09
gen 2019
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 34 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.332

NO TOPIC! (spero per ora)

Prima di tutto mi scuso con l’Amico Gigi, l’ Editore, perchè da un paio di giorni SAREI in grado di scrivere qualcosa.

Poi mi scuso con tutti voi lettori-scriventi o semplici lettori.

Motivo?

Mica facile!

Circa due anni fa, quando nessuno ne parlava, scrissi che stavano proliferando GLI ODIATORI.

Qualcuno, forse più di qualcuno, mi diede del “visionario” e che, dati i miei studi (io aggiungo le mie numerose relazioni interpersonali), “SOCIOLOGIZZAVO”(??!!) una cosa sempre esistita e sotto controllo (??).

Ma come, ma quando, dal dopoguerra a… IERI?

Forse leggo troppi giornali? (pare sia diventato un reato)

I miei quotidiani di riferimento sono il moderatissimo “La Stampa”(perchè scrive di politica estera in modo decente e NOI, fortunatamente, non siamo ancora UN VILLAGGIO), ed il “freak ” e complesso IL FOGLIO.

Leggo gli editoriali del Giornale, di Libero, de la Repubblica e sempre meno il Corriere.

Non leggo e non leggerò mai Il Fatto, il “travaglismo”(anche quello anti-berlusconiano per intenderci), non è mai stato pane per i miei denti e adesso che dirige un quotidiano meno ancora.

E allora?

Allora aspetto di “calmarmi un poco” e magari tornerò a scrivere di cose semplici (senza essere un ammiratore di Giovanni Pascoli, che forse era “buono”).

A presto,

Spero.

1.332 VISUALIZZAZIONI

34 risposte a “NO TOPIC! (spero per ora)”

Invia commento
  1. Cesare Settore Superiore scrive:

    Nino, seto che me piaserea dal bon veder Salvini che tenta de caricarme finche’ son drio tacar un par de fumogeni?
    E chissa’ chi scapparea tra mi e lu…

    1. Gazza scrive:

      Un incubo mi ha svegliato, ho sognato che i seguaci di un guitto ex comico consunto riverseranno miliardi ad una zona del paese dove da secoli hanno imparato l’arte di fregare tutto e tutti.
      Non fanno ridere come l’incommensurabile Totò e Peppino.
      Ditemi che non è vero.
      E l’economia industriale, vera produttrice di ricchezza, con molti distinguo critici, sembra un elemento voluttuario.
      Ditemi che non è vero, mentite anche.
      Poi leggo delle “opinioni” fecali che questa accozzaglia esprime sulla stampa, senza il minimo cenno di contradditorio per dimostrare la loro non veridicità ma aizzando il loro popolo bovino e stop.
      Attenti gente, non lamentatevi DOPO!

      1. Gazza scrive:

        Ho visto VICE- L’uomo nell’ombra, al cinema, e corro i miei rischi.

        Lasciate perdere se non siete ineressati alla Storia Politica Americana degli ultimi vent’anni, con u taglio più da teatro che da film.
        Io al cinema sono stao sempre un “cul di pietra” (sono uscito prima UNA sola volta nella mia vita).
        Poi fate voi

        • marxe scrive:

          Caro Don Ninuzzo, non ti ho ascoltato e mi sta bene.
          Il fatto è che un nostro comune conoscente, attivista politico, mi ha detto ” be si Gazzini di cinema se ne intende, ma sono anni che è lontano dalla politica e certe cose non le elabora più..”.
          Che ghe vegnesse un colpo!
          Ciao

        • chivers scrive:

          Io credo di essere uscito (dal Marconi) solo per “Sussurri e grida” , devo anche dire che i film di Ingmar Bergman li avevo visti in tivù da ragazzetto e non ci avevo capito granché… e proprio per questa difficoltà non li ho più “ripresi in mano” e quella volta lì credo sia stata una scelta di gruppetto, ma azzardo ancor a dire la stessa cosa appena fuori:«mammamia che pacco!!!»
          Su VICE, beh non l’ho visto e non so se andrò… maaaaa il “lasca perdere” a mi no te me lo disi mia!!!!! ;-)
          E adesso musica!
          https://www.youtube.com/watch?v=s28e335Ub0c
          (solamente ascoltabile)

          https://www.youtube.com/watch?v=IOWsm3jX600
          (questo l’è uno forte)

          • marxe scrive:

            Eh Chivers elo che cambiamento ti da una visita all’aereoporto??
            Dopo occorrerebbere loro qualche visita più approfondita :)

        • Gazza scrive:

          Gli errori di battitura sono frutto della ingovernabile noia.

        1. italiano e europeo scrive:

          Quando non si hanno idee per risanare il paese si fa cinema e circo.
          E’ quanto avvenuto per l’atteso arrivo di un latitante, uno dei troppi ancora in libertà, e spero per poco.
          Non sono mai stato di sinistra e poco, pochissimo conta, e sono felice per l’arresto di Battisti, ma il modo in cui è stato spettacolarizzato è umiliante per la patria di Cesare Beccaria.
          Scusi davvero per l’intromissione nella sua rubrica,che seguo da anni dove lei cerca di creare un po’di relax per le nostre miserie quotidiane.
          Non so se la musica postata da Chivers avesse attinenza con i fatti di cui ho scritto, ma è stata parte della mia voglia di scriverle.

          • Gazza scrive:

            Caro Italiano e Europeo, quando catturarono il super latitante Totò Reina, che di omicidi ne aveva il centuplo di Battisti, dopo un momento di normale euforia dei POLIZIOTTI (!) che lo catturarono, tutto ebbe il suo normale decorso.
            All’arrivo del criminale latitante Battisti, mi pare mancasse solo la Banda d’Affori e la pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori.

            PS
            Il Ministro Salvini, a forza d’indossare le felpe della Polizia si sente anche e minimo un Commissario.
            Lo aspetto a guidare qualche carica contro i facinorosi e violenti delle varie curve da stadio e lui può essere un fenomeno tattico, visto che ne ha sempre fatto parte e conosce i trucchi.

          • paperinik scrive:

            Mi intrometto e mi scuso con te e il Gazza.Penso tu abbia ragione, considerando che se non cambiava il vento in Brasile, niente sarebbe accaduto.Poi..non mastico di politica e non dico altro.Quello che chiederei a qualcuno è se ci si è sforzati di leggerlo Battisti.Qualche tempo fa ho provato.In qualche biblioteca lo trovi.Mah..personalmente di quelle poche pagine sono rimasto abbastanza perplesso…

          1. chivers scrive:

            Musica suadente… di uno dei personaggi “mancati” nel 2017 e celebrati in una serie di topic dello scorso inizio d’anno.
            Un bel duo “At the airport”
            https://www.youtube.com/watch?v=EnFO8-eE5U4

            1. Gazza scrive:

              Sto cercando un Topic lontano dalla politica attuale, ma è quasi impossibile, per una “giusta” che ne fanno, ricorrono tre puttanate da “SOCIAL me ben in ponta, mo’ gnan al fuss a ciocoleda (espressione emiliana imparata mezzo secolo fa e mai dimenticata).
              Amigos ci sto provando e la scelta (evitando la sociologia come la peste, che poi ritorna e il Salvinciskny -il polacchetto – potrà dare la colpa ai “negher”).
              Devo trovare qualcosa col “ciuccio”, capiamoci: mia madre era senza latte e soldi per la balia :D :D :D ).
              Credo sinceramente d’essere tettomane e non potendo confessarlo in chiesa, mi espongo ennesimamente al pubblico ludibrio (o lubrico?).
              Odio Baglioni.
              Ma nooo, non per i migranti, ci mancherebbe, ma per quella “… sua maglietta fina, tanto stretta che quasi immaginavo tutto…”.
              L’analisi di un grande esperto quale sono, non può trattarsi che di una 32 coppa A, massimo coppa C.
              Io comincio a discutere mi-ni-mo su una 34 coppa DD.
              Essendo un “sociologo” informo tutti coloro che sono attratti dal seno piatto, pur su una bellezza, hanno un angolo cerebrale, minimo 180°, di “attrazione androgina”
              Se poi mi diventano omosessuali, avanti con la società mista.
              Ma di cosa vi preoccupare, tra 150/200 anni, il mondo sarà governato dalle Drosophile (o moscerini della frutta, geniali oggetto di studi).
              >> https://www.youtube.com/watch?v=d-diB65scQU

                1. vax vax scrive:

                  Gazzini talora lei è un analista politico di prim’ordine.
                  Lei scriveva della Cina prossima padrona dell’Africa e adesso nel “suo” Kenya renderanno obbligatorio lo studio del cinese, lo fa già anche l’Uganda.
                  Non è uno scherzo, mi creda.

                  • Gazza scrive:

                    Caro Vax, per chi frequenta il Kenya non per turismo, guarda i TG e si fa tradurre quelli in Swahili e legge un quotidiano, non ha nulla di “profetico”.
                    Se poi pensi che i cinesi hanno costruito in tre anni la nuova ferrovia Mombasa-Nairobi, sostituendo quella ferraglia lasciata dagli inglesi, si capisce meglio.
                    Va detto anche che alcune etnie kenyane hanno una notevole predisposizione ad imparare lingue nuove.
                    Non ne sono sicuro, ma credo che il primo tentativo sia stato fatto nelle scuole del Sud Africa.
                    Ragioni culturali?
                    Le ricchezze minerarie dell’Africa sono ancora da scoprire.
                    L’unica curiosità è come mai i cinesi non abbiano ancora messo lo zampino in Congo, dove c’è oltre il 50% del Cobalto, elemento ssolutamente indispensabile per tutte le nuove tecnologie.
                    Vero che in Congo c’è un po’ di casino, ma si sa che i cinesi sono pazienti.
                    Saluti

                  1. giallo pallido scrive:

                    Caro Segretario, sei stato il mio stimato capo per anni.
                    Visto che hai comiciato a fare qualche accenno alla politica, scrivo il mio primo e ultimo post, anche se ti leggo fin dalla nascita del blog.
                    Ho votato 5 stelle per rabbia, pessima consigliera e ora sono pieno di dubbi.
                    Taranto andava salvata, la TAV va fatta e pure la TAP, senbrano ridicoli acronimi, ma decisiviper il nostro paese.
                    Il reddito di cittadinanza incrementa l’assistenzialismo fine a se stesso e la quota CENTO per le pensioni cosa costerà nelmedio lungo periodo?
                    Ho votato contro il referendum di Renzi per non aumentare il suo ego, ma ce ne pentiremo, speravo che Renzi, non certo il peggiore, specie se raffrontato agli attuali, si faccia da parte per ricominciare (forse…).
                    Mi rendo conto che questo non è che un volgare sfogo e mi scuso.
                    Con stima, Luciano dell’ex cdf Abital, fabbrica da TE salvata, anche con metodi discutibili, e mi ha permesso di andare in pensione dopo 40 anni di lavoro, e la si lavorava duro dopo il tuo salvataggio, e molti dei nullafacenti ce l’avevano con te.
                    Ma so che non ti tange minimamente.

                    • Gazza scrive:

                      Caro Luciano,
                      dopo 38 anni la memoria sui volti, specie quelli maschili…, è davvero offuscata.
                      Ti ringrazio per i riconoscimenti, ma NULLA avrebbe potuto essere risolto senza quei vostri 40 giorni di corretta ed esemplare lotta.
                      Dopo che la Montedison mi disse personalmente che “non eravate più un asset di loro interesse”, con un trucco noto a pochi, misi in competizione due acerrimi nemici del settore, fu la mossa vincente.
                      Sono ovviamente felice che tu possa godere della meritata pensione dopo 40 anni di lavoro, spesso duro per chi conosce il settore, ma eravate tra i migliori e anche questo concorse alla risoluzione di una vicenda che pareva senza sbocchi, con 600 persone messe in strada.

                      Sulla tua riflessione politica non ho commenti da fare, cioè li avrei, ma non li espongo per correttezza.
                      Un cordialissimo saluto.

                    1. old Friend scrive:

                      Esatto Gaz, proprio QUELLA!.
                      Vedi che la memoria, nonostante l’età, ah ah, non ti ha ancora abbandonato.
                      Ti porto i saluti di Tarzaneto che non sa neanche cos’è un blog, ma è sempre un gran numero e ripete che però “ai bei tempi lui era il numero due”, facile sapere a chi pensi come numero uno.
                      Ciao

                      • Gazza scrive:

                        Moon…
                        ma quale memoria e memoria, quello è un “concetto” tormentone che uso da una vita:
                        “Per fare un uomo ci voglion vent’anni (almeno), per farne un IDIOTA un paio d’ore di certa TV…” (oggi anche meno, ma meno-n.d.G).
                        Dighe al Tarzaneto che el numaro UNO l’è sempre stà LU!
                        Forse a presto, se sa mai.

                        • Gazza scrive:

                          Nel senso che se tu ora innesti in un giovane, o in uno anche meno giovane, la malapianta dell’odio per qualsiasi cosa non venga dalla tua regione, città, quartiere, villaggio, se ti parlano di “radici profonde” in modo categorico e intangibile, del “scemo tuti stessi” (uno vale uno-n.d.G.), che la cultura e la scienza sono un “trucco!?!?”, uno così formattato non lo cambi più, nemmeno di fronte ad una evidenza chiara e contraria.
                          Poi il padre di uno così va a menare il professore di matematica perchè ha dato a suo figlio, insulso, del somaro.

                          >> https://www.youtube.com/watch?v=tiRu03RgSWw

                      1. Gazza scrive:

                        Esempio di “poveri idioti buonisti”, POP ma non pop-ulisti
                        Dice: “… he he… troppo facile in una canzonetta…”
                        Dico: aspetto (ci sono già…) le songs dei cattivisti***
                        Hi guys!
                        >> https://www.youtube.com/watch?v=dsxtImDVMig

                        ***mi raccomando il giubbetto giallo d’ordinanza

                        • chivers scrive:

                          pensavo… ma che razza di versione-arrangiamento eto catà fora… no iè mia i Bitles ‘sti qua!!!!!!!
                          E allora i casi sono due:
                          1) non hai ascoltato minimamente il link
                          2) sono 50 anni che non senti questa canzone in originale
                          https://www.youtube.com/watch?v=CQAP1BobsxA

                          PS: scherzi della vita: alla radio in questo momento stanno trasmettendo “chiedi chi erano I beatles” degli Stadio…

                          • Gazza scrive:

                            Perchè secondo te io l’ho riascoltata, avendo i cowlions che giravano a mille?
                            E’ evidente, ascoltando un’altra versione che la voce NON è di Lennon, dai che lo sai che non sono (purtroppo) meticoloso come te.
                            Mi serviva l’incipit ed è andata così, pertanto mi scuso con tutti i Fan dei Fab Four.

                        • old Friend scrive:

                          Caro Gaz Nino, intanto sono contento di vederti tornato alla scrittura e alla vena riflessiva, mai spenta, vero Maister.
                          Guarda che sono informato… sai di cosa.
                          Qui magari l’hai scritta due anni fa, ma sono passati quasi cinque anni da quella sera al bar dove partendo da questioni di calcio e tifoseria, uscisti fuori borbottando fra te e te.
                          Ti seguimmo solo in due e cominciasti a spaziare da noi, le nostre abitudini ventennali, fino all’altro capo del mondo.
                          Fu difficile seguirti, ma due tre cose più importanti non le ho mai dimenticate.
                          Non so riassumerle ma dovresti ricordarti l’esempio dei cani di Pavlov e soprattutto quell’espressione del Renzo, non una gran mente ma schietto alla sua maniera che ti disse “eee Gaz sito indrio tornar cristian…” finendo la frase con un bestemmione di contrappasso dei suoi!
                          Bon ho scrito anca massa e se te pol, fate vedar qualche volta.
                          Ciao con affetto.

                        1. chivers scrive:

                          Occhei, occhei!!! Tu dammi uno spunto, un’occasione… magari un colore e un indumento…
                          e magicamente appaiono loro!!!!! THE YELLOWJACKETS!!!!! (grandissimo gruppo fusion)
                          https://www.youtube.com/watch?v=CP4uQ2ngrv0

                          Ma cerchiamo ancora nell’archivio, da dove salta fuori questa folksong che parla dell’abbigliamento delle ragazze che in Scozia lavoravano il pesce, ed ecco che “yellow coatie” con piccola licenza diventa il “giubbetto giallo” d’ordinanza…
                          https://www.youtube.com/watch?v=9RcszY0xQTo

                          E adesso… mi dirigo verso il “giallo” o verso il “giubbetto”?
                          Di “giallo” abbiamo ascoalto sottomarini, taxi, strade di mattoni, fiumi, cani, gatti, lune, arcobaleni …. ma ce ne sono due in particolare che mi hanno sempre divertito, mi sono piacioute, sono anche facili da canticchiare, anche storpiandole come si faceva da ragazzetti

                          Questa è la prima e si deve sapere che ci suonano nientepopodimeno che John McLaughlin (chitarra ritmica), John Paul Jones (basso), Paul McCartney (voce), e poi c’entra lo zafferano… insomma…roba del 1967, ci siamo capiti!!!
                          https://www.youtube.com/watch?v=bb3WpOJvsug

                          Questa è la seconda ed è dell’artista che più di tutti + stato «musicista brillante e paradossale, scrittore di testi in bilico fra cronaca vera, sesso esagerato, educazione civica; nel suo mirino memorie anni 60, scabrosi temi del nostro tempo», insomma, il re degli iconoclasti: Frank Zappa! (e certo che si capisce perché non si deve mangiare la neve gialla…..)
                          https://www.youtube.com/watch?v=mpNn1nht0_8

                          ‘bastansa par ancò….. ‘notte!!!

                        Rispondi a Gazza

                        Accetto i termini e condizioni del servizio

                        Accetto i termini sulla privacy

                        *