23
dic 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

586

La rivoluzione di fine ’19

Botte, urla, spintoni: tutte cose già viste, al voto sulla manovra del 2,4%, quella del discorso al balcone, quella del “mandino le letterine che vogliono, qui non si cambia nulla!”

Dejà vu.

Vista più raramente una logica economica così ferrea: parte delle nuove pensioni, ad esempio, sarà finanziata rapinando una fettina delle pensioni vecchie, da 1.500 euro in su.

Ora, come lo vogliamo definire un pensionato da 1.500 euro al mese: un espropriabile sfruttatore del popolo? Se sì, avanti così.

Mai vista, infine, la modalità d’uso del Parlamento: che vota senza poter discutere, capire, approfondire né tanto meno modificare.

Un modo per fare avverare la profezia della Casaleggio Associati: un giorno il Parlamento potrà essere inutile.

Ci siamo!

Due anni e mezzo fa, trascorsi molte serate estive facendo da moderatore in dibattiti accesi, con bravissimi costituzionalisti e professori universitari, non solo veronesi, che spiegavano come il referendum del 4 dicembre 2016 portasse a stracciare la Costituzione.

Adesso i professori tacciono.

Magari gli si chiederà di giurare che è tutto in regola, e loro giureranno (meno 12 di loro, forse, come 87 anni fa).

Poi, passata la buriana, tra molti anni insegneranno che comportarsi come ci si è comportati alla fine del 2018, era stato un terribile errore.

Ma lo diranno dopo, molto dopo.

586 VISUALIZZAZIONI

3 risposte a “La rivoluzione di fine ’19”

Invia commento
  1. Attilio scrive:

    Di fine 2019 ?

    1. Norberto scrive:

      C’è chi è ancora convinto di non aver sbagliato a votare per Salvini o per Di Maio. E’ una questione di tempo. Sarebbe comunque importante che sostenitori di questo governo ed oppositori si confrontassero sui fatti accaduti in questi otto mesi piuttosto che sulle rispettive convinzioni. Ma questa è una pia illusione.
      Prepariamoci dunque al peggio sperando che non accada.

    Lascia un Commento

    Accetto i termini e condizioni del servizio

    Accetto i termini sulla privacy

    *