15
mag 2019
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 14 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.616

ITALIA… PBF

Per  prima cosa voglio ringraziare il caro amico Cesare, che in un post di gruppo,  mi ha indirettamente suggerito titolo e oggetto del presente post.

In viaggio in Sudamerica egli stava infatti spiegando ad un appassionato di calcio del posto, il gran casino che sta investendo la nostra Serie B… e la risposta del tipo è stata un sorriso e tre lettere: RBF… acronimo di  REPUBLICA BANANERA DE FUTEBOL (quando si dice “capacità di sintesi”).

la Repubblica Calcistica delle Banane… e come dargli torto.

Ogni anno penalizzazioni a gogó, puntualmente riviste dalla giustizia sportiva a campionato in corso e il più delle volte sotto finale di campionato, con conseguenti modifiche dell’ultima ora alla classifica.

Retrocessioni a tavolino, con relativi ricorsi al TAR  e  tornei a squadre in numero dispari, con il ritorno dopo decenni al famigerato “turno di riposo”.

Una Covisoc che non scopre mai niente… e quando succede, il danno è già fatto e spesso letale.

Per non parlare della giustizia sportiva che ci mette mesi per indagare, mesi a decidere e quando lo fa, è sempre in finale di torneo, quando il campo ha emesso il proprio verdetto, ma soprattutto senza i tempi necessari a garantire un giudizio plurimo come previsto dalla nostra Costituzione.

“Nessuno è colpevole sino al terzo grado di giudizio” non sembra infatti valere per il mondo del calcio che, incapace di decidere in tempi brevi (in questo in perfetta linea con la Giistizia Ordinaria) applica le sanzioni emesse in primo grado e chi se ne fotte degli altri due.

I consueti proclami di cause milionarie a Lega & Co. non hanno tuttavia mai avuto seguito. Vi siete mai chiesti il perché? Perché il Palazzo è intoccabile e al di là di ogni ragionevole motivazione, diritto, o peggio, ingiustizia, non si discute, si accetta e basta. Sempre e comunque.

Perché stupirsi… il calcio e i suoi giochi di potere, di servilismo, di interessi economici milionari, di ipocrisie e subdola accettazione, altro non è che lo specchio di ciò che è diventata la nostra povera Italia… il PDB, il Paese delle Banane.

2.616 VISUALIZZAZIONI

14 risposte a “ITALIA… PBF”

Invia commento
  1. wallace scrive:

    sick boy
    preziosi no l e mia aseno, sturaro lo pagano in 4 anni e va insieme ad altre due operazioni, una su un giovane con diritto di riscatto e l altra su romero, dicono valutato non meno di 25. Fanno due plusvalenze, iuve e genoa. Sono affari caro mio come fanno tutti. Ma un conto e fare affari, l altro è perdere spudoratamente. Preziosi è una goccia nel mare, il nostro caro magliaro e peggio mille volte. ve ne accorgerete presto

    • Sick boy scrive:

      E chi ha detto il contrario su Setti? Ma non per questo vorrei mai uno come Preziosi a Verona..non alludevo ai 16 milioni di Sturaro come spesa folle,ma come movimento finanziario alquanto strano.Tutto manovrato dalla juve,sia chiaro. Se il Genoa dovesse retrocedere,stanne certo,l’anno prossimo non sarebbe in B, ma in qualche campionato molto inferiore.

    1. wallace scrive:

      bigoloto
      però guarda caso il genoa le lì x andar in b..cosa vuoi che sia preziosi.i poteri forti sono lotito il napoli la roma la rubentus..allora xche il var non ha dato il mani e rigore all atalanta??? li la partita cambiava..guarda caso adesso lotito gode..e non credo che preziosi voglia andare in b..il nostro invece vuole restarci

      • Sick boy scrive:

        Preziosi,quello che spende (?) 16 miioni per Sturaro e fa 4 punti in due partite con la Juve?! Dai vala’ che nel calcio sono tutti vittime,quando in realta’ tra i presidenti il piu’ pulito ha la rogna.Il calcio e’ marcio,e in questo paese sarebbe strano il contrario.

      1. wallace scrive:

        bigoloto
        vai a vederti cosa quotavano l x/1 ..era a 6.70..vuol dire che ghera tanti che dava il 2 dell empoli. E come mai secondo ti???

        1. wallace scrive:

          la federcalcio
          e la giustizia sportiva non sono autonome ma sono amministrate dai vari lotito de laurentis agnelli e compagnia cantante. La salernitana è quindi salva, così come la samp perde in casa con l empoli x mandare in b il genoa. Li non andranno ad indagare sulle scommesse anomale. Sono sempre piu convinto che il nostro caro mutandaro si sia messo sotto l ala protettiva degli agnelli, la sua paraculaggine non ha limiti

          • Bigoloto scrive:

            Wallace, non credo la sconfitta della Samp con l’Empoli sia fatta apposta per mandare in B il Genoa, anche perché della combriccola di cui hai parlato ne fa parte anche Preziosi..

            • RH scrive:

              Svegliaaaa, Preziosi due spanne sopra a setti, vuole così tanto il paracadute che paga le altre società per mandare in b il Genoa

          1. ciccio2 scrive:

            la cosa più comica è aver tolto i playout…perché? con quale diritto? l payoff si e playout no: perché? chi ha deciso? Con quali regole? E’ proprio un paese della mi.chia! fozza palemmo!!

            • 7748 scrive:

              Chi l’ha deciso? Erano in quattro e tra questi quattro, a rappresentare le società di serie B, c’erano i delegati di Perugia e Salernitana. Il fatto che i play off siano stati aperti al Perugia e che non si facciano i playout in cui doveva giocare la Salernitana è molto italico. Il Foggia, già beffato dai 3 gol del Venezia a Carpi, ringrazia.

            1. Federico scrive:

              PBF come nel titolo, RBF come ad inizio articolo o PDB come alla fine dell’articolo? :)

              1. hellaS 8 scrive:

                Grande Mauro scusa quale è la notizia nuova? ti ricordo che ci sarebbero molte società da far ripartire dai dilettanti ma tanto siamo o non siamo nel paese di PINOCCHIO

                1. pinkhellas scrive:

                  Io lo scrissi ancora tantissimo tempo fa… Calcio&politica di pari passo!!!!

                  1. Maxhellas scrive:

                    Qualche anno fa qualcuno cantava “il paese dei cachi”……………

                  Lascia un Commento

                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                  Accetto i termini sulla privacy

                  *