09
lug 2018
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 73 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.881

CAMBIO LINEA…ANZI NO

Tuffo carpiato con avvitamento. Cambierò opinione e linea. Subitaneamente, così. Scriverò che Setti è giovane e bello, elegante e raffinato. Racconterò che è quotidianamente qui a Verona, presenzialista in sede perché innamorato dell’Hellas e che quello di Mantova è solo un omonimo, un Ranzani minore. Non porrò più domande – ad oggi ancora senza risposta – su cosa è cambiato a livello finanziario dopo i primi tre anni di vacche grasse e gli ultimi di montiana spending review. Sarò la fiera dei luoghi comuni, delle frasi fatte e innocenti. Un cliché vivente. Sarò più realista del re, più leccaculo dei leccaculi (lo so la compagnia è numerosa e bisognerà dare di lingua per battere la nutrita e talentuosa concorrenza). Ma in tempi di “querela facile”, come scrive Gianluca Vighini, preferisco sottrarmi a quella che io ritengo una delle (tante) cause della malagiustizia italiana: l’intasamento dei tribunali. Nello scorso campionato mi è stato tolto l’accredito allo stadio e sembra che – a parte il mio editore – non gliene freghi un cazzo a nessuno, nemmeno a chi sarebbe nato per tutelarli, i giornalisti. Ma poco male, mai stato corporativo il sottoscritto, troppo anarchico e libertario per appartenere a qualsiasi parrocchia.

Il punto semmai è che a leggere certi commenti sotto il significativo articolo di ieri di Vighini, pare che non gliene freghi un cazzo nemmeno a chi dalla nostra libertà dovrebbe sentirsi tutelato: il lettore,  in questo caso anche tifoso. Alcuni, sia chiaro, non tutti, fortunatamente. Sono gli stessi che sotto l’articolo di Vighini parlano d’altro (della puntata di Pecchia, che comunque la si pensi è piccolissima cosa rispetto all’allarme lanciato da Gianluca e che peraltro dimostra una volta in più che Telenuovo non fa guerre, dunque il contrario di ciò che questi geni affermano in un inconsapevole cortocircuito logico). Sono gli stessi che hanno già dimenticato il coraggio che Gianluca ha avuto nel gennaio 2016 – da mediapartner! – di scrivere certi articoli (e all’epoca quello stesso qualcuno lo insultava perché troppo severo e invece ci aveva visto lungo). Sono gli stessi che approfittano della libertà che i blog offrono per scrivere (con nick anonimi) commenti (questi sì) da querela, peraltro in casa dello stesso giornalista che insultano.

Perché badate bene: i giornalisti, vi piaccia o meno, sono solo intermediari tra il potere e l’opinione pubblica, o per dirla più romanticamente alla Enzo Biagi “dei testimoni del tempo”. Noi vi raccontiamo ciò che sappiamo, ma se smettiamo di raccontarlo continueremmo a saperlo lo stesso. Voi no.

Dunque ora saranno solo carezze, elegie e agiografie. Sarà tutto più facile, comodo e avrò meno rotture di coglioni. Tranne, inteso, che con la mia coscienza e la mia onestà intellettuale, le uniche armi che io piccolo giornalista ho sempre utilizzato perché amo il Verona, che è essenza, spirito e comunità, dunque molto di più del tempo che stiamo vivendo e dei dirigenti di oggi, dal presidente agli obbedienti peones. E io devo rispettare quell’essenza, quello spirito e l’intelligenza di chi è parte di quella comunità. E devo rispettare il lettore.

Per questo, in fin dei conti, so che sopra ho scritto solo una marea di cazzate e che continuerò a fare quello che ho sempre fatto: scrivere come so e guardarmi allo specchio la mattina.

 

9.881 VISUALIZZAZIONI

73 risposte a “CAMBIO LINEA…ANZI NO”

Invia commento
  1. Sergio Rocca scrive:

    Ciao Francesco
    mi girano un tuo articolo di Maraje in cui citi alcune mie parole………mi ha fatto paciere leggere come tu abbia compreso il senso di quello che dicevo sotto tono e che invece voleva mettere in luce un vuoto immenso……..chi vive ribelle, principalmente vive in una condizione critica, spesso incompresa, ma in completa pace con se stesso.
    Approfitto del blog per contattarti….se mi lasci una tua mail ti scrivo una cosa….
    Grazie
    Sergio Rocca
    rocca1967@tiscali.it
    0039 3332544271

    1. Manolo Disgrace scrive:

      Carissimi fannes,
      Questo clubbes, fondato da studenti greci giunti ha Verona per il’progetto Erasmus e` legalmente mio di me stesso.
      Il mio pos terriore e` legalmente mio, ma attualmente e` un’brand internazzionalmente gestito dall’ha camorra che sta amichevolmente tenendo a galla le mie azziende di mudande come brand ex clusivo.
      Quindi, cari appassionati clienti sostenitori, anche il vostro derretano e` praticalmente in mano ha la camorra mia.
      Se non vivva` bene siete dei razzisti faziosi e verrete denunciati contenziosamente alle autorita`competenti di competenze.
      Distinti distinti,
      Forza Lellas Verona Sud 1923,
      Maurizzio

      1. Bragantini Michele scrive:

        Tieni duro Francesco!!
        ben presto questo pseudo presidente alzerà i tacchi ma il verona resterà per sempre nel mio cuor !!!

        1. Leone scrive:

          Quello che sta succedendo al Verona è sotto gli occhi di tutti, c’è qualcuno che specula e vuole farlo serenamente senza sbattimenti e giornalisti contro e per fare questo unge taluni ed esclude i disallineati, tutto molto semplice.

          1. Luca scrive:

            Ah ah Manolo disgrace idolo

            1. Veronese Doc scrive:

              L’unica arma in mano ai giornalisti (anche se, purtroppo, a Verona c’è troppo provincialismo che frena l’apertura mentale e la voglia di mettersi in gioco) è quella d’insistere sulle società estere di Setti, sulla revisione dei conti e sui giri di denaro tra varie holding. Da sempre, la prima arma contro dei presunti illeciti, che si tratti di aziende private, pubbliche o di organizzazioni criminali, è quella di fare le pulci ai libri contabili. Se il presidente Setti non ha nulla da nascondere, spieghi bene il perchè ha avuto la necessità di utilizzare holding estere per gestire flussi economici. Comunque, darei fiducia a mister Grosso, prima di sommergerlo di male parole. Vediamo le prime partite dell’hellas, facciamoci un’idea del suo gioco e di come metterà in campo i giocatori. Solo allora, quando ci sia qualche deja vù “di pecchiana memoria”, si potrà giudicare il suo operato.

              1. Francesco Barana scrive:

                banno quei pochissimi che insultano, diffamano (non occorre usare le parolacce) e vengono qua solo a infastidire e a tirare merda non sapendo minimamente come funziona il nostro lavoro, il contesto in cui ci muoviamo, gli equilibri eccetera. La critica invece è ben accetta, specie se intelligente e argomentata. Qua funziona così.

                • die980 scrive:

                  Quindi uno che non conosce il lavoro del giornalista non può commentare?
                  Bello avere sempre ragione eh? Mi viene in mente una pubblicità con un telefono rosso … “ti piace vincere facile??” Umiltà, questa sconosciuta

                  Diego

                • serhellas scrive:

                  Mio padre , grandissimo tifoso Hellas, continua a ribadire che setti raccoglierà quello che ha seminato ; bisogna saper aspettare .

                  • Marcus (SGAPMIGLF) scrive:

                    …domanda lecita…cosa raccoglierà?
                    E quanto dovremo aspettare?
                    PUNTO DI DOMANDA???
                    A DOMANDA RISPONDI…

                    • Marcus (SGAPMIGLF) scrive:

                      ZERO INSULTI!
                      L’INSULTO E’ SEMPRE DIRETTO A CHI LO PONE…
                      NON CERTO A CHI LO RICEVE…sempre e solo la cultura può salvare i popoli…e di conseguenza l’UOMO…questo vale anche per le donne…ma la donna si sa è molto più…molto molto di più…intelligente…pratica…aggraziata…dolce…furba…dai tutto un altro pianeta…

                1. mirkoconlak scrive:

                  Ciao Francesco, scusami ma credo serva un pò di chiarezza. Nel tuo curriculum c’è scritto che sei giornalista pubblicista.
                  In effetti risulta la tua iscrizione in questa sezione, mentre non risulta l’iscrizione all’ussi. Nelle richieste di accredito alla conferenze stampa dell’Hellas è richiesto questo tipo di iscrizione? Perchè se così fosse, purtroppo e ripeto purtroppo, la società ha agito rispettando i parametri che venivano richiesti. Altrimenti si tratta di “bavaglio” alla libera informazione.
                  Sappiamo che il presidente non accetta domande scomode e ormai non ci meravigliamo più di nulla.
                  Buon lavoro

                  • Francesco Barana scrive:

                    Sono iscritto dal 2004 all’Ordine dei Giornalisti. Nella mia attività giornalistica che svolgo dal 2000 sono stato accreditato sia dal Chievo che dal Verona (con le varie società) dal 2005. E fino al marzo 2018. Poi improvvisamente, dalla settimana del derby di ritorno con il Chievo, il Verona mi ha negato l’accesso allo stadio. Ma di cosa stiamo parlando????

                  1. claudio scrive:

                    BRAVO…..AVANTI COSÌ…….SENZA PIETÀ

                    LIBERI DI "ESPRIMERCI"..

                    GRAZIEEE!!!!!

                    1. claudio scrive:

                      Vai
                      SENZA PIETÀ……..AVANTI COSI!……
                      LIBERI DI ESPRIMERCI!………..
                      GRAZIE!!!!!!

                      1. Gian Paolo Ranocchi scrive:

                        Dire cose originali in questo momento non e’ facile. La mia stima nei suoi confronti e che rinnovo l’ho manifestata in tempi non sospetti. Capisco la pancia. Apprezzo il “quadrato” della redazione. Si prenda un po’ di vacanza. Se la merita. Tanto questi affonderanno cmq nel loro melmone. Insieme ai tanti servi della gleba di cui si sono attorniati. Grazie per il lavoro che fa.

                        1. Luca scrive:

                          Contro setti deve essere GUERRA TOTALE, punto e basta

                          1. MATTEO scrive:

                            se posso permettermi, avete tutte le ragoni del mondo, tu Vighini.ecc…
                            ma una cosa voglio criticare….il Vostro modo di porvi.
                            Quelli come Setti…vanno attaccati in maniera diversa….credimi.
                            Come fate Voi non porta a nulla.
                            Ciao MATTEO

                            1. k scrive:

                              francesco,anch’io se fossi stato direttore di testata avrei mandato te a bersagliare i due neo im(PIEGATI) alla loro prima uscita.ma capisco anche el cacasotto del setti fao-el-cassso- che-voi-mi.questo appena el sente el to nome el ghe se smola par na stimana e el banna.secondo mi fasei mejo a mandarghe na bela fygha alla conferensa,tanto par che le trojade che i ga da dir sti du impenitenti,sa ne ne frega.emo deciso el muro contro muro ormai,me par ciaro.un fa mudande isbolete contro dosentomila veronesi,vedemo ci se stufa prima.

                              1. RobyVR scrive:

                                Bè insoma Francesco, Fabio Grecchia l’ha za scominsià a scapar dale to interviste.

                                Apena te pol… distruggilo, el parla za come el clone del suo predecessore. E dighe che a star a 90 minimo ghe vien la scogliosi.

                                1. mir/=\ko scrive:

                                  io però attendo risposte… non le pretendo, ma le attendo… perché realmente non capisco questo Setti a 2 facce!!!

                                  1. mir/=\ko scrive:

                                    comunque io aspetto sempre di essere smentito dal sign Setti, che dato il suo ego smisurato, dovrebbe avere particolarmente a cuore la propria immagine!!! possibile che si sia ridotto a non poter/voler investire un solo € nel mercato???? che razza di immagine ne esce da questo contesto penoso???? caro Setti, non chiediamo la luna… E nemmeno di asfaltare il campionato… chiediamo solo qualche investimento "degno di tale nome" nel mercato con l'acquisizione di giocatori forti e di prospettiva!! davvero Bonaiuto e Anderson rappresentano per Setti obiettivi inarrivabili???? che immagine dai di te come imprenditore del calcio????

                                    • duilio scrive:

                                      L’ho postato sul blog di Vighini e lo giro anche di qua. Siamo in pieno calcio mercato, e la nostra “amatissima” società non fa altro che andare alla ricerca di prestiti senza cercare qualche giocatore per creare un minimo di patrimonio. Ma dico, i milioni del paracadute per cosa verranno usati se non per reinvestire in una società ormai spolpata? Per carità, la fine del mercato è ancora lunga ma allo stato attuale, nulla fa pensare a epiloghi positivi, anzi. Se ciò non accadesse, sarebbe il caso di fare le pulci nuovamente ai conti del signor calSetti per capire dove possano finire tutti i soldi pervenuti da paracadute e plusvalenze varie. Se alla luce di tutto ciò il Verona non fruirebbe di questi soldi, più di un qualche sospetto è giusto averlo, del tipo che magari col signor Volpi il presidentissimo magari abbia un buco ben più grande dei famigerati cinque milioni di euro. Ciò detto, mai più abbonamento con calSetti presidente.

                                    • spc scrive:

                                      Io invece pretendo che asfalti il campionato con tutti quei soldi senza se e senza ma

                                    1. mir/=\ko scrive:

                                      Setti è un ottimo imprenditore della moda… perché nel mondo del calcio Veronese e non, Setti appare l'esatto opposto di ciò che è nell'altro ambito imprenditoriale?? io trovo assurda questa dicotomia cui abbiamo un dottor Jekyll ed un mister Hyde… E tutto questo getta ancor più una cortina fumogena su una situazione in cui la trasparenza è ormai quella di un muro in cemento armato!!!

                                      1. mir/=\ko scrive:

                                        Scusa Francesco: Setti è un milionario che ha avuto coraggio, capacità e idee vincenti per diventare, pressoché dal nulla, un imprenditore brillante nel campo della moda. Le firme create dal Carpigiano propongono effettivamente (… gli va riconosciuto!) prodotti accattivanti e di qualità che riscuotono un gradimento crescente anche fuori dall'Italia!! il fatturato di queste tende a crescere e regge più che bene la crisi in atto nel settore, anche grazie all'apertura di nuovi punti vendita in contesti internazionali oltretutto importanti. Cosa spinge un imprenditore con le credenziali sopra descritte ad entrare nel mondo del calcio per far figure meschine di tale portata? cosa lo spinge, soprattutto, a rimanervi ponendo in atto politiche che evidenziano oltre che una imbarazzante inadeguatezza anche una "presunta" attività di bassa speculazione in danno del club è in sfregio ad una piazza che non lo merita??? Setti è entrato nel mondo del calcio per un ritorno di immagine, come sostengono molti??? e sarebbe questa la sua immagine!???

                                        1. spc scrive:

                                          Top
                                          A suo tempo ricordo un posto del Vigo in cui si diceva che avrebbe vigilato… Too late

                                          1. andrea scrive:

                                            CARO BARANA
                                            COMTINUI A DIRE CHE CI FOCALIZZIAMO SU UN EPISODIO. QUELL'EPISODIO SECONDO ME HA QUALCOSA CHE VA AL DI FUORI DEL DOSCORSO TRASMISSIONE MA E COLLEGATO ANCHE AI FATTI DI ADESSO. ALLORA IO PER PAURA DI PRENDERMI UNA QUERELA TI ZITTISCO ..TU CHE SEI IN TRASMISSIONE CON ME..E PURE IL VOLTAGABBANA DI PURGATO CHE PRIMA DICE UNA COSA E LA TRASMISSIONE DOPO UN ALTRA. CARO BARANA SO BENISSIMO CHE TUTTI ABBIAMO UNA FAMIGLIA E S UN CERTO PUNTOPOSSIAMO ANCHE FREGARCENE E VADA COME VADA..NON E RIFERITO A TE CHE SEI PERSONA CHE STIMO PERCHE NON ASSERVITA MA MI RIFERISCO A CHI FA FUOCO E FIAMME IN TRASMISSIONE PER POI DIRCI CHE SIAMO IMPOTENTI DI FRONTE ALLO SFASCIO TOTALE. SEMBRA CHE NESSUNO SI MUOVA PER QIESTO CLIMA INTIMIDATORIO CHE IL L INNOMINATO HA CREATO AD ARTE…ORA DICO..DI SPUNTI X MUOVERSI E FARE UNA ISTANZA PRESSO LA LEGA DI SERIE B CE NE SAREBBERO..POSSJBILE CHE NON SI POSSA LARTIRE DA UN DOCUMENTO FIRMATO DA 10000 TIFOSI VOLTO A FARE CHIAREZZA E PORTATO NELLE STANZE GIUSTE???? E PROPRIO IMPOSSIBILE MUOVENDOSI NELLA LEGALITA PRENDERSI UN AVVOCATO COI CONTROCOG..I E VEDERE COSA SI PUO FARE?

                                            1. Gianfranco scrive:

                                              Francesco sei il numero 1^ ti stimo!

                                              1. avanti i blu scrive:

                                                la libertá di stampa é un “valore” che si apprezza solo quando lo si perde Francesco. io vivo in un paese dove poco a poco con la “ley mordaza” (legge museruola) sono stati silenziati tutti gli organi contrari al regime… e ció che prima consideravo come un diritto assodato, (normale e naturale godere di una stampa libera) oggi lo vedo come un bene prezioso quanto il mangiare o il bere…; dove non esiste i cittadini sono tali solo a metá. Dove non esiste tale libertá non esiste il “cittadino pieno” (in grado cioé di godere appieno del proprio status).

                                                Io sono e saró sempre grato a Vighini e piú in generale a Telenuovo per aver messo a disposizione nostra degli spazi LIBERI, qualche giorno fa da Micheloni ho scritto: non si dovrebbe bannare per una parolaccia (che puó anche scappare e si puó SECONDO ME perdonare) ma si dovrebbe bannare per STUPIDITÁ MANIFESTA, la ripetizione ossessiva di frasi STUPIDE (appunto) che se scritte una volta fanno “pure” sorridere, ma se ripetute all’infinito diventano rotture di pelotas senza pari. Io prima di leggere un commento leggo chi l’ha scritto, sono anni che non leggo nemmeno un post di alcuni fruitori di questi blogs, non perché mi ritenga superiore a loro, ma solo perché secondo i miei gusti sono di una noia mortale.

                                                Detto questo, capisco che il giornalista debba a volte mediare, se vogliamo “quello di Carpi” puó rendere la vita difficile a voi giornalisti (come ha fatto con te per esempio), io credo peró che “Il Verona abbia piú bisogno di voi che voi di Setti….” Voi potete benissimo fare il vostro lavoro anche senza “il riconoscimento” del Verona Hellas, alla fine cosa puó succedere? Che non si presentino piú davanti a voi i giocatori da intervistare? Da quanto tempo non sentiamo uscire dalla bocca di un giocatore un discorso per una volta vero che non sia la solita sbobba “melensa ripetuta “ad usum stulti”?

                                                Per un periodo non ho piú scritto da Vighini, prima di andarmene spiegai il perché ringraziando il padrone di casa (erano anni che vi scrivevo), mai mi sono permesso di mancargli di rispetto tra l’altro non ho mai preteso di “insegnare” a fare il giornalista a nessuno… Se non mi piace una casa non la frequento punto, trovo puerile nascondersi dietro un nick insultando che tra l’altro ti sta permettendo di scrivere.
                                                Non mi piaceva la relazione tra Telenuovo e H.V. (media patner) lo dissi allora e lo ripeto oggi, Vighini ha detto che ha portato cose buone ed é vero (io lontano migliaia di km ho potuto vedere le amichevoli in “strimin”) ma nessuno mi toglierá mai dalla mente che, anche nel sub-conscio di ciascun giornalista scatti una sorta di “istinto all’auto-difesa” che SECONDO ME NON VA BENE (e fa male al giornalismo).

                                                Su Pecchia – Trasmissione di Telenuovo: per me É STATO UN ERRORE GRAVE DI VIGHINI, grave perché rimarrá nella memoria di molti di noi, la maggior parte avrebbe voluto vedere uscire Pecchia distrutto dal confronto invece, si é avuta la sensazione di averlo “maneggiato” con i guanti bianchi.
                                                Tanto per capirci, ritengo che l’allenatore abbia avuto colpe gravi e responsabilitá nella decable (orribile come h´ha gestita e come l’ha spiegata a noi tifosi… quel “siamo in crescita” rimarrá nella storia del verona come e quanto “se cercate i ladri sono nell’altro spogliatoio”; ma ritengo altresí che IL VERO RESPONSABILE DEL VERGOGNOSO DISASTRO SIA UN ALTRO; molti vogliono che parli, che ci spieghi le sue intenzioni, chiedo per sapere: Ma qualcuno di noi gli crede ancora, o ha ancora solo minimamente fiducia che fará qualcosa di buono per il Verona? Quali segreti pensate confessi? Pensate che vada da Vighini a confessarsi per ottenere l’assoluzione dai propri peccati? Sono anni che ci prende per i fondelli… sinceramente io ho detto da tempo basta, non mi interessa piú ció che ha da dire

                                                • Francesco Barana scrive:

                                                  Io non voglio entrare nel merito delle trasmissione di Pecchia, su certi interventi di alcuni ospiti mi pronunciai quella sera, non ho cambiato idea e non devo ripetermi. Trovo poco intelligente focalizzarsi su quello (non dico a te, sia chiaro). Rispondo perché voglio fare una considerazione generale: quando si ha ospite un addetto ai lavori l’obiettivo di un giornalista non è massacrarlo o “vederlo distrutto” come hai scritto dicendo che molti si aspettavano questo. L’obiettivo è avere risposte (poi l’obiettivo può riuscire o meno). Il resto non è giornalismo, ma è giustizialismo, pollaio, show fine a se stesso, ego. lo so che da vent’anni a questa parte, anche in luoghi più importanti, va di moda agire così. Ma chissenefrega!! Non siamo tutti pecore, resiste ancora un’etica per fortuna. Le persone, anche se non ci piacciono, vanno rispettate.

                                                • avanti i blu scrive:

                                                  solo una frase mi interessa che dica: “HO VENDUTO IL VERONA” il resto é aria fritta

                                                1. schetch scrive:

                                                  Francesco, questa situazione purtroppo ha creato tante microfratture. Con e tra la stampa locale e di Telenuovo, ad esempio non solo con quella serata di Pecchia, anche prima si leggeva qua e la critiche sulla gestione o il cambiamento di fronte a seconda di come butta il vento. Personalmente credo che un giornalista debba raccontare la cronaca, e se un tempo c’era la crociera, oggi invece c’è disaffezione. Però un giornalista deve anche essere un po’ investigatore, pèer avere degli scoop ci si deve sbattere il c..ulo. E credo che sia questo che in molti, e anche io mi ci metto, vorremmo vedere in questa dannata situazione. Finalmente qualcuno che scopre che fa venire a galla, che PROVOCA una reazione da far uscire allo scoperto il Nostro. Così succede che ci si attacca a quella trasmissione perchè si voleva vedere il sangue, magari anche una goccetta e invece….
                                                  Poi ci sono le altre fratture quelle tra chi si abbona e chi no, chi vede come la peste ( e non sono d’accordo) chi rinnova, e invece chi trova il miglior modo per farlo andar via, fratture tra di noi che mi danno l’impressione di avere una prepotenza nei riguardi delle decisioni altrui……E poi non credo che veda via per questi motivi non so come si faccia a crederci. Bruttissima situazione ma che cazzo NOI tifiamo la maglia e non il magliaro!!!!!
                                                  L’ho già scritto, sogno uno stadio pieno che insulta ogni 10 min il padrone….
                                                  Hellas Uber Alles.

                                                  1. MRX scrive:

                                                    Ciao Francesco,

                                                    ho sempre apprezzato la tua onestà e la franchezza che ha sempre contraddistinto ogni tuo scritto e ogni tuo intervento televisivo.
                                                    Non voglio entrare in merito a quanto hai scritto, pur comprendendone le motivazioni.

                                                    Mi permetto solo di rivolgerti una preghiera….non cambiare MAI!
                                                    Resta ciò che sei, continua a fare ciò che hai sempre fatto, perché sei una delle poche persone che hanno mostrato vero amore per il nostro Verona.

                                                    La situazione è passata dall’essere grave all’essere drammatica.

                                                    Si imporrebbe veramente una presa di posizione da parte di tutti, tifosi, giornalisti e istituzioni.

                                                    Francesco, cosa è concretamente possibile fare per uscire da questo nerissimo tunnel?

                                                    Grazie ancora!

                                                    1. Arnoldfranco scrive:

                                                      Bravo Francesco! Ti stimo.

                                                      1. bacci scrive:

                                                        Mi pare assurdo come la puntata con pecchia abbia spostato l'attenzione sul problema vero del Verona. LA PROPRIETÀ. La redazione potrebbe aver fatto degli errori, ma sono proprio cosi gravi? Che soddisfazione ci sarebbe stata nell'accanirsi contro un mister dilettante e in confusione? Sarebbe stato professionale? È cosi assurdo il comportamento e lo stile di pecchia dell'anno scorso? Stiamo parlando di un debuttante, abbastanza mediocre e spaesato. Davvero volevate che prendesse posizione contro il suo primo datore di lavoro?
                                                        È abbastanza deludente leggere molte persone focalizzarsi solo su quell' episodio, dimenticando la reale malattia di questa squadra. Il suo presidente, verso il quale questo sito mi sembra l'unico a fare critica.
                                                        … Siamo fuori da ogni logica…

                                                        • Francesco Barana scrive:

                                                          “È abbastanza deludente leggere molte persone focalizzarsi solo su quell’episodio!. Considerazione intelligente. Ma non credo siano molte, ma solo alcune.

                                                        1. LucaF scrive:

                                                          “…ma se smettessimo…” invece di “…ma se smettiamo…” dai su almeno i congiuntivi…

                                                          • RobyVR scrive:

                                                            … dio caro che apasionante discusione,..

                                                          • Francesco Barana scrive:

                                                            si chiama periodo ipotetico misto, caro professorino anonimo. Si usa nel linguaggio parlato e come forma retorica scritta quando si vuole essere diretti e colloquiali, come sovente è un blog.

                                                        2. Francesco Barana scrive:

                                                          “Si può avere inoltre un periodo ipotetico misto, quando nella protasi il verbo è al congiuntivo e nell’apodosi all’indicativo, o nella protasi all’indicativo e nell’apodosi al condizionale. Si tratta di uso comune nel parlato, ma da evitare nell’uso scritto”. Questo dice la Treccani. Si usa nel parlato con indicativo più condizionale, per estensione e consuetudine si può usare anche nello scritto quando la forma scritta è associabile al parlato (come in un blog) e si vuole rendere più snella, diretta e confidenziale la frase (in un giornale o in una rubrica più ufficiale non lo avrei usato). Meglio specificare per qualche genio del nulla che viene qui solo a perdere tempo con le sue inutili e soprattutto immotivate arie professorali.

                                                          1. Fede Verona scrive:

                                                            Rimango perplesso caro Francesco. Trovo fuori luogo questo tuo post. Non tanto sulla difesa del diritto di critica quanto sulla difesa a Gianluca Vighini per il quale provo simpatia ma che considero un tifoso non un giornalista.
                                                            Se devo essere onesto di giornalisti, a Verona, di gente pronta a raccontare la verita’ senza cadere nella retorica e nel facile applauso, non ne vedo.
                                                            Non chiedo guerre, non voglio sangue e non voglio cadaveri pero’ da lettore pretendo di sapere.
                                                            E se voi sapete e non raccontate siete complici dell’attuale situazione in cui versa il Verona.
                                                            Mi aspetto, da attento lettore di tutto cio’ che e’ Hellas Verona, quello che altri giornalisti (non tu, non Vighini e nessun altro dei tantissimi scrivani locali) hanno indagato e riportato:
                                                            http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/01/15/news/gabriele-volpi-il-miliardario-che-fa-affari-con-il-calcio-1.317003
                                                            Questa notizia tggialloblu l’ha copia incollata….ma non e’ andata oltre. La cosa si e’ fermata li’. Peccato perche’ magari avreste potuto scoprire voi che fate questo mestiere, altre cose.
                                                            Non credo che questo articolo si possa definire pedinamento da show, trovo che sia ricerca e indagine ma sono certo di sbagliarmi.
                                                            Il livello del giornalista locale invece e’ questo (e tralascio volutamente la famosa puntata su pecchia e la famigerata domanda sulla peara’ mentre il Verona navigava al penultimo posto dall’inizio della stagione)

                                                            https://www.tggialloblu.it/pages/697607/hellas_verona/verona_col_cuore_i_bilanci_e_tre_domande.html

                                                            concorderai con me che sono due cose ben distinte. Certo si puo’ fare copia incolla, non e’ vietato, pero’ il giornalismo (credo) sia ben altro.

                                                            Un ultimo consiglio (non richiesto me ne rendo conto)… Nel mentre chiedi e non ottieni di incontrare il presidente intergalattico secondo le regole del bon ton giornalistico, potresti, visto che sei cosi anarchico e libertario, fare per una volta qualcos’altro: non seguire le regole.

                                                            1. Roby scrive:

                                                              concordo appieno con bacci

                                                              1. bacci scrive:

                                                                *abbia spostato l'attenzione dal problema vero del verona.

                                                                1. Paolo scrive:

                                                                  per colpa di setti, siamo arrivati a litigare tra noi.

                                                                  1. mir/=\ko scrive:

                                                                    il Verona non esiste più! esiste una azienda di moda e il suo padrone! il Verona è un ramo di quest'ultima … lo sport dovrebbe richiedere passione, prima di tutto! nella società Hellas di passione c'è né davvero tanta… ma non per lo sport!!!

                                                                    1. Fichera Fabrizio scrive:

                                                                      hai perfettamente ragione..noi tifosi possiamo continuare a protestare civilmente e fargli capire che nessuno lo vuole..voi giornalisti continuate a non fare i “leccaculi” …ma purtroppo la società è sua e fino a quando qualcuno non si siede in maniera seria a parlare di rilevare il nostro amato Hellas, non risolveremo mai questa annosa questione!

                                                                      • Francesco Barana scrive:

                                                                        io invertirei la logica del tuo ragionamento: più che pensare se c’è qualcuno che vuole comprare il Verona, vorrei chiedergli se davvero lui oggi come oggi vuole vendere.

                                                                        • Prebenzia scrive:

                                                                          venderà, venderà…..dalla fine del prossimo anno in un modo o nell’altro lui venderà. l’unica vera incognita è scoprire se l’acquirente sarà una vera new entry o una gattopardesca rivisitazione della soap fusco-d’amico!
                                                                          P.S. ma l’eventuale acquirente lo sa che oltre la cifra di acquisto della società priva di debiti ballano ancora i 18 milioni del marchio “Hellas”?!

                                                                          FORZA / = \ HELLAS

                                                                      1. peter scrive:

                                                                        Ciao Francesco ,
                                                                        prima avevo forte sentore di certe cose , ma il tuo scritto mi conferma tutto.
                                                                        siamo al cospetto di un mondo mafioso , intimidatorio a tratti, querele , accessi negati o anche di peggio , come alcuni fratelli che forse hanno venduto quanto di più prezioso accecati da 30 denari.
                                                                        ho letto cosa hai risposto ad un lettore ” se esiste chi vuole comprare il verona , ma tu dici forse bisogna chiedere se vuole venderlo ! ” . come hai ragione … e tu lo sai bene ma molto bene… ieri parlavo proprio con LUI del nostro amato hellas .. e tutti soffrono di questa situazione , ma fintanto ci sarà un solo € è parere di tutti non abbiamo nessuna possibilità di fare qualche cosa.
                                                                        Serve però che la città sappia che esiste dell’altro oltre questo personaggio che tiene in scacco una città intera , serve la città sappia che ci sono le persone che sono molto simili a Giovanni Martinelli per passione e voglia , non per vincere scudetti certo che no, ma per avere dignità questo si.
                                                                        Ti lascio un appunto di viaggio Francesco, tu vedrai e vedranno i tifosi dell’hellas cosa farà Rosso al Vicenza in 4 anni , nel mondo dell’imprenditoria si sta già muovendo è bene .
                                                                        Concludo dicendoti che tu hai già fatto la tua parte tempo addietro….e tu sai a cosa mi riferisco, perchè non pensavo nemmeno lo dicesse.
                                                                        un caro saluto a te a tutti i tifosi dell’hellas e ricordate , serve stare uniti , fare sistema TUTTI , anche le istituzioni devono fare la loro parte , se vogliamo liberarci di questa persona .
                                                                        Chi non lo capisce ha seri limiti purtroppo.
                                                                        ciao

                                                                        1. Paolo scrive:

                                                                          ma ci rendiamo conto, che per colpa di setti, stiamo quì a litigare tra noi? senza contare che é riuscito, me compreso, a farmi allontanare dal mio Hellas. setti, a parer mio, é molto ma molto peggio di pastorello. se penso che gli ho porto pure la mano, mi incazzo da solo!

                                                                          1. andrea scrive:

                                                                            CARO BARANA
                                                                            MI SENTO DI RISPONDERTI PERCHE ANCHE IO SONO STATO CRITICO CON VIGHINI SUL CASO PECCHIA. IO TI HO SCRITO ANCHE IN UN MIO INTERVENTO BARANA SINDACO PER MANIFESTARTI IL MIO APPOGGIO. ORA PERO NON SONO DACCORDO SU MOLTI PUNTI. IN PRIMIS L EPISODIO DI PECCHIA NON E STATO AFFATTO BANALE. NESSUNO SI ASPETTAVA CHISSA CHE, MA TU CHE ADESSO DIFENDI VIGHINI A SPADA TRATTA SEI STATO ZITTITO IN MANIERA ANCHE OFFENSIVA XCHE VOLEVI DIRE LA TUA ..TU NON VOLEVI UN BANALE ASSERVIMENTO DELLO STUDIO PERÒ SEI STATO ZITTITO..E QUESTI SONO FATTI.
                                                                            SECONDO: MESSUNO CHIEDE A VOI GIORNALISTI O ALTRI INTERLOCUTORI IN STUDIO CON VOI DI FARE CHISSA CHE.A SECONDO ME CHE NON VOGLIO INSEGNARE A NESSUNO PER CARITA IL VOSTRO LAVORO DI CRONISTI TUTFAVIA ESISTONO DIVERSI TIPI DI GIORNALISMO ANCHE QUELLI CHE NON PRENDE QUERELE MA CHE LOTTA OGNI GIORNO SD ES IN AMBIENTI DI MAFIA E CAMORRA. DETTO QUESTO RIPETO NESSUNO PRETENDE CHISSA COSA..MA ESSERE ALLONTANATI DALLO STADIO COME TE O VEDERSI UN PERSONAGGIO COME L INNOMINATO CHE FA SCEMPIO DEL NOSTRO HEAS E IN PIU QUERELA VERAMEMTE MI SEMBRA CHE SI SIA PASSATO OGNI LIMITE. SE VOI APRITE UN BLOG SPECIE IN QUESTO MOMENTO DOVETE SAPERE CHE L INCAZZAMENTO È AI MASSIMI STORICI..SE NO CHIUDETELO E BELLA FINITA..MA NOI DOBBIAMO ACCETTARE LE ANGHERIE DJI QUESTO PSEUDO PRESIDENTE E STARE ZITTI? DOBBIAMO COALIZZARCI E ANCHE VOI DOVETE FARE LA VOSTRA PARTE SEMPRE NEI LIMITI CHE LA LEGGE CI IMPONE. IL GIORNALISMO PER COME LA PENSO IO IN CERTE SITUAZIONI DEVE ANCHE ESSERE MOTORE PER QUALCOSA DI CONCRETO. IO NEL MIO PICCOLO GIA MI STO MUOVENDO. RESTITUIAMO L HELLAS ALLA GENTE ONESTA

                                                                            1. Massimo R. scrive:

                                                                              Bell’articolo che richiama un po’ tutti a farsi un esame di coscienza sul modo di esternare il proprio pensiero. Tuttavia, secondo me, non dovremmo spostare l’attenzione su quanto sta succedendo al/nel NOSTRO Hellas. Ho 45 anni e amo questa squadra fin da quando ho memoria e non ho mai vissuto una situazione simile. Forse il popolo dell’hellas si aspetta da voi giornalisti qualcosa che non potete dare ovvero buone notizie, di qualsiasi tipo. La vedo male amico molto male.

                                                                              1. luca scrive:

                                                                                Ormai non c'è più voglia di Verona a tutti i livelli, e mi sembra che anche voi giornalisti abbiate gettato inconsapevolmente la spugna. Personalmente una società come questa ti fa passar la voglia di tutto. Come Davide, sono molto preoccupato per la situazione. Ci spettano tempi bui, non vedo alternative.

                                                                                1. Davide scrive:

                                                                                  Nulla da eccepire… appunto Francesco: COSA SAPETE? (volutamente maiuscolo)
                                                                                  Perchè da un giornalista mi aspetto cronaca o indagine… non certo rappresaglia o schermaglie dialettiche. Quelle sono dei tifosi. Quindi se tu o Gianluca avete fatti da testimoniare questo mi sembra il momento di smascherare il reggente.
                                                                                  E lo dico da tifoso seriamente preoccupato della situazione attuale.

                                                                                  Saluti

                                                                                  1. stefano scrive:

                                                                                    dobbiamo remare tutti assieme dalla stessa parte…. tifosi e giornalisti seppur sempre tifosi ma liberi di urlare il nostro dissenso a tutti e soprattutto a Setti che ci vuole zittire.!!! SOLI CONTRO TUTTO E TUTTI!!!

                                                                                    1. Nicola scrive:

                                                                                      personalmente ..leggo..ascolto e valuto.
                                                                                      Seguo telenuovo e non disprezzo Vighini.
                                                                                      ma io per primo sul Blog ho ricordato ,educatamente, la melassa sprigionata dall intervista a Pecchia.
                                                                                      Io non volevo la gogna ma nemmeno la farsa…e mi ricordo come e' stato trattato il suo intervento.
                                                                                      Poi il problema non e' la Tv veronese ma che questa gestione dell Hellas sta facendo disinnamorare i tifosi e non pensavo potesse succedere a me….invece..

                                                                                      1. Fabio scrive:

                                                                                        Aldilà di ogni considerazione credo che la stagione "mediatica" non potesse partire peggio. Voglio sperare che quella sportiva non ricalchi quella della disastrosa stagione passata. Ahimè! ….. Sempre e cmque Forza Hellas

                                                                                        1. bruce scrive:

                                                                                          Francesco, purtroppo la città di Verona considera da tempo l’Hellas come qualcosa di scomodo. Il fatto che il magliaro stia distruggendo tutto senza che nessuno faccia nulla (mi riferisco in primis a stampa e istituzioni) deve far riflettere. In realtà il Verona sarebbe dovuto sparire una decina di anni fa, sommerso dai debiti e salvato dalla pazzia e passionalità di un personaggio tutto tranne che scontato come il Conte (che venne persino contestato) e poi dall’intelligenza e pragmaticità di Giovanni Martinelli. I nostri istituti di credito e grandi industriali ben si sono guardati dall’intervenire perchè nella mentalità ottusa e bigotta che permea la nostra città il motto è l’immagine prima di tutto, l’ideale è uno stadio semideserto e narcotizzato (Chievo).

                                                                                          1. mir/=\ko scrive:

                                                                                            domanda: "impossibile intervistare Setti o D'Amico????"… dove vivono questi??? nel Borneo??? se non parlano andate a cercarli!!! io chiedo questo, ad esempio…

                                                                                            • Francesco Barana scrive:

                                                                                              E’ da un anno che chiedo un’intervista a Setti. Siamo giornalisti e ci sono delle regole, non pedinatori che cercano lo show. Poi qualcuno qua (non dico te) vorrebbe insegnarci come fare giornalismo. E poi magari legge i leccaculo. Straordinario.

                                                                                            1. inclineatutto scrive:

                                                                                              Egregio,
                                                                                              capita a volte che non cncordo sulla sa filosofia però, in questo caso, riceve il mio plauso per aver toccato un argomento a me caro: i professionisti del nulla o del complotto.
                                                                                              Tale esemplare commenta e giudica le scelte tecniche di un allenatore senza mai aver allenato, commenta e giudica le capacità di un giocatore senza mai aver giocato al calcio seriamente, commenta e giudica l’operato di un giornalista senza conoscerne le regole di ingaggio.
                                                                                              A dir il vero oggi il mondo social è tutto così anche se però mi piace pensare (anche se condivido poco i pensieri di David Parenzo) che esista una maggioranza silenziosa che scrive meno contro ma che, seppur delusa, spera solo nel bene del nostro Hellas.
                                                                                              Ultima questione che le pongo da persona che ha visto qualche cessione di società anche se in altri ambiti: non le sembra che tutte le mosse fatte quest’anno osiano indirizzate ad una cessione societaria imminente? Siamo sicuri che sotto non ci sia un movimento che sfugge ai più?
                                                                                              Grazie e buona giornata

                                                                                              1. Nicola Benato scrive:

                                                                                                Si ma alla fine…..se i giornalisti non i pol far gnente, i tifosi gnente, la politica col sindaco (tifoso) manco ancora…..cosa ne resta? degli abbonamenti me par che al muto da Carpi non ghe ne frega na mazza. Qualcuno ga un'idea par uscir da sta situasion apparentemente senza uscita?…. non andar a veder l' Hellas me par de far un torto alla mia fede!….

                                                                                                1. RobyVR scrive:

                                                                                                  … capisso la provocasion ma SINCERAMENTE l’è meo VERAMENTE smettar de scrivar su sta NON SOCIETA’ e NON SQUADRA fin a quando Seti nol sarà andà a far el presidente del solo MANTOA e l’avarà mollà l’osso.

                                                                                                  Sul Vighini, sì, te ghe reson ma la picola e insignificante (se fa par dir) puntata su Pechia sinceramente la m’è rimasta qua.
                                                                                                  NON avaria cambià niente farghe vere domande però almanco una SOLO MAGRA sodisfasion.Tanto a èssar ste diplomatici e quasi pietosi vèrso Pechia cossa ha cambià? Altretanto niente.

                                                                                                Rispondi a stefano

                                                                                                Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                                                Accetto i termini sulla privacy

                                                                                                *