27
feb 2019
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 20 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.404

105

Stadio Via del Mare, Lecce… ore 20,40

Arrivo in compagnia di mio figlio e un caro amico di Verona.

Dentro I 105 tifosi dell’Hellas Verona, quasi tutti partiti, chi nella notte, chi alle 4,30 del mattino… chi in macchina e chi in pullman (solo 6 in aereo). 14/16 ore di viaggio lungo lo Stivale sino al Tacco d’Italia per sostenere la propria squadra del cuore. Mi sento in colpa, io che c’ho messo solo 10 minuti per arrivare.

Aspettavo da tempo questa partita, vivendo parte dell’anno in Salento, era l’occasione per rivedere il mio Verona e respirare il tifo unico dei Butei.

Qualche coro e vari sfottò di riscaldamento e alle 21 inizia la partita e con essa un interminabile sequenza di canti e cori, incalzanti, incessanti, senza soluzione di continuità. Uno dopo l’altro, senza fermarsi mai, perché il Verona ha bisogno in ogni istante del sostegno dei Butei, e loro sono lì per questo, oltre la stanchezza, oltre la razio che imporrebbe di fronte a codesta indegna Società, di fottersene altamente, altro che 2000 km tra andata e ritorno in 24 ore.

Solito Verona, solita formazione inventata, solite trame complicate, soliti giocatori in campo dopo mesi di panchina e tanto per non smentirci, soliti calciatori fuori ruolo. È imbarazzante la capacità di Grosso di dimostrare ad ogni partita la sua totale incapacità. Ci vuole talento a sbagliarle tutte, sempre. Un pó come un tempo che fu, riuscire a fare zero al totocalcio. Non ci riuscivi mai. Grosso si!

Nello spicchio di stadio sferzato da un gelido vento di tramontana però si canta… si canta sempre.

Lecce in vantaggio (dopo due paratone di Silvestri). Tra i tifosi, non un gesto, non una parola per il gol subito. Si canta. Si canta e basta.

Secondo tempo: il Verona attacca dalla nostra parte. Grosso è stato espulso ma non se n’è accorto nessuno. Perché si canta e si incita. Sempre e senza un minuto di sosta. Anzi, se il tono delle 100 voci sempre più rauche , tende a calare poco poco, ci pensano i capi (per tutta la partita spalle al campo) a sferzare gli animi e far tornare lo spicchio gialloblù protagonista del tifo al Via del Mare.

Raddoppio del Lecce. Qualche moccolo qua e là ma si canta, come e più forte di prima.

Lezione di tifo alla curva leccese. Chapeau!

Sul prato verde però i nostri fanno pena. Non tirano mai da fuori (eppure a Spezia ha funzionato). Si perdono palloni a iosa. C’è tanta confusione e non ne esce nulla di buono. Ma si canta. Cazzo se si canta.

Quando in pieno recupero il forte vento devia il cross di Laribi (destinato sul fondo) all’incrocio della porta leccese, per l’unitile quanto “culoso” gol del 2-1, i 105 cuori gialloblù volano giù dai gradini per una goliardica gioia, dal sapore non amaro, amarissimo. Roba da matti vien da pensare.

Si da matti. Perché bisogna essere davvero matti per essere a Lecce di martedì sera, assistere all’ennesima partita del cazzo, e tornarsene immediatamente a casa nella notte con la rabbia dentro ma anche la consapevolezza di non aver nemmeno stavolta tradito i colori gialloblù. Il Verona è un essere colpito a morte  e tenuto in vita solo grazie al suo tifo.

È quasi mezzanotte. I pullman partono… arriveranno a Verona il mattino seguente, dopo una notte che potete bene immaginare.

105 persone, sono scese a Lecce, esempio dei tanti tifosi che ad ogni trasferta hanno scelto di tenere vivo il tifo ultrà dell’Hellas Verona. Ultimo baluardo di uno sfascio che giorno dopo giorno dilaga come un cancro nel cuore del tifo gialloblù.

Onore a loro. Uno per uno. Ringraziamoli.

Perché  Setti ha saputo distruggere la passione di tanti, ma statene certi, soccomberà sotto la fede di questi 105  Butei e di tutti i “veri“tifosi gialloblù.

“You’ll never walk alone”.

1.404 VISUALIZZAZIONI

20 risposte a “105”

Invia commento
  1. 7748 scrive:

    Articolo bellissimo.
    Meravigliosi quei 105 (+2).

    1. andrea scrive:

      schetch
      onestamente, parlar de balon quando la situazione è sempre uguale da due anni è arduo…la mia è una idea, possiamo lamentarci all infinito ma all icona della moda col paltò color boasa non gliene può fregare di meno….siamo solo noi tifosi, non fare conto su chi rappresenta verona sia il sindaco o qualsiasi altra persona

      • schetch scrive:

        Mi riferivo al sindaco…che è molto latitante sulla questione balon e situasion. Parla di stadio nuovo è come guardare il dito e non la luna…

      1. Skywalker scrive:

        Incredibili, meravigliosi

        1. schetch scrive:

          Na lagrimeta anca par mi. ONORE AI BUTEI!

          1. schetch scrive:

            Na lagrimeta anca par mi! ONORE AI BUTEI!

            1. andrea scrive:

              stefano 50/60 e tutti gli altri qui
              per quel che mi riguarda sempre onore ai butei e a chi va in trasferta a sostenere la squadra. DETTO QUESTO, SIAMO TUTTI QUI PER UN OBBIETTIVO COMUNE E CIOE MANDARE FUORIDAI COGL…IONI IL MAGLIARO PREDATORE. SECONDO ME, E SCUSATE SE SCRIVO IN MAIUSCOLO, MA TANTA É LA RABBIA CHE HO IN CORPO, NOI DOBBIAMO FARE QUADRATO!! LASEMO STAR TELEARENA, IE 4 TIFOSI DE QUEI DELA DAL PONTE CHE MAI I FARA GNENTE X NOIALTRI, ANZI, I SOSTIEN PALTO DA STATALE 11. SIAMO NOI CHE DOBBIAMO MUOVERCI. DOVREMMO CREARE UNA NOSTRA PIATTAFORMA, FARE UNA COOP COL CONTROLLO DI UNA BANCA E AVVIARE UN PROGETTO DI RACCOLTA FIRME DA FAR VALERE COL SINDACO, POSSIAMO COINVOLGERE QUALCHE IMPRENDITORE IN UN PROGETTO..STABILIRE DELLE QUOTE GARANTITE DA UNA BANCA E FARE UN AZIONARIATO POPOLARE..DOVREMMO ORGANIZZARCI VISTO CHE SIAMO IN TANTI..30000 PERSONE CON 200 EURO ALL ANNO SONO GIA 6 ML…SE RIESCI A COINVOLGERE CHE SO, MAZZI, CHE ORA RISPUNTA NELLE TRASMISSIONI DA QUANDO SI PARLA DI STADIO NUOVO, O UNA CORDATA CON L APPOGGIO DI NOI TIFOSI, E IL NOSTRO CONTROLLO SOPRATTUTTO, SI POTREBBE APRIRE UN CICLO NUOVO..SONO CONVINTO CHE TRA POCO LASCIA, HA 19 ML SUL GROPPONE

              • schetch scrive:

                Se ne era già parlato di questo. Fosse per me sarei anche d’accordo. Ma il sindaco e la giunta ganca na parola sula situasion… Dato che i parla de stadio se podaria parlar anca un po’ debalon… O no?

              1. Davide scrive:

                IO APPARTENGO ALL’HELLAS, IO FACCIO QUADRATO!!! Sempre onore ai Butei!!!

                1. bruce scrive:

                  Onore a chi nonostante tutto segue l’Hellas ovunque e comunque e onore a chi proprio non ce la fa perchè quando è troppo è troppo. A quei pochi che giustificano questo schifo adducendo il fatto che il mondo, lo sport e il calcio cambia vorrei dire che cambiamento non è sempre sinonimo di positività o qualità, preferisco un lesso con la pearà caldo e corroborante o un bel panino con il salame alla cucina molecolare, ma forse semo noantri che non capemo un casso….

                  1. stefano 50/60 scrive:

                    son due giorni di fila che telefono a che aria tira ( telerenga)….il primo ghera de pietro che la minimizà come de solito lè mè parole ( ho parlà de probabile nostra sparizion con stà proprietà laida)……ieri ghera olindo con el giornalista rosso de cavei e ì sà messo a ridar parchè lòri ì sà come lè la situassion( anca se i deve far finta de gnente)…..par quanto lè de taelin el belo lè che più caschemo ne la merda più lù el giustifica la merda umana e i sò discepoli……del resto se nò ì lo tien lì a dir troiade quel lì el morarea de fame parchè nol sarea gnan bon de catar su le ciche ai giardini……ho riso sardonicamente ieri alla notizia che l asta per il grandioso progetto del nuovo Bente, dove ghè quel de adesso, là tirà su el stesso numaro de imprenditori quanto vladimir luxuria fighe cioè zero…..ma de sicuro arivarà cappottino da cula specialmente se ì ghè paga tuto ì altri…..stavo appunto vedendo caro Mauro in tv quei butèi che nonostante el luamar in cui semo da anni seguono ed incitano la squadra ed i giocatori di cui, per inciso, qualcuno va incitato ma altri andrebbero appesi per gli alluci e par primo l’ ebete che ghè in panca ( a buon intenditor….)….il rispetto per loro, anche se io ho fatto una scelta diametralmente opposta, è TOTALE…a scanso de equivoci……in ogni caso verrà il momento in cui quel figuro simpatico come una lametta sul prepuzio se nè andrà fuori dai coglioni, io aspetto…….

                    1. moreno scrive:

                      tanto di cappello

                      Veronesi tuti mati

                      1. Gigi scrive:

                        Tutta coppa
                        dell ambiente ostile

                        1. Mattia scrive:

                          Ero presente a Lecce da Tokyo

                          1. andrea scrive:

                            Onore /=\

                            1. Papo scrive:

                              fino a che ci sono i vari tavellin che danno la colpa alle assenze e parano il sedere a questa società possiamo cantare per anni ma il muto da carpi fara' sempre i suoi porci comodi

                              1. Luca scrive:

                                CURVA SUD MARCHE

                                Gialloblu nostra unica fede
                                Resteran le Brigate a cantar!!

                                Mauro, un abbraccio !

                                1. hellaS 8 scrive:

                                  parole sante

                                  1. MarcoHVR scrive:

                                    Canta che ti passa la paura
                                    canta che la vita è meno dura
                                    canta starai meglio domattina
                                    canta che la meta è più vicina.
                                    Giorgio Gaber

                                    1. Gian Paolo Ranocchi scrive:

                                      Bravo. Gran bel post.

                                    Lascia un Commento

                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                    Accetto i termini sulla privacy

                                    *