18
dic 2018
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 20 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.416

CARO INVIATO, SE NON SAI… ZITTO !

Nell’Italia delle incongruenze non poteva non entrare il giornale sportivo per eccellenza, la mitica Gazzetta dello Sport, la quale pur contando su un giornalista locale, Matteo Fontana, autore di gran parte degli articoli sui gialloblù, invia l’autorevole Nicola Binda per raccontare del posticipo interno con il Pescara.

Che c’è di male direte voi. Mandano chi gli pare. Giusto. Se lo mandano per scrivere della partita facciano come gli pare… ma se entra in ambiti che riguardano la contestazione a Setti, avesse almeno la decenza (o più semplicemente la professionalità) di informarsi prima e sapere di cosa sta parlando.

Scrivere infatti del successo sugli abruzzesi: “Soltanto una vittoria così avrebbe potuto smorzare la pesante contestazione di Verona”, significa non aver capito una mazza,  ignorare completamente gli antefatti che trovano radici non tanto nel campionato sin qui sottotono della compagine di Grosso, quanto in anni di mancata trasparenza, assenza totale di empatia, sfida costante alla tifoseria, introiti milionari a fronte di investimenti spesso insufficienti (per non dire ridicoli)  e inadeguati.

Certo una brutta prestazione o peggio una sconfitta avrebbe esasperato gli animi, ma sappia il gentile giornalista Binda che la contestazione andrà avanti eccome. Senza se e senza ma e a prescindere dai risultati sportivi.

I tifosi sono da sempre vicini alla squadra e, sciopero col Palermo a parte, hanno sempre sostenuto i giocatori (a patto di vederli lottare sul campo) e continueranno a farlo. Come continueranno a contestare il presidente sino a quando questi non lascerà Verona.

Scrive ancora su Grosso: “ ha zittito tutti perché la sua squadra ha vinto ancora”.

No gentile Binda… ha semplicemente fatto il suo dovere (visto il potenziale della squadra) dopo una serie di partite inguardabili, errori ed equivoci tecnico-tattici madornali (di cui egli per primo per certi versi ha preso atto). Nessuna rivincita quindi da parte di Grosso. Dawidowicz a centrocampo, Laribi interno, Zaccagni e Lee fuori per quasi tutto l’inizio stagione non lo hanno deciso certo i tifosi.

Nota positiva invece nell’articolo della Gazza, le due belle foto della contestazione della Sud a Setti,  anche se avremmo gradito molto di più veder pubblicata a suo tempo quella del Bentegodi deserto nel Black Friday col Palermo. (ma siamo certi che quando mai a farlo sarà una big le sarà riservata la prima di copertina)

E se ne faccia una ragione il gentile Signor Binda… nessuna vittoria e nessun obiettivo per quanto positivo fermerà la contestazione.

Ma d’altronde lui che ne sa di 45 milioni di paracadute incassati in due anni, 30 e rotti di diritti dalla A, delle decine di giocatori venduti che hanno portato decine di milioni nelle casse del Verona. Delle tante promesse non mantenute  anzi disattese. Dei progetti mai realizzati, e dell’attuale assenza di qualsiasi progetto. Che ne sa di due retrocessioni indegne (per come maturate) di campagne acquisti inesistenti, prepotenze, delle intimidazioni a suon di querele legali e provocazioni verbali ad un intera tifoseria, delle cause civili in atto tra società riconducibili al presidente del Verona e quello dello Spezia.

Già… che ne sa Binda di tutto questo? Un cazzo!

 

 

 

 

 

 

 

2.416 VISUALIZZAZIONI

20 risposte a “CARO INVIATO, SE NON SAI… ZITTO !”

Invia commento
  1. Cesare Settore Superiore scrive:

    Gian, credo che la mia memoria cominci a vacillare.
    Ritengo che te ghe reson, Mazzocchi ha fatto l’idiota ben prima dell’episodio manichino.
    Dato che no me lo ricordo proprio, seto dirme chi l’era l’aseno de giornalista RAI che gironzolava con tanto de fotoreporter in Curva all’epoca de l’arrivo de Ferrier? Erelo forse Bizzotto?
    Son sicuro che uno el ghera de sicuro, quel giorno dela partia con i tristi. E son anca certo che le’ dura’ assai poco, su nella zona “calda”…

    1. stefano 50/60 scrive:

      i giornalisti in generale, o quasi, ormai timbrano il cartellino, ricevono uno stipendio, son legati ad obiettivi che debbono raggiungere anche obtorto collo…..fanno insomma tutto tranne che il giornalismo che dovrebbe informarci…..paragonando ciò è come se ujn dottore nascondesse al paziente il male che lo affligge così la sanità non spende…….detto questo vedo che anche per altre figure l’ atteggiamento non è affatto dissimile da quello giornalistico appunto……ex gialloblù, da me e non solo osannati, che pur consapevoli della situazione del Verona attuale partecipano a cene pranzi vernisssge commemorazioni e tagli di nastro assortiti…..imprenditori, pedrollo padre per non far nomi, che affermano che se fossero nei panni del carpigiano mollerebbero il Verona chiudendo bottega…….politici che non dicono mezza parola che è mezza sull’ argomento pur vantando nei confronti della proprietà crediti risaputi e noti……per non parlare dei sbandierati progetti di centri sportivi il cui fallimento è addebitato appunto dalla proprietà alla classe politica locale……io sto aspettando civilmente di poter ritornare allo stadio, naturalmente per vincere pareggiare o perdere combattendo però e non vendendo i campionati, e in che categoria non m interessa, so per chi tifo del resto….purtroppo però siamo nell era della grande comunicazione che non comunica o comunica quel che vuole, una volta si chiamava ipocrisia, o più volgarmente ruffianeria leccaculo, adesso si chiama politically correct….in entrambi i casi e con entrambi i termini stiamo assistendo a una porcata che disonora la maglia del Verona…….la vergogna non è dei personaggi succitati, perchè la vergogna fa parte degli esseri umani e non dei pulcinella……..

      • Cesare Settore Superiore scrive:

        Scusa, come sarebbe a dire i giornalisti ormai timbrano solo il cartellino?
        Ormai?
        Mi me ne rocordo uno che el se limitava a timbrarlo nei primi anni ’90 in RAI. Umo bravissimo, che naturalmente ha fatto carriera leccando culi, timbrando cartellini e contando balle. Uno sopranominato 3M.
        Un certo marco merdaccia mazzocchi.
        Chissa’ mai che un giorno non el decida de torner lassu’ in zona Gioventu per intervistar gli autori del manichin negro impicca’.
        Lo stemo spetando da solo 26 anni!

        • stefano 50/60 scrive:

          me par Cesarone chel l abbia anca ciapade se ricordo ben…sempre massa poche ah….certo che te convegnarè con mi che sentir e vedar basettoni taelin e altri lè come vedar nà comedia in teron….

          • Cesare Settore Superiore scrive:

            No caro Stefano, el punto le’ proprio questo. La merdassa inviato RAI non l’ha toccado nessuno. Ma sicvome el fasea domande provocatorie in Curva, fu immediatamente e gentilmente invitato a togliersi dai coglioni, per non fare la fine del manichino.
            E lui, sto infido essere, ando’ all’infermeria afarsi curare e pubblicamente accuso’ i tifosi del Verona di biolenza nei contfronti della stampa. “Mi hanno picchiato” furono le sue luride affermazioni, mentre nessuno in realta’ gli aveva fatto nulla se non avvisarlo di andarsene in fretta.
            Ecco perche’ chi c’era non ha mai dimenticsto e non lo ha mai perdonato

            • gian scrive:

              Mi permetto in quanto ero presente…. L’episodio del “signor” mazzocchi non ha a che vedere con l’esposizione del manichino. Era un Verona-milan del 91 o 92 se non sbaglio. Era un delirio,un gruppo di milanisti ruppero il cordone della celere(se ne pentirono probabilmente) e piazzale olimpia si trasformò in un vero proprio campo di battaglia,con scontri corpo a corpo ovunque. Il mazzocchi che filmava e documentava fu non proprio gentilmente allontanato. Di certo il presentarsi in trasmissione ingessato e fasciato come una mummia è parso ridicolo e esagerato. Il fatto del manichino successe qualche anno dopo,96-97

            • stefano 50/60 scrive:

              pecà che nol l abbia ciapade alora Cesarone…

          • bruce scrive:

            Una decina di anni fa il buon Tavellin con l’Hellas impantanato in Lega Pro si era detto favorevole ad una fusione con i furbetti del quartierino, questo dà l’idea su che razza di opportunisti gestiscono l’informazione a Verona e provincia che mi duole dirlo è abitata da molti benpensanti bacia banchi democristiani, che non prendono mai posizione su nulla in modo da poter avere sempre ragione e dire l’avevo detto. Se questi codardi non vogliono fare il proprio mestiere o dovrei chiamarlo lavoro sporco lo dobbiamo fare noi in ogni modo possibile.

      1. ciccio2 scrive:

        si fa fatica a prendere informazioni… moltissimi fan così… un misto di incompetenza e supponenza di saper già tutto. Restano in superficie perché hanno a che fare con gente superficiale…cosa gli interessa?! Mi pare che non solo nello sport sia così

        1. EvoDevo scrive:

          Senza tirare in ballo un quotidiano come la Gazzetta basta vedere i “giornalisti” locali come hanno gestito questa cosa. Lunedì scorso ascoltando le domande a Grosso in sala stampa mi sono vergognato io per loro….

          1. Adami Alberto scrive:

            …..grande….

            1. Bruno scrive:

              Caro Mauro, non riesco ad arrabbiarmi con uno come Binda che osserva la situazione da fuori e inevitabilmente finisce per semplificarla e banalizzare la contestazione.
              Sono molto più scandalizzato per le leccate di sedere in conferenza stampa (“con questi tre a centrocampo vai in serie A”) e per la pervicace cecità di gente che dovrebbe difendere un patrimonio identitario della città.

              1. Davide scrive:

                GRANDE MAURO!!! IO FACCIO QUADRATO perché IO appartengo all’Hellas!!! /=\

                1. 7748 scrive:

                  Non mi meraviglio di Binda più di tanto, considerando che anche il Netagradele di oggi in un paio di articoli diversi spiega la contestazione come conseguenza dei risultati deludenti. :-(

                  1. Parmenide scrive:

                    Sono pronto a scommettere ( senso figurato) che a gennaio qualche bella plusvalenza prenderà il volo! … Hahaha…

                    1. k scrive:

                      Caro Mauro,meglio un Binda qualunque di tutta la”redazione” di Hellas 1903.
                      Una legione di leccakooly come da molto non si vedeva,articoli vomitevoli sull’onda
                      Del giornale dei legionari di cristo meglio conosciuto come la renga.
                      Fa più’ male quello che scrivono giornalisti locali delle malefatte internazionali
                      Di quello che ieri sera e’ stato apostrofato come BUFFONE da quasi tutto il tempio

                      1. Roby scrive:

                        Mauro, Binda el conosse ben Setti, è stato il primo e in tempi non sopetti a sollevare dubbi sulla sua gestione (s’e’ beccato una querela se non sbaglio). Quindi conosce bene il personaggio. E’ che probabilmente non puo’ per ordini di scuderia, uscire dal seminato di una normale cronaca della partita, essendo li’ per quello.

                        1. hellaS 8 scrive:

                          Grande parole sante sei mitico

                          1. pinkhellas scrive:

                            Ha ha ha ha che bel articolo!!! El me sta sulle balle anca a mi, nonostante sia donna, ghe sempre quelle dei oci…. Grande Mauro, non sa un Cazzo!!!! Basta guardate chi c'è ormai in sala stampa, si capisce tutto!!! Solo leccaculi!!!!

                          Lascia un Commento

                          Accetto i termini e condizioni del servizio

                          Accetto i termini sulla privacy

                          *