14
giu 2018
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 46 Commenti
VISUALIZZAZIONI

8.309

COLPACRAZIA

Tutto come previsto. Il Verona riparte da Toni D’Amico e Fabio Grosso. Il primo è un direttore sportivo senza esperienza, nonché lo storico collaboratore di un ds (Fusco) di poca esperienza e reduce da un fallimento tecnico. Il secondo un allenatore non certo cuor di leone e con alle spalle dieci soli mesi di professionismo a Bari, senza peraltro grandi acuti (i play off erano l’obiettivo minimo da quelle parti).

Nessuna sorpresa, dicevo. Parlai di D’Amico e Grosso più di un mese fa nell’ultima puntata di Ghe la Femo. Il resto (Foschi, Luca Toni e soprattutto Marchetti) sono nomi usciti più per gettare fumo e spostare l’attenzione. Non a caso non ho mai scritto una riga su Marchetti. Ma davvero qualcuno di voi ha creduto all’ipotesi Marchetti? Suvvia…

Dunque D’Amico e Grosso. Meritocrazia al contrario. Colpacrazia potremmo definirla coniando un neologismo. Sì, a Verona vige proprio la colpacrazia. Sbagli? E io ti promuovo. Hai poco o zero pedigree? Prego, s’accomodi. Sia chiaro, qui non vige il pregiudizio. Seguiremo D’Amico e Grosso e valuteremo i fatti, pronti a elogiarli se è il caso (e lo speriamo di cuore). Il nostro è semmai un giudizio sulla scelta, che non tiene conto dei precedenti (Fusco-Pecchia) e del clima attuale. Perché con la piazza tra il depresso e l’incazzato e dopo una stagione che ha lasciato macerie morali, erano necessarie scelte di altro peso specifico e di totale discontinuità. Con il bilancio sano (come ci è sempre stato detto fino alla nausea), 25 milioni di paracadute e altri milioni di probabili plusvalenze era lecito pretendere un ds affermato e un allenatore vincente e carismatico in grado di ricompattare la piazza. Sarebbe stato anche un gesto di distensione nei confronti dei tifosi.

Sia chiaro, Setti ha ragione quando dice “decido io”, ma ha torto quando questo principio lo porta a chiudersi in se stesso e a incaponirsi. Ed ecco dunque il continuo giocare d’azzardo con scommesse low cost e il solito schema: ds e allenatori deboli. Con un’aggravante: ora il mare è in tempesta.

Sullo sfondo resta irrisolta, almeno dal punto di vista della percezione, la questione Fusco. Con la promozione di D’Amico resta da valutare il suo effettivo peso nell’Hellas. Il diretto interessato al Corriere di Verona ha negato qualsiasi coinvolgimento. A non fare chiarezza però contribuisce la frecciata di Pazzini a margine del recente scazzo pubblico con l’arcinemico: “Auguro al sig. Filippo Fusco di ritrovare un po’ di serenità in questa sua estate apparentemente libera dal lavoro”. Apparentemente?

8.309 VISUALIZZAZIONI

46 risposte a “COLPACRAZIA”

Invia commento
  1. avanti i blu scrive:

    Pensa che mi stano vedendo Aroons ho rimpianto Jankovic! Scherzi a parte, normale che dopo una annata come questa si rimpianga chi come Mandorlini ha sempre dato il 100% di se stesso.

    • Maxhellas scrive:

      SSSSSSSHHHHHHH!

      Non dire così, sennò trovi chi ti dà del ragazzino (a 51 anni…, magari!) e dell’Hezbolla, solo perché riesci a fare la differenza tra chi fa il massimo per la maglia e chi fa i caxxi suoi e basta……

      Poi il passato è passato, ma trovo infantile e assurdo mettere tutti sullo stesso piano, come fanno alcuni. Come se Pecchia e Bagnoli fossero la stessa cosa. O Elkjiaer e Morante…..dai, su! Non sono tutti uguali e si può guardare al passato con qualche nostalgia. Nostalgia che credo nessuno sano di mente proverà quando finalmente si chiuderà il periodo Manila disGrace.

      • avanti i blu scrive:

        e chi ha detto che per me sono tutti uguali? C’é chi é andato via ed ha ricevuto i miei ringraziamenti (come Mandorlini ed altri) e chi nel migliore dei casi ha ricevuto la mia indifferenza. Sicuramente non ne ho fatto dei santi né mi sono stracciato le vesti per nessuno; sono passati 2 anni e mezzo e ancora tirí fora la storia de Mandorlini, voltí pagina che i problemi del Verona jé ben altri alá, perché se é vero che il problema allora non era la presenza di Mandorlini (anche se il suo ultimo anno SOLARE é stato disastroso) oggi di certo il problema non é la sua assenza. Visto che aví tirá fora Saviola digo na roba: magari averghe avuo el saviola (anche solo quelo de Verona) stano

    1. bkl scrive:

      ha 30/40 MILIONI di motivi per restare insensibile agli umori della piazza . questo è l’unico fatto.
      se ne strasbatte di tutto e tutti. un giorno la finanza andrà a fondo del giro delle scatole cinesi…e allora a ridere saremo noi.
      senza calzetti si intende

      1. avanti i blu scrive:

        Grosso non lo conosco come allenatore non posso esprimermi dico solo che in questa situazione serve qualcosa in piú di un semplice allenatore

        • avanti i blu scrive:

          semplicemente perché Setti lo conosciamo gia fin troppo bene mentre di D’amico conosciamo solo le “pericolose” amicizie… La figura dell’allenatore risulterá forse l’unica su cui poter riporre un minimo di fiducia… Grosso sará in grado di sopportare tale pressione?

        1. Maxhellas scrive:

          Qualcuno (io e pochissimi altri) dal gennaio 2015, quando moltissimi sostenevano che il problema del Verona fosse Mandorlini (il Mandorlini dei “gufi” ad alcuni giornalisti), scriveva che il problema del Verona era in realtà Setti e che Setti avrebbe progressivamente smantellato il Verona, prendendo tutto quello che poteva prendere, e lo avrebbe lasciato vuoto ad un eventuale nuovo acquirente od eventualmente l’avrebbe lasciato fallire.

          Ecco, se finora i fatti non confermano questa mia previsione, fatta in tempi non sospetti, qualcuno me lo dica e soprattutto mi spieghi cosa invece è successo dal gennaio 2015 ad oggi, cosa sta succedendo ora e quali siano le prospettive…

          • stefano 50/60 scrive:

            ciao Max io ero uno iscritto alla lista dei pochissimi……ma a Verona, e non solo, chi si fa su le maniche viene tacciato di capopolo o altre cagate simili….el Mandorla, a dispetto dei coglioni che gli adducevano tutti i mali del mondo, là fato ben e de tuto finchè è arivà quela facia da merda de carpi, e questi iè ì fatti..punto….se uno el dise che le società falide lè deve star fòra el dise gnent altro che la veirtà..se dopo par el politically correct bisognava dir che a salerno e a sorento a varese a citadela a wc ensa e a livorno ì nà tratà educatamente e ì era pieni de schei alora mi avaria dito de pezo del Mandorla parchè tasar sempre e mandar zò lè el mestier de le putane e nò de la gente sincera e che laora e anca ben…..

            • avanti i blu scrive:

              Considero Mandorlini un discreto allenatore (come tanti) che a un certo punto si é addossato anche compiti che non erano suoi per aiudare il Verona e Martinelli (e di questo glielo ronosceró e lo ringrazieró per sempre)… Invese ho sempre detestá ci pregava in direzione Ravenna… Quei del “senza Mandorlini no vó piú al stadio” quei che vis-ciava pecchia non perché in realtá i savesse che alenator el fusse se l’era bon o marso ma solo perché javarea voludo Mandorlini in panchina.
              quei che seita a tirar fora Mandorlini che é una bella pagina ma passata e giá letta e riletta sia le cose meravigliose che l’ha fato, sia el disastro inisiado vari mesi prima dela decabl della retrocession (neppure lui é esente da colpe e responsabilitá).

              • Maxhellas scrive:

                Il discorso non era su Mandorlini, che rimane una bellissima pagina della Storia del Verona, ma su Setti e su quanto sta facendo, sviando inoltre l’attenzione dei più sul capro espiatorio di turno. Allora (2015) era Mandorlini, poi Sogliano, prima ancora Maietta e così via.

                Il cenno su Mandorlini era più che altro inteso a sottolineare come all’epoca tutti i giornalisti sportivi di Verona erano impegnati nella campagna anti Mandorlo orchestrata da Setti e finivano spesso (esperienza personale) per bannare gli interventi che puntavano il dito verso il carpigiano, descrivendo esattamente quello che stava facendo e quello che avrebbe fatto negli anni successivi.

                Se mi chiedi poi se, dopo aver visto Pecchia, rimpiango Mandorlini, ti dico di si.
                Aspettiamo adesso di vedere il mitico Grosso, sperando che sorprenda tutti e torni a farci divertire come qualche anno fa….anche se dubito, vista la rosa in “allestimento”….

              • avanti i blu scrive:

                chi come me no é un “fanatico hezbolláh di questo o quel allenatore/giocator/DS ed é quindi obiettivo non puó non ricordare che proprio su questi blog ghera ci criticava Pecchia anche quando ad inizio dell scorso campionato vinceva facile, zugando in una maniera che l’era dal periodo Malesani che no se vedea) se schiacciava gli avversari in maniera tale da dubitare che fossero squadre della stessa categoria e ghera ci scrivea: “questo non é il mio Verona, l’Hellas lé born tu tribular”… e son sicuro che quando emo scominsiá dal bon a tribular sti fenomeni jé sta i primi a lamentarse. A me non frega nulla di giocatori allenatori DS, dove jé nati, da dove i vien, che tatuagi i g’ha (i sa inventá parfin dei tatuagi par andarghe contro, prima ancora de saver se l’era bon o se l’era marso)… a me frega che ottengano risultati e quando no i va piú ben, “grasie (se é il caso de ringrasiar) ma acomodate altrove” Che i se ciama Pecchia o Mandorlini, Gomez o Petkocic , Moras o Suprayen… Mi voio el ben del Verona e basta, ariva el momento per tutti di andarsene, quei furbi i va via prima che riva el “disastro” questa é lé la vera differenza tra i vari professionisti che sono arrivati ed arriveranno a Verona. Grazie a dio non ho bisogno di eroi pallonari per amare il Verona

                • avanti i blu scrive:

                  Ciao Stezul sono stra d’accordo su tutto…. io mi riferivo a certi (molti) adulti

                • stezul scrive:

                  Ciao Avanti, condivido tutto quel che t’è dito. Dico soltanto che i buteleti, come disse una volta Vighini, i gà anca bisogno de miti, ogni tanto (Toni soprattutto e poi Pazzini a ruota lo scorso anno lo erano), ma quel de Carpi el se sta metendo de impegno par far disamorar le nuove generazioni e per sfinire la pazienza de quei de là me età…

          1. avanti i blu scrive:

            Vista e Letta l’intervista a Pedrollo … per fortuna nella pallacanestro no ché paracaduti alá!

            • stefano 50/60 scrive:

              ciao Avanti, se la speransa del ferarista pedrolo lè quela che setti el serra el Verona meio chel se dedica a le pompe, no tè digo quali però……peoci refati DB !!!!!

              • avanti i blu scrive:

                “signori si nasce non si diventa”…. el g’ha quatro schei ma el resta un poareto… in una intervista de poche righe l’é riussio nell’impresa de dirne che el g’ha la Ferrari ahahahahahahaah

              • avanti i blu scrive:

                gente cosí meio la staga distante dal Verona…. ghé solo na roba pezo del “carpigian”: un Veronese che se comporta come el carpigian……

              • avanti i blu scrive:

                Ciao vecio el belo le che lé n’altro chel spera de no andar su (essar promosso) perché nol g’ha i schei par mantegnar la squadra in una categoria superiore… ma parché compreli na societá sportiva se no i pol ambir al massimo?

                • stefano 50/60 scrive:

                  ciao Avantissimo…..stò peocio refato qua el lassa a casa operaI, el tol la squadra de basket ma nol gà i schei par la serie A, el gà siè ferari…..speremo nol compra el Verona parchè sto qua el và a putane sensa pila e dopo el scapa via….

            1. stefano scrive:

              Assisteremo all’allestimento di una squadra di mezza classifica, ad un campionato anonimo. L”obiettivo è restare in B spendendo zero e incassando l’eventuale seconda tranche del paracadute.
              Non si tratta di pregiudizio: si tratta di analizzare nei fatti le utlime 3 stagioni.
              Setti ha ben imparato da Lotito come fare soldi col calcio.
              Finchè gli renderà soldi, Setti non se ne andrà da Verona e questo è legittimo.
              Ma la passione sportiva è altra cosa e per come la vedo io seguire il Verona allo stadio o acquistare qualsiasi cosa riconducibile a Setti fa di noi dei complici di una gestione fatta da un abile speculatore che ha saputo guadagnarsi la fiducia del povero Martinelli, impadronendosi del Verona con fare machiavellico.

              1. Ruspa62 scrive:

                Purtroppo quanto sta accadendo nell'Hellas è anche ciò che spesso si è visto negli ultimi 20/30 anni in molte altre vicende del nostro paese. Personaggi senza grandi capacità hanno ricoperto incarichi per i quali erano a dir poco inadeguati, causando danni notevoli che spesso sono ricaduti su altri che non avevano colpe. Qualcuno l'ha definita la mediocrazia al potere. Ecco di mediocri nel Verona in questi ultimi anni ne abbiamo visti tanti, in vari ruoli. Ma la cosa più triste è che il presidente non sembra rendersene conto. Dispiace ma viene da pensare che il più mediocre sia proprio lui. E dispiace ancor di più che in questo momento non colga l'occasione per smentire questo scegliendo un ds e un mister veramente in gamba per rilanciare la squadra. Serve ben altro che grosso e d'amico! E anche i primi nomi che girano per il mercato danno lo stesso entusiasmo di una martellata sulle dita! Sperando che il campo mi smentisca e di assistere ad una stagione che riporti entusiasmo, sempre Forza Hellas!

                1. duilio scrive:

                  Non posso che condividere al 100% il tuo post Francesco, altra cosa che balza agli occhi di questo “signore”, è la smania di voler per forza comprare un’altra società, notizia fresca di stamattina, ora vuole comprare il Mantova! Ma io dico, continui a menarla che hai sempre un occhio al bilancio e che non è facile fare calcio al giorno d’oggi e non appena puoi cosa fai? Ti vuoi mettere in ballo ad acquistare un’altra società di calcio…? Qua ghe qualcosa che non me torna, con pastorello avevamo toccato il fondo, con questo, semo ventimila leghe sotto il mare. Smetto di continuare con il post perché rischio di sfoderare gli improperi più beceri e un’eventuale una denuncia. Basta abbonamento.

                  1. RobyVR scrive:

                    El racontabale de Fusco no l’è mia credibile, anzi, se solito bison credar esatamente el contrario par far giusto. Quindi ghe ancora Fusco dedrio ale quinte.

                    Su Seti no digo più niente parché ormai ema capio che ghe interesa solo lucrar sul Verona, no ghe ne frega un casso dela storia, dei tifosi, dela cità. Ghe interessa solo far schei.

                    Preparemose a un campionato anonimo dove el sercarà de salvare par intascar i ultimi diese milioni de euri. Dopo SPEREMO che el se leva dai COJONI.

                    • spc scrive:

                      Si ma come si fa a partire a giugno aspettando un campionato che è ovvio che andrà come da te detto??? Non si può accettare tutto questo… L’accetta ghe vorea ecco

                    1. mir/=\ko scrive:

                      Mi rendo spesso conto che il nostro desiderio di vedere il Verona nel calcio che conta, o anche semplicemente stabilmente in serie A sebbene in lotta per non retrocedere, porta molti tifosi e giornalisti a non dare ascolto a ciò che esterna pubblicamente questo presidente e chi gli sta vicino in società! Insomma, viviamo spesso di sogni e vane speranze, chiudendo gli occhi davanti ad una realtà meschina e indegna. Setti parla poco, per fortuna!!! ma è stato chiaro: non metterà mai più un soldo nel Verona (dic. Fusco) e con il club farà sempre e solo ciò che vuole, senza dare ascolto agli umori della piazza! noi sostanzialmente non contiamo nulla, anzi rappresentiamo una scocciatura. come rappresenterebbero un ostacolo alla politica Settiana al ribasso eventuali allenatori e direttori sportivi già affermati. in pratica Setti sta gestendo il Verona come la classica azienda che fa ruotare continuamente il personale "apprendista" con contratti a breve termine premiando il basso costo in luogo dell'esperienza… non conta il prodotto (risultato sportivo)! conta solo il max profitto… si scende quindi miserabilmente (ma serenamente… dolcemente!!!) in serie B e si mette in campo la solita armata di giovani apprendisti, giovani scommesse, giocatori rotti che nessuno vuole, prestiti vari, il tutto all'insegna del low cost sempre più spinto!!! E per il nostro Verona il DECADIMENTO PROGRESSIVO NON PUÒ CHE ESSERE INESORABILE!!!

                      • spc scrive:

                        Applausi… Non fa una piega
                        Cosa che porta al fallimento naturale visto che chi sa gestire un’azienda prima o poi ti sovrasta… Come sta avvenendo
                        Tanto lui non rischio un caz.. visto che è in strapositivo da anni ormai
                        E pretendete che io dia ancora euri a una M del genere??? Fallimento il prima possibile grazie

                      1. Danielr scrive:

                        Anche secondo me

                        1. moreno scrive:

                          siamo

                          fottuti

                          1. Caniggia scrive:

                            Bel post Mirko

                            1. stefano 50/60 scrive:

                              società di LESTOFANTI….

                              1. mir/=\ko scrive:

                                ero bambino e passeggiavo con i miei genitori in Bra'… E da una cassa acustica posta sulla finestra di una abitazione del Liston si udiva Radio Adige e la radiocronaca mitica di Roberto Puliero… ci fermavamo ad ascoltare assieme ad altre persone che spesso formavano un gruppetto di appassionati gialloblu! eravamo in serire A e competevamo senza timore e con orgoglio indomito con le prime della classe!! non vedevo l'ora che Roberto sfoderasse il suo proverbiale "rrrrrrrrreteeeeeeeeeeeeee, alealealealealealeeeeeeeeeeee"…. ma cosa cavolo vuoi saperne tu, caro Maurizio Setti, Juventino da Carpi!!! vattene per favore… quanto prima…

                                1. Buganse scrive:

                                  C’è una preposizione in più: “Questa società che non ha…”

                                  • peter scrive:

                                    behh sai ,
                                    è facile querelare quando hai alle spalle 110.000 milioni di € in 3 anni… pensa quelli che si devono difendere e che lavorano magari a busta paga.
                                    Gli uomini sono un’altra cosa

                                    • paperinik scrive:

                                      I veronesi in questi casi sono troppo buoni. Troppo possibilisti. Troppo disincantati. Non ci si può permettere di esserlo con simili realtà e certi personaggi. Non serve. E’ deleterio. Diventa alla lunga umiliante.
                                      Se non arrivassi da altre realtà non lo scriverei. Ma purtroppo è quello che penso.

                                  1. California scrive:

                                    Bisogna aprire gli occhi e guardare in faccia la vera realtà. Dietro a d’amico direttore sportivo c’è il signor Fusco che finita la farsa del mi dimetto perché ho fallito forviando l’attenzione dei tifosiDinanzi ai veri problemi ovvero una retrocessione annunciata e prevista MA SOPRATTUTTO STUDIATA A TAVOLINO ora con questo giochino si mettono le bende sugli occhi della gente e si continua a Lucrare alle nostre spalle. Pache Pache e pache e qualche sciafon de quei giusti

                                    1. mir/=\ko scrive:

                                      eutirox… ah ah ah! bela questa!!!! che sia la tiroide malmessa che fa straparlar la moier del francese??????

                                      1. Buganse scrive:

                                        Articolo che condivido tranne che per quel versetto nel quale reciti che “qui non ci sono pregiudizi”. Frase smentita già dal titolo e smontata dal contenuto del tuo post, Francesco.

                                        D’altronde proprio per i motivi che esponi tu è inevitabile, io aggiungo FONDAMENTALE, avere pregiudizi.
                                        Che i pregiudizi, il sig. Setti, se li merita tutti, anzi. Sai bene che da altre parti non si sarebbe mai permesso certe esternazioni.
                                        Tolto il fatto che vanno preferiti gli sfoghi verbali alla violenza, anche se il nostro sfodera e fa sfoderare querele che, se mai ce ne fosse stato bisogno, definiscono in modo migliore il suo perimetro d’azione e che quindi anche i suddetti sfoghi sono soggetti attenzionati (Buono a sapersi, vien da dire)…
                                        Dicevo: tolto il fatto che vanno perorati gli sfoghi verbali, a questa “società” che non ha dato e non dà nessuna speranza, non va ricambiata con la fiducia, per loro, nessuna, nessuna stima.
                                        E non si tratta solo dell’esprimere il proprio pensiero la propria opinione, bensì della narrazione di fatti OGGETTIVI perpetrati a man bassa lo scorso campionato, sui quali i dati e le statistiche alla fine della competizione, hanno messo un marchio a fuoco inconfutabile, immarcescibile, a perpetua memoria.

                                        Grazie Francesco. Ti stimo molto.

                                        1. Frenk scrive:

                                          Neologismo davvero azzeccato… Altro esempio che sappiamo tutti, allenatore della Primavera retrocesso.. Ottimo! Confermato e contratto biennale…

                                          Avanti così me raccomando!!

                                          1. EvoDevo scrive:

                                            Difronte a cotanta arroganza non rimane altro che disertare la campagna abbonamenti.

                                            1. pinkhellas scrive:

                                              Mi sto ancora aspettando ke Pazzini e la moglie di eutirox parlino. La seconda dixeva: a fine campionato parlerò, mentre il primo ancor prima della Sig… Allora… Se ci siete battete un colpo altrimenti state zitto e on buttate il sasso x poi nascondere la mano, c'è già pieno di gentaglia in qs società di merd@cce……please

                                              1. mir/=\ko scrive:

                                                in pratica Setti ha scoperto che quanto andava sbandierando all'inizio non è remunerativo!! anzi, è addirittura molto rischioso!! consolidamento?? centro sportivo?? settore giovanile modello Empoli o Atalanta??? brand internazionale?? investimenti per alzare il livello qualitativo?? NULLA DI TUTTO QUESTO… l'esperienza gli ha fatto cambiare drasticamente i suoi orizzonti. meglio fare pena, non rischiare nulla e fare una "paccata" di $$$$$$$$$$$$$$$$$$.

                                                1. stezul scrive:

                                                  Post che non fa una grinza. Riporto anche da te una richiesta che facevo a Vighini: è possibile analizzare il valore effettivo di questa società (includendo naturalmente affitti, stipendi dipendenti, costi di gestione e valore dei giocatori, prima squadra, primavera etc. nonché valore del marchio) e capire almeno a spanne la distanza che c’è dai 70 mln che Setti ha sparato? Sia chiaro: sono perfettamente consapevole che si tratta di una boutade del nostro Presidente. Però come dici tu giustamente, Francesco, siccome ha ripetuto fino alla nausea il discorso del bilancio sano, bisogna continuare a metterlo sotto pressione mediaticamente proprio su questo aspetto: per capire come giustificherà la prossima ennesima campagna low cost.

                                                  1. SETTI VATTENE scrive:

                                                    Concordo con Roby. Francesco, sei l'unico giornalista a Verona in grado di fare domande serie

                                                    1. Roby scrive:

                                                      barana se puoi contatta il sindaco

                                                    Rispondi a Maxhellas

                                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                    Accetto i termini sulla privacy

                                                    *