19
mar 2018
AUTORE gaburro
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 48 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.574

COME ROCKY BALBOA (IL PLAGIO)

Non sono sparito, come qualcuno si augurava. E non ho nemmeno esaurito la fantasia (titolo del blog uguale a quello del Vigo). É che peobabilmente questo Verona troppo spesso suonato come un pugile evoca immagini simili nell’immaginario collettivo. E cosí capita che senza vedersi o sentirsi si pensi allo stesso titolo.

Il Gozzano in questa fase della stagione mi impegna molto, ma non così tanto da non farmi seguire, seppur in TV, le vicende dell’Hellas. Quindi osservo, in rispettoso silenzio, quanto accade domenicalmente.

E cosa noto da qui? L’instabilità e l’umoralità (sui social, ma immagino anche nei bar) tipiche di una piazza calda e sostanzialmente insoddisfatta come Verona. La situazione mi fa venire in mente il titolo dell’autobiografia di Duccio Forzano, il regista di Baglioni e del festival di Sanremo: come Rocky Balboa. Vi spiego perchè…

Per tutto il girone di andata ci si è scagliati contro Pecchia in primis e contro la società a ruota. Ho più volte sottolineato come non ci fossero responsabilità evidenti dell’allenatore, sia perchè lo ritenevo un tutt’uno con la dirigenza, sia perchè la maggior parte dei problemi strutturali della squadra mi pareva avesse origine a monte, nel modo con il quale era stata approntata la campagna acquisti e soprattutto nelle risorse (poche) che erano state messe a disposizione del mercato e della squadra. La vittoria contro il Milan aveva permesso alla società di guardare al mercato di gennaio come a una effettiva opportunità di porre rimedio a molti errori iniziali. E’ però stato così solo in parte, perchè se da un lato si sono fatti uscire alcuni giocatori che evidentemente erano per motivi diversi poco utili alla causa, dall’altro non in tutti i reparti e con la dovuta meticolosità si è intervenuti per rinforzare l’organico. In particolar modo mi ha lasciato perplesso il non arrivo di un centrocampista centrale in grado di sostituire a dovere Zuculini. La fase del disgelo, con prima Pecchia in trasmissione e poi Setti in videomessaggio, sembrava aver aperto una tregua con la tifoseria, suffragata dalle vittorie contro Toro e Chievo. Tutto facile? Ci si salva? Nemmeno il tempo di pensarlo ed ecco che arriva la scoppola con l’Atalanta (che quando è in giornata vale una big) e il disco sembra ripartire dall’inizio, dal tormentone Pecchia si – Pecchia no, le critiche a Fusco eccetera. Mi pare un pelino volubile la situazione.

Ricapitolando:

- il Verona è una delle squadre tecnicamente meno attrezzate della Serie A. Alias: se si salva dal punto di vista prettamente sportivo, rapporto qualità-risultato fa una sorta di “miracolo”. Questo valeva prima, e vale dopo il mercato di gennaio.

- Pecchia ha pregi e difetti, è giovane e inesperto, qualche volta ci ha azzeccato, spesso ha pagato la poca qualità a disposizione mostrando tratti di calcio adeguato vanificati da momenti di impasse. Andamento identico a quello di colleghi anche più esperti alla guida di squadre di bassissimo livello (vedi Del Neri a Udine in quella fase). Se salva il Verona fa bingo, se retrocede difficilmente si potrà dire sia stato per colpa sua. Qualcuno può contestare la linea iperprotettiva della società, ma nel calcio la controprova non c’è mai e statisticamente un esonero porta alla lunga più svantaggi che vantaggi.

- Setti ha provato a tendere una mano, per guadagnare tempo e tirare in là. Ci è riuscito solo in parte, perchè Verona non si accontenterà mai dello scenario che lui ha prospettato in video.

- Fusco ha fatto anche buone operazioni (a costo quasi zero) a gennaio, dal punto di vista prettamente tecnico non lo boccerei. Il centrocampo è l’unico neo e bisogna capire se è stata una scelta o se proprio non si è riusciti a tamponare. Per il resto sono arrivati giocatori in grado di dare una mano decisamente di più di chi è uscito (Zuculini a parte).

- I tifosi dovrebbero essere un pelino più pazienti e speranzosi, tanto non costa nulla. Se ci si salva, lo si fa in extremis. La squadra che si ripiglia contro Toro e Chievo è un bel segnale ma non si può pensare che asfalti tutti da qui alla fine, che la benedetta continuità arrivi e perduri, (servirebbero altri valori).

Giocare a salvarsi in queste condizioni è un po’ come giocare a fare il Rocky Balboa: cadi, ti rialzi e continui a combattere, come nulla fosse. Ti gonfiano come un pallone ma tu resisti. Non fa male. Vediamo come va a Benevento (è una gara insidiosa più di quello che si possa pensare). Non corriamo troppo con i pronostici, le previsioni, i sogni e le campane a morto. Il combattimento è ancora lungo e il pugile, seppur suonato, è in piedi e combatte.

5.574 VISUALIZZAZIONI

48 risposte a “COME ROCKY BALBOA (IL PLAGIO)”

Invia commento
  1. RobyVR scrive:

    … complimenti Gaburo, manco mal che NON te sì mia come quel strasso de Pechia.

    1. Domenico scrive:

      Mi complimento con Gaburro per i risultati sportivi ottenuti e per la qualità dei suoi articoli sul blog. Riguardo a questi ultimi, mi permetto tuttavia evidenziare che, da lettore, non trovo abbia molto senso tenere un blog per scriverci nei ritagli di tempo, soprattutto se l’argomento riguarda il campionato in corso di una squadra di calcio.

      1. Simone scrive:

        Complimenti a te, squadra e società per la promozione del Gozzano in lega pro. Ti auguro soddisfazioni anche in futuro, e mi auguro che continuerai comunque a scrivere qui, anche se immagino sarà difficile.

        1. Mariino scrive:

          Gaburro,In bocca al lupo per il suo campionato.Come allenatore la stimo moltissimo,peccato che su pecchia mi ha profondamente deluso.Perchè se è vero che secondo lei l’allenatore non è cosi scarso come sembra. allora può voler dire che si è piegato supinamente alle direttive della società.Tal cosa che mi auguro lei non farà mai nel proseguo della sua spero lunga carriera di mister.

          1. ciccio2 scrive:

            dopo benevento non so che dire… una partita indecente come quella fa cadere tutti i discorsi difensivi… non puoi sbagliare le partite chiave …puoi perdere ma non puoi sbagliare l’atteggiamento. Questo è la cosa grave e che fa perdere la passione alla gente…moduli, tattica a che servono se non vedi motivazioni?! La società deve salvaguardare il tifoso…cioè il suo capitale più importante. Con queste partite sta consumando il capitale.

            1. non tifoso scrive:

              bene…..3-0 benevento…..e anche qui abbiamo corso contro una macchina di formula 1….tutto normale….quindi ringraziamo di cio setti, in maniera ovviamente eufemisticamente convinta.
              diamo una stretta di mano a fusco per il mercato in uscita (visto che non aveva schei per quello in entrata)….e auguriamo a pecchia di essere sempre cosi incolpevole come sostiene il blogger….

              di certo il meno colpevole, ma…….quando una squadra NON perde, ma gioca, e NON senza dignità, ma senza identità (e il verona non ha identità da metà dello scorso campionato….e ora nemmeno dignità) io sarei meno futurista sul come e cosa sarà pecchia (per dire, poi, io l’avevo detto…e ci sta che diventi un grande….si diventa grandi anche da annate del genere) e sarei piu concentrato sul presente…..del passato sappiamo, del futuro si puo solo tirare ad indovinare (io di certo no, ma nemmeno lei puo prevedere….puo puntare il suo 50% sul rosso o sul nero e buona fortuna, magari con enorme maggiore consapevolezza rispetto a noi uomini qualunque e qualunquisti ignoranti delle reali conoscenze calcistiche, ma leggendo i vari blog io preferisco la mia ignoranza supposta, che la conoscenza supponente), ma forse bisognerebbe non divagare dal presente….che non è oggi e lo 0-3 rimediato, ma che è fatto di tanti ieri che portano ad oggi…..al domani ci penseremo e, quando il domani vedremo pecchia vincere uno scudetto, una champions o semplicemente finire con una specie di atalanta davanti a tante big, allora diremo che, come su sarri, ci saremo sbagliati…..ma del futuro, francamente, non ce ne importa….auguriamo ogni bene a tutti, ma non scadiamo in Otelmate che con lìhellas attuale (e di questo in fondo si parla…) non c’azzeccano nulla!

              1. RobyVR scrive:

                Par quel che me riguarda la nullità in panchina, l’ignorante de balon (el l’ha dito lù) come presidente e quel dei prestiti de bidoni a gratis come ds jera e i resta la triade delle desgrazie. Beati vojaltri che vedì quel che no ghe, magari un giòrno lecando un francobolo anca mi volarò in paradisi chimici.

                1. stefano 50/60 scrive:

                  Nell’ attesa di una risposta da te Marco, ieri ho aperto le danze qui, rinnovo un malcelato stato d’ animo quando sento dire o leggo IL PUBBLICO NON HA PAZIENZA, IL PUBBLICO E’ TROPPO ESIGENTE, IL PUBBLICO QUA LA SU E GIU’, e basta rileggere il mio post di ieir…….ho girato molti stadi, non tutti, in Italia e fuori, ho visto pubblici distaccati, poco interessati, molto caldi, anche violenti e pericolosi, ho letto i giornali sportivi di molte città dai quali traspariva raramente passione attaccamento e fede come nel pubblico del Verona esiste da quando siamo stati fondati…..ho avuto modo di parlare amabilmente con campioni del passato, dal ’67 in su, con giornalisti e addetti del settore….con tifosi vecchi e giovani….se c’è un denominatore comune, e Vi parlo della mia prima trasferta a ferrara nell’ estate del ’68, campo di casa squalificato e partita pareggiata col genoa sotto un diluvio prima e sole poi ( la seconda al mazza fu quella della promozione ) da allora ad oggi, ed anche prima del ’68 da quanto ho potuto appurare, è l’ entusiasmo e l’ accettazione della sconfitta che ci caratterizza……sentir dire dalla proprietà che qui non si può più vincere lo scudetto è equivalso ad una totale mancanza di rispetto verso chi spende per sostenere la maglia in ogni categoria e, ahimè qui si, subendo proprietà wcentine o carpigiane che son tutto meno che presidenze, quelle di cui avremmo bisogno……onestamente mi sono rotto di beccare critiche solo perchè chiedo trasparenza…non puoi fare ? fai quel che puoi ma non promettere di più…….non puoi mantenere ? vattene…..ci rimetti ? vendi…..ma non raccontar cagate dai che non siamo dei coglioni…

                  • gaburro scrive:

                    Io intendo che è incostante e secondo me pretende cose irrealizzabili. Se devo contestare lo faccio nei tempi e nei modi adatti. Dove era la contestazione questa estate? Eppure era li che si poteva ancora incidere… La contestazione, ammesso che sia eticamente condivisibile, va fatta nei confronti della proprietà, non dell’ultimo anello della catena che manco conta.

                    • Massi scrive:

                      Ma vogliamo finirla di giudicare i tifosi perchè fanno, non fanno , sono isterici e sclerano? Lei è un allenatore o uno psicologo? Questo è un blog, e come allenatore dovrebbe eventualmente illuminarci sulle problematiche che può incontrare Pecchia, e perchè non (può) risolverle. Non è che perchè sul menù del giorno c’è scritto “oggi merda”, bisogna mangiarla e star zitti. Questo è un blog, e non saranno certo i nostri discorsi che danneggiano il Verona, anche perchè, allo stadio, siamo sempre uno dei migliori pubblici in assoluto, che ha sempre fatto il proprio dovere. Chi invece non lo sta facedo è quel tri angossa che ci ritroviamo. Lassa star i tifosi che lè mejo…….

                  • Maxhellas scrive:

                    Quoto al 100%

                    Pazienza e sostegno ce n’è fin troppo da queste parti.
                    Altrove, per molo ma molto meno, fischiano dall’inizio alla fine…

                  1. stefano 50/60 scrive:

                    ciao Marco, se c’è qualcuno che spera Tu sparisci non lo so ma mi sembri un pocolino troppo pessimista…….detto ciò Ti chiedo molto scarnamente : ma davvero consideri il pubblico del Verona impaziente ?…negativo……distruttivo e ipercritico ? non speranzoso ? davvero pensi questo ? attendo la Tua gradita risposta, tra l’ altro da un uomo di calcio come sei Tu, per poi riscontraTi a mia volta…….con simpatia, Stefano 50 /60.

                    • gaburro scrive:

                      Non il pubblico allo stadio. Quello mi pare sia encomiabile. Solo ad un certo punto si è schierato ma la cosa è rientrata. Intendo il pubblico Social, il pubblico nei bar. Lo stato d’animo insomma, che sfocia negli sfoghi pubblici ma non per quanto riguarda gli effetti diretti sulla squadra. Quello è un altro argomento.

                      • Massi scrive:

                        Ma soprattutto, che cosa te ne frega degli umori dei tifosi da tastiera? Ti pare il caso di uscirtene con dei commenti su di loro? Fa vedere quanto sei bravo come allenatore, e spiegaci i non errori di Pecchia dal punto di vista di uno che ne sa più di noi (probabilmente).

                      • Maxhellas scrive:

                        Insomma, dovremmo essere tutti felici (oggi è la giornata della Felicità…) ed osannare chi, per sua libera scelta, si è comprato il Verona, ci ha venduto modelli Borussia/Crotone, biglietti ed abbonamenti e poi sfascia la squadra un pezzo alla volta (settore giovanile incluso, mi pare)?
                        Perché?

                    1. Fede Verona scrive:

                      Boh… a me sembra che si stia parlando del nulla. Allora anziche’ parlare del nulla a voi che siete tecnici e che sapete tutto (Mister Gaburro) chiedo: tralasciando le analisi sul gioco espresso (poco) e sugli errori del mister e della società, li vogliamo guardare i risultati ? Se non si giudicano i risultati o se i risultati non sono un parametro di valutazione allora di cosa stiamo parlando?

                      • schetch scrive:

                        Gaburro…se guardiamo a fine anno è chiaro che nessuno sa cosa succederà. O meglio in questa particolare condizione di classifica ( che non ricordo così corta e con così pochi punti in palio) per la salvezza, il futuro è incerto più che mai, PERO’ il Verona in un’altra situazione sarebbe bello che spacciato ora come ora, e ora come ora io guardo a quello che abbiamo visto in campo per i 3/4 del campionato e guardo i gol subiti e fatti, punti ecc ecc….cosa ne salta fuori secondo te? Il futuro lasciamolo stare che arriverà anzi al futuro della squadra mi pare non si dia molto peso visto come si è proposto il mercato, il presente invece mi dice quello che è la sacrosante verità, o no?

                        • Marco scrive:

                          Lo scorso anno dopo 28 partite giocate quartultimo c’era l’Empoli a 22 punti, l’anno precedente poco più. I punti sono sempre quelli più o meno. Quello che vediamo è il frutto di una squadra scarsa, che sbaglia delle partite ma nel complesso fa quel che può. Difficile farsene una ragione.

                      • gaburro scrive:

                        Certo. A fine anno. Quindi il discorso è sempre lo stesso: se ti salvi tutto giusto, altrimenti tutto sbagliato. Resta il fatto che se ti presenti con una cinquecento ai nastri di partenza di una gara di formula uno… E poi arrivi ultimo… Non so quanto puoi stupirti. E non so che i tuoi tifosi potranno tanto prendersela con la macchina o con l’autista. Al limite ce l’avranno con chi quella macchina l’ha iscritta alla corsa…

                        • non tifoso scrive:

                          il discorso presuppone che Lei veda tutte le altre come auto di formula uno….rispetto il pensiero, ma i dati (la classifica sono i dati) dice che io invece veda anche altre 500 e pure qualche 600, forse col motore leggermente modificato come taluni motorini (magari modificato a gennaio) e che, in tal realtà (mi perdoni, piu vicina alla sua ipotesi di una 500 in mezzo a tutte formula uno che, a loro volta vanno dalla ferrari alla sauber ovviamente), gli errori a monte del patron o degli ingegneri (setti e fusco) non è che escludano la capacità del pilota pecchia di cercare tattiche di guida o una gestione tale da poter comunque imporsi su qualche auto che ha 10, non 200 cavalli in piu.

                          Le ricordo, giusto per farLe capire il concetto, che nel 2009 Fisichella guidò un ottima ferrari per 5 gp…non era un fuoriclasse, ma veniva da buone annate, un buon pilota insomma…eppure su una macchina performante ebbe 5 delusioni e finì dietro a piloti che non di top team e nemmeno fin lì alla sua altezza.

                          Io non voglio che pecchia sia colpevole per forza, ma se è vero che la macchina è stata costruita male (malissimo, con pezzi mancanti sostituiti da pezzi “di concorrenza”, quindi di incerta affidabilità), io sulla conduzione della stessa continuo ad avere tante, ma tante perplessità….manca la controprova, ma l’esempio da Lei citato (visti i facili riscontri) certifica che non basta una ferrari per essere un pilota vincente.
                          Si ricorderà il derelitto chievo 2008/09 di iachini, in A….che divenne un ottimo chievo con di carlo: che fosse una squadra fondamentalmente discreta dall’inizio campionato o che i giocatori da conigli bagnati siano diventati poi leprecani assatanati poco cambia, la differenza l’ha fatta soprattutto il pilota….che non vuol dire che uno è piu capace di un altro, ma che è piu adatto a quel tipo di auto….forse pecchia, che comunque ha fatto piu del previsto (mi rivolgo ai tifosi, non ditemi che a ottobre o novembre almeno l’80% pensasse a un hellas già spacciato a mò di benevento entro fine 2017!), non si è dimostrato adatto alla conduzione di questa 500….

                          e se è costruita male, uno può anche dire “grazie presidente, non fa per me perche io la vorrei cosi cosi e cosi…”. utopia? certo, nessun allenatore (o quasi) lo fa…ma se non lo fai, vuol dire che approvi la cosa, che hai delle intime certezze e ne sei anche tu responsabile…non si tratta di smetterla col buonismo verso l’allenatore che Lei almeno nel precedente post esclude da responsabilità, ma di leggere organici, risultati, classifica e anche scelte di campo

                          e se l’organico ti porta a dire “abbiamo una 500 che corre con auto che comunque hanno qualche cavallo in piu minimo”, spesso sono le scelte di campo che hanno evidenziato differenze che nel motore non c’erano o non erano cosi evidenti o che, addirittura, erano state annullate magari da qualche problema di affidabilità altrui che però non abbiamo sfruttato, in non pochi casi, non certo per colpa di setti o fusco

                      • stefano 50/60 scrive:

                        incontestabile Fede Verona incontestabile…….la matematica etcetcetc

                        • Fede Verona scrive:

                          No l’e’ che qua i numeri no li varda nessuno. E si parla di tecnica, di tattica, di giocatori, di allenatore…oh tutto vero, intendiamoci, solo che la 4rta industria italiana (quella del balon) per fatturato sara’ mica fatta sempre e solo di fumo?
                          C’e’ un parametro di valutazione che si chiama classifica. Se non si parla dei risultati il resto e’ bar sport.

                      1. bruce scrive:

                        Nella diatriba Pecchia bravo/Pecchia scarso sei l’unico che sta mantenendo una posizione equilibrata nel senso che molto probabilmente la verità come spesso succede sta nel mezzo. Ieri sera a ghelafemo si faceva notare come tra le squadre papabili a retrocedere siamo l’unica senza attacco, se per qualche congiuntura astrale sarebbe un miracolo, lo vogliamo capire o no?

                        • Maxhellas scrive:

                          Concordo con te.

                          Concordo un po’ meno con Gaburro che, se non ho capito male, pretende che in queste condizioni si facciano i complimenti a Setti per la gestione della società….

                          • gaburro scrive:

                            Hai capito male. Io mi riferivo ovviamente ai commenti social e non allo stadio. Ai commenti a freddo, del giorno dopo, non a quelli a caldo, comprensibilmente umorali. E credo che servirebbe avere un quadro più chiaro della situazione. Non sclerare a ogni risultato negativo, perchè la continuità tanto auspicata è impossibile da raggiungere con questa squadra. Ma ci si può salvare anche senza continuità. Che poi il pubblico meriterebbe uno spettacolo ben diverso, beh… mi trovi completamente d’accordo. Ma questa è la situazione.

                            • Maxhellas scrive:

                              Personalmente non sclero ad ogni risultato negativo.
                              Sono invece molto preoccupato per il destino della società, vista la “qualità” della dirigenza/proprietà. E questo da 3 anni e mezzo, al di là di risultati più o meno esaltanti.

                        • bruce scrive:

                          *dovessimo salvarci

                        1. Alex scrive:

                          Siamo a 10 giornate dalla fine del campionato e l’Hellas è a 3 punti dalla salvezza. Se ci si salva allora tutti felici e contenti, mentre se non ci si salva allora bisognerà almeno fare un’analisi delle cause?

                          Nel caso dovesse essere serie B, ricapitolando il post:
                          - La colpa non è dei giocatori perché “il Verona è una delle squadre tecnicamente meno attrezzate della Serie A”
                          - La colpa non è di Pecchia perché “ha pagato la poca qualità a disposizione”
                          - La colpa non è di Fusco che “ha fatto anche buone operazioni”

                          Ergo, la colpa è di Setti che non ha voluto dare più soldi a Fusco da spendere sul mercato. Fusco con quei soldi avrebbe messo su una squadra meglio attrezzata per la serie A, e Pecchia avrebbe potuto fare più punti.

                          (che al mercato mio padre comprò…)

                          • gaburro scrive:

                            Chi lo dice che deve esserci per forza una colpa? Colpa di che? Se retrocedi e hai allestito una squadra che probabilmente retrocederà… retrocedi. Punto. La proprietà mette i soldi che ha o che vuole. Non li butta di certo. Gli altri fanno di conseguenza. Se a uno sta bene, bene. Se a uno non sta bene non resta molto da fare… se non rassegnarsi. Lo so, sono brutale :-)

                            • Fede Verona scrive:

                              Niente, parliamo di aria fritta. I risultati, i gol fatti e subiti, le statistiche della gare precedenti non li guardiamo. Una minima valutazione OGGETTIVA sui risultati fino a qui ottenuti non l’ha ancora fatta caro Mister. Scriva del nulla come sempre gaburro e si preservi la possibilita’ di allenare da qualche parte per non andare contro il sistema. Siamo penultimi da inizio campionato, abbiamo fatto abbastanza schifo fino ad ora salvo quelle due partite che profumano palesemente di camorra. Meritiamo il miracolo? No. Meritiamo di rimanere in serie A? No. Poi siamo tifosi e lo speriamo, ma da qui a dire che questa stagione passera’ come memorabile ce ne passa. I risultati dicono che siamo a 3 punti dalla salvezza…quindi salvi non siamo. Senza contare le difficolta’ oggettive per arrivare a questo punto della stagione.
                              Poi mi permetta, dire che non c’e’ un colpevole e’ veramente deprecabile …fa passare il concetto che le cose capitano e basta e non si possono organizzare. Quindi inutile parlare di organizzazione, di staff, di studio, di analisi del gioco, inutile allenarsi. I risultati capitano non sono frutto di nulla se non del caso. Rassegnamoci. Lo dice il vate gaburrosky.

                              • gaburro scrive:

                                Io non andrei contro il sistema? Si vede che non mi conosci. Io scrivo e dico quel che penso, Da sempre. E rispondo senza tanti fronzoli. I risultati, i gol fatti e subiti, dipendono dalla squadra che si allestisce, non dal vento o dal tempo. E i risultati soprattutto si possono analizzare a fine anno. Questa squadra illogica e fatta male può ancora salvarsi. Se si salva tutto giusto. Altrimenti tutto sbagliato. E’ il calcio. Ma nel tutto sbagliato bisognerà capire chi ha sbagliato di più e chi di meno. E non mi pare che si possa star qui a disquisire molto di Pecchia, quando i problemi sono ben più evidenti e ben più a monte.
                                Lei pensa che Pecchia non lavori bene? Che il suo staff non sia all’altezza? Che non si sia uno studio e un’analisi di gioco? Allora vedremo in futuro cosa farà Pecchia e vedremo se senza Pecchia il Verona risolverà tutti i suoi problemi… E poi ne riparleremo.

                              • Simone scrive:

                                A me pare che non riusciate a capire il punto di vista di Gaburro. Che poi è quello di altri addetti ai lavori. Eppure mi sembra semplice. Questa è una delle rose peggiori della serie A. I motivi sono palesi e sono dovuti in primis alla mancanza di investimenti, e qualcuno dice di chiarezza e un progetto serio. Cosa nota dalla scorsa estate (e direi pure annunciata). Ma lì non mi pare ci fossero poi tanti incazzati. Ora che il tutto è diventato realtà (come da logica, semmai nel calcio si può parlare di logica), tutti se ne accorgono e a fasi alterne si incazzano. Questa squadra, considerando ciò, è penultima (e direi che date le premesse ci poteva stare, preventivabile quindi) e ancora in corsa teoricamente per salvarsi. Perché squadre più attrezzate della nostra ci sono attualmente davanti di poco.

                                • Maxhellas scrive:

                                  Non tutti arrivano adesso. Io sono 3 anni che non faccio più l’abbonamento e non compro niente da Setti, per non favorirlo nella distruzione del nostro Verona.
                                  Sbaglierò, mi costa un grande sacrificio, ma questa è la mia convinzione.
                                  E sono 3 anni e mezzo che sostengo che l’epoca Setti si chiuderà, una volta spolpato il Club, con la vendita e la squadra sospesa tra B e C o col fallimento.

                                  Spero davvero di sbagliare, ma mantengo questa visione.

                            • Maxhellas scrive:

                              Si.
                              Ma allora ti devi beccare in assoluto silenzio anche tutti gli improperi dei tifosi.
                              Infatti, il sig. Setti non è stato obbligato da nessuno a comprare una squadra di calcio (non un Circo…). E nessuno lo obbliga a mantenerne la proprietà.

                              Insomma, per metafora, io compro una clinica privata e prometto di farne un centro efficiente e di buona qualità.
                              Poi, però, non metto i soldi per macchinari e personale medico e paramedico, col risultato che i pazienti (ai quali però faccio pagare le rette di degenza – leggi biglietti, abbonamenti e merchandising) non vengono curati e talvolta ci lasciano le penne.

                              E’ così inaccettabile che pazienti sopravvissuti e familiari mi ricoprano di insulti?

                              Il succo: se prendi in giro la gente, prima o poi la gente ti mena…o comunque te la fa pagare. Ed è assolutamente giusto così.

                          1. pillolo scrive:

                            Vorrei sapere in quale parte del mondo esistono questi tifosi “un pelino più pazienti e speranzosi”, posto che qui di pazienza ce n’è stata in abbondanza dopo i seguenti risultati e faccio notare che sempre qui si è più incazzati perchè questi “figli di papà” non hanno nemmeno la decenza di correre per 90 minuti, e allora per chi ha la memoria corta:

                            0 – 5 Verona – Atalanta 18 mar
                            1 – 0 Verona – Chievo 10 mar
                            2 – 1 Verona – Torino 25 feb
                            2 – 0 Lazio – Verona 19 feb
                            2 – 0 Sampdoria – Verona 11 feb
                            0 – 1 Verona – Roma 04 feb
                            1 – 4 Fiorentina – Verona 28 gen
                            0 – 3 Verona – Crotone 21 gen
                            2 – 0 Napoli – Verona 06 gen
                            1 – 3 Verona – Juventus 30 dic
                            4 – 0 Udinese – Verona 23 dic
                            3 – 0 Verona – Milan 17 dic
                            2 – 2 Spal – Verona 10 dic
                            0 – 1 Verona – Genoa 04 dic
                            0 – 2 Sassuolo – Verona 25 nov
                            2 – 3 Verona – Bologna 20 nov
                            2 – 1 Cagliari – Verona 05 nov
                            1 – 2 Verona – Inter 30 ott
                            3 – 0 Atalanta – Verona 25 ott
                            3 – 2 Chievo – Verona 22 ott
                            1 – 0 Verona – Benevento 16 ott
                            2 – 2 Torino – Verona 01 ott
                            0 – 3 Verona – Lazio 24 set
                            0 – 0 Verona – Sampdoria 20 set
                            3 – 0 Roma – Verona 16 set
                            0 – 5 Verona – Fiorentina 10 set
                            0 – 0 Crotone – Verona 27 ago
                            1 – 3 Verona – Napoli 19 ago

                            • gaburro scrive:

                              Io mi riferivo agli sbalzi di opinione e pensiero. Non al fatto che dopo una stagione così evidentemente di pazienza ce ne può essere poca. Ma qui si cambia idea ogni settimana in base al risultato, pretendendo una continuità che non è assolutamente nelle corde della squadra.

                            • Simone scrive:

                              A volte bisogna sognerebbe capire qual è il punto di partenza del ragionamento. Qui per altro altro espresso più volte. Ovvero, secondo Gaburro, come secondo molti altri, siamo tra le squadre più scarse della A. Che corre tra l’altro nella media, forse qualcosa meglio dopo gennaio. L’ultimo anno A abbiamo finito il campionato a 28 punti. Oggi siamo a 22, con una delle squadre più scarse della A secondo Gaburro e non solo, e teoricamente ancora in corsa per salvarci, al contrario di due anni fa e di un paio di squadre della stessa A dello scorso anno. C’è da essere contenti? No. C’era da aspettarsi di più? Io personalmente ad inizio stagione mi faccio una tabella e avevo messo il Verona penultimo a fine campionato. Non tenendo conto che Cerci non avrebbe praticamente giocato, che Caceres non sarebbe stato venduto (e ha recuperato la condizione a novembre, con tanto di ringraziamento allo staff) e che Pazzini non avrebbe fatto così pena.

                            1. Nessuna Resa! scrive:

                              Il centrocampo unico neo???!!!
                              Perché secondo te l’attacco è attrezzato per la categoria?! La difesa poi potremmo definirla un bunker (peggio di noi solo il Benevento!)
                              Assodato che siamo tecnicamente scarsi ed inadeguati (ma allora il centrocampo non può essere “l’unico neo” della sontuosa campagna “acquisti” del duo a delinquere Setti-Fusco) vogliamo parlare del tuo collega in panchina? Personalmente non so come giocano le tue squadre, ma a calcio ci ho giocato anch’io seppur a livello amatoriale e dove non arrivi con la tecnica e la qualità devi sopperire con la grinta, la corsa, il cuore ed anche un po’ di cattiveria, tutto quello che in 2 anni di Pecchia non abbiamo visto se non in pochissime partite che si caricavano da sole, vedi ultimo derby. Verona è una piazza esigente certo ma non nel senso che traspare da quello che scrivi, qui nessuno pensa di poter rivincere uno scudetto o lottare per la Champions, ma mantenere dignitosamente la categoria possibilmente senza farsi prendere a pallate ed umiliare per 2 campionato di fila (contando anche la retrocessione di 2 anni fa).
                              E soprattutto il tifoso veronese vuole chiarezza e trasparenza e non sopporta di essere preso in giro da false promesse o dichiarazioni altisonanti puntualmente disattese e non realizzate. Se Setti dopo aver perso lo ”sponsor” che qualche dindino lo tirava fuori doveva semplicemente dire soldi non ce ne sono più e non posso fare poi di questo (saliscendi tra A e B) sicuramente la gente lo avrebbe rispettato di più poi è ovvio che se non hai i mezzi e non ce la fai, tanti saluti e avanti il prossimo! Altroché piazza troppo critica, da altre parti sarebbe accaduto di molto peggio che 2-3 striscioni e qualche coro, vediamo di non stravolgere la realtà non è proprio il caso.
                              Concludo dicendo che nel calcio come in tutti gli sport ed anche in tante prove della vita, chi sbaglia paga, chi è artefice di un fallimento sportivo (e speriamo ci si limiti a quello) alla fine deve andarsene. Purtroppo temo che di Setti non ci libereremo tanto presto, ma almeno comunque vada il prossimo anno non vedremo più il duo meraviglia Fusco-Pecchia. Cambieranno i giocatori, il presidente, l’allenator ma il Verona resterà per sempre nel mio cuor!

                              • gaburro scrive:

                                Scusa ma… intendevo unico neo con gli zero euro che il ds aveva a disposizione per la campagna acquisti. Ovvio che di adeguato qui c’è ben poco. Ma a costo zero quanto fatto o tentato di fare negli altri due reparti per me da addetto ai lavori è accettabile. In mezzo al campo no.
                                Sul fatto che chi sbaglia paga mi trovi d’accordo, anche se i tempi non li decide il tifoso ma iil presidente. E infatti sembra proprio che ci si libererà di Fusco e Pecchia… Ma sarà un bene? Vedremo quale sarà il loro futuro…E vedremo soprattutto chi verrà al posto loro. Perchè a un certo punto si criticava anche Sogliano. Ed è arrivato Bigon. Poi non andava bene nemmeno Bigon, ed è arrivato Fusco. Se il trend è questo… chi resta? Cannella? P.s. nel frattempo Sogliano ha continuato a lavorare, Bigon è addirittura in serie A e mi pare più che all’altezza… quindi chissà dove erano i veri problemi…

                              1. jep scrive:

                                questo post è più retorico della retorica da bar sport. E’ la retorica del grande capo.. non è colpe di nessuno.. ma è colpa del grande capo. e quando si arriva al grande capo? eh no la colpa è del capo del grande capo.
                                Allora Pecchia ha ragione per davvero??!!.. il calcio non ha una logica.. non c’è colpa e quindi non c’è neanche merito.. applausi a voi o ben pensanti

                                • gaburro scrive:

                                  Assolutamente no. Però bisogna capire che significa colpevoli. Ovvio che nella testa di Setti retrocedere non è una colpa. Altrimenti avrebbe agito diversamente. Allora mi chiedo… Esiste un tribunale? Chi sono i giudici? Se è il popolo, cioè il mondo dei tifosi a dover giudicare,,,, credo che finiranno tutti al rogo. Ma nella realtà?

                                1. Sick boy scrive:

                                  I numeri ad oggi in serie A dicono che 7 squadre delle 8 in cui c’e’ stato un avvicendamento in panchina, hanno avuto benefici dopo l’esonero dell’allenatore.Non sarei quindi cosi’ certo che i cambi del mr siano poco vantaggiosi.

                                  • gaburro scrive:

                                    Mi riferivo alle statistiche internazionali e non ai numeri relativi alla parentesi circoscritta della serie A di quest’anno. Del senno di poi son piene le fosse…

                                  1. non tifoso scrive:

                                    io non intervengo mai…..seguo ormai il calcio in maniera distaccata, pur essendo fondamentalmente un hellas fans (partecipe sugli spalti dal 75 fino al 93, anno in cui ho cambiato città…e da lì mi sono nel tempo ammorbidito fino a diventare un non tifoso)….

                                    io non voglio essere uno dei 60.000.000 di ct o allenatori italiani, però leggo e….la cosa che non capisco della sapienza dei tanti addetti al lavoro è che si parla di pecchia, che ha colpe, che non le ha, idem fusco, idem setti, perfino su colpe o meno dei tifosi…..insomma, tutto pare opinabile e tutti pare abbiano ragione, società, giornalisti, giornalai (non mi riferisco all’autore del blog, ma in generale mi pare che la categoria giornalistica veronese possa meglio appellarsi con tale titolo….e non fatemi parlare di quello “che sa tutto lui”, della concorrenza, che sul 0-5 con l’atalanta ha pubblicamente espresso un giudizio da idiota in diretta tv circa l’avvicinare un avversario e dirgli di fermarsi coi gol sennò “ti spacco una gamba”…esemplare!), ecc

                                    ….eppure….una semplice domanda che da anni nessuno fa piu (misteri)….ma setti, fusco e ovviamente anche pecchia (gli ultimi arrivati dopo, ma non per questo meno colpevoli, anzi!) mi sanno dire da quanti anni, dopo agostini, non abbiamo un terzino sinistro e, dati inconfutabili, in 3-4 anni non siamo riusciti a trovarne uno di ruolo, per scarso che sia??? per favore, non parlatemi che il progetto era incentrato su fares che 2 anni fa giocava col contagocce e che, lo scorso anno (in serie B!) non era neppure titolare o su suprayen!!!
                                    in qualsiasi società, non necessariamente sportiva, se io ho un problema da almeno 3 anni in un reparto e non lo risolvo sono un incapace io, il direttore del personale e il capo reparto…..

                                    e io sento solo parlare, giustamente per carità, di centrocampisti o punte non rimpiazzate, ecc…..ma qui si parla di gennaio 2018…..ma nessuno in 3 anni ha piu detto nulla di quella maledetta fascia sinistra! e quei 3 nulla hanno fatto…

                                    fascia della quale evito di chiedermi come, dopo magari una semplice botta di kul nell’aver azzeccato felicioli-fares, si torna al passato che è ben conosciuto non da questa stagione…..anche dal capo reparto!

                                    posso anche concordare che se pecchia salva il verona farà un miracolo, ma io, che non sono giornalista, giornalaio, ct, allenatore o altro ho però anche l’impressione si parli di miracolo solo a seguito di colpe societarie e del mister: che la realtà poteva essere diversa e che, se è questa, non è perche siamo i piu scarsi….è una definizione che sa di foglia di fico

                                    1. Jes scrive:

                                      Marco, domanda tecnica.
                                      Come vedi Valoti in questo nuovo ruolo x lui?
                                      Secondo te è nelle sue corde? Finora ha alternato buone cose ad altre pessime e, aggiungo, peccato x ultimo infortunio che gli ha tolto quella continuità che finora non ha mai avuto qui a Vr

                                      1. schetch scrive:

                                        I tifosi, che sono così bistrattati ultimamente, sono il carburante per una qualsiasi società sportiva a maggior ragione se si parla di Hellas Verona questi spendono soldini (tv e stadio) che vanno nelle casse della società, si vorrebbe un minimo di prestazione non da scudetto, almeno da divertirsi e si può fare anche spendendo poco. Non sono stati certo i tifosi a fare promesse stile tedesco per poi cambiare repentinamente con uno più consono, quindi ad alzare le aspettative è stato senz’altro qualcun altro a suo tempo.
                                        Basta guardare i dati, anche sulle dirette concorrenti siamo in forte deficit, quindi qualcosa che non va deve esserci, qualcosa che allontana il tifoso vedendo di continuo certe prestazioni ( non parlo di quella con l’Atalanta) c’è. Certo ormai siamo in questa barca e aspettiamo se va alla deriva o se riesce a arrivare sulla spiaggia, però l’anno prossimo comunque vada c’è una squadra da ricostruire TOTALMENTE senza nessun progetto e le prospettive non sono buone almeno da ciò che si vede o che si conosce….

                                      Rispondi a Maxhellas

                                      Accetto i termini e condizioni del servizio

                                      Accetto i termini sulla privacy

                                      *