24
gen 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 29 Commenti
VISUALIZZAZIONI

724

IL PROBLEMA E’ L’UNESCO, NON BANFI

Che scandalo mandarci un comico come Lino Banfi all’Unesco! Serve un uomo di grande cultura!

Ma il problema è chi vi va o cosa fa questo baraccone partorito dall’Onu?

Vi leggo da Wikipedia quali avrebbero dovuto essere gli obiettivi da perseguire. “Unesco-Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, istituita a Parigi 4 novembre 1946, è nata dalla generale consapevolezza che gli accordi politici ed economici non sono sufficienti per costruire una pace duratura e che essa debba essere fondata sull’educazione, la scienza, la cultura e la collaborazione tra nazioni, al fine di assicurare il rispetto universale della giustizia, della legge, dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali che la Carta delle Nazioni Unite riconosce a tutti i popoli, senza distinzione di razza, di sesso, di lingua o di religione”

Libertà fondamentali senza distinzione di sesso. Ed è, infatti, grazie all’Unesco che le donne islamiche non sono più sottomesse all’uomo; sono libere di togliersi il velo e vivere come piace a loro…

Ma il compito fondamentale era garantire la pace duratura. Infatti, sempre grazie all’azione molto incisiva dell’Unesco, non ci sono più guerre religiose o tribali né in Siria né in Libia né in alcun altro Paese…

In compenso scoppiano le guerriglie locali, anche nel nostro Veneto. Ad esempio fra Treviso e Padova. Treviso vuole che venga riconosciuto anzitutto il prosecco come “patrimonio dell’Unesco”; Padova invece vorrebbe dare la precedenza al ciclo pittorico di Giotto.

Questo fa all’atto pratico l’organizzazione dell’Onu: distribuisce bollini che promuovono il turismo, i prodotti, i luoghi. Come ironizzava un mio amico di Selinunte: “Pretendo che l’Unesco dichiari patrimonio dell’umanità anzitutto la minchia siciliana!”

Quindi il problema non è chi ci va. Un Paese serio non manderebbe nessuno in questo baraccone inutile che costa più di cento redditi di cittadinanza senza produrre alcun risultato rispetto agli obiettivi per cui è stato istituito. Smetterebbe anche di finanziarlo.

E se proprio vuoi mandare un commissario, altro che un bravo attore comico come Lino Banfi. Un clown è più che sufficiente, anzi perfetto.

 

724 VISUALIZZAZIONI

29 risposte a “IL PROBLEMA E’ L’UNESCO, NON BANFI”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    SEA WATCH ha perso il ricorso alla CEDU (corte europea ddei diritti umani ): l’Italia dovrà fornire assistenza ai migranti, ma non è obbligata a farli sbarcare.
    STOP.
    Stop pure alle toghe rosse che manifestano per strada CONTRO IL GOVERNO, chiedono l’istituzione di una commissione sulle morti nel Mediterraneo e “sorteggiano” i tre magistrati, tutti casualmente di magistratura democratica, a far processare un ministro della repubblica per la politica decisa dal voto.
    Siamo quindi tutti imputabili per come abbiamo votato se non conformente ai desiderata di questi anomali magistrati?
    In un paese serio e democratico queste frange che hanno demolito la neutralità e l’imparzialità politica della magistratura dovrebbero essere già stati espulsi da tempo dalla ANM.

    1. Silvestro scrive:

      Io capisco la forte antipatia per i komunisti, comprendo la convinzione che tutti gli islamici siano terroristi, ma questo non giustifica le buffonate, le cialtronerie, gli sproloqui di un Ministro dell’Interno che nella storia della Repubblica italiana non ha confronti.

      https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/29/diciotti-da-sono-qui-mi-processino-a-negare-lautorizzazione-a-procedere-la-giravolta-di-salvini-da-agosto-a-oggi-video/4933593/

      Tanti innumerevoli like.

      • Silvestro scrive:

        Non credo che un Ministro della Repubblica debba avere una intelligenza particolare per tenere un atteggiamento adeguato al suo ruolo Istituzionale.

        Certo, queste buffonate aumento il consenso dei beoti del like, ma se diventano addirittura oggetto di orgoglio nazionale siamo veramente messi male.

      • martello carlo scrive:

        Nei precedenti governi non succedeva certamente che qualcuno dicesse delle castronerie: ci pensava la commissione a nome della MERKEL, con il risultato che gli italiani hanno capito che eravate dei servi e avete reso servi pure loro.

      1. martello carlo scrive:

        MENO MALE! SALVINI ha deciso, senza voler fare l’EROE A TUTTI I COSTI, che sia il parlamento a stabilire se in Italia comanda, a livello politico, la magistratura polititicizzata o il Parlamento.
        Non può decidere lui: gli italiani, rispetto all’immigrazione gli hanno dato un preciso mandato e per questo è in PARLAMENTO, parlamento che DEVE ESSERE POLITICAMENTE SOVRANO.
        I PILETESCHI, IPOCRITI pentastellati, tra l’altro corresponsabili della vicenda, devono esprimere un loro giudizio sull’attività politica del governo e non rimettersi alla magistratura, di cui non ci si può fidare in assoluto avendo già provocato disastri immani al paese. D’altronde la volontà del tribunale dei ministri di non accoglier la richiesta di archiviazione della procura di Catania parla da sola.
        L’attacco all’esecutivo è fin troppo chiaro, programmato e appoggiato dai soliti LANZICHENECCHI favoriti dagli altrettanto soliti traditori che per questo sono stati distrutti dal voto; ma si sa che le serpi anche se calpestate diventano ancor più velenose.
        Ora ci si mette pure la SPAGNA del socialistone SANCHEZ (che si permette di sequestrare la OPEN ARMS SENZA PROBLEMI) a rompere i cabasisi chiedendo di chiudere i finanziamenti europei a chi si rifiuta di accogliere i migranti (parlando a Polonia e Ungheria perché Italia intenda), e lo fa andando a piangere dalla Francia e dalla Germania perché qualche migliaio di migranti stanno saltando i reticolati a Ceuta e Melilla.
        Un’ultima considerazione: ma i tanto solerti e umani magistrati siciliani, perché non hanno intentato nessuna azione giudiziaria nei confronti di MACRON o del suo ministro dell’interno per averci rimandato con la forza dei minori invadendo il territorio italiano e buttato letteralmente giù da una corriera una migrante incinta? Ah, ho capito, sono come il PD.

        1. marco.com scrive:

          siamo tornati ai tempi di berlusconi, quando qualsiasi cosa facesse berlusconi, anche la sua cacca, era oro colato

          adesso qualcuno fa la stessa cosa con salvino

          e vabbeh, il mondo è fatto così

          • martello carlo scrive:

            Mi sembra evidente che siano gli altri che fanno con Salvini la stessa cosa che hanno fatto con Berlusconi.
            Abbiamo già pagato troppo; ora basta. Purtroppo dai pidioti e sodali non si può nemmeno almeno pretendere un po’ più di fantasia.

            • marco.com scrive:

              Cazzate
              Balle

              Ieri ha detto “Processatemi”
              Oggi ha cambiato idea

              Faccia lui con il suo fare da sbruffone
              Sono i seguaci che qualsiasi cosa faccia, “è sempre perfetto”

          1. Silvestro scrive:

            Caro Gaton
            mi spiace che tu prenda la discussione in questo modo. Ma se tu hai già certificato la sentenza è inutile discutere di altro.

            Salvini nel suo primo avviso di garanzia dichiarò con arroganza di voler andare in tribunale. Oggi appellandosi alla Costituzione si ricrede e pretendere l’immunità. Ma la Costituzione dice anche che i trattati internazionali vanno rispettati.

            Purtroppo stiamo assistendo da mesi ad una contesa permanente non tra maggioranza ed opposizione ma tra parti della stessa maggioranza che con annunci e dichiarazioni spesso contraddittorie parlano esclusivamente ai propri elettori, trascurando l’immagine e la credibilità internazionale dell’Italia.

            La vicenda in questione rientra perfettamente in questo confronto dove ciascuno cerca sempre di mettere in difficoltà l’altro. La questione ONG-scafisti trova in questo la sua drammatizzazione, trascurando i numerosi sbarchi avvenuti in silenzio senza l’intervento di organizzazioni umanitarie.

            https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/19_gennaio_28/i-341-sbarchi-fantasma-un-anno-arrivati-altri-5999-migranti-187346c6-2345-11e9-9543-1916afeb08d9.shtml

            • martello carlo scrive:

              Niente di strano che SALVINI abbia cambiato idea: HA ASCOLTATO IL MIO MODESTO CONSIGLIO.
              EH EH.

              PS. GATON ha ragione. Quello SCRAGNOSO di SOROS, se vuole destabilizzare l’Italia, che tiri fuori la grana necessaria per essere all’altezza dei delinquenti che in qualche modo favorisce: le bagnarole come la SEA WATCH è meglio che la utilizzi per la PESCA A STRASCICO DEGLI SCORFANI.

            1. marco.com scrive:

              Processatemi pure.

              Contrordine leghisti: non processatemi.

              1. Silvestro scrive:

                C’è chi aspetta che di questi 47 migranti qualcuno ne parli; ma l’andazzo è che ogni 15 giorni siamo qui a parlare di una situazione analoga come se si trattasse di una questione nazionale di vita o di morte.
                Il dato comune sono innanzitutto le balle del Ministro dell’Interno: like like like.
                Sulla Diciotti erano tutti giovani virgulti e palestrati invece erano disgraziati torturati e affetti da scabbia Like like like.
                Su questa nave erano tutti adulti mentre ci sono almeno 13 ragazzi tra 12 e 16 anni non accompagnati. L’accesso alla imbarcazione è stato proibito per emergenza sanitaria, ma questa, è causata proprio dalla lunga permanenza sulla nave di 50 persone con un solo bagno. LIKE LIKE LIKE. Salvini è sicuro che potevano dirigersi verso qualche altro porto, ma dalla documentazione pubblicata dalla stessa SEA-WATCH non è affatto vero LIKE LIKE LIKE.
                Sulla collusione ONG-scafisti, poi, ci sono ricerche piuttosto chiare:
                https://www.ilpost.it/2019/01/20/ong-partenze-migranti-sbarchi/

                In una trasmissione televisiva Nordio, certamente non una toga rossa, ha spiegato bene il problema. La situazione si può esaminare sotto tre punti di vista:
                ASPETTO UMANITARIO: Non c’è dubbio che vadano salvati e fatti sbarcare.
                ASPETTO GIURIDICO: Ci sono delle violazioni concrete legate al rispetto di norme internazionali scientemente disattese.
                ASPETTO POLITICO: Si può violare una norma internazionale se questa crea pericoli per la sicurezza dei confini nazionali. Sostenere che 47 immigrati possono costituire un pericolo per l’Italia è tutto da dimostrare; ma questo vincolo lo può superare solo il Senato decidendo se concedere o meno l’autorizzazione al processo.

                • Gatón scrive:

                  50 persone con un solo bagno.
                  Ciò significa che la nave non è adeguata al suo compito.
                  O che il compito della nave e del suo equipaggio non è quello che appare.

                  • Silvestro scrive:

                    COMPLIMENTI bella considerazione. E quindi cosa dovrebbe fare salvarne solo 10 o forse 8 perché ha un solo bagno e gli altri lasciarli li. Se una nave effettua dei salvataggi, lo fa a prescindere dal numero dei bagni. Ma vale anche per un peschereccio o per qualsiasi altra imbarcazione.

                    Altra cosa è essere costretti a rimanere alla fonda, impedire ogni avvicinamento per motivi di sanità pubblica.

                    • Gatón scrive:

                      Complimenti per la logica.
                      Non si tratta di pescherecci o di navi da carico che CASUALMENTE si trovano nei paraggi di un’imbarcazione in difficoltà e prestano soccorso.
                      Queste navi incrociano davanti le coste libiche col preciso scopo di raccogliere persone trasportate da mercanti di esseri umani, e sono gestite da associazioni col dichiarato obiettivo di cui sopra.
                      Pertanto dovrebbero essere attrezzate adeguatamente, altrimenti sarebbero responsabili dei danni procurati ai “naufraghi”.
                      A meno che la carenza di servizi igienici non costituisca il grimaldello per farsi accettare nonostante le palesi violazioni al diritto internazionale, ma in questo caso parlerei di RICATTO.

                      • Gatón scrive:

                        Ogni tanto ci ricasco.
                        Scusa se ho commentato.

                      • Silvestro scrive:

                        Queste navi “Dovrebbero essere attrezzate adeguatamente..”. Se sei cosi ferrato in materia dovresti essere più preciso, sul numero di persone per ogni bagno e su come comportarsi nei salvataggi. Nella consuetudine queste persone restano sulla nave qualche giorno per approdare nel porto più vicino/sicuro. Con l’indifferenza generale (non solo italiana) questo non avviene quindi le persone restano a bordo decine di giorni con tutti le le complicazioni che ne conseguono. Quindi anche sulla responsabilità dei danni ai naufraghi fossi in te sarei molto cauto nel formulare accuse.

                        Per quanto mi riguarda trovo esaurienti e complete le dichiarazioni di NORDIO che ho già esposto in precedenza. Ma poiché tu come tanti altri avete già pronunciato la vostra sentenza non vedo cos’altro approfondire.

                1. martello carlo scrive:

                  La procura di Siracusa, contrariamente all’evidenza e ad ogni logica, afferma che la rotta verso l’Italia è stata una giusta scelta del capitano della SEA WATCH!!!!
                  Adesso i procuratori si mettono a fare i NAVIGATOR stabilendo le giuste rotte delle ONG?
                  Mi sembra che si stia proseguendo su una china molto pericolosa dopo l’ intrusione della DICIOTTI.
                  Le decisioni di SALVINI (e del governo) sono POLITICHE e solo una magistratura POLITICIZZATA si può permettere di pensare di poterle condannare, la qual cosa è palesemente antidemocratica e per di più discriminatoria: richiedere il processo solo per SALVINI potrebbe configurarsi come omissione di atti d’ufficio, dal momento che per nessun corresponsabile del governo è stata richiesta l’autorizzazione a procedere.
                  Forse per favorire il SI dei pentastellati?
                  Comunque lo show della sinistra allo sbando bisognosa dei soliti aiutini magistraturali, E’ UN AVVERTIMENTO, un MONITO relativamente ad un suo ritorno al potere.
                  A SALVINI suggerisco di non fidarsi di un eventuale processo: ha un compito che gli elettori gli hanno affidato da portare a termine: la magistratura politicizzata NON E’ MAI STATA DALLA PARTE DELLA LEGA, ANZI.

                  PS. E’ ora di finirla di considerare la Libia non sicura per le vittime dei trafficanti: da 2 mesi esisiste un centro gestito dal Ministero degli Interni libico, dall’UNHCR e da LibAid, partner dell’UNHCR, che fa parte del CORRIDOIO UMANITARIO che può gestire contemporaneamente fino a 1000 domande ai rifugiati politici per un accesso REGOLARE in Europa.

                  1. Gatón scrive:

                    Sono sopraffatto dal numero e dalla fermezza delle condanne del massacro di cristiani nelle Filippine, e dalle richieste di scuse da parte del mondo islamico.

                    • martello carlo scrive:

                      Ritengo che dovresti essere sopraffatto anche del silenzio assoluto sui 47 migranti della SEE WATCH ostaggi di SALVINI.

                    1. Gatón scrive:

                      Un paio di osservazioni.
                      - qualunque VIP che abbia voglia di una scappatella dovrebbe farsi sottoscrivere davanti ad un notaio una dichiarazione del / della partner con la quale si dichiari consenziente e soddisfatto / a dell’eventuale emolumento corrisposto.
                      Queste dichiarazioni dovrebbero essere conservate indefinitamente in uno specifico dossier, onde evitare eventuali future rivendicazioni, anche da parte degli eredi delle parti lese.
                      - la “rieducazione culturale” coattiva viene praticata esclusivamente dalle dittature.

                      1. martello carlo scrive:

                        Mi sembra che ZWIRNER non intenda criticare la ” RAGIONE SOCIALE ” dell’UNESCO, bensì la sua degenerazione, come quella di altre istituzioni, a cominciare dall’ONU, per finire all’FMI dell’ex DOMINIQUE STRAUSS-KAHN (l’equivalente economico del cinematografaro WEINSTEIN, ma che forse è stato solo vittima delle tresche presidenziali francesi). A lui è succeduta un’altra francese, nientepopodimenoche la LAGARDE.
                        Quella LAGARDE che con TRICHET, da brava francese ha tentato di imporci la TROIKA nel 2011 come ho denunciato in un recente post.
                        In mancanza della troika, per il momento ci dovremo accontentare della SANTA INQUISIZIONE ONU sui migranti
                        Ma i CASCHI BLU in LIBIA, NO?

                        • Silvestro scrive:

                          Anche stasera hai esagerato col fumo vero?

                          • martello carlo scrive:

                            Non so cosa sia la droga, ma se tu non riesci ad elevarti nemmeno a considerazioni talmente evidenti, tutto sommato terra terra, la consiglio a te: un po’ di COCA magari corretto col VIAGRA non ti farebbe certo male in certi momenti di appiattimento e grigiore mentale.
                            Ma forse, per la relativa stima che ti porto, semplicemente non sei al corrente dei fatti.

                            • Silvestro scrive:

                              Se vuoi la polemica ad ogni costo allora facciamola.

                              UNESCO è l’acronimo di “Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura”. Ha quindi finalità dire quasi filantropiche, che non si possono imporre, i cui risultati sono comunque incerti.

                              l’FMI ha finalità prevalentemente economiche / finanziarie, con erogazione monetarie anche importanti, in cambio di comportamenti e risultati precisi, definiti e verificabili.

                              Trovano consensi e critiche per il loro operato, ma le due organizzazioni non sono in alcun modo raffrontabili sotto ogni profilo.

                              IL mio accenno al “fumo” andrebbe preso come una battuta, direi una giustificazione per chi, in un momentaneo stato confusionale, non sa distinguere quelle che secondo me sono “considerazioni talmente evidenti, tutto sommato terra terra”.

                              Ma se insisti, magari sullo stato confusionale momentaneo, mi ricredo.

                              • martello carlo scrive:

                                Mi pare che la polemica ad ogni costo la voglia fare tu: non ho mai detto che UNESCO e FMI siano la stessa cosa, ho affermato solo che fanno parte di carrozzoni.
                                E’ chiaro che il secondo è in grado di provocare molti più danni a livello planetario. Ho citato STRAUSS KHAN perché ne è il simbolo: accusato ( forse anche giustamente di aver usato violenza ad una cameriera d’albergo nel 2011), in realtà il fatto, vero o falso ne ha causato le dimissioni ed la rinuncia alla sfida presidenziale prendendo 3 piccioni con una fava
                                1) eliminare un concorrente politico,
                                2) mettere al suo posto la LAGARDE, più funzionale alla politica di SARKO
                                3) eliminare un presidente che pensava che ” il lavoro e l’uguaglianza fossero fondamentali per la stabilità economica, e stava cercando di indirizzare il settore bancario in una direzione più positiva, che non richiedesse alle nazioni di lasciare libero l’ingresso alle devastazioni del capitale straniero che entra con rapidità – per spingere in alto i prezzi e creare le bolle speculative – e se ne va altrettanto velocemente, lasciando alle spalle il flagello dell’elevata disoccupazione, del crollo della domanda, delle industrie in bilico e della recessione.”
                                E questo va ad aggiungersi alle considerazioni sulla FRANCIA del blog precedente ci fa dire che il FMI, più che un carrozzone è UNE CARAVANE.

                                Quanto al fumo, non è la prima volta che ci scherzi, e fai bene a ricrederti, non perché io me la prenda o mi offenda, ma perché in tal modo si butta in vacca un argomento, una discussione che andrebbero approfonditi seriamente..
                                Ciao

                        1. Silvestro scrive:

                          DUE CONSIDERAZIONI OPPOSTE:

                          Imporre la “cultura” con la forza, punendo i renitenti con l’isolamento, sanzioni economiche, magari iniziative belliche, laddove regna sovrana l’ignoranza totale, è una suggestione propria solo del Direttore.

                          Si tratta della interpretazione estrema che Zwirner da della sua convinzione espressa più volte secondo cui per governare è necessaria cultura e competenza. Sotto questo profilo ben venga quindi acculturare coattivamente i governanti.

                          Non escludiamo però i giornalisti ……

                          1. marco.com scrive:

                            vabbeh viva di maio e viva salvini, ci mandano a picco ma ci tengono allegri

                            La cultura, la scuola, la scienza sarà sempre di più l’ asset vero del futuro.
                            Ma gli zwirner di casa nostra ci pisciano addosso.

                          Rispondi a Gatón

                          Accetto i termini e condizioni del servizio

                          Accetto i termini sulla privacy

                          *