18
dic 2018
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.508

IL PAGELLONE DI H.VERONA-PESCARA

SILVESTRI 6,5. Molto bene a parte due sbavature però indolori: una su Gravillon in uscita nel primo tempo e una, piccola, nel finale, su un pallone non trattenuto e “coperto” da Marrone. E senza quella parata dopo 2’ su Mancosu innescato da un errore di Dawidowicz non sarebbe stata la stessa partita.

 

RAGUSA 6,5. Disponibile e anche bravo a far diventare vincente l’azzardo di Grosso che l’ha schierato terzino lasciando in panchina Almici e Caracciolo. Fisiologiche le difficoltà nell’uno contro uno con Mancuso (ci mancherebbe per uno che fino a ieri ha fatto l’attaccante) ma per il resto è stato prezioso in un paio di chiusure e ha sempre cercato di rendersi utile, anche rischiando qualcosa in area di rigore per il troppo ardore agonistico. Una vera disdetta l’infortunio. In bocca al lupo.

 

dal 68’ Almici 6. Attento a tenere la posizione in un momento della partita in cui bisognava mettersi a disposizione della squadra.

 

DAWIDOWICZ 5,5. Qualche buona chiusura ma anche tanti svarioni, come il pallone messo sui piedi di Palazzi in area di rigore a inizio ripresa o la prima occasione regalata a Mancosu dopo due minuti di partita. E anche troppi palloni concessi agli attaccanti del Pescara nel cuore dell’area di rigore.

 

MARRONE 5,5. Guarda sul gol di Mancuso e in altre circostanze. Continua a giocare dietro e lo fa con grande dedizione e spirito di sacrificio, ma il suo ruolo resta un altro.

 

EMPEREUR 5,5. Tanto spazio concesso a Marras prima, Palazzi poi e Balzano, perché il passo è quello di un centrale adattato e non di un terzino. Fase offensiva inestistente.

 

DANZI 6,5. Sorprende Kastrati in occasione del gol (il primo da “pro”) dove è stato bravo ad approfittare della libertà che gli concedere la retroguardia del Pescara che lo lascia avanzare e calciare dal limite senza la minima opposizione. Ma convince anche dopo, soprattutto in chiave offensiva. In crescita rispetto a Benevento.

 

dal 75’ Laribi 6. Uno sprazzo dopo lunga assenza: quel pallone per Di Carmine poi finito sul palo.

 

GUSTAFSSON 6. Anche lui meglio di Benevento. Pochi ricami, molto pratico, abbastanza fluido nel giro palla. Però anche poca interdizione e poco filtro davanti alla difesa, specie all’inizio. Nel complesso più utile davanti alla difesa rispetto a quando veniva schierato da interno di centrocampo.

 

ZACCAGNI 7,5. Ha attaccato la profondità, attaccato la porta, è entrato in tutte le occasioni più importanti, ne ha sbagliata una davanti a Kastrati, si è procurato il rigore, ha subito falli su falli e ha pure recuperato qualche pallone. Assoluto trascinatore.

 

dall’85’ Henderson s.v.

 

MATOS 6,5. Cambio di passo e un paio di giocate di livello, specie l’assist con cui mette Lee davanti alla porta al 12’. Rischia molto per una sbracciata non vista su Del Grosso.

 

DI CARMINE 6. Tanta buona volontà ma palo finale a parte in area si fa trovare poco. Bene quando dialoga con i compagni, meno alla conclusione. Il rigore però dà fiducia.

 

LEE 6. Corre tantissimo, creando scompiglio. Però quella stessa indisciplina tattica che lo porta a farsi notare più di altri talvolta può diventare anche un problema, specie quando la sua fase difensiva si limita alla corsa osservando gli avversari. Minelli gli nega un rigore clamoroso dopo un doppio sombrero.

 

GROSSO 6+. Presenta un Verona un po’ più logico, con più gioco in verticale e d’assieme, migliore rispetto a quello rinunciatario e molto fortunato visto a Benevento. Vince la scommessa Ragusa, ma la fase difensiva resta un problema. Sopra ogni altra cosa, però, la continuità di risultati (seconda vittoria consecutiva).

 

MINELLI 5. Un rigore evidente su Lee non visto, diversi interventi da cartellino ignorati (un paio anche da rosso). Gestione della gara rivedibile (molto).

2.508 VISUALIZZAZIONI

4 risposte a “IL PAGELLONE DI H.VERONA-PESCARA”

Invia commento
  1. Angossa scrive:

    Gustafson da 7 pieno.

    Di Carmine almeno da 6.5 come minimo. Seconda partita di fila che assiste con tacco smarcante in area un compagno, quando l’ha fatto Saviola sembrava venuto giù nostro signore gesù cristo.

    Obiettività please.

    1. RobyVR scrive:

      6+ sì ma al cul de Grecchia

    Lascia un Commento

    Accetto i termini e condizioni del servizio

    Accetto i termini sulla privacy

    *