18
feb 2020
AUTORE Bette
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

919

CHE SIA L’INIZIO

Non ho intenzione di esternare elogi particolari. Quel che mi auguro è che questo meritato successo sulla Salernitana sia solo l’inizio. Ecco non vorrei ci trovassimo di fronte ai tanti “fulmini a ciel sereno” di questa stagione che poi non avevano seguito. La vittoria fa sicuramente comodo in virtù di una situazione che si stava creando poco piacevole (l’abbraccio a Marcolini dopo il rigore trasformato non è casuale).

Il Chievo da qui ha la possibilità di ricostruire un percorso nuovo tenuto conto che chi sta più avanti sembra stia giocando a farsi del male. Certo tocca anzitutto dare continuità alla prestazione, alla determinazione messa in campo in una partita tutt’altro che facile. Poi in accompagnamento ci saranno i risultati ma se prima non vi sarà la tanto decantata “identità” tra una settimana riparleremo delle solite cose.

Ritengo che adesso più che mai sia arrivato il momento della verità e di capire che strada intende intraprendere questa società. Se restare in B un altro anno, ripulire il monte ingaggi da contratti folli, prendersi un altro paracadute da dieci milioni (che farebbe comodo), oppure tentare per davvero la scalata verso i primi posti assolutamente alla portata.

Questa via di mezzo, questo limbo, queste vittorie importanti accompagnate da pareggi piatti o da sconfitte clamorose rischiano di essere solo controproducenti…

919 VISUALIZZAZIONI

4 risposte a “CHE SIA L’INIZIO”

Invia commento
  1. Guido scrive:

    se si mettono a confronto la partite casalinghe col Venezia e con la Salernitana, si fatica a capire qual è il vero Chievo. Auguriamoci che sia il secondo, dove s’ è visto correre e combattere oltre ad un Giaccherini finalmente messo nel suo posto dietro le punte. Bisogna dare continuità ai risultati, altrimenti ci troveremo di nuovo a dover guardarci alla spalle.

    1. Mauro Gutoni scrive:

      Lo scudetto per questa ARMATA BRANCALEONE si chiama sempre e solo SALVEZZA …evitare i play out e quindi la
      Lega Pro !!!
      Ogni altra ipotesi e’ pura fantascienza….

      1. Alessandro scrive:

        Nel momento più inaspettato il miglior Chievo della stagione.
        E’ chiaro che se si vuole veramente arrivare alla promozione, come ultimamente dichiarato con insistenza da molti giocatori e da Pellissier, da qui alla fine non ci si possono permettere altri passaggi a vuoto: 6 punti di distanza del secondo posto sono pochi, ma ci sono 7 squadre davanti.
        Impossibile pensare alla serie A diretta se non si inizia da subito ad andare ad un andamento simile a quello del Benevento. E anche se dovessero essere playoff difficile vincerli se non si parte dalle semifinali (3° o 4° posto).
        Le prossime partite diranno molto riguardo le reali ambizioni di questa squadra.

        1. Lu scrive:

          “Questa via di mezzo, questo limbo, queste vittorie importanti accompagnate da pareggi piatti o da sconfitte clamorose rischiano di essere solo controproducenti…”

          Che senso ha?
          la vittoria di ieri sarebbe controproducente perchè potrebbe portare a un limbo?
          Dici che la società potrebbe decidere di rimanere in B per il paracadute; ma per rimanere in B qualche vittoria dovrai pur farla, sennò retrocedi. E quella vittoria non sarebbe controproducente per la storia del limbo?

          Leggo solo tanta confusione. Sarebbe meglio, e molto più interessante, proporre qualche considerazione tecnica sulle partite, invece di proporre ogni volta analisi generalizzate e inefficaci.

        Lascia un Commento

        Accetto i termini e condizioni del servizio

        Accetto i termini sulla privacy

        *