26
ago 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

764

SALVILLO, C’E’ DEL METODO…

C’è del metodo, in questa follia?

Io sono convinto di sì.

Non sono atti slegati, né di pura propaganda elettorale (che pure è una componente forte).

Come nel giochino della Settimana Enigmistica, proviamo ad unire i puntini.

La battaglia per Savona ministro.

La sfida sull’immigrazione (e relative nuove alleanze, da Visigrad all’Albania).

Il considerare trattati e documenti economici vitali come fossero scritti sulla carta del droghiere (la gara per l’Ilva illegittima ma però non revocabile!)

L’uscire dai canoni minimi di tutela della salute pubblica (vaccini obbligatori ma solo per chi vuole!)

Il chiedere decisioni immediate ad una riunione di tecnici europei (!) avvertendo, di fronte all’ovvio rifiuto, che “ne trarremo le conseguenze”.

Il minacciare di non pagare quanto dovuto alla UE (sbagliando clamorosamente le cifre, ma questo è normale in un mondo in cui l’ignoranza è tra le massime virtù).

Ecco, fermiamoci qui, per adesso, e uniamo i puntini.

Sono mosse singole o fanno parte di una strategia, di un percorso preciso e quindi di un metodo?

Io sono per la seconda ipotesi. E quel percorso punta a “costringere” l’Europa, prima o poi, ad alzare la voce, o addirittura a minacciare l’espulsione dell’Italia dalla UE.

Dopo di che, ovviamente, il mancato reddito di cittadinanza (promesso), la mancata immediata espulsione di centinaia di migliaia di clandestini (promessa), la mancata revoca delle accise sulla benzina (promessa) e tutto il resto del cosiddetto “contratto di governo”, non arriveranno. E non perché sono parole scritte sull’acqua, ma per colpa dell’Europa, della trojka, della Merkel, di Macron e via dicendo.

A quel punto, il piano B di Savona, per l’uscita dall’euro, diverrà il piano A, come voluto, promesso e ripromesso  da anni da Salvillo, o se volete da Salvimaio.

Sì, davvero, c’è del metodo in questa follia.

764 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “SALVILLO, C’E’ DEL METODO…”

Invia commento
  1. Norberto scrive:

    Non mi rivolgo a chi crede nella coalizione giallo-verde che ci governa. Per costoro non ci sono argomenti utili ad un confronto imperniato sulla logica e sul raziocinio. A tutti gli altri, e sono la maggioranza, vorrei dire che il momento dell’attesa, della speranza, della sospensione del giudizio è ormai passato. Bisogna rendersi conto e prendere atto che siamo nelle mani non di ragazzi sprovveduti e di gaffeur inguaribili ma di gente pericolosa che ci sta conducendo al massacro. Costoro hanno lucidamente deciso di portare l’Italia fuori dall’euro, senza dirlo ed anzi addebitandone la responsabilità a tutti meno che al loro comportamento e alla loro decisioni. L’Europa in questa fase non è la panacea di tutti i mali e non è la formula magica del benessere. Ma uscirne ora, dopo quello che ci è costato entrare per gli errori dei governanti dell’epoca, sarebbe un disastro che ci sprofonderebbe al livello di un Paese dell’Africa subsahariana.
    Accettare ed assumere questa convinzione è il primo passo per opporsi in tutte le occasioni che si presenteranno. Io la penso così.

    • martello carlo scrive:

      Beh, la prima frase è pesantemente Elitaria e mi chiedo, ANGOSCIATO da quale parte mi metti e quindi se posso risponderti.
      Io AZZARDO, anche perché, come ho più volte dichiarato, sono stato contrario e sono contrario all’alleanza LEGA/5*.
      Lasciando stare le solite critiche di ALDEGHERI, il quale dice sempre le stesse cose e non si fa mai un esame di coscienza, quasi non ne avesse una ( ma so che non è vero ed è solo obnubilata dall’occasione mancata di un governo MORTIFICO…. pardon MARTIFICO ), vado direttamente ai timori di uscita dall’ UE.

      Mi sembra che le posizioni si siano ribaltate e sia più DI MAIO, rispetto alla LEGA che ci stia spingendo in questo direzione.
      Su questioni di principio come quella sui migranti, in cui ci troviamo, a causa delle politiche SUICIDE della SINISTRA CAPITALISTA ( facciamo entrare tutti tanto dopo vanno nel nord e poi magari lo possiamo ricattare facendoci dare in prestito debito flessibile ) e del rifiuto di accoglienza del resto d’Europa, le minacce, anche quella di bloccare la legge di bilancio, ritengo siano giustificatissime.
      Non condivido invece il rilancio continuo della spesa come:
      - nazionalizzazioni
      - rinvii continui all’AVVOCATURA DELLO STATO di questioni di capitale importanza per il paese che sembrano voler creare al SUD un’ ARCADIA da scaricare irresponsabilmente il costo sulle spalle del NORD
      - modifica del sistema previdenziale che trasferisca ulteriori risorse al sud evasore/improduttivo/mafioso sottraendole ai lavoratori ( compresi quelli del sud che hanno avuto il coraggio e la volontà di emigrare al nord)
      - modifica della scaletta del REDDITO DI CITTADINANZA (che non condivido in assoluto ed è sulla scia del parassitismo meridionale che è in gran parte causa dell’ AFRICANIZZAZIONE dell’ Italia), nell’ intento di recuperare i successi della LEGA sui migranti: non doveva essere la ristrutturazione dei centri per l’ impiego la prima mossa?
      Tale reddito va subordinato alla crescita di posti di lavoro derivanti dall’ applicazione della riforma fiscale: SENZA AUMENTO DELL’OCCUPAZIONE E DEL PIL, NIENTE REDDITO: il GIROCONTO MAFIOSO di farci mangiare un reddito dai fancazzisti perché possano comprare, facendo un CXXO, le merci delle aziende del nord per continuare a farci lavorare per mantenerli, HA DDA FINI’, anche perché la teoria si sta estendendo al MERIDIONE DEL MERIDIONE (l’ AFRICA ).
      - la decrescita felice che si sta evidenziando tra i pentastellati evidenzia una mentalità assistenzialista fuori dal mondo e dall’ UE: CHE FINE FANNO I 70 MLD che VANNO A ROMA ( solo da VENETO e LOMBARDIA), DAL MOMENTO CHE IL SUD SI PIANGE ADDOSSO CONTINUAMENTE PER ESSERE STATO ABBANDONATO?

      Sono quasi certo che il governo non supererà la fine anno: non sono un morto di fame, anzi, e avrei certamente molto da perdere con l’ uscita dell’EURO, ma PRIMA DI TUTTO, NON SONO UN SERVO come i PIDIOTI.
      DOPO LE CRITICHE,SUGGERISCIMI, A PARTE LE SPECULAZIONI CHE SONO TENTATO DI FARE, PER EVITARE, ANZI GUADAGNARE DALLA FINE GRECA DI QUESTO PAESE DI MEXXA, LE TUE SOLUZIONI FILOSOFICO SOROSIANE.

      FORSE UN BEL GOVERNO MARTINA FICONE? E METTI FUORI LE CORNA UNA BUONA VOLTA!

      • Norberto scrive:

        Il mio esordio non ha niente di elitario ma vuole semplicemente sottolineare che per chi non accetta il metodo del confronto ogni dialogo è precluso. Del resto il commento qui sopra di Maxhellas che fa una lunga tirata sulla malvagità e la partigianeria degli istituti finanziari senza opporre un solo argomento alle osservazioni avanzate qui dal dott.Aldegheri e dal me, e la prova di quanto dico.
        Quanto alle risposte che mi chiedi, sai meglio di me che il quadro politico oggi non offre alcuna soluzione. Ne riparliamo più avanti. Ciao

    • bardamu scrive:

      Non ho votato per i partiti di questa coalizione e non ho particolare fiducia in questi, come in altri politici ( anche se riconosco a Salvini una tenacia e un coraggio a mantenersi coerente con quanto promesso in campagna elettorale, assolutamente inusuali per un politico italiano ).
      Però questa litania apodittica del pericolo di uscire dall’euro mi convince altrettanto poco.
      Lo dico a pelle, sia chiaro, non ho strumenti adeguati per giudicare con cognizione di causa. Ma tra quelli che sproloquiano sul tema non so quanti li abbiano veramente.

    1. Maxhellas scrive:

      Piccolo punto, ma importante:

      quando si parla de “i mercati” sarebbe utile rammentare che detti mercati sono “fatti” da operatori come Goldman Sachs, Morgan Stanley, JPMorgan, Citigroup, HSBC, Barclays, UBS, Credit Suisse, BNP Paribas, Societe Generale, Deutsche Bank, Nomura e pochi altri grossi istituti di dimensioni planetarie come questi.

      Orbene, nelle indagini di SEC ed altre Autorità di mercato USA, come in quelle svolte da Autorità simili in molti altri paesi ( FINMA in Svizzera, FSA in UK, quelle canadesi, giapponesi, di Singapore, Hong Kong, Australia etc) questi stessi istituti sono stati trovati COLPEVOLI di comportamenti collusivi volti ad influenzare a loro vantaggio i prezzi di: cambi, materie prime, tassi swap, CDS, titoli di stato USA e di altri paesi. Per queste ragioni sono stati in vario modo pesantemente multati ed hanno dovuto risarcire gli investitori che hanno fatto loro causa per danni correlati a questo genere di comportamenti accertati dalle varie Autorità di mercato.

      Quindi non io, che non sono nessuno, ma le varie SEC, FINMA, FSA ed altre Autorità ufficiali ci dicono che i mercati sono fino ad oggi stati fatti (influenzati pesantemente) da questi “signori”.

      Ricordiamocelo quando li sentiamo nominare come entità divine astratte in possesso delle chiavi del bene e del male….

      PS: sono gli stessi che impacchettavano i mutui spazzatura in titoli per venderli all’ignara clientela, all’origine del “botto” di Lehman che ha scatenato la crisi finanziaria. Hanno pagato fior di multe (e quindi sono stati trovati colpevoli) anche per questo. Ricordiamocelo.

      Per il resto, ovvio che chi non ha votato M5S e Lega non può condividere le politiche in atto.
      Per questo esiste (o dovrebbe esistere, pop corn permettendo, un’opposizione).

      1. Attilio scrive:

        Non è vero che ci sia un metodo.
        Non c’è alcun metodo.
        C’è solo improvvisazione, incapacità e impreparazione a gestire uno stato.
        C’è invece una grande capacità a gestire la macchina mediatica e linfluenzamenti dell’opinione pubblica (effettuato con pieno diritto e senza violenza)

        Sono irresponsabili, ma li abbiamo eletti noi.

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *