14
ago 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 76 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.101

B a 19? giusto così… ora anche la A a 18.

E così si è arrivati alla B a 19 squadre (sarebbe stato meglio a 20 così da evitare i turni di riposo),  con tanto di calendario per la prossima stagione e gli inevitabili ricorsi che seguiranno.

 

Sono anni che si parla di riformare i campionati ma alla fine tutto resta immutato.

L’occasione del fallimento di Bari, Cesena e Avellino sembra tuttavia aver dato il “la” ad un cambiamento storico che farà senz’altro da precursore ad una futura Serie A a 18 squadre.

 

E a conti fatti a mio avviso, è per entrambe le categorie, la cosa migliore.

 

Da qualche anno a questa parte stiamo infatti assistendo a fallimenti in serie in Cadetteria e in Serie A ad un copione che si ripete, con almeno una squadra condannata alla retrocessione a nemmeno metà torneo e una seconda a metà del girone di ritorno.

Formazioni totalmente inadeguate alla categoria che nulla danno (a qualsiasi livello, sportivo ed economico) e tanto tolgono.

 

Senza dubbio anche i paracadute appannaggio delle retrocesse sono complici di questa situazione, basta fare due conti.

 

Una squadra di provincia neopromossa in A dovrebbe spendere tutto o quasi delle entrate per essere minimamente competitiva e sperare in una salvezza comunque difficile da conquistare.

 

Immaginiamo invece che gli investimenti in serie A siano minimi e venga da subito messo in conto di retrocedere. Dei circa 30 milioni di entrate, se ne possono mettere da parte almeno una decina netti, che sommati ai 10 di paracadute una volta retrocessi, fanno 20.

E chi li ha mai visti venti milioni di guadagno in due anni?

 

Per dirla in breve una promozione e immediata retrocessione portano una valanga di soldi nelle tasche delle società e fanculo i tifosi e la loro passione.

 

C’è poi l’aspetto del prestigio che è direttamente proporzionale a quello economico, sul quale anni fa Lotito aveva provato ad accendere i riflettori.

In sintesi, il presidente della Lazio sosteneva che il valore della Serie A  si abbassa di brutto con squadre come Frosinone, Empoli, Benevento, Crotone, Cesena, Pescara (per citare le retrocesse degli ultimi 5 anni) a cui si possono aggiungere i vari Chievo, Spal e Sassuolo il cui apporto in termini di abbonati, appeal di squadra ospite e seguito televisivo, sono inferiori a tante squadre di B, (Verona e Palermo per dirne due).

Perché non ho inserito l’Hellas Verona nell’elenco delle “provinciali inutili” al sistema calcio italiano?

Per quanto fatto sul campo nel recente passato avremmo dovuto essere i primi della lista,  ma storia e prestigio dei gialloblù non possono essere certo equiparati alle compagni di cui sopra.

 

Io sarei per un’organizzazione dei campionati all’americana (dove determinate regole economiche, societarie e strutturali  valgono per tutti gli sports professionistici più famosi, dal basket al football, dall’hockey al baseball).

Stadi all’altezza, soglia minima di supporter (abbonamenti), introiti minimi garantiti alle pay-tv.

Se rispetti questi standard partecipi, altrimenti grazie e un “si accomodi” tra i semi professionisti o addirittura i dilettanti.

 

So che ciò è in totale contrasto con i principi sportivi più elementari dove chi se lo è meritato sul campo ha tutto il diritto di giocare in A o in B, a prescindere da storia, prestigio e seguito di tifosi.

Ma detto tra noi, che il mito di Ronaldo ci azzecca qualcosa col Chievo Verona? Dove verrà venduta nel mondo la super sfida Juventus-Empoli? e Frosinone-Inter? Figuriamoci Spal-Chievo.

 

Abbiamo fatto del calcio un business? E business sia.

Parlare di valori oggi sa infatti di retorica ipocrita se non di  di autentica presa in giro.

 

 

 

3.101 VISUALIZZAZIONI

76 risposte a “B a 19? giusto così… ora anche la A a 18.”

Invia commento
  1. altolago scrive:

    e Intanto fin che qua se passa el tempo a farse seghe mentali sule 19 o quante cavolo volì voialtri de squadre, i tristi doman de sera i se trova el stadio strapien de gitanti e i ciapa na barca de soldi.
    He ma importante lè averghe el bilancio a posto.
    Grazie grande presidente per averne butà ne sta melma. Te te meriti tute le preghiere che te pol arivar.
    Si ma preghiere che te sciopi con en maion en man.

    • Maxrugo scrive:

      Pare molto più triste dei tristi che si invidino i ceoloti parchè in serie A, non era mai successo a memoria mia neanche quando eravamo in C.
      Ricordo poi che eravamo in B quando Setti comprò il Verona quindi semmai siamo tornati dove eravamo.

      • altolago scrive:

        Ma quando te lese qualcosa ti interpreto a seconda de come te gira o magari no proveto miga a capir?
        Aventi scrito che i invidio dc. Envese de polemisar lesi e medita e me racomando guanti bianchi con el to presidente che el te porta lontan.

        • IL SAGGIO DICE scrive:

          Anch’ io ho percepito un filino di invidia. Spiegaci bene cosa ti rode di preciso. Perché domani sará manita o giú di lí. E i tristi non hanno la squadra per restare in A , anche senza penalizzazioni. Si sono indeboliti in ogni reparto. Hanno 127 attaccanti ma nessuno da doppia cifra. Questo io prevedo. Questo avverrá. Cosí come noi arriveremo ai play off, causa un mercato fatto al risparmio e demotivando, se restano, i vari Pazzini e Fossati che sono uomini d’ esperienza indispensabili. Se poi penso che Pazzini é perennemente con le valigie in mano a causa dell’ ingaggio, ma che sono stati spesi 630000 euro per il Mantova, PD e MP ci stanno tutti.

          • altolago scrive:

            E te si saggio, va be’:
            Invidia vol dir esar come lori.
            Incazzatura vol dir esar al posto de lori (en serie A a competar con squadre de livel tipo quela che ariva stasera con i gitanti a ocupar anca el me posto).
            E mi son tanto ma tanto incazzà.
            E a diferenza tua e del servo de setti a mi de che squadra i ga i tristi no me ne frega proprio gnente.
            A diferensa tua mi no ghe fago miga i conti scarsela se i ga la squadra più debole o meno de l’anno scorso.
            Resta el fato che lori imbroiando o meno iè en serie A; noialtri con i conti a posto semo in B in un campionato che no se sa ancora come el saràda tanto che lè serio.
            A proposito e dei soldi arrivè che permetti de averghe un bilancio diese volte più alto de qualsiasi altra squadra, seto dove iè fenidi, visto che par far la squadra no i vien miga spesi?
            No metarte sul piano dei difensori infiltrè e capissi sa vol dir averghe le bale girè, ma girè tanto pd e pm.

    1. Bruno scrive:

      Ciao Mauro, non condivido niente del tuo ragionamento.
      Provocazione per provocazione, se al campetto di periferia si presenta un ragazzino con gli scarpini non griffati, la maglietta di cotone e con il pallone sgonfio non lo fai giocare?
      La provincia ha ben diritto di andare a giocarsela con le ricche del calcio in serie A, anche se lo scontro è impari, proprio uno dell’Hellas non può fare lo snob con le nuove provinciali, che alla fine se la giocano anche con un certo onore (vedi Spal l’anno scorso e Crotone due anni fa).
      Il fatto che alcune Società falliscano in numero sempre crescente è dovuto al fatto che mancano i controlli seri sui bilanci e chi compra le Società di calcio non è tenuto a dare sufficienti garanzie di durata e di serietà.
      La soluzione che auspichi tu sarebbe la morte del calcio inteso come sport popolare, per la gioia di Lotito & C.
      Ciao.
      Bruno

      1. andrea scrive:

        marino
        mi sembra che la lega calciatori abbia minacciato lo sciopero e quesri vengono a piu miti consigli..ma che caxo ghe volea a ripescar tre squadre e bella finia invese de tutti sti casini..se fusimo del catania o novara ne giraria i coioni forte anche a noialtri..O NO?????

        • Mariino scrive:

          se hanno i mezzi economici certo che dovevano essere ripescati,io mi riferisco a queste scelte cervellotiche della lega di rinviare il tutto a settembre,è chiaro che non vogliono rovinarsi le ferie sti stronzoni

        1. Mariino scrive:

          Caro Mauro sembra che ci sia la possibilità di un ripescaggio delle squadre che hanno fatto ricorso.Allora i soloni della lega fanno partire il campionato a 19 per poi eventualmente in seguito far recuperare le partite alle squadre subentranti.Un bel casino all’italiana.

          1. Cinghiale Bianco scrive:

            Ma lo volete capire o no che su questo blog si parla di Chievo? Oh suvvia!

            1. Maxrugo scrive:

              Tra il 2014 e il 2017, nei quattro anni su cui si è concentrata l’indagine della Procura federale sulle plusvalenze fittizie, il Chievo Verona ha realizzato utili per circa un milione e mezzo di euro. I quattro bilanci chiusi tra il 30 giugno 2014 e il 30 giugno 2017 hanno fatto registrare il segno più con questa sequenza: 300mila euro; 500mila, 300mila; 300mila. Euro più euro meno. Il patrimonio netto del club clivense è così salito in questo arco temporale da 3 a 4,4 milioni. Un equilibrio impeccabile, quasi algebrico.

              “La fine del calcio italiano”: il nuovo libro di Marco Bellinazzo

              Il fatturato della società in queste quattro stagioni è aumentato da 50 a 71 milioni. I ricavi ordinari sono sempre stati imperniati tuttavia sui diritti tv , passati a loro volta da 28 a 35 milioni, più di quanto ottenga l’intera Serie B, tanto per dare un’idea. In sintesi, in questi quattro anni il club della frazione di Verona ha incassato poco meno di 130 milioni di euro grazie ai contratti televisivi della Serie A . I ricavi da stadio infatti hanno oscillato mediamente intorno agli 1,8 milioni all’anno e quelli commerciali (sponsor e cartellonistica) intorno ai 5 milioni stagionali.

              L’articolo prosegue qui sotto

              Chievo Serie A

              Il club del presidente Campedelli, dunque, poteva contare su entrate certe annuali inferiori ai 45 milioni . Fra il 2014 e il 2017 però i costi totali del Chievo si sono impennati da 52 a 69 milioni. In particolare, il costo della rosa necessaria a mantenere la massima categoria è salito di una decina di milioni. Nel 2014 il Chievo pagava 21,5 milioni fra ingaggi e stipendi e 13 milioni per gli ammortamenti dei cartellini. Nel 2017 gli emolumenti sono arrivati a quota 27,5 milioni e gli ammortamenti a 17 milioni.

              Complessivamente tenere il Chievo in Serie A negli ultimi 4 anni (di cui sono disponibili i conti) è costato così 244 milioni a fronte di entrate ordinarie (diritti tv, contributi della Lega, botteghino e area commerciale) per poco più di 180 milioni. Un gap di circa 60 milioni. Compensato come? Sarà una coincidenza numerica, ma nello stesso periodo sono fiorite plusvalenze da calciomercato per 60 milioni: 7,6 milioni nel 2014; 12,8 milioni nel 2015; 18,8 milioni nel 2016 e 21,5 milioni nel 2017.

              Più di un terzo di queste plusvalenze, quasi 24 milioni, sono state realizzate cedendo giocatori al Cesena in operazioni anomale sia per l’entità delle somme in gioco e sia per la qualità dei calciatori coinvolti. Anomalie che non sono sfuggite a Pippo Russo in una serie di articoli su calciomercato.com, ma alla Covisoc sì. I nomi dei giocatori, accuratamente riportati nelle note integrative dei bilanci clivensi, che dal vivaio del Chievo si sono trasferiti in quel Cesena sono: Hoddou, Gkaras, Concato, Foletto, Mahmuti, Eziefula, Tosi, Placidi, Zambelli e Borgogna .

              Insomma non proprio un affare per il Cesena averli presi a quei prezzi. Il club del presidente Lugaresi, che si rifaceva con operazioni opposte per sistemare i propri conti finché ha potuto, è fallito poche settimane fa ed è stato sanzionato “alla memoria” dal Tribunale federale con 15 punti di penalizzazione nello stesso procedimento per cui è stata dichiarata invece l’improcedibilità nei confronti del Chievo. Il presidente Campedelli aveva chiesto di essere audito, fuori tempo massimo, e la Procura federale nonostante ciò avrebbe dovuto convocarlo. Non lo ha fatto – chissà per quale motivo – e per via di un precedente il Tribunale federale in versione Ponzio Pilato ha bloccato tutto

              Ora la Procura dovrà procedere daccapo per appurare quel che è stato già appurato nei confronti dell’altro “imputato” (il Cesena) con la conseguenza che il Chievo farà molto probabilmente in tempo a partecipare anche alla prossima Serie A (e a incassare altri 35/40 milioni di diritti tv) sia pure con una penalizzazione, vanificando il principio di afflittività della sanzione che governa la giustizia sportiva.

              E’ notizia di lunedì il certificato medico presentato dallo stesso Campedelli per giustificare la propria assenza all’audizione in Procura Federale: un’”indisposizione” che fa slittare ulteriormente i tempi. Il tribunale federale nelle migliore delle ipotesi (potrebbe anche arrivare la ciliegina della prescrizione) emetterà una decisione che, per chi ha rispettato le regole, finirà oggettivamente per rivelarsi la classica beffa aggiunta al danno (economico) ingente già subito.

              E nel frattempo il Crotone, direttamente interessato alla vicenda essendo il beneficiario del ripescaggio in caso di retrocessione a tavolino del Chievo, ha chiesto al CONI la deroga alla clausola compromissoria per ricorrere al TAR: il rischio sarebbe così quello del rinvio dell’inizio della Serie A 2018/19. L’ennesima estate caldissima del calcio italiano è ancora nel pieno.

              1. scaletta scrive:

                un processo sul niente?
                Ho letto bene? tre anni di bilanci truffaldinamente manomessi, come nessun altro non si è mai minimamente avvicinato a fare in questi anni. un 'metodo Chievo' ormai conclamato anche agli occhi dell' opinione pubblica che ormai vi considera una squadra di furbetti del quartierino. Tale sistema dalla parte del Cesena è stato riconosciuto integralmente dal tribunale sportivo, senza se e senza ma, e a seguito di opportuna istruttoria ed esame dei documenti. La manfrina del Cesena penalizzato perché non si è difeso o 'non esistono criteri per determinare il valore dei calciatori' è semplicemente la scusa dei colpevoli. patetici come sempre

                • Karoot scrive:

                  Stai parlando a casaccio usando parole forbite tanto per darti un tono… Non c’è niente a livello nazionale che dicono che noi siamo furbetti.. Tanto per chiarire… Due il fatto che non esistano criteri per la valutazione dei giocatori è un dato di fatto, se così fosse ci sarebbe tutta la serie A e tutta la B allora sotto inchiesta… 3 esistono già degli organi di controllo che verificano i bilanci, incarico dato sempre da Figc che avevo già dato il benestare dei bilanci, quindi forse è meglio che la procura si chiarisca in casa propria cosa vuole fare… 4 ti ricordo che il tuo mercante de pezze invece di tramacci con i bilanci ne ha fatti parecchi e prega il dio che non ci metta le mani la Gdf (altro che la Figc) se no il tuo glorioso Verona sai dove finisce…

                  • ciccio2 scrive:

                    sui criteri per valutare i giocatori…non nascondiamoci dietro un dito per favore. Non insultiamo l’intelligenza di uno sportivo medio.
                    Ultima cosa: non fate le vittime

                    • ciccio2 scrive:

                      parlo del giochino vendo a tot e compro a tot..

                      • karoot scrive:

                        Caro MAxx Ovvio che lo difendiamo …non ha fatto nulla ..e fino a prova contraria è cosi … .siete voi che avete già dato sentenza solo perchè la Figc è in cerca di scoop o cavolate del genere …. e poi dai non ti inventare episodi!Il caso Bettarini è stato spiegato e cmq ha pagato una multa!! La guardia di finanza che si ferma alla porta e la valigetta te le sei inventate di sana pianta quindi come vedi non è molto complicato spiegartelo… Pellissier è stato processato e assolto …Non fate quelli che dicono che “Noi crediamo alla giustizia” solo per dire che la Giustizia deve dare la sentenza che fa comodo a te ….. perchè quella non si chiama Giustizia ma fare quello che dico io …. e cmq se ognuno pensasse ai guai di casa sua sarebbe meglio ..perchè torno a ripetere per l’ennesima volta che se indagano il Chievo per plusvalenze fittizie allora dovrebbero indagare Juve Milan Inter ecc ecc ecc ..tutta la serie A e tutta la serie B …. quindi o una cosa è ammessa non è ammessa ..lo scrivano nero su bianco e lo facciano rispettare …Non ste pagliacciate!!!

                      • Simone scrive:

                        Sul Chievo, come ho già scritto, credo semplicemente che Campedelli sia stato molto abile a crearsi delle reti di protettori e aiuti all’interno della città (Opus dei e Banca Popolare), e nel tempo abbia fatto lo stesso intrecciando rapporti importanti con alcuni poteri forti del calcio italiano, agevolato dal fatto che la A ormai è casa sua (se nasca prima l’uovo o la gallina non saprei…). Una volta fatto questo, si è probabilmente preso delle libertà eccessive perché in fondo sapeva che poteva permetterselo. Sono e resto dell’idea, per esempio, che se li avessero condannati (come suppongo sarebbe stato giusto) per la questione plusvalenze derivanti dai giovani, il rischio vaso di Pandora nel calcio italiano sarebbe stato elevato (vedi gli affari dell’Inter ma non solo). Quello che sarebbe potuto succedere dopo (ma mi tengo il dubbio, chiaro) te lo lascio immaginare…

                      • Simone scrive:

                        Maxx, riscrivo: “Non mi sorprende che chi segue il Chievo trovi giustificazioni (non tutti a dire il vero), non mi sorprende che quelli della Juve se gli parli di calciopoli fanno addirittura le vittime, eccetera.” Quello che mi fa male è che l’imborghesimento a cui fai giustamente cenno sta avvicinando anche noi, un po’ alla volta, a certi schemi mentali italioti. E quello che temo (ma mi tengo il dubbio) è che questa tendenza abbia superato il punto di non ritorno.

                      • Maxx scrive:

                        Che ci siamo piuttosto imborghesiti è un dato di fatto.
                        Tirare l’acqua al proprio mulino è un esercizio piuttosto comune.
                        Ma bisogna anche avere un po’ di pudore. L’italiota “così fan tutti” è difficilmente digeribile, ma il “così fan tutti però noi siamo migliori degli altri tutti anche se loro fan meno porcherie di noi” proprio non si può sentire.

                      • Simone scrive:

                        Maxx, qui hai toccato qualche punto fondamentale secondo me, come lo ha toccato più sotto più in generale il mio amico Diego. Nei sistemi democratici vige un certo grado di corruzione, e in Italia in modo particolare. Questo sistema nel sistema (che fa sistema) si autoalimenta con la classica frase craxiana (“E tuttavia, d’altra parte, ciò che bisogna dire, e che tutti sanno del resto, è che buona parte del finanziamento politico è irregolare o illegale. … Se gran parte di questa materia deve essere considerata materia puramente criminale, allora gran parte del sistema sarebbe un sistema criminale. Non credo che ci sia nessuno in quest’Aula, responsabile politico di organizzazioni importanti, che possa alzarsi e pronunciare un giuramento in senso contrario a quanto affermo: presto o tardi i fatti si incaricherebbero di dichiararlo spergiuro.” E sul Corriere di allora si scrisse: “Nessuno si alzò. Ma nessuno ebbe neanche il coraggio di riconoscere che si trattava di un problema politico, da risolvere politicamente. Tutti sperarono che la campana suonasse solo per Craxi. E le cose andarono diversamente”). Noi tifoseria del Verona eravamo diversi, forse, in primis su questo punto. O almeno questa è l’idea che mi ero fatto, forse idealizzando un po’. Sei sicuro che noi (sempre inteso come tifoseria nel complesso) lo siamo ancora come allora, nel complesso? Non mi sorprende che chi segue il Chievo trovi giustificazioni (non tutti a dire il vero), non mi sorprende che quelli della Juve se gli parli di calciopoli fanno addirittura le vittime, eccetera. Perché sono rappresentanti dell’italianità. Comincio a non sorprendermi più del fatto che parte di noi cerchi giustificazioni (senza per l’appunto avanzare dubbi, sul Verona e sul sistema) al grido di ”così fan tutti”. E’ questa una delle sensazioni negative che comincia a pervadermi, è questo che reputo grave.

                      • Maxx scrive:

                        Noi siamo quelli sporchi e cattivi; non ci facciamo passare per quello che non siamo.

                        Tu 4 anni fa dicevi che faceva il furbo? Ok. Non appena è stato scoperto la gente dell’Hellas ha incominciato ad odiarlo e non a difenderlo come fate voi.

                        Pelliccia è stato assolto? Ovvio, era indagato ANCHE per aver venduto qualche partita della “favoletta ‘tagliana”; ci sarebbe andata di mezzo anche quella. Invece hanno insabbiato tutto come a voi capita spesso. Da notare che tutte le controparti in contatto col vostro capitano sono state condannate (tipo quel che è successo al cesena…).

                        Spiegaci anche l’affaire bettarini…

                        Spiegaci le valigette al casello dell’autostrada…

                        Spiegaci la gdf che si ferma sulla porta…

                        Complicato, eh?

                        Ps. MI sono abbonato, col dubbio. Perché a noi i dubbi vengono.

                      • Karoot scrive:

                        Maxx.. Ascolta… Io intanto qnd parlo non dico cose a cavolo… E la dimostrazione è stata qnd già 4 anni fa vi scrivevo che il to mercante de pezze stava facendo il furbo…. E voi tutti a dire “noooo, non è vero… Dici solo c… E bla bla bla” e alla fine si è visto. Due parli di Sergio peccato che però dimentichi che è stato assolto… Quindi la giustizia non tel tiri in ballo solo quando vi fa comodo… Poi come è già detto il primo processo è stato annullato perché la PROCURA non ha voluto sentire Campedelli non il contrario… Poi dopo che è stato annullato, buffoni che non sn altro, ne hanno aperto un altro e volevano sentirlo subito perché dovevano fare il favore al Crotone. Ma ha fatto benissimo a mandarli il certificato medico… D’altronde cara procura, se prendi per i fondelli non ti si può rispondere in altro modo. Quindi caro Maxx pensa ai trallazzi del tuo mercante de pezze e se abbonarti oppure no va…

                      • Maxx scrive:

                        “… Senti vai a farti una Laura in economia come ho fatto io prima di parlare per un cavolo… ” (cit)

                        “… Ho processi tutta la serie A e B oppure…” (cit.)

                        Ho (e sottolineo Ho) le lauree in economia le regalano a cani, porci selvatici albini, etc, oppure…

                        eriberti fasulli,
                        pellissier(s) pluriindagati per scommesse,
                        bettarini condannati diventati vostri PR invisibili,
                        valigette di soldi ai caselli delle autostrade,
                        gdf che anziché indagare, arriva fin sulla porta, saluta e se ne va,
                        bet houses che rifiutano scommesse sulle partite dei digaioli
                        per arrivare alla percentuale abnorme delle plusvalenze nei ricavi dichiarati…

                        Se quel deltaplano del tuo presidente fosse stato sicuro come te della propria innocenza, non credi che avrebbe difeso il buon nome suo e della sua società anziché bigiare e darsi malato?
                        Siete la squadra, a parte la rube, più indagata degli ultimi 15 anni ed ancora vi spacciate per vittime innocenti?

                      • Karoot scrive:

                        Il gioco compro a tot è vendo a tot lo fanno tutte quindi… Ho processi tutta la serie A e B oppure lasci perdere… Non ti metti ad accusarne una per poi finire in questo pantano…

                  • Fetente Gialloblù scrive:

                    Parto dal fondo. Quali tramaci ha fatto Setti con i bilanci? Ci sono processi in corso? Non mi sembra. Però se sai qualcosa che noi comuni mortali non sappiamo vai a denunciarla alla procura oppure stai muto. Ah… gli organi di controllo hanno controllato anche il bilancio dell’Hellas non solo quello del Chievo, per cui se sono infallibili per la società del bottagisio ergo… Il discorso che non esistono criteri oggettivi per stimare il valore di un calciatore NON è la prova della vostra correttezza ma il buco regolamentare che siete stati accusati di aver sfruttato per aggirare i controlli della CoViSoc. Ovvio se poi tu sei convinto che Chievo e Cesena si sono scambiati una decina di giovani senza prospettiva a prezzi esorbitanti perché credevano che sarebbero diventati i nuovi Messi e Ronaldo padronissimo di crederlo ma non penso che neanche tu sei così coglione. Il processo è talmente farsa che una società è stata condannata (il giudice ha visto i documenti e li ha ritenuti idonei per la condanna – il Cesena ha patteggiato, cioè ammesso la colpa, non è che abbia rinunciato a difendersi) e per l’altra,nonostante l’errore procedurale, si è istituito un nuovo processo… ascolta me, spera che qualche porporato intervenga per far arrivare la prescrizione…

                    • Karoot scrive:

                      Quali tramacci?!? Processi in corso?!? Be direi di sì… Il primo tramaccio è la vendita del marchio a 30 milioni di euro a una stessa società del gruppo… A proposito di giochini… E quello non si chiama plusvalenza fittizia?!? Be direi di sì… Il secondo ancora deve spiegare come mai dal lussemburgo non piovono più soldi per il Verona e terzo c’è un indagine della guardia di finanza sulla questione Volpi in cui è tirata dentro anche Setti e il Verona… Te lo sei dimenticato?!? Memoria corta direi… Il fatto che due squadre si scambino i giocatori al prezzo che vogliono Non è vietato.. Lo ha fatto la Roma e l’Inter neanche un mese fa nello scambio Santon Nainggolan… Hanno inserito un ragazzino che non ha mai giocato in Serie C ad un valore di 8 milioni… Allora dovrebbero accusare anche loro secondo tale logica… E invece no… Perché evidente che si può fare… Quindi siamo di nuovo punto e a capo, o indaghi tutta la serie A e B o evita figura di merda del genere… Il Cesena non ha patteggiato cmq… Il Cesena è fallita… Non si è manco presentata… Ben diverso.. Dati 15 punti di penalizzazione e poi tolti.. Na buffonata… Spera che al Chievo lo diano qlc perché vedi poi che richieste di risarcimento danni per immagine partono

                      • Karoot scrive:

                        Ahahah a… Ci sn regole per stimare un marchio?!?!? Senti vai a farti una Laura in economia come ho fatto io prima di parlare per un cavolo… Inanzitutto se tu vendi u marchio a una società del tuo stesso gruppo senza spostamento di denaro vuol dire che hai fatto solo una pura e semplice scrittura contabile… Quindi prassi comune o no di fittizio c’è quanto basta… Secondo visto che parli tanto per non sai che il primo processo è stato annullato perché Campedelli voleva farsi sentire dalla Figc e questa gli ha negato l’udienza… Pensa un po quanto lui volesse scappare dal processo…. Che poi alla seconda richiesta di processo li abbia mandati a fan c… Con un certificato medico ha fatto solo che bene visto la pagliacciata che hanno messo su.Rimane poi cmq il fatto che quello che ti dice la Figc deve dimostrarlo cosa ancora non è avvenuta anzi… L’ultima perizia che hanno fatto davano l’idea di non sapere nemmeno la differenza tra un costo e un ricavo ..pensa al tuo di presidente che andava a chiedere l’elemosina in giro va…dopo le figure di m.. Che avete fatto in questi anni avete ancora il coraggio di parlare?! È meglio che te ne stai bello chieto e pensi ai cavoli di casa tua che ne hai già abbastanza e non parlare tu di cose che non sai.. Come ha già ampiamente dimostrato..

                      • Fetente Gialloblù scrive:

                        Talmente evidente che il tuo presidente dalle grandi orecchie sta facendo di tutto per evitare il processo. La vendita del marchio all’interno dello stesso gruppo societario è prassi comunissima. E comunque ci sono regole precise per stimare il valore del marchio per cui di fittizio non c’è nulla. Fai il favore, non parlare di cose che non conosci così fai più bella figura…

                1. andrea scrive:

                  fetente
                  se non lo hai capito ancora le plusvalenze possono essere genetate iin diversi modi ma tutti perseguibili..amche spostare denari senza vendite ginfiate di giocatori le genera…ma forse e troppo dura da calire x il tuo cervello..la faccennda chievo per me si risolvera in niente..una multa e via..non e la proma volta che la fgc si pronuncia totalmente contro la procura federale..e successi tempo fa con parma novara brescia…risolto tutto in niente..quindi stai parlando x niente..

                  1. IL SAGGIO DICE scrive:

                    Che poi le organizzazioni all’ americana sono una rottura di palle infinita. Mille divisioni in conferences, le stesse squadre che si incontrano piú volte nel campionato ( anche tre) , classifiche di conference e play off infiniti concepiti esclusivamente per le pay tv. E niente retrocessioni a dare un po’ di senso alle sfide tra le piú scarse. In pratica si diverte solamente chi tifa per una big o una medio alta.

                    • MAURO MICHELONI scrive:

                      Non ho detto che il sistema americano sia esportabile in toto. Le tante conference sono necessarie a circoscrivere i tornei a determinati stati o aree del paese. Te li vedi i costi di una newyorkese che va a giocare in campionato a Los Angeles?

                      • Fetente Gialloblù scrive:

                        Penso che il modello americano senza retrocessioni non sia replicabile in Italia. Sia per interesse del pubblico (chi andrebbe a vedere una squadra ultima n classifica se non ci fosse la lotta per la salvezza) sia per cultura sportiva (già adesso vedi partite a senso unico tra squadre che lottano per un obiettivo e altre che non lo hanno più – senza lo spauracchio della retrocessione sarebbe ancora peggio).

                        • MAURO MICHELONI scrive:

                          Per modello americano intendo solo l’obbligo di garantire strutture sportive di proprietà,
                          Minimo garantito di abbonamenti e seguito sulle pay per view. Non parlo del sistema dei campionati ma delle condizioni per parteciparvi.

                    1. andrea scrive:

                      fetente
                      se tu vieni qui a scrivere inesattezze la bruta figuraa la fai tu di certo..sei tu che devi dicumentarti..la vistra mania di dire che uno e del ceo se con testa affermazioni sbagliate e veramente cronica..il tuo presidente con la cessione del marchio ha generato grosse plusvalenze ed ha avuto un procedimento del gdf x affermazioni di fiorani intercettate al cell..in piu non sarebbero 5 ml che ha nel contenzioso a genova con il presidente dello spezia ma almeno 11 a quello che si dice..il procedimento va avanti comunque..e deve sistemare il contenzioso bentegodi col comune..quindi non parlare di copia incolla proprio tu che ne sei maestro..le to casade va a spararle altrove e studia che no te se un caso!!

                      • Fetente Gialloblù scrive:

                        Io scrivo quel cazzo che voglio tutte le volte che voglio. Se non ti va di leggerle saltami come faccio io con te il più delle volte. Voglio scrivere delle plusvalenze del Chievo? Lo scrivo senza bisogno del tuo permesso. Tu mi rispondi che anche Setti ha dei problemi giudiziari? Porta pazienza ma non c’entra un cazzo. La differenza tra un’operazione contabile tra due società dello stesso gruppo ed uno scambio a valori (presumibilmente) fittizi tra due soggetti distinti non provo neanche a spiegarlo a te o al tuo amico Karoot (o Fungitossico o Nome e Cognome). Come diceva mio nonno “a lavar la testa a un musso si spreca tempo e sapone”. L’unica cosa che mi consola è che quando comincerà il campionato non potrai più scrivere le tue cazzate.

                      1. andrea scrive:

                        per Fetentone Massimo r
                        io che sono dell hellas caro fetentone posso dirti che hai rotto le palle con questa storia del chievo. A parte che sono due mesi che continui ma in italia c e ancora la presunzione di innocenza e quindi sara la giustizia sportiva a giudicare il chievo non tu, deto questo sei un ignorante e karoot ha ragione. El strassar del to presidente nel 2012 passo quote da hv7 alla hellas management con la vendita del marchio verona generando GENEROSE PLUSVALENZE. Nel 2015 il club e controllato al 100% da hv7 che finanzia la squadra con un prestito di 14 ml in parte restituito al tasso del 6%. Hv7 si e indebitata a sua volta al 5.5% con la controllante lussemburghese Falco Investment. E la falco ha raccolto soldi piazzando un prestito obbligazionario da 20 ml ( il vero polmone finanziario dell operazione verona) a ignoti sottoscrittori. Sopra la Falco c e un altra holding, la seven e in cima alla catena una fiduciaria la Argos, che copre qualcuno..Se setti e il proprietario secondo te xche tutto questo giro??? quindi e appurato che anche l hellas ha generato plusvalenze come quasi tutte le societa di a..quindi invece di farci fare brutte figure perche sei un coglione e meglio che studi tu..e adesdo basta che hai scassato la min..ia.

                        • Fetente Gialloblù scrive:

                          Te l’ho già scritto. Non leggermi e risolvi il problema. Vai a vedere Ronaldo sabato con i tuoi amicheti della diga e non rompermi più il cazzo grazie. Comunque mi complimento, rispetto ai primi post che scrivevi adesso hai pure imparato a fare copia e incolla. Il prossimo passo sarebbe capire cosa si copia ma mi sa che ti ci vuole ancora del tempo.

                          • Karoot scrive:

                            Noi andiamo a vedere Ronaldo… Te con la tua squadra onoraria e centenaria te ne vai ad Ascoli… O meglio ancora a Crotone dai vostri amici… Che tra voi e loro non si sa che ha fatto più figure di m nel parlare del Chievo…

                            • Fetente Gialloblù scrive:

                              Sei Andrea che rispondi per lui?

                              • Karoot scrive:

                                A te ti rispondo a prescindere perché di cavolate ne hai dette anche troppe.. Non siamo proprio così pochi come pensate… Visto che qlc dice che il calcio si evolve… Si evolve anche in questo

                        1. RH scrive:

                          A a 16 squadre, o a 18 se con 4 retrocessioni. B a 20, 4 su e 5 giù. Uniformità di regole di tesseramento tra le leghe, obblighi di quote di italianità e non di età tra i giocatori (18 over e infiniti under23 di fatto significa non mettere obblighi) con bonus reali e consistenti per i settori giovanili proporzionali al numero presenze in A e nelle nazionali dei frutti del vivaio. Bonus anche alle bandiere, E soprattutto, diritti tv molto più equi e da destinare a tutto il movimento. Limite massimo per il numero dei presiti gratuiti e limite massimo dei tesserati. Limite minimo e massimo di stipendi, dei giocatori, controlli più severi su bilanci e flussi di scommesse, promozioni e retrocessioni anche per la classe arbitrale sulla base del numero di errori fatti. Più libertà di espressione dei tifosi e molto più peso alle presenze allo stadio rispetto alle quote abbonamenti alle paytv.
                          È difficile? Sì, per tutte quelle miriadi di associazioni di calciatori, arbitri, allenatori e così via, perché a b e c sono leghe diverse anche xalla figc, e tanti -troppi- interessi sotto.
                          Più unica che rara l’opportunità del commissariamento. Bene che siano 19 le squadre. Il prossimo passo è radiare dal calcio il ceo per ristabilire il numero pari di squadre tra a e b senza scontentare nessuno

                          1. die980 scrive:

                            Ciao,
                            leggendo i post dei tifosi, non solo qui dal buon Micheloni, sto notando uno strano trend che sicuramente non porterà nulla di buono. Sta passando il concetto che “a prescindere se una cosa è giusta o sbagliata, il fatto che la facciano in tanti allora va bene”. Se il nostro fosse ancora un paese mediamente intelligente dovrebbe rabbrividire di fronte ad affermazioni come questa. Tutti magheggiano con plusvalenze fittizie e quindi è normale farlo….tanti campionati europei prevedono il paracadute e quindi è normale averlo (e di conseguenza, nonostante 20 mln in più degli altri, si parte tutti alla pari), i pareggini 0-0 tra squadre pericolanti sono scontati e quindi non ci si deve sorprendere se accadono di continuo. Beh…credo siano grandissime stronz**e. Siamo sempre più alla ricerca di alibi; si guarda altrove, nel marcio degli altri, per giustificare il nostro. Ma dove ca**o siamo finiti? La dignità, questa sconosciuta.

                            Diego

                            1. andrea scrive:

                              CARO MICHELONI
                              credo che quello che hai scritto sia totalmente antisportivo..ti credevo un attimo piu coerente ma secondo me hai scritto un sacco di inesattezze. Tu lo sai i diritti di sky chi li paga? la gente caro mio..li paga quello di brescia come padova venezia ferrara e via discorrendo..e quindi se io sono della spal x dire e vinco il campionato di b secondo il tuo ragionamento faccio una squadra schifosa e sicura di retrocedere solo per mettermi via soldi???forse avere davanti el to presidente strassar ti ha dato alla testa..e cosi tu faresti una serie a quasi blindata x dire e una piccola che merita sul campo la massima serie non puo xche non ha blasone o abbonati??? allora il genoa l anno scorso e stato perennemente in zona retricessione senza spendere una lira..forse non e il genoa che si e approfittato e non la spal??? la spal questanno prendera 35 ml di euro circa quindi gli conviene stare in a..altra osservazione..secondo te non e che conviene dividere in 18 alle grandi lasciando fuori quelle deginite fascia b? allora il chievo non esisterebbe piu x dire..caro micheloni sono capave anche io come l inter di comprare pur avendo 70 ml di debiti e la covisoc gli da lo stesso l autorizzazione..truffa su truffa..CARO MICHELONI IL CALCIO SARA SEMPRE BELLO SE ANCHE IL PESCANTINA O LA VIRTUS POSSONO ASPIRARE NEI LORO SOGNI ALLA A…E FATTO DI GENTE CHE HA PASSIONE E IO LO SO AVENDO GIOCATO PARECCHI ANNI..VISTO COME LO VEDI TU SAREBBE GIA MORTO IN ANTICIPO PEERCHE MORIREBBE LA PASSIONE DELLA GENTE

                              • MAURO MICHELONI scrive:

                                Caro Andrea, la tua visione del calcio è molto romantica senza dubbio ma totalmente anacronistica. Detto che il sistema calcio italiano fa schifo (il caso Chievo per come è stato gestito ne è un esempio), dovresti vedere la cosa per come dovrebbe essere ma in Italia non è.
                                Se tutte le squadre professionistiche dovessero infatti possedere uno stadio di proprietà omologato alla categoria (cosa normale in quasi tutta Europa oramai), dovessero garantire un numero minimo di spettatori (e quindi di abbonati) e rispettare un numero minimo di seguito televisivo (visto che prendono milioni dalle tv), è inevitabile che determinate realtà che hanno raggiunto la Serie A sul campo con tali criteri non vi sarebbero mai arrivate.
                                Se ragiono da sportivo dico che chi merita ha tutti i diritti del mondo, se la vedo pensando a cos’è il calcio oggi dico che una società che ogni anno regala abbonamenti pur di arrivare al minimo richiesto dalla Lega per beneficiare dei diritti tv (5000 tessere)., può aver meritato sul campo quel che si vuole ma per il calcio è la rovina. Stadi pieni solo con le 4-5 big e semivuoti contro tutte le altre non possono essere una costante. IL CALCIO NON SONO 11 GIOCATORI CHE SCENDONO IN CAMPO MA IL SEGUITO DI TIFOSI CHE NE ACCOMPAGNANO LE GESTA E INSIEME NE SCRIVONO LA STORIA, NEL BENE COME NEL MALE. Tu pensi che Inter-Virtuscomp sia un bene, io la fine del calcio. Questione di punti di vista.

                                • Karoot scrive:

                                  Certo… Il caso Chievo gestito dalla Procura!! Perché na farsa di processo del genere non si mai visto… Stessa cosa gestita con il Cesena… Da ridere proprio… Prima – 15 punti perché non si sn presentati al processo perché falliti è poi tolti… Na pagliacciata… Poi se era vero che gli ultimi 4 bilanci erano contestati come mai si sn svegliati solo ora… Forse perché fatalità proprio quest’anno essendoci salvati con pochi punti di margine dare una penalità ci avrebbe portato in serie B mentre gli altri anni no?!? Ma guarda che straaaano…. Micheloni… Se la serie A fosse gestita come Campedelli gestisce il Chievo (è non come Setti gestisce il Verona) di leghe e super leghe non c’è ne sarebbero bisogno… Ricordo che una decina di anni fa eravamo il campionato più bello del mondo… E non c’erano leghe e super leghe…

                              1. altolago scrive:

                                Nota di servizio ai tifosi Hellas (gialloblu no ase pol dirlo visto che i na ciavà i colori oltreche el resto):
                                Questo lè un blog de un tifoso HELLAS par i tifosi dell’HELLAS.
                                Db la finio de rispondarghe a dei dementi che vien qua a rompar i maroni parchè sui so blog no scrivi nessuno?.
                                Sa ca..sso me ne frega a mi e a tanti altri de cosa i pensa e i scrivi sti rompic.oioni qua!!!
                                Lassè che i scriva e salteli via; gavemo miga sa abastansa problemi nostri da discutar e ragionar, sensa bisogno de narghe drio ale so seghe mentali?
                                Basta pd. Se volì ragionar de cassade con lori andè sul sito dei tristi.
                                Ps. L’unico che lè autorisà a vegnar qua a rompar lè la scrofa che oramai qua la fa da tapeseria e che la ghe sta da par tuto come la m.erda nel wc.
                                Dopo basta.

                                1. Massimo R. scrive:

                                  Per scaletta: io invece penso che Karoot sia proprio un coglione.

                                  • Fetente Gialloblù scrive:

                                    Io penso che tu abbia gran ragione. Secondo te Karoot e Fungitossico sono la stessa persona oppure sono due (che sarebbe giusto visto che di solito i coglioni viaggiano in coppia)…

                                    • Karoot scrive:

                                      Ma quanto voi due messi insieme.. Che date aria alla bocca tanto per…ma d’altronde capisco Setterello che abbia avuto la furbizia di scegliere la società giusta e farsi i suoi porci comodi visto il quoziente intellettivo che dimostrate…

                                  1. andrea scrive:

                                    CARO MICHELONI
                                    se tu per anacronismo intendi che io non sono modetno perche oggi si viaggia solo a diritti tv allora si puoi dirmelo e sono anche contento di esserlo. A parte che non ho ancora visto una neopromossa non beneficiare finora dei diritti tv e che ripeto tu non puoi fare campionati chiusi solo alle cosiddette blasonate perche sarebbe la morte del tifo e del calcio..ti posso dire che invece sono moderno perche posso sognare un iuve virtus vecomp che nel frattempo come il chievo metti che si sarebbe attrezzata..stadi di proprieta al momento ne vedo pochi anche in a comunque..il calcio e fatto da tutte le componenti in primo luogo chi ci gioca..se no manda in campo la curva..e per avvalorare le tue tesi di b a 19 squadre molto probabile sia proclamato uno sciopero dei calciatori per riportare la b a 22 coi ripescaggi..cosa che mi auguro anche io..e …sempre x avvalorare le rue tesi piu soldi in a alle piccole societa..anche il parma ha blasone ma e una piccola..va a vederti chi sta prendendo..jervinho su tutti..il tuo calcio vuole i ricchi piu ricchi e i poveri nel limbo..ma sono io il romantico..

                                    1. Cinghiale Bianco scrive:

                                      Karoot, diciamo che il padrone di casa sa cosa stuzzica l'interesse del proprio pubblico. Tutto calcolato. Molti commenti, molte visualizzazioni…

                                      • MAURO MICHELONI scrive:

                                        È qui che sbagli. Sono le tue (e di altri) provocazioni che accendono scontri da tastiera di cui onestamente ne farei a meno, trovandoli noiosi e inutili al confronto dialettico sul tema del post.

                                      1. Lona scrive:

                                        Ridi ridi porzelo ciaro,.. Aspetta che riva le penalizzazioni che dopo rido fin a Nadal.

                                        • Karoot scrive:

                                          Vedrai come rido io se arriva la Gdf da voi… Risate a crepa pelle…. Aggiungo pure quelle che mi sn fatto quest’anno :-)

                                        1. andrea scrive:

                                          ale 75
                                          da quest anno i profitti sono gia da noi distribuiti in modo piu equo perche ci saranno piu soldi per le piccole proprio per cercare di riequilibrare in po i valori..e comunque qui siamo in italia non in america e gia qui ho detto tutto..e il concetto di antisportivita legato solo al ragionamento economico che x me è errato..e ti ricordo che parliamo di chievo ma coi conti a posto in a ci sono solo iuve napoli e atalanta…il resto non dovrebbero neanche iscriverli

                                          1. Alex scrive:

                                            Tutto sto giro de parole per dire quanto ti rode che ilCHIEVOVERONA sia in A e il tuo hellas alle asse in b ha ha

                                            1. Francesco scrive:

                                              Si potrebbe adottare il metodo americano per una lega europea.
                                              Per i nazionali la vedo dura.

                                              1. Ale75 scrive:

                                                Sono pienamente d’accordo, il metodo all’americana inoltre divide i profitti in modo più equo ( es. se vendo una maglietta, una parte del ricavato va anche a tutte le altre) così facendo si avrebbe un campionato più equilibrato e avvincente, non solo 2/3 squadre forti e il resto a conterresti gli avanzi

                                                1. andrea scrive:

                                                  E UN ALTRA ROBA TE DIGO
                                                  se fossi io a decidere tornerei ai nemeri di una volta quando il calcio podea capirlo anche chi lo vedeva per la prima volta…1 el portier 2 e 3 i terzini 9 el centravanti..I NUMERI GIUSTI ALTRO CHE 38 0 47 O 29…MA COSA SEMO ..ALLA TOMBOLA ??? UNA VOLTA ERA TUTTO MIGLIORE…TUTTO…E ADESDO E CAMBIATO IN PEGGIO..CHI GIA RUBAVA ADESSO RUBA DI PIU…COL 93 SULLA SCHENA!!!

                                                  1. Cinghiale Bianco scrive:

                                                    ahahah!! ma quanto ti brucia che esista sto Chievo Micheloni! Sempre noi vostri pensieri!! Buon campionato!!

                                                    1. Massimo R. scrive:

                                                      Non ho capito perché i piccoli fans di nessuno intervengono….

                                                      • Karoot scrive:

                                                        Perché siete sempre voi a tirarci in ballo… Ovviamente con argomentazioni alquanto discutibili…. Ma non mi stupisco se qualcuno sia stato querelato dalla stessa sua parte…

                                                      1. altolago scrive:

                                                        Sono purtroppo costretto ad essere pienamente d’accordo con Il Saggio.
                                                        Se questo è il calcio del domani, la serie A non andrà fatta a 18 squadre ma a 12 o 10.
                                                        Se il calcio deve diventare affari e affari per le Tv allora in culo il calcio del domani.
                                                        Ma se il calcio è diventato nel tempo lo sport più importante e popolare è perchè il calcio ha sempre permesso nel passato il diritto alla più debole di diventare, seppur per un attimo, la più forte. Proprio noi Verona ne siamo l’esempio.
                                                        E la gente che frequentava gli stadi 30 anni fa era molta ma molta di più di quella che invece sempre meno frequenta gli stadi oggi.
                                                        Si vuole questo? Si vogliono 10 e più setti padroni degli affari e dei soldi da utilizzare a proprio piacere?
                                                        Semmai la vera domanda è: ma può il calcio tornare ad essere sport di popolo e non schiavo delle televisioni o dei fondi di investimento?

                                                        • IL SAGGIO DICE scrive:

                                                          Il problema non sono le squadre in basso scarse. Sono quelle in alto troppo forti. Le squadre di bassa classifica rappresentano piú il vecchio calcio rispetto a quelle di alta classifica. Una volta la Juve vinceva perché aveva il presidente ricco, 20000 persone allo stadio . Oggi ha : presidente ricco, 150 milioni di diritti tv, persone che riempiono tutti gli stadi quando gioca in trasferta e ricordo a tutti che una percentuale dell’ incasso totale va anche alla squadra in trasferta ( se non hanno modificato il regolamento e la cosa mi é sfuggita) , introiti maggiori da Champions League rispetto alla vecchia Coppa Campioni. Le neopromosse fanno quello che possono, ossia sopravvivere e mangiarsi tra di loro. Hanno fatto bene in Lega ad aumentare i premi promozione per le neopromosse e diminuire le entrate da pay tv per le big.

                                                        1. Karoot scrive:

                                                          Te lo spiego io perché è meglio il Chievo… Perché la storia non ti dà il diritto sul futuro!! Non conta ciò che ERI ma ciò che SEI… E siccome noi siamo quelli che diamo del filo da torcere a chiunque sul campo… E siamo quelli che da 17 anni siamo in serie A con un budget da miseria … E siccome siamo quelli che pur scomodi non riescono mai a farci fuori… Abbiamo il diritto di rimanere in A. D’altronde a proposito di spettacolo penosi ti ricordo che non siamo quelli che lo scorso anno sn arrivati a 24 punti. Prima di parlare di Chievo Spal Sassuolo ecc… Bisogna mettersi nelle condizioni per farlo. A proposito di Ronaldo… Ti ricordo che le partite iniziano 0-0. Parla pure della tua squadra come dell’Antico Impero Romano ma lascia ai presente fare la storia…

                                                          • Ciccio2 scrive:

                                                            Una cortesia: non parlare di complotti contro El ceo… avete più santi voi in paradiso di mezza A.

                                                            • Karoot scrive:

                                                              Ma quali santi… Na bufala di processo del genere non si è mai vista… Un processo sul niente.. Na procura che non sa come uscirene… Punti di penalizzazione dati al Cesena e poi tolti perché fallita da due settimane e non poteva presentarsi al processo… Ma dai iii… Plusvalenze che non esistono perché nessuno ha mai stabilito dei criteri oggettivi per tutti… Organi di controllo della stessa Figc che ha sempre approvato i bilanci del Chievo da una vita…. Mandria di buffoni altro che santi…

                                                          • bastian scrive:

                                                            quante cassade che t’è sparà piccolo fan..filo da torcere sul campo a tutti?ahahahahah si si sopratutto verso fine campionato vero?..quelli che pur scomodi non riescono a farvi fuori ahahahahahaha piu’ comodi de voialtri per la lega no credo ghe ne sia infatti vi hanno recentemente ricompensato mi risulta mentre il Cesena paga o no?…ai presente di fare la storia…e saresselo el ceo la storia presente? ma dai veramente sei serio??va il leto carota valà

                                                            • Karoot scrive:

                                                              Mai quante ne sparate voi dal 1985… Pensa un po’… E non parlare di cose che no sai… Qnd ti dicevo che il to mercante de pezze faceva il furbo dicevi le stesse cose… E poi si è visto… Dai sai su… Torna al cimitero mo umentale a venerare le reliqie della tua squadra va la… Spolverale bene va la…

                                                          1. IL SAGGIO DICE scrive:

                                                            Il fatto é che anche col campionato a 18 squadre ce n’ erano sempre due che facevano da materasso per le altre. Vatti a vedere le classifiche di tutti i passati campionati a 18 e poi in caso riparliamo del tutto.

                                                            • IL SAGGIO DICE scrive:

                                                              E soprattutto, se sfanculiamo i valori e ci sottomettiamo a chi del calcio fa un business, allora Setti é incontestabile. É un genio e noi muti, perché tanto é tutto un business .

                                                          Lascia un Commento

                                                          Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                          Accetto i termini sulla privacy

                                                          *