22
lug 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

701

ADESSO SONO PIU’ TRANQUILLO

Adesso che c’è un ministro indagato mi sento molto più tranquillo.

Adesso che è stata assunta un’amica del vicepresidente del consiglio a 70.000 euro l’anno (tanto brava e anche giovane e bella, senza essere neppure la nipote di Mubarak) mi sento più tranquillo ancora.

Sapendo che abbiamo di riserva i milioni che la Lega deve restituire, mi sento come un gatto nel formaggio.

Non  vedrò più titoloni su indagato questo e indagato quello (tutti sono innocenti fino a giudizio definitivo, anche Savona).

Non ci saranno più politiche fatte di fango nel ventilatore.

Non si dirà più che il garantismo è un gargarismo.

E intanto il manuale Cencelli (Cdp, Rai e via dicendo) torna ad essere un classico del pensiero politico, al pari di Hobbes, Locke e Marx.

Sì, adesso posso stare davvero tranquillo.

O no?

 

701 VISUALIZZAZIONI

11 risposte a “ADESSO SONO PIU’ TRANQUILLO”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    @Norberto 25 luglio 2018 alle 13:36.

    Hai ragione: non c’è solo la massa del reddito di cittadinanza, c’è anche quella che non condivideva il modo di governare e gli esiti dei governi a guida PD. Non risulta quindi difficile capire la tranquillità di ALDEGHERI.
    Da lui non ho mai sentito una parola di autocritica: la sua ( forse anche la tua) è una ” posizione dialettica nel solco del saggio di Engels tra autorità ed autoritarismo, ma nella versione pragmatica di Marcuse, la famosa lezione di Lipsia “, complicata da interferenze Hobbes/Locke/Marxiane.
    :-D

    1. Norberto scrive:

      Potrei pure prendermela con la congiura demoplutocratica che guida le sorti del mondo o con la cricca radical chic buonista e di sinistra che ha imperversato in Italia negli ultimi decenni e che pretende ancora di dire la sua, ma avrei semplicemente finto di non vedere che la coalizione giallo-verde che governa il nostro Paese assume con criteri clientelari come prima, utilizza indebitamente il finanziamento pubblico ai partiti, è garantista a corrente alternata, riduce ogni confronto con gli avversari a una valanga di insulti, si spartisce i posti di potere col bilancino del farmacista e pretende dai tecnici fedeltà anziché competenza.
      Sarà per questo che non mi sento per niente sollevato….

      • martello carlo scrive:

        Hai cominciato benissimo fino a ” pretende di dire la sua “. Io non mi schiaccerei sulla dietrologia ridicolizzandola e sul rinfacciare ai pentastellati il fatto che sono uguali a tutti gli altri: CHE SCOPERTA E’?
        C’è forse qualcuno che ha creduto veramente alle panzane della schiatta degli onesti affiliati al mondo di GAIA? NESSUNO, RIPETO NESSUNO, se non qualche idealista tibetano, può aver creduto a delle panzane simili: i voti provengono dal reddito di cittadinamza e dalla incancellabile pulsione terronica ( non meridionale ) al parassitismo stataloide.
        E’ un conflitto che presto esploderà di fronte al senso pratico costruttivo della LEGA al familismo ( più che nepotismo ) tipico delle mafie e DI MAIO, da POMIGLIANO D’ARCO, non poteva certamente fare eccezione.
        Per ora, SALVINI, cerca di portare a casa il massimo limitando i danni vetero parassitari di certo sud, in attesa di cercare di portarlo ad un livello continentale.
        TUTTO IL RESTO E’ FUFFA: IL PD HA FATTO PER I LAVORATORI E PER L’ ITALIA QUELLO CHE IL PIU’ SPUDORATO DEI GOVERNI REAZIONARI NON AVREBBE MAI FATTO.
        Quanto ai 20 MLN della LEGA, li faremo pagare a parte di quello che è confluito nelle casse del PD con il dissanguamento di MPS e con l’ ” L’ASSISTENZA AI MIGRANTI “.

        • Norberto scrive:

          Continuo a credere che il gusto dell’iperbole ti porti a dire cose a cui non credi e comunque inverosimili.
          Dire che il 30% degli italiani abbiano votato senza credere nei 5S non sta in piedi come nell’assegnare a Salvini un ruolo salvifico e requilibratore della storia repubblicana. Neanche con le lenti deformanti del fanatismo…

          • martello carlo scrive:

            Le iperboli, come quella degli italiani che hanno votato contro gli ALDEGHERI che rifiutano ogni esame di coscienza, vengono spontanee quando si parla di chi “utilizza indebitamente il finanziamento pubblico ai partiti” e di “riserva” e di milioni che la Lega deve restituire.
            Quando mi spiegherai il senso di queste PARABOLE politico/giustizialistiche, sarò felicissimo di continuare il confronto con chi sembra avere, a volte, i PARAOCCHI.
            A risentirci.

            • Norberto scrive:

              Come vuoi. Senonchè la logica dice che le parabole politico/giustizialistiche altrui, come le chiami tu, non autorizzano l’uso di iperboli su soggetti diversi.

        • Attilio scrive:

          Sembrerebbe, per chi non conosce martello, gli sia scoppiata improvvisamente una vena di cretineria.
          Invece no, el martel l’è tutto cretino.
          Solo i cretini possono credere a tante cretinerie

      • Attilio scrive:

        appunto
        le sottolineature di Lillo possono venire respinte semplicemente con l’epiteto di Rosicone
        per questo è meglio – se lo si desidera davvero – entrare nel merito dei contenuti e non continuare con i vari rinfacciamenti

        • martello carlo scrive:

          Questa volta sei meno scentrato del solito: forse è il caldo che ti fa sragionare rispetto agli sragionamenti soliti.
          Rimani pur sempre un CAPRONE che ne accenna ma non riesce ad entrare nel merito dei contenuti perché sei VUOTO e riesci appena a concepirli.
          :-D :-D :-D

      1. Attilio scrive:

        secondo è ROSICAMENTO

        anzichè rosicare, ci narri dell’alternativa

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *