19
gen 2020
AUTORE micheloni
CATEGORIA

Uncategorized

COMMENTI 118 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.212

BOLOGNESE “ALLA JURIC”

Il Verona rognoso di Juric rende la vita difficile a tutti, ma quando non è il livello tecnico assolutamente superiore delle big a fare la differenza, il solo modo per mettere realmente in difficoltà i gialloblù è paradossalmente… “giocare alla Juric”.

È quello che ha fatto Sinisa Mihailovic col suo Bologna.  Pressing alto e asfissiante, raddoppi sugli uomini chiave (Veloso, Amrabat),  ritmo altissimo che li ha visti arrivare sempre per primi sul pallone.

Il gol del Bologna a dire il vero è l’ennesimo regalo (spizzicata di Di Carmine verso la propria porta ), ma gioco a parte, non si contano i tantissimi palloni persi e passaggi sbagliati dai nostri nella prima frazione… giusto è più che meritato in vantaggio dei rossoblù.

La superiorità numerica ha facilitato le cose al Verona che con Borini già in forma ha alzato la qualità e conquistato un meritato pareggio.

Senza uno Skorupski in versione “uomo ragno”, sarebbe potuta arrivate anche una vittoria, ma giusto così. Serve a capire che non possiamo decelerare, nè avere la testa altrove (Amrabat ha fatto più veroniche che affondi), nè far giocare l’avversario come dovremmo giocare noi.

Arriverà anche la fine del mercato e speriamo, qualche altro buon giocatore a dare valide alternative a Juric.

Intanto, in tribuna, Setti, “ociài grossi, bareta rossa fracà e sigaro in man”… p€nsa… p€nsa… p€nsa.

 

 

 

 

 

 

4.212 VISUALIZZAZIONI

118 risposte a “BOLOGNESE “ALLA JURIC””

Invia commento
  1. bruce scrive:

    Gli stessi discorsi riguardo al disinteresse degli imprenditori veronesi si facevano già ai tempi del barbabianca quindi nulla di nuovo. La tesi che vuole Verona razzista è un luogo comune ormai superato e il caso Balotelli ne è l’esempio perfetto, sbagliata è anche la tesi che “con il calcio non si guadagna”, gli esempi di Pastorello e Setti sono lì a testimoniare che non è così anche se a sentire loro sembrerebbe l’esatto contrario quindi che dire, godiamoci l’ottimo momento senza però farci troppe illusioni.

    • Martino scrive:

      Non parrebbe essere superato quel cliché su Verona. Basta vedere la macchina del fango che si è attivata quasi per riflesso condizionato dopo 5 minuti che il moro bresciano ha deliberatamente e indebitamente fermato il gioco. Aprì le danze dello sputtanamento la Gazzetta, seguita da tutte le altre testate di RCS, poi è stata la volta di GEDI Gruppo Editoriale con tutte le sue declinazioni. Prima della conclusione della partita Fox Sport, emittente della News Corporation di Rupert Murdoch, aveva già diramato ovunque nel globo terrestre la menzogna dei “cori razzisti contro Balotelli dagli ultras dell’Hellas Verona. Da quel momento e per le due settimane successive le principali emittenti televisive nazionali hanno stigmatizzato questi fantomatici cori razzisti attraverso i propri notiziari mentre le trasmissioni di approfondimento “”"politico”"”, di attualità e di costume andate in onda in prima serata hanno condotto morbosamente e affannosamente diverse inchieste sul fascismo radicato nella città di Giulietta e Romeo. Questa è l’amara verità.

      • Martino scrive:

        Meteghe anca che l’esimio bertoldo insediato a Palazzo Barbieri ha dato il suo assenso, anzi, il suo gradimento per intitolare una via ad Almirante proprio in questo momento molto delicato (manca pochissimo alla giornata della memoria, anche se ormai gennaio è diventato il mese della memoria). Ci diamo anche la scuria sugli zebedei. Appena si placa la solita polemica sterile sull’animo fascista di Verona, ci pensa sempre qualcuno in vista a riaccenderla.

        • bruce scrive:

          La polemica sarebbe placata se i fatti venissero analizzati con obbiettività, se poi la stampa specializzata preferisce vedere e sentire quello che vuole purtroppo non ci si può fare niente.

    1. bruce scrive:

      Martino, delle questioni economico-finanziarie non metto lingua e spero che chi di dovere se ne occupi anche si sa che nel belpaese tutto si risolve spesso a tarallucci e vino anche di fronte a fatti conclamati, per quanto riguarda l’ambito tecnico-sportivo invece posso dire la mia senza timori di smentite anche se ovviamente è giusto confrontarsi e il bello a volte stà nell’avere opinioni diverse. Dico la verità (come nell’epoca pastorelliana) pur essendo contento della posizione che occupiamo prefererirei avere un presidente diverso e invece come allora ci troviamo nella stessa situazione sperando che stavolta l’epilogo sia diverso. Rispetto a vent’anni fa abbiamo una Serie A di livello più basso, con più squadre e meno retrocessioni, in più i diritti tv (distribuiti comunque in modo iniquo) sono aumentati a dismisura per non parlare del paracadute per chi retrocede, questi sono i motivi per cui oggi siamo ancora qui.

      • Martino scrive:

        Con una società o una cordata di manager afferenti a svariate società radicate nel territorio (dico le prime che mi vengono in mente…Calzedonia, A.I.A., Bauli, Gruppo Volkswagen) l’Hellas Verona potrebbe tornare in un quinquennio ad essere il passatempo preferito (non la ragione di vita…quella lo sarà sempre per pochi) di tante persone quante se ne vedevano al Bente ai tempi dello scudetto, se non di più…Io da anni ho il sospetto che esista un disegno preordinato delle due principali leghe professionistiche di calcio per insediare nelle società storiche, che potrebbero contare su un consistente potenziale demografico, piccoli faccendieri compiacenti nei confronti dei grossi club che da anni spingono per il ridimensionamento dei tornei nazionali e contestualmente per la creazione delle famigerate Superleghe continentali. Vedi Setti o i presidenti delle genovesi…oppure la fine che hanno fatto tanti club del nord Italia negli ultimi 10/12 anni…Modena, Lanerossi, Pavia, Como, Piacenza, Triestina, Treviso…tutte realtà che, come noi, se fossero gestite dall’imprenditoria locale potrebbero dare fastidio. Nel 2021 riparte l’asta per i diritti tv…ne vedremo delle belle, adesso che Mediaset non può più fare ostruzionismo.

        • Martino scrive:

          P.s. Domanda…cos’hanno in comune i proprietari dei principali club di Serie A? Risposta: le mani in pasta in quella porzione di editoria, della pubblicistica e delle trasmissioni radiotelevisive che mantengono lo status quo e portano avanti il cosiddetto story telling.

          • Simone scrive:

            Le 8 principali squadre di serie A oggi sono Juventus, Milan, Inter, Roma, Lazio, Atalanta, Napoli e se vogliamo Torino. I rispettivi proprietari di queste società che hanno sicuramente le mani in pasta nell’editoria, della pubblicistica e nelle trasmissioni radiotelevisive sono 4 e sono gli Agnelli e Cairo a Torino, Friedkin (nuovo proprietario della Roma, che però viene dall’estero) e De Laurentiis a Napoli. Aggiungerei a questi 4 altri 2, cioè Commisso (anche se pure lui viene dall’estero) a Firenze, e in misura decisamente minore Ferrero a Genova sponda Sampdoria, finché dura. Qui la lista completa anche del resto dei proprietari e dei rispettivi campi in cui lavorano: https://www.foxsports.it/2019/06/13/serie-a-proprietari-20-squadre-campionato/

            • Simone scrive:

              Certo. Quindi non è tanto il fatto di esserci dentro per mestiere ma di volerci/poterci entrare. Cosa che probabilmente si può riuscire a fare solo se si ha un certo potere (Lotito) e si sono sviluppati col tempo certi agganci. Inoltre credo che in ogni caso un presidente di una grossa squadra abbia indipendentemente dal settore dove lavora una corsia preferenziale già aperta a livello mediatico. Anche semplicemente perché fa audience. Basta guardare anche solo tutte le trasmissioni di tv private che parlano di calcio a livello nazionale. Al 99 per cento senti parlare, con giornalisti di parte, di Juventus, Inter e Milan. Già Napoli, Roma e Lazio meno. A livello nazionale intendo. Poi che questo possa portare o assicurare risultati sul campo direi di no. Ma una certa protezione di sistema (tipo per non finire in malora come alcuni meriterebbero) probabile.

            • Martino scrive:

              Anche Lotito e Preziosi hanno le mani in pasta nell’industria mediatica. Assieme a Galliani formavano la famosa triade che, attraverso la società Infront, ha gestito le varie aste per la cessione dei diritti di trasmissione radiotelevisiva della Serie A per conto della Lega Calcio, decidendo poi in assemblea di Lega le regole della spartizione.

      1. fenomeno scrive:

        Ti faccio una domanda senza alcun intento polemico…questi imprenditori e queste cordate ipotetiche che citi tu dov’erano quando Martinelli chiedeva aiuto ed il Verona costava “quattro lire”?….tutto parte da lì..secondo te quanto impiegherebbero questi nomi a far sparire Setti se lo volessero?….ma a questi non è mai interessato e non interessa….felice di essere smentito…Setti è ciò che Verona ha saputo produrre non il contrario…

        • fenomeno scrive:

          Domanda per Martino…

          • Martino scrive:

            Ti rispondo con un estratto dell’intervista fatta a Magrini nel 2018.

            <>

            Alcune frange irriducibili del nostro tifo organizzato hanno contribuito a tenere distanti certi portatori di interessi fino a qualche anno fa. Oggi ormai gli ultras del Verona sono cambiati. Sono sempre caustici, ma hanno smesso fare atti e intonare cori sensazionalistici o di natura politica…ciò che non è cambiato è l’atteggiamento del circo mediatico nei confronti della nostra città. Aggiungiamo a ciò le ovvie difficoltà nel stringere accordi fra aziende, appartenenti anche a settori diversi, per creare una joint venture volta a restituire l’Hellas Verona agli antichi splendori, ma con qualche puntello in più per garantire solidità e stabilità indipendente da un paio di stagioni storte. I manager delle grosse aziende veronesi, alcune delle quali sono leader nel settore in cui operano, non hanno alcune entratura nei gangli del sistema mediatico, perciò probabilmente (dico io) temono di subire una vessazione continua che porti alla ribalta alcuni loro competitors…e qui si ritorna al discorso di partenza. Il controllo sull’informazione, quindi sulla pubblicità. Spero di essere stato esaustivo.

            • Martino scrive:

              Ecco lo stralcio dell’intervista a Magrini…non so perché non sia riuscito a incollarlo prima.

              “Lei comunque sembra smentire il cliché che nessuno a Verona è interessato all’Hellas…
              (Magrini fa una lunga pausa).

              Acquistare il Verona significa mettere delle regole anche a livello generale. Se tu vuoi essere attrattivo e vincere devi avere un pubblico che sappia cosa vuole la società. Vuol dire cambiare tante cose. Amare il Verona significa rispettarlo e se un tifoso rispetta la propria società deve avere anche determinate caratteristiche e non fare certe scivolate. I tifosi del Verona sono straordinari e anch’io da giovane in curva ho fatto le mie, ma oggi cadere di tanto in tanto su certe banalità non serve più a niente. E’ un passaggio fondamentale. Se vuoi vincere devi trainare investitori e sponsor anche di livello internazionale. Partendo dal centro sportivo Glaxo immagino una cittadella dello sport in zona stadio legata alla polisportiva che potrebbe poi creare una serie di attività di intrattenimento per il pubblico, attività che vadano oltre alla partita. Si potrebbe far vivere 18 ore al giorno quella zona. Il tifoso potrebbe aderire alla polisportiva e accedere alla cittadella dello sport quotidianamente. A Lisbona, al Benfica fanno così. Quello è il modello.”

              • fenomeno scrive:

                Dov’era quando Martinelli chiese aiuto alla città?…un’intervista la posso fare anch’io…poi però bisogna portare risultati non ciacole…

              • fenomeno scrive:

                Ma chi è Magrini?…quello della cordata del volley che non riesce ad andare oltre una posizione di metà classifica in un campionato dominato da metropoli quali Civitanova, Trento, Perugia e Modena?

        1. Simone scrive:

          Non c’è nessun dubbio sul fatto che anche al netto delle spese (in attesa del bilancio 2020) le plusvalenze che probabilmente andremo a piazzare a fine stagione, al di là che probabilmente saranno rateizzate saranno le più importanti della storia del Verona. Premesso che bisogna salvarsi ma siamo oggettivamente a buon punto, della squadra titolare do per sicuri partenti Rrahmani, ufficiale, e poi Amrabat e Kumbulla. Non considerando i soldi che si terranno per i passaggi i vari procuratori, solo con questi tre potremmo vedere sui 45 milioni di plusvalenze nette solo da questi tre. Poi più in su ti ritroverai a fine stagione e più dovresti incassare. Con un monte ingaggi tra i più bassi della categoria. Cosa mi aspetto date queste premesse? Le cessioni di qualche giocatore inutile che magari è stato dato in prestito altrove già quest’anno, Il riscatto o il tentativo di riscatto dei prestiti con opzione che hanno fatto bene (Verre, Pessina e Gunter in particolare) , dei rimpiazzi adeguati che hanno giocato in A o in qualche campionato europeo dei partenti, un’offerta congrua con programma chiaro a Juric e staff (poi se gli arriverà un’offerta irrinunciabile da altri lidi vedranno loro). A questo aggiungerei qualche altra operazione tipo il rinnovo del prestito di Salcedo, il rinnovo di Borini e se possibile un colpo davanti alla Zaza. Con un occhio sempre da tenere sul monte ingaggi ovviamente. Riuscissero a fare tutto questo, da parte mia nessuna lamentela.

          1. wallace scrive:

            bruce
            se almeno uno el fuse un minimo intelligente, no l andaria mia a dir che a mantova ghe serviria el centro sporivo e stadio ammodernato, oppure che questanno ha speso piu di due ml x la gestione del mantova stesso. Lo fa apposta, con lo stile sborone che lo contraddistingue, x ribadirti che fa e fara i suoi comodi, alla facciazza nostra. Certi atteggiamenti, certe dichiarazioni, potrebbe benissimo risparmiarsele. Non fanno altro che aumentare, x quelli come me che lo vorrebbero via da subito, la rabbia nei suoi confronti. Hanno parlato di piaca x un mese?? piaca va al cagliari, di marco non si sa se viene, quindi il tuo rinforzo di gennaio e borini. La squadra va, x adesso, vedremo a giugno se ti salvi, i rinforzi che arriveranno, xche tre quarti di squadra e smantellata. ..poteva aprire un ciclo buono, tenendosi una base solida e collaudata, e invece la difesa ti parte al completo, x me vende anche lazovic

            1. wallace scrive:

              tomhv
              penso comunque, al di la di tutto, che abbiamo portato anche il nostro contributo, nel nostro piccolo, utile anche a farsi un idea non solo delle prestazioni della squadre, ora buone, ma anche x chiarire cose della societa, che non e staccata dalla squadra. Nessuno vieta anche a te di scrivere, potevi farlo

              1. Martino scrive:

                Giustissimo quello che scrive NIKE ma nella pratica sono davvero pochi a dare un contributo e ad alimentare discussioni pacate e interessanti, inerenti esclusivamente all’aspetto sportivo del Verona. Posso dire ,senza tema di smentita, che il 100% delle mie considerazioni di carattere puramente sportivo/tecnico passa in cavalleria, viceversa le mie opinioni su calciomercato, stato patrimoniale e situazione finanziaria delle società che controllano l’Hellas Verona trovano nel 100% dei casi riscontri solleciti e a strettissimo giro da parte dei soliti 3/4 utenti (anni fa erano sempre almeno una dozzina) che oppongono opinioni contrarie. Simone è l’unico del partito “Mangiar questa minestra o saltar dalla finestra” (detto anche “Alora tolo ti el Verona”) che non ha mai trasceso in insulti e sarcasmo da due franchi, mentre tutti gli altri ciclicamente insorgono in difesa del presidente e dei sui collaboratori con i modi più sgangherati e scorretti, a cui trovo sensato rispondere con la stessa moneta al fine di ricacciarli nel Tartaro da dove emergono con prepotenza quando il dissenso e la disapprovazione verso il carpigiano si amplifica. Questo è il copione che segue la sezione commenti di questo sito dall’avvento del faccendiere. Sfido chiunque a contestare ciò che ho scritto.

                • Simone scrive:

                  Vedi Martino. Io ho sempre tentato di esprimere i miei concetti e di riportare le notizie con rispetto e per contribuire a capire meglio considerando il contributo di tutti (finché non passano il limite, in questo senso il pezzo che non avevo letto del sole 24 ore mi ha dato un ulteriore informazione utile). Fermo restando che attendiamo l’esito delle indagini, su Volpi l’ultima notizia è che “Dalle comunicazioni diffuse dalla Consob il 22 gennaio 2020 si apprende che dal 20 dicembre 2019 la quota detenuta da Gabriele Volpi in Banca Carige si è ridotta allo 0,665% dal precedente 9,087%.” Nel 2012 ha lasciato la presidenza – ma non la proprietà – della squadra di pallanuoto della Pro Recco (sulla cui gestione “La Pro Recco di Gabriele Volpi – secondo i giudici del fisco – non è una squadra di dilettanti ma di professionisti della pallanuoto e il patron ha pagato in nero i suoi super atleti. E ora deve versare al fisco quanto ha evaso. Nei giorni che lo vedono impegnato, assieme al suo braccio destro Gianpiero Fiorani, nella difficile operazione di salvare Carige). Nello Spezia sta gradualmente disinvestendo (https://www.google.it/amp/s/www.ilfoglio.it/sport/2019/11/24/news/l-amore-di-gabriele-volpi-per-lo-spezia-non-e-piu-lo-stesso-288449/amp/) e col Rjeka “ A metà dicembre si diffonde la notizia: il Rijeka ha un forte passivo di bilancio da risanare. Intanto da parte della proprietà si sono cominciati ad avvertire scricchiolii. Divenuti reali e tangibili in data 29 dicembre, quando un comunicato annuncia il cambio di proprietà. Social Sport cede a Teanna Limited. Di fatto Damir Miskovic la rileva, e ne rimane presidente. Lo era anche sotto Volpi, del quale è storico collaboratore. “Da quello che so erano già diversi mesi che Volpi stava tirando la corda, minacciando di lasciare la squadra se determinate condizioni fossero venute meno”. Quest’anno in compenso ha acquistato la società sarda de L’Arzachena, in serie D. Altre notizie utili sull’imprenditore ligure nigeriano: https://www.google.it/amp/s/it.businessinsider.com/carige-assemblea-settembre-autorizzazione-bankitalia-voto/amp/ , https://it.businessinsider.com/storia-di-volpi-il-miliardario-socio-di-carige-che-ha-fatto-fortuna-in-nigeria-e-ora-chiede-aiuto-a-fiorani/?refresh_ce . A me sembra il quadro di un uomo potente e a dir poco chiacchierato che da qualche anno sta disinvestendo su determinate attività. Ed è proprio per e in questo contesto che credo sarebbe interessante chiedere al diretto interessato se gli eventuali debiti che Setti ha nei suoi confronti voglia farseli pagare cash (e da lì capire eventualmente in che misura la faccenda riguarda il Verona e quanto Setti) oppure se la sua intenzione sia quella di voler entrare in società (cosa mai espressa dallo stesso che mi risulti) ed eventualmente a quanto ammontano le sue quote (non si dice il valore delle azioni rispetto alla totalità della società, quindi ad ora per quel che ne sappiamo non se ne può capire la rilevanza.)
                  Resta da vedere quindi se tutto ciò che è successo è lecito da parte di setti o no. E questo lo decideranno i giudici con le carte reali in mano.

                  • Martino scrive:

                    Ti ho sempre riconosciuto la pacatezza dei toni nonché la tendenza all’analisi critica e argomentata. Io, ad esempio, sono più aggressivo e caustico rispetto a te. Non è spiacevole discutere con te, tutt’altro. Guarda, sono anche disposto ad ammettere la probabile infondatezza delle accuse che saltuariamente ho rivolto nei tuoi confronti da un paio di settimane a questa parte. L’umanità è bella perché è varia: qualcuno è perseverante, didascalico e pedagogico come chi indossa l’abito talare, qualcun altro invece è manicheo, risoluto e perentorio come chi indossa la corazza . Ti chiedo solo la cortesia di essere un po’ più sintetico, per quanto ti sia possibile. L’eccessiva verbosità, la ridondanza, i sofismi portano a incomprensioni e battibecchi evitabili. Detto ciò e deposta l’ascia di guerra da me sguainata inutilmente, provo a ragionare con te sull’ipotesi delle due vie percorribili dal “nigeriano”, qualora dovesse avere la meglio nel contenzioso col vampiro bassopadano. Da quanto ho appreso, l’ineffabile carpigiano, dopo aver spostato le obbligazioni acquistate da Volpi per ben due volte, prima della scadenze delle stesse, fino a farle confluire in Star Ball (società che detiene anche la quota di maggioranza del Mantova), le avrebbe assorbite personalmente con un aumento di capitale. A te risulta? Perché, se le cose stessero così, probabilmente il nigeriano non avrebbe più la possibilità di esigere una conversione in azioni, ma solamente un risarcimento consistente nel valore delle obbligazioni al momento della sottoscrizione gravato ulteriormente dagli interessi maturati fino al termine del processo.

                1. Tomhv scrive:

                  Le anca vera wallace che il blog el ga un titolo e immancabilmente però se va a finir sempre sullo stesso argomento db ..

                  1. wallace scrive:

                    nike
                    guarda che nessuno ti proibisce di dire la tua, non e che se scambiamo opinioni io o simone, qua non deve scrivere nessuno. e neanche siete obbligati a leggere, sia chiaro

                    1. wallace scrive:

                      simone
                      altra cosa..si tratterebbe di chiedere a volpi cosa vuole???? ma tu scusami, vivi qui o sei sulla luna??? per cosa credi che abbia messo sotto sequestro hv7, perchè puo convertire le obbligazioni??? sono state spostate, hai capito??? SPOSTATE, e quindi in pratica questo diritto mi pare logico che non possa esercitarlo. Mi sembra elementare

                      • NIKE scrive:

                        Buongiorno ,ormai i blog di tggialloblù sono diventati conversazioni tra Simone Wallace e qualcun’altro.
                        A noi non interessano i vostri dibattiti ma l’Hellas Verona sarebbe opportuno inviarvi tra di voi mail

                      1. wallace scrive:

                        simone
                        visto che sei un millantatore, qui sotto c e la mia risposta al tuo conoscente gazzini. E stato lui a tirare fuori che io avevo detto..proni leccac..ulo, e tu naturalmente hai riportato quello che ha scritto lui, ma io non ho MAI usato questa espressione, se l e inventata il tuo amichetto x provocare uno che non la pensa come lui, tra l altro eliminando dei post miei. Quindi, NON TI PERMETTO DI DARE NOTIZIE FALSE SUL MIO CONTO, quello che ha scritto il tuo amico non corrisponde a quello che ho scritto io. RIPETO sei un mistificatore

                        • Simone scrive:

                          I problemi che hai avuto con Gazzini , che aveva tra l’altro cancellato alcuni tuoi post perché ritenuti offensivi (quindi quelli non sono più rintracciabili) non mi riguardano. Il discorso sulla cena con Cesare, dal post sotto confermata, e su come ho conosciuto Gazzini quella volta allo stadio, come lui stesso ha confermato, sono semplicemente fatti accertati ma non c’entrano nulla col Verona. Chiuso qui.

                        1. wallace scrive:

                          wallace

                          13 ottobre 2019 alle 12:53

                          caro sign. Gazzini
                          stia tranquillo che non scriverò piu in qusto blog.Ho la fortuna anche io di non conoscerla visto le idiozie che sta sparando verso la mia persona. Lei non ha ne l intelligenza, ne la democrazia, per capire e rispondere ad un legittimo risentimento quando si tirano fuori solo i cristiani senza pietas, senza però citare fatti commessi o scritti da extracomunitari. Lei si arrampica sugli specchi, e non le permetto di diffondere notizie false, dato che non le ho mai dato del leccaculo e tanto meno del mangiacristiani, forse questo glielo avra detto il suo amico,ora ridimensionato.Guardi che io ho e ho sempre avuto grande rispetto x tutti, quello che non ha lei, visto che dovrebbe dare a chi scrive su facebook almeno diritto di replica. Non mi faccia passare x uno che offende, xche guardi che con me casca male. E mi spiace che chi frequenta il suo blog le dia ragione a spada tratta, vuol dire che proprio non ci siamo. A non piu risentirci, le sue elucubrazioni filosofiche, non mi in teressano. Io vivo qui, non leggendo libri di levi strauss. Io gli extracomunitarionesti li ho aiutati e li sto aiutando anche adesso, quindi stia calmo, che , ripeto, non accetto lezioni di vita da lei. Che poi dica che io sono offensivo..si rilegga, e impari la democrazia, ne ha bisogno. Ripeto, imbrogliare le carte a proprio uso e consumo e pratica diffusa. Non provi a farlo con me, casca malissimo

                          Rispondi

                          Ultimo commento da Gazza il 12 ottobre 2019 alle 19:54

                           wallace

                          1. Simone scrive:

                            Cesare Settore Superiore 1 febbraio 2018 alle 07:30

                            “Per altolago, stefano 50/60, maxx, Simone.

                            Confermata riunione del 7 febbraio ore 19,30 con serata de ciacole sportive annessa alla pizzeria indicada precedentemente.
                            Sara’ presente anche un me bon amigo che par tanti anni ha fatto el grafico pubblicitario per Giovanni e Mirko Martinelli.
                            Puntualmente silurado 2 anni fa per divergenze di vedute con la nova direzione. Uno che conosse l’ambiente HV come casa sua.”

                            Dopo le parole di conferma di Gazzini, ecco quelle di Cesare. Spero sia chiuso il ‘caso’. Per me stop. Spero ora prevalga il buonsenso, se non altro per il bene del blog.

                            1. Martino scrive:

                              Ho sentito il Gabri per sapere se desidera essere risarcito o se invece vuole dare una mano al clown bassopadano per portare in alto il nostro Verona. Mi ha risposto “Scolta Martino, te lo dico da amico, va in mona.” Niente da fare quindi. Il miliardario di Lagos nicchia, Setti trionfa e la lira si impenna!

                              1. wallace scrive:

                                tomhv
                                hai ragione, purtroppo quando te trovi gente come questo qua sotto, no ghe via d uscita

                                1. Tomhv scrive:

                                  Comunque senza offesa avi rotto i ovi db .. aahhhh

                                  1. wallace scrive:

                                    simone
                                    ehhh no, tu hai scritto che non lo conoscevi, mentre invece lo conosci, vai a vedere sotto, e hai detto che io ho parlato di proni lecca..culo, quando non e vero assolutamente, e come al solito dai notizie false. E cesare non ha confermato niente, ricordatelo bene, anzi si e seccato secondo me che tu avessi il suo numero. Tu sei un mistificatore, ma credo che ormai sia noto a tutti qui. Prepara 5000 euro

                                    • Simone scrive:

                                      Gazzini quando scriveva “ Ho la grande fortuna di NON CONOSCERLA neanche di striscio, quindi non era RIVOLTA a LEI, a meno che lei non si senta tale, nel qual caso è SOLO un suo problema.
                                      Non mi è sfuggito nemmeno l’epiteto da lei usato di “proni leccaculi” rivolto ad altri che han commentato e che NON CONOSCO“ si rivolgeva a te, non a me. Su di me ha scritto “ Simone, correttamente, non si è definito mio amico, ma conoscente, come lo possono essere due persone che tifano la stessa squadra (VERONA-hELLAS) e si incontrano allo stadio, parlando solo di CALCIO, e sono almeno cinque anni che non si vedono o parlano assieme.” Ora basta per cortesia.

                                    1. wallace scrive:

                                      simone
                                      LE OBBLIGAZIONI EMESSE SONO CONVERTIBILI, DATI DEL SOLE 24ORE, CHE DA SOLO NOTIZIE VERE E VERIFICATE. LEGGI SOTTO E SCUSATI, O TIRA FUORI 5000 EURO

                                      • Simone scrive:

                                        Ma hai letto quello che ho risposto in merito alla faccenda o no? “ Nel pezzo da te riportato del sole 24 ore e che io non conoscevo si parla di obbligazioni convertibili. Bene. Ora sarebbe il caso di chiedere a Volpi in realtà cosa vorrebbe: se come ha detto la restituzione dell’eventuale debito che dovrà essere accertato dai tribunali oppure di una partecipazione attiva nella società, di cui mai al momento ha parlato.” Chiaro.

                                      1. wallace scrive:

                                        simone
                                        SICCOME DAI NOTIZIE FALSE, SU COSE PERSONALI, TI MANDO LA MIA RISPOSTA A GAZZINI, DOVE PARLO DI STUOLO DI SIMPATIZZANTI, NON CERTO DI PRONI LECCA..CULO, COME HAI FALSAMENTE SCRITTO TU. LO STESSO GAZZINI, FURBESCAMENTE, MA CHIARAMENTE RIVOLTO A ME, MI AVEVA DETTO CHE AVEVO UNA IGNORANZA CHE RASENTA L IDIOZIA. FURBESCAMENTE NON MI HA CITATO, MA ERA CHIARO CHE ERA RIVOLTO A ME, ESSENDO L UNICO CHE LO CRITICAVA PER IL SUO BLOG. TI RIPETO X L ULTIMA VOLTA, NON DIFFONDERE NOTIZIE FALSE O I 1000 EURO SI TRASFORMANO IN 5000 A MIO FAVORE

                                        1. Simone scrive:

                                          1. L’obbligazione è un prestito. Se non è stata emessa come convertibile o non c’è una successiva offerta da parte di chi le ha emesse (al fine di non dovertele ripagare) non sono convertibili in azioni. Perché le azioni sono una quota di proprietà. Qui sono spiegate abbastanza bene: https://www.borsaitaliana.it/borsa/glossario/obbligazione-convertibile.html . Nel pezzo da te riportato del sole 24 ore e che io non conoscevo si parla di obbligazioni convertibili. Bene. Ora sarebbe il caso di chiedere a Volpi in realtà cosa vorrebbe: se come ha detto la restituzione dell’eventuale debito che dovrà essere accertato dai tribunali oppure di una partecipazione attiva nella società, di cui mai al momento ha parlato. Da quel che si evince, Setti ha svuotato la società, così se volpi si voleva prendere le quote le prendeva di una scatola vuota. Non si dice però il valore delle azioni rispetto alla totalità della società, quindi non si può capire la rilevanza. Resta da vedere se tutto ciò che è successo è lecito da parte di setti o no. E questo lo decideranno i giudici con le carte reali in mano, come già detto e com’è ovvio che sia. Semplice. Se non ha pagato gli interessi e
                                          o non ha rimborsato le obbligazioni, setti deve tirare fuori i soldi. La domanda è se i soldi eventuali che deve a Volpi siano legati esclusivamente al Verona o se anche ad altre sue attività, e per quelli collegabili al Verona se dopo quest’anno e le entrate che si prospettano avrà la possibilità di farlo. Sulla convertibilità delle obbligazioni e sulla liceità della condotta di setti non ne abbiamo idea. Si capirà tutto dopo la sentenza.
                                          2. Sul Chievo, giusto per chiarire oltre al discorso plusvalenze degli ultimi 5 anni: 2008: https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/04/10/pandori-debiti-rateizzati-cosi-il-chievo-rivede.html . Analisi di Pippo Russo, comprendente tra le altre cose la questione calcio scommesse e il patteggiamento per il caso bettarini: https://www.google.it/amp/s/amp.calciomercato.com/news/pippo-russo-x-file-chievo-e-se-inviassi-il-mio-curriculum-a-camp-757065. “Si è concluso con una sentenza di non doversi procedere per intervenuta prescrizione la parte di processo sul calcioscommesse che era in corso a Bologna. Sentenza di prescrizione per 26 imputati su 31. Tra cui pellissier e appunto bettarini.” Al di là poi di tutte queste zone d’ombra, sul perché Sartori infine si dimise nel 2014 non è mai stata fatta chiarezza. Pare guarda caso per delle incomprensioni o mancanza di vedute comuni con lo stesso campedelli.
                                          3. Su Gazzini: io ho detto che non lo conoscevo?! Ma se te l’ha detto lui stesso la verità confermata delle mie parole? “Simone, correttamente, non si è definito mio amico, ma conoscente, come lo possono essere due persone che tifano la stessa squadra (VERONA-hELLAS) e si incontrano allo stadio, parlando solo di CALCIO, e sono almeno cinque anni che non si vedono o parlano assieme.” Non capisco cosa ci sia da discutere su questo. Su Cesare, non voler aver ragione per forza quando non ce l’hai. Per favore, basta mistificare la realtà di cose che non puoi conoscere ed io sì, avendole vissute assieme a Cesare e Gazzini direttamente. E che con l’argomento Verona soprattutto non c’entrano nulla. Facciamola finita qui almeno, dato che non le vuoi nemmeno verificare. E soprattutto perché effettivamente stiamo stufando tutti. Quindi, per favore, pausa.

                                          1. wallace scrive:

                                            wallace

                                            11 ottobre 2019 alle 22:28

                                            caro Gazzini
                                            la prego, eviti di fare la parte della vittima sacrificale. Nessuno le ha mai dato del mangiacristiani, io non conosco lei ma neanche lei me. Ho letto qui sotto commenti che neanche sto a qualificare, come simone, che fa dei romanzi solo x dirci che se vengono da noi , li obblighiamo NOI ad accettare le nostre regole. Inutile che mi citi i vangeli. La prossima volta, ripeto, mi faccia un post sui dialoghi di qualche musulmano intercettato, l offesa che rasenta l idiozia puo essere solo la sua. Non sono assolutamente un cattolico bigotto, anzi, ma quando vedo degli pseudo sinistrorsi come lei parlare di 3 asini su facebook, senza porsi nemmeno il problema del perche questi si sono espressi cosi, ma condannandoli subito senza appelli. Le ripeto, se fosse la madre di Pamela, forse quelle cose le avrebbe scritte anche lei. Porre le questioni come le ha poste lei, non e socializzante x niente e nemmeno dire che questo spazio è suo e quindi nessuna replica e concessa. Vada avanti col suo stuolo di simpatizzanti qui sotto, a me non puo fregare di meno. Qua sotto l a risposto fasendo el tacon peso del sbrego, visto che non conosce nemmeno le citta e i quartieri che ormai sono in mano quasi interamente alla mafia nigeriana. Vada a vedersi un video di Meruzzi forse impararera qualcosa. Prima di postare critiche su gente, come i tre di facebook che neanche conosce e di cui non sa la storia. Fossi in loro le risponderei visto che li ha fatti passare per dei mostri che magari hanno detto qualcosa in un momento di rabbia.I veri mostri sono altri, tra non molto se ne rendera conto

                                            Rispondi

                                             Gazza

                                            1. wallace scrive:

                                              e comunque
                                              ripeto, cesare non ha detto niente, quindi, se ci fosse un giudizio, avresti torto su tutta la linea. Comunque ora basta, questo e un blog di calcio, stiamo stancando tutti.

                                              1. wallace scrive:

                                                simone
                                                ehh no, caro mio, il tuo vizio di prendere notizie e girarle a suo favore, e veramente stucchevole. Intanto tu hai detto che campedelli se ne e apprifittato x 20 anni, xche questo si capisce. In secondo luogo hai detto che gazzini non lo conoscevi, mentre invece lo conosci. Tanto x dare l idea di come mistifichi le notizie, e siccome adesso hai toccato me sul personale, tu dovresti dire le cose come stanno. Intanto, sul discorso dei talebani, gazzini ti ha ripreso, dicendoti in pratica che scrivevi stupidate, seconda cosa il sig. gazzini, a quelli che non la pensano come lui, cancella i post. E siccome io, senza offendere nessuno, e ne ho le prove, ma essendo offeso, E NE HO LE PROVE, gli ho solo ricordato che era un comportamento scorretto rimuovere post di chi non la pensa come te. Vedi di non continuare a mistificare la realta, ho intenzione di non ribattere piu a uno come te, ma non tirare troppo la corda scrivendo falsita

                                                1. wallace scrive:

                                                  simone
                                                  ultima cosa, secondo me soffri di sdoppiamento di personalita, oppure di memoria corta. Certo, sul sito di gazzini, e ricordo che difendevi anche i talebani, ma non voglio dilungarmi, hai asserito che lo conosci di persona. Sono certo di questo, e aspetto copia incolla a tal proposito

                                                  • Simone scrive:

                                                    Su Campedelli il caso plusvalenze riguarda ufficialmente gli ultimi 4 anni di gestione, a cui va aggiunto questo: “il Chievo è un fenomeno (duraturo) di lungimirante gestione e Luca Campedelli ne è l’artefice. Tutti ritengono che il Chievo sia suo attraverso la Paluani di cui, a leggere le cronache e anche Wikipedia, lui è «il maggiore azionista». In realtà le «padrone» della Paluani, e quindi del Chievo, con un’ampia maggioranza, sono le sorelle Maria Adua (79 anni) e Berta Cardi (84). Cioè mamma e zia di Campedelli che dunque deve farsi approvare i bilanci da loro. Non solo: un’anziana e sconosciuta signora di Nogara (Vr), Giovanna Veronesi (78 anni), ha in mano un altro 16% della squadra.” A proposito di trasparenza.. Ma veniamo a Gazzini. Sorvoliamo sul discorso sui talebani che era molto complesso e di sicuro non è questo il luogo per parlarne, anche perché già allora Gazzini stesso non ne poteva più di te (unico caso probabilmente nella storia di quel blog). Risparmierò i numerosi botta e risposta che avete avuto in quell’occasione. Comunque a tal proposito riporto, visto che il punto era questo, la risposta che ti diede lo stesso Gazza sul discorso citato: “Ho la grande fortuna di NON CONOSCERLA neanche di striscio, quindi non era RIVOLTA a LEI, a meno che lei non si senta tale, nel qual caso è SOLO un suo problema.
                                                    Non mi è sfuggito nemmeno l’epiteto da lei usato di “proni leccaculi” rivolto ad altri che han commentato e che NON CONOSCO.
                                                    Simone, correttamente, non si è definito “mio amico”, ma conoscente, come lo possono essere due persone che tifano la stessa squadra (VERONA-hELLAS) e si incontrano allo stadio, parlando solo di CALCIO, e sono almeno cinque anni che non si vedono o parlano assieme.” Spero sia chiaro anche questo punto, dopo la questione legata a Cesare.

                                                    • Martino scrive:

                                                      Wallace non è il solo ad aver istigato la “furibonda reprimenda” di Gazzini. Io stesso sono stato oggetto di parecchie critiche da parte dell’estensore sotto un post riguardante la Russia di Putin, tacciata di essere totalmente illiberale con una semplificazione e una banalizzazione che non poteva essere accettata da chi nella vita si occupa, tra le altre cose, proprio di geopolitica. Infatti il simpatico e scanzonato Gazza non mi ha più letto sul suo blog. Comunque con Gazzini ho scambiato anch’io due parole di circostanza anni fa…d’altra parte conosce tanta gente.

                                                  1. wallace scrive:

                                                     Simone

                                                    12 ottobre 2019 alle 13:24

                                                    Io non voto da una vita, e non mi sono mai iscritto o appoggiato alcun movimento o partito politico, quindi nessun orientamento politico riconosciuto. Io ho conosciuto Gazzini e altri. E scrivo qui col mio nome. Se ti dà fastidio, non è un problema mio.

                                                    HO ESTRAPOLATO QUESTO SPEZZONE DA UN BLOG SULLA CRISTIANITA DI GAZZINI. CONTESTERAI ANCHE QUESTO??

                                                    1. wallace scrive:

                                                      simone
                                                      faccio l ultimo intervento. Vedi, anche quello che hai scritto su campedelli, sono castronate, xche non ha fatto 20 anni con le plusvalenze sull asse chievo/ cesena principalmente, ma solo x 5 anni. Avevano sartori, e questo spiega tutto su come siano rimasti in a parecchio tempo. Sull altra affermazione solita del bilancio hellas, sto zitto e stendo un pietoso velo

                                                      1. wallace scrive:

                                                        simone
                                                        spero tu non vada a rompere le balle al tuo amico diego, come ti ha detto Martino, gia con cesare abbiamo rimediato una figura di mer…da, principalmente a causa tua, e c e da dire anche che non ha detto che ti conosceva, ma solo di non rompergli il sottocintura. Detto questo, x me puoi scrivere quello che vuoi, ci vorrebbe, ma ti consiglio di avere un po piu di spirito autocritico, e se posso permettermi, di ragionare di più con la tua testa, piuttosto che con quella del tuo amico economista, oppure coi tuoi copia incolla kilometrici. Io stesso mi inc..azzo di brutto qui, quando mi accorgo che se si portano fatti veri e verificati, ti rispondono con frasi tipo..te non puoi sapere, tu non hai letto i contratti, e via discorrendo. Comunque par darghe un taio, visto che son stufo piu de cesare, cerchero di non scrivere piu su queste situazioni. Con certe persone ho capito che si accorgeranno del terremoto quando ormai ghe sarà i crepi par tera larghi diese metri

                                                        1. hearthellas scrive:

                                                          Scrivo molto raramente, quasi mai, ma ho sempre letto tutto su questo blog ormai da tanti anni. Dico la mia su Simone, anche se la mia opinione non vale nulla (ed è giusto così non scrivendo quasi mai) ne tanto meno voglio pormi a difesa di chissà chi. Prima ancora che venisse così tanto alla ribalta questa diatriba tra Simone ed altri utenti, ho sempre pensato che Simone sia una persona molto scaltra. Agisce e scrive dietro ad un continuo paravento di razionalità ed imparzialità, oltre a rimarcare assiduamente quanto egli sia comunque ampiamente contrario a “molteplici” aspetti della gestione Setti. Bene, per quanto mi riguarda Simone, non mi hai mai convinto. Credo fermamente che tu sia un assiduo “avvocato difensore” di Setti, non mi permetto di dire al suo soldo, ma perlomeno dotato di un’encomiabile dedizione alla causa. Mi sentivo di dirlo da tanto tempo, tutto qua. Torno nel mio anonimato, continuando a leggere ognuna delle vostre opinioni, a volte con simpatia ed interesse, a volte con malcelato fastidio come nel caso della faziosità di Simone. Ripeto è una mia opinione disinteressata, dal valore relativo come quelle di noi tutti. Forza Verona sempre!

                                                          • Simone scrive:

                                                            La cosa divertente è che fino a qualche tempo fa venivo additato da alcuni come anti Setti. Ora come pro Setti. Quando in realtà il mio giudizio su di lui non è cambiato di una virgola. Ho sempre pensato che fosse entrato in un gioco più grande di lui e delle sue reali potenzialità, nel quale per restarci dentro avrebbe dovuto fare l’equilibrista (campedelli ci è riuscito per quasi vent’anni, poi si è scoperto come), col risultato che a livello di conti e bilanci la situazione ufficiale dopo un periodo di difficoltà pericolosa e oggettiva si è ripristinata a seguito di sacrifici ben noti, ed è migliore della media nazionale. Ma l’altro lato è che anche considerando tutto questo, mai potrà pensare di consolidare il Verona in serie A proprio a causa dei suoi limiti oggettivi in un mondo che questi limiti si travolge ogni anno.

                                                          1. Martino scrive:

                                                            Aspettando Cesare Godot…e intanto il suo silenzio diventa assordante. Ricordo bene ciò che scriveva tale Maxx, paravento settorelliano. Fino a un paio di anni fa c’erano una decina di menagrami che imperversavano sul sito e attaccavano senza soluzione di continuità chiunque osasse levarsi contro il vampiro bassopadano…una santa alleanza di tifoSetti che si tenevano in contatto sulle chat istantanee per schiacciare celermente il dissenso sotto ogni forma, anche lieve e ironica. Simone, sei hai il contatto telefonico di Cesare, per quale motivo non lo chiami in causa per sputtanarci tutti e farci tacere per sempre? Dai, ti basta un sms, una emoticon, un peto vocale. Po vegno mi a catarte de note co le scarpe tute rote, cospargendomi il capo di feci…quale lampione?

                                                            • Simone scrive:

                                                              Infatti a Cesare ho scritto l’sms…

                                                              • Martino scrive:

                                                                Cesare non ha chiarito però, anzi…comunque fa niente. Contro di te non ho nulla, ma le tue opinioni mi perplimono assai. D’ora in poi non ti metterò più sul banco degli imputati, non è mia intenzione gettare discredito su di te. Spero tu lo capisca. Provo solo molta amarezza constatando che non perdi occasione per venire in soccorso del carpigiano per quanto concerne le questioni finanziarie e le pendenze legali che lo riguardano. Buonanotte

                                                                • Simone scrive:

                                                                  Non ho idea sul perché non abbia voluto esplicitamente dire che ci siamo visti a cena. Comunque la cosa è successa un paio di volte intorno a gennaio 2018. Se ti va vai pure a cercare sui commenti di questo blog intorno a quel periodo. Vedrai che qualcosa di sicuro troverai. In attesa magari di una risposta più esplicita dello stesso Cesare. Sul carpigiano e i miei commenti in proposito, oltre alle riflessioni attuali, ti invito a dare un occhio a quelle che ho espresso su questo e in altri blog negli ultimi 3/4 anni. Forse ti farsi un’idea più chiara e completa.. Detto questo, spero tu capisca al di là di tutto l’umana irritazione di essere additato e screditato pubblicamente con ipotesi false su incontri e dati di fatto tranquillamente riscontrabili che si vogliono far passare per vere. Chiederò un intervento anche al mio amico Diego comunque a tale proposito. Anche se rompere le balle a gente che conosco per cose di questo tipo lo reputo un atto indotto davvero miserello.

                                                                  • Martino scrive:

                                                                    Lascia stare, non c’è bisogno di coinvolgere altre persone. Abbiamo già irritato Cesare, che si starà chiedendo chi è il più tristo fra noi senza tuttavia risolversi. Ti faccio solo presente che non darò più seguito a discussioni di natura economico-finanziaria, riguardanti le società del faccendiere bassopadano, alle quali deciderai di partecipare col tuo solito e arcinoto animus pugnandi volto a imporre il beneficio del dubbio nei confronti di un personaggio di indubbia amoralità. Limitiamoci a confrontarci su questioni prettamente calcistiche. Buonanotte

                                                              • Simone scrive:

                                                                Cesare dopo il mio sms che ha letto ha scritto la risposta sottostante. Se vuoi forzarlo ulteriormente nella risposta , libero di farlo. Timore di smentite di sicuro non ne posso avere.

                                                            • Martino scrive:

                                                              Ecco, l’è rivà mentre digitavo. Varda, Cesare, mi no so gnaca ci te si, so solo che sicuramente sei un tifoso gialloblu di lungo corso, perché ti sei esposto mesi fa esponendo la tua situazione (la faccenda paradossale del bengala e daspo), che sinceramente mi ha tirato su la gastrite facendomi odiare ancora di più il carpigiano. Io e wallace non ti avremmo mai chiamato come garante della buonafede di Simone, se non fosse stato lui stesso a spendere il tuo nome sul blog di Barana. Buonanotte, e prenditela col Simone per averti evocato. E Simone si scusi per il disturbo.

                                                            1. wallace scrive:

                                                              simone
                                                              ti ha gia risposto, e mi ha chiarito quello che gia credevo. Giustamente vuole essere lasciato fuori dai casini che tu hai provocato. A proposito, el ta risposto paron pappon??? gli fai un copia incolla di un km anche a lui?? seguendo quello che ha detto cesare..va in mona, va la..

                                                              1. wallace scrive:

                                                                cesare
                                                                guarda, anca mi no te conoso de persona, e ti assicuro che non avevo intenzione che tu fossi chiamato in causa x nessun motivo, e stato colui che dice di essere tuo amico, che ci ha portato a questi discorsi. Io, conoscendo la tua situazione, xche l hai spiegata tu, faccio fatica a pensare che possano esserci rapporti con uno che difende setti strenuamente. Ripeto, lungi da me disturbarti. Ahh go 60 anni anca mi, e me limito tanto, salvo con certa gente rispondere all insulto con l insulto. ti auguro buona serata, e sempre forza hellas

                                                                1. Cesare Settore Superiore scrive:

                                                                  Butei, porte’ pazienza ma alla me eta’ (59 fatti, quasi 60 ormai) i cavei ie’ sempre de manco.
                                                                  E voialtri me tire’ dentro par i cavei – quei pochi che me’ resta’ – in una discussion nella quale non ghe entro assolutamente.
                                                                  Rendive conto che el blog, e questo in particolare, le’ un spazio in cui ogniuno dise la so opinione, giusta o sbagliada che sia. Non le’ un campo de battaglia dove far na guerra personale contro un altro utente, colpevole de averghe idee diverse.
                                                                  Chiarive tra voialtri oppure mandive in mona na volta par tutte. Ma mi lassime fora dai vostri casini personali. Grazie.
                                                                  E forza Hellas Verona, a dispetto del so paron pappon

                                                                  1. wallace scrive:

                                                                    ti ripeto
                                                                    su gazzini intanto, hai detto che sei un suo amico, e ricordo bene, adesso, ti abbia risposto che un amico e uno che frequenti, mentre a te ti aveva visto una volta. Anche io posso salutare juric e stringergli la mano, ma questo non vuol dire sia mio amico, quindi scorretto sei tu. Per secondo, se leggi bene, ho detto che Cesare può conoscerti con un altro nome, viato che qui i nick molte volte sono diversi dal proprio nome, quindi niente di syrano. Quanto al tuo amico laureato, se ti ha detto questo, digli di ritornare a scuola, che non ne capisce ne di obbligazioni, ne di azioni. Non ho torto, tu intanto facci spiegare qui da cesare quello che sostieni, ma ripeto, deve spiegarci bene, sempre se ne avra voglia. Ripeto, su di te ho molti dubbi, molti.

                                                                    • Simone scrive:

                                                                      Guarda che Cesare mi conosce col mio nome, che è il nome che ho guarda caso sulla carta d’identità che ti mi pare di capire non voglia controllare (altrimenti si smentirebbe tutto). Io ho detto che ero amico di Gazzini? Bene, dato che ora sono al lavoro, appena avrò una pausa andrò a cercare pure quello che fu scritto a tal proposito sul sito del Gazza e riporterò…

                                                                    1. wallace scrive:

                                                                      intanto
                                                                      della tua scommessa a me non interessa, e ti ripeto x l ultima volta, non ti chiedo scusa di niente, quindi e inutile che mi richieda all infinito la stessa cosa. Non ho sostenuto che non lo conosci, ho detto che può conoscerti con un altro nome. Per secondo, tu non riporti notizie vere, ma false, prova ne sia che sostieni che nella emissione di obbligazioni convertibili, la societa emittente puo in pratica fare quello che vuole, mentre invece è quella che deve fornire garanzie precise sulla restituzione del debito. Ho letto come la pensa cesare, vorrei a che sapere cosa ti ha risposto, dato che i vostri concetti sono diametralmente l opposto, anzi, ho letto della sua situazione e sinceramente trovarmi di fronte uno come te, che difende setti spudoratamente, non mi convince affatto. E quello che hai detto che conta, non se tu lo hai trovato o no. Ti ricordo che anche nel blog di gazzini hai detto mi sembra che vi conoscevate, salvo, mi pare, sentirti rispondere come quasi non ti avesse mai visto. Sei recidivo su questo. mi sembra di essere stato chiaro.

                                                                      • Simone scrive:

                                                                        Le notizie che ho riportato sono tutte riscontrabili su internet, le analisi che ho fatto anche sul l’interessante articolo che hai pubblicato del sole 24 ore idem. Sulle obbligazioni ciò che ho scritto sono un copia incolla di ciò che un amico laureato in economia mi ha scritto. Che invece della mia scommessa non ti interessi nulla non c’è problema ti ho detto. Tu hai avanzato l’ipotesi che io sarei un mandato da Setti e hai chiesto prove sulle cene con Cesare. E che avrei addirittura dato un nome falso a Cesare stesso. A quelle cene tra l’altro avevo espresso le mie idee sullo stesso Setti (la maggior parte di critica) e su mille altre questioni riguardo il tifo, esperienze personali e il calcio italiano nel suo complesso. Tutte le cose sono tranquillamente smentibili, basta che accetti, ti fai dare i miei contatti da Cesare, mi contatti e accetti il mio invito al lavoro. Dove avró la carta d’identità a disposizione. Hai torto e nonostante tutto e pur avendolo capito, ti ostini a non dire “scusa, forse ho esagerato e ti chiedo scusa”. Non ci vorrebbe un grosso sforzo. Su gazzini menti. Basta andare a controllare. Ci siamo conosciuti e visti una volta allo stadio in curva anni fa, conosciuto in quell’occasione tramite Maxx, che scriveva a sua volta qui e che ho avuto la fortuna di conoscere. Cosa confermata da lui stesso. Ti sei buttato in una situazione che non può che vederti smentire su tutta la linea. E solo per il fatto che non accetti di aver torto e di chiedere scusa per aver esagerato.

                                                                        • Simone scrive:

                                                                          Riguardo il Mantova io ho risposto eccome. Come su tutto il resto. Il fatto è che non prendi in considerazione le risposte. Sarà per quello che le dimentichi. E ripeterle non farebbe altro che alimentare il solito circolo vizioso che non porta da nessuna parte.

                                                                      1. wallace scrive:

                                                                        di piu
                                                                        con te non serve a niente imbastire discorsi, sei a senso unico. Chi dialoga x cercare la verita, di solito non smentisce sempre anche la realta dei fatti. Ho chiesto molte volte di spiegarci come ha fatto a prendere il mantova, con il bilancio in difficolta, e sostenerne la gestione. Nessuno e dico nessuno qui, di voi sostenitori di setti qui, ha saputo rispondermi. Io so come ha fatto, ma naturalmente non lo dico, non ne ho le prove. ma so che ho ragione. E mi spiace anche che sia stato tirato in ballo cesare, che non conosco, se non x aver letto qui qualche post

                                                                        1. wallace scrive:

                                                                          guarda
                                                                          te lo ripeto. Telefona a chi vuoi, ma deve anche dirci cosa vi siete detti. A parte questo, siccome insisti, e guarda che anche la diffusione di notizie false e reato, fai quello che vuoi, sporgi denuncia e poi vediamo come andra a finire. Ripeto, da me non vedi una lira, anzi, non accetto le tue accuse. Tu spiega invece come mai dai notizie false sempre volte a difendere setti. Fai quello che credi, denuncia, querela, non mi fai paura. Quindi le mie scuse non le avrai mai, ci vorrebbe.

                                                                          • Simone scrive:

                                                                            Tu hai chiesto prove del mio incontro con Cesare. Da quell’incontro io ho il numero di Cesare, non ”di chi vuoi”. Inutile che cambi discorso, parli di querele (mai nominato questa parola né ti ho mai minacciato di querela, non raccontare una cosa per un’altra, ti pare che io possa abbassarmi a querelarti, nonostante io sappia di aver ragione, per una cosa del genere?) e di notizie false quando quelle che ho trovato e riportato io sono tutte verificabili su internet, e credo siano servite, esattamente come le tue, per imbastire un discorso ai fini di capire nei limiti del possibile la situazione societaria riguardante il rapporto che c’è tra Volpi e Setti. Per quanto riguarda la questione personale, se non vuoi darmi una lira, per me nessun problema. Io ti ho proposto una scommessa, Se l’accetti e la perdi, e così sarebbe se la accettassi, dovrai dare mille euro in beneficenza tramite me. Se invece non l’accetti, in attesa della conferma di Cesare, mi aspetto una tua rimostranza, perché senza prove hai avanzato pubblicamente un’ipotesi su di me che risulta falsa nella realtà dei fatti. Cosa fai, confermi l’ipotesi d’accusa nei miei confronti accettando la mia scommessa e le sue conseguenze oppure no?

                                                                          1. wallace scrive:

                                                                            intanto
                                                                            tu ci porti le prove se sei andato da cesare o no, e cosa gli hai detto e poi ne parliamo. Siccome tu, in puro stile settiano, mettendone in atto i metodi, vuoi minacciare, i 1000 euro li tiri fuori tu, e spieghi prima se sei andato o no, e cosa hai detto. Cesare purtroppo, e stato preso in causa senza averne colpa, chiarisci tu, da me non vedi una lira. Questi metodi adoperali con altri

                                                                            • Simone scrive:

                                                                              Ma cosa stai dicendo? A parte che è stato Martino a tirare fuori la storia del mio incontro con Cesare, che lui non avrà certo problemi a confermare, Ma chiedi a Cesare se non ci credi. Le prove te le darà lui direttamente. Non c’è nessun problema. Anzi, dato che ho il suo numero di telefono ora gli mando un messaggio per chiedergli di rispondere. Come vedi ti sei infilato in un vicolo cieco. Voglio vedere cosa dirai quando ti confermerà il tutto e le mie parole. Se accetterai la mia proposta, i 1000 euro che perderai non andranno a me, che di sicuro non ci voglio guadagnare nulla dall’aver ragione su un fatto reale, ma in beneficenza dove deciderai tu. Quindi te lo richiedo: accetti o chiedi scusa?

                                                                            1. wallace scrive:

                                                                              simone
                                                                              infatti ho detto che e una ipotesi, dato che sembri il paladino del carpigiano. Trovo scorretto invece, e molto, dare notizie come le dai tu, con una ricostruzione che chiamare fantasiosa e dire poco. Da uno che afferma che la societa emittente puo decidere sul prestito, mi sembra veramente troppo. Il bello e che non riconosci mai di avere torto, ma vai avanti imperterrito nel copia incolla. Ti ho gia spiegato che il sole 24 ore, che e lo zingarelli della finanza, ha accertato che sono obbligazioni convertibili in azioni. TU NON PUOI SPOSTARLE DA UNA SOCIETA ALL TRA, PERCHE HANNO BISOGNO DI COPERTURA FINANZIARIA, E SE NON CE L HAI DEVI RICAPITLIZZARE. C e un procedimento in corso, anzi tre o quattro, setti ha fatto opposizione, che e una prassi, ma tra poco ci sara il giudizio finale. E allora lì vedremo se avrai ragione tu o noi. E logico che alla giustizia sportiva non puo fregare di meno, non sono loro che devono occuparsi di questo, ma la giustizia ordinaria. C e perfino gente qui, del tuo ordine di idee, che afferma perfino che non ha avuto nessun anticipo del paracadute, che non era in banca a milano, tutte BALLE in puro stile settiano. Ripeto, vedremo gli sviluppi, ma contestare il sole 24 ore, per puro stile filo settiano, e veramente una vergogna

                                                                              • Simone scrive:

                                                                                Wallace, non girarci intorno ora. Mi hai toccato sul personale e su questo ti ho appena fatto una richiesta. Ci stai o no? Se non ci stai chiedi scusa, se ci stai prepara 1000 euro. Ci stai o non ci stai? Sul resto ho risposto al solito in maniera completa sotto, analizzando pezzo per pezzo. Non mi far ripetere nuovamente, i circoli viziosi non servono a nulla. C’è un tribunale e aspetto le sentenze. Sull’anticipo del paracadute non c’è nulla da smentire, è un dato di fatto acclarato, al contrario del resto delle notizie. Ora pretendo una tua risposta invece sul personale. Quindi ripeto: hai la possibilità di avere il mio contatto tramite Cesare. ti ho appena fatto una richiesta. Se non ci stai chiedi scusa e prometti di non tentare più di macchiare o screditare pubblicamente il mio nome qui dentro ipotizzando il falso, se invece ci stai prepara 1000 euro. Ci stai o non ci stai? Rispondi.

                                                                              1. wallace scrive:

                                                                                altra cosa
                                                                                e tu credi che fiorani e volpi si imbarchino in tutto questo, specie fiorani che ha il pelo lungo tre metri sullo stomaco, se sanno che avranno torto e pagheranno la pletora di avvocati etc etc??. ma tu credi che fiorani sia un novizio?? setti secondo me, x fare il furbetto come al solito, si e messo in qualcosa piu grosso di lui, e tanto anche. Per me, che vorrei vederlo presto via da verona, questo è ossigeno

                                                                                1. Simone scrive:

                                                                                  Interessanti alcuni punti: Fiorani, e lo sappiamo, dichiarò che “Volpi ha aiutato economicamente Setti ‘senza avere alcuna partecipazione di quella società o alcun ruolo decisionale’ “. Cosa nota. Atteggiamento strano, se confermato, per uno che avrebbe potuto entrare nella società stessa da lì a tot tempo e che in mezzo a tutte le dichiarazioni rilasciate non ha mai dichiarato di voler fare. Secondo il Sole 24 ore, nel 2017 “il prestito era sotto forma di obbligazioni e dal 31 gennaio 2017, i possessori avrebbero potuto convertire l’importo in azioni. Ma dall’agosto 2016, la HV7 ha ceduto le quote alla Falco Investments Sa, società sempre di Setti. A sua volta, la Lonestar (registarata a Panama) di Volpi si ritiene creditrice di 11 milioni di euro. Ovviamente Setti smentisce. Epilogo? Non c’è per ora. La FIGC ha archiviato il caso, ma non la giustizia ordinaria.” Quindi ritorno a quanto dissi: quali erano i reali contratti tra le parti? E soprattutto dove sta il contenzioso? Eccolo: “La San Rocco Immobiliare spa, una delle 42 società di Volpi, ha prestato nell’ottobre 2015 cinque milioni di euro, di dieci complessivi, alla HV7 Spa di Setti. Il prestito scade a giugno 2019, ma la San Rocco chiede la restituzione immediata perché non sono stati versati gli interessi pattuiti. Da parte sua, Setti non nega, anzi conferma il prestito, ma sostiene di aver rispettato gli impegni.” Continuando, secondo la ricostruzione del Sole 24 ore, “dall’agosto 2016, la HV7 ha ceduto le quote alla Falco Investments Sa, società sempre di Setti. A sua volta, la Lonestar (registrata a Panama) di Volpi si ritiene creditrice di 11 milioni di euro. Ovviamente Setti smentisce.” Da registrare ancora una volta la smentita di Setti, per cui la sua società «Falco» non ha mai intrattenuto rapporti con la «Lonestar». In sostanza: uno dice di aver ricevuto il prestito ma di aver rispettato gli impegni e l’altro dichiara di essere creditore, attraverso una società registrata a Panama, altro noto paradiso fiscale, di 11 milioni. E infatti, “Epilogo? Non c’è per ora. La FIGC ha archiviato il caso, ma non la giustizia ordinaria”. Finché non ci sarà la sentenza da parte della stessa. Infatti, come scritto nel pezzo riportato da Martino, “La parola, per stabilire chi ha torto o ha ragione, passerà ai giudici.” e “la Guardia di Finanza che però precisava che non «esistono atti che testimoniano l’avvenuto avvicendamento» perché il Verona «risulta interamente» di proprietà della società anonima lussemburghese Falco Investments SA»..” Quello che è accertato è il nulla, se non una situazione decisamente poco chiara tra due parti che si stanno facendo la guerra. Il motivo della guerra sono ovviamente degli interessi economici.
                                                                                  P.S. Wallace, sì, stai facendo fantacalcio. Sentirsi dire di essere uno che va a riferire a Setti quando sono un semplice padre di famiglia con un lavoro normalissimo che faccio prevalentemente la notte mi sembra decisamente troppo. Qui c’è gente che scrive e scriveva che mi conosce (Diego, Marco e Maxx, che non scrive più da tempo) che possono smentire questa tua ipotesi. Che francamente trovo di una scorrettezza morale assoluta.

                                                                                  • Simone scrive:

                                                                                    Inoltre se non erro la richiesta di incontro a cena allora era venuta da Cesare stesso, e io accettai. Ma Wallace, dato che Cesare ha sia il mio numero che indirizzo email, ti invito a farteli dare. Se accetterai, ti inviterò di notte nel mio luogo di lavoro e vedrai di cosa mi occupo. E ti mostrerò pure la carta d’identità. E propongo una scommessa: se la tua ipotesi verrà smentita, cosa che sarà perché io al contrario tuo so chi sono e cosa faccio, mi dovrai 1000 euro, che girerò immediatamente in beneficenza (sceglierai tu a chi o a quale ente), giusto per dimostrare che non ci voglio guadagnare nulla e per far vedere che io non ho nulla da nascondere. Ci stai? In caso contrario, evita almeno di fare certe supposizioni in futuro, e magari chiedi scusa, perché dato che hanno il solo scopo di screditare gratuitamente senza prove la mia figura, danno fastidio. A te la scelta.

                                                                                  1. bruce scrive:

                                                                                    Butei provo a sdrammatizzare, penso che Simone sia un tifoso dell’Hellas e penso anche che si esprima sempre con educazione e che conosca molti argomenti ma penso altresì che gli piaccia fare contraddittorio su qualsiasi cosa, per cui provate a difendere Setti e magari lui farà il contrario per farvi cambiare idea :)

                                                                                    1. wallace scrive:

                                                                                      martino
                                                                                      no voria far fantacalcio, l e anda du tre volte alle cene, come el dise lu..non si sa se lo conoscono eventualmente come simone..non vorrei essere indiscreto nei suoi confronti, ma a pensar mal 9 su diese se indovina..cesare el ga un certo tipo de situasion, spiegada da lu, no da mi..e se el fuse anda x sentir che aria tira e dopo riferir??

                                                                                      1. Martino scrive:

                                                                                        https://www.hellasnews.it/continua-la-vicenda-setti-volpi-questultimo-chiede-il-fallimento-del-patron-gialloblu/
                                                                                        Dai Simone, cerca meglio, vedrai che anche te riesci a trovare le notizie sulle quali io, wallace e centinaia di tifosi stiamo ragionando da settimane, per non dire mesi. L’articolo che ti ho riportato risale ad appena un mese fa.

                                                                                        • Martino scrive:

                                                                                          Nessun patentino Simone. Per me non sei un tifoso del Verona, punto e stop. Io non sono un’autorità. Ripeto nuovamente…spero che Cesare Settore Superiore chiarisca la tua millantata conoscenza. Ciao.

                                                                                          • Simone scrive:

                                                                                            Quella sopra pubblicata è la lettera di Volpi. Che conosciamo. Alla quale è seguita quella di Setti. E io ho detto che aspetto la risposta del tribunale. Questo è un circolo vizioso che non può portare risposte certe. Perché in questo botta risposta uno dice una cosa e uno un’altra, Su Cesare, millantata significa priva di fondamento. Quando Cesare ti confermerà la cosa vedremo cosa dirai. La lettera di Volpi è chiara, quella di Setti idem. Se Setti mentisse io se fossi in Volpi avrei risposto portando prove. Invece alla lettera di Volpi è Setti ad aver risposto e poi la cosa si è fermata lì. Perché?

                                                                                            • Martino scrive:

                                                                                              https://corrieredelveneto.corriere.it/verona/cronaca/17_dicembre_16/setti-volpi-contenzioso-esisteun-amicizia-che-finisce-tribunale-10a3a0a4-e259-11e7-863b-92a716bfe57a.shtml?refresh_ce-cp

                                                                                              «HV7»
                                                                                              “Dai documenti societari di «HV7», si apprende un particolare interessante riguardo questo prestito. A partire dal 31 gennaio 2017, gli obbligazionisti avrebbero potuto chiedere di convertire l’importo rimanente da rimborsare in azioni ordinarie della stessa società di Setti. Se avesse esercitato l’opzione, «San Rocco» (e quindi, indirettamente Volpi) sarebbe diventato socio della «HV7». E tuttavia, in quel momento, «HV7» non aveva già più alcun rapporto diretto con il club gialloblù perché, nell’agosto 2016, ne ha ceduto tutte le quote alla «Falco Investments Sa», società di diritto lussemburghese sempre riconducibile a Setti che già controllava direttamente la stessa «HV7».”
                                                                                              Ci siamo? “DAI DOCUMENTI SOCIETARI DI HV7 SI APPRENDE CHE…”
                                                                                              Come ti ha già spiegato pazientemente wallace per l’ennesima volta, l’emittente deve garantire la convertibilità delle obbligazioni fino alla scadenza pattuita, esattamente ciò che non ha fatto Setti svuotando HV7 prima che Volpi potesse esercitare il suo diritto. I tempi della giustizia li conosciamo, ma qui si tratta di fare 2+2. Ok? Non serve una sentenza del Tribunale per constatare il comportamento fraudolento del carpigiano. Probabilmente il lungo corso di questo processo ha a che vedere con altre questioni, visto che Volpi dice di vantare un altro credito di 11 milioni nei confronti del carpigiano. Secondo te un miliardario azionista di Carige, che possiede un impero fondato su servizi di logistica e stoccaggio di idrocarburi a Lagos, rischierebbe di farsi affossare per due noccioline, se non fosse certo di avere ragione?

                                                                                        1. wallace scrive:

                                                                                          simone
                                                                                          guarda, dici delle inesattezze mondiali. Le obbligazioni convertibili non sono convertibili in azioni su richiesta esplicita di chi le ha emesse. Dici cose che ti inventi. Al momento della sottoscrizione, c e gia scritto che da una certa data, possono essere convertite. E un contratto in fase di stipula, l emittente ha L OBBLIGO di avere nella sua disponibilita azioni che coprano l eventuale conversione. Se non le ha, deve deliberare un aumento di capitale corrispondente, cosa che forse spiegherebbe l aumento di capitale fatto da setti, non xche aveva debiti, ma x garantire la copertura. L ARTICOLO SOTTO E DEL SOLE 24 ORE, CHE PRIMA DI SCRIVERE SI DOCUMENTA. E SCRITTO CHIARAMENTE OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI IN AZIONI. TRA L ALTRO, TU NON PUOI SPOSTARLE IN SOCIETÀ CHE NON POSSONO GARANTIRE LA CONVERSIONE. TU DEVI RIPORTARE FATTI PRECISI, NON PUOI DIFENDERE A TUTTI I COSTI SETTI SCRIVENDO CASTRONERIE

                                                                                          • Martino scrive:

                                                                                            Mi era sfuggita la boiata della conversione delle obbligazioni solo su offerta dell’emittente successiva alla sottoscrizione del contratto. Questa è grossa davvero come una casa. Motivo in più per non ritenerlo tifoso del Verona. Per quale motivo un tifoso del Verona dovrebbe presidiare costantemente questi blog per scrivere balle gigantesche ad oltranza?

                                                                                          1. wallace scrive:

                                                                                            HomePage

                                                                                            Sezioni

                                                                                            24+

                                                                                            Mercati

                                                                                            Magazine

                                                                                            Video

                                                                                            Lab 24

                                                                                            Newsletter

                                                                                            Dossier

                                                                                            Ebook

                                                                                            Quotidiani digitali

                                                                                            Radio 24

                                                                                            Radiocor

                                                                                            24 Ore Professionale

                                                                                            Mudec

                                                                                            La prima pagina di oggi

                                                                                            Archivio

                                                                                            In edicola

                                                                                            Link utili

                                                                                            Italia

                                                                                            ITALIA

                                                                                            Reddito di cittadinanza, ecco che lavori faranno i percettori

                                                                                            NORME E TRIBUTI

                                                                                            Figli fuori dal matrimonio, la Cassazione: padre obbligato a dare il cognome

                                                                                            ITALIA

                                                                                            Salvini suona al citofono di un tunisino: “Lei è uno spacciatore?”

                                                                                            SPORT

                                                                                            Seria A: di chi è il Verona, di Volpi o Setti?

                                                                                            a cura di Datasport

                                                                                            17 dicembre 2017

                                                                                            Salva

                                                                                            2' di lettura
                                                                                            Sembra una storia tipo Wall Street, ma non siamo a New York. È un triangolo di luoghi tra Spezia, Verona e passando per Lussemburgo, ma l'alta finanza centra poco, sembra più un contenzioso di prestiti. I protagonisti sono Maurizio Setti, attuale presidente dell'Hellas, e Gabriele Volpi, proprietario di Spezia e Rijeka. Se il patron dei liguri e degli istriani è proprietario già di due società calcistiche, perché rivendica anche il possesso dell'Hellas Verona? Ricostruiamo la vicenda.   È la cena di Natale dello Spezia. Gianpiero Fiorani, ex banchiere della Popolare di Lodi (l'uomo coinvolto nelle inchieste giudiziare del 2005), ha il compito di riordinare le imprese di Volpi, dal punto di vista finanziario e amministrativo. Fiorani dichiara ai giornalisti presenti, che Volpi ha aiutato economicamente Setti "senza avere alcuna partecipazione di quella società o alcun ruolo decisionale".   L'Hellas nega, ma al Tribunale di Genova (come riporta Il Corriere di Verona) vi è un contenzioso aperto tra due società di proprietà dei due presidenti. Fin qui sembra una storia economica normale.   La San Rocco Immobiliare spa, una delle 42 società di Volpi, ha prestato nell'ottobre 2015 cinque milioni di euro, di dieci complessivi, alla HV7 Spa di Setti. Il prestito scade a giugno 2019, ma la San Rocco chide la restituzione immediata perchè non sono stati versati gli interessi pattuiti. Da parte sua, Setti non nega, anzi conferma il prestito, ma sostiene di aver rispettato gli impegni. Ora arriva il passaggio di giochi finanziari.   Il prestito era sotto forma di obbligazioni e dal 31 gennaio 2017, i possessori avrebbero potuto convertire l'importo in azioni. Ma dall'agosto 2016, la HV7 ha ceduto le quote alla Falco Investments Sa, società sempre di Setti. A sua volta, la Lonestar (registarata a Panama) di Volpi si ritiene creditrice di 11 milioni di euro. Ovviamente Setti smentisce.    Epilogo? Non c'è per ora. La FIGC ha archiviato il caso, ma non la giustizia ordinaria

                                                                                            1. Simone scrive:

                                                                                              Martino, sul discorso obbligazioni la questione è chiara. E l’ho riportata chiaramente: Le obbligazioni sono convertibili in azioni solo in caso di offerta esplicita di chi le ha emesse. E chi ne è in possesso decide se farsele rimborsare a scadenza o se diventare azionista. Per capire come stavano le cose, le ipotesi contano zero, bisognerebbe sapere e leggere quali fossero i contratti tra le parti. Conosciamo noi i contratti tra le parti? No. Quindi sono ipotesi non fondate su fatti tecnici. Pecchia no disse assolutamente ciò che esprimeva il titolo fuorviante di questa testata. Pecchia disse: “Il presidente ha chiesto un mercato a zero per salvare i conti e col d.s. Filippo Fusco ho condiviso un progetto in economia. Il finale è stato amaro, ma al contrario di Bari e Cesena, il Verona c’è ancora e non ha debiti”. Cosa che si sapeva e che fu detta e ribadita più volte da Setti e da tutti quelli che lavoravano nel Verona in quel periodo di riassetto. Era una non notizia, su. Lo sapevamo tutti ed era evidente. Se spendendo zero per sistemare i conti (che se non metti del tuo si possono sistemare solo nel tempo) ti fossi salvato credi che il Verona non ne avrebbe goduto con gli incassi che ne sarebbero derivati l’anno dopo in A considerando la politica efficace di bilancio? Mi pare logico. Come mi pare logico che se scegli di fare una politica di economia per ripristinare gli equilibri economici del club, difficilmente in A ti salvi. Il cerchio è questo. Sui rapporti con Volpi è chiaro che si sono voluti nascondere, ma da entrambe le parti fino ad un certo punto. Pure il ligure nigeriano aveva negato. Perché? Chiaro che in quel periodo tra i due c’era un rapporto d’affari, che tra l’altro secondo me (ma questa è una mia ipotesi) non riguardava solo il calcio. Volpi però nonostante abbia espressamente chiesto la restituzione dell’eventuale debito che Setti avrebbe con lui, ha mai parlato di voler entrare nel Verona? Assolutamente no che mi risulti. Nel frattempo ha avuto rogne giudiziarie di vario tipo, il caso Carige, ha mollato il Rjeka nelle condizioni di debito sotto riportate – e guarda caso quella società fu costretta a vendere le due principali stelle all’estero per tornare parzialmente coi conti, esattamente come accadde qui, a me torna molto… -, si parlava di un suo interessamento per la Sampdoria mai andato in porto, e a La Spezia dopo che ogni anno era costretto ad appianare di tasca sua i bilanci anche con le banche (perché lui può) – vai a cercarti articoli in questo senso per capire meglio il tutto -, ora pare stia disinvestendo anche là.

                                                                                              • Martino scrive:

                                                                                                Quindi per te è una cosa normale che dovessimo fare un mercato a costo 0 per non dover fallire? Ma ghe la feto?? <>. Struca struca significa che se avesse tentato di porre rimedio al mercato indegno di Fusco senza riuscire a tenere in Verona in A, il Verona sarebbe fallito. Hai risposto solo a una delle schifezze settiane che ho elencato…e tutte le altre? Non ti fai domande? Tutto bene? Tutto normale? Ma poi cosa me ne frega delle insolvenze o dello stato di dissesto delle centinaia di società riconducibili a Volpi!! Cosa me ne frega del Fiume Calcio!! Cosa caspita c’entra??

                                                                                              • Simone scrive:

                                                                                                Aggiungo un piccolo appunto. Secondo le regole del FairPlay finanziario (https://it.uefa.com/community/news/newsid=2065465.html leggi qui per capire veramente di cosa si tratta), una società per autofinanziarsi necessita di due cose oltre alle entrate ordinarie (che di sicuro non permettono dati alla mano di fare investimenti importanti data la situazione debitoria delle squadre italiane e non solo – guarda anche qui i dati , li avevo riportati di recente): plusvalenze ed eventualmente un intervento diretto del proprietario stesso. Al di là dei 7,5 milioni messi da Setti per contribuire parzialmente alla salvezza del club dopo il campionato 2015/16, accertato, ha espressamente detto che al contrario di Martinelli lui di suo non metterà più nulla. Ed in un mondo in cui questo aspetto/intervento è spesso la regola per salvare le baracche, questo è l’aspetto che io personalmente gli contesto. Tradotto: se non ti puoi permettere i rischi del caso, non sei adeguato a possedere una società a questi livelli. I conti tornano dopo il periodo di crisi (vedi tra le altre cose il famoso anticipo del paracadute sempre del 2016, vero anno 0 dell’era Setti), ma pensare che ci si possa consolidare in A come io da tifoso auspico con questa premessa, e senza fare brogli alla Campedelli, per me è impossibile. Il resto non può essere che una logica conseguenza.

                                                                                              • Martino scrive:

                                                                                                C’è una sentenza del Tribunale del Lussemburgo che CONDANNA H23 spa, in stato di liquidazione da mesi quindi ormai priva di patrimonio, a RISARCIRE una società di Volpi che aveva acquistato le obbligazioni convertibili, fatte confluire poi in HV7 spa e infine in Star ball spa. Mi spieghi cosa non ti è chiaro di questo dato di fatto incontrovertibile? Sei assurdo.

                                                                                                • Simone scrive:

                                                                                                  Ripeto nuovamente. La società del Verona in risposta a questo ha scritto:
                                                                                                  “ HV7 non ha finora ricevuto alcuna notifica di istanza di fallimento; se in futuro ciò avverrà, HV7 si difenderà nelle sedi opportune, dimostrando l’inesistenza del credito vantato da Santa Benessere – non esiste alcuna sentenza, che accerti detto credito, essendo ancora pendente la causa avanti il Tribunale di Genova – e comunque la sua indubbia capacità finanziaria a pagare eventualmente quanto dovuto;
                                                                                                  - riguardo la vicenda lussemburghese, è tuttora pendente il processo d’appello e non c’è una sentenza definitiva che abbia accertato il credito vantato e/o gli altri crediti genericamente e infondatamente indicati dagli organi di stampa;
                                                                                                  - per quanto concerne il trasferimento delle azioni di Hellas Verona, si tratta di normali, valide e trasparenti operazioni societarie infra-gruppo, che non hanno alcun intento fraudolento, ma solo quello di meglio riorganizzare e razionalizzare i rapporti all’interno del gruppo societario, che ha sempre mantenuto la capacità economica-finanziaria per soddisfare regolarmente le proprie operazioni;
                                                                                                  - nessun organo giudiziario ha mai riconosciuto e/o accertato lo stato di insolvenza di HV7 e/o di H23; se ciò fosse avvenuto, da tempo sarebbero state dichiarate fallite.” Chiaro che di chiaro non c’è nulla finché non ci sarà una sentenza?

                                                                                              1. Martino scrive:

                                                                                                Mi spiace Simone, per me non sei un tifoso del Verona. Continuo a crederlo fermamente. Confido in Cesare Settore Superiore.

                                                                                                1. Martino scrive:

                                                                                                  Simone, invece di rivangare le interviste fatte al Presidente, che ricordo come se risalissero all’altro dì, torniamo alla gestione estremamente torbida del carpigiano. Perché setti ha mentito e ritrattato per TRE volte sui suoi rapporti con Volpi? Perché setti è l’unico presidente di serie a che, invece di lasciare che i grandi club rilancino continuamente per i nostri gioielli, si reca nelle sedi di detti club con prole appresso per fissare le cifre delle cessioni a gennaio? Perché non reinveste nel Verona nemmeno 1/4 dei proventi derivanti da diritti tv, “paracaduti” e plusvalenze? Da dove deriva la necessità di chiudere sempre il bilancio in pareggio, fatto bizzarro per una società che desidera crescere ampliando gli investimenti? Perché vendette Donsah dopo 6 apparizioni in serie a, nonostante la cessione di Jorginho che sarebbe servita per chiudere l’esercizio in pareggio? Perché dovette architettare la vendita fittizia del marchio Hellas Verona registrando un’entrata di 18 milioni, se aveva ceduto Jorginho e Iturbe a suo dire per colmare appunto le passività? Perché si è liberato dopo il primo anno di Serie A del capitano Maietta, uno dei simboli della nostra cavalcata fino alla serie a? Perché fece lo stesso poche stagioni più tardi con Hallfredsson e Gomez senza essere in grado di sostituirli degnamente? Perché prese in giro Toni per un anno, fingendo di essere pronto a dargli un ruolo dirigenziale operativo, salvo poi metterlo contro il plenipotenziario Fusco per riuscire a ritagliarsi anche solo un ruolo marginale? Perché, nonostante i pochissimi investimenti fatti già dall’ultimo anno di Sogliano a Verona, dovette chiedere un anticipo del paracadute all’assemblea di Lega? Perché l’anno dopo divenne nuovamente imperativo retrocedere a comando, come riportato dallo stesso Pecchia in una famigerata intervista alla Gazzetta? Perché non si era preoccupato di economizzare la gestione dell’Hellas Store, che arrivò ad avere rimanenze di magazzino per un valore stimato di circa 900.000 euro? Podarea nar avanti, ma gho da far

                                                                                                  1. wallace scrive:

                                                                                                    simone
                                                                                                    quando si parla di argomentazioni, si dovrebbe anche sostenerle. Nel senso, non esiste che ogni appunto noi facciamo a setti, tu venga fuori sempre sostenendo l opposto, con la scusa che noi, popolino e spettare pagante e non, non possiamo provarle. Intanto, non e assolutamente vero che un imprenditore come Martimelli non avrebbe fatto niente, xche con la sua attivita non poteva supportare niente. Martinelli, invece, premeva x un centro sportivo, x uno stadio di proprietà. Fare uno stadio, da quel che sento, può costarti 50 ml, uno stadio da 25000 posti, vedi progetto dei mazzi, o anche meno. Se tu x il 60% hai il credito sportivo che finanzia, credo che anche l anno prossimo, con la valanga di soldi che ti ritrovi, puoi farlo benissimo. Basta dire ai tifosi..guardate..abbiamo preso questo impegno, se non riusciremo a prendere giocatori adeguati, sappiate che dobbiamo ammortizzarci l investimento. Tutti capirebbero che sta costruendo x l hellas. Ci vuole poco x far capire che vuoi bene alla squadra, questo invece lavora solo x le sue finanze, non è lui che finanzia l hellas, ma e l esatto opposto

                                                                                                    • Martino scrive:

                                                                                                      È proprio questo il problema. Rintuzza ogni commento riguardante le società di setti attraverso sue considerazioni, insistendo sul fatto che le sue opinioni avrebbero un fondamento logico, differentemente da quelle degli altri, quando invece non è in grado nemmeno lui di sostenere fino alla fine la sua difesa ad oltranza sulla presunta buonafede del vampiro carpigiano. È un atteggiamento piuttosto scorretto e francamente molto fastidioso. Se non è un agente settorelliano, come ho ipotizzato in passato, è senza ombra di dubbio un megalomane.
                                                                                                      P.s. Non dimentichiamoci il progetto che avrebbe portato all’azionariato popolare voluto fortemente da Martinelli e sostenuto da Verona col cuore. I dibattiti e gli accordi che si stavano prendendo nel 2011/2012, se si fossero concretizzati, avrebbero cambiato per sempre la nostra storia.

                                                                                                      • Simone scrive:

                                                                                                        Quello che spero di riuscire a portare non è mica la verità. Quella credo e spero nessuno abbia la presunzione di portarla. Quello che vorrei è riuscire semmai, attraverso un’opera di ricerca corredata da ragionamenti sulla nostra realtà contestualizzata dentro la realtà complessa e di sicuro non pulita è piena di buchi del calcio italiano, a portare notizie e dubbi che dovrebbero quantomeno far riflettere. Martino, leggendo quello che scrivo delle riflessioni “alternative” ti vengono oppure no? Questo è il punto, non i bracci di ferro inutili.

                                                                                                        • Martino scrive:

                                                                                                          Ti fermo subito Simone. Nessuna presunzione di avere la verità in tasca. Leggi quanti condizionali e quanti “se” ho scritto nel mio commento di ieri sera. A te non va proprio che qualcuno ipotizzi la malafede del carpigiano, e non si riesce a capire il motivo. Ma davvero hai il coraggio di chiedermi se mi vengono dubbi leggendo ciò che copi e incolli? E perché non sorgono dubbi a te quando wallace ti riporta gli articoli in cui si parla della sentenza del Tribunale del Lussemburgo che condanna H23 spa a risarcire una delle società di Volpi per i bond sottoscritti e mai liquidati secondo gli accordi presi fra lo stesso Volpi e Setti? Dai dai…

                                                                                                    • Simone scrive:

                                                                                                      Martinelli avrebbe voluto un centro sportivo eccetera, ma non ce l’ha fatta a portare avanti questi suoi desideri. Riporto ancora una volta: ” Un uomo solo al comando: «Per ora è così. Lo ammetto: sono deluso dall’imprenditoria veronese. La mia sofferenza è questa. Vorrei trovare dei soci, qualcuno che mi affianchi. Invece sto ancora aspettando. E pensare che io, per l’Hellas, impegnerei anche le mutande». Il presidente racconta il suo grande sogno: «Lo stadio dell’Hellas. A gennaio presenteremo ufficialmente il progetto, rendendolo pubblico. Ne ho parlato in Comune, ho incontrato disponibilità. Il futuro del Verona è questo». Si può fare? I beninformati dicono di sì, e Martinelli aggiunge: «Non è un problema la categoria in cui gioca il Verona, perché questa squadra attira passione e attenzioni continue. Per quanto siamo in Lega Pro, c’è un pubblico che assicura numeri eccellenti, c’è il seguito che abbiamo e che fa comprendere quanto straordinario sia il potenziale che c’è».«Qualcosa si potrebbe muovere a breve. C’è un fondo di investimento francese con cui stiamo parlando», rivela. Interessi ci sono anche sullo stadio, il patron dà indizi precisi: «Una grossa azienda che opera nel settore dell’intimo femminile, veronese, potrebbe apporre il proprio marchio alla struttura». Il piano, il padrone del vapore di via Torricelli, lo enuncia con cautela, ma, allo stesso tempo, con fermezza. Un buffetto e via: «Potrebbero partecipare più soggetti. A trarne giovamento sarebbe il Verona, a cui assicureremmo introiti costanti e lunga vita. Chiederemmo le autorizzazioni, e, nel giro di tre anni, avremmo un nuovo impianto. Una casa soltanto nostra, pronta per il 2014».Al Verona molte cose sono girate storte. Ma non mollo, resto. Però occorre anche che ci sia chi mi possa dare una mano». «Ho sentito molte parole, finora. Mancano i fatti». Il grazie enorme che dobbiamo a Martinelli è che ci ha veramente rimesso del suo per rigenerare e rilanciare il Verona, ma sappiamo altrettanto bene che dopp aver ripianato i debiti con soldi propri e aver rilanciato sempre da solo il progetto Verona, non ce la faceva più, per motivi di salute ma anche e soprattutto per i sopra citati. Infatti: “Se si presenta l’occasione, cedo la società al primo che passa. Non è possibile che gli sforzi fatti personalmente, nell’intento di abbassare il più possibile le spese di gestione per portare avanti la società nel migliore dei modi, vengano puntualmente messi sotto i riflettori per essere criticati.”
                                                                                                      Link interessante per capire e ripassare un po’ di cose: https://www.hellas1903.it/senza-categoria/tutto-quello-che-avreste-voluto-sapere-sullhellas-e-non-avete-mai-osato-chiedere/

                                                                                                    1. Martino scrive:

                                                                                                      Cesare settore superiore, il buon Simone, tempo fa, per respingere la mia ipotesi che lui fosse un agente del carpigi-ano, aveva opposto, come prova inoppugnabile della sua fede gialloblu, la tua conoscenza/amicizia, suggellata addirittura da alcune cene. Potresti confermare o smentire tali affermazioni? Non è che mi stia sulle balle, par carità, ma la solerzia e lo zelo con cui accorre in soccorso del vampiro della bassapadana non riesco assolutamente a comprenderli. Forse sarò un po’ ossessivo, ma i sospetti che avevo già qualche anno fa su alcuni utenti si sono poi rivelati fondati. Vorrei solo capire se mi trovo di fronte ad una brava persona che ingenuamente spera di non essere manipolato da un faccendiere senza scrupoli, o se invece sto avendo a che fare col commercialista de sbirulino. Porta pazienza se ogni tanto ti consulto come un oracolo. Ciao!

                                                                                                      • Simone scrive:

                                                                                                        Vedi Martino, il fatto che tu pensi che io sostenga che Setti sia un santo senza peccato non ha nessuna ragion d’essere. E sulla mia buona fede sicuramente avrai presto risposta da parte di Cesare, a cui avevo detto proprio durante le due/tre cene che ho condiviso con lui una volta e anche con altri poi, ciò che pensavo e che penso tutt’ora. Ovvero sostanzialmente che per me non esiste che un imprenditore del suo livello (basso per la categoria, e in una squadra che non né particolari “appoggi di palazzo” né ha incassi maggiori di altri, anzi) possa pensare di competere realisticamente nel campionato di serie A. Con lui (inteso come lui soltanto) il famoso consolidamento in A non ci potrà mai essere. Come non ci sarebbe mai potuto essere con Martinelli, al di là delle evidenti differenze tra i due. E come a dir la completa verità non c’è mai stato da quando seguo il Verona, ovvero dal campionato 1990/91. So benissimo che a certi livelli non esiste alcun personaggio che entra per nulla o per pura passione. E la mia idea sul perché sia entrato mi pare d’avertela già espressa ed argomentata piuttosto bene. Sulla questione in sé, cioè quella da te sotto riportata, ho riportato a mia volta una serie di ragionamenti sostenuti da concetti, dichiarazioni e non dichiarazioni e da fatti. Mi limito a dire che per sostenere una conversazione corretta, su quelli si dovrebbe rispondere. Grazie.

                                                                                                        • Martino scrive:

                                                                                                          Te l’abbiamo detto già diverse volte sia io che wallace…il punto è che hai una lettura molto frammentata e parziale della situazione finanziaria del Verona, assorbi solo le informazioni apparentemente e sostanzialmente positive o neutre. Uno può scrivere commenti chilometrici, riportare virgolettati di testate giornalistiche e sentenze emesse da tribunali, ma niente, tu non li vedi a vai dritto per la tua strada. Il tuo pensiero non si modifica nemmeno di fronte a certe evidenze. Ad un certo punto mi risulta anche difficile discutere con te; diventa un esercizio di banale eloquenza. Non prendertela Simone. Chiediti piuttosto per quale motivo lasci interdetti alcuni utenti con le tue considerazioni.

                                                                                                          • Simone scrive:

                                                                                                            “Il punto è che hai una lettura molto frammentata e parziale della situazione finanziaria del Verona, assorbi solo le informazioni apparentemente e sostanzialmente positive o neutre.” A parte che se tu facessi una ricerca su cosa dicevo di questa proprietà e quante parole mi sentivo dire allora (e chissà perché difficilmente trovavo chi mi appoggiava, che strana costante…), avresti le idee più chiare e complete sul mio pensiero a proposito, potrei dire la stessa cosa di te sostituendo positive o neutre con negative. In realtà io tento semplicemente di elaborare le informazioni di cui siamo in possesso, contestualizzarle nel contesto calcio italiano (che è piuttosto marcio nel complesso , d’accordo? Non facciamo finta che una verginella ci si possa muovere come un bimbo saltellante tra i prati in fiore), tentare di capire cosa può fare e non fare una proprietà di questa potenza economica ed emettere un parere in base a questo. Parere che ripeto in breve per l’ennesima volta: impossibile pensare ad un consolidamento in A con un presidente così poco in carta per la categoria. “Uno può scrivere commenti chilometrici, riportare virgolettati di testate giornalistiche e sentenze emesse da tribunali, ma niente, tu non li vedi a vai dritto per la tua strada.” Quello che ha riportato più virgolettati credo di essere io. Cosa che mi è stata fatta notare più volte come inutile (che balle leggere tutte ste righe…). Tra questi virgolettati ne aggiungo un altro, che dovrebbe ricordare qualcosa e che riguarda la situazione economica di una squadra, il Rjeka, nel momento in cui il ligure-nigeriano l’ha lasciata… “A metà dicembre si diffonde la notizia: il Rijeka ha un forte passivo di bilancio da risanare. Intanto da parte della proprietà si sono cominciati ad avvertire scricchiolii. Divenuti reali e tangibili in data 29 dicembre, quando un comunicato annuncia il cambio di proprietà. Social Sport cede a Teanna Limited. Di fatto Damir Miskovic la rileva, e ne rimane presidente. Lo era anche sotto Volpi, del quale è storico collaboratore. “Da quello che so erano già diversi mesi che Volpi stava tirando la corda, minacciando di lasciare la squadra se determinate condizioni fossero venute meno. … sono stati ceduti così altri quattro undicesimi di quella squadra, ed anche il capitano Males è dato in partenza. ‘Peccato, stavano creando un bel movimento calcistico, anche a livello giovanile. Dopo la grande crescita degli ultimi quattro-cinque anni la situazione attuale è piuttosto difficile da capire’ “. https://www.google.it/amp/s/m.tuttomercatoweb.com/amp/serie-a/esclusiva-tmw-fuga-da-rijeka-l-esodo-post-volpi-visto-dagli-addetti-ai-lavori-1064026 Sarà una Fatalità…

                                                                                                      1. Martino scrive:

                                                                                                        Per Wallace, riesco solo a risponderti qui sotto.
                                                                                                        Se il vampiro di Carpi avesse desiderato manforte da altri imprenditori che possono contare su patrimoni molto più consistenti del suo a garanzia di eventuali passività dovute ad una gestione dilettantistica delle già ingenti risorse che vengono distribuite dalla Lega di Serie A, di cui si sono effettivamente resi responsabili i dirigenti del Verona da Gardini a Barresi, avrebbe certamente cambiato la composizione societaria attraverso un aumento del capitale sociale, che implica (molto spesso ma non sempre) la vendita di azioni di Star Ball o comunque della controllante che sta al vertice della holding. Setti invece ha fatto il gioco delle tre carte addirittura con un suo amico di vecchia data, anzi, del suo padre putativo Gabriele Volpi. Scommetto che le obbligazioni che gli ha venduto avevano un termine brevissimo per la conversione in azioni ed erano anche “truccate”…scaduto quel termine, invece di prevedere la restituzione delle somme versate dagli obbligazionisti, il vampiro carpigiano ha potuto assorbirle per un diritto di prelazione che ha tenuto nascosto al nigeriano. Questo significa che avrebbe agito legalmente e dimostrarne la malafede diventerebbe molto complicato.

                                                                                                        • Martino scrive:

                                                                                                          Anzi, potrebbe aver fatto questo giochetto prima che scadesse il termine delle obbligazioni. Ricordo che la seduta straordinaria dell’assemblea dei soci fu indetta in pochissimo temo, senza darne notizia, quasi clandestinamente. Sta di fatto che ha fregato un uomo potente attraverso gli organi della società che controlla l’Hellas Verona, quindi, qualsiasi cosa succeda, ci andremmo di mezzo noi.

                                                                                                          • Simone scrive:

                                                                                                            Volpi non so se potesse avere interessi con enti locali veronesi, altrimenti una squadra di calcio per riciclare soldi lui ce l’ha già. Le obbligazioni sono convertibili in azioni solo in caso di offerta esplicita di chi le ha emesse. E chi ne è in possesso decide se farsele rimborsare a scadenza o se diventare azionista. Per capire come stavano le cose, le ipotesi contano zero, bisognerebbe sapere e leggere quali fossero i contratti tra le parti. Per capire meglio di cosa si sta parlando: https://www.dirittoprivatoinrete.it/societa/spa/le_obbligazioni_convertibili_in.htm
                                                                                                            Volpi di fatto non ha mai dichiarato di essere interessato ad entrare direttamente nel Verona, e anzi se n’è verosimilmente staccato. L’unica vera cosa che ufficialmente ha chiesto a Setti è questa: “Le azioni del Verona sono state trasferite prima da HV7 a HV23 e poi da HV23 a Star Ball srl, attuale socio, tutte società amministrate da Maurizio Setti, unicamente per sottrarsi al pagamento dei debiti”. Ovvero gli eventuali debiti su cui il tribunale dovrà fare chiarezza. Perché anche considerando la risposta di Setti stesso, di chiaro, come in parecchie delle vicende che riguardano l’imprenditore ligure-nigeriano (leggere per credere http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/01/15/news/gabriele-volpi-il-miliardario-che-fa-affari-con-il-calcio-1.317003) non c’è proprio nulla: “Va comunque precisato che:
                                                                                                            - HV7 non ha finora ricevuto alcuna notifica di istanza di fallimento; se in futuro ciò avverrà, HV7 si difenderà nelle sedi opportune, dimostrando l’inesistenza del credito vantato da Santa Benessere – non esiste alcuna sentenza, che accerti detto credito, essendo ancora pendente la causa avanti il Tribunale di Genova – e comunque la sua indubbia capacità finanziaria a pagare eventualmente quanto dovuto;
                                                                                                            - riguardo la vicenda lussemburghese, è tuttora pendente il processo d’appello e non c’è una sentenza definitiva che abbia accertato il credito vantato e/o gli altri crediti genericamente e infondatamente indicati dagli organi di stampa;
                                                                                                            - per quanto concerne il trasferimento delle azioni di Hellas Verona, si tratta di normali, valide e trasparenti operazioni societarie infra-gruppo, che non hanno alcun intento fraudolento, ma solo quello di meglio riorganizzare e razionalizzare i rapporti all’interno del gruppo societario, che ha sempre mantenuto la capacità economica-finanziaria per soddisfare regolarmente le proprie operazioni;
                                                                                                            - nessun organo giudiziario ha mai riconosciuto e/o accertato lo stato di insolvenza di HV7 e/o di H23; se ciò fosse avvenuto, da tempo sarebbero state dichiarate fallite.”

                                                                                                        1. bardamu scrive:

                                                                                                          Giusto il pareggio? Già alla fine del primo tempo potevamo pareggiare se solo Pessina non si fosse divorato, completamente solo dinanzi alla porta, un gol già fatto. Nel secondo tempo è stato un assedio. Basta leggere le statistiche ufficiali sul sito della Lega Calcio per rendersi conto che il pareggio ci va strettissimo.

                                                                                                          1. Cesare Settore Superiore scrive:

                                                                                                            Certo che come se fa adesso a ciamarlo ancora sbirulino?
                                                                                                            L’ha parfin buta’ via el patetico paleto’ a quadri, quella insulsa scopiazzatura de le mitiche giachette de Febo Conti anni ’70.
                                                                                                            Ne toca cambiarghe el soranome, sbirulino ormai nol va piu’ de moda. Vardando la foto che imperversa da domenica scorsa, con quela so solita aria da sboron arricchito direa proprio de cominciar a ciamarlo el pappon.
                                                                                                            Secondo mi el ghe se addice de piu’

                                                                                                            1. Mauro Micheloni scrive:

                                                                                                              Riguardato alla tv. È Di Carmine che colpisce con il corpo avanti rispetto alla traiettoria della palla a invece di spazzare indirizza addosso a Silvestri che non trattiene e Bani da un passo segna.

                                                                                                              1. wallace scrive:

                                                                                                                gavemo
                                                                                                                un grande attaccante, el segna quasi, ma nela porta sbaiada. Unico appunto che faccio a juric, aver messo pazzini solo x 10 minuti, compreso recupero. Poteva farlo giocare mezzora, uno in 10 minuti neanche si scalda. Ma dovra far vedere di carmine, magari chiede 4 o 5 ml, chi lo sa..Il distruttore seriale ha gia cominciato la sua opera, gia peraltro ben avviata da 7 anni..nell ambiente lo chiameranno sicuramente ..PRESTEME..a volpi ha detto presteme, quando va a sentire x i giocatori presteme..la ditta presteme e c. ,che mi incasso, e me tegno, viaggia a gonfie vele..lu l incassa e el tifoso el se incassa

                                                                                                                1. pinkhellas scrive:

                                                                                                                  A parte quel che o visto mi, le kombulla che da di testa verso la ns porta, rimane di fatto che bareta fracà se la rida e de Verona non ghe ne FR€GA un c….. Fin a prova contraria….

                                                                                                                  1. ak47 scrive:

                                                                                                                    pensa pensa pensa a disfar la squadra

                                                                                                                    1. Riccardo scrive:

                                                                                                                      bravo
                                                                                                                      ora Setti sarà S€TTI

                                                                                                                    Lascia un Commento

                                                                                                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                                                                    Accetto i termini sulla privacy

                                                                                                                    *