece che questa logica sia molto pericolosa e un rischio enorme.

Siamo sempre al cospetto di una squadra che non riesce mai a spiccare il volo, a dare continuità alle vittorie, a inserire la marcia giusta. Accelera e frena, frena bruscamente, poi riparte piano. No, scusate. Non credo proprio che questa sia la strada…

2.049 VISUALIZZAZIONI

10 risposte a “CHE FATICA!”

Invia commento
  1. Guido scrive:

    Visto la partita di ieri mi chiedo cosa sia successo alla squadra, senza corsa, squadra che si allunga quando attacca, scelte dell’allenatore quanto meno bizzarre. Abbiamo perso contro una squadra che faticherà a salvarsi ma che ha dimostrato almeno di impegnarsi. I nostri neanche quello. A questo punto salvarsi sarà abbastanza impegnativo, poichè bisogna correre e combattere e quelli visti hanno dato l’idea di essere spompati e senza alcuna motivazione.

    1. Lu scrive:

      E quale sarebbe la strada? Vincere sempre? in nome di cosa, di avere Cesar e Leverbe o Cotali in difesa?
      Altra “analisi” purtroppo priva di contenuti e spunti, sostanzialmente vuota.
      Peccato, perchè questo potrebbe essere uno spazio interessante sul nostro Chievo, che vive un momento molto particolare. Potrebbe…

      • Alessandro scrive:

        Ciao Lu,
        oltre ai 3 da te menzionati ricordati anche di Garritano, Vignato, Dickmann, Vaisanen, Meggiorini, Djordjevic, Obi, Segre, Giaccherini, Semper etc, giocatori di caratura (caratura per la serie B, intendiamoci) che tutte le altre squadre, Benevento escluso, sognerebbero di avere in rosa. Se vogliamo parlare dei problemi societari è un conto, ma se guardiamo la rosa, al contrario di quanto dice Marcolini, questa squadra può e deve fare meglio. Non si può proprio sentire un allenatore che prima delle partite, in conferenza stampa, dichiara che non si sente obbligato a vincere.

        • Lu scrive:

          Garritano? siamo seri? Vignato, cioè l’ex primavera, sicuramente bravo ma che l’anno scorso giocava vs i 16enni? Vaisanen? l’esubero della spal con 6 mesi di prestito a crotone? Segre, l’ex primavera torino reduce da 1 anno in prestito a Venezia? loro dovrebbeo farti vincere il campionato in carrozza? Parliamo semmai dei 2 3 “big”, o presunti tali, che abbiamo provato a vendere in ogni modo più o meno disperatamente, e che hanno enormi problemi fisici. Parliamo di loro… Se pensate che QUESTI Obi, Djordjevic e Giaccherini dovrebbero farci vincere il campionato solo con il loro nome (e i loro mille infortuni)… beata illusione!

          • Alessandro scrive:

            Per questa mediocre serie B assolutamente si, questi giocatori sono abbstanza per pretendere la promozione diretta, dietro al Benevento, che è per distacco la squadra migliore e lo sta dimostrando. O vuoi dirmi che Pordenone, Entella, Salernitana, Frosinone, Perugia etc hanno giocatori migliori di quelli del Chievo? Siamo seri. La cosa che hanno queste squadre in più è un mister con le idee chiare, che sa come mettere in campo una squadra e come creare gioco. E’ questo il punto debole del Chievo, e anche nelle ultime due partite si è visto chiaramente: l’impostazione tattica delle partite è spesso e volentieri disastrosa, e non sempre questo fattore riesce ad essere compensato dalla qualità dei singoli. Spero che chi di dovere faccia le proprie riflessioni, perchè non salire in serie A sarebbe una grande occasione persa, ed un campionato così mediocre non so quando e se ricapiterà.

      1. mir/=\ko scrive:

        Renzetti, 32 anni! negli ultimi 2 anni ha passato più tempo in panchina che in campo… sarebbe questo un rinforzo? potevate chiedere giocatori al Verona. per me ci vorranno anni per sistemare i conti. è già tanto se otterrete la salvezza

        1. ciccio2 scrive:

          ricordatevi il Verona lo scorso anno…

          1. Fabio scrive:

            La verità è che quello che sembra essere a portata di mano è in realtà difficilissimo da ottenere…
            C’è una certa mancanza di sicurezza.
            Mi rifiuto di aggiungere anche la mia “ricetta” perché evidentemente non è così semplice sto benedetto salto di qualità…
            Ma di certo questi 4 giorni di mercato potrebbero dare un segnale forte se arrivasse un investimento da A…

            1. Alessandro scrive:

              Giusta analisi Alessandro, se il Chievo vede ancora la promozione diretta a portata di mano è solamente per demeriti altrui più che per meriti propri (la media punti, fino ad ora, è impietosa).
              Ad Empoli l’ennesima partita approcciata malissimo: Marcolini è stato bravo a rimescolare le carte nel secondo tempo e a fare i cambi giusti, ma la preparazione della partita è stata davvero disastrosa. Con questa rosa, ora che sono stati recuperati anche i giocatori chiave, si può e si deve fare meglio.
              Ad ogni modo le prossime 6-7 partite, sulla carta molto abbordabili, saranno determinanti: se ci sarà da subito un netto cambio di passo e di mentalità la serie A è alla portata.

              1. nicola scrive:

                Dico la mia dopo anni di silenzio:
                io non capisco la poca lungimiranza del Campe & co. Se resti in serie B ti danno 10 mil. l’anno prossimo poi nulla, se vai in serie A ne pigli 50, fai una squadra come l’hellas sperando che ti vada bene come a loro quest’anno, se ti va male ritorni in B con 25 mil + 10 perchè resti ancora nei 2 anni su 3 in serie A.
                Capisco che i debiti siano tanti, ma bisogna rischiare, fare ancora un debitino e portare in rosa almeno un 3, un centrocampista da B, a centrocampo siamo fragilini e una punta che fracca. La A diretta è a 5 punti, nonostante tutto, col Porde giochi tra 2 settimane e se lo batti ritorni in corsa, i play-off sono sempre una lotteria.
                Bisogna puntare alla A diretta se vogliamo continuare ad esistere.
                Campe, fai un debitino ulteriore, se non si va su siamo finiti.

              Lascia un Commento

              Accetto i termini e condizioni del servizio

              Accetto i termini sulla privacy

              *