09
dic 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

101

SATANA E LA CUOCA DI LENIN

Si, vabbè, ridiamoci su.

Ma che il Capo di Gabinetto di un Ministro sia invitato su Rai Uno (ma guarda!) a far pubblicità di un suo libro (toh!) e a spiegarci che i cambiamenti climatici sono colpa di Satana, beh, qualche problema lo pone.

Che all’inferno facesse piuttosto caldo l’avevamo sentito dire, ma che la caldaia di Belzebù coinvolgesse anche noi padani, e che questa fosse una dottrina teologica, forse è un po’ troppo pure per un dirigente ministeriale gialloverde.

Cercando di smettere di ridere (amaro), uno ingenuo come me ha il diritto di chiedersi: da dove li tirano fuori, questi?

Questi che dicono che se la Panda milledue costerà troppo, per le nuove tasse volute dal proprio partito, si può sempre comprare la Panda mille (che non c’è).

Questi che le scie chimiche, che i vaccini mai, che i microchip sotto la pelle, che Genova si salva fra mesi o fra anni, che il Traforo del Brennero c’è già…

Questi che decidono il nostro futuro: da dove li pigliano?

Per la serie “nostalgia canaglia”, io ricordo che una volta s’imparava a far politica nei partiti. Dove imparano questi? E’ vero che anche Lenin (per pura propaganda) diceva che, se avesse vinto lui, pure una cuoca avrebbe potuto andare al governo. Poi però, di cuoche-ministro non ne ha nominata neanche una.

E fino a pochi anni fa, prima di diventare ministro, o capo di gabinetto di un ministro, si passavano anni a discutere nel quartiere, nel consiglio comunale, in quello regionale, in Parlamento. E si arrivava a saperne almeno quanto la cuoca di Lenin. Che sicuramente, fosse vissuta oggi, avrebbe saputo che Satana, ammesso che esista, ha altro da fare che alzare il termostato di questo piccolo e sfortunato pianeta

02
dic 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 10 Commenti
VISUALIZZAZIONI

313

DA TRUMP ALLA CASTELLI, E’ “QUINTO POTERE”

Di fronte ad un nuovo studio, presentato dai migliori scienziati americani sul tema del cambiamento climatico, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato, secco e preciso: “Non ci credo!”.

Di fronte ai dati sull’incidenza dello spread sui conti economici delle banche, le quali (non essendo enti caritatevoli) si rifanno ovviamente sui propri clienti, il Sottosegretario alle Finanze della Repubblica Italiana, secca e precisa, ha risposto al professor Padoan: “Lo dice lei!” Aggiungendo poi, per spiegarsi meglio: “Lui ha studiato, e allora?”

Fatte le debite proporzioni, è la sostanza autentica della politica, così come viene intesa, applaudita e stravotata in questo periodo storico.

Non c’è alcun bisogno di argomentare, spiegare, ragionare: basta essere abbastanza arrabbiati e poi mettersi una giacchetta gialla e mettere a ferro e a fuoco gli Champs Elysees, oppure mandare tutti a ‘ffanc…”, oppure, anche di fronte all’evidenza, ribattere sprezzanti: non ci credo!

Gente semplice, come il sottoscritto, è stata presa alla sprovvista da questo nuovo modo di far politica. Eppure, 42 anni or sono, nel pleistocene, molti di noi avevano visto un film intitolato “Quinto potere”. Nella scena più famosa, un conduttore televisivo andato via di testa per essere stato licenziato, urlava in diretta “Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetto più”. E subito ridiventava una star, con milioni di telespettatori pronti ad urlare assieme a lui.

Nessun ragionamento, nessuna proposta realizzabile, nessun dialogo con gli altri: solo l’urlo di rabbia, di Trump o della Castelli, applaudito da milioni di persone “incazzate nere”. Come in “Quinto potere”.

L’arte è davvero sempre più avanti di noi.

25
nov 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

584

LA BENZINA DI SALVINI

Domenica di fastidio.

Fastidioso chi ti dà del Pd-renziano (anche se non sono affari suoi, brav’uomo, sono socialista da quando avevo i calzoncini corti: che poi socialista voglia oggi dire mille cose diverse, su questo sono d’accordo).

Fastidio per chi vorrebbe ordinarmi il titolo dei blog che scrivo (anche se non sono affari suoi, brav’uomo, ho un direttore che mi sopporta da 40 anni e mai m’ha ordinato cosa scrivere e cosa no).

Ma più fastidioso di tutti è chi mi dà del bugiardo.

E allora, un pochina di fatica, poi basta.

Dare un’occhiata qui sotto, grazie:

 

https://www.youtube.com/watch?v=MzJZibdszPM

18
nov 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

494

LA BENZINA DI MACRON E QUELLA DI SALVINI

In una fredda e noiosa domenica, aspettando le legnate che prenderemo mercoledì dalla UE (ripeto l’invito a dare un’occhiata a quanto valgono i vostri risparmi) seguo in TV la protesta di piazza francese contro le tasse sulla benzina.

Lacrimogeni, un morto, centinaia di feriti.

A Parigi un litro di benzina costa 1,55 euro al litro. In Italia la paghiamo 1,67.

Leggo che a guidare la protesta d’oltralpe sono i movimenti populisti.

Non so se il furore sia giustificato.

Mi limito a ricordare che in Italia, il leader dei populisti, Matteo Salvini, aveva giurato più volte che “al primo consiglio dei ministri” dopo la vittoria elettorale avrebbe provveduto a cancellare le accise che gravano sui carburanti. Cosa che si è finora ben guardato dal fare.

In Francia tirano le molotov, qui battono le mani.

Paese che vai, populista che trovi.

11
nov 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 15 Commenti
VISUALIZZAZIONI

646

GIORNALISTI VIL RAZZA DANNATA!

Giornalisti, vil razza dannata.

Gli insulti alla categoria da parte degli attuali governanti sono diversi dal passato per la qualità, non per l’essenza.

I grillini ci definiscono “puttane” e “sciacalli”.

Ma D’Alema ci definiva “jene dattilografe”.

Ricordo (divertito, adesso) che un assessore mi prese per il bavero, alzandomi da terra e mettendomi letteralmente al muro, nel cortile della sede municipale.

Altri mi querelarono (sempre vinto io, peraltro).

Ogni frase a loro favore si trasforma in sms di plauso (“sei il migliore, ciao grande!”)

Quasi ogni critica si trasforma in insulti (“puttana” non è un’esclusiva di Di Battista, mentre “sei al servizio di…” è la frase più usata).

Vedo bravi colleghi esclusi dalle conferenze stampa anche nello sport, figuriamoci se chi ha un po’ di potere politico pro tempore si fa più scrupoli.

Siamo uomini di mondo, abbiamo fatto il militare a Cuneo, non ci si scandalizza, via…

Il linguaggio è più volgare, ma questi sono i tempi.

Stupisce un pochino che chi ci considera sciacalli, poi sbavi per partecipare a trasmissioni che da giornalisti sono condotte.

Stupisce ancor più che i giornalisti insultati continuino ad ospitare chi li insulta senza creare (come sarebbe loro primo dovere) un vero contraddittorio (il raffinato umanista Rocco Casalino aveva proibito ai grillini di accettare qualsiasi faccia a faccia con politici avversi).

Chi si fa pecora, si sa, il lupo se lo mangia.

E se la categoria ama mettersi in ginocchio, non sarà certo il vostro umile cronista di provincia a tentare di difenderla.

04
nov 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 23 Commenti
VISUALIZZAZIONI

804

MUTAMENTI CLIMATICI? MA NO…

I cambiamenti climatici non esistono.

Lo ha spiegato bene la Lega, anche in un dotto intervento, pieno di citazioni da Internet, nella massima assemblea politica della mia città.

E la Lega è il partito più votato, sia dai miei concittadini che dai miei connazionali.

La stessa cosa l’ha peraltro più volte spiegata anche Donald Trump, padrone del mondo per scelta democratica degli americani.

Dopo di che, la Lega va giustamente a fare i conti dei danni miliardari del maltempo in Veneto, e Trump fa i conti coi tornado che spazzano le sue coste.

Ma nessuno cambia idea sulla frase di partenza.

E allora (come direbbe un simpatico leader religioso) chi sono io, per giudicare la stragrande maggioranza dei miei contemporanei?

28
ott 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 17 Commenti
VISUALIZZAZIONI

919

FORZA, BUONISTI!

Vabbè, non erano grande cosa neppure prima, ma i risparmi di tutta la mia vita si stanno assottigliando a vista d’occhio.

Eppure non ho l’animus dello speculatore: qualche titolo di Stato, qualche fondo che mi davano per tranquillo e sicuro.

Vabbè. Colpa di Soros, del rating, dei complotti di Bildenberg.

Spero che accada la stessa cosa a chi ha mandato al governo un esperto di ruspe e un bibitaro, ma è comunque una magra consolazione.

Consolazione vera, invece, è vedere come la questione non interessi quasi a nessuno.

Per tutta la vita mi hanno spiegato che gli italiani votano pensando al portafogli, che i grandi ideali sono utopia, che la maggioranza pensa solo ai propri interessi.

Per molti anni mi sono sforzato di non crederci. E adesso mi consolo vedendo che avevo ragione.

A nessuno interessa che i nostri risparmi gocciolino via come bruma d’autunno.

A nessun interessa che si fermino cantieri e opere pubbliche.

La grande maggioranza del paese è buonista, vuole uguaglianza, amore, decrescita felice, montagne verdi e felici praterie.

Siamo più poveri, isolati da tutti (a partire dagli alleati internazionali del sovranismo, che ovviamente ci hanno già mollato alla prima nube).

“L’armi, qua l’armi: io solo. Combatterò, procomberò sol io”.

Che meraviglia! Che idealismo puro ed assoluto!

E dei soldi, stercus diaboli, chissene…

Nel frattempo, senza neanche accorgermene, io devo essere diventato cattivista.

Ma neanche questo è importante.

E allora dài, forza buonisti!

Fatecela pagare cara. Molto cara.

21
ott 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 43 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.504

LETTERA AL PRESIDENTE

Giuro che non so da dove partire: la manina, la querela, il documento che non è al Quirinale, Conte che dice “qui comando io” come il siòr paròn da le bele braghe bianche…

Vabbè, scegliete voi, magari dopo aver dato un’occhiata a quanto valgono i vostri risparmi, se ne avete, rispetto a tre mesi fa.

Imbarazzato dal mio panico per la pagina bianca, mi salvo in corner citando un politico vero, serio, preparatissimo.

“L’Italia è vicina al default, i titoli di Stato, che sono l’ossigeno (meglio sarebbe dire l’anidride carbonica) che mantiene in vita la nostra economia, che permette di pagare pensioni e stipendi pubblici e di garantire i servizi essenziali, richiedono un interesse sempre più alto per essere venduti sui mercati. Interesse che non saremo in grado di pagare senza aumentare le tasse, già molto elevate, tagliare la spesa sociale falcidiata da anni e avviare nuove privatizzazioni.”

Come forse sapete, è una lettera a Napolitano, inviata nel luglio 2011.

Firmata Beppe Grillo.

14
ott 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

749

IL CORAGGIO DI CHIEDERE SCUSA

Le parole sono pietre. Bisognerebbe stare attenti, nell’usarle. E se si usano male, poi si dovrebbe chiedere scusa, specialmente se si è al governo di una Nazione.

Ilaria Cucchi, da 9 anni, difende la memoria del fratello, pestato a sangue in una caserma dei carabinieri, fino a morirne.

Matteo Salvini disse, commentando un post su Internet: «Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello ma mi fa schifo, è un post che fa schifo».

Poi aggiunse che il carabiniere (quello stesso carabiniere che adesso, dopo 9 anni, ha confessato il pestaggio) faceva bene a querelarla, mentre Ilaria doveva vergognarsi e scusarsi.

Adesso, anche in tribunale, emerge che Ilaria Cucchi aveva ragione.

“Ogni volta che ci sarà un pubblico ufficiale che si comporterà male e verrà meno ai suoi doveri io chiederò scusa per conto dello Stato”, ha detto il (pare) presidente del Consiglio.

E Salvini?

07
ott 2018
CATEGORIA

L'Indiscreto

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.060

A PROPOSITO DI ABORTO

Grande clamore nazionale sulla mozione del consiglio comunale di Verona che punta a finanziare due associazioni contrarie all’aborto.

Essendo quasi certamente l’unico giornalista al mondo (esclusa la collega dell’ufficio stampa) ad avere ascoltato per intero quel dibattito, invito a diffidare di molte delle cose scritte e dette successivamente.

Ma il tema è serio.

Il promotore di quella mozione sostiene, ed è suo diritto, che “l’aborto è un delitto abominevole” e che “gli omosessuali sono una sciagura”.

Idee condivise dalla grande maggioranza dei dirigenti della Lega (in cui, peraltro, un tempo esisteva un’associazione denominata Los Padania, dove l’acronimo Los stava per Libero Orientamento Sessuale).

Credo quindi che se un dirigente dell’Arcigay s’iscrivesse alla Lega sarebbe, diciamo così, poco credibile.

Così come è quanto meno discutibile un dirigente del Pd che butta alle ortiche tutto quello (non molto) che ha fatto il suo partito in tema di diritti civili e rispetto della Costituzione e della legalità (la 194 è una legge, tanto quanto quelle che dicono di non rubare).

Non parlo di un elettore o di un semplice iscritto: parlo della massima dirigente del Pd a livello comunale, rappresentante ufficiale della politica di quel partito, che quando va al microfono, in aula, non parla mai a titolo personale (a meno che non lo dica in premessa, cosa che in quel famoso consiglio comunale di Verona non è stata fatta).

Dopo di che, il tema dell’aborto è in sé delicatissimo.

Io resto convinto che la legge 194 sia indispensabile e fondamentale, per non tornare ai tempi delle “mammane” e degli aborti praticati coi ferri per le calze (mentre chi poteva permetterselo andava in Svizzera o da medici che così si arricchivano: e ce n’erano anche a Verona).

Resto convinto inoltre che a decidere debba essere la donna, e nessun altro.

Ma ricordo che la questione ha sempre diviso gli animi e le menti.

Quello che per me è stato il massimo, vero e indimenticabile leader politico dei miei anni giovanili, Riccardo Lombardi, mi lasciò esterrefatto quando mi spiegò le sue perplessità su questo tema (su cui ebbe un litigio memorabile col radicale Gianfranco Spadaccia).

Dopo di che, tutto il partito cui appartenevamo entrambi si schierò a favore della legge 194. E il referendum fu vinto.

Tutto questo lungo (scusate) preambolo per dire che capisco benissimo che una persona, anche schierata a sinistra, possa essere contraria all’aborto: non capisco affatto, invece, come una persona con queste idee possa pretendere di parlare ai massimi livelli a nome di un partito che pratica una politica diametralmente opposta alla sua.

Questa non è libertà di coscienza: questa è disonestà verso gli elettori.