21
set 2018
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 20 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.501

ARRIVANO LE DOMENICHE “FASCISTE”

Le chiamano domeniche ecologiche o domeniche senza auto o anche mobility day. Ma forse sarebbe più corretto chiamarle domeniche “fasciste”. Perché lo scopo dichiarato dagli amministratori locali (di qualunque colore politico) che stanno promuovendole in tutti i capoluoghi veneti e quello di educare il popolo. Educarlo a usare i mezzi pubblici e non l’auto privata.

Proprio come il sabato fascista doveva servire ad educare il popolo; proprio come le tante manifestazioni di massa organizzate dai regimi comunisti dovevano servire ad educare il popolo…

I nostri amministratori infatti – ammesso che la priorità sia combattere l’inquinamento – sanno benissimo che il blocco delle auto nei capoluoghi non serve a nulla. Perché continuano a transitare nei comuni contermini, sulle autostrade e nelle tangenziali. Per un minimo risultato servirebbe bloccare traffico (e riscaldamento) nell’intera pianura Padana.

Ma loro spiegano, appunto, che intanto si ottiene il risultato di educare i cittadini all’uso dei mezzi pubblici.

Peccato che nei Paesi civili e democratici i cittadini si educhino, non con i divieti, ma con gli interventi concreti. Londinesi, berlinesi, parigini non usano quasi più l’auto, non grazie ai divieti educativi, ma perché dispongono di un trasporto pubblico moderno ed efficiente.

Noi abbiamo uno storico ritardo negli interventi (la prima linea metropolitana a Milano fu realizzato un secolo più tardi rispetto alle capitali europee) e – soprattutto – come sempre avviene nel pubblico, i servizi non sono a beneficio dell’utente ma del dipendente. Nella fattispecie degli autisti che godono di orari e privilegi tali da garantire l’inefficienza del trasporto pubblico, a Roma e non solo.

La solita Italia delle corporazioni che se ne frega dei cittadini e delle loro aspettative.

Se l’Anpi servisse a qualcosa dovrebbe combattere contro la vera, pesantissima, eredità fascista che sono le corporazioni e gli ordini professionali; residuato degli anni Trenta che impedisce la modernizzazione del nostro Paese. Invece i partigiani d’Italia hanno in mente il cane poliziotto che si chiama “Decima Mas” o il gruppetto di nostalgici che hanno fatto il saluto fascista ad un funerale in Sardegna…

Se l’inquinamento fosse la priorità, dicevo. Perché dove c’è la natura incontaminata si muore di fame (vedi le carestie della Cina preindustriale); mentre l’inquinamento garantisce attività produttive, commercio e benessere (oltre alla più alta aspettativa di vita). Gli operai dell’Ilva – gente concreta e non fighetti ecologisti – non hanno avuto dubbi: al 95% hanno votato sì alla ripartenza dello stabilimento. Per lavorare, guadagnare e non finire morti di fame senza stipendio a tutela dell’ambiente…

1.501 VISUALIZZAZIONI

20 risposte a “ARRIVANO LE DOMENICHE “FASCISTE””

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    TERRIBILE: DAVID ERMINI, ELETTO VIVE RESIDENTE ( IN PRATICA PRESIDENTE ) DEL CSM.
    E’ uno dei peggiori esponenti del GIGLIO MAGICO, il che conferma come la magistratura sia un fattore insostituibile nell’ equilibrio dei poteri tra volere popolare e POTERI FORTI.
    BRRRRR.

    • martello carlo scrive:

      Quello che mi stupisce è la dichiarazione del MINISTRO DELLA GIUSTIZIA BONAFEDE, che fino all all’altro ieri aveva espresso cieca fiducia nella magistratura anche nel caso DICIOTTI/ATRONAGGIO, oggi dichiari su facebook: “Prendo atto che all’interno del Csm, c’è una parte maggioritaria di magistrati che ha deciso di fare politica!”.
      Quando vedrò un magistrato del Tribunale superiore delle Acque pubbliche di tendenze destrorse, realizzerò che la democrazia COSTITUZIONALE sarà FINITA.

    1. martello carlo scrive:

      FANTASTICO: FOA presidente RAI! Grande vittoria di SALVINI e per l’informazione.

      • Marco.com scrive:

        Evviva evviva
        Il cane con la rabbia ha smesso un attimo di abbaiare

        Il sole dell’avvenire è spuntato
        Ora sarà tutto radioso e fulgido

      1. Michele scrive:

        Dopo il lavoro (termine h. 17) devo:
        1) andare a fare spesa per mamma novantenne (io di anni ne ho 60);
        2) passare dal dottore una settimana sì e una no;
        3) recarmi in farmacia;
        4) fare la spesa per la family;
        5) andare, concedetemelo, in palestra due volte la settimana;
        6 varie ed eventuali che si aggiungono sempre.

        Se dipendessi dai mezzi pubblici non riuscirei a combinare quasi nulla, stanti i tempi di attesa dei mezzi. Con i carichi della spesa, poi? Andare in bicicletta…..

        1. martello carlo scrive:

          Migranti, folle teoria dell’Onu:; “Porti chiusi aiutano scafisti”

          Il segretario generale dell’Onu, Antonio Gutierres, parla all’Assemblea delle Nazioni Unite: “I rifugiati sono discriminati”.
          QUESTI PRODUTTORI DI UMANITA’ INQUINANTE, UMANITA’ SEPERFLUA, ANCHE MESSICANA, DEVONO RENDERSI CONTO CHE FOTTERE NON DEVE ESSERE FINALIZZATO ALLA SUPREMAZIA NUMERICA RAZZIALE MA AD UNA UMANITA’ ECOLOGICAMENTE SOSTENIBILE, ALTRIMENTI IL VALORE DELLA VITA UMANA TENDERA’ A DVENTARE UNA TARA.
          PAKISTAN E BANGLADESH, IN PARTICOLARE DEVONO GAUARDARE PIU’ CARTONI ANIMATI ALLA TV INVECE CHE PRATICARE IL KAMA SUTRA DEI MIEI CABASISI.
          Che cacchio ci vengono a fare qui da noi? Forse a provocare il rinnovo dell’ esodo dall’ italia dei secoli scorsi?
          PENSO CHE OGNUNO DEBBA ESSERE RESPONSABILE DEI CAZZI SUOI, COME IO SONO RESPONSABILE DEI MIEI GEMELLI E DI MIA FIGLIA, CON TUTTE LE GIOIE E LE RESPONSABILITA’ CHE NE CONSEGUONO.
          L’ho già detto e lo ripeto: ognuno deve essere fottutamente responsabile delle fottuttaggini proprie, checché ne dica il GESUITA che vorrebbe gli umani più numerosi dei topi.
          AMEN.

          1. martello carlo scrive:

            GLI SCAFISTI SONO RIMASTI SENZA BANDIERA DA BATTERE SE NON QUELLA DELLE BATTONE NIGERIANE, BANDIERA CHE VA FINALMENTE BRUCIATA CON IL DECRETO SALVINI COL “BOLLINO BLU”.
            Pensate: il PORTOGALLO, su pressione coloniale francese ( che offre a garanzia dell’aumento del debito il super sfruttamento delle sue colonie, HA ACCETTATO, DA COMPLICE DELLO SFRUTTAMENTO SCHIAVISTICO AFRICANO, BEN 10 ( dieci miranti dell’ ACQUARIUS ).
            Prevedo la rivolta del popolo del cacchio dello sfruttamento in tutti i SESSI della accoglianza a tutti i costi ( dde noantri ) per aver perso 35 €/die, che significano 130000€/anno.
            CHE SIA UN ULTERIORE INCENTIVO PER LE PENSIONATE ITALIANE INSODDISFATTE DALLA … TASSAZIONE?
            Comunque trattasi dell’ ennesima vittoria del CAPITANO, prossimo AMMIRAGLIO della flotta anti INVASIONE.

            1. martello carlo scrive:

              Non capisco come mai la magistratura genovese si preoccupi tanto dei fantomatici 49 MLN della LEGA e non registri tra gli indagati il ministro delle infrastrutture DEL RIO.
              Forse perché al tempo dell’ interrogazione del senatore Maurizio Rossi (“il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un’opera straordinaria di manutenzione”), non aveva il tempo di interessarsene perché ” al tempo digiunava già per i migranti” e contro la chiusura dei porti chiesto da MINNITI?

              https://voxnews.info/2018/08/14/nel-2016-denuncia-su-rischi-ponte-morandi-governo-non-fece-nulla/

              Mi sembra ora di indagare la magistratura autoreferenziale. Gli interrogativi nei confronti di PATRONAGGIO mi sembrano più che PANAMENSI.

              1. martello carlo scrive:

                OGGI VOGLIO ESSERE BUONO/BUONISTA: auguro a tutti coloro che contestano il decreto sicurezza di subire la stessa sorte dei coniugi di LANCIANO
                ORECCHIO PER ORECCHIO ( COSTITUZIONALE NATURALMENTE ).

                1. Silvestro scrive:

                  22/09/18 – REDDITO DI CITTADINANZA O MORTE

                  I termini con cui Di Maio ha promesso il reddito di cittadinanza sono identici a quelli con cui Salvini ha promesso l’abolizione della Fornero e la flat tax.
                  Il confronto con l’impegno sull’immigrazione è fuorviante. E’ più facile da conseguire perché si rivolge a persone che non hanno diritti, che non votano, e perché si realizza a costo zero. Altre solenni promesse elettorali su stranieri e immigrati, quali il rapido rimpatrio di 500mila clandestini, e le ruspe per i campi rom sono viceversa già sparite dall’agenda politica.
                  Perché, evidentemente, sono più complicate e più costose.

                  • martello carlo scrive:

                    Ma non eri tu che facevi il replicante PD che ” l’immigrazione è un fenomeno biblico, epocale, incontenibile “…… e allora…..
                    Dove sono finiti i MLD che hanno consentito ad ALFANO di sopravvivere? Esiste uno straccio di inchiesta? Il desso si sa dove si sia rifugiato? In AFRICA protetto da qualche presidente messo su da MACRON o è stato fatto lesso da qualche tribù dallo stomaco buonista?
                    FALLA FINITA CON QUESTA STORIA della scelta facile che facile non è dal momento che ha contro tutti i grandi PAPAVERI, DAL VATICANO, ALL’ UE CHE CI ESPELLE GLI ITALIANI, A SOROS E A TUTTI GLI ILLUMINATI GLOBALISTI MASOCHISTI DESIDEROSI DELLA GHIGLIOTTINA.
                    Il reddito di cittadinanza non ha niente a che fare con la flat tax, né con la FORNERO: è come paragonare il PALO DELLA CCCAGNA con il lavoro in una fucina, un laboratorio dove la gente vuole lavoro onesto per poter campare senza dover essere strozzato dalla CUCCAGNA simbolo del modo di pensare del mondo mafioso mascherato da una classe riciclata ( forse ignara, in parte ) e incravattata pentastellata.
                    MATTARELLA E’ CON LORO, CONTRO L’ODIO RAZZIALE, CONTRO LA SICUREZZA?
                    Se sì, non dico altro: potrei finire indagato.
                    La lega si conferma come l unico partito degno di imporre una politica responsabile, progressista antimafiosa, antiparassitaria del lavoro nero e del caporalato.
                    BASTA MAGISTRATI IN POLITICA.

                    • Silvestro scrive:

                      Sono sempre più convinto che hai dei seri problemi di comprensione della lingua italiana.

                      Nell’intervento di Zwirner non c’entra, Alfano, Macron, il Vaticano, Soros, globalisti masochisti e quanti altri.
                      Ho già spiegato che il reddito di cittadinanza non ha lo stesso rilievo degli interventi sui migranti perché il peso economico equivale a 10 contro zero.
                      Flat tax, no-Fornero, reddito di cittadinanza, hanno tutti lo stesso denominatore: il costo al contribuente, dove, nella promessa elettorale, ogni voce equivale all’altra.
                      Queste voci non saranno soddisfatte “nei termini e nelle cifre promesse in campagna elettorale”. Otterranno tutti qualcosa che ci assomiglia e la venderanno come una grande vittoria del governo del cambiamento.

                      Tra qualche mese, dati alla mano, vedremo quanto la legge di bilancio soddisfa le fantasmagoriche promesse elettorali.
                      Per dirla sempre alla Zwirner sarà anche l’occasione per accertare quanto sono “bauchi” i meridionali e quanto quelli del nord. Accerteremo anche quanto i governi precedenti erano incapaci e quanto, invece, l’attuale governo abbia preso per il culo i suoi elettori.

                      • martello carlo scrive:

                        A me sembra invece che tu abbia serie difficoltà di comprensione e basta.
                        Il tuo commento all’ OPINIONE potevi tranquillamente evitarlo: non ha alcun senso ed è la riprova di una visione ristretta, provinciale PIDIOTA di ciò che ti gira intorno.
                        NON E’ QUESTIONE DI SOLDI, è questione di prospettive: i 5* hanno ottenuto il 33% promettendo il fankazzismo SUDUNIVERSALE; la LEGA ha promesso di cancellare uno dei più grandi furti ai danni dei LAVORATORI e la FLAT TAX in funzione del rilancio del PIL (cioè la fine dell’ austerità imposta del PD EUROOMOSEX), per finanziare la riduzione del debito ed il rilancio del WELFARE.
                        LA DISGRARAZIATA GESTIONE POST GOLPISTA MONTIANA DEL PD HA PRODOTTO UN’INCAZZATRA TALE DA PROVOCARE RAZZISMO, ODIO SOCIALE DOVUTO ALLA NON TUTELA ANCHE GIUDIZIARIA DEI CITTADINI E INSOFFERENZA VERSO LA UE, PRODUCENDO QUESTO CASINO ELETTORALE SFOCIATO NELL’ IBRIDO GOVERNATIVO; COMPROMESSO CHE HA CONSENTITO LA NASCITA DELL’UNICA MAGGIORANZA POSSIBILE, A PARTE UN MATTARELLUM/COTTARELUM DA MANGIARE ALLA GRIGLIA.
                        Queste sono le conseguenze delle bande comuniste delle monetine anti CRAXI e del governo della magistratura politicizzata..
                        Le promesse elettorali a questo punto non possono che sfociare in un “compromissive agreement”, a meno di soluzion,i presidenziali o meno, più drastiche.
                        Voglio comunque che la LEGA non lasci esondare quelli che si stanno confermando i PENTASTELLATI: una congerie di SB BABOCCIONIi cresciuti nell’atmosfera VELLUTATA E MORTUARIA DELLA CASSA DEL MEZZOGIORNO CHE CON VOI PIDIOTI FAREBBE UNA COPPIA CHE NEANCHE LA FAMIGLIA ADAMS.
                        Adesso non rispondermi che sono andato fuori il tema imposto dai tuoi asinini PARAOCCHI.

                  1. diogene scrive:

                    mi è noto, ci mancherebbe altro, che ogni paragone presenta dei punti deboli : c’è sempre qualche aspetto di differenza direi “fisiologico”

                    quello che volevo rimarcare è la contraddizione del dir. Zwirner quando invoca la supremazia della scienza e della competenza e poi in merito al riscaldamento globale ne tratta con irrisione e come giustamente fa notare Silvestro ciò può indurre le persone meno attrezzate scientificamente a seguirlo. Proprio come il tema argomento vaccini

                    se mi sbaglio, meglio

                    1. diogene scrive:

                      Nel precedente log avevo messo in relazione il tema del riscaldamento globale con il fumo.
                      E’ certo che il fumo rappresenti un fattore di rischio per la salute.
                      E’ certo che le attuali attività industriali degli uomini abbiano effetti negativi sulle condizioni di vivibilità del pianeta.

                      Mi raccontava mio papà che quando lui era piccolo, all’imbrunire delle giornate festive, andava a prendere il nonno all’osteria. Mi raccontava che nell’osteria regnava una nebbia azzurognola prodotta dal fumo.
                      Oggi queste cose non ci sono più, grazie anche alla informazione e alle misure di legge adottate.
                      C’è ancora chi fuma, deliberatamente sapendo i rischi, e non ci si può fare niente.

                      Non capisco che cosa ci sia di male a fare la stessa cosa con le emissioni di gas delle auto o delle industrie.
                      Anzi no, lo capisco. Fare l’ecologico è radical chic.

                      • Gatón scrive:

                        La differenza, detto da un ex fumatore, è che il fumo è un vizio del quale si può benissimo fare a meno, mentre l’industria è una necessità, imprescindibile se si vuole mantenere un certo livello di benessere generale.
                        Ciò non significa certamente che non si debba applicare ogni sforzo per ridurre le emissioni nocive.
                        Ma il tutto sarà comunque inutile se non si pone un freno all’aumento incontrollato della popolazione globale.
                        Sempre sperando che non abbiamo già oltrepassato il punto di non ritorno.

                        • Giorgio scrive:

                          Bravo, GATON…..

                          Il vero Problema Mondiale è proprio la Sovrappopolazione di cui, chissà perché, nessuno ne vuol parlare….

                          • martello carlo scrive:

                            Mi hai tolto le parole di bocca.
                            Per il TURBO CAPITALISMO come lo chiama DIEGO FUSARO, più che l’ ingordigia dei soldi, contano gli schiavetti da sfruttare: più sono e più ci godono, come i PRETI.
                            ERGO, L’ ARGOMENTO E’ TABU’

                      • diogene scrive:

                        poi ricordo che io appartengo all’élite
                        mentre qui tutti gli altri appartengono al popolino

                      1. Silvestro scrive:

                        MARTELLO: 21 settembre 2018 alle 10:19

                        Dipende da come intendi il ruolo di giornalista.
                        Se come ho detto il suo ruolo è quello di spiegare ed approfondire, non è il nostro caso.
                        Se invece intendi che il suo principale obiettivo è quello di attrarre consensi e curiosità, proporre argomenti sensibili agli ascoltatori cui ti rivolgi, a prescindere dai toni mescolando provocazioni per attivare contrasti anche aspri, allora è vero, Zwirner ha successo e svolge bene il ruolo che però è quello di agitatore piuttosto che di giornalista.

                        In fin dei conti anche Salvini è molto bravo in questo. Ma come politico, se il consenso alla sua persona diventa troppo alto, può anche capitare che poi si trovi nella posizione di dover mantenere le promesse, con tutte le difficoltà che stiamo constatando.

                        Per un giornalista non c’è nemmeno questo. Perché se la sua platea di riferimento cambia idea, per mantenere l’audience è sufficiente che cambi opinione anche lui. La parola in fin dei conti è il suo mestiere ed il cambiamento si può realizzare con eleganza e con molto pelo sullo stomaco. Per chi non ha convinzioni proprie può essere addirittura un pregio.

                        PS: E’ sufficiente che Diogene manifesti una sensibilità al riscaldamento globale e subito ti capita un topic che ammucchia una serie di spunti sull’argomento, vagamente di scherno, slegati tra loro, giusto per vedere se si scatena qualche discussione.

                      Rispondi a Gatón

                      Accetto i termini e condizioni del servizio

                      Accetto i termini sulla privacy

                      *